Cerca nel blog

2020/01/09

Tempesta in un bicchiere: psicosi per il chip NFC nei bicchieri del Rabadan

Ultimo aggiornamento: 2020/01/10 18.50.

Si può avere paura di un bicchiere? A quanto pare sì. Il Rabadan, il grande carnevale di Bellinzona che si tiene dal 20 al 25 febbraio, quest’anno adotterà dei bicchieri multiuso in silicone al posto di quelli usa e getta, per ridurre il consumo di plastica. Sul fondo di questi bicchieri è incorporato un chip NFC, e questo ha scatenato angosce e psicosi.

C’è chi teme la possibilità di essere localizzato o sorvegliato, che il chip NFC trasmetta imprecisate onde pericolose o che c’entri in qualche modo il 5G. Altri si preoccupano dell’inquinamento causato dalla produzione dei chip.

Ma i fatti tecnici sono ben diversi. I chip NFC non localizzano, non sorvegliano, non trasmettono onde pericolose e il 5G non c’entra nulla. Inoltre la quantità di materiale e di energia usata per produrli è microscopica: nulla a che vedere con i costosi e complessi chip per computer.

Quelli usati nei bicchieri del Rabadan sono quelli più semplici (chip NFC passivi, come quello mostrato nella foto qui sopra), costano qualche centesimo l’uno e sono in sostanza dei dischetti sottilissimi che contengono un’antennina, una memoria e un piccolo processore, ma nessuna batteria. Il chip del Rabadan pesa meno di un millesimo del bicchiere che lo ospita, come indicato nel sito dell’azienda produttrice.

I chip NFC non sono una tecnologia nuova: esistono da quasi quindici anni e vengono usati comunemente nelle carte di credito e nei sistemi di pagamento contactless (carte di credito, Apple Pay, Google Wallet), nelle tessere di accesso alle camere d’albergo, e in molti sistemi anticontraffazione, antitaccheggio e di gestione dei magazzini. Una loro versione più sofisticata (chip NFC attivo) è presente all’interno di quasi tutti gli smartphone recenti. Quindi chi ha paura di questi chip non dovrebbe mai entrare in un negozio, perché sarebbe circondato da questi piccolissimi dispositivi, e non dovrebbe mai usare uno smartphone.

I bicchieri multiuso del Rabadan incorporano questi chip passivi per consentire alcune funzioni “social” del carnevale, che sono del tutto opzionali e sono attivabili scaricando e installando un’apposita app.

Gli organizzatori del Rabadan mi hanno fatto avere in anteprima un campione di questi bicchieri “smart”, e ne ho sezionato uno per estrarne il chip NFC. Qui sotto vedete uno di questi campioni ancora integro, con l’NFC inglobato nel fondo, tra due strati di silicone.


Ho provato a leggerlo con un’app per NFC presente nel mio smartphone e questo è il risultato:


In quanto alle emissioni di onde radio, sono microscopiche, praticamente nulle: la sigla NFC sta infatti per Near Field Communication, ossia “comunicazione in prossimità”, e spiega bene il concetto che questi chip emettono un segnale radio talmente debole che si può captare solo a pochi centimetri di distanza (è ancora più debole di quello del Bluetooth). Quelli attivi (presenti nei telefonini e nei tablet, o nei lettori di tessere) emettono onde radio che vengono ricevute e usate come fonte di energia da quelli passivi.

I chip NFC passivi non emettono un segnale radio vero e proprio ma comunicano perturbando in maniera controllata il segnale emesso dai chip attivi, che rilevano queste perturbazioni (grazie a Marco Morocutti, nei commenti, per questo chiarimento).

La frequenza utilizzata è 13,56 MHz, quindi niente a che fare con le frequenze del 5G (o, se è per quello, del 4G, 3G o 2G).

Per chi teme un’eventuale sorveglianza: prima di tutto, il chip NFC passivo, quello presente nel bicchiere, è completamente inerte e non identifica in nessun modo l’utente del bicchiere se non lo si attiva intenzionalmente tramite il proprio telefonino e l’apposita app.

In secondo luogo, anche se lo si attiva, il sito del Rabadan dichiara che Né la start-up PCUP né Rabadan o gli altri partner coinvolti, hanno intenzione di analizzare i dati personali degli utenti o di utilizzarli a fini promozionali. Grazie all’utilizzo del bicchiere e dell’App sarà invece possibile misurare il risparmio di plastica monouso usando un bicchiere unico per tutto il periodo della manifestazione.

Ma soprattutto, se siete così preoccupati di essere sorvegliati da un bicchiere, che ci fate sui social network?

Nessun commento: