Cerca nel blog

2010/06/29

La cospirazione dell’arcobaleno

Sostanze chimiche nell'acqua "rivelate" innaffiando il giardino


Attenzione: questo articolo vi farà perdere ogni speranza che il genere umano sia dotato d'intelligenza e sia preparato a gestire le sfide sociali e tecnologiche di oggi e quelle ancora più serie del futuro. Il vostro cervello comincerà a sanguinare. Non leggete il resto. Questo è il mio ultimo avviso.


Il video mostrato qui sopra e quest'altra copia sono già stati visti oltre tre milioni di volte. Traduco correggendo gli strafalcioni.

Didascalia: Gli aerosol arcobaleno di HAARP, 6 luglio 2007 - Ora il nuovo fenomeno è gli arcobaleni vicino al suolo - vent'anni fa non notavamo mai questi effetti arcobaleno così prevalentemente.

Voce: "Ciao, oggi è il 6 luglio 2007, sono circa le quattro e mezzo del pomeriggio, e mi sto chiedendo che diavolo c'è nell'acqua che ci viene fornita, cosa c'è nell'ossigeno che ci viene fornito, dei sali di ossidi metallici che creano un effetto arcobaleno in un irroratore. Che cosa sta trasudando dal terreno, che permette a questo genere di effetto di esistere? Non più soltanto intorno al nostro sole e alla nostra luna, ma dovunque guardiamo, lo spettro visibile è di arcobaleni. Questo non può essere naturale. Sappiamo tutti che vent'anni fa non succedeva, ma adesso sta succedendo adesso [sic]. Noi, come nazione, dobbiamo chiederci cosa diavolo sta succedendo. Che cosa sta trasudando dalla nostra terra?"

Vi avevo avvisato.

277 commenti:

«Meno recenti   ‹Vecchi   201 – 277 di 277
So' L'enigmista ha detto...

theDRaKKaR ha commentato:
in termini semplici la situazione è questa:

noi del Nuovo Ordine Mondiale abbiamo organizzato un complotto in grande scala consistente nell'irrorazione nell'aria di sostanze che causano vari disturbi tra i quali un disturbo di delirio paranoide che induce la popolazione a credere che noi del Nuovo Ordine Mondiale
...

GNU = GNU's Not Unix = GNU's Not Unix's Not Unix = GNU's Not Unix 's Not Unix's Not Unix ...
;)

So' L'enigmista ha detto...

SFROOOOSH!!!!!!

So' L'enigmista ha detto...

Dove sono tutte le pentole d'oro?
Chi le ha prese?
Questo è il mistero da risolvere.


Forse i "cani solari" sono parenti dei leprecani.

Unknown ha detto...

è per video come questo che google ha messo il vuvuzela button ;)

Rubio ha detto...

Forse i "cani solari" sono parenti dei leprecani.
i... leprecauni solari!

So' L'enigmista ha detto...

@john:doe
ecco da dove vengono fuori i bambini indaco!


Adesso vedo il divieto del viola in studio sotto una nuova... luce! Gombloddo!

Anonimo ha detto...

Scusate l'off-topic. Questa del Pacific Trash Vortex (link sotto) secondo voi e' una bufala o esiste realmente un'isola di rifiuti grande quattro volte il Giappone?

http://www.architetturaecosostenibile.it/materiali/smaltimento-e-riciclo/la-plastica-invade-il-pianeta-rinvenuto-un-vero-e-proprio-continente-di-rifiuti-in-mare-pacific-tr.html

https://cento27001.blogspot.com/ ha detto...

O___________O'

@__skunk ha detto...

Parliamo di cose serie;
ma la pentola di monete d'oro, quella degli gnomi, sta sempre alla fine dell'arcobaleno?

SirEdward ha detto...

Chissà cosa direbbe l'autore del video di fronte a un'immagine come questa...

http://tinyurl.com/3738s2p

Poveracci, tanto presi a cercare complotti da non riuscire nemmeno a rendersi conto di quello che li circonda.

Niebla ha detto...

@__skunk : Prova a chiedere a Mastrota

http://nonciclopedia.wikia.com/wiki/Giorgio_Mastrota

Anonimo ha detto...

