Cerca nel blog

2018/08/21

Ci vediamo a Bolzano il 24 agosto per parlar di fake news, bufale e leggende metropolitane?

Venerdì 24 agosto alle 20.30 sarò ospite del campus della Libera Università di Bolzano, che insieme all’Università degli Studi di Trento propone la consueta “Settimana di orientamento alla scelta universitaria”. Nell’ambito di questa iniziativa terrò una conferenza sul tema delle fake news, intitolata Bufale e leggende metropolitane.

La conferenza è aperta al pubblico e si terrà nell'Aula D 1.02 del Campus, in Piazza Università 1.

Trovate il programma completo della Settimana di orientamento qui su Il Dolomiti. Altre informazioni sono qui sul sito dell’Università di Bolzano.

2018/08/19

Ponte Morandi, complottisti sciacalli si scatenano: non date loro visibilità

Mi state mandando via mail e Twitter molte segnalazioni del fatto che almeno due complottisti italiani stanno pubblicando post e video che sostengono tesi di complotto a proposito del crollo del Ponte Morandi a Genova. Alcuni di voi mi stanno chiedendo di debunkare questi deliri che parlano di esplosivi e altre idiozie colossali.

Non segnalatemeli e non chiedetemi di debunkarli. Non farò neanche i loro nomi: questi sciacalli devono finire nel dimenticatoio. Stanno cercando di ottenere visibilità sulla pelle dei morti di Genova, esattamente come hanno fatto con i morti di altre tragedie.

Se me li segnalate, se condividete i loro messaggi sui social, anche solo per denunciare quanto sono squallidi, state facendo il loro gioco.

Quindi ve lo chiedo senza troppo giri di parole: piantatela. Non condividete i loro video o i loro post. Non citate neanche i loro nomi e cognomi. Non usate neanche giri di parole per descriverli. Buttate i loro rantoli idioti nel cesso e tirate con vigore lo sciacquone. Grazie.


Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle donazioni dei lettori. Se vi è piaciuto, potete incoraggiarmi a scrivere ancora facendo una donazione anche voi, tramite Paypal (paypal.me/disinformatico), Bitcoin (3AN7DscEZN1x6CLR57e1fSA1LC3yQ387Pv) o altri metodi.

Un altro caso di complottismo convertito

La pubblicazione della lettera aperta di conversione di un complottista ha stimolato altre persone a condividere la propria esperienza analoga. Pubblico qui un altro caso, in forma anonimizzata, con il permesso di chi me l’ha mandata.

Non sono sicura di essere stata una complottista, e certamente non mi definivo così, anche perché dieci anni fa non conoscevo questa terminologia; penso che la definizione corretta di ciò che ero sia believer.

Credevo nel sovrannaturale, negli alieni che costruivano cose, nei fantasmi, nelle ESP, tutto il solito repertorio.

Certo, una simile scelta di campo si estendeva anche alle questioni importanti, 11 settembre, allunaggio, Big Pharma, etc, ma davvero con pochissimo impegno: tendevo solo a credere (e a dire) che ci fosse altro, che Bush quantomeno sapesse cosa stava per succedere e che la NASA non ci avesse raccontato proprio tutto.

Avevo sposato questa corrente di pensiero da adolescente, in contrapposizione con la razionalità estrema del mio mondo d'origine (da adolescente vivi di contrapposizione, no?), e poi non ci avevo più badato particolarmente: quelle blande convinzioni stavano lì, erano divertenti, mi facevano sentire più sveglia di chi invece si accontentava di un banale mondo a un solo livello. Quando le vocine razionali provavano ad alzare un ditino, non era difficile liquidarle con i soliti argomenti: ricordo che una volta lessi il libro di Polidoro sulla maledizione del Titanic e dissi letteralmente qualcosa come "ha spiegato molti casi, ma non tutti, questo come lo spieghi?"

