Cerca nel blog

2009/11/17

Antibufala sull’influenza suina, mi date una mano?

Powerpoint sulla suina, serve un'indagine di gruppo


L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Sta circolando una presentazione PowerPoint, denominata solitamente L'affare dell'influenza A.pps, che propone una serie interminabile di affermazioni riguardanti l'influenza suina e gli oscuri complotti delle case farmaceutiche per guadagnarci.

Visto appunto il numero di affermazioni, tutte rigorosamente prive di fonti, non posso fare l'intero lavoro di verifica da solo. Mi date una mano? Io comincio a riportarne qui il testo, suddiviso in singole asserzioni, con le prime verifiche che ho fatto.

Il file è una traduzione italiana di un originale spagnolo: lo si nota dalle diciture in alcuni elementi grafici (come quello mostrato qui sopra) e dalla presenza del titolo El negocio de la gripe A nelle proprietà del file. Come indicato nei commenti (grazie Michele), il testo originale circola da tempo con l'attribuzione al "Dr. Carlos Alberto Morales Paità" (o Paitan) del "Children's Hospital" o "Hospital del Niño" di Lima, ma non è chiaro se sia davvero stato scritto da lui. Con quello stesso nome ci sono un account su Slideshare, un blog e un canale Youtube; altri siti hanno pubblicato il suo numero di telefono e altri dati. Altre informazioni su Paitàn sono nel sito del collegio medico peruviano, ma non c'è conferma che sia l'autore del testo citato nella presentazione.

Per risolvere la malaria basta una zanzariera


L’affare dell’influenza A

PANDEMIA DEL GUADAGNO

Quali interessi economici si muovono dietro l’influenza suina (influenza A)?

MALARIA

Nel mondo ogni anno muoiono due milioni di persone vittime della malaria che si potrebbe prevenire con una zanzariera.

E i notiziari non dicono nulla di questo.

I dati dell'Organizzazione Mondiale per la Sanità (OMS) parlano di "quasi un milione di morti", non due ("Every year, this leads to about 250 million malaria cases and nearly one million deaths."), ma non cavilliamo: sono comunque troppi.

L'appello sbaglia quando fa credere che basti una zanzariera comune per prevenire la malaria: l'OMS sostiene che ci vogliono quelle trattate con insetticidi a lunga durata e che occorre anche l'irrorazione interna delle abitazioni con insetticidi che persistono nel tempo. Quello che dura di più è il DDT. Una scelta di Sophie: morire di malaria o morire di DDT? Questioni che la presentazione, semplicisticamente, non considera.

Diarrea curabile con un siero


DIARREA

Nel mondo ogni anno muoiono due milioni di bambini e bambine di diarrea, che si potrebbe curare con un siero orale da 25 centesimi.

E i notiziari non dicono nulla di questo.

Il numero di morti sembra grosso modo confermato dai dati OMS, che però indicano che la diarrea non si cura semplicemente con un siero orale (la cui natura non viene precisata dalla presentazione), ma anche con interventi ben più complessi: soprattutto la disponibilità di acqua pulita, l'igiene personale e la corretta conservazione degli alimenti.

Dieci milioni di morti l'anno per morbillo e polmonite


Morbillo, polmonite, malattie curabili con vaccini a basso costo, provocano la morte di dieci milioni di persone nel mondo ogni anno.

E i notiziari non ne danno notizia …

Questi dati OMS riferiti al 2007 parlano di 197.000 morti per morbillo in tutto il mondo. Questi altri dati OMS indicano 1,8 milioni di bambini morti per polmonite ogni anno. Non ho trovato per ora dati che includano gli adulti.

L'aviaria ha fatto solo 250 morti in 10 anni


Però anni fa, quando è apparsa la famosa influenza aviaria…

… i notiziari mondiali sono stati inondati di notizie… fiumi di inchiostro, segnali di allarme…

Una epidemia, la più pericolosa di tutte!... Una pandemia!

Si parlava solo della terrificante malattia dei polli.

E comunque, l’influenza aviaria ha provocato solo la morte di 250 persone in tutto il mondo. 250 morti in 10 anni, che fa una media di 25 vittime all’anno. La comune influenza uccide mezzo milione di persone ogni anno nel mondo.

Mezzo milione contro 25.

Secondo i dati OMS, i casi confermati da esami di laboratorio di decesso per influenza A/H5N1 segnalati all'OMS dal 2003 al 24 settembre 2009 sono 262.

Inoltre l'agitazione intorno all'aviaria non era dovuta al numero di morti, ma alla sua letalità (262 morti su 442 malati, quasi 6 su 10, secondo gli stessi dati OMS) e al rischio che diventasse trasmissibile da persona a persona, senza l'intermediario animale.