Per Fra

Scusate l'off-topic. Questa del Pacific Trash Vortex (link sotto) secondo voi e' una bufala o esiste realmente un'isola di rifiuti grande quattro volte il Giappone?

http://www.architetturaecosostenibile.it/materiali/smaltimento-e-riciclo/la-plastica-invade-il-pianeta-rinvenuto-un-vero-e-proprio-continente-di-rifiuti-in-mare-pacific-tr.html


Né bufala né oggetto realmente esistente: il sito dice già alla riga tredici: "Non c’è ancora, ma se non ci diamo da fare, ci ritroveremo il continente di plastica su Google Maps!"
Una delle tante scempiaggini catastrofiste di un movimento ambientalista italiano, che, mi dicono, è fra i Gruppi Verdi del mondo il più ignorante e retrogrado, impossibile discutere con loro.

Anonimo ha detto...

x Accademia dei pedanti

Io quella frase l'avevo interpretata come "non e' ancora stato fotografato per google-maps". Anche perche' piu' sotto dice "Ad effettuare la triste scoperta, dei marinai..."

Ne parlano anche su Repubblica e Corriere:
http://www.repubblica.it/2007/10/sezioni/ambiente/isola-rifiuti/isola-rifiuti/isola-rifiuti.html

http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/10_aprile_01/nuova-isola-atlantico-rifiuti-furlani_c5b9a820-3d53-11df-9bd9-00144f02aabe.shtml

Stepan Mussorgsky ha detto...

@Accademia

L'accumulo esiste realmente, anche se non è ancora sufficientemente studiato.C'è anche la relativa voce su Wikipedia :P

Sapere che c'è una nube gigantesca di rifiuti plastici in mezzo al Pacifico provoca un disgusto che può avere effetti positivi.

Anonimo ha detto...

Sembra ci sia una foto sul Los Angeles Times:

http://www.latimes.com/sns-special-environmental-disasters-pictures-9,0,5203138.photo

Anonimo ha detto...

Per ǚşå÷₣ŗẻễ

L'accumulo esiste realmente, anche se non è ancora sufficientemente studiato.C'è anche la relativa voce su Wikipedia :P

Nessuno degli articoli di cui al link cita fonti o osservazioni dirette. Solo allarmi vaghi. Quindi propendo decisamente per un abbaglio: a causa di un gioco di correnti e di bonacce, sulla superficie del Mar dei Sargassi si accumulano da sempre alghe galleggianti. L'inquinamento ha sicuramente aggiunto alle alghe anche le bottiglie di plastica, con o senza il messaggio dentro: ma non le ha sostituite.

Stepan Mussorgsky ha detto...

Ma no, quale abbaglio? :|

Metto un paio di link dalla wiki inglese.

Great Pacific Garbage Patch

North Atlantic Garbage Patch

Dalla wiki italiana:

Pacific Trash Vortex

Anonimo ha detto...

Per Fra

Sembra ci sia una foto sul Los Angeles Times:

http://www.latimes.com/sns-special-environmental-disasters-pictures-9,0,5203138.photo


Il Los Angeles Times è un giornale con una procedura di fallimento in corso. Non si tratta del New York Times, un po' più autorevole.

Anonimo ha detto...

Per ǚşå÷₣ŗẻễ

Ma no, quale abbaglio? :|

Metto un paio di link dalla wiki inglese.


Innanzitutto si chiama Wikipedia. Wiki in hawaiiano significa rapido, veloce.
In più, se le fonti della sua esistenza sono davvero oceanografi seri, e non ambientalisti che si definiscono tali, come mai di foto non ce ne sono? Questi oceanografi non hanno i mezzi per una spedizione di qualche giorno?
Ho dimenticato di dirlo prima: la foto del Los Angeles Times non è scattata nell'oceano: non si va in mezzo all'Oceano vestiti così, e con una canoa sportiva.
Gli ambientalisti invasati esistono anche fra i redattori della wikipedia inglese.

Ciò premesso, che dire? Se vi interessa davvero, pagate la focaccia a Paolo Attivissimo :-).

Anonimo ha detto...

