skip to main | skip to sidebar
12 commenti

Samsung e le batterie incendiarie del Galaxy Note 7

Il Galaxy Note 7 ha dei problemi notevoli con la batteria: sono già stati segnalati numerosi casi, circa una quarantina, di incendio spontaneo dovuto a surriscaldamento della batteria che hanno causato danni e lesioni. Il problema è causato da un difetto di fabbricazione di un lotto limitato di batterie.

Associazioni di consumatori, enti per la sicurezza dei trasporti e dei voli hanno invitato gli utenti a non portare a bordo questo modello di smartphone e in generale a smettere di usarlo e ricaricarlo. L’allarme ha fatto perdere a Samsung circa 26 miliardi di dollari in termini di valore di mercato.

L’azienda ha pubblicato la richiesta “a tutti coloro in possesso di un Galaxy Note7, di spegnerlo e di tornare ad utilizzare momentaneamente il telefono precedente all’acquisto, fino alla consegna di un nuovo Galaxy Note7 già prenotato, a partire dal 19 Settembre” (in Italia) o di “spegnere il proprio terminale e di riconsegnarlo al più presto al rivenditore presso il quale l'avevano acquistato [e] contattare il vostro rivenditore affinché possa prestarvi uno smartphone fin quando il nuovo Galaxy Note7 non sarà disponibile.” (in Svizzera) e ha attivato un programma di sostituzione. Chi vuole sapere se il proprio esemplare è a rischio può chiamare il numero verde apposito (diverso da paese a paese). C’è anche una pagina web nella quale gli utenti possono immettere il numero IMEI del proprio Galaxy Note 7, ma non è chiaro se sia utilizzabile per IMEI non statunitensi.

Gli smartphone coinvolti sono circa due milioni e mezzo. Per incoraggiare gli utenti a restituirli per la sostituzione, Samsung ha annunciato che diffonderà (almeno in Corea del Sud) un aggiornamento software che limiterà la capacità di carica della batteria al 60%. La speranza è che questo riduca il rischio di surriscaldamento incendiario e produca un disagio sufficiente a spingere gli utenti più pigri a farsi sostituire il dispositivo.


Fonti: Engadget, Ars Technica.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (12)
Salve Ragazzi,
ma quali problemi e problemi... è tutto un complotto della Xiomi.
Io questo device ce l'ho e vi garantisco che è una bomba!
"disagio sufficiente a spingere gli utenti più pigri a farsi sostituire il dispositivo."

Più che affidarmi al disagio, io confiderei nell'incazzatura :D
Fosse successo ad Apple non immagino la shitstorm che sarebbe arrivata.
Già per problemi molto meno gravi escono meme a raffica.
Per conoscere il proprio IMEI dalla tastiera del telefono

*#06#
"è tutto un complotto della Xiomi. "

Ah, ce n'è anche per la Xiaomi; pare si connetta in automatico ai suoi server e scarichi una app senza interazione nè consenso da parte dell'utente. In più lo fa tramite una normale connessione http non criptata, per cui chiunque abbia le giuste competenze può iniettare qualsiasi cosa nello smartphone semplicemente nominandolo in un certo modo (è l'unico controllo che viene fatto dal SO o_O)

"Io questo device ce l'ho e vi garantisco che è una bomba!"

LOL :D
Mah fossi Musk mi chiederei se per caso un Note7 è stato lasciato per errore da un tecnico sul Pad40, giusto vicino al secondo stadio....
Ventisei miliardi? Perbacco...
Secondo me l'unico modo serio e' prima avvertire l'utente pigro (ma io direi stupido) e poi disattivare il cell con un comando OTA.
Scusate la parentesi, è normale che vedo lo spazio dei commenti solo da Explorer, che pure a sua volta mi manda su un altro link?

Grazie Stepan,
non lo sapevo della Xiomi, ne ho citata una a caso giusto per fare la battutaccia da commenti memorabili, per la quale tra l'altro mi scuso. Era penosa :)
"Scusate la parentesi, è normale che vedo lo spazio dei commenti solo da Explorer, che pure a sua volta mi manda su un altro link? "

Credo sia per il fatto che è costituito da un frame separato, la soluzione per me che accedo con un account Blogger è fare il login da Google, quindi ricaricare la pagina del blog di Paolo nella quale voglio lasciare il commento: a quel punto il box dei commenti è visibile ed attivo.
@Max Slo

beh, dai...

Diciamo che avevi le mutande in fiamme.
Urgentissimo: "Ventisei miliardi? Perbacco..."

Di capitalizzazione, non di soldi "veri". Apple ha perso una trentina di miliardi dopo la presentazione di iPhone 7, ma è un dato "scemo" perché non solo ha riguadagnato tutto ma è andata ben sopra. Allo stesso modo anche Samsung sta risalendo.

Questo dato è semplicemente uno spot ad effetto per tirare un po' di cacca su Samsung. Non a caso arriva da ovest, come Apple :)