Cerca nel blog

2010/01/18

Poster creazionisti per Lugano (UPD 20100122)

Creazionisti: "La materia è un'illusione". Vero: s'illudono che il creazionismo sia una materia


Questo articolo vi arriva grazie alle gentili donazioni di "luca.bosc****" e "sweethingmarco".

Stamattina, al rientro dalla radio, mi è caduto l'occhio su questo poster vicino alla stazione di Lugano, e ho tirato fuori subito la mia fotocamera. Ero in auto, fermo al semaforo, per cui non ho avuto tempo di far di meglio. Gli amici mi segnalano che poster analoghi sono spuntati in altri luoghi molto frequentati della città.

Il poster dice "Darwin - una bestemmia alla scienza", mostra il classico disegno degli stadi dell'evoluzione umana, cancellato con una X e la scritta "FALSO", e sotto offre tre slogan: "L'inganno dell'evoluzione – Il Darwinismo non è una scienza – La materia è un [sic] illusione".

In basso c'è un indirizzo di un sito Web, www.lingannodellevoluzione.com.

Non ho ancora avuto tempo di riprendermi dalla crisi di risate e di scoprire chi c'è dietro e ha soldi da spendere in campagne pubblicitarie del genere, e di pensare come bisogna rispondere a una manifestazione di terrapiattismo di questo calibro. Sempre che ci sia bisogno di rispondere a chi sostiene che la materia sia un'illusione. Se nel frattempo scoprite qualcosa voi, segnalatelo nei commenti o via mail al solito topone chiocciola pobox.com. Garantisco l'anonimato a chi mi contatta privatamente.


2010/01/22


Visitando il sito citato dai poster, affissi in tutto il Canton Ticino ma non nel resto della Svizzera, risulta che pubblicizza gli scritti di Harun Yahya (foto qui accanto, tratta da Harunyahya.tv).

Wikipedia in inglese segnala che Harun Yahya è lo pseudonimo di Adnan Oktar, nato ad Ankara nel 1956, un sostenitore di spicco del creazionismo islamico. Migliaia di copie gratuite del suo libro, The Evolution Deceit (L'inganno dell'evoluzione), sono state distribuite in Turchia a partire dal 1998, accompagnate da frequenti pubblicità nei quotidiani turchi. Oktar ha anche acquistato un'inserzione nella rivista statunitense Time.

Un altro suo libro, The Atlas of Creation (L'atlante della creazione), un tomo di 800 pagine pesante più di cinque chili, è stato spedito gratuitamente in decine di migliaia di copie a scuole, ricercatori e istituti di ricerca in Europa e negli Stati Uniti. Il libro è ricco di errori e di affermazioni scientificamente sballate: in sostanza, confronta fossili con animali moderni e li dichiara identici. In realtà basta guardare le immagini per rendersi conto che sono differenti.

Adnan Oktar è qualcosa di più del solito eccentrico che autofinanzia la produzione delle proprie idee pseudoscientifiche. Negli anni scorsi, in Turchia è riuscito a far bloccare l'accesso a vari siti Web, compreso il popolare sito di blogging Wordpress.com e Google Gruppi, che Oktar ha accusato di diffamazione nei suoi confronti. Lo stesso è avvenuto per il sito di Richard Dawkins, notissimo teorico della biologia, e persino per il sito di uno dei giornali più importanti della Turchia, Vatan.

Come riferisce il Guardian britannico, Oktar è a capo di un'organizzazione altamente coordinata ma assai reticente nel rivelare le fonti della propria ampia disponibilità economica, e secondo Reuters nel 2008 è stato condannato a tre anni di carcere in Turchia per "aver creato un'organizzazione illegale per lucro personale".

Oktar dice di offrire un premio di dieci trilioni di lire turche, circa sette trilioni e mezzo di franchi (5 trilioni di euro) a chiunque gli mostri un singolo fossile che dimostri l'evoluzione. A suo dire, tutti i fossili finora scoperti mostrano che "piante, animali, umani e insetti non hanno mai subìto evoluzioni" e sono stati creati tali e quali. Eppure Oktar, per sua stessa ammissione, non ha alcuna esperienza o preparazione scientifica. Ha studiato architettura d'interni.

Chi invece di competenza ne ha, come Richard Dawkins, ha pubblicato varie critiche dell'Atlante della Creazione. Per esempio, questo articolo mostra i ripetuti, grossolani errori delle affermazioni di Oktar: non solo l'autore turco mostra animali vistosamente differenti e li dichiara identici, ma uno degli scivoloni più gustosi è quando Oktar presenta un insetto che sarebbe identico ai suoi antenati di milioni d'anni fa e mostra... un'esca da pesca, con tanto di amo visibile (foto qui accanto).

Chi volesse documentarsi sulle basi scientifiche solide e concrete dell'evoluzione e sul fatto che l'evoluzione non è in conflitto con la fede (come del resto dichiarato anche da Papa Giovanni Paolo II) ha a disposizione un buon numero di siti Internet, anche in italiano, come Pikaia.eu, L'orologiaio miope o questa del Cicap. In inglese segnalo in particolare la chiarissima FAQ dell'emittente pubblica statunitense PBS e Talkorigins.org.

La campagna pubblicitaria sul creazionismo può quindi essere un'ottima occasione per conoscere meglio i fatti che stanno dietro all'evoluzione e sfatare alcuni dei luoghi comuni che circondano una delle scoperte meglio documentate e più importanti della storia.

851 commenti:

«Meno recenti   ‹Vecchi   801 – 851 di 851
Stupidocane ha detto...

...SHHHHHHH!!! Rumore che continua...

Turz ha detto...

@F7428476:
Chiusa la parentesi, i dizionari da me consultati riportano solo "poffare" con una erre sola: deriva infatti da "può fare [sottinteso: il cielo, il Signore, dio...]".

E si ritorna alla teologia. E si ritorna anche agli apostrofi, perché se Dio può fare, per i credenti Dio fa. Ma per i miscredenti (in particolare piemontesi) Dio fa'.

@Stupidocane:
Altrimenti sembra un verbo generalista detto da un Puffo con una fetta di torta in bocca...

Effettivamente mi chiedevo come mai alla mia torta mancasse una fetta. Poffare, adesso ho capito! Allora vado a mettere il lucchetto al frigo, che è meglio!

Anonimo ha detto...

Per Turz

Chiusa la parentesi, i dizionari da me consultati riportano solo "poffare" con una erre sola: deriva infatti da "può fare [sottinteso: il cielo, il Signore, dio...]".

E si ritorna alla teologia....


Io ci ho visto un'allusione di tutt'altro tipo: per le elezioni del 2008 il PD di Walter Veltroni scelse "si può fare" come parola d'ordine. Non si trattava di un adattamento trasteverino dello "Yes, we can" di Barack Obama; e neppure una citazione della canzone di Angelo Branduardi del 1992; e nemmeno, come ha scherzosamente fatto credere in alcune apparizioni su La Sette, un'esclamazione uscita dalla bocca di Giuliano Ferrara in un cinemino romano dove proiettavano un film d'azione di serie Z. Nulla di tutto ciò: il nome della campagna elettorale era la forma estesa di "poffare!": poffare [sempre sottinteso il Cielo, il Signore, dio] che vinciamo le elezioni!
Invocare i miracoli non ha aiutato.

Stupidocane ha detto...

E per i timidi e gli introversi esiste il "poffarbacco". Due bei goti di rosso e via all'avventura...

Stupidocane ha detto...

Or che mi sovviene... ma comai il buon Aronne Giovanni ha tappezzato proprio Lugano con i poster(s)? Non sarà legato alla deminaretizzazione della patria delle Ricola? Ovvero, mandare un messaggio "forte" ai governanti che hanno osato estromettere un dio nell'educazione dei buoni precetti della religione... Comai? Mmmh...

SirEdward ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
SirEdward ha detto...