Ma è veramente importante? Ma vi sembra davvero un filmato di cui tenere conto? Branco di razionaloidi che non vedono l'ora di salire sul piedistallo della superirità intellettuale. Un pò di sano complottismo non fa mai male, stimola la fantasia, tiene allenata la mente, aiuta il ragionamento. Se vi fa star bene sapere di essere degli esseri dal pensiero più raffinato di una povera anziana della provincia americana, beh, cari miei, siete solo dei tristissimi nerd. tristissimi nerd.

oui, c'est moi ha detto...

Per usa-free:
"REDRUM REDRUM REDRUM :D

Quello che più mi ha inquietato di sto film (l'ho visto da piccolo), è:

- l'inquietanza del bambino che tricicla col triciclo, con tanto di stacco sonoro dai pavimenti ai tappeti

- le gemelle decomposte

- l'accettata al cuore del povero negro accorso in aiuto

- l'inondazione di sangue

Invece Wendy ho sempre voluto che morisse malamente, peccato che non è successo! :D

W Stanley Kubrick!"

Non ho capito, ma il libro l'hai letto? No, perché, secondo me, il film non rende neanche minimamente l'idea di ciò che ha scritto Stephen King, checché ne pensiate di Kubrik che, a me, non piace affatto (e qui so che mi sono fatta parecchi nemici ;p)

Stepan Mussorgsky ha detto...

"Non ho capito, ma il libro l'hai letto?"

No, confesso, non l'ho letto.

"Kubrik che, a me, non piace affatto (e qui so che mi sono fatta parecchi nemici ;p)"

Uno di questi è il sottoscritto :|

Stepan Mussorgsky ha detto...

@Ya Ma

Confessa, hai mangiato pesante. Ma non sfogarti qui, un bel Cynar e passa tutto :D

Stepan Mussorgsky ha detto...

Ecco un video che Accademia dei pedanti può criticare a man bassa :D

Tipo: vengono subdolamente inserite immagini poco attinenti, se non fuorvianti rispetto al tema specifico, eccettera eccetera. :P

theDRaKKaR the bloody homeopath ha detto...

per quanto riguarda le correnti oceaniche sicuramente ci sono punti di concentrazione: la plastica non è biodegradabile quindi quando arriva in questi punti di concentrazione non metamorfizza, non cambia peso specifico e densità, non fa una ceppa e quindi rimane lì indefinitamente

ma questo si sapeva da tanto tempo... la novità è che ci sono stati recentemente degli studi mirati e ovviamente i media hanno colto la palla al balzo per fare un po' di sensazionalismo

nella en.wiki ci sono delle fonti interessanti da cui partire (ciò conferma il fatto che senza fonti un articolo di Wikipedia non ha ragione di esistere, andatelo a spiegare ai genialoidi amministratori della versione italiana)

theDRaKKaR the bloody homeopath ha detto...

Ma è veramente importante? Ma vi sembra davvero un filmato di cui tenere conto? Branco di razionaloidi che non vedono l'ora di salire sul piedistallo della superirità intellettuale. Un pò di sano complottismo non fa mai male, stimola la fantasia, tiene allenata la mente, aiuta il ragionamento. Se vi fa star bene sapere di essere degli esseri dal pensiero più raffinato di una povera anziana della provincia americana, beh, cari miei, siete solo dei tristissimi nerd. tristissimi nerd.

io sono un bel figo invece, faccio sport assumo fibre (ehr...), ci ho un fisico da fotomodello ci ho

se sei una gnoccolona sul modello di Angie di Martin Mystere possiamo sempre parlare di complotti, dandoti rigorosamente ragione, a casa mia o tua

e ringrazio iddio che la mia donna non legge questo blog :D

Paolo Attivissimo ha detto...

tristissimi nerd. tristissimi nerd.

Suvvia, sei così solo che c'è l'eco persino nei tuoi commenti?

Eppure vieni a dire a noi che siamo tristi. Ironico.

oui, c'est moi ha detto...

"No, confesso, non l'ho letto."

Posso darti un consiglio? Leggilo! In italiano si intitola "Una splendida festa di morte" e ti assicuro che, al suo confronto, il film impallidirà :-)

Stepan Mussorgsky ha detto...

