skip to main | skip to sidebar
5 commenti

Serve per caso un’allerta asteroide?

Capita spesso che i giornali generalisti lancino allarmi acchiappaclic a proposito di asteroidi che starebbero per “sfiorare” la Terra. Ma se volete un punto di riferimento serio per questo tema, lasciate perdere i generalisti: c'è un servizio apposito realizzato dagli esperti dell’Unione Astronomica Internazionale.

Il servizio si chiama Minor Planet Center (www.minorplanetcenter.net) e offre notizie verificate appunto dagli astronomi di tutto il mondo a proposito degli asteroidi che vengono scoperti nelle vicinanze (si fa per dire) della Terra.

Grazie al Minor Planet Center è possibile ricevere informazioni puntuali sia via mail (iscrivendosi qui) sia via Twitter (@MinorPlanetCtr), ma occorre interpretare il codice usato da questi avvisi. C’è in particolare la parola harmlessly, che ricorda che si tratta di passaggi innocui, e c’è la sigla LD, che sta per Lunar Distance (distanza lunare, o meglio distanza Terra-Luna, pari a 384.402 km) ed è l’unità di misura usata per indicare la distanza degli asteroidi dalla Terra.

In altre parole, un asteroide che passa a 1 LD dalla Terra passa a una distanza pari a quella della Luna e c'è da preoccuparsi lievemente soltanto quando l’avviso parla di 0,1 LD o meno, perché vuoi dire che l'asteroide passa nelle vicinanze delle orbite dei satelliti geostazionari per telecomunicazioni, che stanno a circa 36.000 km. Le probabilità che uno di questi asteroidi si scontri con un satellite sono comunque infinitesimali (lo spazio è grande) anche a questa distanza.

Se vi serve un’altra risorsa di pronta allerta, c’è l’International Asteroid Warning Network, la cui sigla, nonostante il tema potenzialmente catastrofico, è ironicamente IAWN, che in inglese si pronuncia come yawn (sbadiglio).
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (5)
Praticamente la LD è la AU in formato "mignon"! :)
Ti consiglio anche quest'interessantissimo sito, molto ben fatto (e molto inquietante) dove sono presenti tutte le situazioni di allerta di qualunque tipo in tutto il mondo: vulcani, terremoti, maremoti, emergenze umanitarie, asteroidi, ecc...
http://hisz.rsoe.hu/alertmap/index2.php
Scorrendo la lista dello IAWN mi sono accorto di asteroidi passati a 0,04LD. Anche così non hanno colpito la terra. Non riesco a trovare nel sito le dimensioni dell'asteroide per capire il grado di "rischio" corso.
@Corsaro, molto utile questa "mappa di allerta", salvata fra i preferiti.
Scorrendo i dati di IAWN noto che dall'inizio dell'anno abbiamo avuto quasi un asteroide al mese che è passato a una distanza attorno al 20esimo di LD (0,04 / 0,06). Non so quale sia stato l'eventuale rischio che avremmo corso se fossero passati più vicini (magari erano così piccoli da bruciare subito in atmosfera) perchè purtroppo il sito è un po' complesso e non sono riuscito a trovare i dati sulle dimensioni però se la frequenza standard è così elevata mi vien da pensare che per i nostri satelliti il rischio sia più elevato di quanto immaginassi. O sbaglio?