Beh, se il messaggio forte è "siamo idioti che credono a delle boiate di proporzioni bibliche e in più non sappiamo nemmeno l'italiano", allora mi sa che non farà altro che confermare le idee degli antiminaretani (che son diversi dagli anti-mino-reitani (ok... non lo faccio più...)).

Se fossi di religione islamica denuncerei il pazzoide turco per il suo tentativo di dare un'immagine dell'Islam caricaturalmente rozza, stupida e ignorante.

Stupidocane ha detto...

SirEdward

Se tu fossi di religione islamica, con buona probabilità saresti uno dei tanti fedeli indottrinati a considerare che tutto derivi da Allah, sempreché tu non abbia avuto la fortuna di studiare all'estero.
Trovo che tra le religioni integraliste, quella musulmana sia tra le più strutturate.
(Vi prego, non è una provocazione)

airone76 ha detto...

le religioni integraliste

Per me è scorretto parlare di "religioni integraliste": di solito si parla di "movimenti integralisti", che evidenzia come sia una parte e non tutta la religione ad essere integralista. Le religioni oggi non sono più integraliste di per loro (Nel medioevo forse lo erano diventate, quando cioè il movimento coincideva con la stragrande maggioranza dei fedeli). Non tutti gli islamici sono integralisti, così come il cattolicesimo (nè il cristianesimo) in se non è integralista.

airone76 ha detto...

P.s. in questo senso rientra la frase di Cristo "Rendete a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio". (Mt22,21 Mc12,17 Lc20,25) Ambiti diversi leggi diverse per evitare l´integralismo.

Turz ha detto...

@Stupidocane:
Se tu fossi di religione islamica, con buona probabilità saresti uno dei tanti fedeli indottrinati a considerare che tutto derivi da Allah, sempreché tu non abbia avuto la fortuna di studiare all'estero.
Trovo che tra le religioni integraliste, quella musulmana sia tra le più strutturate.
(Vi prego, non è una provocazione)


Cos'è, ti sei trasferito in Puffolottilandia?

Stupidocane ha detto...

Rivedo e correggo il mio intervento a favore di airone, in quanto più giusto parlare di movimenti islamici integralisti piuttosto che di religione islamica integralista.
Quello che sto cercando di dire è che secondo me, dati i regimi teocratici mediorientali, forse al giorno d'oggi la religione che registra più cellule estremiste è proprio quella mussulmana. Nel senso di essere spezzettata in tanti movimenti a sé, comandati da "santoni" che si spacciano, o meglio, vengono accettati come Ayatollah e che di fatto distorcono il messaggio di pace del corano.

Il richiamo a Puffolottilandia, non l'ho capito...

Turz ha detto...

L'affermazione che cominciava con "Se tu fossi" mi ricordava certe affermazioni di Puffolotti.

Niente a che fare con Poffare, Poffarbacco e il puffo con la fetta di torta in bocca, s'intende.

Stupidocane ha detto...

Ahn... non ci ho mai fatto caso...

Anonimo ha detto...

Sempre in margine al tema di creazionismo, segnalo questa ennesima perla da parte di una giornalista, tal Emanuela Di Pasqua. Per la serie "non ci capisco nulla ma ne scrivo lo stesso":

http://tinyurl.com/yho8co3

In sé l'articolo è solo molto superficiale, senza vere inesattezze: non ho fatto ricerche, a dire il vero, quindi non ci metto la mano sul fuoco. La conclusione però tradisce la sua ignoranza: «Ora questa specie gigantesca dello Utah rimette in discussione molte certezze ormai acquisite sull’origine della vita sulla Terra». La teoria dell'evoluzione nulla ha a che vedere con l'ipotesi, anzi le ipotesi, dell'origine della vita sulla Terra.

Stupidocane ha detto...

CASPITA! BEN SETTE CENTIMETRI! SONO DEGLI ENORMI MOLLUSCONI GIGANTI CHE METTONO IN DUBBIO la ricetta del caciucco...

Stupidocane ha detto...

http://geology.gsapubs.org/content/38/2/147

Sembrerebbe che i "GIGANTI ENORMISSIMI" fossero in buona compagnia... Che facciamo? Riscriviamo la preistoria? Credo proprio di si. Che male c'è?
Abbiamo un elemento in più od in meno per capire l'avvento della vita sulla Terra? Credo sia un elemento in più.
Mettiamo in discussione come la vita si sia sviluppata per il fatto di spostare l'inizio di un'evoluzione? Ma per piacere...
Buttiamo a mare la teoria evoluzionista perché ci sono fossili "SMODATAMENTE GIGANTISSIMI" tra i Lillipuziani? Ma per piacere...

airone76 ha detto...

@F7428476 e Stupidocane

Letto anche io e rabbrividito nello stesso modo leggendo il titolo. Per questo, che sia religione o scienza, mai fidarsi di quello che dicono i giornalisti!

Anonimo ha detto...

Anche se non è in tema:
Al Corriere della sera vogliono vincere a man bassa il concorso per il maggior numero di castronerie in una singola edizione. Dopo quello sui fossili giganti, ecco un articolo a cura di Giovanni Caprara sui raggi gamma:

http://tinyurl.com/ye4qfja

Non ho le basi scientifiche per sapere quanto provenga effettivamente dai ricercatori, e quanto dalla fantasia del giornalista. Mi preme sottolineare la sciatteria dell'articolo: non c'è una frase che sia una priva di errori, e alcune rasentano il nonsenso.

Ed ecco il bis da parte di Emanuela Di Pasqua:

http://tinyurl.com/y9uq3rp

"Tracce di materia oscura sulla terra", dice il titolo. E di battute sulla materia davvero oscura se ne potrebbero fare... In più, letta l'ultima frase, si ha l'impressione che il pezzo sia stato tranciato a metà.

airone76 ha detto...

Quello di Caprara non sembra a prima vista una stupidaggine, anche se è scritto da un liceale. La Di Pasqua si conferma invece nonsense scientifico: premessa: la materia oscura non si sa che cosa sia e se ne conosce l'esistenza solo perchè influenza la gravitazione di enormi ammassi di materia, come le galassie.
alcuni scienziati hanno dichiarato di aver rilevato, per la prima volta in maniera diretta, particelle di materia oscura. In particolare hanno visto due eventi in un anno Assoluto nonsense:
1) non si sa che particelle cercare, come fanno a trovarle?
2) hanno visto in maniera diretta che cosa, visto che proprio perchè oscura se ne possono solamente vedere gli effetti su altra materia?
3) in particolare hanno visto eventi in che senso?
4) Titoletto: Quella oscura materia oscura.
Mamma mia, e magari è pure pagata!!

Anonimo ha detto...

Annuncio ufficialmente che ho cambiato pseudonimo, a causa della difficile memorizzazione del precedente, F7428476.

Anonimo ha detto...

Per airone76

Quello di Caprara non sembra a prima vista una stupidaggine, anche se è scritto da un liceale.

Ma hai visto che razza di italiano usa? Povero liceo italiano! Per associazione di idee con il nuovo articolo della Di Pasqua, mi fai tornare alla mente un film degli anni Settanta: "Il liceale nella classe dei ripetenti".

4) Titoletto: Quella oscura materia oscura.
Mamma mia, e magari è pure pagata!!


Per Buñuel quell'oscuro oggetto del desiderio esisteva, almeno a giudicare dal film (secondo me noiosissimo); non so se è del desiderio, in ogni caso per la Di Pasqua quell'oscuro oggetto è la scienza tout-court.

Stupidocane ha detto...

Ma noooooooo.... Proprio adesso che avevo memorizzato F7428476... Focca la bindella...

;-P

Stupidocane ha detto...

I fisici sanno solo che è non barionica e non ha interazione elettromagnetica con la materia ordinaria, il resto della gente (i non fisici si intende) probabilmente non ha neppure gli strumenti conoscitivi per concepirne il significato.

