Cerca nel blog

2018/01/09

Youtube accusa un utente di violazione del copyright: ha pubblicato un fruscio

Se vi capita di pubblicare video su Youtube, magari con un brano musicale in sottofondo di cui non vi eravate accorti, probabilmente vi siete imbattuti nella temutissima notifica di violazione del diritto d’autore. Succede quando il sistema antipirateria automatico di Youtube, denominato ContentID, rileva all’interno di un video un contenuto visivo o sonoro che secondo lui appartiene a qualcun altro.

Purtroppo questo sistema automatico ha, come dire, qualche problema di eccesso di zelo. Ne sa qualcosa il professor Sebastian Tomczak, tecnologo musicale, che è stato accusato da Youtube di aver violato il copyright ben cinque volte nella colonna sonora di un singolo video.




Il bello è che il video contestato è semplicemente un fruscio, quello che in gergo tecnico si chiama rumore bianco, simile a quello che facevano una volta i televisori quando non erano sintonizzati su un canale; un video che Tomczak ha pubblicato per un esperimento scientifico.


Non è finita: i presunti autori che rivendicano diritti non hanno chiesto di rimuovere il video di Tomczak, ma ne hanno chiesto la rimonetizzazione, ossia hanno ottenuto da Youtube che i guadagni sulle visualizzazioni finissero nelle loro tasche invece che in quelle del creatore del video. Anche se può sembrare strano che ci sia un mercato per quelli che in sostanza sono video di fruscio, esistono su Youtube milioni di video di questo genere, alcuni dei quali hanno milioni di visualizzazioni. Tomczak dice che c’è chi li usa per esempio per addormentarsi meglio o per distrarsi da un rumore fastidioso.

Naturalmente Youtube offre una procedura di opposizione, ma è piuttosto tediosa, specialmente se occorre farla ripetutamente, e comporta che un video possa restare in sospeso fino a un mese. Cosa più importante, a differenza del rilevamento delle presunte violazioni, che è automatico, l’opposizione va effettuata a mano ogni volta. Questo squilibrio è così marcato che è nata una vera e propria industria delle contestazioni di copyright fasulle su Youtube, che monetizzano il lavoro altrui.

Insomma, se voi (o magari i vostri figli) siete Youtuber assidui e quindi pubblicate molti video, l’unico modo per evitare queste scocciature al limite della vessazione è fare molta attenzione a non includere nei vostri video qualcosa che possa portare a una contestazione: per esempio canzoni o spezzoni di programmi televisivi provenienti da una TV accesa nel luogo in cui avete girato il video, anche se il televisore non è inquadrato. Se vi capita di includerli, cercate di fare in modo che siano spezzoni molto brevi, di un decina di secondi o poco più, perché sembra essere questa la soglia di durata oltre la quale il sistema ContentID entra in azione e fa partire la contestazione automatica.

Naturalmente c’è sempre l’alternativa drastica, che è quella di pubblicare video su altri siti, come Vimeo o Dailymotion, che non usano automatismi antipirateria così imprecisi e manipolabili come quello di Youtube. Ma questo significherebbe abbandonare uno dei siti di video più frequentati del mondo e dire addio ai sogni di fama che albergano in ogni Youtuber. Buona fortuna.


Questo articolo è il testo preparato per il mio servizio La Rete in 3 minuti per Radio Inblu del 9 gennaio 2018. Fonti: Gizmodo, Torrentfreak.

30 commenti:

Il Lupo della Luna ha detto...

Si ma Vimeo mette delle limitazioni ridicole sugli upload..

Sandro Ciechi ha detto...

Ciao Paolo, confermo che il sistema di youtube è veramente fatto male.
Ho pubblicato un video di mio figlio che giocava a pallone ad una festa di paese e mi è stata contestata la pubblicazione di musica protetta da diritti d'autore (Amico sole di Raul Casadei!!!) e monetizzata automaticamente con l'inserimento di pubblicità solo perchè si sentiva in lontananza la musica della festa...

Alberto Benvenuto ha detto...

Vedi i let's player costretti buttare a mare il roleplay e attraversare di corsa un corridoio infestato da terribili nemici facendo slalom tra le fucilate e le mine per andare a spegnere una radio. :-D

Il Lupo della Luna ha detto...

A me hanno segnalato un video in cui il brano indicato nemmeno c'è

pgc ha detto...

Non so come funzioni realmente questo sistema automatico usato da Youtube.

