2011/12/09

Disinformatico radio, podcast del 2011/12/09

Pronto il podcast del Disinformatico di oggi


È disponibile temporaneamente sul sito della Rete Tre della RSI il podcast della scorsa puntata del Disinformatico radiofonico (sì, mi sono quasi strozzato durante uno degli interventi; abbiate compassione, ho mal di gola). Ecco i temi e i rispettivi articoli di supporto:

19 commenti:

  1. Mode Accademia-ON

    nelle linea del carrier-IQ c'e' un votro al posto vostro.

    Mode Accademia-OFF

    Ciao
    Angelo

    RispondiElimina
  2. Quand'è che ricominci a scrivere sul blog, Paolo?

    RispondiElimina
  3. Barze,

    refuso corretto, grazie!


    Liuis,

    appena posso. Dicembre sarà un mese difficile.

    RispondiElimina
  4. Sempre nell'articolo sul Carrier-IQ, hai scritto "Regnio Unito".
    Ciao Paolo!

    RispondiElimina
  5. Hai pensato di registrare un ildisinformatico.xxx o un attivissimo.xxx, così per evitare dispetti dei tuoi antipatizzanti?

    RispondiElimina
  6. @ marcov

    Hai pensato di registrare un ildisinformatico.xxx o un attivissimo.xxx, così per evitare dispetti dei tuoi antipatizzanti?

    Forse è meglio di no, perché "chi conosci bene" (vedi articolo precedente) può dire che Paolo ha creato un altro sito tra i centinaia (a detto suo) per denigrare il suo "indispensabile e veritiero" lavoro, non sia mai che volessimo dargli qualche soddisfazione...

    RispondiElimina
  7. Erhm... la deejay era senza voce o è sempre così?
    Segnalo che nella manovra economica in fieri, ci sarebbe un emendamento per far si che le pubbliche amminsitrazioni usino software open source e libero.

    http://www.ilpost.it/2011/12/12/il-software-libero-nella-manovra/

    RispondiElimina
  8. OT - Gira questa petizione:
    http://www.tecnologia-ambiente.it/stuprare-cani-e-legale-firma-la-petizione-e-fermiamo-la-danimarca

    Ora, io ho trovato fonti secondo cui in Danimarca la zoofilia è legale, ma nulla su "appositi bordelli"; a me la storia puzza di bufala. Qualcuno ne sa di più?

    RispondiElimina
  9. Non sono un veterinario qualificato, ma osservando la società bavarese sono piuttosto persuaso che la probabilità di prendersi qualche disturbo venereo dagli effetti assurdamente invalidanti è molto più alta in discoteca che nelle case di tolleranza.

    (La versione contro i tedeschi dei naufraghi 2 maschi- 1 femmina per ogni nazione dice: i tedeschi non fanno niente perchè non si sono conosciuti in discoteca)

    Trasferendo le mie impressioni dall'epidemiologia alla sicurezza informatica direi che 1000 transazioni circospette espongono a meno rischi che 10 transazioni sventate, questo anche senza contare sensi di colpa variamente inconsci che non comprendo del tutto ma sono certo che esistono.

    Parlando di questi sensi di colpa, li definirei nel pensiero: "Sto facendo qualcosa di illegittimo e meriterei di essere punito, ma se mi espongo maggiormente alla punizione mi sembrerà meno illegittimo."

    Delle volte la gente trasgredisce covando l'intima speranza di avere delle rogne per la propria trasgressione.
    Non sono uno psicologo e non so dire se questo è legato ai sensi di colpa, quello di cui sono certo è che questo fatto gioca un ruolo cruciale nella funzione della sicurezza: chi ha sensi di colpa è un anello debole perchè potrebbe, senza saperlo essere alla ricerca di un'espiazione.

    Questo tipo di persona continua ad essere eccessivamente disinvolta rispetto a quelle che sono le necessità del datore di lavoro anche quando è perfettamente erudita sulle procedure di sicurezza.

    Ora mi tocca scappare, ché prima di andare al lavoro devo pagare 3 multe per divieto di sosta e 2 per eccesso di velocità... (mwhahahahahaha! i'm EEEEVIL!)

    RispondiElimina
  10. Dimenticavo:

    Ho l'impressione che in israele venga (per lo meno nell'esercito) preso molto sul serio il rischio per la sicurezza derivante dallo stato d'animo di chi subisce una perdita in campo affettivo.

    Più in generale:
    Chi si occupa di sicurezza dovrebbe mettersi (per lo meno a livello filosofico) la molletta al naso come i nuotatori quando ha a che fare con un esponente dell'altro sesso che si adopera per mostrarsi ricettivo/a.

    RispondiElimina
  11. Bentornato Puffolotti, quanto tempo!

    RispondiElimina
  12. OT

    vorrei sapere cosa ne pensa Paolo del progetto spaziale di Paul Allen

    http://pianetax.wordpress.com/2011/12/14/i-soldi-di-paul-allen/

    Se desidera informarci della sua opinione in merito.

    Albino

    RispondiElimina
  13. Mi unisco al bentornato! Ma dove ho messo il vocabolario puffolottese-italiano? ;)

    RispondiElimina
  14. @martinobri

    ho avuto 3 mesi di lavoro bello cicciotto come piace a me, comunque adesso sono fattorino e aiuto cuoco per un ristorante vietnamita a RGB.

    RispondiElimina
  15. Ma Valentin quest anno non viene a chiederci i soldi

    RispondiElimina
  16. Ma Valentin quest anno non viene a chiederci i soldi
    Ti manca? Sarà morto di freddo...

    RispondiElimina
  17. Ma Valentin quest anno non viene a chiederci i soldi

    A me li ha chiesti...

    RispondiElimina
  18. @pianetax:

    complimenti per l'articolo, spassionato e obiettivo!

    Come tutti gli articoli pubblicati sul blog, davvero delle PERLE di saggezza!

    RispondiElimina
  19. No,non mi manca.Curiosità

    RispondiElimina

Se vuoi commentare tramite Disqus (consigliato), vai alla versione per schermi grandi. I commenti immessi qui potrebbero non comparire su Disqus.

Pagine per dispositivi mobili