"non cambia peso specifico e densità, non fa una ceppa e quindi rimane lì indefinitamente"

Uhm, a quanto pare non è così. Magari fosse così! A quanto pare la plastica si frantuma per fotodegradazione in pezzi sempre più piccoli, sino ad arrivare, a livello molecolare, ai polimeri di cui è costituita.

Viene quindi amabilmente scambiata per plancton dalle meduse e da altri pesci ed entra così nella catena alimentare fino a raggiungere l'uomo. Non è una prospettiva confortante.

Stepan Mussorgsky ha detto...

"In italiano si intitola "Una splendida festa di morte" e ti assicuro che, al suo confronto, il film impallidirà :-)"

È per questo che non l'ho ancora letto, e non so se lo leggerò mai :D

theDRaKKaR the bloody homeopath ha detto...

giusto usa!

ma si tratta di un processo lentissimo... cosa che manda in crisi il sistema di autoequilibrante dell'oceano

magari se smettessimo ORA di buttare plastica ovunque l'oceano in qualche manciata di decine di migliaia di anni ne esce fuori

Stepan Mussorgsky ha detto...

Uhm...penso di avere le idee un po' più chiare, ora.

Non esiste nessuna "isola di rifiuti" nè tantomento un aggregato visibile di notevoli dimensioni.

Si tratta di aree molto vaste dove, a causa delle correnti oceaniche, si concentrano enormi quantità di rifiuti plastici, perlopiù di dimensioni molto piccole.

Il problema è quindi molto grave perché rimane in piedi il discorso dell'avvelenamento dei pesci, ma ancora una volta il sensazionalismo dato dai media al fatto ha giocato a sfavore di una corretta conoscenza dello stesso.

Credo poi che il problema sia di difficile soluzione e che non vi sia molto interesse a risolverlo:

-chi pulisce e dove?

-chi paga le pulizie? :D

Sherpaman ha detto...

"La gente non sa più quando stiamo andando su questa tera! La gente non sa più quando stiamo facendo su questa tera! Ma la risposta non è da cercare fuori: la risposta è dentro di te! Però è sbagliata..."

SirEdward ha detto...

-chi pulisce e dove?

-chi paga le pulizie?


Più che altro, l'inquinamento da plastica dimostra che la plastica non è gratis, ma costa tantissimo.

Viene quindi amabilmente scambiata per plancton dalle meduse e da altri pesci ed entra così nella catena alimentare fino a raggiungere l'uomo. Non è una prospettiva confortante.

Mi ricorda questo:

http://www.youtube.com/watch?v=JB3PSDA03x8

Ogni tanto anche Beppe Grillo dice cose sensate e in maniera memorabile. E ancora una volta la realtà supera la fantasia: non c'è nemmeno più bisogno di bruciarlo, lo spazzolino, basta gettarlo in mare e aspettare.

theDRaKKaR the bloody homeopath ha detto...

lungi da me l'intenzione di far polemica (ah ah ah) ma voglio far notare che era il Grillo di 20 anni fa (o 10?) non quello attuale che a mio parere ha preso una deriva populista e demagogica...

SirEdward ha detto...

20...

Come passa il tempo...

Niebla ha detto...

piccolo esperimento: a parte Paolo, qualcun altro ha letto questo commento? :)
(se si, segnalatelo nei vostri prossimi commenti :D )

theDRaKKaR the bloody homeopath ha detto...

ma quale?

oui, c'est moi ha detto...

Per usa-free:
"È per questo che non l'ho ancora letto, e non so se lo leggerò mai :D"

Non sai cosa ti perdi, peggio per te!

Stepan Mussorgsky ha detto...

"Mi ricorda questo:

http://www.youtube.com/watch?v=JB3PSDA03x8"

Lo ricordava anche a me, mentre lo stavo scrivendo :D

Anonimo ha detto...

Per ǚşå÷₣ŗẻễ

Uhm...penso di avere le idee un po' più chiare, ora.

Non esiste nessuna "isola di rifiuti" nè tantomento


Tantomento o doppiomento?

un aggregato visibile di notevoli dimensioni.

