skip to main | skip to sidebar
34 commenti

Oltre il bizzarro: da Taiwan ricostruzioni animate di notizie

Nuove frontiere del giornalismo? A Taiwan animano le notizie così


Vista la fame ossessiva di immagini che caratterizza la televisione e sempre più anche gli altri mezzi d'informazione, tanto che se non c'è la foto non è successo e se non c'è la si inventa, la Next Media Animation, una società taiwanese legata al magnate dell'editoria Jimmy Lai, s'è ritagliata una nicchia di mercato tanto originale quanto bizzarra e controversa: prende le notizie e ne inventa il filmato.

La società produce infatti a tempo di record delle animazioni delle notizie di cronaca usando una grafica computerizzata da vecchio videogame (ma basata su un sofisticato motion capture) e sceneggiando e sonorizzando le animazioni con un gusto talmente eccentrico da averle rese famose in Rete a prescindere dall'utilizzo originale per il quale erano state concepite.

Per esempio, ecco come è stata raccontata da Next Media la vicenda dei problemi d'antenna dell'iPhone 4: Steve Jobs che batte Bill Gates e ne ruba il costume da Darth Vader di Star Wars, tortura con i suoi poteri Jedi il giornalista di Gizmodo che aveva "trovato" il prototipo e l'aveva rivelato al mondo, e risolve il problema di ricezione di un utente inferocito mozzandogli con la spada laser le dita che interferiscono con l'antenna. Certo, la si può interpretare come metafora poco sottile del modo in cui Apple ha gestito la vicenda, ma resta il fatto che alcune immagini sono un po' forti:


E guardate come viene raccontato il caso di Steven Slater, l'assistente di volo della JetBlue che pochi giorni fa si è licenziato in modo spettacolare: dopo essere stato aggredito da un passeggero indisciplinato mentre l'aereo era fermo in aeroporto a fine volo, ha annunciato furibondo le proprie dimissioni ai passeggeri e poi se n'è andato usando lo scivolo d'emergenza dell'aereo, lungo il quale è sceso con una birra in mano. Notate la risata satanica durante la discesa: un capolavoro di finezza.


La reazione dei media tradizionali è piuttosto stizzita, come si può vedere in questo servizio della CNN che presenta anche la notevolissima tecnologia di produzione dei video (venti secondi d'animazione pronti e finiti in quattro ore).

Jimmy Lai si difende sostenendo che i suoi video sono richiesti perché costano poco e soddisfano i clienti, ma usare una grafica da videogioco per le notizie di cronaca rischia di svilirle e di creare confusione fra gioco e realtà. Se la notizia di una sparatoria viene raccontata al telegiornale accompagnandola con quello che sembra uno spezzone di un videogioco, il senso di realtà va a farsi benedire, specialmente nella mente dei più giovani.

C'è inoltre il problema serio della manipolazione delle notizie. Per esempio, se la notizia da animare parla genericamente di un rapinatore senza specificarne la fisionomia, gli animatori lo disegneranno alto o basso? Biondo o castano? O ancora più seriamente: bianco o nero? Ispanico o mediorientale? Le possibilità di influenzare la percezione delle notizie sono enormi e pericolose, perché le immagini restano molto più impresse delle parole. Ridiamoci su, finché si tratta di Steve Jobs e delle peripezie del suo telefonino, ma non so se rideremo ancora se qualcuno mostrerà a cartoni animati la decapitazione di un ostaggio o un attentato.

Dite che non succederà mai? Che nessuno avrebbe così poco buon gusto? Allora non avete visto cos'ha fatto Giulietto Chiesa già tre anni fa con l'11 settembre nel suo film Zero.



Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (34)
La parola "trash" non rende bene l'idea....
appena trasmessa la ricostruzione dell'assistente al tg3 :D
E' semplicemente l'equivalente orientale del XXI secolo delle illustrazioni di Achille Beltrame e Walter Molino della Domenica del Corriere.
Probabilmente se Beltrame e Molino avessero avuto dei sistemi di rendering 3D avrebbero fatto qualcosa di simile, con un gusto occidentale, ma non necessariamente meno kitsch di quelle.
Credo sia una naturale evoluzione del metodo comunicativo diretto verso un pubblico sempre meno critico, pubblico a cui bisogna fornire notizie e nozioni predigerite, di semplice assimilazione.
Che tristezza :-(
Scusa Paolo, ma il paragone con i "cartoni animati" di Zero non è pertinente: lì si vuole DELIBERATAMENTE rappresentare in maniera esagerata quelli che, a loro parere, sono MOLTO IMPROBABILI attentatori. Diverso sarebbe se avessero voluto rappresentare DEI VERI ATTENTATORI usando lo stereotipo dell'"arabo" con turbante o fez violento, riccone e gaudente fuori dai suoi confini. Non è che la tua antipatia per G. Chiesa & C. ti ha fatto commettere un "qui pro quo"?
Però io pagherei per vedere la Next Media Animation fare i video di un telegiornale italiano...
Ne avevo visto uno su LiLo in galera, ma non ne conoscevo la provenienza!
Effettivamente inquietanti.
Beh, noi italiani non siamo da meno: avete mai ascoltato le "interpretazioni" delle intercettazioni telefoniche? Quelle di Moggi erano uno spettacolo...

