skip to main | skip to sidebar
38 commenti

MacBook Pro contro Surface Studio: le novità di Apple umiliate da quelle di Microsoft

Sembra il classico video promozionale di un prodotto Apple, fino al momento in cui compare il marchio Microsoft. Lo spot di Microsoft Surface Studio, un computer con schermo tattile immenso e un design elegantissimo, ha messo completamente in secondo piano le novità presentate pochi giorni fa da Apple per i propri portatili.

Sì, Apple ha presentato i nuovi MacBook Pro, più leggeri e compatti, con processori aggiornati, nuovi schermi, un lettore d’impronte digitali e soprattutto con la Touch Bar, una striscia OLED a colori, sensibile al tocco, che sostituisce la fila di tasti funzione e visualizza icone e funzioni differenti in base al contesto, con mille possibili applicazioni. Ma si tratta di affinamenti e gadget, non di grandi novità. Microsoft Surface Studio è un’altra storia.



È un’altra storia perché non capita spesso di associare un wow ai prodotti Microsoft, il cui design è di solito molto prudente e passa inosservato; ma un computer da tavolo con uno schermo touch da 28 pollici ultrasottile con una risoluzione di 4500x3000 pixel, che si può inclinare come un leggio, in posizione perfetta per disegnare, o disporre verticalmente in maniera più tradizionale, un wow se lo merita. Il confronto con l’iMac di punta di Apple è inevitabile: l’iMac è leggermente più piccolo (27 pollici), ha una risoluzione orizzontale maggiore (5120x2880), ma non è touch, e per chi fa grafica questo è fondamentale.

Ciliegina sulla torta, c’è anche il Surface Dial, una sorta di manopola wireless personalizzabile che consente in modo intuitivo e veloce di scegliere una tavolozza di colori, regolare il volume, ruotare un oggetto disegnato sullo schermo o far scorrere una pagina. Insieme allo stilo con 1024 livelli di sensibilità alla pressione, il nuovo Surface Studio è un sogno per qualunque artista grafico.

Certo, il design e le prestazioni implicano un costo non trascurabile (da 3000 a 4200 dollari), ma la compatibilità completa con le applicazioni per ufficio di Microsoft probabilmente consentirà a questa fuoriserie informatica di fare bella figura sulle scrivanie di tanti manager e artisti che vogliono combinare l’estetica con la funzionalità.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (38)
Mi sembra che il punto fondamentale, Paolo, non sia tanto la compatibilità con Office menzionata nell'articolo ma il fatto che le principali applicazioni d CAD non sono compatibili con OSX (e Linux).

Per me, utente Mac (per ragioni di ambiente in cui ho lavorato) questo è un GROSSO problema, che mi ha costretto a comprare un computer Windows esclusivamente per questo. Il che mi costringe ogni tanto - non sono un disegnatore ma devo usare Inventor e SolidWorks lo stesso, periodicamente - a cambiare computer e riadattarmi alla diversa interfaccia, il che costa impegno mentale e tempo.

Non ho mai capito esattamente cosa abbia determinato questa asimmetria ormai endemica, ma ormai è così e MS ha deciso mi sembra di sfruttarla creando un prodotto dedicato al design.
Apple ha già fatto quel che gli americani chiamano "the jump of the shark" nel 2015, ovvero un'annata fiscale strepitosa senza però essere dovuta a novità ma solo al branding e all'apertura al mercato cinese.
D'altro canto, Microsoft ha recentemente aggiornato Windows 10 con la possibilità di usare la Shell di Linux, che per i programmatori è una chicca. Inoltre da quando ha iniziato a produrre il proprio hardware (Surface, per esempio) anche gli altri produttori hanno cominciato a percorrere strade nuove (all-in-one, 2-in-1, ecc.) con più attenzione ai dettagli, à la Apple.
Lenovo aveva già sperimentato la sostituzione dei tasti funzione con il touch, sebbene più rozzamente. È stato un flop. Inoltre togliendo le uscite video più diffuse e senza opzioni per schede SD, i nuovi Mac Pro non saranno affatto simpatici all'esercito di fotografi che contavano su questo rinnovo della linea di prodotti (dopo 4 anni!).
La forza di Apple si trovava nella volontà di Steve Jobs di semplificare la linea di prodotti, non di togliere funzionalità ai prodotti e moltiplicare questi ultimi. In quel mondo, il walled garden Apple aveva anche un senso, ma ora è un altro fardello che, assieme a una politica attendista, sta mortificando un'azienda che (sebbene non avesse le mie simpatie) aveva mostrato di saper portare l'innovazione sul mercato.
Ciao Paolo. Solo un piccolo appunto: i processori dei nuovi Macbook non sono "nuovi", ma appartengono alla classe Skylake, quindi Core di 6° generazione. Già da qualche settimana HP ha messo in vendita i suoi notebook con processori di 7° generazione. Purtroppo Apple non è più l'avanguardia dell'hardware disponibile.
Chi in informatica ancora si stupisce per un qualcosa che non sa se essere carne o pesce è proprio uno sciocco…
@Francesco Varrato, sulla rimozione della SD secondo me hai ragione, sulle uscite video, vero che ti devi dotare di migliaia di dongle o cavi adattatori, però in realtà hai 4 porte universali, connettore usb-c che trasporta corrente, thunderbolt, usb, displayport (e quindi anche dvi, hdmi e vga)
Quello che mi sta piacendo me è semmai l'eccessiva semplificazione, che sta portando (e vale anche per i surface eh) queste macchine ad essere dei gloriosi tablet con tutta la componentistica saldata.
Al mio vecchio macbook pro nei suoi 7 anni di vita, ho cambiato il disco per una ssd, upgradato la ram, tolto il lettore dvd per un secondo hard disk, e devo cambiarci la batteria adesso. questi qua nascono e muoiono come il giorno che li compri.
Ma solo a me la barretta al posto dei tasti funzione sembra una stronzata?
Spettacolo.
Manca un buon designer che ritocchi quel logo uscito dagli anni 70 e siamo a posto. ;)
Non ho mai capito esattamente cosa abbia determinato questa asimmetria ormai endemica

