Cerca nel blog

2009/05/11

Scie chimiche: suicidio mediatico con gigabyte di risate

L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale. Ultimo aggiornamento: 2009/05/19.


È appena finita una puntata di Rebus dedicata alle "scie chimiche". A differenza del passato, il conduttore Maurizio Decollanz ha preso ripetutamente le distanze dalle affermazioni degli ospiti, Rosario Marcianò e Giorgio Pattera, usando più volte aggettivi come "ipotetica" e "presunta" riferiti alle "scie chimiche" e descrivendo le tesi di Marcianò con frasi come "vediamo il prosieguo, chiamiamolo così, dell'incubo di chi teme la sperimentazione indebita fino a dove si spinge". Perbacco. Si sente molto che ha letto le FAQ del CICAP, che cita in varie occasioni senza nominarle.

Ne aveva ben donde. Da un lato, Marcianò ha ribadito i suoi ormai mitici "gigabyte di watt": e con questo fanno tre (anzi quattro, come segnalato nei commenti), per cui la scusa del lapsus non regge più e la sua incompetenza tecnica è ormai palese anche ai dilettanti. Ma soprattutto ha parlato apertamente e a ruota libera di armi che leggono i pensieri, di sedativi nelle scie degli aerei, di aerei che gli volano sopra la casa tutti i santi giorni, così bassi che li vede "grandi come il palmo della mano", di mille casi al giorno di "morbo di Morgellons" che farebbe eruttare fibre sintetiche dalla pelle (sarebbero 365.000 malati l'anno, altro che l'influenza suina), di sensori nanometrici che penetrano nell'organismo, di piani per trasformare le persone in automi, e persino di attacchi aerei quotidiani per distruggere le nuvole. Un fiume in piena.

Dall'altro, Pattera, tutto sommato più contenuto, ha affermato che le scie degli aerei sono condensazione di anidride carbonica (sic) e che i ragni migratori volanti (o meglio, trasportati dal vento) proprio non esistono ("io da biologo posso assicurare che i ragni volanti non esistono"), nonostante siano documentati persino da Darwin oltre che dall'Enciclopedia Britannica e da badilate di letteratura specialistica.

Pattera ha anche regalato dei lapsus freudiani magnifici come questo: "Ci sono i cospirazionisti, e coloro invece che guardano con un animo più aperto questi fenomeni". Da antologia.

Insomma, c'era poco da fare. Prendere le difese di questi geniali comici involontari sarebbe stato umanamente impossibile. Non senza ridere, perlomeno. Qui sotto vedete alcuni dei momenti migliori della puntata.

Va bene. A questo punto lo confesso, tanto la missione è compiuta. Rosario Marcianò e Giorgio Pattera sono due agenti del Nuovo Ordine Mondiale, piazzati per screditare le teorie sulle "scie chimiche" con le loro affermazioni senza capo né coda, degne della trama di Matrix (è questo il paragone che fa anche Decollanz), talmente esagerate da non poter essere prese sul serio e facilmente sbugiardabili senza neppure doversi addentrare nei dettagli tecnici di come si formano le scie di condensazione, e per regalarci qualche ora di sane risate in compagnia. Dopotutto è grazie a loro che è nata la Società degli Scettici Allegri. Io a Vibravito l'avevo detto, ma non mi ha creduto.

Hanno svolto egregiamente il loro compito, e a questo punto possiamo anche congedarli con gratitudine per il servizio reso e un ultimo applauso per le risate regalate. Anche perché adesso arrivano interlocutori un po' più prudenti e civili: Tom Bosco, di Nexus Italia, ha accettato la proposta di dibattito via Web sul tema, e ne scriverò nei prossimi giorni.

In quanto alle risposte definitive e autorevoli che Decollanz chiede, penso possano bastare quelle del meteorologo colonnello Giuliacci, quelle di Mario Tozzi, quelle del pilota Pietro Pallini, quelle del meteorologo Paolo Sottocorona, e quelle di sessant'anni di letteratura meteorologica e aeronautica di tutto il mondo. È giusto e legittimo fare domande: ma bisogna anche ascoltare le risposte.


Cancellati i "gigabyte di watt"

Mi viene segnalato da axlman che la versione della trasmissione pubblicata da Marcianò è stata tagliata, per nascondere l'imbarazzantissima gaffe. Il confronto fra il video originale, pubblicato da Rebus, e la versione tagliata da Tanker Enemy è disponibile qui su Vimeo.

E poi saremmo noi i "disonesti disinformatori" che effettuerebbero "riscritture orwelliane" degli avvenimenti.


2009/05/18 - I dati d'ascolto

Per chi si fosse chiesto il motivo dell'ora tarda del servizio di La Gaia Scienza sulle "scie chimiche", la redazione del programma mi segnala che si tratta di una scelta precisa, perché quando finisce Report su Raitre raddoppiano gli ascolti (forse intendono lo share) di La Gaia Scienza. La redazione aggiunge che per il format della trasmissione, il servizio è da considerare "corposo" perché è stato il più lungo (8 minuti) mai fatto nel programma.

La Gaia Scienza di domenica 10 maggio su La 7 ha raggiunto circa 407.000 telespettatori (share 1,7%) nella fascia 20:30-23:00 e circa 178.000 (share 2,1%) nella fascia 23:00-2:00 (dati disponibili temporaneamente qui).


Gli ascolti della puntata di Rebus trasmessa su Odeon Tv lunedì 11 maggio sono stati di circa 28.000 telespettatori (fascia 20:30-23:00, dati disponibili temporaneamente qui), pari allo 0,1% di share.


234 commenti:

«Meno recenti   ‹Vecchi   201 – 234 di 234
tripponzio ha detto...

ieri sera riflettevo sul gigabyte di watt e ho trovato un senso.
un gigabyte sono 1024 megabyte, ovvero 2^10 megabyte, che a loro volta sono ognuno 2^10 kilobyte, che a loro volta sono 2^10 byte. un byte è un insieme di 8 bit, ovvero la rappresentazione di un numero in codifica binaria da 0 a 255.
visto che si usa normalmente dire "una decina", "una dozzina", "un centinaio" (ma anche "una coppia di due") per indicare un ordine di misura approssimativo per dire "circa 10", "circa 12", "circa 100" (ma anche "circa un paio, ma di quelli da due"), potremmo suppore che un hacker sia abituato a pensare e ragionare in binario come il suo pc.
per questo, per dire "circa 255" (ovvero "circa 2^8", approssimando di una unità alla potenza successiva del 2) potrebbe usare la dicitura "un byte". per i multipli utilizzerebbe sempre il sistema di nomenclatura informatico, per cui se dice "un gigabyte" intende un numero pressapoco di 2^(10+10+10+8) = 2^38 = 274.877.906.944.
per l'errore "bite" invece di "byte" potrebbe essere un neologismo, che distingue il numero preciso da quello approssimativo, come sono diversi dieci e decina, cento e centinaio.

in parole povere, non si tratterebbe di un errore nel mettere due unità di misura, ma che l'una si riferisce alle dimensioni per la rappresentazione della cifra dell'altra, ovvero un numero di watt tale da necessitare di un gigabyte per essere contenuto.
come dire "un metro di tonnellate" per intendere che per scrivere il numero in tonnellate necessiteremmo di un metro di spazio su cui rappresentare le cifre, oppre "una tonnellata di metri" per dire che per misurarlo dobbiamo procurarci una tonnellata di metri da sarta.

ecco, ora posso andare a giocare a pallone in tangenziale.
arrivederci.

Nico ha detto...

tripponzio, e poi avevi sgranato gli occhi per il mio post su babbo natale... tze'..

Michele/ENERGIA ha detto...

Non sono uno "complottista" ma mi piace vedere cosa scrivono gli "altri" di una stessa storia così da confrontare le versioni.

Sebbene tu possa affermare che questa trasmissione è una vittoria per la tesi che le scie chimiche non esistono, per assurdo gli sciamisti pensano di aver avuto una vittoria.

Per esempio leggi qua (il discorso è generico e non riferito alla trasmissione). http://paolofranceschetti.blogspot.com/2009/03/le-scie-chimiche-aspetti-psicologici.html

In particolare una persona scrive:
L’atteggiamento di coloro che si scagliano contro le scie chimiche è stupido per una terza ragione. E’ logico infatti che Marcianò, Penna, e tutti gli altri che cercano di informare sulle scie chimiche, sarebbero felici di sapere che si sbagliano.Un altro dice: Capisco però dalle varie reazioni demenziali che ha ragione Marcianò. [...]La reazioni esagerate contro di loro, tanto che hanno creato addirittura un sito dedicato complottismo.blogspot.com, indica che queste persone sono sulla strada giusta.Quindi la conclusione è: se non dici nulla hanno ragione perché sei silenziosamente colpevole. Se dici qualcosa hanno ragione perché la tua reazione dimostra che sono sulla strada giusta.
Bah, io non saprei che fare....

Nico ha detto...

Michele/ENERGIA:

su una cosa possiamo essere sicuri: Marcianò NON sarebbe contento di scoprire che si sbaglia.

Uno che vuole scoprire la verità romperebbe i maroni ad esperti delle materie interessate.. lui li snobba e li accusa di genocidio.
Uno che vuole scoprire la verità non si scaglierebbe contro le verità scientifiche già appurate, senza confutarle secondo il metodo scientifico ma semplicemente etichettandole come "disinformazione".
Marcianò vuole solo avere ragione lui, a prescindere. Secondo la sua visione, la situazione si risolve con i capi di stato di tutto il mondo che si riuniscono e dicono in diretta mondiale "Rosario, hai ragione tu".
Qualsiasi altra cosa per lui non ha importanza. Nessun'altra "verità" conta per lui. E se per provare ad arrivare a quello deve calpestare della gente innocente.. che gliene frega a lui?
E' molto peggio lui di come descrive i suoi "nemici".

Anonimo ha detto...

@Tripponzio:

Hai scoperto anche tu che l'aluminio è un metallo pesante?
(rif. mio post precedente)
:)))

Roberto ha detto...

@ Michele/ENERGIA

Secondo me esistono due tipi di persona che possono sostenere la tesi del complotto delle scie chimiche.

1) Le persone in buona fede: trattasi però di persone che hanno scarso interesse a informarsi di persona e a sentire discussioni scientifiche in merito. Sono in sostanza persone che vogliono credere in questo complotto per tutta una serie di motivi ma che in sostanza sono riconducibili all'idea che questa società è il "male".

2) Le persone in cattiva fede: sono quelli che sfruttano la credulità delle persone di cui sopra, proponendosi come eroi contro l'impero del male ma contemporaneamente lucrandoci sopra con libri, dvd e cianfrusaglie varie a pagamento. Molto spesso costoro non credono realmente in quello che dicono ma, pur di convincere la gente a comprare i loro libri e a pagare il biglietto di una loro conferenza, sono disposti a fare praticamente qualsiasi cosa, a mio avviso, anche delle figuracce immonde che tanto possono sempre rigirare a loro favore come una strenua lotta della "verità" contro l'impero del male costituito da informazione pilotata e gente prezzolata.

Quello che contano sono le prove scientifiche dell'esistenza di un fenomeno e di queste prove scientifiche non ce ne sono.

tripponzio ha detto...

@chtorrian: l'acciaio inox 18/10 doppio fondo antiaderente ecc. è un metallo più pesante.

robi ha detto...

Ciao,
leggendo i commenti sulle scie chimiche mi e' venuta in mente una cosa divertente, anche se probabilmente non sara' facile dimostrarne la verita' scientifica.
A meta' anni '80 (quindi ben prima del 1995)le mie amichette piu' grandi mi avevano insegnato un gioco. Al passaggio di un aereo, se questo lasciava una scia, bisognava gridare il piu' velocemente possibile: "Qualcuno mi ama!". La prima a notare la scia aveva diritto all'amore, mentre i commenti successivi sarebbero stati, nell'ordine: "Qualcuno mi pensa" e "Qualcuno mi scrive".
I sostenitori della teoria delle scie naturalmente sono liberi di utilizzare questo mio commento com prova certa del fatto che ci avvelenano da molto prima di quanto crediamo..

Dan ha detto...

"Sono dati inviati e ricevuti e quindi Gigabites è corretto.

By Blogger Straker, at 11 maggio, 2009 21:34"

Meaning that his english really bites..?

Dimenticavo di riferire che guardando il servizio RAI sulla manifestazione aerea del 1°Maggio, a cui hanno partecipato tra gli altri anche l'Eurofighter e le Frecce Tricolori, ho notato una cosetta interessante... in un'inquadratura da dentro al cockpit che mostrava il volto del pilota, quando l'aereo ha tirato su il muso per salire di quota, tra la fusoliera e le bocche d'aspirazione dei reattori per qualche secondo si è vista una scia di condensa formarsi dal bordo d'attacco.
(senza contare le Frecce Tricolori! avete visto quante scie spruzzavano spudoratamente?)

Replicante Cattivo ha detto...

Intanto Mr. Jones si è defiliato alla grande.

Viggen ha detto...