Aviaria, scalpore per far arricchire la Roche


Un momento, un momento !!!
Allora, perché suscitò tanto scalpore l’influenza dei polli?

Perché dietro quei polli c’è un “gallo”, un gallo con un grande sperone.

La ditta farmaceutica internazionale Roche col suo famoso Tamiflú ha venduto milioni di dosi ai paesi asiatici.

Benché il Tamiflú fosse di dubbia efficacia, il governo britannico compró 14 milioni di dosi per la prevenzione della sua popolazione.

Con l’influenza dei polli, Roche e Relenza, le due grandi case farmaceutiche che vendono gli antivirali, ottennero migliaia di milioni di dollari di guadagno.

Tutti questi dati sono da verificare, ma già emerge un errore molto grossolano: Relenza non è una casa farmaceutica, né grande né piccola. È il nome commerciale di un farmaco, lo zanamavir, venduto dalla GlaxoSmithKline.


Dichiarazioni di un "esecutivo" della Roche


Prima con i polli e adesso con i maiali.

Sí!!!!, ora è cominciata la psicosi de
L’influenza suina (influenza A).

E tutte le notizie del mondo
parlano solo di questo…
Però non si dice niente della crisi economica né dei disoccupati nel mondo, né dei conflitti armati…

… solo l’influenza suina, l’influenza dei maiali…

E mi domando: se dietro i polli c’era un “gallo”… dietro i maiali… non ci sarà un “gran maiale”?


Guardiamo quello che dice un esecutivo
dei laboratori Roche…

ROCHE –R-: A noi preoccupa molto questa epidemia, tanto dolore… perciò, mettiamo in vendita il miracoloso Tamiflú.

GIORNALISTA –P-: E a quanto venderete il “miracoloso ” Tamiflú?

–R-: Bene, vediamo… 50 dollari la scatola.

–P-: 50 dollari una scatola di pasticche?

–R-: Capisce, signora, che… i miracoli si
pagano cari.

–P-: Quello che capisco è che queste
imprese avranno una buon incasso dal
dolore altrui…

Non vengono indicati nomi o fonti. Chi è questo "esecutivo"? Chi è il giornalista? Niente.


Roche rifiuta di concedere la produzione ad altri, subisce supermulte


Benché Roche riconosce di non avere la capacità per soddisfare la domanda mondiale di questa medicina, rifiuta di permettere che le ditte specializzate nel generico producano il farmaco. I guadagni per Roche promettono di essere astronomici.

Ancora una volta, affermazioni prive di qualunque fonte, che andrebbero verificate.

Questa ditta ha una storia nera in materia di responsabilità sociale. Fin dagli anni sessanta è stata coinvolta in scandali di superfatturazione, manipolazione dei prezzi e concorrenza sleale. Sette anni fa gli Stati Uniti e l’Unione Europea le imposero una multa di 500 milioni di dollari. Più recentemente Roche ha bloccato gli sforzi del Sudafrica per produrre una versione a basso costo dei suoi farmaci anti-HIV, minacciando di far causa a quel governo se avesse invaso la sua licenza.

La multa da 500 milioni di dollari, a cui si aggiunge quella della Commissione Europea di 462 milioni di euro, è documentata (Quackwatch.org cita la dichiarazione dell'Attorney General Joel Kline, del Dipartimento di Giustizia statunitense). La presentazione non dice che la multa si riferisce alla formazione di un cartello insieme ad altre ditte (BASF, per esempio) per alzare i prezzi delle vitamine vendute in pillole o aggiunte agli alimenti. La multa UE, che parla di collusione di ben 13 società farmaceutiche, è documentata da The Observer (Blowing the Final Whistle, 25 novembre 2001).

Lo stesso articolo dell'Observer cita qualche dato sugli scandali degli anni Sessanta: Stanley Adams passò documenti alla CEE (l'UE di allora) che mostravano lo stesso cartello dei prezzi e per questo fu arrestato come spia industriale dalle autorità svizzere. Fu detenuto per sei mesi e l'episodio spinse al suicidio la moglie.

Rumsfeld principale azionista della Gilead, che ha brevettato il Tamiflu


La ditta nordamericana Gilead Sciences ha il brevetto del Tamiflú. Il principale azionista di questa ditta è niente di meno che un personaggio sinistro, Donald Rumsfeld, segretario della difesa del tanto male considerato George Bush, artefice della guerra contro l’Irak…

La Gilead Sciences è effettivamente titolare del brevetto sul Tamiflu (oseltamivir), il numero 5763483, che scade nel 2016 (fonte: WIPO, World Intellectual Property Organization). Nel 1996 la Gilead ha concesso alla Roche i diritti esclusivi sul brevetto.

Donald Rumsfeld non è il principale azionista della Gilead: non risulta neppure fra i primi venti, secondo dati di MorningStar.com. È stato membro del suo consiglio d'amministrazione dal 1988 fino al 1997, quando è stato nominato presidente (fonte: comunicato stampa Gilead), e si è dimesso da questa carica nel 2001 quando è stato nominato Segretario della Difesa nel primo governo Bush. Detiene quote azionarie della Gilead stimate fra i 5 e i 25 milioni di dollari (CNN, 2005).

Il Tamiflu non è approvato e ha ucciso 14 bambini, è vietato in Giappone


Gli azionisti delle case farmaceutiche Roche e Relenza stanno fregandosi le mani, sono felici per le loro vendite nuovamente milionarie con il dubbio Tamiflú. La vera pandemia è il lucro, gli enormi guadagni di questi mercenari della salute.
Perché dubbio?

Serie indagini fanno notare che il TAMIFLU (farmaco che dicono curi l’influenza) comunque non ha ricevuto l’approvazione del miglior laboratorio di indagini dell’EEUU perché ha effetti collaterali e seri disturbi, specialmente nei bambini (provoca: convulsioni, delirio o allucinazioni, problemi neuropsichiatrici e infezioni cerebrali). In Giappone provocò la morte di 14 bambini e fu proibito.

Non viene indicata alcuna fonte di queste "serie indagini" e non viene indicato quale sia il "miglior laboratorio dell'EEUU" (sigla che forse sta per "Estados Unidos", ossia "Stati Uniti", visto che l'originale era in spagnolo e la traduzione italiana è dilettantesca).

Non ho trovato indicazioni di un divieto totale in Giappone, ma solo di un divieto all'uso nei pazienti fra 10 e 17 anni perché uno studio indica che è possibile che induca comportamenti deliranti nei giovani (fonte: UPI).

Non ho trovato conferme dei 14 bambini morti per aver preso il Tamiflu. L'unica notizia vagamente simile reperita finora è questa della Reuters del 2007, secondo la quale 15 giovani sono stati feriti o sono morti in incidenti correlati all'assunzione di Tamiflu, che potrebbe aver causato sintomi psichiatrici, per cui il Ministero della Salute giapponese ha ordinato all'importatore di sconsigliare ai medici la somministrazione agli adolescenti (non ai bambini). Ma l'accumulo di dosi per 25 milioni di pazienti non è stato fermato.

Un lettore, Marco, mi segnala che la vicenda "è sufficientemente nota in Giappone (anche se i casi sembrano essere 12 e non 14) ed è saltata fuori intorno al 2005 amplificata dal clamore provocato da una serie di suicidi che avevano coinvolto adolescenti sotto l'effetto del Tamiflù, che sui ragazzi giapponesi sembra sortire lo effetti simili all'LSD" (articolo in giapponese; comunicato della Chugai, società produttrice e distributrice del Tamiflu in Giappone; comunicato del ministero della salute giapponese.


Sperimentazione troppo corta del vaccino, distribuire gratis il Tamiflu


In estate sono stati elencati i primi vaccini contro l’influenza A per essere testati... Hey! Non era che lo sviluppo di un vaccino adeguato richiedeva anni di sperimentazione e prove cliniche?
Non sará che l’influenza suina non è più di un’influenza e che non è pericolosa? Non sará che ...? Continuate voi.

Esisteranno sempre minacce di pandemie di influenza, reali o create, e ci saranno sempre vaccini potenzialmente tossici che sono venduti come soluzione.
Comunque, il fatto è che la normale influenza in questo momento è molto più pericolosa dell’influenza suina e, vi siete occupati da vicino della comune influenza prima che i media cominciassero a parlare dell’influenza A?

Ma è quello che il marketing dell’influenza suina fa distrugge tutto.

-------

L’influenza si cura entro due settimane, idratazione, paracetamolo e riposo (una zuppa calda o un té al limone anche aiutano).

Le persone morte per l’influenza A, come quelle per l’influenza comune, hanno altri fattori di rischio e debilitazione che aggravano il loro stato e ne causano la morte.

-------

Non neghiamo le necessarie misure di precauzione che stanno prendendo gli Stati.

Ma se l’influenza suina è una pandemia così terribile come annunciano i mezzi di comunicazione, se alla OMS preoccupa tanto questa malattia, perché non dichiara che è un problema di salute pubblica mondiale e autorizza la produzione del farmaco generico per combatterla?

-------

L’effetto PANICO. Le foto nelle prime pagine dei giprnali, i marchi di organismi di salute e la pubblicità occulta nelle strade = Paura = Strumenti del marketing per vendere vaccini / antivirali = AFFARE.

-------

Ignorare il brevetto di Roche e Relenza e distribuire il farmaco generico gratuitamente a tutti i paesi, specialmente quelli poveri.

Questa sarebbe la migliore soluzione.

Ma questo non è un AFFARE.

Viene ripetuto l'errore di citare Relenza come se fosse una casa farmaceutica (è invece il nome di un farmaco). Non ha molto senso l'obiezione che "lo sviluppo di un vaccino adeguato richiedeva anni di sperimentazione e prove cliniche", perché i ceppi influenzali mutano stagionalmente e quindi qualunque vaccino antinfluenzale che attendesse anni sarebbe inutile e arriverebbe troppo tardi.

C'è una certa contraddizione nell'affermare che il Tamiflu ha gravi effetti collaterali, tanto da causare la morte di alcuni ragazzi, ma poi proporre di "distribuire il farmaco generico gratuitamente a tutti i paesi, specialmente quelli poveri". Anzi, questa addirittura "sarebbe la migliore soluzione".


Paranoia


Dopo aver detto tutto più chiaramente, ho una riflessione alla quale mi piacerebbe che si aggiungessero più persone:

Alle autorità chiedo per favore che…

--------

Non mi contagiate con la vostra paranoia, furbastri.

L'influenza comune uccide mezzo milione di persone ogni anno nel mondo e nessuno si preoccupa.

-------

MANDA QUESTO MESSAGGIO A TUTTI, COME SE SI TRATTASSE DI UN VACCINO AFFINCHÈ TUTTI CONOSCANO LA REALTA’ DI QUESTA “PANDEMIA”.

A dire il vero, la paranoia sembra provenire più da questo messaggio e dai media sensazionalisti che dalle autorità.

Come antidoto a questa pioggia di affermazioni sbagliate o prive di conferme, provenienti da un autore ignoto, suggerisco un giro sul sito di Medbunker e su Dillinger.it, dove i medici italiani hanno accumulato un congruo dossier su tutte le storie e le dicerie che girano intorno all'influenza suina.

236 commenti:

«Meno recenti   ‹Vecchi   201 – 236 di 236
JohnWayneJr ha detto...

@pico

Le case farmaceutiche guadagnano soldi dalla vendita dei farmaci? Sarebbe questo lo scandalo?

pico ha detto...

jhon jr
non è uno scandalo ,busines is busines, la pubblicita' è l'anima del commercio

JohnWayneJr ha detto...

Esattamente... ma ti svelo un segreto... avvicinati... prometti che non lo dici a nessuno? Se si sapesse in giro questa cosa potrebbe sconvolgere l'economia mondiale... Allora sei pronto alla grande rivelazione?
Eccoti: nessuno è obbligato a comprare i prodotti pubblicizzati!! Nessuno!
Esatto, hai capito benissimo: se per un qualunque motivo non ti sta bene quello che fa un'azienda, puoi decidere di non comprare i suoi prodotti! E ti dirò di più: spesso le aziende abbelliscono la pubblicità, quindi non ti fidare troppo!

pico ha detto...

jhon jr
Pare che tutto abbia avuto inizio nel febbraio 2009 quando si ammala Edgar Hernandez, 4 anni, di La Gloria (Municipalità di Perote, Veracruz) ..wikipedia

il grafico delle azioni della novartis dal nov 2008 al nov 2009

http://it.advfn.com/nyse/Quotazione.asp?azione=NVS

qui quelle della baxter

http://it.advfn.com/nyse/Quotazione.asp?azione=BAX

quelle della gsk
http://it.advfn.com/nyse/Quotazione.asp?azione=GSK

la casualita'....

JohnWayneJr ha detto...

Sai quanti di quei soldi di fatturato dipendono da me? Più o meno zero.
Quei soldi arrivano da clienti che hanno liberamente deciso di acquistarli. Continuo a non capire, finchè nessuno è obbligato (per legge) a comprare i loro prodotti, dove stia il problema.

JohnWayneJr ha detto...

Scusa, ho scritto fatturato, mentre tu mi parlavi di azioni:
è ancora meglio, perché come sai le azioni non dipendono direttamente dall'andamento societario, e tantomeno dai prodotti commercializzati, quanto dall'umore del mercato.

Di nuovo, quante azioni ho di quelle società? Direi di nuovo zero.

pico ha detto...

motogio
quelli che dicono che questo h1n1
sia stato messo in giro per
dare una scrematura a questi
6,799,724,283 di persone
15:03 UTC (EST+5) Nov 27, 2009
si sono sbagliati di valutazione,
, invece un virus che esce a febbraio 2009 primo caso dichiarato nel bel mezzo di una discesa fissa giornaliera delle azioni delle varie holding,
proprio una bella fortuna,

ma poi a me che me ne frega

mogio ha detto...