Si tratta di aree molto vaste dove, a causa delle correnti oceaniche, si concentrano enormi quantità di rifiuti plastici, perlopiù di dimensioni molto piccole.

Il problema è quindi molto grave perché rimane in piedi il discorso dell'avvelenamento dei pesci, ma ancora una volta il sensazionalismo dato dai media al fatto ha giocato a sfavore di una corretta conoscenza dello stesso.

Credo poi che il problema sia di difficile soluzione e che non vi sia molto interesse a risolverlo:

-chi pulisce e dove?

-chi paga le pulizie? :D


Meno male che ci sei arrivato con ricerche tue. Un'indagine noiosa in meno sul Disinformatico.

Come per quasi tutte le notizie di fonte ambientalista-sensazionalista, su questo argomento si mischiano fra di loro problemi molto diversi e non necessariamente connessi:

— l'accumulo in superficie di alghe galleggianti in zone dell'oceano normalmente non toccate dalle correnti, un tempo solo i naturali sargassi, oggi anche rifiuti galleggianti.

— l'introduzione nella catena alimentare della fauna acquatica di polimeri artificiali, che però non riguarda solo rifiuti galleggianti, e non riguarda solo il mare: nei laghi e nei fiumi non è che vada meglio.

— le ripercussioni per la salute umana del consumo di prodotti ittici che hanno metabolizzato polimeri, tuttora ignote.

- Varie ed eventuali.

Stepan Mussorgsky ha detto...

"Tantomento o doppiomento?"

Oggi il pedantometro è a fondo scala! :D

Anonimo ha detto...

"sarà sto buco de l'azoto " [cit.]

Stepan Mussorgsky ha detto...

"Pronto, scusi, perché è comparso l'uomo sulla Terra?".
"Eh, pecché ... se l'uomo compareva sull'acqua, affogava, eh?".

giovbrunetti ha detto...

Nel video c'é qualcosa di inquietante. Chi mai può essere che si preoccupa di annaffiare un giardino così orribile e con una steccionata fatiscente? Perchè invece di perdere tempo realizzando filmati demenziali non toglie le erbacce e ripara lo steccato? Bellissima anche la sirena che si sente in sottofondo.

Cifra Web Master ha detto...

Ah, complottisti e non vedenti!!! Non vedete che è tutta la realtà, i grandi del pianeta manipolano gli arcobaleni per comandarci a loro piacimento!
Forse.

geo ha detto...

Viene quindi amabilmente scambiata per plancton dalle meduse e da altri pesci ed entra così nella catena alimentare fino a raggiungere l'uomo. Non è una prospettiva confortante.

Mi ricorda questo:

http://www.youtube.com/watch?v=JB3PSDA03x8

a me è venuta in mente la battuta da 5.25 - 5.55
di questo video

http://www.youtube.com/watch?v=QXvK359TL2Y

plastic assholes!! :D

Tano ha detto...

@so l'enigmista: ho conosciuto Fabio Fazio in persona, perchè è venuto ospite nella trasmissione in cui lavoro ed è convinto che il viola durante uno spettacolo porti male, infatti si lamentò del golf di una ragazza presente in studio. D'altra parte che il viola porti male nel mondo dello spettacolo è una credenza che risale dal teatro shakespeariano.
inoltre ci sono tre argomenti del quale fazio non vuole che si parli mai. argomenti che teocoli a "Quelli che il calcio" una volta, apposta, toccò di seguito. per una coincidenza fortuita, saltò l'audio dell'intera puntata e la fecero con dei cartelli.

Anonimo ha detto...

Ah ah ah ah ah ah, che babbea!

theDRaKKaR the bloody homeopath ha detto...

@tano

che superstizione sciocca, posso dirlo o vengo tacciato di scientismo? O_O ormai qua siamo controllati =)

Tano ha detto...

la superstizione deriva dal fatto che quando c'erano le chiese a lutto (quindi con i paramenti viola) i teatri non potevano lavorare.
certamente lui è uno sciocco a dare tanto peso a quella che non è altro che una tradizione nè più nè meno che quella di darsi una pacca sul culo dicendo "tanta merda" prima di andare in scena, tuttavia non è certamente l'unico.
tra l'altro la volta che gli saltò il mixer fece una grandissima puntata.

