skip to main | skip to sidebar
17 commenti

10 anni di iPhone

Dieci anni fa, il 29 giugno 2007, veniva messo in vendita il primo iPhone, rivelato al pubblico da Steve Jobs di Apple il 9 gennaio 2007. Oggi è facile considerarlo un prodotto che non poteva fallire, ma è importante ricordare quanto era limitato al suo debutto.

L’iPhone era infatti costosissimo, era disponibile soltanto con un unico operatore telefonico statunitense, e aveva una connessione dati lentissima (inferiore al 3G attuale). Non c’era GPS, non c’era una fotocamera frontale e la fotocamera posteriore non aveva il flash. Lo schermo a colori da 3,5" era a malapena accettabile per gli standard odierni, ma offriva la vera rivoluzione: niente tastiera fisica.

Non c’era l’App Store e non c’erano app a parte quelle preinstallate. Era totalmente dipendente da un computer per gli aggiornamenti e i backup (iCloud non esisteva). Non c'erano giochi. Non c’era Siri. Ma l’effetto wow fu garantito dal suo design elegante e innovativo, che aboliva la tastiera fisica e la sostituiva con una tastiera touch.

Vale la pena di ricordare quanto l’iPhone fu criticato dalla concorrenza, in particolare da Steve Ballmer di Microsoft (video). Per l’anniversario, inoltre, uno degli sviluppatori della tastiera touch dell’iPhone ha pubblicato le immagini dei prototipi dello smartphone di Apple.


Fonte aggiuntiva: Cnet.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (17)
Effetto wow potentissimo e meritatissimo.
Ricordo che leggendo gli articoli che descrivevano l'imminente iPhone pensavo fosse una boiata, poi quando lo vidi per la prima volta dal vero, nelle mani di un collega americano, non riuscivo a credere ai miei occhi.
Vedere una tastiera on screen funzionare _benissimo_ fu quasi uno shock, in positivo ovviamente.

Ricordo di aver pensato che finalmente, dopo anni che ci mostravano mock up dicendo che prima o poi sarebbero arrivati i nuovi fighissimi telefoni... finalmente ne vedevamo uno funzionante!

Ricordo anche di essere stato fortissimamente convinto che marche come Nokia avessero nel cassetto chissa' quali innovazioni ma preferissero centellinarle, vedi tantissimi modelli di allora che differivano di inezie l'uno dall'altro. All'uscita dell'iPhone ero stra convinto che ben presto avremmo visto apparecchi simili da Nokia e altre case e...
...invece NO, sbagliavo di brutto, Nokia e altri ci misero quasi due anni a realizzare prodotti simili e intanto misero sul mercato in fretta e furia degli orrori con schermo resistivo che erano onestamente inguardabili e inutilizzabili.

Apple, con l'iPhone, era davvero avanti agli altri, sia tecnologicamente che a livello di interfaccia, di 2-3 anni.

Poi venne il resto ma l'iPhone non e' criticabile, certo con il senno di poi e' tutto piu' facile.
Roberto.


Ricordo ancora l'acquisto del 5800 Xpress Music... A parte che per la musica era sempre lo stesso Symbian, solo con dei pulsanti virtuali. Doveva essere l'anti iPhone! Sì, come no...
Io ricordo un retroscena... il SO installato sull'iPhone che Jobs presentò al pubblico era tutt'altro che definitivo e stabile, anzi.
Poteva fare bene poche cose, e solo a determinate condizioni. Per cui, Jobs dovette fare la sua presentazione eseguendo sull'iPhone esattamente le operazioni strettamente consentite, pena un disastroso CRASH in diretta, di quelli in cui era solito incappare Bill Gates.
Jobs fece anche metter su una connessione ad internet APPOSTA per l'iPhone con cui fece la presentazione, proprio per eliminare altri possibili rischi.
Col senno di poi, non è stato tanto diverso che mandare gli astronauti sulla luna per la prima volta.
Certo, è stato un successo! Ma l'allora Presidente Kennedy aveva pronto, sulla sua scrivania, anche il discorso alla Nazione da pronunciare in caso di disastro. :-)
E per I primi anni, gli iPhone non disponevano del copia e incolla!
(non è una critica... ho anch'io un iPhone)
Kennedy era già morto da un pezzo nel 69...
Senza Jobs saremmo, per quanto riguarda i devices, anni indietro rispetto a ora. Tant'è vero che l'ultimo iPhone da cui tutti hanno copiato e non viceversa è stato l'ultimo che ha presentato, cioè il 4. Le ultime innovazioni dell'iPhone di geniale non hanno più niente.
Peccato che l'iPhone non sia il primo smartphone moderno con touch capacitivo.. è solo quiello che vi piace ricordare. La LG era evidentemente almeno 6 mesetti avanti anche alla Apple, quindi senza Steve Jobs avremmo comunque gli smartphone attuali, ma forse costerebbero meno..
Fonte: https://en.wikipedia.org/wiki/LG_Prada
> ma offriva la vera rivoluzione: niente tastiera fisica.