Ma proprio questo incidente un sospetto lo fa venire: probabilmente calcola lo spettro di frammenti del video a intervalli di 10-20 secondi, dopodichè verifica se ampiezze e fasi in un certo intervallo abbastanza ristretto corrispondono abbastanza a quelli di tutti gli spezzoni di un grande database. O magari solo le ampiezze, e le fasi vengono calcolate dopo se le ampiezze risultano identiche.

Ma dato che le ampiezze di tutte le armoniche sono sempre uguali e hanno sempre lo stesso valore - almeno in un ampio intervallo - mentre le fasi variano casualmente (per definizione di rumore bianco), in 10 ore di video qualche corrispondenza può accadere...

Mi ero sempre chiesto come funzionano sistemi come Shazam su milioni di ore di musica. Può essere che questo sia il trucco.

Paolo Attivissimo ha detto...

Scusatemi, ho cancellato un commento per errore:

Guido Baccarini:

Quando pubblico (in forma privata, non indicizzati ma raggiungibili solo con link) i filmati della scuola di danza (classica) di mia figlia durante le varie esibizioni, la metà ricevono un avviso di violazione a causa delle varie musiche (per lo più è musica classica). Non essendo pubblici o ricercabili, non sono mai stati bloccati e non contengono pubblicità (ho provato a visualizzarli con un browser in modalità incognito), ma è veramente bizzarro pensare che se volessi pubblicare davvero una ripresa autorizzata effettuata in un teatro che ha quindi assolto ogni adempimento relativi ai diritti della musica che viene riprodotta, potrei dovere accettare di avere il video muto...

Trystero ha detto...

A me è successo in dicembre. In un mio canale di Youtube ho pubblicato diversi video della NASA sulle missioni Apollo. Mi servivano soprattutto per poterli citare in discussioni con lunacomplottisti. In uno di questi, con le riprese della Terra vista dal Command Module, ho notato la "Violazione di copyright" e la rivendicazione da parte di una edizione musicale, "Believe Music". Ma c'era solo del fruscio e le voci degli astronauti. Ho subito contestato quella rivendicazione. Pensavo di dover aspettare mesi, invece dopo pochi giorni mi è arrivato l'avviso, avevano accettato la mia spiegazione, ovvero che in quei video della NASA non c'era alcuna musica da rivendicare da parte di terzi.

Nuvolotta Nuvi ha detto...

I fruscii e i rumori bianchi aiutano chi come me soffre di acufeni, ne ho trovati su youtube non ho idea di che copyright violerebbero, forse possono dare fastidio a coloro che vendono apparecchi che mascherano gli acufeni tinnitus mask in inglese.

Mammiiiinaaa?! ha detto...

@Nuvolotta, mi dice in che modo ti aiutano? Soffro anche io di acufene e mi interessa molto

Marco P ha detto...

Talvolta capita di essere presi dai troll dei copyright, qui c'è la storia a lieto fine di un noto divulgatore.

https://www.eevblog.com/2017/09/29/eevblab-37-youtube-copyright-trolls/

Nuvolotta Nuvi ha detto...


Non è finita: i presunti autori che rivendicano diritti non hanno chiesto di rimuovere il video di Tomczak, ma ne hanno chiesto la rimonetizzazione

La stessa cosa è successa ad un mio amico che metteva video di lui che suona cover alla chitarra, fatto sta che non sono stati i discografici o i veri detentori dei diritti discografici a fare richiesta di rimonetizzazione ma qualche furbetto che aveva notato che alcuni suoi video avevano molte visualizzazioni...

Nuvolotta Nuvi ha detto...

Mammiiiinaaa?! i miei acufeni sono molto acuti e mi aiutano davvero molto per riposare di notte, inoltre su un vecchio pc non connesso in rete ho installatouna versione datata di questo programma vectormediasoftware.com/atmdeluxehome.htm che mi sono fatta regalare da mio marito, a cui aggiungo per l'appunto altri suoni c'è anche una versione gratuita ma non è completa come quella che mi ha preso mio marito che ha un effetto più naturale, smanettandoci un po' su senza violare la licenza si possono sostituire alcuni suoni aggiungendo un suono in formato ogg sostituendolo ad uno che non ci piace cambiando l'estensione in quella che propone il programma.

Mammiiiinaaa?! ha detto...

Ma qual'è il principio secondo il quale funzionano? Io ho un ronzio tipo proprio il fruscio/sfrigolio che fa un televisore non sintonizzato. Talvolta, ma più raramente, una sorta di "vuuuuuuuu". Che dovrei fare?
Per gli altri, scusate l'OT "medicina 33" ;-)

CimPy ha detto...