Unknown ha detto...

Fatto casino? :-)

Isabella ha detto...

Ha ragione Keith Richards. L'erba non è più quella di una volta.

Pax ha detto...

@Isabella

L'erba non e' piu' quella di una volta

Love it!

Ma Keith diceva anche che quella del vicino e' sempre piu' buona! :-D

@usa-free

La risposta non la devi cercare fuori, la risposta e' dentro di te... e pero' e' *sbagliata*!

So' L'enigmista ha detto...

la superstizione deriva dal fatto che quando c'erano le chiese a lutto (quindi con i paramenti viola) i teatri non potevano lavorare.

sì, se n'è già parlato parecchio sul thread di CTCF, che io chiamo anche il meteothread ... ma noi complottisti conosciamo la vera verità: Che Tempo Che Fa -> meteo -> arcobaleno -> scie chimiche -> complotto -> Voyager -> bambini indaco -> bambini viola -> superstizione -> Fabio Fazio -> Che Tempo Che Fa, è un loop infinito, una tela inestricabile tessuta dal NWO per comandarci!!!!!!!!!
:)

Turz ha detto...

Ma è davvero possibile che su un thread che mostra un video idiota ci sia tanto da discutere da non poter rappresentare il numero di commenti su un solo byte?
Ci dev'essere un complotto...

Scuola Guida ABC Dinamica ha detto...

Certo che chiedendo ad un bambino chi produce il latte e quello ti risponde i grandi magazzini....posso capire chi vede gli arcobaleni senza aver fumato...

Pietro Fratta ha detto...

Terribile. Veramente terribile.
Ora ho anche paura di innaffiare le mie pianticelle sul terrazzo.
Non è che quegli arcobaleni mordono, pure?

Unknown ha detto...

VOGLIO .... e dico VOGLIO.... le sostanze che queste persone usano per drogarsi !!! vi PREGO !!! :D :D

paolo ha detto...

Secondo me l'acqua è pesantemente inquinata con DHMO.

Patafrulli ha detto...

Scusate l'OT: ieri sera per conciliare il sonno ho guardato un po' Top Secret su rete 4; vorrei capire perché la parte dello scettico è sempre del signor Cecchi Paone (con tutto il rispetto...).
Forse non hanno voglia di invitare nessuno di più specializzato nella "materia"?


Francesca

Stepan Mussorgsky ha detto...

"Forse non hanno voglia di invitare nessuno di più specializzato nella "materia"?"

Cecchi Paone è di casa a Rete4, conduceva La macchina del tempo, penso sia principalmente per quello.

Gwilbor ha detto...

Direi semplicemente che Cecchi Paone ha un maggior richiamo sul pubblico.

mastrocigliegia ha detto...

Stupidaggine delle 13:25

Il post
@Isabella
L'erba non e' piu' quella di una volta
Love it!
Ma Keith diceva anche che quella del vicino e' sempre piu' buona! :-D


mi ricorda (circolava qualche tempo fa)

Meglio l'erba dei vicini che i vicini di Erba

oui, c'est moi ha detto...

Sul Thread Epico, bX-i21k1r colpisce ancora...

Ivan ha detto...

Oh mio dio lo sapevo che inserivano strane sostanze tossiche nell'acqua!
da oggi in poi berrò solo vodka per andare sul sicuro XD

a parte tutto non può essere vero... DEVE per forza essere ironico....

grAz ha detto...

@ Ué su Shining:

Io, invece, ho sia letto il libro che visto il film, e devo dire che è una delle rare volte in cui secondo me il film è SUPERIORE al libro.

Shining libro è -per carità- un gran bel thriller, ma NON è Stephen King al suo meglio (personalmente penso che l'apice di King sia "Misery"). Shining-film, invece, secondo me è un vero capolavoro.

Punti di vista! :-)

oui, c'est moi ha detto...

