Cerca nel blog

2019/08/18

Antibufala: le foto della “bellezza del Creato” pubblicate dal sindaco di Venezia Brugnaro

Il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, ha pubblicato oggi queste immagini affermando che si tratta delle “prime foto della Terra inviate dalla missione spaziale Chadrayan 2”.

In realtà le foto sono false: non provengono affatto dalla missione spaziale in questione, il cui nome corretto è Chandrayaan 2, ma sono delle illustrazioni digitali. Open ha tutti i dettagli e le origini di queste foto.

Preoccupa che un sindaco di una grande città non abbia idea di come sia realmente la Terra vista dallo spazio; preoccupa che un adulto in una posizione di responsabilità non abbia la minima idea di com’è fatto il mondo. Se sbaglia qui, quante altre decisioni sbagliate prenderà sulla base della sua non conoscenza della realtà?

Preoccupa ancora di più che quando gli viene segnalato l’errore grossolano, risponda così: “Le foto che ho pubblicato sono artefatte?! Non me ne sono reso conto, ma forse avete ragione voi che siete più esperti di contraffazione e manipolazioni Restano delle bellissime immagini di un creato che porto nel cuore e vorrei nei miei sogni fosse di pace e amore. Ma poi...”

Sarebbe bastato chiedere scusa e correggersi.


Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle donazioni dei lettori. Se vi è piaciuto, potete incoraggiarmi a scrivere ancora facendo una donazione anche voi, tramite Paypal (paypal.me/disinformatico), Bitcoin (3AN7DscEZN1x6CLR57e1fSA1LC3yQ387Pv) o altri metodi.

2019/08/16

Puntata del Disinformatico RSI del 2019/08/16

È disponibile la puntata di oggi del Disinformatico della Radiotelevisione Svizzera, condotta da me insieme ad Angelo Caruso.

Podcast solo audio: link diretto alla puntata.

Podcast audio precedenti: archivio sul sito RSI, archivio su iTunes e archivio su TuneIn.

App RSI (iOS/Android): qui.

Video: lo trovate qui sotto.

Archivio dei video precedenti: La radio da guardare sul sito della RSI.

Buona visione e buon ascolto!


Secondo Amazon, due legislatori americani su dieci sono criminali. Le gioie del riconoscimento facciale

Sono sempre più numerosi i governi che spingono per l’introduzione del riconoscimento facciale come strumento di sorveglianza e lotta al crimine, ma è importante capire bene la reale affidabilità di questi sistemi, specialmente se non vengono configurati rispettando attentamente le raccomandazioni dei produttori.

Di recente la ACLU, un’associazione statunitense che si batte per la difesa dei diritti civili, ha dato una dimostrazione molto efficace dei limiti di affidabilità del sistema Rekognition di Amazon. Al sistema sono state date in pasto 120 immagini di legislatori californiani, per confrontarle con 25.000 foto segnaletiche di criminali. Rekognition ha trovato 26 corrispondenze. Tutte errate.

I legislatori, che sono chiamati proprio in questo periodo a legiferare sul riconoscimento facciale, ci possono ridere sopra: ma una persona che cerca lavoro e viene erroneamente identificata come un criminale ride molto meno.

Amazon ha contestato i risultati di questa dimostrazione, dicendo che se Rekognition viene usato “usando la soglia raccomandata di certezza del 99% e nell’ambito di una decisione guidata da esseri umani”, funziona adeguatamente. Il test della ACLU, invece, aveva usato una soglia dell’80%. Che però, nota l’associazione, è l’impostazione predefinita del software, ed è comunque piuttosto alta.

Quello che è certo è che senza un’impostazione corretta e scelta caso per caso, il rischio di falsi positivi che possono rovinare una vita è alto. Conviene quindi dare a questi sistemi di riconoscimento facciale una certa tara, altrimenti c’è il rischio che chi li usa li scambi per oracoli infallibili.


Tre parole per dire dove sei: What3words

La BBC segnala che la polizia britannica sta consigliando a tutti di installare un’app salvavita sul proprio smartphone: si tratta di What3Words (Android; iOS).

L’app serve per quando ci si perde, per esempio durante un’escursione, e non si sa dove ci si trova, come è successo pochi giorni fa a Jess Tinsley e ai suoi amici, che si sono persi in un bosco di notte nella contea di Durham.

Quando hanno finalmente trovato una zona dove c’era il segnale della rete cellulare, hanno chiamato il numero di soccorso con uno smartphone. I soccorritori hanno consigliato loro di installare What3Words.

La ragione di questo consiglio insolito è che questa app genera una sequenza di tre parole che rappresentano le coordinate geografiche di localizzazione con una precisione di tre metri. Comunicare queste tre parole ai soccorritori, che le immettono nella propria copia dell’app, è infinitamente più semplice che dettare delle coordinate geografiche o condividere un link.

Per esempio, è decisamente più semplice dire eterni nuotato lavaggi che dettare 46°00'31.3"N 8°56'16.3"E (le coordinate della sede della Radiotelevisione Svizzera), magari su una connessione telefonica disturbata e debole. Eppure entrambi i dati puntano allo stesso luogo. Se per esempio non ci si può muovere per un infortunio e non c’è segnale della rete telefonica mobile ma il GPS dello smartphone funziona, è possibile affidare queste tre parole a una persona che vada a cercare soccorsi.

L’app, concepita nel 2013, suddivide il mondo intero in 57.000 miliardi di celle quadrate di tre metri per tre e assegna tre parole a ciascuna di queste celle. È possibile scegliere la lingua di queste parole (l’app permette di scegliere fra 35 lingue).

Senza arrivare a queste situazioni estreme, What3Words può essere un modo pratico per indicare con facilità un luogo esatto dove incontrarsi. La Mongolia ha adottato il sistema di tre parole per il proprio servizio postale e Mercedes Benz l’ha incorporato nelle proprie auto.


Aggiornamento: dai commenti mi segnalano che Swisstopo (l’ufficio federale svizzero di topografia) integra tra i vari sistemi di coordinate anche What3words qui: map.geo.admin.ch. È sufficiente cliccare con il tasto destro in qualsiasi luogo.

Apple, FaceID battuto da un paio di occhiali

Alla conferenza di sicurezza Black Hat di Las Vegas, dei ricercatori della Tencent hanno scoperto e reso pubblica una tecnica che consente di eludere, in certe condizioni, il sistema di riconoscimento facciale FaceID di Apple: mettere alla vittima un paio di occhiali leggermente modificati.

Normalmente FaceID verifica che il proprietario dello smartphone abbia gli occhi aperti, e quindi non stia dormendo, per evitare che qualcuno possa sbloccare il telefonino semplicemente puntandolo sul viso del proprietario appisolato.

Ma questo controllo viene semplificato parecchio se il proprietario indossa occhiali. In questo caso, spiegano i ricercatori, i sensori dello smartphone non estraggono informazioni di tridimensionalità dall’area dell’occhio. Questi sensori, inoltre, si limitano a cercare in quella zona un’area nera (l’occhio) con un punto bianco (l’iride) al centro.

Il risultato è che i ricercatori hanno mostrato che FaceID si può sbloccare mettendo sul viso della vittima un paio di occhiali sulle cui lenti sono stati applicati dei rettangoli di nastro adesivo nero al centro dei quali c’è un pezzetto di nastro adesivo bianco. Lo sblocco consente pieno accesso al contenuto dello smartphone, esattamente come se fosse stato sbloccato dal proprietario.

Può sembrare che questo tipo di vulnerabilità sia sfruttabile solo in circostanze piuttosto estreme: la vittima deve essere in stato di incoscienza tale da non accorgersi che qualcuno le sta mettendo in faccia degli occhiali. Ma ci sono situazioni abbastanza normali nelle quali questo succede, per esempio in seguito a consumo eccessivo di alcolici o all’assunzione di alcuni farmaci o semplicemente perché si ha il sonno pesante.

Il rimedio è piuttosto semplice: se vi aspettate di potervi trovare in una situazione del genere, spegnete completamente lo smartphone o disabilitate lo sblocco tramite riconoscimento facciale.