2010/05/05

Nuovo capolavoro informatico del Corriere: non sa la differenza fra un dominio e un indirizzo IP [UPD 12:50]

Presto! Non perdetevi il sensazionale articolo di Eva Perasso sul Corriere della Sera online, secondo il quale, udite udite, i domini Internet si esauriranno il 20 settembre 2011.

Qualche perla: "Nella fase di passaggio verso il nuovo standard Ipv6, di cui già da molti anni si parla, il mercato impazzirà e per trovare un dominio libero tra quelli di vecchia generazione si spenderà sempre di più... a furia di registrare domini, le varie combinazioni matematiche che permettevano di accedervi si sono esaurite... Tecnicamente, il codice di un dominio basato su Ipv4 è fatto da 32 bit... i browser sono pronti a riconoscere un sito composto da una stringa numerica più lunga.. "

Il resto è ancora più esilarante nella sua tragipatetica, catastrofista confusione fra dominio e indirizzo IP. Che, per i non addetti ai lavori, è come confondere crema pasticciera e bastoncini di pesce in un articolo di cucina.

Se questo è il modo in cui uno dei più celebri giornali italiani pretende di informare i suoi lettori, non mi sorprende che l'informatica in Italia sia così indietro e che i giornali vendano sempre meno.

Non biasimo la Perasso per la sua manifesta incompetenza informatica: i bit e i byte non sono la sua specialità, e si vede. Pazienza, anche se un po' di dignità, quanto basta per rifiutare un incarico per il quale non si è portati, non avrebbe guastato. La vera colpa è dell'irresponsabile che ha affidato alla giornalista l'incarico di scrivere pubblicamente su un argomento in cui lei è incompetente. E che l'ha pagata per farlo ed è a sua volta stipendiato per assegnare con avvedutezza questi compiti.

Mi chiedo quale sarà il prossimo passo del Corriere verso il baratro della scempiaggine sistematica a pagamento. Rubriche sull'allevamento di dromedari redatte da eschimesi? Articoli di ginecologia scritti da monaci tibetani? Dispense di fisica compilate dal mago Otelma? La pagina delle scienze a cura di Raz Degan e Roberto Giacobbo?


11:10 - Articolo vaporizzato


Il Corriere ha rimosso l'articolo senza neanche una parola di scuse per aver preso per il naso i propri lettori, come il pezzo se non fosse mai esistito, nella più orwelliana delle tradizioni. Ma il vostro piccolo Winston Smith di campagna ne ha una copia. Eccola.



12:50 - Articolo ripubblicato e corretto, con scuse


Eva Perasso ha postato qui sotto un commento di scuse e il Corriere ha rimesso online l'articolo in versione corretta (ma ancora migliorabile) e con una nota di scuse: "Il seguente articolo era stato pubblicato in una prima versione contenente alcune gravi imprecisioni. Pubblichiamo a seguire una revisione del testo e chiediamo scusa ai lettori. La redazione."

Apprezzo il bel gesto di correttezza. Ne propongo uno ancora migliore: evitare del tutto di pubblicare articoli che poi tocca ritrattare.

173 commenti:

  1. più seriamente, ma questi veramente vogliono mettere i loro articoli a pagamento?!

    AHAHAHAHAHAHAH

    RispondiElimina
  2. Devo assolutamente comprare un po' di domini a 5$ all'anno: se li rivendo tutti a qualche milione di euro il 21 settembre 2011 avrò ben 1 anno e 3 mesi di tempo per spassarmela prima della fine del Mondo!

    RispondiElimina
  3. comunque la tizia dice che in questi anni ho scritto di internet, tecnologie, telecomunicazioni, comunicazione web, cultura digitale in generale quindi una piccola esperienza la dovrebbe avere... ma evidentemente in questi anni non è riuscita a capire la differenza tra indirizzo IP e nome a dominio...

    fonte: http://www.totem.to/eva_perasso.htm

    RispondiElimina
  4. Poteva andare peggio... avrebbe potuto dire che si sarebbero esauriti entro il 2012... provocando un mega orgasmo a Giacobbo. Già lo vedo a cercare collegamenti coi Maya.

    RispondiElimina
  5. In esclusiva il video di quando le hanno spiegato come è fatto INTERNET

    RispondiElimina
  6. "Presto! Non perdetevi il sensazionale articolo di Eva Perasso sul Corriere della Sera online, secondo il quale, udite udite, i domini Internet si esauriranno il 20 settembre 2011."

    eh ma così mi rovina tutto! Doveva scrivere che finiranno il 21 Dicembre 2012! :D

    Però.

    Adesso la sparo grossa.

    Tenetevi.

    Non sono assolutamente certo che IPV6 si affermerà.

    KA-BOOOOOOOOM! :D

    RispondiElimina
  7. Paolo, Paolo.

    OT (perdonatemi)

    Ma stasera il tuo fido eunuco Usa-fre si è sciroppato Mistero. :D

    Ed è riapparso Straker.

    Se hai lo stomaco di rivedertelo...

    Dico solo una cosa: a confronto di Mistero, Voyager di Giacobbo sembra SuperQuark!

    KA-BOOOOOOOOM! (reprise) :D

    RispondiElimina
  8. Ho letto l'articolo in oggetto poco fa, e non ci ho capito nulla.

    Ero sicuro che lo avrei ritrovato qui !!!

    RispondiElimina
  9. ma come ti permetti a mettere Giacobbo sullo stesso piano di Raz Degan? Quest'ultimo è uomo colto! :)

    RispondiElimina
  10. @oscar

    Senza dubbio, ma se imparasse un po' meglio l'italiano... :D

    Comunque, anche Mistero ha i suoi lati positivi: nella scorsa puntata ha presentato un bel servizio sulle persone che hanno cambiato sesso.

    E questa sera ha presentato un ampio servizio su due gemelle siamesi americane, che condividono lo stesso corpo dalla vita in giù.

    Mi è piaciuto perché ha mostrato la loro vita quotidiana e , a parte l'ovvio shock iniziale, nel procedere del servizio, anche io ho avuto una forte sensazione di normalità, di "accettazione" (ma questo termine è orribile).

    Certo, adesso loro hanno 20 anni e...

    Beh, la mia mente è andata a parare sulla sessualità e sui rapporti affettivi in generale.

    Sarebbe davvero interessante fare un flame su questo :) Sono due ragazze molto diverse caratterialmente e davvero molto carine: hanno due cuori e quattro polmoni, la loro fusione si realizza al livello dell'intestino, quindi hanno un solo ano e una sola vagina. Sono sorprendentemente coordinate nei movimenti, camminano, fanno sport, corrono, hanno la patente.

    Parliamone :)

    RispondiElimina
  11. @usa

    riguardo a Mistero, guarda qui la risposta di Aldo Grasso a uno spettatore arrabbiato della sua bocciatura

    http://forum.corriere.it/televisioni/30-04-2010/le-bufale-di-mistero-1536020.html

    ed ecco il sito della fantomatica associazione...

    http://crisnaa.org/

    stralol! :)

    RispondiElimina
  12. Sì Drakkar, me ne ero accorto anche io che quelli di Crissna ersano un po' flippati con gli orbs :D

    Io infatti volevo sottolineare i servizi "potenzialmente interessanti" che inseriscono, il resto è fuffa conclamata :D

    Sulle gemelle siamesi, segnalo qui la relativa voce della Wiki inglese.

    Stando a Mistero, non è il tipico caso "sarà un abominio ma lo partorirò lo stesso": la madre afferma che nessuno si era accorto di questa anomalia....io non posso confermare nè smentire, sono nate nel 1990 :)

    RispondiElimina
  13. In ogni caso devo sottolineare la straordinaria sensibilità dei genitori, che le hanno accettate e cresciute senza alcun problema o pregiudizio. certo la madre non nasconde le problematiche.

    Ad esempio cita un caso in cui una delle gemelle si ammalò di una forma influenzale, ma per motivi intrinseci le iniezioni di antibiotico dovevano essere somministrate dalla "parte" della sorella sana, e la sorella sana ebbe a dire che avrebbe preferito essere separata.

    ma all'esplicita domanda, hanno dichiarato che "non si potrebbero immaginare divise". :) Inoltre , nel loro caso specifico, una separazione chirurgica è impensabile.

    RispondiElimina
  14. Qualcuno ha scritto un articolo tecnicamente esauriente sul problema che affligge la signora Perasso:
    http://www.wolfstep.cc/2010/05/il-solito-corriere-della-serva.html

    RispondiElimina
  15. A proposito di "Misteri", diverse volte durante l'intervista al "ricercatore" Marcianò, il Raz Degan si guardava in giro come per dire:
    "ma di che c...o parla questo"!
    Sarà perchè non capisce bene l'italiano, oppure lo ha capito fin troppo?