Io che faccio parte del resto della gente so a malapena il significato di "barionica" perché ho letto qualche libro. Trovo più ostico questo termine (per i non fisici) che capire il concetto di "materia oscura".
E' comunque un esperimento interessante, anche se mi ricorda molto uno simile per la "cattura" dei neutrini. Che stiano cercando le due facce della stessa medaglia?

Stupidocane ha detto...

Comunque riscriverei il titolo così:

Quella oscura Materia Grigia trovata in redazione

airone76 ha detto...

Che stiano cercando le due facce della stessa medaglia?

È una delle ipotesi: se il neutrino avesse una massa potrebbe essere un buon candidato, anche se ci sono alcuni problemi, per esempio che si è arrivati a dimostrare che il neutrino non può avere una massa superiore ad un certo valore e questo è troppo basso per essere utile come materia oscura.

Anonimo ha detto...

Quando vennero pubblicati i risultati della ricerca PISA (Programma per la valutazione internazionale dell'allievo) del 2006, che quell'anno era incentrata sulle materie scientifiche, l'Italia risultò al 26° posto su 30 paesi esaminati. Peggio dell'Italia nella UE stavano solo Portogallo e Grecia. Mi chiedevo: cosa fanno gli studenti fra i 15 e i 16 anni esaminati dalla ricerca PISA, una volta diventati adulti? Ora ho la risposta: vanno a curare la rubrica delle scienze dei quotidiani italiani!

Turz ha detto...

@Accademia dei pedanti ♂:
"Tracce di materia oscura sulla terra", dice il titolo. E di battute sulla materia davvero oscura se ne potrebbero fare...

Ti stupisci perché forse non hai visto questo.

Annuncio ufficialmente che ho cambiato pseudonimo, a causa della difficile memorizzazione del precedente, F7428476.

Per essere precisi :-) hai proprio cambiato account. Per di più hai continuato a postare da un'altra parte col tuo vecchio account F7428476.

P.S.: Per semplicità, nelle risposte possiamo omettere il ♂ dal tuo pseudonimo?

airone76 ha detto...

Mi ero assentato per andare a "precisare" (;-))qualcosa in uno dei blog che linkano questo articolo, ma mi sono accorto che non tutte le persone che girano nei blog "scientifici" sono serie.
Sempre più punti a tutti quelli che qui postano, grazie!

(Tra l´altro mi hanno pure cancellato due post alla fine... vabbeh)

Anonimo ha detto...

Per Turz

Ti stupisci perché forse non hai visto questo.

No no, all'epoca in cui era stato pubblicato l'articolo lo avevo visionato.

Per essere precisi :-) hai proprio cambiato account.

Avevo anche cercato di cambiare nome da gmail, ma non funzionava: qui sul forum compariva come mittente F7428476, invariabilmente. A quel punto ne ho creato uno nuovo, un indirizzo di posta elettronica in più non fa mai male. ;-)

Per di più hai continuato a postare da un'altra parte col tuo vecchio account F7428476.

Lì è lui che ha cambiato pseudonimo senza annunciarlo. Non mi pareva il caso lo cambiassi anche io, anche per la chiarezza dei lettori occasionali del forum. Estinta quella singola discussione, cambierò anche lì.

P.S.: Per semplicità, nelle risposte possiamo omettere il ♂ dal tuo pseudonimo?

Sì. Ovviamente è stato messo perché "accademia" poteva lasciar qualche dubbio di genere.

Turz ha detto...

@Accademia dei pedanti:
Avevo anche cercato di cambiare nome da gmail, ma non funzionava: qui sul forum compariva come mittente F7428476, invariabilmente. A quel punto ne ho creato uno nuovo, un indirizzo di posta elettronica in più non fa mai male. ;-)

Lo so, è un patimento. Il nome va cambiato qui, altrimenti Blogger non capisce.
Ormai non ti serve, ma un trucchetto in più non fa mai male.

Sì. Ovviamente è stato messo perché "accademia" poteva lasciar qualche dubbio di genere.

