2010/04/28

13 tonnellate di carburante al secondo

Niente male: il motore più potente del mondo in azione. Notevole: cinque di quei motori insieme. Epico: in HD e al rallentatore


Me l'avete segnalato in molti e ne deduco che è piaciuto a voi quanto a me questo spezzone del decollo dell'Apollo 11, in rotta verso la Luna nel luglio del 1969, sotto la spinta di cinque motori F-1 che ingurgitano 13 tonnellate di cherosene e ossigeno liquido al secondo. Quanto basta per sollevare verticalmente le circa 3000 tonnellate del veicolo Saturn V/Apollo (pari a dieci Jumbo Jet a pieno carico) fino a circa 70 chilometri d'altezza e accelerarle fino a 9900 chilometri l'ora. Ah, e fare tutto questo in poco più di due minuti e mezzo. Solo la turbina di alimentazione dei motori erogava 55.000 cavalli (41 MW). Ciascuno di questi motori F-1 produceva più spinta di tutti e tre i motori primari dello Shuttle.

Il video è in giro in Rete da tempo ma è stato segnalato solo di recente da vari siti molto popolari. La ripresa originale, effettuata su pellicola 16mm, è a 500 fotogrammi al secondo, quindi gli otto minuti del video rappresentano i primi trenta secondi effettivi del decollo. Le fiamme iniziali sono l'accensione dei motori e vengono risucchiate verso il basso dal getto dei motori stessi quando la spinta arriva a regime. Le schegge bianche che cadono sono costituite da ghiaccio, che si condensa sulla superficie esterna del veicolo Saturn V perché il razzo contiene immensi serbatoi di ossigeno liquido mantenuto a temperature bassissime. L'acqua che si vede più avanti è quella del sistema di attenuazione delle vibrazioni e del rumore.

Questa è la versione a bassa risoluzione: se volete quella in HD, andate qui da Mark Gray della Spacecraft Films.


Non dimenticate che in cima a questi centoundici metri di fuoco e d'inferno finemente regolati c'erano tre persone: Michael Collins, Buzz Aldrin e Neil Armstrong. E che tutto questo fu realizzato con tecnigrafi e regoli calcolatori.

21 commenti:

  1. E adesso vien da chiedersi: conoscendo il costo del carburante nel 1969, quanto sono costati questi 2 minuti e mezzo di spettacolo? :)

    RispondiElimina
  2. Accidenti e io che invece con la mia macchinuccia vado solo in città, spendo quasi l'equivalente in benzina dell'Apollo 11 per andare in orbita.........Sob! ;)

    RispondiElimina
  3. "E che tutto questo fu realizzato con tecnigrafi e regoli calcolatori. "
    Cosa potrebbe fare l'umanità, se davvero volesse? Cosa gli manca? La spinta della competizione? I SOLDI? Stimoli? Semplicemente la passione?
    Per inciso: la passione di Paolo è straordinaria... Grazie. Come sempre.
    GuidoBH

    RispondiElimina
  4. @ Alessandro Pilotto
    "E adesso vien da chiedersi: conoscendo il costo del carburante nel 1969, quanto sono costati questi 2 minuti e mezzo di spettacolo? :) "

    Qualcosina di meno di un bombardamento su Kabul... :-(

    RispondiElimina
  5. E con la benzina a quasi un euro e cinquanta al litro....

    RispondiElimina
  6. L'acqua che si vede più avanti è quella del sistema di attenuazione delle vibrazioni e del rumore.

    e la protezione della rampa dalle fiamme/calore dove la lasciamo? :P

    RispondiElimina
  7. Scusate l'OT, avrei una curiosità alla quale non ho trovato risposta in rete.
    La 11 o altre missioni Apollo sono state coperte da qualche forma di assicurazione?
    Grazie.
    Giangi

    RispondiElimina
  8. e la protezione della rampa dalle fiamme/calore dove la lasciamo? :P

    Sì, il Water Deluge System aveva anche una funzione termica, ma buona parte della protezione termica era fornita dalle vernici e dai rivestimenti ablativi e refrattari. Una delle funzioni primarie del WDS era lo smorzamento del rumore e delle vibrazioni prodotte dai motori. Durante i primi test il Saturn V aveva fatto tremare le cabine di regia delle emittenti TV che si trovavano a qualche miglio di distanza. Per l'Apollo 4, Walter Cronkite si vede cadere intorno i pannelli del soffitto.

    RispondiElimina
  9. Spettacolo..................

    RispondiElimina
  10. La 11 o altre missioni Apollo sono state coperte da qualche forma di assicurazione?

    Che io sappia, no.

    RispondiElimina
  11. Paolo, non e' mia intenzione fare una classifica delle funzioni (so perfettamente che alcune sono primarie, altre secondarie), semplicemente ricordavo quella termica per completezza (e perche' e' anche nominata nel video)

    RispondiElimina
  12. Non riesco a capire, ascoltando il commento, su quale tipo di supporto appoggia l'Apollo 11. Mi pare che la voce dica qualcosa a riguardo, ma non capisco bene. Dice cose interessanti...?

    RispondiElimina
  13. "...L'acqua che si vede più avanti è quella del sistema di attenuazione delle vibrazioni e del rumore..."
    Se non ricordo male, Jules Verne in "Dalla Terra alla Luna" fa usare ai protagonisti l'acqua come 'ammortizzatore' per il lancio del 'Columbiad'...

    Bye by Massimo 8-]

    RispondiElimina
  14. Sono stato l'anno scorso al Kennedy Space Center per il mio viaggio di nozze e nel tour che si fa durante la visita si entra in una riproduzione fedele della sala di comando delle missioni Apollo. Ad un certo punto parte una simulazione degli eventi di quel giorno con tanto di video, luci e suoni. Quando parte il Saturn vengono simulate pure le vibrazioni che realmente all'epoca si avvertirono fin nella sala di controllo e tutte le finestre cominciano a tremare vistosamente, davvero spettacolare! Tra breve metto un video su YouTube della simulazione.

    RispondiElimina
  15. Paolo: il motore più potente del mondo non è l'RD-170 russo?

    Ps: a proposito delle missioni Apollo... hai ricevuto la mia mail con il link allo zip con le pagine di Epoca?

    RispondiElimina
  16. il motore più potente del mondo non è l'RD-170 russo?

    Solo se accetti ugelli multipli e camere di combustione multiple. Molti lo considerano un cluster di motori con alcune parti in comune.

    Ps: a proposito delle missioni Apollo... hai ricevuto la mia mail con il link allo zip con le pagine di Epoca?

    Mi pare di sì, ma sono cronicamente in arretrato con le risposte.

    RispondiElimina
  17. Gli Americani in fatto di potenza bruta sono maestri, non c'entra una mazza ma guardatevi La motosega più potente del mondo :D

    RispondiElimina
  18. Niente da fare, l'Apollo e il Saturn erano proprio dei gran bei pezzi di ingegneria...
    Mi ricordano i bei tempi (un paio di anni fa) quando vidi il Nodo 3 della ISS "appeso" e "nudo" in un hangar della Alenia a Torino.
    Da brividi... quando gli umani ci si mettono d'impegno sanno il fatto loro..

    RispondiElimina
  19. Cosa potrebbe fare l'umanità, se davvero volesse? Cosa gli manca? La spinta della competizione? I SOLDI? Stimoli? Semplicemente la passione?

    Stimoli a usare i soldi per ciò di cui si ha passione, magari.

    RispondiElimina

Se vuoi commentare tramite Disqus (consigliato), vai alla versione per schermi grandi. I commenti immessi qui potrebbero non comparire su Disqus.

Pagine per dispositivi mobili