    RispondiElimina
  16. @Paolo Attivissimo

    Dispense di fisica compilate dal Mago Otelma?

    Ma dai Paolo, guarda che se nomini il nome di Otelma invano lui ti fa il megamalocchio con ascendente di pizza quattro stagioni che poi a levarlo ti ci vuole almeno un altro mago di stesso calibro e spessore. E ti voglio a trovarlo!

    RispondiElimina
  17. Senza contare che e' dal 1995 che sento dire che gli indirizzi IPv4 finiranno entro un anno.
    Prima o poi finiranno, e' vero, e tutti quelli che l'avranno scritto dal 1995 ad oggi diranno "Avete visto che avevo ragione?!"

    RispondiElimina
  18. Considerato che Giacobbo è vicedirettore di RaiDue, la vedo probabile...

    RispondiElimina
  19. Senza contare che e' dal 1995 che sento dire che gli indirizzi IPv4 finiranno entro un anno.
    Prima o poi finiranno, e' vero, e tutti quelli che l'avranno scritto dal 1995 ad oggi diranno "Avete visto che avevo ragione?!"


    Gnam gnam gnam!

    RispondiElimina
  20. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  21. @Luigi Rosa
    Chi nel 1995 parlava di 'fine degli indirizzi IP' in parte era giustificato, la versione 1.1 dell'HTTP è del 1997 (così leggo su Wikipedia) e ha dato una bella boccata di ossigeno al consumo di IP per i web server.

    RispondiElimina
  22. A proposito di "Misteri", diverse volte durante l'intervista al "ricercatore" Marcianò

    L'ho visto per caso, e non sono riuscito a resistere un minuto su quel canale, però in sovraimpressione (almeno nel momento in cui ho guardato io) hanno scritto "Responsabile del sito Tanker Enemy", non "Ricercatore" (come da Giacobbo).
    E non so se avete fatto caso al "disclaimer" in sovraimpressione che diceva che non esistono prove dell'esistenza delle scie chimiche. Certo, certo, intanto però diamo pure spazio al cialtrone...

    RispondiElimina
  23. Forse Paolo sei stato anche troppo tenero con lei. Se il profilo che (come altri qui) ho trovato con una rapidissima googlata è il suo, sono anni che scrive di tecnologie informatiche... evidentemente senza saperne quasi nulla.
    Direi che la colpa e' MOLTO piu' sua che non dell'ingenuo supervisore (probabilmente ignorante in materia quanto lei) che le ha affidato l'incarico.
    E' come qualcuno che non sa la differenza tra crema pasticciera e bastoncini di pesce E SI OSTINA A VOLER CUCINARE.

    RispondiElimina
  24. Panerai rimane irraggiungibile però... :D
    http://multiplayer.it/forum/open-space/54683-luca-panerai-uomo-mito.html

    RispondiElimina
  25. Crema pasticcera e bastoncini di pesce? Paolo, di' la verita', stai ancora pensando al Dottore! :-)
    (Ma crema pasticcera non si scrive senza la "i"?)

    RispondiElimina
  26. La cosa veramente inquietante è quello che si evince da questa discussione:

    Tutti guardano Misteri!

    RispondiElimina
  27. Segnalo quest'altro articolo con un paio di chicche degne di nota:
    http://www.repubblica.it/tecnologia/2010/05/01/news/nuova_ubuntu-3744071/


    "IMMAGINATE un nuovo sistema operativo con il quale non serva installare alcun software social network"

    "la nuova Ubuntu offre come una suite di produttività di tutto rispetto (Open Office di Sun), un client di posta (Firefox, oltre a quello di sistema)"

    RispondiElimina
  28. Mi sa che si stanno estinguendo i giornalisti con un minimo di ritegno per la professione che rappresentano, altro che domini. Di questo passo il prossimo Pulitzer sarà conteso tra un articolo sulle connessioni tra Maya e alieni marziani VS indagine su un presunto complotto di verdurai volto a farci diventare tutti piante di lattuga.

    RispondiElimina
  29. Paolo, di' la verita', stai ancora pensando al Dottore! :-)

    Assolutamente sì. Ovviamente non ho potuto scrivere "custard", altrimenti la battuta non sarebbe stata comprensibile, ma mi aspettavo che qualche whoviano notasse l'allusione ;-)

    (Ma crema pasticcera non si scrive senza la "i"?)

    Così mi dice il controllo ortografico. Me lo sono chiesto anch'io. Google trova più ricorrenze senza "i". Attendo il responso dell'Accademia dei Pedanti.

    RispondiElimina
  30. Ciao,

    l'accademia dei pedanti non lo so, ma il Devoto-Oli dice che la "i" ci vuole come femminile di "pasticciere", ma accetta anche la dizione "pasticcere". Per dirimere la questione, esistono due articoli sul n. 23 di "La crusca per voi":

    Pasticcera/Pasticciera con funzione aggettivale, sulla corretta grafia, n° 23, p. 10.
    Pasticciere sostantivo, sulla corretta grafia, n° 23, p. 11.

    S.

    RispondiElimina
  31. "La nave ormai è in mano al cuoco di bordo e ciò che trasmette il megafono del comandante non è più la rotta ,ma ciò che mangeremo domani."
    Soren Kierkegaard

    RispondiElimina
  32. Mmmhh... bastoncini di pesce e crema pasticcera (o pasticciera, si può dire in entrambi i modi).
    Interessante, li proverò con un adeguato contorno di fagioli alla nutella :-)

    @usa-free:
    Ed è riapparso Straker.

    AIUTO!

    E questa sera ha presentato un ampio servizio su due gemelle siamesi americane, che condividono lo stesso corpo dalla vita in giù.

    Ohi ohi, poverine. Sarebbero queste, no? Sembra che una delle due sia fidanzata e l'altra no. "No" si fa per dire... anzi, se rimangono incinte, di chi è il figlio?

    @Luigi Rosa:
    Senza contare che e' dal 1995 che sento dire che gli indirizzi IPv4 finiranno entro un anno.
    Prima o poi finiranno, e' vero, e tutti quelli che l'avranno scritto dal 1995 ad oggi diranno "Avete visto che avevo ragione?!"


    Ah già, stavamo parlando degli indirizzi IP.
    Sarei proprio curioso di vedere chi finisce prima tra IPv4 e il petrolio.
    Non che non ci si debba dar da fare già da ora con IPv6 e con le pale eoliche, eh...

    Infine riguardo all'articolo:
    I domini? AHAHAHAHAHAHAH LOL ROTFL!!!!

    RispondiElimina
  33. Su Mistero
    Anche io sono rimasto piuttosto sconvolto dal servizio sulle siamesi. Più per la loro normalità che per altro. E, visto il pulpito dal quale veniva la predica, sono corso su Internet a vedere se la cosa era vera e non una bufala!!!

    Ma avete notato anche voi, che nel servizio sulle scie chimiche non c'è mai una affermazione? Sempre, "si dice", "si pensa", "può essere"... Che abbiano paura di strascichi legali???

    RispondiElimina
  34. @Fabio Grasso:
    Segnalo quest'altro articolo con un paio di chicche degne di nota:
    http://www.repubblica.it/tecnologia/2010/05/01/news/nuova_ubuntu-3744071/

    "IMMAGINATE un nuovo sistema operativo con il quale non serva installare alcun software social network"

    "la nuova Ubuntu offre come una suite di produttività di tutto rispetto (Open Office di Sun), un client di posta (Firefox, oltre a quello di sistema)"


    Il pavimento del mio ufficio non è mai stato così pulito (a furia di rotolarmici dalle risate).

    Altre chicche annidate:
    Dimenticate le attese di minuti prima di un sistema operativo sia in grado di funzionare. Il nuovo Ubuntu, ribattezzato “Lucid Lynx” (lince lucida), parte da spento su un netbook medio il 19 secondi o poco più, secondo le prove che sono state già fatte e diffuse sul web dagli utenti. Non male.

    Il mio Xandros è da due anni che parte in una ventina di secondi e si spegne in 5. Ma anche il Windows 7 della mia signora se la cava abbondantemente sotto il minuto. Perciò non è una caratteristica del "nuovo Ubuntu".

    Lince lucida? Sì, certo, ma non è che il giornalista si sia chiesto come mai si chiami con questo strano nome. Magari non sa che le versioni precedenti erano Breezy Badger, Dapper Drake, Edgy Eft, Feisty Fawn, Gutsy Gibbon, Hardy Heron, Intrepid Ibex, Jaunty Jackalope e Karmic Koala, e che è già in lavorazione la Maverick Meerkat. Forse lo scoprirà quando uscirà la Zappy Zebra :-D

    E poi povera lingua italiana! Ohi ohi ohi come si sentirebbe male Accademia a leggere "sè", "tutto brani senza DRM", e "ricevedere il CD".

    RispondiElimina
  35. @Camicius:
    E, visto il pulpito dal quale veniva la predica, sono corso su Internet a vedere se la cosa era vera e non una bufala!!!

    Anch'io.

    E sulle scie ho solo un commento da fare:
    http://i42.tinypic.com/5luc9j.jpg

    RispondiElimina
  36. Aldo Grasso su Giaccobbo. http://www.corriere.it/spettacoli/10_maggio_05/le-balle-spaziali-di-Giacobbo-aldo-grasso_454cc742-5817-11df-b44b-00144f02aabe.shtml

    RispondiElimina
  37. Mi chiedo quale sarà il prossimo passo del Corriere verso il baratro della scempiaggine sistematica a pagamento. Rubriche sull'allevamento di dromedari redatte da eschimesi? Articoli di ginecologia scritti da monaci tibetani? Dispense di fisica compilate dal mago Otelma? La pagina delle scienze a cura di Raz Degan e Roberto Giacobbo?

    Non c'è mica bisogno di fare ipotesi così fantasiose: sono pronto a scommettere che mi basta leggere per una settimana articoli sportivi scritti da giornalisti sportivi per trovare almeno una castroneria regolamentare.

    RispondiElimina
  38. Hanno tolto l'articolo...

    RispondiElimina
  39. In questo momento l'articolo non è più disponibile (almeno nel link segnalato da Paolo).
    Provo a cercarlo altrove.

    RispondiElimina
  40. La pagina del Corriere non è più raggiungibile; forse c'è un limite anche al numero di pagine web disponibili. :-)

    RispondiElimina
  41. Ho trovato la copia cache qui

    RispondiElimina
  42. Dio benedica google cache ^_^

    http://saf.li/a8S8C

    RispondiElimina
  43. @Turz: LOL :D

    In effetti "Lince Lucida" è sullo stile di quelli che traducono "Firefox" come "volpe di fuoco" (o, uscendo dall'ambito informatico, quelli che traducono "Pink Floyd" come "fluido rosa"...)

    RispondiElimina
  44. "pasticciera" si scrive con la 'i', ma lo Zingarelli cartaceo ammette anche la grafia senza la 'i'. Si scrive con la 'i' perche' deriva da 'pasticcio'

    RispondiElimina
  45. Se volessi fare lo pseudocomplottista (avrei detto dietrologo, ma sarebbero arrivate decine di battute...anzi, una sola) potrei dire che l'articolo di Aldo Grasso su Boyager è una sorta di 'compensazione' verso il mondo dei debunker.

    Della serie: "abbiamo scritto una cretinata, ce l'avete sgamata, e allora noi vi regaliamo un pezzo che vi farà piacere in cui ce la prendiamo col vostro Giacobbo preferito...sperando che vi dimentichiate l'articolo precedente."

    Se volessi, eh...

    RispondiElimina
  46. siamo sempre li' ... vogliamo uuscire dal mondo geek ? allora cerchiamo di accettare anche questo tipo di errori

    RispondiElimina
  47. Questo articolo è bellissimo, complimenti! Ora lo ritwitto! :)

    RispondiElimina
  48. AAAARGH!!!! Attenzione!!! Cito da
    http://it.wikipedia.org/wiki/IPv6:

    "Quantificando con un esempio, per ogni metro quadrato di superficie terrestre, ci sono 666.000.000.000.000.000.000.000 indirizzi IPv6 unici (cioè 666 mila miliardi di miliardi), ma solo 0,000007 IPv4 (cioè solo 7 IPv4 ogni milione di metri quadrati).

    Così, prima che lo facciano i complottisti o il Corriere, et voilà:
    "Ma non lo capite? 666 mila miliardi di miliardi di Numeri della Bestia! Pentitevi! E in fretta, se no dove cavolo potremo inginocchiarci, che per terra sarà tutto sporco di indirizzi IP? Aaaaaaargh!" (lo portano via)

    RispondiElimina
  49. E' incredibile come dei professionisti (eufemismo) della comunicazione non riescano minimamente a rendersi conto di non aver compreso compiutamente (altro eufemismo) l'argomento che trattano.
    Però era "meglio" una previsione per il 21 Dicembre 2012 (o almeno per l'11 settembre 2011).

    RispondiElimina
  50. Non ho capito perchè fuori dal "mondo geek" si debbano scrivere idiozie...

    Comunque complimentoni alla redazione del Corriere per aver fatto sparire l'articolo. Fare un minimo di controllo PRIMA di pubblicarli?

    RispondiElimina
  51. Già, l'articolo è sparito, ma ci sono i siti mirror che ormai l'hanno bevuto:
    http://goo.gl/l85P
    http://goo.gl/cWCU
    http://goo.gl/fnq3
    http://goo.gl/T5HD

    RispondiElimina
  52. Vorrei far notare che con una ricerca nel motorino interno del sito del corriere l'articolo appare ancora:
    (almeno, questo al momento attuale, prevedo che presto sparira' anche da li')

    http://tinyurl.com/37rnye5

    RispondiElimina
  53. @Fabio Grasso:
    In effetti "Lince Lucida" è sullo stile di quelli che traducono "Firefox" come "volpe di fuoco" (o, uscendo dall'ambito informatico, quelli che traducono "Pink Floyd" come "fluido rosa"...)

    Mi ricorda tanto il lungo corno usato sempre su Repubblica per tentare di tradurre Longhorn (vecchio nome di Vista).

    RispondiElimina
  54. La confusione tra domini e indirizzi IP è stata mia e solo mia, giacché (ovviamente) la fonte cui mi sono ispirata non commetteva questo errore. Una nuova versione dell'articolo - rimosso dalla redazione per darmi modo di correggerlo - è ora online su Corriere.it (http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/10_maggio_04/internet-mercato-nero-siti_4a7137fc-5778-11df-8ce3-00144f02aabe.shtml), da parte mia non posso che chiedere scusa a tutti per le mie imprecisioni.
    Eva Perasso

    RispondiElimina
  55. Ciao Paolo, solo per segnalarti che, successivamente, è stata aggiunta una nota di scuse della redazione.

    Carlo

    RispondiElimina
  56. Pare che dal Corriere ci leggono! Wow! :D

    RispondiElimina
  57. Oh mio dio... "ci leggano" o_O

    RispondiElimina
  58. Ci leggono sì. L'articolo è tornato ^^

    RispondiElimina
  59. L'articolo è tornato online con un messaggio di scuse...

    RispondiElimina
  60. aaaah, connessione del cavolo >_>

    RispondiElimina
  61. Ho trovato la notizia corrette con l'avviso della sostituzione, forse l'abbiamo cercata in tanti (è finita anche su Facebook, deve avere avuto un picco nelle statistiche di accesso :-) )

    RispondiElimina
  62. E io dovrei pure paga' per leggere articoli del genere ????

    RispondiElimina
  63. Beh, questa volta possiamo dire, secondo me, che Il Corriere della Sera ed Eva Perasso, dopo lo svarione iniziale, si sono compartati molto correttamente ammettendo l'errore e correggendo l'articolo:
    http://goo.gl/hQBZ

    RispondiElimina
  64. http://www.style.it/news/le-notizie-del-giorno/2010/05/04/ultimi-domini-su-internet---il-rischio-e-il-mercato-nero.aspx

    La "giornalista" Privitera aveva copiato o la Perasso ha copiato da lei. O tutte e due hanno copiato da chissà chi?

    RispondiElimina
  65. Beh, personalmente, apprezzo molto il comportamento del Corriere e quello dell'autrice dell'articolo dopo lo svarione.
    Ben venga una stampa capace di correggersi e scusarsi coi lettori.
    Bene.

    RispondiElimina
  66. da parte mia non posso che chiedere scusa a tutti per le mie imprecisioni

    probabilmente sei la prima giornalista che si è scusata in questo blog e ciò non può farti che onore

    RispondiElimina
  67. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  68. però vedere come sono fatti questi giornalisti? in questo video è palese che la fuga panica viene scatenata da uno scoppio, invece la giornalista insiste nel dire che è causata da un urlo (che tra l'altro si sente distintamente prima della fuga)

    chi mi spiega, visto che i giornalisti sembrano che hanno un altro compito, cioè quello di confondere?

    RispondiElimina
  69. TheDrakkar, credo che questa volta tu abbia preso un abbaglio: il presunto scoppio altro non è che il rumore provocato da una transenna che è stata abbattuta durante la ressa, come riportato qui. ;)

    RispondiElimina
  70. @theDRaKKaR:
    probabilmente sei la prima giornalista che si è scusata in questo blog e ciò non può farti che onore

    Già, mi ricordo ancora invece la reazione di chi aveva scritto delle onde ghiacciate.

    RispondiElimina
  71. La cosa è ancora più divertente. L'articolo c'è ancora ma è stato corretto!!! È rintracciabile in fondo nella pagina di Scienze fra "Altri titoli" con il link ancora dal titolo sbagliato "Ultimi «domini» su Internet, si rischia il mercato nero". Però quando si va all'articolo si vede che "domini" è stato sostituito da INDIRIZZI nel corpo del testo e nel titolo! E in fondo c'è scritto che l'articolo è stato modificato oggi.
    Rigurgito di senso di responsabilità nei confronti dei poveri lettori?
    Dario

    RispondiElimina
  72. @usa

    madonna ho letto l'articolo tre volte e non riesco a trovare il passaggio che citi HELP!!!

    RispondiElimina
  73. > "Quantificando con un esempio, per ogni metro quadrato di superficie terrestre, ci sono 666.000.000.000.000.000.000.000 indirizzi IPv6 unici (cioè 666 mila miliardi di miliardi)"

    A me risultano circa 667.134.515.483.770.055.191.675

    Per la Questura molti di meno.

    RispondiElimina
  74. @theDrakkar

    O_O

    "Most of the injured had either broken bones or scrapes and bruises received when parts of the crowd began moving following the shouts. At least one safety barrier fell during the crush. "

    RispondiElimina
  75. ma io cercavo qualcosa tipo "il suono simile ad una esplosione che si sente è il rumore di una transenna che cade"!!

    RispondiElimina
  76. In effetti è una mia intepretazione, ma credo sia andata così, non c'è notizia dello "scoppio" di alcunché! :D

    RispondiElimina
  77. mo ti dico come la penso io, secondo me il rumore della transenna ha scatenato il fuggi fuggi generale, mentre l'urlo no. L'urlo può aver però innescato un piccolo tafferuglio tra l'uomo e la polizia che magari ha fatto cadere una transenna. Da lì il patatrac. Perlomeno così il video è più coerente.

    Comunque era solo per sottolineare una certa superficialità dei "soliti noti" nel divulgare i fatti.

    RispondiElimina
  78. Beh, per lo meno va dato atto al Corriere di essersi scusato. Non lo fanno tutti.

    RispondiElimina
  79. Ad Eva va riconosciuto il gran merito di non aver nemmeno tentato una clamorosa scalata di specchi come aveva fatto la mitica Giuditta Mosca :-D

    RispondiElimina
  80. @Explobot: non c'e' stato solamente http 1.1, ma anche il NAT a migliorare le cose.

    Le giustificazioni di chi ha previsto una catastrofe e ha sbagliato interessano poco dopo 15 anni: interessa solo il fatto che ha sbagliato in pieno.

    Parimenti, 15 anni fa ho sentito per la prima volta "Dal prossimo anno HTML non esistera' piu' e tutti utilizzeranno Java!"

    RispondiElimina
  81. @Luigi Rosa:
    Ah, e il Flash? Quand'è che sarà soppiantato da HTML5?

    Sempre aspettando che si estingua il COBOL...

    RispondiElimina
  82. Almeno ha riconosciuto lo sbaglio e bisogna darle atto :) non tutti lo farebbero a quanto pare...e si capisce...vanno in prima serata su una rete Mediaset e su una rete Rai......

    RispondiElimina
  83. > Sempre aspettando che si estingua il COBOL...

    Ad uno dei miei primi colloqui di lavoro presso una software-house: "Guardi che ormai il mercato è saturo, non è che servano poi molti sviluppatori di sw".
    Era il dicembre del 1985...

    RispondiElimina
  84. In tema di bufale ufficializzate dai giornali, presento il seguente recente caso da La STAMPA

    I marziani esistono
    Sono alghe fossili
    Tracce in strati di gesso, studiati dai rover della Nasa
    «Organismi simili a quelli nel plankton della Terra»

    http://www3.lastampa.it/scienza/sezioni/news/articolo/lstp/202772/

    La fonte originale è il San Francisco Chronicle.
    http://www.sfgate.com/cgi-bin/article.cgi?f=/c/a/2010/04/28/MN721D6AQU.DTL

    Direi che il significato cambia di molto... anzi, dice tutta un'altra cosa!!!!
    Possibile che i giornalisti de La Stampa non si siano posti domande davanti ad una scoperta di tale portata??

    RispondiElimina
  85. E va beh, Paolo, hai ragione su tutta la linea, ma sei sempre un po' troppo acido. Penso che il trinomio commento+revisione+scuse della redazione sia senza precedenti, e vada apprezzato "senza se e senza ma".

    Riguardo a "pasticcera", una regola utile e' che di solito non si scrive "*ccie*", ma "*cce*". Poi, come tutte le regole dell'italiano, ci sono le eccezioni.

    RispondiElimina
  86. Un grande BRAVA alla giornalista Perasso.
    (E al grande Paolo, questa volta, un invito a rimuovere le ultime due acide righe).

    RispondiElimina
  87. Beh diciamo che tutti possono sbagliare, ma la parte scientifica dei giornali è in triste declino comunque. E' forse per questo che Paolo è stato un po' acido alla fine. Comunque, Paolo congratulazioni! Il corriere ti legge. Chissà perché non ti affidano gli articoli informatici così sono sicuri che sono giusti. O ti farebbe orrore scrivere per un giornale "ufficiale", preferendo di gran lunga essere "libero"?

    RispondiElimina
  88. E al grande Paolo, questa volta, un invito a rimuovere le ultime due acide righe.

    E perchè? Intanto nelle ultime due acide righe c'è l'apprezzamento per l'ammissione di colpa della giornalista.
    Ma questo non toglie che un giornalista dovrebbe rendersi conto degli errori PRIMA di pubblicarli; tant'è che, probabilmente, la giornalista si è accorta dell'errore solo dopo che si è scatenato il putiferio.

    Ed ecco che è facile passare da un articolo "incompetente" (ovvero scritto senza la necessaria competenza sull'argomento trattato) ad un articolo in cui si scrive qualsiasi cretinata...pronti a chiedere scusa solo SE e QUANDO si viene beccati.
    E' come lo studente che viene beccato a copiare durante il compito in classe e che ammette la sua colpa: va apprezzata la sincerità, ma non per questo la sua colpa va cancellata.

    RispondiElimina
  89. l'accademia dei pedanti non lo so, ma il Devoto-Oli dice che la "i" ci vuole come femminile di "pasticciere", ma accetta anche la dizione "pasticcere". Per dirimere la questione, esistono due articoli sul n. 23 di "La crusca per voi":

    Pasticcera/Pasticciera con funzione aggettivale, sulla corretta grafia, n° 23, p. 10.
    Pasticciere sostantivo, sulla corretta grafia, n° 23, p. 11.


    Questa settimana l'Accademia dei pedanti è impegnata la mattina, e il pomeriggio spesso non fa a tempo a collegarsi subito e commentare. Dovrete accontentarvi dei vice...

    RispondiElimina
  90. Il vero problema è che non se ne accorge nessuno, se non gli addetti ai lavori.
    Se avesse detto castronerie di pari livello sul calcio, ad esempio, l'avrebbero già trasferita alla sezione necrologi.
    Scrivendo invece di scienza e tecnologie ce ne accorgiamo solo noi.
    Alla fine il problema è sempre il layer 8 dello stack ISO/OSI, l'utente finale, per il quale le macchine che utilizzano tutti i giorni devono funzionare come un tostapane: l'accendo, lo uso, lo spengo, quindi non è che l'informazione generalista ha necessità di stargli dietro.
    Probabilmente è un problema solo italiano, non saprei...

    RispondiElimina
  91. Per Luigi Rosa

    "pasticciera" si scrive con la 'i', ma lo Zingarelli cartaceo ammette anche la grafia senza la 'i'. Si scrive con la 'i' perche' deriva da 'pasticcio'

    No, non c'entra nulla, e tra l'altro pasticciere è una parola di origine francese, come "leggero". Soltanto che la grafia "leggiero" ormai si trova solo in testi poetici.

