skip to main | skip to sidebar
16 commenti

Antibufala: Avril Lavigne morta e sostituita da una sosia!

Il mondo della musica è ricco di leggende e di storie strane. Poche, però, sono bizzarre come quelle che raccontano che un artista è morto ed è stato segretamente rimpiazzato.

Era già successo decenni fa per Paul McCartney dei Beatles, che secondo i teorici di questa cospirazione sarebbe morto negli anni Sessanta in un incidente d’auto e sarebbe poi stato sostituito di nascosto da un musicista che aveva sembianze molto simili, perfezionate con un intervento di chirurgia plastica. Come facesse questo sosia ad essere anche bravo a suonare e ad avere la stessa voce di McCartney non è mai stato spiegato.

Adesso è (di nuovo) il turno di Avril Lavigne. Come racconta il Guardian, circola dal 2005 ma è riaffiorata di recente la teoria, diffusa su Internet, che Avril Lavigne sia stata sostituita da una sosia di nome Melissa nel 2003. Melissa era la controfigura dell’artista all'inizio della sua carriera. Ma Avril Lavigne sarebbe morta (non si sa bene quando) e la casa discografica avrebbe dato a Melissa l’incarico di sostituirla a tempo pieno.

Le presunte prove di questa sostituzione sono, come al solito, solidissime (si fa per dire): sono il fatto che Avril portava i pantaloni ma Melissa predilige le gonne, o differenze nel viso attuale rispetto alle fattezze di una quindicina d’anni fa (perché nel mondo del complottismo la gente non cambia mai fisionomia quando cresce o invecchia), oppure allusioni nascoste nei testi delle canzoni, come in Slipped Away, perché viene detto che “il giorno che sei scivolata via è stato il giorno che ho scoperto che non sarei stata più la stessa” (“The day you slipped away was the day I found it won’t be the same”).

Il Guardian cita anche altre teorie di sostituzione che riguardano Taylor Swift (che sarebbe il clone di una sacerdotessa satanica) e Beyoncé (che sarebbe un clone piazzato dagli Illuminati o dalla massoneria). Posso capire, umanamente, le teorie che sostengono che un artista molto amato non sia morto e sia ancora in vita segretamente: è difficile accettare la morte di una persona che si venera. Ma quelli che sostengono queste sostituzioni sono, per me, incomprensibili nella loro arroganza di aver capito qualcosa che gli altri, chissà perché, non riescono a cogliere.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (16)
Il sosia di mio cuggino mi ha detto che una volta è morto
Ma questo è niente! Ho letto di un giornalista informatico e cacciatore di bufale che viveva in Inghilterra, dove è morto schiacciato da un frammento di Nibiru in un cerchio del grano (ecco cosa sono, bersagli!).
Blogspot, per non perdere pubblico, lo ha sostituito con un sosia con uno stile di scrittura simile. Solo che il sosia viveva in Svizzera e non voleva trasferirsi, allora hanno inventato un cambio di residenza per ragioni fumose, e voilà, la gente crede di leggere i suoi articoli ma non è più lui!
Aspetta, come si chiamava? Ah, si Paolo Attiviss... OPS
Le storie su McCartney sono molto curiose, frasi nelle canzoni, copertine dei dischi ecc... Ma qualche anno fa la rivista Wired ha pubblicato un'analisi di un medico legale, Gabriella Carlesi, e uno specialista in analisi del computer, Francesco Gavazzeni. Se provare a fare una ricerca in internet, trovarono diverse anomalie fisiche che riguardavano McCartney...quindi non frivolezze ma in teoria prove (solide?). Che ne pensate?
Avril è ormai immortale, almeno nelle mie orecchie (tra l'altro canta in un inglese pressoché impeccabile).
Se poi la "fatina rock" non si fa sentire da qualche tempo, saranno affari suoi.
Nucleo:

il problema sono sempre le fonti.

Mai una volta che vi sia un esperto qualificato, uno studioso importante, con un prestigio accademico da difendere, che portino prove a sostegno.

Il problema, però, è che questo non succede solo nella diffusione di teorie complottistiche.

E' un modo di procedere che ha molto spazio anche nei media tradizionali.

Ad esempio, quante sono le persone che non credono nell'effetto serra e sono convinte che si tratti non di una teoria scientifica ma di una bufala?

Parecchie.

Molta stampa dà credito a questa tesi e la diffonde attivamente.

La cosa notevole, però, è che questa stessa stampa porta in palmo di mano la scienza quando fa affermazioni in linea con la sua visione del mondo.

Si può obiettare che la scienza è una e non si può accoglierne gli esiti solo quando ci aggradano, ma le cose stanno così.

E questa confusione è favorita dal fatto che gli argomenti controversi sono parecchi (il ruolo e l'importanza dei geni, per citarne uno).
È incredibile come la gente abbia un forte desiderio di credere in qualcosa. Nonostante ci sia un ateismo (di comodo) "dilagante". Le dicerie su Avril morta (come su Paul McCartney) alto non sono che l'altra faccia della medaglia che vuole che Elvis sia ancora vivo.
Purtroppo, quello che è giustificato è il sospetto verso gli organi di comunicazione e verso le informative dei diversi governi.
Il Patto di Fiducia tra cittadini e governi dovrebbe essere considerato "sacro" (ecco perché l'ho scritto in maiuscolo), perché un popolo che non ha fiducia e non crede a ciò che dice chi li governa (purtroppo giustificatamente) è un popolo difficile da governare, riottoso a certe regole, astioso verso i potenti molto più di quanto naturalmente dovrebbe, sospettoso su tutto e ribelle anche in maniera insensata. E questo non è un bene.

Purtroppo, dico, anche se le persone sbagliano nel non seguire certe indicazioni, è anche vero che i motivi profondi per non credere in ciò che dicono i politici ci sono tutti.
Quindi, in qualche modo, anche questa è una forma di "ateismo" nei confronti di chi governa uno Stato che non viene ritenuto più autorevole, anzi, COMPLICE per suoi interessi personali con altri poteri e (come ben sappiamo) molte volte sono veri.
Dove voglio arrivare?
Che dire la verità, essere limpidi con i propri cittadini, è sicuramente difficile, in molti casi la segretezza appare essere ineludibile, per proteggere il proprio Paese da attacchi di tutti i tipi che possono venire dall'estero, ma anche dall'interno dello stesso Paese. Eppure, ciò non toglie che il ricorso alla menzogna sia ben più ampio di quanto la sicurezza nazionale richieda, in moltissimi casi serve solo per miseri ritorni elettorali.
Ebbene, ciò ha ripercussioni gravissime sulla società e questo va detto chiaramente.
Per una nazione è più facile svilupparsi se c'è fiducia tra tutte le parti in gioco. Questo per me è il grande tema, questo è il motivo per cui all'estero, per esempio, non c'è bisogno di obbligare nessuno a fare i vaccini. Non perché all'estero siano meno creduloni, o più intelligenti, o più acculturati/informati, semplicemente perché ripongono in chi li governa una maggiore fiducia.
Nucleo, anche a me è sembrato un approccio perlomeno più realistico che cercare tracce nelle copertine dei dischi e nelle canzoni. Il problema è che si sono basati su due foto.
Jotar, non avrai sbagliato articolo? Non penso che siano i governi a dichiarare che Avril è viva...
@Leonardo

Infatti questo è uno dei casi in cui casca a fagiolo il celebre aforisma attribuito a Chesterton:
"When a man stops believing in God he doesn't believe in nothing, he believes in anything."
Mi chiedo se l'[uomo], una volta messo fra parentesi quadre, ha più bisogno di credere in qualcosa che appare assurdo o se ha più bisogno di non credere in qualcosa che appare ovvio.
A volte basta chiederso come si dovrebbe procedere in dettaglio in un operazione di sostituzione di persona per capire come sia "difficile" (eufemismo) farlo.

Prendiamo il caso di Avril Lavigne.

Supponiamo il caso con meno implicazioni, cioè, che venga trovata morta dal suo agente o dall'AD della sua casa discografica.

Dovremmo anche supporre che sia stata prevista la possibilità che Avril morisse e che si fosse già predisposto un piano di emergenza.

Se così non fosse si dovrebbe trovare in poche ore:
- un chirurgo plastico compiacente;
- una squadra di supporto: l'anestesista, infermieri ecc;
- una sala operatoria: non puoi certo andare in ospedale perché ci sarebbe troppa gente che potrebbe scoprire il tutto;
- tutte queste persone, dal chirurgo all'infermiere dovrebbero essere senza famiglia (vedremo dopo il perché ma si può intuire :-) ).

Ammesso che si riescano a trovare le persone giuste, come si fa con le attrezzature per la sala operatoria, le compri su Amazon con il servizio di consegna rapida mediante drone?

Dopo l'operazione, come fai a mantenere il segreto per anni? Ovviamente eliminando tutti i testimoni. E qui torna utile che siano senza famiglia.

Come lo fai? Sarebbe meglio di persona.

Ammesso che si riesca a fare il tutto, ciliegina sulla torta, ma chi è il fesso che nasconderebbe allusioni nelle canzoni col rischio di svelare il segreto?!?!?
Siete miscredenti, la stessa sorte é toccata anche a Claudio Baglioni, leggere per credere http://60if.proboards.com/thread/2717
@Unknown
Siete miscredenti, la stessa sorte é toccata anche a Claudio Baglioni,

Il miscredente sei tu.
Quello falso non è il Baglioni attuale ma quello da giovane!

STUDIA!

Non so cosa c'entri ma spesso lo leggo quando litigano per queste cose :-D
Ma la sosia che ha sostituito l'originale, che fine avrebbe fatto?
@Guastulfo (Giuseppe)

tutte le grandi società hanno e tengono aggiornato un "manuale di crisi"