Ma mi ricordo anche una copertina (di Panorama che mostrava un disegno Erica De Nardo (Novi Ligure) con un coltello in mano e gli occhi spiritati: l'immagine rappresentava un'ipotetica soggettiva di una delle vittime durante l'assassinio.

E mi pare che sempre quel gioiellino di Studio Aperto, nella sua abitudine a drammatizzare le notizie, spesso si prenda la briga di "raccontare" gli episodi di cronaca immaginando il dialogo tra la vittima e carnefice. Ora non so se questa abitudine ce l'abbiano ancora, ma questa so che era una preprogativa di Silvia Vada.
@ lazarillo de tormes

Scusa Paolo, ma il paragone con i "cartoni animati" di Zero non è pertinente: lì si vuole DELIBERATAMENTE rappresentare in maniera esagerata quelli che, a loro parere, sono MOLTO IMPROBABILI attentatori.

Appunto: le immagini di Chiesa sono esplicite nella loro opinione e quantomeno si può dire che siano "sincere". Però dimostrano cattivo gusto.

Un qualsiasi giornalista potrebbe essere molto più subdolo nell'utilizzare questi mezzucci: ti ricordo la vicenda del calzino turchese...

Immagina un giornalista politicamente schierato che, nel mostrare l'animazione di un reato commesso da un immigrato, lo renda più violento di quanto non sia stato veramente.
Oppure, nell'animare una vicenda che coinvolga un politico dello schieramento opposto, lo rappresenti con atteggiamenti goffi, aumentandone la stempiatura o il girovita.

Sei sicuro che non esista almeno UN giornalista che ricorerebbe a questi trucchetti? :)
Concordo con Luigi Rosa: Beltrame e Molino docent!
@ Replicante

La copertina di Erika spiritata me la ricordo come un incubo, e recentemente su Focus c'era una ricostruzione tipo "The Sims" del delitto di Perugia, molto trash anche questa (peccato perché l'articolo era invece molto bello, sui pericoli della cocaina).
@ L'economa
su Focus c'era una ricostruzione tipo "The Sims" del delitto di Perugia, molto trash anche questa (peccato perché l'articolo era invece molto bello, sui pericoli della cocaina).

Ora non posso giudicare una cosa che non ho visto, però secondo me una ricostruzione "asettica" (con personaggi stilizzati e senza espressioni) può garantire un minimo di oggettività, anche se ovviamente va a scapito del realismo.
Ma in certi casi direi che il realismo può essere lasciato da parte...siamo già troppo desensibilizzati verso la violenza, che ci manca solo che ce la mostrino in maniera realistica e quindi 'spettacolare'.
@ Replicante

Era abbastanza "forte" anche se modello "The Sims" ti assicuro.
Paolo ti dò un pò di lavoro...vedi cosa riesci ad inventarti per i due ultimi articoli del blog http://blogghete.blog.dada.net/ .
Buon lavoro!
Ho l'impressione che questi "short" siano perfettamente in linea con lo stile dei TG italiani (e probabilmente non solo): il livello di serietà è lo stesso.
Ovvio che per la TV "generalista" (cioè appiattita sul peggio) questo sia uno scalino inevitabile.
Ora sono in ferie e ho tempo per seguire un poco i notiziari (carta, radio, TV, Internet): più che i commenti dei commenti non si trovano (questi si che hanno separato le opinioni dai fatti, eliminando proprio questi ultimi...)

Giovanni
Steve Jobs a tutti noi:
(respirando)
I am your father!
(respirando)
^^

Per il resto: che idiozia!
"Allora non avete visto cos'ha fatto Giulietto Chiesa già tre anni fa con l'11 settembre nel suo film Zero."

Forse volevi dire che cosa ha fatto il governo americano con l'11 Settembre che Giulietto Chiesa (tra gli altri) ha messo in evidenza.

Oh no?
Forse volevi dire che cosa ha fatto il governo americano con l'11 Settembre che Giulietto Chiesa (tra gli altri) ha messo in evidenza.

Eccolo qua, quello che gratifica gli inventori di fatti dimostrandogli che le loro fatiche non sono cadute nel vuoto.
Non so se sia poi cosi tanto migliore la tendenza dei nostri tg ad accompagnare le notizie con immagini finte e sequenze palesemente costruite.