"Punti di vista! :-)"

Già :-) A me d'altronde succede sempre: ogni volta che vedo un film tratto da un libro che ho già letto, resto sempre delusa dal film (tipo "I ponti di Madison County"), ma da Shining più che mai. Per carità, non discuto la bravura degli attori (Jack Nicholson è fantastico) ma proprio perché il libro racconta meglio del film e, ovviamente, in modo più approfondito. Per esempio, non mi ricordo, nel film c'è la scena delle api? Comunque mi è venuta voglia di rileggermi il libro :-)

Unknown ha detto...

Ma è una simpatica burla, dai

Anonimo ha detto...

Per ué

Già :-) A me d'altronde succede sempre: ogni volta che vedo un film tratto da un libro che ho già letto, resto sempre delusa dal film (tipo "I ponti di Madison County"), ma da Shining più che mai. Per carità, non discuto la bravura degli attori (Jack Nicholson è fantastico) ma proprio perché il libro racconta meglio del film e, ovviamente, in modo più approfondito. Per esempio, non mi ricordo, nel film c'è la scena delle api? Comunque mi è venuta voglia di rileggermi il libro :-)

Una cosa non molto nota, è che Stephen King scrisse la sceneggiatura per una versione tv del suo romanzo andata in onda nel 1997, a quanto ne so mai arrivata in Italia. Non amava la versione di Stanley Kubrick; eppure il successo premiò la versione libera molto di più che quella fedele all'originale, giudicata dai più priva di grandi emozioni, che per un film horror è il peggior difetto.
Qualcuno ha visto la serie tv The shining?

Gwilbor ha detto...

Qualcuno ha visto la serie tv The shining?

Qualcosa ho visto, probabilmente la trasmisero una volta sola in seconda serata. Non la guardai tutta, dopotutto la qualità era quella media di una serie tv. Mi ricordo che la trama era molto più complicata di quella del film, per esempio c'era una caldaia che doveva essere controllata.

oui, c'est moi ha detto...

"Qualcuno ha visto la serie tv The shining?"
Purtroppo no, ma, se fedele al racconto di King, sicuramente non me la perderei una seconda volta.
Nel libro c'era una caldaia da controllare, come ricorda Gwilbor, e tante altre cose tremende che nel film, per ragioni di tempo, presumo, non ci sono, perciò insisto che varrebbe la pena leggere il libro.

Unknown ha detto...

ué, non credo che fosse questione di tempo, erano proprio diversi punti di vista fra Kubrick e King. Leggenda narra di furibonde liti fra i 2 proprio per queste differenze di vedute.
Qui trovi un'intervista di King del 1983, sul film di Kubrick, osa pure criticare Nicolson :-)

D'altronde bisogna dire che ogni volta che King ha messo pesantemente la sua mano in un film, i risultati sono stati pessimi.

Ciao
VB

theDRaKKaR the bloody homeopath ha detto...

nel film, per ragioni di tempo, presumo, non ci sono

è una ragione, ma possono essercene altre: per esempio una scena troppo poco cinematografica (che so, una conversazione di due ore in soggiorno...) oppure semplicemente impossibile da riprodurre (che so, un incubo con personaggi e situazioni assolutamente assurdi)

per questo si chiama riduzione: non tanto per questioni di tempo, ma perché si deve ridurre nel linguaggio cinematografico qualcosa che nasce come tutt'altro

ma qui si apre un mondo: quanto la riduzione cinematografica può discostarsi dall'opera originale senza diventare "altra"? e chi lo decide? e perché?

theDRaKKaR the bloody homeopath ha detto...

vi faccio un esempio: questo film è ancora l'opera di Dumas o è un'altra cosa?

oui, c'est moi ha detto...

Certo che un libro non si può rappresentare totalmente in un film, per questo dico che il film non rende appieno la supance del libro e quest'ultimo fa molta più paura. Non metto in discussione la bravura degli attori o del regista, semplicemente il libro è più completo e, ripeto, avendolo letto prima, non ho sentito nel film lo stesso pathos che avevo provato col libro. Tutto qui :-)

Stupidocane ha detto...

Sabato pomeriggio ho fatto una strage.

Ho lavato l'auto con l'idropulitrice generando una miriade di arcobaleni.

«Meno recenti ‹Vecchi   201 – 277 di 277   Nuovi› Più recenti»