@Tripponzio:

Più che neologismi mi sembrano dei bisplusbuoni esempi di neolingua

otello ha detto...

""si è vista una scia di condensa formarsi dal bordo d'attacco.""

non è una vera e propria scia ma, se è per questo, persino le macchine lo fanno! quindi altezza suolo

basta andare abbastanza veloci

Nico ha detto...

otello, in realtà è ESATTAMENTE una scia.. un corpo solido che attraversa un fluido lo trascina nel suo senso di marcia. Se la velocità è alta si formano anche vortici.

Nel caso delle ali succede sulle punte per l'alta velocità, o con grande squilibrio tra i flussi del ventre e del dorso, come quando i flap sono abbassati.

Hedges ha detto...

Un contraddittorio con Cattivissimo? (omissis....) Che titoli e che credenziali ha Kattivix? Chi pensa di essere?
Un'idea balorda, per lo meno.
By Blogger Zret, at 13 maggio, 2009 16:10
Apperò...un geometra ed un professore d'italiano avrebbero titoli per disquisire di meteo e tecnica areonautica forse?

Hedges

Viggen ha detto...

Scie dovute a turbolenze le ho viste di persona provenire dalle winglet alle estremità delle ali di un aereo che, una sera, mi è passato di fronte a bassissima quota (stava atterrando a Peretola ed io passavo sul raccordo autostradale adiacente).

Il bello è stato che le medesime si sono ad un certo punto staccate dall'aereo, continuando per un attimo a roteare come trombe d'aria, per poi dissolversi...

axlman ha detto...

E dopo aver allenato la mente con un Rebus, per quanto fiacco vista l'ovvia risposta ripetuta da anni da tutto il mondo scientifico e non solo, che c'è di meglio che allenare lo spirito di osservazione con un classico come l'Aguzzate la vista di settimanal-enigmistica memoria?

Nelle enciclopedie, alla voce «Faccia di tolla», tra poco ci mettono come definizione la foto di Rosario "FaceBack" Marcianò, altro che storie...

Nico ha detto...

Fantastica.. questa va mandata a Decollanz però :D

Willy ha detto...

Rosario "the programmer":
http://www.clean-xp.net

questa mi mancava :D

axlman ha detto...

Willy, ti stupirai, ma quello non è mica l'unico programmone scritto da Straker l'hacker, c'è anche FSI BlackList Sites.

E non dimentichiamo che Rosario "Partition Magic" Marcianò usa IE6 powered by FSI, quindi ecco anche la sua mitica barra degli strumenti.

Oddio, bisogna dire che come programmi non è che abbiano avuto una gran diffusione, visto che in rete su di essi si trova poco o niente (tranne i siti da cui scaricarli): io ad esempio ho trovato solo questa discussione aperta da uno a caso quando ancora si firmava nicscics.
Tra l'altro nel forum di Hardware Upgrade ha lasciato più di tremila messaggi, se qualcuno volesse togliersi lo sfizio di spulciarseli e cercare le varie castronerie di informatica che nicscics aka Straker l'hacker ha partorito negli anni.

Infine, a proposito del sito che hai segnalato tu, al suo interno trovi una bella paginetta, questa, con tutti i dati bancari di Rosario: esattamente come cercando Fast Service Informatica con Google si trova in un battibaleno il suo indirizzo (c'è persino una pagina intitolata ad esso).
Avevo già congelato tutto qui e qui, giusto nel caso gli venisse lo sghiribizzo di fare le sue solite sparate affermando che, per sapere i fatti suoi, bisogna per forza usare metodi illeciti: in realtà è il grande àcchere che, come l'ultimo dei niubbi, mette allegramente a disposizione i suoi dati di chiunque e non si può certo poi lamentare se qualcuno li legge.

logan7 ha detto...

Axlman, come ha scritto il nostro eroe... "Poco male. Tutto serve, nella vita. Altrimenti come impariamo? Errare umanum est!".

Qui.

logan7 ha detto...

C'è anche da sottolineare il fatto che il nostro eroe ha avuto un discreto successo, come informatico:

"EDIT: Dimenticavo, un mio amico che aveva "pulito" il sistema con Clean-xp adesso ha anche problemi ad installare alcune patch di WindowsUpdate...
Ieri infatti ha scaricato gli ultimi aggiornamenti del 14 NOV 2006 e, voila, installati tutti tranne 2 (esattamente il Malware Removal tool e SOPRATTUTTO il pacchetto di aggiornamenti per Internet Explorer !!!)..
Probabilmente Clean-XP gli ha cancellato l'origine di installazione delle precedenti patch ed ora non le trova piu', risultato questi due aggiornamenti (...e forse anche i futuri) non saranno possibili..
Ora e' dall'avvocato per valutare tecnicamente come farsi risarcire da questa societa' informatica.....!
buono a sapersi! dopo clean-xp, cmq, non avrei mai e poi mai pensato di testare nessun altro programma realizzato dalle stesse persone che hanno creato il mostro pulisci registro!!!
ohhhh finalmente qualcun altro che ha il "coraggio" di scrivere la verità...
quando tempo fa mi espressi negativamente su clean-xp sembravo il mostro del forum...
spero invece di aver evitato un sacco di rogne ad un po' di utenti
PS: spero che il tuo amico riuscirà a farsi riscarcire qualcosa dai geni della FSI
".

Qui.

Ieromod ha detto...

Scusate la domanda spero non retorica: ma quel genio che fa da spalla a straker nella trasmissione, chi è??!!??... Forse mi sono perso qualcosa, ma ho fatto vedere e leggere i suoi interventi alla mia signora (biologa di laboratorio) e le si è accapponata la pelle... :-(((

Domenico_T ha detto...

C'è da dire che anche in ambito informatico il Marcianò ha il vizietto di chiedere le generalità degli utenti quando nascono discussioni. Bah.

QUI

logan7 ha detto...

Altri successi informatici per il nostro... niente da dire, un'autorità in tutti i campi in cui si cimenta.

Nico ha detto...

ricordo benissimo quel post di PI.. ehehe aveva già la mania di credersi acuto mettendo foto denigratorie (tecnica poi affinata negli anni sulle foto di Paolo).

Dopo le castronerie degli utenti che giravano sui newsgroups, le genialate di nicsnics erano molto quotate :P

AcarSterminator ha detto...

@ ieromod

Chi è Pattera??
Ti sei perso le conferenze di Milano e di Lugano... lui lavora per i RIS di Parma, non è un clown qualunque ;)

Conferenza "scie chimiche" a Milano.

Conferenza ufologica di Lugano.

Replicante Cattivo ha detto...

@ axlman
Il tuo "aguzzate la vista" è fantastico. Mi fa venire in mente alcune scene dei Simpsons in cui vengono mostrati alcuni tarocchi televisivi palesemente finti (ad esempio su un fermoimmagine dell'intervistato, viene inserita una voce fuori campo che dovrebbe "doppiarlo")

Alfred Borden ha detto...

'Sto Pattera lavora per i RIS di Parma (pulizie nei lab?)? Cioè per dei Carabinieri? Cioè quelli che secondo Marcianò sarebbero complici del genocidio, tanto da non muovere un dito nonostante le sue numerose telefonate di denuncia?

Slowly ha detto...

AHAHAHAHHAAHA

Il video tagliato.

Che pena!

kpirata ha detto...

perchè non parlate dell'evidente imbarazzo di chi risponde alle telefonate che han fatto sentire??
e ho scoperto che il nostro spazion aereo è protetto e vigilato dalla Francia, questo proprio non lo sapevo

bigo72 ha detto...

Solo un dubbio vorrei chiarirmi, è quello che mi preme più di tutti: questa gente viene pagata per sparar c***ate? Mi sentirei derubato non solo nell'animo, ma in qualche maniera più o meno lontana proprio nelle tasche .....

CarloA ha detto...

"Morbo di Morgellons" "fibre sintetiche"... mi sa che qui stiano mescolando la trama del libro Infected di Scott Sigler http://www.scottsigler.com/infected , ma quella è dichiaratamente finzione. Peraltro l'audiolibro gratuito (anche del seguito "contagious") e sono molto ben scritti (o "letti" nel caso dei podcast).

pgc ha detto...

ciao Paolo,

poco fa ti ho inviato una foto di una scia al livello del suolo, fatta da me a South Pole nel 2003. Magari puo' aiutarti nello sbufalamento di queste fesserie delle scie chimiche. Siccome pero' non sono sicuro che l'email topone@pobox.com la leggi veramente (e non contiene limiti nella dimensione degli attachment) ti sarei grato se mi puoi confermare che l'hai ricevuta.

un saluto
pgc

Paolo Attivissimo ha detto...

Ricevuta, grazie, e che bella!

«Meno recenti ‹Vecchi   201 – 234 di 234   Nuovi› Più recenti»