@Pico

invece un virus che esce a febbraio 2009 primo caso dichiarato nel bel mezzo di una discesa fissa giornaliera delle azioni delle varie holding, proprio una bella fortuna,

Caso strano sembra che anche la Pfizer Inc. abbia beneficiato di questo colpo di fortuna:

Grafico azioni Pfizer
da Novembre 2008 a Novembre 2009


Ora cosa c'entri il Viagra® con l'h1n1 non lo so, ma possiamo sempre ricamarci sopra ;)

Ps ho controllato un pò di grafici e da febbraio e marzo sono molte le imprese che hanno cominciato a guadagnare dei bei punti nelle quotazioni, non solo le ditte farmaceutiche.

Per chi vuole provare:

Borsa di New York : Lista Azioni

JohnWayneJr ha detto...

"Ora cosa c'entri il Viagra® con l'h1n1 non lo so, ma possiamo sempre ricamarci sopra ;)"

Questo credo sia legato alla notizia della fine del mondo nel 2012... Quale miglior modo che morire tr...ndo??

marcov ha detto...

Nessun complottismo ma suvvia neppure troppa ingenuità.
Arriva una malattia nuova o una nuova versione di una malattia vecchia. All'improvviso appaiono scenari millenaristi: farà milioni o centinaia di milioni di morti corriamo al riparo! E i governi per non essere accusati di incoscienza spendono soldi in farmaci, anche per quelli di cui non è dimostrata l'efficacia per quella specifica malattia. Ovviamente Big Pharma guadagna.
Fatto sempre salvo il concetto che non è l'ombrellaio a far piovere e quindi non sono le multinazionali del farmaco a produrre le malattie, mi chiedo se non c'entrano proprio nulla nella diffusione delle notizie più angoscianti...

pico ha detto...

motogio
la pfizer annuncia l'acquisto per soli 96 miliardi di dollari a gennaio 2009 della Wyeth
produttrice anche di vaccini
dopo aver comunicato uno scivolone del 90% dell'utile netto nel quarto trimestre 2008 a 266 milioni verso un anno prima

mogio ha detto...

@Pico

la pfizer annuncia l'acquisto per soli 96 miliardi di dollari a gennaio 2009 della Wyeth
produttrice anche di vaccini
dopo aver comunicato uno scivolone del 90% dell'utile netto nel quarto trimestre 2008 a 266 milioni verso un anno prima


La Wyeth produce un vaccino contro il pneumococco (che causa un tipo di polmonite).

Non vorrei sbagliarmi ma che una casa farmaceutica produca un vaccino non mi sembra una notizia sconvolgente.

Inoltre nel 2008 mi sembra di ricordare che c'è stata una crisi mondiale in borsa e che poche imprese ne siano uscite senza registrare perdite consistenti.

Per l'acquisto della Wyeth la Pfizer ha speso 68 miliardi di dollari (non 96) divisi in titoli, azioni e contanti.

La Pfizer aveva speso 93,4 miliardi di dollari nel 2000 per l'acquisto della Warner-Lambert Co.

Il titolo della Pfizer ha continuato a scendere sino al mese di marzo per poi risalire al livello raggiunto al 1° gennaio '09 (da poco più di 18 $ ad azione a poco più di 18 $ ad azione).

Comunque mi sembra che tu stia cercando di dimostrare che le Big Pharma siano responsabili della diffusione del virus H1N1 per incrementare i loro guadagni ma senza ammetterlo.

Che ci guadagnino su questa storia non lo nega nessuno ma che ne siano responsabili mi sembra una tesi alquanto azzardata.

Posso quotare quanto affermato da "marcov"

Fatto sempre salvo il concetto che non è l'ombrellaio a far piovere e quindi non sono le multinazionali del farmaco a produrre le malattie, mi chiedo se non c'entrano proprio nulla nella diffusione delle notizie più angoscianti...

Ma che l'epidemia sia stata intenzionale è un'assurdità.

pico ha detto...

motogio :)
la notizia ( aprile 2009)
che la baxter aveva spedito da un suo laboratorio austriaco dei vaccini con il virus attivo della h5n1 nella repubblica ceca la avevi letta? i ceci lo hanno fortunatamente testato prima di immetterlo
e vedendo che i furetti (cavie) erano morti 30 su 30 , si son messi ad analazzare il vaccino scoprendo l'inconveniente causato da errore umano commento' la baxter
, cosa molto improbabile se non impossibile perchè la baxter lavora a sicurezza biologica 3(codice di comportamento BSL3)
qui c'è una riflessione in italiano
http://www.edizionisalus.it/articoli/impossibile_la_contaminazione_accidentale_di_un_vaccino_con_il_virus_d
ma se vuoi ti mando la press ceca

in italia i media non ne hanno parlato forse è sfuggita a me ma la cosa mi sembra enorme

ps : questo non c'entra niente con quello di cui stiamo parlando
ma è spettacolo uguale
pronto nel 2020 (speriamo di vederlo...hahahahahahah)

http://seaorbiter.com/vid/sea_fr2

mogio ha detto...