Secondo me concorrono molti fattori e alcuni che partono dal passato.

Il minor costo dei pc MS, la possibilità di poterseli assemblare e... la pirateria informatica.

Gli Apple sono sempre costati molto. In passato il maggior costo era pienamente giustificato da prestazioni e innovazione senza pari.


Non era però possibile assemblarsi un Apple. Non esistevano gli "Apple compatibili".

In un pc assemblato si mette solo ciò che ti occorre.
In un prodotto "preconfezionato" sei costretto a fare compromessi. Per esempio ti può servire un grande hard disk ma non hai bisogno di potenza, però sei costretto a spendere di più e prenderti un pc troppo potente oppure a rinunciare al grande hard disk.

Microsoft, dal canto suo, non si è mai sprecata a colpire i privati (e devo dire è stata poco incisiva anche con le aziende: controlli della GdF ne abbiamo avuti ma mai si sono interessati alle licenze, ammenoché non sapessero a priori che noi eravamo in regola) o rendere difficile la copia del suo sistema operativo.

Lo stesso accadeva per i software per uso professionale. Autocad e Archicad, giusto per citarne due, erano facilmente reperibili.

Nelle università giravano delle "collezioni" di CD che contenevano questi software. Una di queste raccolte si chiamava Twilight se non ricordo male.

Lo studente che aveva difficile accesso ai laboratori e pochi soldi si assemblava il pc e si installava questi software e... imparava a usarli.

Una volta laureato andava poi a comprarsi quegli stessi software, non piratati stavolta, perché usati nel suo studio.

Tutti gli ingegneri e i tecnici che conosco (e sono tanti per via del mio lavoro) hanno fatto così.

Ovviamente questa è solo la mia esperienza e non potrei portare dei numeri a dimostrazione di quanto dico ma mi piacerebbe sapere se è simile ad altre se io ho vissuto in una "realtà parallela" :-)
Quei due bracci dietro con quella base hanno un design (se si può usare questo termine) osceno. Solo Mic***oft poteva fare un obbrobrio del genere.
Anche il mouse rigonfio a collinetta, fa letteralmente pena, ma a quello, in casa wi***ws ci si è abituati.
Ci si dimentica di un brevetto apple (credo del 2008) in cui si prevedeva un imac identico al Microsoft Surface Studio, e che Jobs non volle sviluppare per tanti motivi (lo schermo touch non è la panacea... Si sporca con niente, i software devono 'riconoscerlo' per poter rendere al meglio, mentre si disegna si copre il resto dell'immagine con il proprio corpo, e persino la manopolina di MS serve a poco se i vari programmi di grafica non modificheranno i loro software in modo che diventi utile... E bisognerà aspettare gli aggiornamenti, e bisognerà pure comprarli per rendere utile quel tool. Da questo punto di vista la barra o-led potrebbe essere più pratica perché potrebbe svolgere molte funzioni dell'OS (qualcuno usa più i tasti funzione tradizionali?) senza bisogno di attendere che software di terze parti vengano aggiornati per supportarla.
Quando al mondo dei professionisti, da quanto leggo in giro, non c'è tutta questa eccitazione per il Microsoft Surface Studio. Molti usano un MacPro con la Cintiq, o magari una workstation Windows con la Cintiq. Soluzioni che costano - per certi versi - meno del nuovo all-in-one di MS, ma che offrono maggiori capacità di connessioni con dispositivi esterni.
E per quanto riguarda i MacBook Pro nuovi, davvero i professionisti non saranno attratti dal fatto che questi portatili possono pilotare fino a 4 display 4K o due in risoluzione 5K. Chi fa grafica, montaggio video, e quant'altro, a mio parere, sarà molto più interessato del 28" di MS.

Il Microsoft Surface Studio rimane comunque un'ottima macchina, eh? Il design non è pulitissimo a causa dei cinematismi per piegare il monitor, però è davvero un bell'oggetto con un hardware notevole. E notevole è il prezzo, che al massimo delle dotazioni supera l'iMac al massimo delle 'sue' dotazioni di quasi un millino di euro.

Complimenti a MS che sta cercando di cambiare volto alla sua società, e a mio parere sta percorrendo la strada giusta. Il mondo 'surface' è davvero notevole. E anche il sistema operativo è cresciuto parecchio. E' poi un peccato che l'interfaccia a tiles non sia piaciuta perché era una vera e propria rivoluzione.

A mamma Apple bisognerebbe dare uno scappellotto bello forte. Ok, aggiornare i portatili era necessario, ma anche le macchine desktop stanno diventando un po' vecchiotte. Il mini credo che sia dal 2012 che non viene ritoccato. il MacPro idem, giusto l'iMac è stato rinfrescato in tempi più recenti, se non ricordo male.
Assurdo dover usare un adattatore per collegare l iPhone
Purtroppo i 1024 livelli di pressione non sono paragonabili ai 2048 di un display tipo il Cintiq, che rimarrà sempre la scelta del professionista della grafica. Questa di Microsoft la vedo più per chi fa 3D o disegni più tecnici.

Un pc comunque molto interessante.
Lucac: ho un vaio del 2007. Lo uso ancora, non è questione di Apple...
lucac81,

Da quello che ho potuto capire googolando in giro, il PC vero e proprio sta nella base, non nello schermo. Se tanto mi dà tanto, leggendo le varie configurazioni hardware possibili, dovrebbe essere possibile sostituire l'hardware "di consumo" e upgradarlo come un comune portatile.

Bisognerebbe smontarlo per esserne sicuri... chi si offre? :)
Anzi... riguardando video dell'implosione sembra proprio che sia un normale PC con una scheda madre supercompatta.
Maurizio,

grazie della precisazione, ho corretto.
pgc,

osservazione giustissima sul mondo CAD, grande assente dei Mac.
Microsoft ha presentato anche dei visori in realtà virtuale, a questo proposito rinnovo il mio suggerimento a Paolo Attivissimo di provare un visore VR attualmente in commercio, l'HTC Vive, che è davvero quanto di più vicino all'holodeck ci sia attualmente. E' fantascienza pura, non puoi lasciartela scappare ;-)
Il computer di Microsoft merita un wow, non c'è dubbio, solo che è un prodotto.... di nicchia, assai di nicchia: nella vita di un utente normale non ti servirà mai fare quel casino col monitor, tra touch e inclinature varie (già tanto se all'utente medio serve un pc fisso). Un bel computer che servirà a qualche professionista di settori specifici

Comunque, tanto di cappello, ci hanno provato.

Discorso Apple: cavolo, il nuovo macbook pro è proprio bello, di certo non innativo sotto certi aspetti, insomma è un bel update del vecchio macbook pro: più sottile, più potente, più luminoso, tastiera migliorata, trackpad migliorato... figaggine touch bar inserita ... gran bel computer, ma nulla di rivoluzionario. Ma la domanda è: come rivoluzioni un portatile? Beh, non è facile rispondere a questa domanda, soprattutto Apple non può fare cose tipo portatile che diventa tablet insieme, perchè brucerebbe gli ipad.. cmq, buon prodotto

la cosa che mi ha lasciato allibito è la mancata presentazione di nuovi iMac, quello veramente è stato preoccupante e scioccante: mi chiedo che cosa vogliano fare in casa Apple a riguardo, capisco che il settore non traini più, ma se non rinnovano la gamma, andrà solo che peggio
Vediamo se dopo un anno di utilizzo, bisognerà fare anche su questo il famigerato "formattone"!
@Santino83 il fatturato di Apple proviene per il 94% da iPhone, iPad e iTunes. Credo sia normale allontanarsi dal segmento "professionale" e di conseguenza una software house perché dovrebbe investire risorse nel porting di una soluzione che si rivolge ad una piattaforma che ad oggi vale il 6% del mercato comprendendo il settore consumer?
Che percentuale di quel 6% potrebbe essere interessata ad un cad? Onestamente poco o nulla.
Secondo me a breve termineranno anche la produzione degli iMac a favore di enormi ipad con tastiera (ovviamente ARM e non più x86).