"Per gli altri, scusate l'OT 'medicina 33' "


Te lo dico: questo OT è interessante. Che poi, gli acufeni sono insidiosissimi...

;)

Il Lupo della Luna ha detto...

Alcuni hanno sollievo "sovrapponendo" al suono che percepiscono un rumore bianco semplicemente ascoltandolo con le cuffie.

Avevo letto qualcosa in proposito e si ipotizzava un effetto simile a quello delle cuffie a riduzione di rumore, che riproducono un suono in controfase rispetto al rumore e per un principio fisico lo annullano.

https://mynoise.net/NoiseMachines/whiteNoiseGenerator.php

paolo ha detto...

Anche i pezzi di cui sarebbe stato violato il copyright sono registrazioni di rumore bianco a giudicare dai loro titoli, per cui è possibilissimo che un altro rumore bianco sia molto simile. Quello che mi stupisce è che sia possibile ottenere un copyright su un rumore: quale abilità tecnica o artistica hai dovuto usare per ottenerlo? Sarebbe come se uno fotografasse una nuvola e poi volesse impedire a tutti di fare lo stesso. Inoltre registrazioni di rumore bianco esistevano già in precedenza. Dove è la novità che ti permette di richiedere un copyright? Credo che andrò a chiedere il copyright sulla nota Do.

Mammiiiinaaa?! ha detto...

Abito un po' fuori dal mondo, quindi posto silenzioso. Soprattutto è silenziosissima la casa...quasi quasi registro una decina di minuti di silenzio e poi li metto sul tubo e poi monetizzo ;-)

Il Lupo della Luna ha detto...

Potrebbe essere più difficile di quel che sembra registrare il silenzio 😀

cyberninja ha detto...

@Mammiiiinaaa?!

Non puoi, ci sono già i 4'33" di Cage. XD

Mammiiiinaaa?! ha detto...

uffa! Provo con le fusa del gatto? Non è facile registrarle, però.

martinobri ha detto...

@ Mammiiiinaaa?!

https://www.youtube.com/watch?v=n03nWg6omqA

Mammiiiinaaa?! ha detto...

O, socc'mel, du maron!!
Vabbè, ci rinuncio...

pgc ha detto...

tutti i silenzi sono uguali, tutti i rumori bianchi sono quasi uguali (vedi commento #5).

Tutto il resto... no, incluse le fusa dei gatti. :)

Scatola Grande ha detto...

Mamminaaaaaa,
vuoi dire che a casa tua non ci sono quei dannati orologi che sembra abbiano un martelletto interno (in realtà è un motore passo passo particolare), né frigoriferi o caldaie, i gatti la notte stanno tranquilli, niente grilli e cicale né uccellini?

Mammiiiinaaa?! ha detto...

A casa mia ci sono muri di mezzo metro che uccidono ogni rumore! Risultato: la sveglia che fa tinta nella stanza dei bambini non si sente altrove, il frigorifero dalla mia camera praticamente non si sente. Con le finestre chiuse, frinire di cicale e grilli restano fuori fintanto che restano fuori gli "emettitori". La gatta è il terzo cuscino sul divano...XD XD XD

Mammiiiinaaa?! ha detto...

Certo, cose rumorose ce ne sono: i cinni, un grosso pennuto, il gatto del piano di sopra che, invece, ogni tanto corre e gioca...
Però, quando tira il vento, ti saluto silenzio!

Anonimo ha detto...

A me capitò una contestazione ad un mio video di una banda che esegue l'inno italiano!
Un pazzoide aveva fatto un video con la musica di Fratelli d'Italia in cui lui sproloquiava su tasse e simili.

Quello che mi chiedo in questo caso particolare è: se fosse possibile mettere il rumore bianco sotto copiright, i 5 contestanti non dovrebbero pure contestarsi tra loro?

Mammiiiinaaa?! ha detto...

Sembra tanto la storia di quei furbetti che tentano di brevettare cose di uso comunissimo come la forchetta o Babbo Natale... (ammesso che esistano davvero)

Nuvolotta Nuvi ha detto...

Eccomi Mammina, i rumori bianchi dovrebbero mascherare gli acufeni rendendoli più sopportabili, non sono curativi

Mammiiiinaaa?! ha detto...

A me danno un fastidio relativo: lavoro in un luogo sufficientemente rumoroso, poi a casa ho i cinni che pensano a far rumore e la sera sono talmente cotta che dormirei perfino con le fanfare di carabinieri e bersaglieri messe insieme!