Cerca nel blog

2017/10/19

MacOS X High Sierra, cambio utente troppo lento? Riparate i permessi


Da quando ho aggiornato il mio laptop Apple a macOS High Sierra, passare da un utente a un altro è diventato un processo lentissimo (ho due account utente sul laptop, uno per il lavoro generale e un altro che uso solo per fare presentazioni e conferenze, come ho raccontato qui).

Ho chiesto ieri sera su Twitter se altri avevano lo stesso problema, e in men che non si dica è arrivata la soluzione, grazie a @marcoluciano81: riparare i permessi.

Un rimedio classico, solo che in High Sierra la riparazione dei permessi non è più nel solito posto, ossia in Disk Utility/First Aid: bisogna aprire una finestra di terminale e digitare esattamente questo incantesimo.

diskutil resetUserPermissions / `id -u`

Compare un’animazione fatta con i caratteri che pare presa di peso dagli anni Ottanta e poi la riparazione finisce. La questione è spiegata in questa pagina di supporto Apple.

Ta-da! Ora la commutazione da un utente all’altro è rapidissima come lo era prima. Condivido qui queste brevi istruzioni, nel caso servano a qualcun altro. Grazie, siete sempre una risorsa preziosa.

9 commenti:

masand ha detto...

Ecco... mi pareva infatti. Grazie della dritta!!!.

Piccolo refuso "Compare un’animazione fatta con i caratteri che pare pesa di peso dagli anni Ottanta", pesa al posto di presa.

Guido Baccarini ha detto...

Refuso "pare pesa di peso dagli anni Ottanta"

Darione ha detto...

Piccolo refuso: "pare PESA di peso".

Guido Pisano ha detto...

Ora pero' vogliam vedere l'animazione!!! :P

Infinity ha detto...

Grazie della dritta, Paolo, ma questo mi fa sorgere una domanda tecnica.
COME può, una corruzione dei permessi di accesso, causare *lentezza* nel cambio utente?
Capirei se il cambio diventasse impossibile del tutto (0/1, logica binaria), ma rallentarlo... non ci arrivo. :)

rico ha detto...

Alla fine si torna sul terminale UNIX, radice comune di Linux e Mac OS.
Dovrei cominciare ad approfondire su http://italiaunix.com/

MaurizioS ha detto...

Piu' che un incantesimo il comando utilizza una delle funzioni di diskutil (gestione dei dischi); si chiede al Mac di fare reset di permessi utenti (quindi di rimetterli al loro valore di default). Il simbolo "/" indica il mount point del disco che si vuole riparare: in questo caso il disco principale in cui di regola sono installate il sistema operativo e le home directories dei vari utenti.
La restante parte `id -u` e' un costrutto Unix che permette con il simbolo ` di restituire il risultato di un comandd: in questo "id -u" restituisce l'ID (il numero dell'utente); in questo caso l'utente cui appartiene il terminale.
Pero' a questo punto una cosa non mi e' chiara: il comando in questione ripristina i corretti permessi per l'utente specifico. Se il problema si riferisce, come sembra dall'articolo, a tutti gli utenti del computer non sarebbe forse necessario ripetere l'operazione su tutti gli utenti?

Guastulfo (Giuseppe) ha detto...

[...]digitare esattamente questo incantesimo

Già, in effetti non ci avevo mai pensato.

Le bacchette magiche dei maghi sono tutte a riga di comando.

Chissà quale sarà il motivo?

L'idea che mi son fatta è che le bacchette magiche sono antiche e dotate di hardware troppo semplice per supportare (e sopportare) un interfaccia grafica.

A tal proposito immagino che nel mondo di Harry Potter ci dovrebbe essere un grande scontento per questo enorme ritardo nello sviluppo di bacchette con interfaccia grafica.

E che diamine, i babbani abbiamo gli smartphone e i maghi, con tutta la loro potenza magica hanno le bacchette a riga di comando?

Immagino che esistano i maghi "affezionati" alle bacchette a riga di comando che sostengono la maggiore stabilità e potenza del sistema, mentre i sostenitori per una GUI esaltino la maggiore velocità di esecuzione degli incantesimi con minore possibilità di errore.

Basti pensare ad un incantesimo che va male perché pronunciato male. I film di Harry Potter documentano abbondantemente situazioni del genere. E sono tutti errori che non avverrebbero con bacchette a interfaccia grafica.

L'unico neo sarebbero gli incantesimi particolari ma per quelli si potrebbe aprire un emulatore di terminale e mandare il comando con il vecchio metodo.

Va bene come possibile delirio del giorno? :-D

MaurizioS ha detto...

Per Infinity; la cosa potrebbe avere una sua logica.
Azzardo un'ipotesi. Il sistema per cambiare utente necessita di accedere ad alcuni files. Pero' a cause della corruzione o inesattezza dei permessi il filesystem rimane bloccato. Un sistema operativo che si rispetti deve comunque avere dei timeout per evitare il blocco totale. La lentezza e' dovuta al fatto che il cambio avviene solo quando scade il timeout (e magari in modo incompleto). Questa ripeto e' una possibile ipotesi...