@pico

L'articolo che hai segnalato non l'ho trovato, in compenso ho trovato questo:

Omicidio di massa? Una giornalista accusa l'OMS e l'ONU di bioterrorismo e dell'intento di provocare un massacro

L'OMS e l'ONU stanno mettendo in pratica il più grande genocidio di massa della storia e quella giornalista li denuncia all'FBI ?

Strano come i potenti della terra riescano a sterminare milioni di persone senza che nessuno se ne accorga ma non riescono mai ad eliminare una singola persona per paura di farsi "sgamare".

Ps questo nel mondo fantastico dove vivono i complottisti perché nella realtà e vero il contrario; vedi l'omicidio della giornalista Russa Anna Politkovskaya come esempio.

pico ha detto...

motogio
http://www.torontosun.com/news/canada/2009/02/27/8560781.html

pico ha detto...

motogio anche qui

http://www.lifegen.de/newsip/shownews.php4?getnews=m2009-11-27-3622&pc=s01nche qui

Unknown ha detto...

Basta con questo cospirazionismo, non se ne può più! Big Pharma, l'industria dei vaccini, le FDA, tutti che speculano sulla nostra salute, ma dove le andate a leggere queste cose? Il nostro caro Ministro della Salute, Maurizio Sacconi, insieme alla moglie Enrica Giorgetti, direttore generale di Farmindustria, nonché azionista della Novartis non agirebbero mai contro i nostri interessi... o no?

Faber ha detto...

Nel mondo ogni anno muoiono due milioni di bambini e bambine di diarrea, che si potrebbe curare con un siero orale da 25 centesimi.

Il "siero" orale è la soluzione reidratante orale (SRO) dell'OMS, presente nell'elenco OMS dei farmaci essenziali:
indice
PDF adulti
PDF bambini
usata da 40 anni, una delle più efficaci ed economiche rivoluzioni nella storia della medicina.

Ne parla la pagina al link indicato da Paolo
diarrea
oral rehydration salts (ORS):
SRO

Il prezzo di ogni busta è circa quello indicato nella presentazione, anche meno.

E i notiziari non dicono nulla di questo.

I notiziari non parlano del "siero", perché è conosciutissimo e usatissimo: ha salvato dalla morte per disidratazione da diarrea decine di milioni di bambini.
BTW, il nome commerciale ad Haiti è Serum Oral.

Il numero di morti sembra grosso modo confermato dai dati OMS, che però indicano che la diarrea non si cura semplicemente con un siero orale (la cui natura non viene precisata dalla presentazione), ma anche con interventi ben più complessi: soprattutto la disponibilità di acqua pulita, l'igiene personale e la corretta conservazione degli alimenti.

La SRO cura la diarrea (purché nello sperduto villaggio la conoscano), la prevenzione si attua con le misure indicate da Paolo e, importantissimo, con l'allattamento al seno:
PDF allattamento

Qui c'è una sintesi in italiano sulla soluzione reidratante orale:
DOC SRO

Unknown ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Luca ha detto...

http://urlin.it/185cb

Yari Davoglio | Cronache dal '900 ha detto...

Luca,

ho scritto un commento relativo al link dell'articolo che hai postato, ma forse era troppo lungo, quindi mi è comparso l'errore "bX-47qz89".

La farò breve, molto breve: l'autore di quello scritto confonde la questione politica (conflitto di interessi) con quella scientifica (non c'è stata alcuna pandemia).

E' un errore grave, che fanno in molti, quindi anch'egli è in "buona" compagnia...

Anonimo ha detto...

Per Yari Davoglio

Non so gli altri, ma personalmente certi commenti che contengono unicamente un link a una pagina esterna, nemmeno vado a togliermi la curiosità di leggerli.
Non sono commenti, sono una forma di spam non commerciale.

Yari Davoglio | Cronache dal '900 ha detto...

Accademia dei pedanti ♂,

concordo con te, però me li guardo lo stesso i link, non si sa mai che capiti qualcosa di interessante (come più volte successo) :)

Luca ha detto...