Ad esempio in un servizio sui pericoli della città, mostrano la scena di uno scippo palesemente inventata. Oppure, molto peggio, mostrano l'irruzione della polizia durante una retata antimafia in una stanza con le armi spianate ... e il cameraman riprendeva già da o dentro la stanza lo sfondamento della porta.
E Mario Marchi del TG4 che, durante la guerra nel golfo, sulle immagini di riprese aeree commentava i fatti del giorno sopra il motore di un'auto accesa per dare l'impressione che fossero le pale dell'elicottero?
Se si inventa tanto vale farlo palesemente per cui, dovendo scegliere tra due mali, potrebbero essere quasi meglio le animazioni, certamente orribili, ma altrettanto certamente meno subdole.

Salutoni e state benone
@ Marc

A parte il fatto che tu credi che le mascottes di Londra 2012 siano il simbolo degli illuminati, ti fa niente rifilarmi un riassunto di 2 righe su quel pattume che hai linkato?

Fine OT.
I video aggiungono ben poco a quello che è la cronaca contemporanea.

Paradossalmente il tono dell' animazione fa capire piuttosto agevolmente che negli articoli correlati c'è un minimo (circa) di opinione...

Nel giornalismo Italiano capita che pettegolezzi stizziti di terzi non coinvolti nel fatto di cui si parla vengano presentati come il risultato di indagini accuratissime.

E pochi sembrano rendersene conto.
Se l'articolo alimenta o giustifica le magagne psicologiche del fruitore, allora poco importa quanto possa essere assurdo, se fa sentire il fruitore intelligente e perspicace viene percepito per vero, se fa sentire il fruitore primitivo e superficiale allora viene percepito per falso. Con queste buffe animazioni c'è il caso che la situazione migliori, anche se niente lo fa immaginare.
I video sembrano usciti da un videogioco tipo Yakuza, e sono fantastici!

Comunque come già fatto notare, anche in Italia succede già da anni!
lì si vuole DELIBERATAMENTE rappresentare in maniera esagerata quelli che, a loro parere, sono MOLTO IMPROBABILI attentatori

No, anzi. Nella prima vignetta, in particolare, viene raccontato un caso al quale Zero dà molto credito per sostenere che i terroristi lasciarono intenzionalmente delle tracce.
Paolo ti dò un pò di lavoro..

Hanno abboccato alla storia del boilerplate?

Dammi il tempo di smettere di ridere.
Forse volevi dire che cosa ha fatto il governo americano con l'11 Settembre che Giulietto Chiesa (tra gli altri) ha messo in evidenza.

Oh no?


No.

Per tutti i dettagli delle panzane di Chiesa e soci: Undicisettembre.info.
Mi associo agli ultimi commenti, anche se capisco cosa intende Paolo Attivissimo. Nella tv italiana i pericoli sono molto più subdoli di queste animazioni alla Pac Man. Forse è dovuto a un'autoregolamentazione che, almeno sulla carta, è abbastanza precisa per i giornali, ma non ha corrispettivi e adattamenti per i telegiornali.

Anche se non è direttamente connesso con i tg, il caso più inquietante che mi viene in mente è un film sulla coppia di omicidi Olindo Romano e Angela Rosa Bazzi trasmesso da Canale 5 (Matrix) il 18 giugno 2007, alcuni mesi prima del processo di primo grado.
Non che i plastici di Vespa siano molto meglio, ma lì almeno la ricostruzione è mediata; con il telefilm, no.
@MarcOriginn: consiglio per i post sui blog e similari: usa la funzione "incolla da Word" o similare. Giusto per non lasciare un sacco di immondizia compresi i riferimenti al tuo disco locale tipo file:///C:DOCUME~1lucaIMPOST~1Tempmsohtml1�1clip_filelist.xml

Sì: riusciamo a leggere anche il tuo disco locale. :>
@MarcOrigin
Quando forbirai i calcoli sulla comprimibilità dei liquidi?
Vero che da uno che non sa in cosa è ingegnere e che dice di non aver mai visto la luna di giorno non ci si può aspettare molto
ah ah ah!

il cartone animato con Steve Jobs è divertentissimo!!!

gli altri un pò meno

magari il 3d va bene per delle ricostruzioni ma che non diventi una regola per inventarsi di sana pianta un servizio
Nella tv italiana i pericoli sono molto più subdoli di queste animazioni alla Pac Man.

Non credo che all'estero se la passino molto meglio, se a Oliver Stone già nei primi anni '90 era venuto in mente di denunciare la morbosità dei media in Natural Born Killers!

Tutto il mondo è paese, tutti a sostenere Moige e compagnia perché "la violenza in TV" e "il sangue" e "i nostri poveri bambini" ma poi le ricostruzioni dettagliate di efferati omicidi sono quelle che fanno più audience.

Altrimenti perché ci sarebbero sempre le code per curiosi in autostrada?
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
A me questi video sembrano solo delle cagate pazzesche!
Inquietante (o forse no?) il fatto che Steve Jobs vestito da Darth Vader assomigli da matti a Rick Moranis vestito da Casco Nero in Balle Spaziali.....
Questo commento è stato eliminato dall'autore.