    Pasticciere, come tutte le parole formate con la desinenza -iere, andrebbe scritto con la i (che forse un tempo era realmente pronunciata nel fiorentino). Molte parole terminanti in -iere e -iera (non tutte) ammettono tuttavia la doppia grafia: si può scrivere raggiera o raggera, ma si può solo scrivere gorgiera.

    RispondiElimina
  92. Per PB

    Riguardo a "pasticcera", una regola utile e' che di solito non si scrive "*ccie*", ma "*cce*". Poi, come tutte le regole dell'italiano, ci sono le eccezioni.

    Dove hai letto questa bizzarra regola???

    RispondiElimina
  93. Per Replicante Cattivo

    Se volessi fare lo pseudocomplottista (avrei detto dietrologo, ma sarebbero arrivate decine di battute...anzi, una sola) potrei dire che l'articolo di Aldo Grasso su Boyager è una sorta di 'compensazione' verso il mondo dei debunker.

    Va detto che Aldo grasso all'interno del Corriere della Sera è davvero un esperto nel suo campo, e per quanto ho letto io finora, non si occupa d'altro. In più è anche docente universitario, credo il primo in Italia a ottenere una cattedra esclusivamente sulla storia della radiotelevisione.
    Eva Perasso, alla fine, soffre della sindrome del giornalista avventizio: deve essere esperto un po' di tutto, col risultato che non lo è in nulla.

    RispondiElimina
  94. Aldo Grasso

    RispondiElimina
  95. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  96. psicoreato! psicoreato!

    RispondiElimina
  97. @ Accademia dei Pedanti: Sì, Grasso credo sia ancora l'unico ad avere una cattedra del genere in Italia. Ho fatto un paio di esami con lui ed è stato il presidente della mia commissione di laurea. A lezione e agli esami è di una cafoneria micidiale, però ne sa...ha una cultura immensa. Si occupa anche di comunicazione di massa e nuovi media, in Cattolica a Milano.

    RispondiElimina
  98. @GP: "Alla fine il problema è sempre il layer 8 dello stack ISO/OSI, l'utente finale"

    Non so da dove l'hai tirata fuori ma è geniale! :)

    Lorenzo

    RispondiElimina
  99. La cosa veramente inquietante è quello che si evince da questa discussione:

    Tutti guardano Misteri!


    Mi stupisce che nessuno - nemmeno Accademia dei Pedanti :) - abbia ancora fatto notare che il titolo è "Mistero" e non "Misteri"! Comunque i lettori di Paolo Attivissimo guardano Mistero per nobili scopi, ad es. sbufalarlo ... o farsi 2 risate!

    RispondiElimina
  100. cicci belli, patite di INVIDIA DELLA PENNA?
    non si spiega diversamente tutto questo astio...
    segnalare un errore è un conto, mettere alla gogna la gente un altro!!

    RispondiElimina
  101. buon giorno saputelli.
    non è che forse a forza di stare dietro ai PC vi siete dimenticati che chi scrive un articolo è un ESSERE UMANO? e gli esseri umani, per definizione, possono sbagliare!
    vi inviterei, prima di mettere alla gogna qualcuno, di guardavi allo specchio e ricordarvi che siete fallibili anche voi. poi postate pure i vostri commenti: meno male che c'è qualcuno che si accorge degli errori!!!
    purtroppo NON c'è più il GIORNALISMO di una volta: far fare a un pezzo cento passaggi e farlo leggere da TANTI OCCHI ESPERTI era garanzia di correttezza delle informazioni.
    E' vero: chissà dove andremo a finire!!! ...se tutta la responsabilità degli errori cade su un GRANELLO DI SABBIA!!
    evviva i bastoncini di pesce pucciati nella crema pasticcera!!

    RispondiElimina
  102. @baba yaga: se io scrivo un articolo TECNICO non devo scrivere baggianate. Non è questione di "sbagliare" invertendo le lettere di una parola.

    E' come se io, in un annuncio pubblicitario su un forno a microonde mettessi il testo dell'annuncio di un deodorante. E poi vediamo se il mio capo ascolta i miei "Eh si ma sono un essere umano posso sbagliare" mentre mi caccia a calci.

    Se non mi sbaglio, e Paolo credo confermerà, una buona parte del lavoro di giornalista è documentarsi, o questo succede solo nei telefilm?

    Ben vengano le rettifiche, ma si potrebbero risparmiare facendo bene il proprio lavoro la prima volta.

    RispondiElimina
  103. @mousse

    ma con una che comincia con "buongiorno saputelli" tu vuoi anche interloquire? be', complimenti per l'ottimismo :D

    PS hai scritto qual'è in un commento, ti consiglio di ucciderti prima che se ne accorga Accademia :D

    RispondiElimina
  104. Urka, farò seppuku seduto su un dizionario di italiano ^^

    RispondiElimina
  105. No, l'acidità di Paolo è salutare, come quella dello yogurt! :D

    Bisogna contrastare con vigore questa tendenza del giornalismo italiota ad allinearsi agli standard di Studio Aperto!

    RispondiElimina
  106. vi siete dimenticati che chi scrive un articolo è un ESSERE UMANO?

    Anche un chirurgo è un essere umano. Per cui se muori perché ti recide l'aorta invece di toglierti un dente, perdonalo, mi raccomando.

    RispondiElimina
  107. ti recide l'aorta invece di toglierti un dente

    madonna mia... =)

    RispondiElimina
  108. "Anche un chirurgo è un essere umano. Per cui se muori perché ti recide l'aorta invece di toglierti un dente, perdonalo, mi raccomando"

    per fortuna fare confusione tra bit e byte in un articolo non ha mai fatto morire nessuno (almeno, credo).
    e tra l'altro, l'umana giornalista in questione ha dimostrato grande umiltà e grande professionalità: ha corretto l'errore e chiesto scusa. probabilmente è la prima a essere contrita per averlo commesso (mica uno ci gode a sbagliare, eh!!) e la prossima volta farà più attenzione.
    buona giornata stelline, state sereni:
    DIO ESISTE, MA NON SIETE VOI (e io nemmeno, per fortuna)

    RispondiElimina
  109. DIO ESISTE

    ehm tu non hai la più pallida idea di che cosa hai scatenato "stellina"...

    PS ma sei così arrogante per motivi congeniti o acquisiti?

    RispondiElimina
  110. E se fosse la giornalista sotto mentite spoglie? ^_^

    RispondiElimina
  111. naaaa nn credo

    forse è una sua amichetta

    RispondiElimina
  112. per fortuna fare confusione tra bit e byte in un articolo non ha mai fatto morire nessuno (almeno, credo).

    Morire no. Ma se oggi si perdona un errore tra bit e byte (che un esperto dovrebbe evitare, mentre un non-esperto dovrebbe evitare di parlarne), domani perdoneremo uno zero aggiunto nelle cifre di partecipanti ad una manifestazione.
    Oppure perdoneremo un "assolto" al posto di "prescritto", o chi dice che da 20 anni a questa parte nella luce sono ritracciabili alcune particelle dette fotoni...e tanti altri errori che chiunque potrebbe commettere senza conoscere il relativo campo.

    Tutto questo porta a DISINFORMAZIONE.
    Ma chiaramente a molti va bene fino a quando la disinformazione non tocca il proprio campo.
    Siccome facilmente sei un giornalista in incognito, indispettito da questo articolo, non ti lamentare se domani verranno diffuse cifre sbagliate riguardo gli stipendi dei giornalisti. Cosa vuoi che sia uno zero in più...

    e tra l'altro, l'umana giornalista in questione ha dimostrato grande umiltà e grande professionalità: ha corretto l'errore e chiesto scusa. probabilmente è la prima a essere contrita per averlo commesso (mica uno ci gode a sbagliare, eh!!)

    Infatti di questo le è stato dato merito. Dopodichè non è che possiamo glorificarla se ha fatto qualcosa che sarebbe da dare per scontato. E' come quando si esaltano i giocatori che, dopo aver simulato un fallo da rigore, chiedono scusa perchè sono stati sgamati da tutto lo stadio: è un bel gesto, ma sarebbe il minimo.

    Domanda: ma se l'articolo, anzichè su un sito web fosse apparso sul giornale (dove era impossibile far sparire l'articolo sbagliato), siamo sicuri che la correzione sarebbe apparsa in maniera così visibile?

    e la prossima volta farà più attenzione.

    Bah...intanto tutti i giornali regolarmente sgamati a pubblicare falsità o corbellerie dovute all'incompetenza, continuano a farlo regolarmente.

    buona giornata stelline, state sereni:
    DIO ESISTE, MA NON SIETE VOI (e io nemmeno, per fortuna)


    Il tuo modo di fare sarcasmo e di utilizzare appellativi ironici fa capire che a qualcuno in redazione sta bruciando il sederino, eh :)



    segnalare un errore è un conto, mettere alla gogna la gente un altro!!


    Allora spiegalo a quei tanto umani giornalisti che oggi non si fanno problemi a far passare per assassino o pedofilo un indagato (o anche solo un sospettato) salvo poi far finta di niente quando questo viene definito innocente.
    Magari quei giornalisti che prima scrivono un a cazzata a 4 colonne, ma poi pubblicano la rettifica a pagina 16, nell'angolino nascosto tra gli annunci di lavoro.

    RispondiElimina
  113. Per cui se muori perché ti recide l'aorta invece di toglierti un dente, perdonalo, mi raccomando.

    E' più facile che un chirurgo possa per sbaglio asportare i testicoli di una persona al posto delle sue tonsille. Basta che lo mettano sul lettino nel senso sbagliato... (e avrei in mente numerose persone con cui sarebbe molto facile confondersi)

    RispondiElimina
  114. "E' più facile che un chirurgo possa per sbaglio asportare i testicoli di una persona al posto delle sue tonsille. Basta che lo mettano sul lettino nel senso sbagliato... (e avrei in mente numerose persone con cui sarebbe molto facile confondersi)"

    Ma ROTFL! :D

    RispondiElimina
  115. un chirurgo possa per sbaglio asportare i testicoli di una persona al posto delle sue tonsille. Basta che lo mettano sul lettino nel senso sbagliato... (e avrei in mente numerose persone con cui sarebbe molto facile confondersi)

    ... e se fosse un proctologo sarebbe incalcolabile il numero delle persone con cui confondersi

    RispondiElimina
  116. Interessante scoprire grazie a Google alert un blog che si occupa di Internet e tecnologia e copia articoli senza neanche leggerli (o capirli)

    RispondiElimina
  117. @Sheldon

    quindi ora abbiamo un mistero: è Lorenzo Ajello che ha copiato da Eva Perasso o viceversa?

    Auguste Dupin, Sherlok Holmes, Nero Wolf, Jules Maigret, Ellery Queen, Gideon Fell, Hercule Poirot, Pepe Carvalho, Philip Marlowe, Sam Spade e Salvo Montalbano stanno indagando...

    RispondiElimina
  118. Paolo, in tema di giornalismo spazzatura volevo segnalartiquesta notizia,pubblicata da Leggo che riprende una notizia del Sun (praticamente è come se Studio Aperto riprendesse le notizie di Cronaca Vera).

    Si parla di una coppia che avrebbe fotografato uno specchio (perchè?) in cui sarebbe comparsa la sagoma di una bambina.
    La storia sarebbe già ridicola per conto suo, ma nei commenti di Facebook qualcuno ha fatto notare che esisteun'applicazione per Iphone che realizza proprio questo tipo di foto e qualcuno sostiene che la bambina dell'articolo sia proprio tra quelle "in dotazione" all'applicazione.

    RispondiElimina
  119. a parte il ROTFLMAO per quel che racconti

    (praticamente è come se Studio Aperto riprendesse le notizie di Cronaca Vera)

    succede esattamente il contrario :D

    RispondiElimina
  120. @The DraKKar

    Hai dimenticato Raz Degan ;-)

    RispondiElimina
  121. @Sheldon

    vai a vedere cosa ha risposto l'amico Sheldon a un mio omonimo.. secondo lui ad ogni nome a dominio corrisponde uno e uno solo indirizzo IP

    Ogni indirizzo web è costituito da un nome host al quale è associato un indirizzo IP. Terminando gli indirizzi disponibili subiranno la stessa sorte anche i domini di secondo livello, appunto quelli a cui si ci riferisce in tutto l’articolo.

    tuttavia bisogna sottolineare una cosa: il sito che hai citato è un sito dove chiunque può scrivere una notizia..

    RispondiElimina
  122. vai a vedere cosa ha risposto l'amico Sheldon

    ovviamente l'amico Ajello

    credo che per questo errore rischio la querela da parte tua :D

    RispondiElimina
  123. Ma nessuno ha notato questa magnifica sfilza di perle?
    http://www.repubblica.it/spettacoli-e-cultura/2010/05/01/news/salvatore_siciliano-3755517/

    RispondiElimina
  124. Nella mia esperienza, gli unici giornalisti che non scrivono mai cazzate sono quelli che se ne stanno imboscati in redazione a giocare a Freecell.
    Purtroppo un giornalista spesso deve scrivere in fretta, su argomenti molto vari e che spesso non conosce a fondo.
    La rete è una grandiosa opportunità di miglioramento per l'informazione, sia perché facilita molto la ricerca delle informazioni e il contatto con gli esperti, sia perché permette di avere un feedback quasi immediato sugli eventuali errori e di rettificarli rapidamente. Eva ha dimostrato grande intelligenza e professionalità. Se il suo atteggiamento diventerà prassi comune, come dovrebbe essere, l'informazione ne guadagnerà enormemente.

    RispondiElimina
  125. Paolo scrive:
    evitare del tutto di pubblicare articoli che poi tocca ritrattare
    Un giorno ci riusciremo. Sarà quando nessuno uscirà più di strada perché ha preso una curva troppo veloce, nessuno romperà più i coglioni al prossimo sbagliando numero di telefono ecc. ecc.

    RispondiElimina
  126. dai Elena, qua non si tratta di fenomeni episodici, qua è un problema di patologia...

    RispondiElimina
  127. Per Elena

    Nella mia esperienza, gli unici giornalisti che non scrivono mai cazzate sono quelli che se ne stanno imboscati in redazione a giocare a Freecell.

    Alcuni commentatori hanno sottolineato, a dire il vero, che Eva Perasso ha un'esperienza di qualche anno nel campo delle nuove tecnologie. Non è insomma una neoassunta, o la classica precaria diciannovenne buttata dal caporedattore su un argomento di cui non aveva mai sentito parlare prima. Forse ha sempre scritto grandi imprecisioni, ma prima nessuno l'aveva notata.

    RispondiElimina
  128. @ The Drakkar
    Hai ragione, il basso livello dell'informazione, soprattutto su tecnologie, Internet e informatica, è un problema strutturale. Secondo me, l'unica cosa che i lettori possono fare è continuare a segnalare gli errori.
    Le redazioni funzionano male per un'infinità di motivi, su cui potrei aprire un discorso lunghissimo.

    RispondiElimina
  129. Per Accademia
    Non sappiamo se Eva Perasso abbia sempre scritto gravi imprecisioni. Da come ha reagito, ho l'impressione che questa sia la prima. Di solito i cazzari abituali non rettificano mai, non ammettono gli errori e, come mi ha detto una delle peggiori della categoria: "chissenefrega, se ne sono accorti i lettori, mica il direttore".

    RispondiElimina
  130. Le redazioni funzionano male per un'infinità di motivi, su cui potrei aprire un discorso lunghissimo.

    francamente, mi interessa :)

    RispondiElimina
  131. Allora, tanto per cominciare molti giornalisti, soprattutto i capi, sono di età abbastanza avanzata. Una buona parte sono persone veramente intelligenti, ma altri appartengono a quelli che "io ho trent'anni di esperienza" (traduzione: da almeno vent'anni non imparo niente di nuovo) e "il giornalismo si fa con le suole delle scarpe" (traduzione: con i piedi. A meno che uno non si occupi di cronaca cittadina) e "ai miei tempi a scuola si studiava francese" (traduzione: non conosco neppure una lingua straniera utile).
    Poi c'è il diffuso clientelismo: spesso i pezzi sono assegnati "a simpatia". Chi rivendica una competenza viene accusato di "tirarsela" e "difendere il proprio orticello".
    Molti nuovi assunti sono raccomandati. Se non fosse per il fatto che i potenti spesso hanno figli di discreta intelligenza e li fanno studiare nelle migliori scuole, i giornali saressero scritti come questa frase.
    Poi c'è il taglio dei costi: si risparmia soprattutto su ciò che è utile. Spesso, le trasferte necessarie per rendersi conto di una situazione sul posto sono negate per risparmiare. In compenso il comitato di redazione (sindacato interno) presenta come una grande vittoria il fatto che i giornalisti viaggino in treno solo in prima classe.
    I collaboratori esterni sono pagati sempre meno e, per campare, debbono sacrifcare il controllo delle fonti e la precisione per fare moltissimi pezzi.
    Per motivi di pigriza, la rapidità (ha chiuso la pagina tre ore prima, che bravo!) è preferita alla precisione (che rompicoglioni, non vuol darmi il pezzo perché dice che una fonte non ha ancora confermato).
    Il contratto giornalistico rende difficilissimo licenziare le persone. Dovrebbe servire a proteggere i giornalisti "scomodi", ma non è vero. Un giornalista bravissimo che entra in contrasto con la linea politica del giornale, normalmente, si trova un altro posto dove condividono le sue idee. Ma un direttore ha enormi difficoltà a liberarsi di chi rifiuta tutti i servizi che gli vengono assegnati o li fa malissimo. Se ha i soldi, assume uno bravo, altrimenti si serve di collaboratori esterni per fare il lavoro che dovrebbero svolgere i pesi morti della redazione.
    Soprattutto, c'è lo strapotere della pubblicità, che di fatto tiene in piedi i giornali. Teoricamente, a garantire l'indipendenza del giornale dovrebbe essere il direttore responsabile, che però l'unico che può essere licenziato dall'editore su due piedi. Cosa che succede soprattutto se calano le inserzioni pubblicitarie. Interi settori, come la moda, la bellezza, le auto e la tecnologia sono di fatto asserviti alle aziende inserzioniste. Oggi un giornalista rischia meno se attacca ingiustamente un ministro che se infastidisce leggermente uno stilista.

    RispondiElimina
  132. @Elena

    sono tutte cose che si sanno già purtroppo e sono in comune con molte altre professioni in Italia

    l'Italia è un paese gerontocratico, clientelare, senza un'etica imprenditoriale

    le tre cose insieme creano quello che hai chiaramente illustrato

    ovviamente un tale stato di cose provoca un livello qualitativo infimo

    ora, noi qui si stigmatizza il livello qualitativo: la domanda da farsi è "ciò nuoce solo al giornalista precario, sottopagato, sottoimpiegato, eccetera o nuoce anche al direttore raccomandato e ignorante e all'editore sfruttatore e becero?"

    RispondiElimina
  133. Credo che tutto questo nuoccia enormente a tutti. Le principali aziende editoriali sono in stato di crisi. Qualcuno si rende conto del perché e sta lavorando per cambiare le cose ma molti pensano solo al proprio orticello o non hanno gli strumenti culturali per capire e agire.

    RispondiElimina
  134. Ajello ci ha provato e ho provato a chiarirgli la cosa come fosse mia nipote di sei anni, speriamo abbia capito. Forse è davvero lui l'autore del pezzo originario (Eva Perasso avrebbe comunque cesellato e integrato con le fonti originarie quello di trackback) da come lo difende. :-)

    RispondiElimina
  135. moderazione, please, e senso della misura

    Certo. Non volevo fare paragoni di scala, ma di metodo e forma mentis.

    RispondiElimina
  136. Quante volte si affidano lavori ad incompetenti anche in altri ambiti? Troppe e poi continuiamo a meravigliarci del perchè l'economia non va.
    Non mi meraviglierei se l'autrice dell'articolo fosse stata dipendente di una software house e scrivesse software.

    RispondiElimina
  137. @Sheldon

    no, non ha capito... :D LOL

    io rinuncio, ma se qualche altra anima pia vuole aiuare Ajello ben venga...

    RispondiElimina
  138. ovviamente, a scanso di equivoci, l'Ajello che stiamo citando non ha niente a che vedere con l'Aiello che ha commentato poco sopra!

    RispondiElimina
  139. Eva è una "piccola" giornalista ormai 35enne che ha avuto la fortuna di incontrare nella sua vita Franco Carlini, e di lavorare per lui per molti anni, da lui ha imparato ad amare la tecnologia pur non capendo molto di quel che Franco raccontava ogni giorno in redazione, con lui ha litigato tantissimo, ma si è anche a lungo confrontata, e da lui ha soprattutto imparato un mestiere. Eva ha continuato a sbagliare, soprattutto dopo che Franco se ne è andato. Lei insieme con i suoi colleghi di totem. Quella totem creata da Franco che oggi quasi non esiste più e da cui tutti si stanno staccando. Eva si è resa conto che dopo 10 anni di news per corriere e per le altre testate per cui ha scritto, ancora non ha capito la differenza tra indirizzo IP e dominio e ieri, a lungo, ha pensato che Franco avesse avuto torto a darle quel 30 all'esame di informatica generale, e che non merita di poter scrivere ogni tanto su Corriere.it né altrove.
    Ma ha anche pensato che errare è umano, e che avrebbe continuato a farlo nonostante i commenti su questo e altri blog e purtroppo le mail e gli insulti ricevuti via Facebook e su Gmail anche alla sua persona per questo errore. Un errore professionale che ora si riversa nel suo privato. Eva non augura a nessuno di collegarsi la sera alle 00,15 quando i suoi bimbi finalmente dormono per navigare un po' in cerca di news da offrire a una qualche testata e di incappare nuovamente in questi commenti, cresciuti, in cui il suo nome viene costantemente citato. Eva non merita tutte queste attenzioni perché è solo una piccola comparsa, ma non merita neppure tutto questo astio. Non riceve stipendio da molti mesi, non ha un contratto plurimiliardario con il Corriere, non frequenta salotti ma prepara biberon e cerca di capire cosa fare per pagare il mutuo di casa e rendere felici i suoi bimbi. E sì, ora pensa che magari domani, dopo aver offerto (lo spera solo lei) qualcosa di buono al corriere se il cielo sarà clemente potrà uscire di casa e giocare coi suoi bimbi sul mare, per dimenticare questi 140 e oltre (!) messaggi che ancora la sbigottiscono. Ma lei sa che non dovrebbe stupirsi eppure eccola qua. Caduta nel tranello. E dunque a chi può ancora interessare questa persona? Sarebbe bello smetterla qui. Notte a tutti.

    RispondiElimina
  140. Ma ha anche pensato che errare è umano, e che avrebbe continuato a farlo nonostante i commenti su questo e altri blog e purtroppo le mail e gli insulti ricevuti via Facebook e su Gmail anche alla sua persona per questo errore.

    Eva, benvenuta nel club. Come tuo collega, anch'io mi prendo la mia bella dose di insulti. La vita online è fatta così. Scegliendo il mestiere di giornalista ce la siamo cercata. Bicicletta, pedalare, eccetera.

    Consolati: non so cosa dicono a te, ma a me danno del venduto, "kamikaze di Bush" (Giulietto Chiesa dixit), disinformatore prezzolato al soldo della CIA e pure complice in genocidio.

    Mi dispiace per l'astio e per gli insulti, che vanno ben oltre il diritto di critica a chi ha commesso un errore. Ma questo è il prezzo dell'essere, nel nostro piccolo, persone che hanno scelto di esporsi al pubblico.

    E mi dispiace per i tuoi stipendi non pagati, che trovo siano un comportamento veramente vergognoso da parte di una testata come il Corriere.

    Un'ultima cosa. Perdona la mia domanda, ma come fa una che ha preso 30 all'esame d'informatica da Franco Carlini a confondere indirizzi IP e domini?

    RispondiElimina
  141. Frase rimasta nella tastiera a completamento del commento precedente:

    Se mi dici che hai scritto l'articolo fra un biberon insonne e l'altro, hai tutta la mia comprensione. Ho due gemelle, e i biberon me li sono smazzati anch'io fra un articolo e l'altro :-)

    RispondiElimina
  142. Paolo, io non sono stipendiata dal corriere, che credo paghi i suoi giornalisti puntualmente. e sì, smazzo biberon nottetempo ;-)

    RispondiElimina
  143. Paolo, io non sono stipendiata dal corriere, che credo paghi i suoi giornalisti puntualmente

    Allora vergogna a chiunque sia che non ti paga lo stipendio da mesi.

    RispondiElimina
  144. tra l'altro Eva, hai presente la frase "niente di personale"? Ecco, diciamo che, seppur stereotipata, in questo caso calza eccome. Tu sei la dimostrazione di dove porta un giornalismo fatto in questo modo.

    Sai che per esempio non stupisce per nulla che tu non abbia un stipendio da molti mesi? Né stupisce che a te, che non hai ancora capito la differenza tra nome a dominio e indirizzo IP, il Corriere ti faccia scrivere un articolo al riguardo?

    Se vai a leggere quella che ha scritto la tua collega Elena, potresti cogliere il fatto che qui non stiamo attaccando la tua competenza, che hai e che continuerai, ti auguro, a formarti, ma stiamo attaccando un sistema.

    Sistema odioso sia per tanti giornalisti come te, sottopagati, sottoimpiegati, sia per tanta gente che si vede offrire un servizio scadente.

    Tu Eva sei nella posizione forse peggiore, ché ti prendi le mazzolate sia dei lettori, sia di chi, magari non per merito, ma per il solo fatto che ha "qualche" anno e qualche "amico" più di te, sta gerarchicamente sopra di te.

    Spero che fra un biberon e l'altro e fra un articolo azzeccato e uno sbagliato tu riesca a frequentare questo blog, che scoprirai che è non è un posto così brutto...

    E magari puoi anche farti amico di penna qualche informatico a cui chiedere quando hai qualche dubbio...

    Buonanotte.

    RispondiElimina
  145. "Consolati: non so cosa dicono a te, ma a me danno del venduto, "kamikaze di Bush" (Giulietto Chiesa dixit), disinformatore prezzolato al soldo della CIA e pure complice in genocidio."

    E "rettiliano con impianti bioplasmantici"? Ah no, quello è un complimento! :D

    RispondiElimina
  146. Repubblica colpisce ancora:
    - Salvate la "donna a raggi X" e i suoi occhi capaci di magie

    ^__^

    RispondiElimina
  147. Beh, visti gli illustri pazienti della signora a raggi X - Breznev †, Jurii Andropov †, Boris Eltsin †, Mikhail Gorbaciov e la first lady Raissa †, Francois Mitterrand †, anche Papa Wojtyla † e il ministro della Difesa Ustinov † - meglio avere una tasca scucita e vestiti di piombo se si dovesse visitare l'Ucraina

    RispondiElimina
  148. SemiOT (nel senso che è Repubblica stavolta invece del Corriere): non c'è limite al peggio.

    Alcune chicche:

    "Dall'Università di Mosca arrivano scienzati sospettosi pronti a smontare il fenomeno ma devono ammettere che è proprio così: Julia vede all'interno dei corpi."

    "non è una sensitiva qualsiasi ma un personaggio che sembra uscito da un film di superoi, dotata non si sa come di poteri eccezionali che le consentono di vedere e prevedere le malattie degli altri guardando dentro i loro corpi come fosse una macchina per le radiografie. "

    RispondiElimina
  149. Scusate, non avevo visto che avevate già linkato la cosa.

    RispondiElimina
  150. Interi settori, come la moda, la bellezza, le auto e la tecnologia sono di fatto asserviti alle aziende inserzioniste.

    Lo sospettavo da tempo, grazie della conferma. Ancora aspetto di trovare una rivista automobilistica che scriva chiaro e tondo "quest'auto è un bidone".

    RispondiElimina
  151. la cosa più bella è che l'autore, tale Nicola Lombardozzi, sarebbe il corrispondente da Mosca de La Repubblica

    LOL!

    RispondiElimina
  152. per favore, Paolo, rilancia questo articolo de La Repubblica: qui c'è bisogno di additare questo ciarpame al pubblico ludibrio, non se ne può proprio più

    RispondiElimina
  153. Per theDRaKKaR

    per favore, Paolo, rilancia questo articolo de La Repubblica: qui c'è bisogno di additare questo ciarpame al pubblico ludibrio, non se ne può proprio più

    ...e la donazione di focaccia?!?!?

    RispondiElimina
  154. ...e la donazione di focaccia?!?!?

    hai ragione, ma purtroppo mi trovo in un momento di difficoltà nel reperimento di focaccia per me... magari in futuro (si spera!!!)

    RispondiElimina
  155. Drakkar, tranquillo, siamo in due. Qua lo SMOM ritarda le paghe, altro che... Faremo uno sciopero dei debunkers così imparano :-)

    Oh, io ho cercato info di sta medium ucraina e non ho trovato assolutamente nulla a parte l'articolo stesso e vari link ad esso. Problemi di spelling cirillico? Strano, no? Di solito si tratta di bufale "dormienti" e si trova del materiale "stagionato"... Qualcuno ne sa qualcosa?

    RispondiElimina
  156. Per markogts

    Oh, io ho cercato info di sta medium ucraina e non ho trovato assolutamente nulla a parte l'articolo stesso e vari link ad esso. Problemi di spelling cirillico? Strano, no? Di solito si tratta di bufale "dormienti" e si trova del materiale "stagionato"... Qualcuno ne sa qualcosa?

    È possibile che una o due lettere fuori posto nella traslitterazione da alfabeto cirillico a latino rendano vane le ricerche sul web. Ma ho un'opinione così alta di Repubblica e dei suoi giornalisti, che non escludo che la notizia sia inventata di sana pianta; sono maestri in materia.

    RispondiElimina
  157. Tempo fa lessi di una roba del genere, però la protagonista era una ragazzina di un villaggio siberiano o qualcosa del genere...

    Bufala incrociata carpiata con doppio avvitamento?

    RispondiElimina
  158. Aggiunta! Sto cercando quello e trovo questo Trovata gamba dello Yeti (2003) che tra parentesi pubblica una foto vecchissima, ce l'ho sul volume "il mondo misterioso", prefazione di Pinotti, credo, su avvenimenti curiosi, monumenti antichi e teorie misterose varie, dai Teschi di Cristallo allo Yeti agli UFO... roba per la redazione di Boyager insomma. Me lo regalarono in... boh... seconda media?

    RispondiElimina
  159. @markogts

    Problemi di spelling cirillico?

    Probabile, prova con questo:

    Юля Воробьева

    Io avevo trovato un articolo sulla Pravda- tv.ru , ma aggiungeva poco.

    Ps non conosco il cirillico quindi non fare affidamento su di me ;)

    RispondiElimina
  160. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  161. Oh, io ho cercato info di sta medium ucraina e non ho trovato assolutamente nulla a parte l'articolo stesso e vari link ad esso

    Con la stringa Julia Vorobjova, ho trovato molte belle ragazze su féisbuc in Russia, Estonia, Lettonia, Lituania e Polonia.

    In Ucraina ci vado un'altra volta :-)

    RispondiElimina
  162. Scusate se torno IT :-)

    @Sheldon
    "io rinuncio, ma se qualche altra anima pia vuole aiuare Ajello ben venga..."
    Temo che sia un'impresa troppo difficile. Comunque onore a Eva per essersi assunta la responsabilità dell'errore.

    Tornando OT: certo che il TE è una miniera di minc... ehm, spunti di discussione ;)

    RispondiElimina
  163. Sempre dal Corriere della sera, segnalo una probabile bufala sulla possibilità dei telefonini di funzionare senza i ripetitori.

    http://tinyurl.com/2g7j9uf

    Dico probabile, perché l'articolo non è per nulla chiaro. Con alcuni accorgimenti i telefonini potrebbero comunicare fra di loro come dei walkie talkie, ma a che servirebbe? La portata è troppo scarsa.

    RispondiElimina
  164. @Accademia: beh, apparentemente il "nuovo software" è un sistema VoIP. L'articolo cita anche le reti WiFi quindi direi che l'ambito possa essere questo. Ma come al solito, il WiFi pubblico richiede infrastrutture (access point, routerm ecc) cosa che qui in Italia non abbiamo. All'estero molti negozi o strutture aperte al pubblico forniscono connettivita wireless ma ad un certo punto non vedo il vantaggio. Probabilmente non è una bufala ma è solo una notizia di argomento tecnologico scritta da uno che di tecnologia non ci capisce niente.

    RispondiElimina
  165. Per Mousse

    Sí, sul fatto che l'articolista non ci capisca nulla non ci piove. Già citare l'esempio del deserto australiano dove non arriva il segnale del ripetitore: e perché, quello wi-fi sì? In più parla di luoghi inaccessibile ai segnali del satellite. Io so che oggi solo le zone estreme dei poli sono scoperte dal segnale proveniente dal satellite.

    RispondiElimina
  166. Probabilmente intende dire che alcuni telefonini potrebbero usare come stazioni base altri telefonini. A quel punto non usando la tecnologia cellulare, ma questa fantomatica WiFi a lunga distanza (che quindi forse non è WiFi ma WiMax o simile).
    Comunque sono anni che si parla di ad-hoc networks ma per il momento non vedo applicazioni concrete. Anche perché c'è già il segnale dei satelliti che si prende ovunque. Anche ai poli.

    RispondiElimina
  167. Ora l'esaurimento degli indirizzi è stato spostato al 2012.

    Andiamo a Rennes-le-Château.

    RispondiElimina
  168. Scusa eh i Templari non sono stati terminati, non vedo perché debbano esserlo gli indirizzi IP.

    E fai stare zitto quel maledetto chupacabra!

    RispondiElimina

Se vuoi commentare tramite Disqus (consigliato), vai alla versione per schermi grandi. I commenti immessi qui potrebbero non comparire su Disqus.

Pagine per dispositivi mobili