Cerca nel blog

2007/01/18

Antibufala lunare: “Buona fortuna, signor Gorski”

Lo sbarco sulla Luna e la promessa della signora Gorski


Questo articolo vi arriva grazie alle gentili donazioni di "qoedishakedo****" e "mauro".

Resto in tema di bufale e antibufale spaziali con una storia che riguarda il primo sbarco sulla Luna. Neil Armstrong, che insieme a Buzz Aldrin allunò a luglio del 1969, pronunciò a un certo punto della storica diretta un misterioso "Good luck, Mr Gorski". Buona fortuna, signor Gorski.

Tutti si chiesero chi fosse questo signor Gorski: non c'era nessun cosmonauta sovietico con quel nome. Fu Armstrong, dopo lunga reticenza, a spiegare la frase, raccontando che da ragazzino udì per caso una conversazione intima dei vicini, la famiglia Gorski. Ora che entrambi i Gorski erano passati a miglior vita, l'astronauta sentiva di poterne parlare senza ferire nessuno.

Il giovanissimo Armstrong aveva involontariamente sentito il signor Gorski chiedere alla moglie una prestazione per lei inconsueta. La signora aveva risposto indignata "Te lo faccio il giorno che il ragazzino dei vicini va sulla luna!" Sbarcato finalmente sul suolo lunare, Armstrong si era ricordato di quella promessa di tanto tempo prima, augurando al signor Gorski che la consorte la mantenesse.

La storia è carina, ma è una bufala: Neil Armstrong (lo vedete in una delle pochissime foto della missione che lo ritraggono) non disse mai nulla del genere durante la missione, e riferisce di aver sentito l'aneddoto per la prima volta da un comico americano nel 1995, come descritto dall'impagabile sito antibufala Snopes.com.

Nessun commento: