2011/12/26

Auguri da un gatto speciale

Saetta vi augura buone feste


DSC_0045

Grazie a Marina e Giovanni per il permesso di pubblicare la foto. Auguri a tutti!

30 commenti:

  1. Ahahahahahah!

    Buone feste anche a lui, a te Paolo e alla tua famiglia e a tutti i commentatori di questo blog!!!

    ;-)

    RispondiElimina
  2. Essendo "gattofilo", il mio giudizio non fa testo. Ma è bellissimo! :-)

    RispondiElimina
  3. buone feste a te Paolo e alla tua famiglia.
    e buone feste a tutti.
    spero che ci si possa ritrovare presto in qualche altra rimpatriata disinformatica. Gli ultimi ritrovi sono stati particolarmente piacevoli :-)

    RispondiElimina
  4. Auguri al micio e a tutti quanti

    RispondiElimina
  5. ah ah ah, Saetta.
    Come la lancia Stratos degli Autorobot, nel cartone animato degli anni 80!

    Auguri anche a te, gatto e informatico.

    RispondiElimina
  6. Bellissimo! Bianco e rosso come Putipù, l'ultimo arrivato (il sesto) nella nostra casa di gattolici integralisti. Auguri a tutti!

    RispondiElimina
  7. Saetta è uguale identico al mio Bizet !
    Auguri !

    RispondiElimina
  8. quali auguri migliori che quelli di un morbido e ronfante miciozzo? Buone feste a te Paolo, alla famiglia e a tutti i disinformatici commentatori e lettori!

    E a Saetta un frrrr da parte del mio Jack!

    RispondiElimina
  9. http://www.youtube.com/watch?v=nn2h3_aH3vo

    RispondiElimina
  10. Saetta ringrazia tutti per gli auguri (il mio albero di Natale invece non ringrazia affatto Saetta...). Io invece mi associo agli auguri per tutti di un felice 2012 (visto che il Natale ormai è passato).

    Marina

    RispondiElimina
  11. Insomma io con il Natale non ho 'sto gran rapporto, specialmente quest'anno che mi sono pure sfidanzato poco prima del mio compleanno due settimane fa eccetera eccetera... però ecco volevo lo stesso ringraziare te Paolo e augurare a tutti i lettori di questo blog di passare delle buone feste :)

    RispondiElimina
  12. ...and happy meow year!

    RispondiElimina
  13. mmmmm. a Vicenza in questa stagione adoriamo i gatti, sono piu' grassi.

    :-)

    Pulex

    RispondiElimina
  14. Il mio albero è stato distrutto dai tre gatti che vivono con me (non me la sento di dire che sono “miei”, per una serie di motivi che tutti i “possessori” di gatti già conoscono). Apparentemente le cose che penzolano e luccicano sono irresistibili per un gatto. Buone feste a tutti con un estratto dal blog di Filippo Facci:

    “Un tizio, osannato per anni, viene indiziato per un cosiddetto reato ideologico. Un informatore prezzolato, una notte, conduce la polizia in un giardino pubblico dove il tizio sta intrattenendosi con due amici: viene arrestato. Lui non resiste, ma gli amici sì: rissa, gli agenti lo malmenano, finisce in questura dove è atteso trepidamente perché l’operazione era preparata da tempo. Viene interrogato per tutta la notte e lui si limita a confermare le proprie convinzioni: il questore, verbalizzato il tutto, ritiene che vi siano gli elementi per condannarlo per direttissima. Prima del processo viene malmenato ancora, e il giorno dopo il giudice se ne accorge: ma fa spallucce perché intanto ha deciso la propria incompetenza territoriale e se ne lava le mani. Tra una scartoffia e l’altra – mentre tizio continua a prenderle – la Suprema Corte decide che la competenza territoriale era giusta e lo rispedisce al giudice. Sembra profilarsi una condanna minima (tizio è incensurato) ma la pubblica accusa fa il diavolo a quattro e fa capire che per le istituzioni sarebbe uno smacco. Un teste, presente la notte dell’arresto e già intimidito dagli agenti, rinnega l’amico. Morale: condanna al massimo della pena nel silenzio della stampa (non c’era) senza che l’avvocato d’ufficio presenti neppure appello. Durante l’ennesima traduzione, tizio viene ancora durissimamente malmenato. Un calvario. Solo un’ampia pubblicistica, molto tempo dopo, ne riconoscerà l’innocenza. Ne hanno tratto anche un film, si chiama The Passion of the Christ.”

