2011/12/17

Disinformatico radio, podcast del 2011/12/16

Pronto il podcast del Disinformatico


È disponibile temporaneamente sul sito della Rete Tre della RSI il podcast della scorsa puntata del Disinformatico radiofonico. Ecco i temi e i rispettivi articoli di supporto:

  • L'industria del videogioco conta più di quella del cinema: “Call of Duty” batte “Avatar” per il minor tempo richiesto per incassare un miliardo di dollari.
  • L''imminente debutto della Timeline di Facebook, che rivoluzionerà l'uso di questo social network, nel bene e nel male, spingendoci a immettervi non solo il nostro presente ma anche il nostro passato; riemergono i vecchi post, con potenziali nuovi imbarazzi.
  • Youhavedownloaded.com permette un facilissimo monitoraggio pubblico dei download P2P effettuati da chiunque: basta conoscerne l'indirizzo IP. Con lo stesso sistema si è arrivati alla presunta scoperta di download illegali effettuati da case cinematografiche, agenzie di riscossione dei diritti d'autore e dalla residenza ufficiale del presidente francese Sarkozy.
  • Chicca: la prima registrazione sonora, datata 1860, recuperata 140 anni dopo con l'aiuto dell'informatica.

9 commenti:

  1. Da quel che vedo lo scopo del sito youhavedownloaded.com e' dichiaratamente scherzoso/prank (vedi motto "don't take it seriously") ma anche con questa impostazione fa acqua da tutte le parti, sembrando ignorare l'esistenza degli IP dinamici pubblici a rotazione.

    RispondiElimina
  2. La nuova timeline di facebook è decisamente inquietante

    RispondiElimina
  3. [quote-"dags1972"-"/2011/12/disinformatico-radio-podcast-del_17.html#c6082822804622383040"]
    La nuova timeline di facebook è decisamente inquietante
    [/quote]

    e poi dicevano che myspace era morto....

    RispondiElimina
  4. Nessun altro ha sentito un superstizioso brivido ascoltando la registrazione dell'800?

    RispondiElimina
  5. Confrontare vendite di videogiochi e film è un po' come confrontare formula uno e rally ... i videogiochi vendono molto subito e dopo sei mesi sono nel cesto delle occasioni, i film continuano a vendere per anni. Comunque complimenti a "Call of duty".

    RispondiElimina
  6. ROTFL per i "vampiri sbriluccicanti" !

    RispondiElimina
  7. martinobri ha commentato:
    Nessun altro ha sentito un superstizioso brivido ascoltando la registrazione dell'800?

    Inquietante, sì, ma perché superstizioso?

    RispondiElimina
  8. perché superstizioso?

    E' stato come vedere un fantasma. Sì, forse superstizioso non è il termine più adatto.

    RispondiElimina
  9. @Massimo M.
    Confrontare vendite di videogiochi e film è un po' come confrontare formula uno e rally

    C'è anche un altro problema banale: un film incassa al massimo 7-8 euro a visione mentre è al cinema ed una decina di euro quando passa in DVD, un videogame incassa dai 50 ai 70 euro a copia finché non diventa platinum o simili in qualche mese e poi continua ad incassare 20 euro a copia. Quindi confrontare gli incassi dei due media non ha senso. Anche se Call of Duty ha guadagnato di più, è stato comunque giocato da una percentuale di persone miserrima in confronto a chi ha vissuto Avatar al cinema. Perché i videogame possano iniziare a vantarsi realmente di aver superato il cinema, a parita di prezzi attuali, dovrebbero incassare almeno 8 volte tanto.

    RispondiElimina

Se vuoi commentare tramite Disqus (consigliato), vai alla versione per schermi grandi. I commenti immessi qui potrebbero non comparire su Disqus.

Pagine per dispositivi mobili