2013/04/25

Pene su Marte, pena sui giornali

Questo articolo vi arriva grazie alla gentile donazione di “cavour1980” ed è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

La NASA ha sbagliato tutto. Invece di fare scienza e ricerca, invece di osare imprese potenti e spingere la conoscenza umana fino ai confini dell'universo, doveva andare sulla Luna e disegnarci su la farfallina di Belen. Così avrebbe avuto l'attenzione dei media. Perché se si scopre che su Giove piove acqua dalle comete, chissenefrega; ma se una sonda traccia per errore su Marte una scia che sembra un pisello soltanto a chi è rimasto col cervello fermo ai disegnini sconci di terza elementare, subito tutti a scriverne. E ad attribuire alla NASA un presunto imbarazzo che non c'è.

“Curiosity disegna per caso un pene su Marte. Imbarazzo della Nasa”, titola Repubblica. E spiega: “Curiosity, atterrato lo scorso agosto su Marte in cerca di tracce di vita, ha tracciato sulla superficie del pianeta l'inconfondibile sagoma di un organo sessuale maschile.” La pagina di Repubblica, fra l'altro, è stracolma di pubblicità che qui vi risparmio.

Anche ANSA non si tira indietro e ripete la storiella dell'imbarazzo NASA: “Curiosity disegna un pene, imbarazzo Nasa”. Perlomeno ha il buon senso di mettere questa non-notizia nella sezione Curiosità e non Scienza. Anche qui, pubblicità come se piovesse.

Ma quale imbarazzo della NASA. Le tracce sono quelle tipiche lasciate inevitabilmente quando un veicolo a sei ruote gira su se stesso per cambiare direzione di marcia; se qualcuno ci vede un pisello, è un problema suo. Alla NASA non gliene può fregar di meno e non fanno apposta a disegnare falli spaziali. Sono troppo impegnati a pilotare geologi robotici su Marte, sonde intorno a Saturno e stazioni spaziali abitate intanto che pianificano la cattura di asteroidi. Scusate se è poco.

Giornalisti un po' meno infantili, come Alan Boyle di NBC News, spiegano tutta la faccenda: la foto è vecchia di nove anni (c'è scritto bello chiaro sull'originale, per chi si prende la briga di cercare le fonti), è stata scoperta pochi giorni fa da un utente di Reddit e ripresa dal tabloid britannico Sun.

Cosa più importante, non è vero che le tracce sono opera di Curiosity, come scrivono le due fonti giornalistiche italiane: sono state lasciate su Marte da tutt'altro veicolo (Spirit). Insomma, se c'è qualcuno che dovrebbe essere imbarazzato, in questa storiella, si tratta di Repubblica e ANSA, che quando c'è di mezzo la scienza riescono a scrivere una cazzata persino quando parlano di ca*zi.

Ma non voglio chiudere questo post su una nota acida: vi propongo invece una foto 3D scattata da Curiosity. Inforcate gli occhialini colorati e godetevi questo panorama di Marte (versione grande qui), con un intensissimo effetto di profondità.


Sorridete. Siete su Marte.

37 commenti:

  1. Caro Paolo, condivido il tuo fastidio nel fatto che si parli più di un presunto pene spaziale che non di vera scienza, è una cosa odiosa.

    Però io mi sono fatto una grande risata :P quello è decisamente un fallo... ed è addirittura FUMANTE!

    RispondiElimina
  2. L'importante e' essere seri quando e' necessario e doveroso, ma non seriosi. Gli articoli di cui sopra fanno ironia su un'immagine effettivamente spassosa. Facciamiocela una risata, non fa male.

    RispondiElimina
  3. Si apèrirebbe un interessante filone di discussione: quale potrebbe essere il vantaggio evolutivo della fallopareidolia? Ovvero dell'interpretare come membro maschile ogni cosa cilindrica e smussata e con un certo rapporto base/altezza?

    RispondiElimina
  4. @martinobri purtroppo ci sono già notevoli esempi di fallopareidolia, vedi per esempio questo sito http://www.ccsg.it/

    RispondiElimina
  5. Bravo Martinobri. Mi hai preceduto di un attimo.
    Questa storia mi ha fatto subito pensare al tema di un paio di giorni fa della pareidolia.

    E' una cosa buffa.
    Il modello del fallo è ricorrente agli adulti, sia maschi che femmine.

    Vi faccio un esempio. A me piace modellare i palloncini. Un gioco che faccio spesso è costruire due "pappagallini" che in qualche modo "si baciano". Sotto avanza sempre un po di palloncino e io chiedo ai bambini: qual'è pappagallo e qual'è mammagallo?
    Ora... TUTTI i genitori se la ridono perché pensano al pezzo di palloncino rimasto a penzoloni sotto, mentre i bambini sono certi... il più grande dei due è indubbiamente il papà!

    (Se sono stato troppo complicato: ho trovato un'immagine del modello qui: http://www.animazioniperbambini.it/sculture_di_pallocini_files/shapeimage_19.png )

    RispondiElimina
  6. @unmpi, hai anche ragione. Infatti io ci rido su, però il fatto che si pubblichino cose su Repubblica (il secondo più grande quotidiano italiano, se non erro) senza neanche fare 3 clic per controllare una fonte fa veramente cascare le ... braccia (dato il tema mi casca qualcos'altro, ma cerchiamo di essere educati).