    RispondiElimina
  15. Oh, e dimenticavo: è morto Giorgio Bocca, complottista, che nel 1942, in un articolo sul settimanale “La Provincia Grande”, incolpava la “congiura ebraica” per il tragico andazzo della guerra in corso, citando i “Protocolli” degli Anziani di Sion come un documento reale e dichiarando che gli ebrei avevano scatenato la guerra per “porre in stato di schiavitù” l’europa.
    http://img246.imageshack.us/img246/5529/bocca1yp7.jpg

    RispondiElimina
  16. visto che il Natale ormai è passato

    E non dimenticare che questo è stato l'ultimo Natale dell'umanità... XD

    RispondiElimina
  17. Auguri in ritardo Paolo: avevo qualche problema al PC ...
    Bello il gatto (al solito)!

    RispondiElimina
  18. Ah, dimenticavo (al solito, la testa mi serve unicamente per dividere le orecchie):
    estendo gli auguri al padrone di casa a tutti i lettori del Blog!

    RispondiElimina
  19. Mi piacciono queste foto perché il mio bellissimo albero viene martoriato giornalmente dalla nostra gatta: mal comune mezzo gaudio? :-) Auguri a tutti voi

    RispondiElimina
  20. La mia compagna aveva un gatto (Filippo) che non appena vedeva l'albero di Natale ci si buttava dentro in terzo tempo, allargando le zampe e sparendo tra i rami e gli addobbi. Ne usciva alla befana.

    Era un po' dispendioso ma comodo, perché per disfare l'albero bastava l'aspirapolvere...

    RispondiElimina
  21. Un informatore prezzolato, una notte, conduce la polizia in un giardino pubblico dove il tizio sta intrattenendosi con due amici

    TRE amici

    RispondiElimina
  22. @Alexandre

    andava bene per gli auguri di buona Pasqua...

    RispondiElimina
  23. @martinobri
    Sta in questi giorni sul blog di Facci, mi è sembrata divertente e ho fatto copia/incolla, non ho controllato che fosse accurata :P

    RispondiElimina
  24. La mia compagna aveva un gatto (Filippo) che non appena vedeva l'albero di Natale ci si buttava dentro in terzo tempo

    Beh, il mio gatto si sdraiava regolamente in mezzo al presepe, e da lì sorvegliava la casa.

    RispondiElimina
  25. Beh, il mio gatto si sdraiava regolamente in mezzo al presepe, e da lì sorvegliava la casa.

    Uuh, anche il mio primo gatto, quando ero piccolino! Un siamesone di 8 kg che tentava di confondersi nel gregge di pecorelle... con scarso successo, ça va sans dire ...

    RispondiElimina
  26. http://www.simonscat.com/Films/Santa-Claws/ :-) moltosimile

    RispondiElimina
  27. Uuh, anche il mio primo gatto
    Ehhh, anche il secondo gatto di mia mamma lo faceva, noi dicevamo che "covava" le pecorelle :-). Invece il mio primo gatto "personale" si arrampicava sull'albero e si affacciava dai rami a mo' di addobbo :-), però era capace di non far cadere neanche una pallina :-)

    RispondiElimina
  28. In ritardo ma ... buon ultimo anno! :D

    RispondiElimina

Se vuoi commentare tramite Disqus (consigliato), vai alla versione per schermi grandi. I commenti immessi qui potrebbero non comparire su Disqus.

Pagine per dispositivi mobili