Tornando al Surface Studio, è un prodotto di nicchia per i creativi che oggi sono costretti a prendere la cintiq a 2500€ più un bel PC più un secondo monitor.
Il Surface Studio fa le stesse cose allo stesso prezzo (anzi forse costa meno) e in uno spazio ridottissimo.
Non lo hanno prodotto per noi comuni utenti e per usarlo in casa.
Mi chiedo quanto costi creare un nuoco pc tipo il surface pro o aggiornare l'hardwarte di uno esistente.

Per le auto le cifre le ho sempre sentite in giro (tra l'altro cifre altissime tra progetto, sviluppo e realizzazione) ma per i pc, tablet e smartphone non ho mai sentito nulla.
Fa gola sì... ma mi accontento del mio Gimp :-) D'altra parte se la Microsoft vuole riprendere un po' di credibilità deve iniziare a proporre dei prodotti eccellenti, sebbene l'idea ci sia penso che bisognerà aspettare per capire se vale tutti i 3000 \ 4200 dollari...
Bel prodottino il Surface Studio, non è però specificato quanta parte della memoria di massa sia su SSD e quanta sul tradizionale Hard Disk, si legge solo "1 TB hybrid storage".
Per risparmiare qualcosa, aspetterò la versione senza Windows preinstallato :D
Visto così è una banalissima scheda micro-itx. L'unica cosa che mi lascia perplesso sono le schede grafiche, una normale scheda pci-e là non ci entra. Ora, le GPU Intel non sono malissimo, ma una scheda dedicata è comunque meglio.

Poi vabbè, ci sono quelli a cui fa schifo tutto quello che non è Apple, senza pensare che "l'orribile mouse" è pensato per essere ergonomico e non bello.
E dopo che Apple uscì con quei maledetti mouse a dischetto da hockey non ha più fatto un mouse comodo.
Nota, quei mouse causavano tendiniti e altri problemi...

Ben venga la collinetta
La poca diffusione dei CAD su Mac dipende sia dal costo del computer sia dal fatto che il mac era un prodotto con quote di mercato risibili.
@Il Lupo della Luna, lì dentro c'è una Nvidia GTX 965M o una 980M (nel modello più costoso), le varianti per notebook e All-in-One delle GPU che trovi sulle schede PCIe. E probabilmente sono saldate sulla scheda madre, purtroppo.
Ma la canzone di sottofondo del video non è cantata da Fiona Apple? Solo io ci vedo una sonora presa il...?
Direi che questa immagine riassume tutti i nuovi prodotti apple. E questo articolo spiega come saranno i prossimi.
Con 1024 livelli di pressione però è inutile per fare grafica. Questa è una funzionalità touch "da ufficio", non da professionista.
Danilo,

no, non è Fiona Apple. È Stephanie Tarling.
Il testo della canzone:

Come with me and we'll be
In a world of pure imagination
Take a look and you'll see
Into your imagination
We'll begin with a spin
Traveling in a world of my creation
Look and see
We'll defy explanation

[Chorus]
If you want to view paradise
Simply look around and view it
Anything you want to, do it
Want to change the world?
There's nothing to it
There is no life I know
To compare with pure imagination
Living there you'll be free
If you truly wish to be

[Chorus]
There is no life I know
To compare with pure imagination
Living there you'll be free
If you truly wish to be
@ Massimiliano Zecca

Articolo davvero molto interessante.
A chi si lamenta che il surface studio non è da "utente normale" chiederei di guardare il cartellino del prezzo di un MacBook Air o di un iMac di fascia alta ;)

O di un bel pc da gamer.
@Paolo grazie!
A mio avviso la rivoluzione di Apple, mostrata nell'ultimo evento, è l'aver tolto tutte le porte tranne Thunderbolt3 con compatibilità USB-C.
Come per altri passaggi cruciali si prende il rischio di forzare la mano al mercato mettendolo di fronte ad un fatto compiuto. Grossa scommessa. Ma forse l'unico modo per far partire uno standard che Intel rende disponibile nei suoi processori ma che rischiava di restare lettera morta. Se, come è stato in altre occasioni, vincerà questa scommessa, avremo in giro un nuovo standard che, sulla carta, sembra l'ideale per costruire stazioni professionali in cui Apple fornisce solo il cuore, lasciando a terze parti i monitor, gli accessori, le schede grafiche collegate via Thunderbolt3 e tutto quello che il mercato saprà proporre. Vedremo :)
e' wow per chi non ha mai visto una wacom e una SGI.
La tavoletta grafica con lo schermo da 27" la potete cmprare da un eone circa e funziona con pc di qualsivoglia fatta (portatili compresi)
Beh, è un solo dispositivo e non due, e una Sgi forse di 10 anni fa, perché ora un tablet a momenti è più potente di una Onyx. Sicuramente il mio i3 a 3 GHz + GeForce 750 ha più potenza di elaborazione..