Invece F7428476 chiaramente no ;-)

Ho notato che dipende dal contesto. In un blog pieno di nerd come questo, chiunque viene considerato di sesso maschile finché non inizia a riferirsi a se stesso con nomi/aggettivi/pronomi/participi al femminile. E a volte non basta, visti alcuni recenti episodi :-)

In una mailing list per traduttori, invece, finché non hanno visto scritto "Traduttore" alcune persone mi avevano implicitamente appioppato il "fiocco rosa".

Nodens ha detto...

Lasciando da stare per un'attimo le dottissime considerazione grammaticali di Accademia vorrei osservare come questo thread mostri come la prima cosa da fare se si vuole fare un blog sul creazionismo è attaccare la bufala che Evoluzione e fede siano incompatibili.
Lascia sconcertati come questa bufala sia propagandata + dagli "evoluzionisti" che dai "creazionisti" stessi.

Anonimo ha detto...

Peccato che l'orologiaio miope non sia della stessa idea:
http://www.lorologiaiomiope.com/precisazione/

Nodens ha detto...

Questo dice l'orologiaio
"Mi dispiace, Paolo, ma io penso che l’evoluzione e la fede non abbiano niente a che spartire l’una con l’altra perche’ appartengono a piani mentali differenti. Se li accosti forzatamente, pero’, come hai fato tu, allora si, il conflitto ce lo vedo eccome, e penso di averlo sempre lasciato trasparire in questo blog"
Questa frase non la capisco.
Evoluzione e fede sono su due piani mentali differenti ma se li si accosta per dire che non sono in conflitto allora ecco che sono in conflitto.
Sarò io ma detta così non ha senso.
Ciò detto, a maggior ragione, questa bufala è molto diffusa e spinge ipso facto i credenti verso il creazionismo, il che è stupido.

airone76 ha detto...

Sull´orologiaio ho già detto, dato e ricevuto.

Volevo solo postare due link dal blog di Gianni Comoretto (come me uno scienziato credente) sulla storia del rapporto chiesa-scienza in materia di evoluzione e su quello che è oggi.
IN sostanza ripetono quello che ho già detto io, ma scritto in modo diverso e da un'altra persona magari è utile.

airone76 ha detto...

@ Nodens

Lascia perdere, sul quel blog son stato insultato perchè cercavo proprio di spiegare quel passaggio (che anche secondo me non ha senso) e perchè ho presentato un fatto (non esiste scomunica per il divorzio [ripeto, è un fatto non una mia opinione]). Rimani qui con noi che si sta meglio ;-)

...

Beh ... almeno non ci insultiamo.

Turz ha detto...

@airone76:
Lascia perdere, sul quel blog son stato insultato perchè cercavo proprio di spiegare quel passaggio (che anche secondo me non ha senso) e perchè ho presentato un fatto (non esiste scomunica per il divorzio [ripeto, è un fatto non una mia opinione]). Rimani qui con noi che si sta meglio ;-)

...

Beh ... almeno non ci insultiamo.


Non mi pare che ti abbiano insultato. Oppure "io lo lascerei volare nei suoi cieli" è un insulto? Sarà una battuta acida, ma gli insulti sono ben altro (prendi un thread di sciachimisti a caso).

airone76 ha detto...

Non mi pare che ti abbiano insultato.

E "qui si parla di bestiole brutte ma meno viscide dei cattolici?" non sarebbe un insulto? Soprattutto visto che stavo parlando da fatti e non di mie considerazioni?

Ma comunque non mi interessa, e non me ne faccio un problema (dai complottisti ho ricevuto ben peggio!), mi lascia solo un po'di tristezza: dagli stupidi non ti aspetti più di tanto, dalle persone che credi itelligenti si, soprattutto visto che io parlo di fatti e loro mi rispondono con "il cattolicesimo che conosci tu e’ evidentemente diverso da quello che conosco io". Personalmente credo di conoscerlo meglio io quello in cui credo che un altro, soprattutto visto che, ripeto, quello di cui parlavo erano fatti concreti e documentabili. Mah... lasciamo perdere va.

SirEdward ha detto...