    RispondiElimina
  7. Uno dei tecnici della NASA che guidano via radio il Curiosity e' un Italiano.
    Mandiamogli una mail: "Ma che cazzo hai fatto?"

    Paolo, non censurare altrimenti si perde il bello :-)

    RispondiElimina
  8. non vedo cosa ci sia di male a farsi una risata ogni tanto ...

    RispondiElimina
  9. Estic**zi, non ce lo mettiamo? :)

    RispondiElimina
  10. Più che la "fallopareidolia" il problema è la "notiziopareidolia" dei giornalisti che vedono la notizia dove non c'è niente.

    RispondiElimina
  11. Chi l'ha fatto è il mio eroe! :D

    RispondiElimina
  12. bwhahahaha madddaaaaii!! :'D

    RispondiElimina
  13. Ma sono i lettori che hanno i giornalisti che si meritano o sono i giornalisti che hanno i lettori che si meritano???

    RispondiElimina
  14. Dai quattro commenti appena letti capisco quale sia il profilo medio di un fedele lettore di Repubblica.

    RispondiElimina
  15. Va be ma da repubblica che ti vuoi aspettare

    RispondiElimina
  16. Va be ma da repubblica che ti vuoi aspettare

    RispondiElimina
  17. "Imbarazzo della Nasa (sic)". A parte che sarebbe NASA, non "Nasa", ma questi credono che alla NASA davvero potrebbero provare imbarazzo per una cosa del genere? Al limite si farebbero una risata.

    RispondiElimina
  18. Sbaglio, o l'acqua era nell'atmosfera di Giove (almeno questo e' cio' di cui si parla in questi giorni)?

    RispondiElimina
  19. Se l'autore dell'articolo non riconosce un pene in quella scia mi viene da pensare che non ha mai usato il suo. Lo pubblicate, vero?

    RispondiElimina
  20. Su Giove ci sarà la pioggia, ma su Saturno c'è l'arcobaleno: ;-)

    http://www.link2universe.net/2013-04-24/un-arcobaleno-negli-anelli-di-saturno/

    RispondiElimina
  21. Se l'autore dell'articolo non riconosce un pene in quella scia mi viene da pensare che non ha mai usato il suo.

    EMT Award 2013.


    (EMT = Era Meglio Tacere)

    RispondiElimina
  22. onestamente, paolo, dovevamo spendere energie a commentare questa ca5ata? :)

    RispondiElimina
  23. Ermeneprando,

    hai ragione. Ho corretto.

    RispondiElimina
  24. Federico,

    onestamente, paolo, dovevamo spendere energie a commentare questa ca5ata? :)

    Spendere? Io mi sono divertito e ho scoperto l'origine della foto, per cui ho imparato qualcosa.

    In più ho segnalato un'altra chiara dimostrazione della pochezza dell'informazione scientifica nei giornali generalisti, per cui per me ne è valsa la pena.

    RispondiElimina
  25. Y2D,

    Se l'autore dell'articolo non riconosce un pene in quella scia mi viene da pensare che non ha mai usato il suo. Lo pubblicate, vero?

    Certo che lo pubblico. Perché mai dovrei privare i lettori del piacere di ridere di certe perle di saggezza? :-)

    RispondiElimina
  26. Chiunque abbia visto Big Bang Theory SA chi ha disegnato un pene su Marte...

    RispondiElimina
  27. Chiunque abbia visto Big Bang Theory SA chi ha disegnato un pene su Marte...

    Zeusowitz...

    RispondiElimina
  28. Vabbè, ma alla fine lo prendiamo come una feconda affermazione o come un volgare diniego alla domanda: "C'è vita su Marte?" :-)

    RispondiElimina
  29. @Vandalo

    Chiunque abbia visto Big Bang Theory SA chi ha disegnato un pene su Marte...

    Se lo sa sua madre lo ammazza...

    RispondiElimina
  30. Io sono contrario alle Pene su Marte.

    RispondiElimina
  31. vabbé...mi riguardo seven minutes of terror.

    RispondiElimina
  32. scusate, intendevo alla pena di morte.

    RispondiElimina
  33. OT (ci azzecca solo per il fatto che è una notizia pubblicata su un giornale)

    http://www.nytimes.com/2013/04/27/nyregion/airplane-debris-found-near-world-trade-center-site.html?_r=0

    Un'altra tessera nell'immenso puzzle dell'11/9 e, sperando che la notizia sia confermata, un ulteriore passo in avanti verso la verità.
    Paolo, sarebbe interessante se gli dedicassi un post, appena ci saranno maggiori dettagli.

    RispondiElimina
  34. solo una cosa, puoi scriverlo in l33t ;): c@%%0

    RispondiElimina
  35. abolizione della pena di marte :)

    RispondiElimina
  36. Ora ripetete tutti, sempre più veloci:
    Mazzo di carte, carte di mazzo
    Mazzo di carte, carte di mazzo
    Mazzo di carte, carte di mazzo
    Mazzo di carte, carte di mazzo...

    RispondiElimina
  37. ma il rover non da pene perché funziona bene :-)

    RispondiElimina

Se vuoi commentare tramite Disqus (consigliato), vai alla versione per schermi grandi. I commenti immessi qui potrebbero non comparire su Disqus.

Pagine mobile