@ Yari Davoglio:

sinceramente non ho compreso il tuo pensiero. Ammesso che vi sia la confusione che sostieni (tutta da dimostrare e per nulla scontata, dato che non entri nel merito ma ti limiti ad esprimere un giudizio generico), la stessa sarebbe in grado di inficiare il contenuto dell'articolo?

Mi pare tu sia saltato a conclusioni un po' affrettate partendo da un presupposto dettato da una reazione istintiva, più che da un'analisi seria e dettagliata.

Senza contare poi i fatti che sono sotto gli occhi di tutti (corroborati anche da affermazioni tratte da fonti ufficiali, come riportato dallo stesso articolo).

@ Accademia dei pedanti ♂:

non so gli altri, ma ero solito rispondere in questo modo solo quando mi trovavo all'asilo.

Anonimo ha detto...

Per Luca

non so gli altri, ma ero solito rispondere in questo modo solo quando mi trovavo all'asilo.

Si vede che hai avuto un'infanzia difficile, non solo da queste risposte.

Luca ha detto...

Ehehehe ...

non ti ricordi che eravamo amici per la pelle e giocavamo sempre insieme?

PS: complimenti per la risposta, la seconda di fila da persona adulta ... .

Luca ha detto...

PPS:

a quali altre risposte ti riferisci?

Forse a queste?:

http://attivissimo.blogspot.com/2007/01/maya-fine-del-mondo-nel-2012.html?commentPage=4#comments

No perché io qui non ci sono quasi mai ... fammi capire ... .

Yari Davoglio | Cronache dal '900 ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Yari Davoglio | Cronache dal '900 ha detto...

Luca,

scusami, leggi bene la fine del post di Paolo Attivissimo:
"Come antidoto a questa pioggia di affermazioni sbagliate o prive di conferme, provenienti da un autore ignoto, suggerisco un giro sul sito di Medbunker e su Dillinger.it, dove i medici italiani hanno accumulato un congruo dossier su tutte le storie e le dicerie che girano intorno all'influenza suina."

Chi credi che abbia scritto l'articolo su Dillinger? :)

Che analisi seria vuoi che faccia dato che l'articolo che hai linkato non è serio né abbastanza corposo?

Secondo te, il fatto che esista o meno il virus "X", il fatto che esista o meno una pandemia, il fatto che ci siano migliaia di deceduti alla cui morte ha contribuito il virus "X", dipende dal fatto che ci siano speculazioni/reticenze/conflitto di interessi oppure sono speculazioni/reticenze/conflitto di interessi che vengono fatti sfruttando un fenomeno? La risposta è la seconda, in questo caso. A meno che tu non creda che sia tutta un'invenzione delle case farmaceutiche. Io mi baso sui fatti e non sulle opinioni/credenze/voci di corridoio.

I virus non sottostanno alle leggi del capitalismo, ci sono e basta! :)

Luca ha detto...

@ Yari Davoglio:

guarda che io non ho riportato nulla di sbagliato o privo di conferme, né tanto meno proveniente da autori ignoti.

In secondo luogo perché mi rimandi a link (citando una parte dell'articolo di Attivissimo) che contengono informazioni non aggiornate o, al più (nel caso di Dillinger), sulla stessa linea del contenuto dell'articolo da me citato inizialmente (anche se il mio è molto più aggiornato)?

Ecco cosa si legge in dillinger.it:

"Contagi: dal 19 ottobre i contagi in Italia certi sono 4.500.000 (13 % degli abitanti).
Decessi correlati (e non causati da): 235 ad oggi, 17 dall’inizio del 2010 (190 persone, ossia l’81 %, presentavano almeno una condizione di rischio). In Europa sono 4266 (26 % del totale mondiale) ed i morti sottostimati nel mondo sono 16226 (46 % nel continente americano).
Percentuale decessi correlati ad A-H1N1 su contagiati: 0.005 % (dato mondiale 0.013 %)
Percentuale decessi correlati a normale influenza stagionale: 0.2 % ... ".

[aggiornamento del 03/03/2010]

A me pare, inoltre, che tu non abbia capito quali siano le fonti alle quali hanno fatto riferimento all'interno dell'articolo da te criticato senza costrutto. Ora le riporto per esteso:

https://wcd.coe.int/ViewDoc.jsp?Ref=PR455%282010%29&Language=lanItalian&Ver=original&Site=DC&BackColorInternet=F5CA75&BackColorIntranet=F5CA75&BackColorLogged=A9BACE

http://www.bmj.com/cgi/content/full/340/jun03_4/c2912

http://assembly.coe.int/CommitteeDocs/2010/20100604_H1N1pandemic_E.pdf

Yari Davoglio | Cronache dal '900 ha detto...