Per quanto riguarda l'orologiaio...

non riconoscere che il fanatismo è una condizione della mente, non delle idee, e anzi affermare, con una certa presunzione, che la propria idea sarebbe l'unica a possedere la peculiare caratteristica di non poter esistere nella mente di un fanatico, con l'ovvia conseguenza di negare la possibilità per qualsiasi sostenitore di tale idea di aver sviluppato o poter sviluppare in futuro una deriva fanatica, è il primo passo ("noi abbiamo intrinsecamente ragione") verso il fanatismo stesso.

Anonimo ha detto...

È vero che una parte di questo articolo è stata citata su l'orologiaio miope, cosa giustamente segnalata qui. Ma quanti commenti dobbiamo ancora sorbirci su come sono maleducati o fanatici o dogmatici "quelli là"? I commenti riguardanti l'orologiaio miope commentateli sull'orologiaio miope, i commenti del Disinformatico sul Disinformatico.

A me personalmente quel sito non mi dice proprio nulla riguardo alla teoria dell'evoluzione in sé: tratta di come gli animali si siano adattati all'ambiente nelle più disparate maniere. È la stessa differenza che intercorre fra un manuale con specifiche tecniche di un telefono, e l'elenco degli abbonati. Magari a qualcuno interessa più l'elenco degli abbonati, per carità, ma ad un tecnico e ad uno scienziato interessa innanzitutto come è stato progettato e come funzionano le sue varie parti. :-)

Nodens ha detto...

Turz ha commentato:

"Non mi pare che ti abbiano insultato. Oppure "io lo lascerei volare nei suoi cieli" è un insulto? Sarà una battuta acida, ma gli insulti sono ben altro (prendi un thread di sciachimisti a caso)."

Per essere + precisi è un dileggio.
Aggiungerei che anche se è vero che un complottista a caso fa molto di peggio ciò non significa che sia un comportamento da persona matura. Se no rischiamo una generale "Reductio ad complottum". ;)

Nodens ha detto...

SirEdward ha commentato:
"Per quanto riguarda l'orologiaio...

non riconoscere che il fanatismo è una condizione della mente, non delle idee, e anzi affermare, con una certa presunzione, che la propria idea sarebbe l'unica a possedere la peculiare caratteristica di non poter esistere nella mente di un fanatico, con l'ovvia conseguenza di negare la possibilità per qualsiasi sostenitore di tale idea di aver sviluppato o poter sviluppare in futuro una deriva fanatica, è il primo passo ("noi abbiamo intrinsecamente ragione") verso il fanatismo stesso."

Rischiando le ire del "Guardia di Thread" (;P) non posso che sottoscrivere.
Aggiungo che questo atteggiamento non si trova solamente in quel blog ed è anzi molto diffuso. Anche in questo stesso blog questa forma mentis si affaccia spesso.
Reitero la mia opinione, una delle "Pezze d'appoggio" della Bufala del creazionismo è che tutti i credenti sono automaticamente creazionisti.

Turz ha detto...

@Nodens:
Se no rischiamo una generale "Reductio ad complottum". ;)

Con conseguente invocazione della legge di... allora vediamo un po', Godwin per il nazismo, Bartezzaghi per le crociate, la chiamiamo legge di Fooles (in onore del celebre Prof. A. Fooles che lavora solo il novantunesimo giorno dell'anno)?

Stupidocane ha detto...

Commento sull'orologiaio strabico "moderato"... e pensare che avevo scritto solamente "bah"...

Stupidocane ha detto...

Lunga assenza dovuta principalmente a motivi lavorativi...

Maaa, riallacciandomi al discorso, guerra di religione si, guerra di religione no, minareti e democrazia: chi se la sente di riesumare il vecchio thread minarettaro e commentare la boutade di quel "matt...inchione" di Muʿammar Abū Minyar al-Qadhdhāfī e la sua nuova, personalissima Jihad?

mogio ha detto...

@Stupidocane

Classico esempio di guerra dove la religione viene sfruttata a fini personali, e familiari.

Stupidocane ha detto...

Già, ma perché tirare in ballo dio? Sicuramente perché richiama più guerrieri che non dire semplicemente " I sguizzeri anno buttato fuori mio filio che a preso a schiuaffi la domestica. Mi date una mano a darglieli a loro?"

No, indiciamo una bella Jihad che quella sappiamo benissimo che tira più di una coppia di buoi...

Chi se la sente di sostenere ancora che una guerra di religione, per quanto per fini personali o politici, non abbia sulla popolazione un richiamo molto forte?

Turz ha detto...

@Stupidocane:
Chi se la sente di sostenere ancora che una guerra di religione, per quanto per fini personali o politici, non abbia sulla popolazione un richiamo molto forte?

Hai ragione, ha un richiamo molto forte, è per questo che viene invocata. L'importante è che tu non ti illuda che:
1) se la religione "miracolosamente" sparisse, i fini politici non possano trovare altri mezzi di reclutamento;
2) la religione "miracolosamente" sparisca.

Anonimo ha detto...

Mi riallaccio al ragionamento di Stupidocane per andare vertiginosamente fuori tema: mi chiedo se tutte le guerre definite come "di religione", o "guerre sante", non avessero alla base questioni di una bassezza e meschinità ributtanti, come l'esempio di Mu'ammar e del figlio Hannibal.
Ci vorrebbe uno o più storici preparati per rispondere caso per caso, ma la cosa non mi stupirebbe affatto. A quel punto potremmo riscrivere la citazione attribuita a Friedrich Dürrenmatt: «Quando lo Stato si prepara a uccidere, lo chiama "salvezza delle anime"».

Stupidocane ha detto...

@Turz

Non m'illudo neanche per un secondo che la religione sparisca, miracolosamente o meno.

Rinunciare alla religione, al dio, all'erronea concezione dell'elitarietà dell'uomo, alla convinzione che "ci sarà pure un motivo se siamo qui", all'altra radicata concezione "io sono, grazie a dio", è un percorso interiore personale.

Una volta arrivato a quel punto, l'individuo si rende conto che dio non solo non c'entra in situazioni come quella di Gheddafi. Proprio non c'entra in nessuna situazione.

Da ciò deriva naturalmente la ricerca di una nuova motivazione, che sia essa politica, militare, economica, ecc. ecc. per muovere guerra al "diverso".

Tenendo ben presente che qualsiasi motivazione si dia ad una guerra, è sempre quella sbagliata, risulta fin troppo facile il sillogismo tra motivazione religiosa e qualsiasi altra motivazione. Muovere le masse per dio o al motto evergreen "più f**a per tutti" poco cambia: dimostra con fin troppa evidenza il basso grado evolutivo dell'essere umano in relazione alla società.

Ma a fronte di tutto ciò, il despota colpito negli affetti, quali altri motivi potrebbe addurre per iniziare un conflitto con una nazione non belligerante wie die Schweiz ist?
E quali leve dovrebbe usare per aizzare il "suo" popolo contro uno di moderati, pacifici, ricchi ed utili svizzeri? Dico utili perché credo che Gheddy abbia più di un conto in qualche banca lassù..

Non da ultimo, teniamo conto che alcune delle cause remote e prossime di questa novella Jihad sono religiose:
- il no svizzero ai minareti;
- la legge coranica che vede la donna come un oggetto alla mercé dell'uomo, quindi passibile di percosse senza strascichi legali;

Motivazioni politiche:
- gli svizzeri non vogliono dittatori sul loro territorio

Personali:
- Gheddafi è fuori di testa.

Anonimo ha detto...

Ciao,

solo un commento per informarvi che questo tizio strampalato è arrivato a Ginevra; ho intravisto lo stesso cartellone per le strade, annunciante una conferenza nei prossimi giorni. Purtroppo non ho avuto il tempo di notare né il luogo né la data esatta della conferenza scementifica.

«Meno recenti ‹Vecchi   801 – 851 di 851   Nuovi› Più recenti»