https://it.wikipedia.org/wiki/Prada_Phone
Almeno una delle caratteristiche iniziali l'hanno voluta conservare, forse per far contenti i nostalgici: è rimasto costosissimo. E meno male che è made in China, se fosse made in Usa non basterebbero due stipendi, però scommetto che qualche invasato se lo comprerebbe ugualmente.
Al solito, la Apple non ha mai innovato nulla, ma ha sempre centrato la finestra temporale corretta e svolto un'azione di marketing perfetta.
Chi si ricorda il tablet presentato da Bill? nessuno! Ma tutti si ricordano che anni dopo l'iPad fu un'innovazione (see)
Interfaccia a finestre? Copiata dai laboratori Xerox che non si resero conto di cosa avevano tra le mani
Ecc ecc.

Apple è un'ottima azienda commerciale, non tecnologica.
Esistevano già telefoni senza tastiera fisica, solo che erano pensati per essere usati con uno stilo. Tipo Nintendo DS per capirci. Apple ha "solo" pensato ad ingrandire l'interfaccia.
Hmm sempre per i vari telefoni a schermo intero... c'era la serie P800/P900/P910 della sony ericson che erano semplicemente SPLENDIDI... Non si riesce a capire perché con il P990 abbiano voluto tornare ad occupare META' telefono con una tastiera fisica...
Credo che all'epoca l'innovazione dell'iPhone non risiedesse tanto nello schermo multitouch (che tra l'altro aveva una precisione e velocità che i concorrenti si potevano sognare), quanto nel sistema operativo, che rispetto ai vari symbian e compagnia briscola era "avantissimo".
Io me lo feci portare da New York nel marzo del 2008, lo sbloccai e ci misi la versione iOS 1.1.4. La cosa incredibile (per quei tempi) era la fluidità del telefono, impressionante. Confrontandomi con altri amici che avevano telefoni (soprattutto i Nokia Symbian) che facevano le stesse cose (mandare email, ascoltare musica, navigare su internet), la mia risposta era sempre la solita: "avete ragione anche con i vostri fate le stesse cose, ma c'è una differenza, con l'iPhone hai piacere di farle". Non sono un funboy Apple, adesso ho un Samsung con Android....
Ricordo quando vidi scrivere una mail su di un iPhone 3G (direi intorno al 2010) da una persona con dita enormi e tozze con una accuratezza che mi sconvolse, non sbagliando una singola lettera. Essere proprietari dell'hw ha enormi vantaggi (contropartita: sei nelle loro mani...), indubbiamente.
Sono, però, tanti anni che non vedo vera innovazione in casa Apple, sia in termini di design che di feature davvero futuriste. Difficile pensare che il brand possa precipitare, grazie ad un marketing formidabile, quello che vedo accadere è l'opposto di quello che sarebbe stato preferibile: una perfetta convergenza tra Apple e i competitors, sia in termini di prezzi che di funzionalità, a danno "nostro". Pagare 1000€ per un telefono alcuni anni fa (Vertu escluso) era blasfemia, oggi è considerato un prezzo accettabile per un top di gamma che nell'uso pratico (non di benchmark, ma pratico!) si discosta molto poco da un telefono da 350€ (Xiaomi per citare un marchio) e fra 5 anni mi aspetto un generale appiattimento con la scomparsa della fascia intermedia: telefoni costosissimi e mostruosamente performanti (e inutili...) e modelli medio bassi con le prestazioni degli attuali top di gamma.
Apple è sempre Apple: parlo da Androidiano/Windowsiano, speriamo solo che non ci dorma sopra...
Sinceramente per quanto riguarda il design degli smartphone, faccio fatica a vedere innovazioni e differenze: un rettangolo con un lato occupato dallo schermo, ma ammetto che questo è un mio limite.

Concordo totalmente con Guido. Vorrei sapere quanti usano almeno il 50% della potenzialità dei loro smartphone. Mi ricordano un fil con Walter Mathau (la sposo e l'ammazzo) in cui lui usava una Ferrari per girare nel traffico cittadino, "distruggendo" regolarmente il motore ad ogni mese. Come dici oggetti costosissimi e ultra potenti per fare chiamate, sms, inviare mail e andare su whats'up (e app varie dal conta passi al giochino da usare in metro)
Nel periodo storico che uscì l'iPhone c'erano i Palmari con Windows Ce che avevano hardware completo di GPS e fotocamera.. software Windows con tutte le applicazioni office. L'unico difetto era il target a cui era rivolto (business e IT) e l'usabilità penosa. Apple tirò fuori un prodotto limitato se non essenziale, molto elegante e per pochi coraggiosi. Il sex appeal e il marketing hanno fatto il resto. Negli anni hanno completato la loro offerta, quando le altre aziende che offrivano tutto stavano li a guardare.