Guarda che le accuse mosse da Flynn e dai due giornalisti del BMJ sono vecchie di mesi e mesi. Sono convinti, ad esempio, che i vaccini siano pericolosi ("creation of health risks through vaccines and medications which might not have been sufficiently tested before being authorised in fast-track procedures"). E la menano ancora sulla mutata definizione di pandemia dell'OMS ("coupled with a documented changing of the definition of a pandemic")!

Torniamo all'articolo iniziale che hai linkato:

"“Questa pandemia non è mai realmente esistita”, ha sintetizzato così l’onorevole Paul Flynn"

Quindi il virus non si è diffuso in meno di un anno su tutto il globo?

"Per il socialista inglese il programma di vaccinazioni messo in piedi dall’Oms sarebbe stato una “terapia placebo utilizzata su larga scala“"

Sai cos'è un placebo? Bene, un vaccino non lo è mai. E il vaccino è lì, con il suo antigene ed il suo brodino, pronto per essere analizzato dagli scettici. Non è un flaconcino omeopatico.

Poi leggo domande come questa:

"Ma come è possibile che delle compagnie farmaceutiche, cioè delle aziende private con enormi interessi diretti, abbiano la possibilità di influenzare le decisioni di organismi che, per definizione, dovrebbero essere al di sopra di ogni sospetto e agire esclusivamente per il bene della popolazione?"

Qualcuno gliel'ha detto che Babbo Natale non esiste? Chi si pone questa domanda non sa nulla di scienza politica e quindi di come gira il mondo. Sveglia, siamo nel capitalismo da almeno 150 anni.

"utilità dell’impiego di farmaci antiretrovirali, come Tamiflu e Relenza, rispettivamente prodotti da Roche e GlaxoSmithKline, nella lotta all’influenza suina. Utilità che oggi viene invece messa in discussione e sulla quale paiono non esservi certezze."

E da chi viene messa in discussione? Dai virologi? Non penso proprio.

In conclusione, è vero che c'è stata un'epidemia dal rischio potenziale enorme? SI'.
E' vero che i produttori di farmaci hanno cavalcato il fenomeno per vendere quantitativi immensi di vaccini ai governi? SI'.
E' vero che la pandemia A-H1N1 è stata "inventata" da "collusi con le case farmaceutiche" per ingrassare i propri conti in banca? NO.

Yari Davoglio | Cronache dal '900 ha detto...

Ah, rispondo a questa tua domanda:

"Ammesso che vi sia la confusione che sostieni [...], la stessa sarebbe in grado di inficiare il contenuto dell'articolo?"

Certo, perché un virus agisce indipendentemente dal sistema produttivo; indipendentemente da quale frazione della borghesia governi e comandi; indipendentemente dalle idee che una persona si fa; indipendentemente dalla stessa scienza.

Quell'articolo riporta la tesi di qualcuno che dice: "siccome ci sono interessi economici dietro A-H1N1 e non ci sono state badilate di morti, allora non c'è mai stata pandemia". Questa non è analisi, questa è ideologia supportata da ignoranza.

Faber ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Faber ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Faber ha detto...

Premesso che Tom Jefferson (italiano madrelingua inglese) sta alle bufale mediche (in particolare, vaccinali) come Paolo Attivissimo sta alle bufale informatiche, per l'ennesima volta:
Tom Jefferson
British Medical Journal.

Tom Jefferson è razionale, competente e, probabilmente, indipendente da interessi economici e accademici: il tempo dedicato alla lettura del suo sito è un ottimo investimento intellettuale e culturale.

Da anni, con il senno di prima, non con il senno di poi, Tom e la Cochrane Collaboration hanno chiarito che le costose strategie vaccinali antinfluenzali non sono basate su prove scientifiche di efficacia.
Basta che sia chiaro questo, poi possiamo spendere i soldi come vogliamo.

A proposito, la scelta di curare la figlia diabetica con la "medicina" "alternativa" e la dissennata strategia vaccinale suina dell'organizzazione mondiale delle str... (stravaganze) hanno il medesimo tipo di fondamento: il rifiuto della medicina basata sulle prove scientifiche.
Clara Palomba è morta, ma sono morte anche le persone alle cui cure e profilassi abbiamo sottratto i miliardi di euro mondiali spesi per il vaccino suino.

Link al Centro Cochrane Italiano: uno, due.

Yari Davoglio | Cronache dal '900 ha detto...

Faber,

giustissimo quanto scrivi: i quantitativi di vaccino erano enormi. Vorrei fosse chiaro, anche qui, che questo non c'entra con la questione scientifica perché quelle sono state scelte politiche a favore delle case farmaceutiche.

«Meno recenti ‹Vecchi   201 – 236 di 236   Nuovi› Più recenti»