2018/03/24

Comunicazione di servizio per querulomani querelomani

Piccolo promemoria generico per tutti quelli che non hanno di meglio da fare che spender soldi in querele temerarie:

Se esprimo la mia opinione descrivendoti come “persona davvero piccola e triste” perché dopo numerosi, educati richiami alla calma insisti ad attaccar briga pubblicamente per motivi non solo futili ma addirittura inesistenti;

se pensi che quando avviso che ho respinto un commento senza pubblicarlo perché conteneva insulti, quel commento debba per forza riguardare te;

se poi ti vanti pubblicamente di aver ottenuto una “vittoria su tutti i fronti” perché pensi di essere stato “censurato” quando in realtà il tuo commento era solo in coda di moderazione;

e se infine fai mandare una lettera di un avvocato che minaccia querela per “diffamazione aggravata” e dice che sei “determinato ad adire le vie legali sia in sede penale [...] sia in sede civile (per ottenere il risarcimento dei danni subiti)”;

...forse stai confermando un tantinello che la descrizione è azzeccata.


Ogni ulteriore comunicazione verrà serenamente cestinata.


Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle donazioni dei lettori. Se vi è piaciuto, potete incoraggiarmi a scrivere ancora facendo una donazione anche voi, tramite Paypal (paypal.me/disinformatico), Bitcoin (3AN7DscEZN1x6CLR57e1fSA1LC3yQ387Pv) o altri metodi.

28 commenti:

  1. "Facepalm"
    "Double facepalm"

    Stavamo dicendo, parlando di cose serie?

    RispondiElimina
  2. Hanno donato 50 euro per riscutere 50000 con l'avvocato?

    RispondiElimina
  3. Ecco dove voleva andare a parare.

    RispondiElimina
  4. scusa, non c'è l'ho fatta!

    https://youtu.be/ynO0DUiQrMs?t=45s

    RispondiElimina
  5. Al contrario di altri paesi, in Italia (non so in Svizzera) la querela temeraria è sottovalutata e non viene sanzionata come dovrebbe. La legge c'è, ma le sanzioni, quando sono applicate, sono ridicole. Pensate se la sanzione fosse una cifra per il querelato pari a quella richiesta più una multa (già prevista) per lo stato. Il querelante temerario ci penserebbe due volte o, nel caso di una prima condanna, perderebbe la voglia di farne altre.

    RispondiElimina
  6. Diffamazione Aggravata... :)

    RispondiElimina
  7. Paolo sei come la luce per le falene: tutti tu li attiri. Hai davvero la pazienza di un santo

    Ma non è che sto tizio è un redivivo Len R?

    RispondiElimina
  8. Ma poi com'è finita con quel Luca Rascioni dell'altra volta?

    RispondiElimina
  9. Ma pensa te... No, dico, ma pensa te!

    RispondiElimina
  10. Concordo con Paolofast: oltretutto avrebbe maggior efficacia nel ridurre l'intasamento della giustizia civile rispetto a qualunque riforma e, magari, di riflesso darebbe una bella ridimensionata a certi soggetti.

    RispondiElimina
  11. @Paolofast

    Il famoso comma Luttazzi
    https://www.youtube.com/watch?v=1mZP6QCPcmY

    RispondiElimina
  12. Troppi soldi, troppo tempo libero, troppo poca creatività.

    RispondiElimina
  13. :-D
    Avevo subito pensato che il tipo in questione dovesse essere parente di quell'altro... ma non pensavo arrivasse a tanto! :-D

    Piena solidarietà a Paolo che affronta tutto questo per noi.

    RispondiElimina
  14. Ma lavorare invece di perdere tempo no eh?
    Eh, il grande vantaggio di avere uno stipendio dello Stato. Avesse un lavoro in proprio ci penserebbe due volte.
    Un pensiero agli incolpevoli allievi. E mi spiace che il mio sangue versato in tasse serva a pagare anche lui.

    RispondiElimina
  15. contekofflo, temo i due siano fratellastri.
    La mamma è sempre la stessa, quella sempre incinta.

    RispondiElimina
  16. La mia opinione è sempre quella, cerca di attirare visitatori al suo blog per gloria riflessa. Cerca di ingaggiare uno scontro con te che però non gli dai corda

    RispondiElimina
  17. Paolo, perché non pubblichi la scansione della lettera dell'avvocato, così ci divertiamo un po' ? Ovviamente senza censure di nessun tipo.

    RispondiElimina
  18. Solidale, Paolo.
    Troppe persone con la sindrome dei sentimenti offesi, poco pelo sullo stomaco e scarsa capacità di incassare i colpi.
    Se per un botta e risposta su internet si finisce in mano a un Collega...non so.
    A me pare non si stia dando il giusto peso alle cose.
    Non lo so.
    Il diritto a me è stato insegnato come un estintore, non come una tanica di benzina.

    RispondiElimina
  19. Quello che definito chi scrive in wikipedia "saputello ignorante presentuoso" e che aveve denigrato msf? Bhe che stia attento che le cose non gli si totcano contro.

    RispondiElimina
  20. C'è anche l'opzione "sbruffone che inventa avvocati inesistenti" come è capitato a me in un forum.

    RispondiElimina
  21. Christian,

    Paolo, perché non pubblichi la scansione della lettera dell'avvocato, così ci divertiamo un po' ? Ovviamente senza censure di nessun tipo.

    Ovviamente. Ma anche no. Lo spettacolino del querulomane è finito: non ho altro da aggiungere.

    RispondiElimina
  22. Viva l'Italia, dove chi ha l'amico o il parente avvocato fa la voce grossa e gli altri s'attaccano.

    RispondiElimina
  23. Penso che per il "querulomane" del titolo gli partirà un'altra "querula" :-D

    RispondiElimina
  24. ma di che roba, e adesso cosa fai Paolo ? =)

    RispondiElimina
  25. Ma è sempre lo stesso dell'altra volta? Crisi affettiva?

    RispondiElimina
  26. Caleb,

    Ma è sempre lo stesso dell'altra volta? Crisi affettiva?

    Ê un promemoria generico. Se ti riferisci a un caso precedente che ho raccontato in questo blog, quello è chiuso da tempo con la stessa procedura: ulteriori messaggi sono stati cestinati.

    RispondiElimina
  27. Se per "quello dell'altra volta" non intendete quelli dell'ultima volta,
    ma intendete chi penso io, quello mi sa che ha perso un promettente lavoro da sgobbino in un ufficio legale a causa di Paolo XD XD

    RispondiElimina

Se vuoi commentare tramite Disqus (consigliato), vai alla versione per schermi grandi. I commenti immessi qui potrebbero non comparire su Disqus.

Pagine per dispositivi mobili