skip to main | skip to sidebar
11 commenti

Cose informatiche da fare a Natale (o prima di Natale)

Capita sempre più spesso di fare acquisti natalizi su Internet, e così la società di sicurezza informatica Sophos ha pubblicato un promemoria in dodici punti su come tenersi in sicurezza durante le feste. Ecco un assaggio dei temi principali.

Pulizia delle password. La pausa di Natale è una buona occasione per fare riordini di vario genere. Magari ci sta anche quello delle password, che devono essere differenti per ciascun sito, per evitare che un sito violato permetta a un criminale di rubarvi tutti gli account. Non è difficile, se usate un password manager che crea e si ricorda per voi tutte le password usando codici complicatissimi.

Aggiornamenti. Se ricevete in regalo qualche dispositivo digitale che si connette a Internet, per prima cosa aggiornate il suo software, per evitare che s’infetti. Fatelo subito.

Cambiate le password predefinite dei nuovi dispositivi. Molti dispositivi che potreste ricevere come regalo hanno delle password standard che sono note a tutti i malandrini della Rete: cambiatele, dunque, prima di affacciarvi a Internet. La raccomandazione vale in particolare per telecamerine di sorveglianza, monitor per bebè, televisori, lettori DVD e Blu-Ray, console di gioco e decoder TV.

Lucchetti nello shopping. Se andate su un sito a fare acquisti, controllate che accanto al nome del sito, nella casella dell’indirizzo del browser, ci sia un lucchetto chiuso: indica che la connessione al sito è cifrata e che nessuno può intercettarla per leggere i dati della vostra carta di credito.

Attenzione alle false mail degli spedizionieri. I criminali informatici in questo periodo sanno che stiamo ricevendo tanti regali per posta o tramite spedizionieri, per cui hanno avviato campagne di ransomware e rubapassword basate su mail che sembrano provenire dalle Poste o simili e sembrano annunciare l’arrivo di un pacco, sapendo che molti utenti si aspettano mail di questo genere e quindi le apriranno e soprattutto ne apriranno gli allegati infettanti.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (11)
"Attenzione alle false mail degli spedizionieri"

A questo proprio non avevo pensato, e probabilmente mi avrebbero fregato. Grazie
Usare l'account Google per augurare buone feste a Paolo alla sua famiglia e a tutti gli amici del disinformatico
Mia integrazione.

Fermarsi a riflettere sul mistero del dio che viene a condividere la nostra finitezza invece che dare direttive dall'altro del suo Trono.

Fare gli auguri agli amici.
I miei sono qui di seguito. I vecchi lettori noteranno che li ho già postati anni fa. Che volete farci, con l'età si diventa abitudinari.
Buon Natale, amigos.

“...Uscendo, Peppone si ritrovò nella cupa notte padana, ma oramai era tranquillissimo perché sentiva ancora nel cavo della mano il tepore del Bambinello rosa.
Poi udì risuonarsi all'orecchio le parole della poesia, che oramai sapeva a memoria. "Quando, la sera della Vigilia, me la dirà, sarà una cosa magnifica!" si rallegrò. "Anche quando comanderà la democrazia proletaria, le poesie bisognerà lasciarle stare. Anzi, renderle obbligatorie!".
Il fiume correva placido e lento, lì a due passi, sotto l'argine, ed era anch'esso una poesia: una poesia cominciata quando era cominciato il mondo e che ancora continuava. E per arrotondare e levigare il più piccolo dei miliardi di sassi in fondo all'acqua, c'eran voluti mille anni.
E soltanto fra venti generazioni l'acqua avrà levigato un nuovo sassetto.
E fra mille anni la gente correrà a seimila chilometri l'ora su macchine a razzo superatomico per fare cosa? Per arrivare in fondo all'anno e rimanere a bocca aperta davanti allo stesso Bambinello di gesso che, una di queste sere, il compagno Peppone ha ripitturato col pennellino."

(Giovannino Guareschi)
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Grazie, martino!
A proposito di "Lucchetti per lo shopping" (ma pure home-banking, casella mail e servizi cloud) il nuovo Chrome/Chromium, versione 55, dopo il lucchetto mette la parola "Sicuro", tanto per chiarire che il sito ha una certificato, e che l'indirizzo esteso inizia con https.
[by Faber vecchio]

martinobri
Fermarsi a riflettere sul mistero del dio che viene a condividere la nostra finitezza invece che dare direttive dall'altro del suo Trono.

Cosa c'entra Matteo Renzi con il Natale?

Scusate, non ho resistito :-)

Grazie degli auguri :-)
Mi permetti di pubblicare questa pagina sul mio diario su Facebook, citando - ovviamente - la fonte?
Tra le varie cose aggiungerei anche quella che è successa a me l'altro giorno. Mi è arrivato un SMS (ripeto SMS) da "poste italiane" con un link da aprire perchè secondo questo messaggio la mia carta postepay era stata bloccata per sicurezza. Il link era una pagina NON di poste italiane ma assolutamente uguale dal punto di vista grafico. L'unica cosa che sembrava essere funzionante era la parte del login, tutti gli altri bottoni del sito non era cliccabili ma erano banali immagini. I delinquenti si aspettavano che facessi login.... gli è andata male.
Unknown,

certamente!
Grazie Paolo, fatto.
https://m.facebook.com/home.php?s=1596353479&sstr=10209960614804082&stype=s&postid=10209960614804082&gfid=AQAhGL8MktE93dkn&ref=m_notif&notif_t=feed_comment_reply&_rdr.

Maurizio Palma