Le cose cambiarono circa 10 anni fa. La vocina razionale aveva già avuto modo di farsi più strada, grazie anche alla neopassione per le scienze forensi (diamo la colpa a CSI, sí :)), e l'approccio razionale cominciava a sembrarmi un modo sano di provare a dare un senso a ciò che ci accade tutt'intorno.

Poi, un giorno, non ricordo perché, cercavo in Rete la storia dei dipendenti della Odigo e atterrai su undicisettembre [un blog di debunking sull'11/9; la Odigo era un’azienda che sembrava aver ricevuto un preavvertimento degli attentati]. Fu come prendere uno schiaffo in faccia.

Capii che fino a quel momento le mie opinioni si erano fondate su due informazioni striminzite su cui avevo costruito trilogie in sei volumi più le appendici, riducendo un discorso di enorme complessità a una battuta casuale.

Ignoravo tutto ma mi ero sentita parte dell'intellighenzia che conoscevo la verità nascosta.

Passai i giorni successivi a leggere ogni singola riga di undicisettembre e dei siti amici, mi costrinsi a guardare ogni singola foto e video, ad ascoltare ogni audio, arrivando alle immaginu dei corpi bruciati nell'aereo del Pentagono e dei jumpers che forse erano gli stessi affacciati dallo squarcio della Torre fino a poco prima.

Persone vere, reali, morte in maniera orribile e diretta mondiale, davanti ai miei stessi occhi che quel pomeriggio, come tutti, ero davanti alla tv. Persone sulla cui sorte avevo fatto battute superficiali, credendo a buchi di cinque metri, signori, cinque metri senza mai mettere in discussione niente, perché era più fico essere fra gli alternativi.

Cercai materiale anche sulle altre mie credenze, e il castello crollò in pochissimo tempo: sei mesi dopo ero iscritta al CICAP.

Oggi sono un'attivista scettica, e in questi dieci anni ho imparato tantissimo, metodi di indagine, approcci alla riflessione, capacità di coltivare il dubbio e di riconoscere quel modo di (non) ragionare negli altri.

Continuo a sapere pochissimo (per lo più mi sono specializzata in scemate), ma ora ho l'umiltà di esserne consapevole e la capacità di scegliere e accedere alle fonti giuste. E se posso, se me lo chiedono, quel poco che so lo passo ad altri dubbiosi, con cui cerco sempre di non andare a conflitto, perché l'esperienza mi ha insegnato che molti, tantissimi, non sono complottisti o believer nel profondo, ma solo gente che - come facevo io - si è fermata al primo rigo di informazioni. Ed è questo che rende oggi più che mai essenziale il debunking e la divulgazione, per dare a tutti la possibilità di scegliere consapevolmente da che parte stare.

Ecco, solo questo. Niente di originalissimo, ma mi ha portata dove sono ora e di questo sono decisamente felice :-)

Scusa la prolissità e grazie per aver voluto ascoltare questa storia.

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle donazioni dei lettori. Se vi è piaciuto, potete incoraggiarmi a scrivere ancora facendo una donazione anche voi, tramite Paypal (paypal.me/disinformatico), Bitcoin (3AN7DscEZN1x6CLR57e1fSA1LC3yQ387Pv) o altri metodi.

2018/08/18

Lettera aperta di un complottista convertito dal debunking

Ultimo aggiornamento: 2018/08/20 13.55.

Nel numero di settembre della rivista bimestrale Spazio Magazine c’è una bella lettera aperta che il direttore della rivista, l’amico Luigi Pizzimenti, ha ricevuto da un ex complottista. È anche una bella risposta a quelli che dicono che il debunking non serve a niente, “fa più danni che altro” e non fa cambiare idea a nessuno. La pubblico qui sotto integralmente.

Sono passati 49 anni da quando l'uomo ha messo piede per la prima volta sulla Luna, da quel piccolo passo del lontano 20 luglio 1969, fino all'ultima missione Apolo 17 del 1972, solo 12 uomini hanno avuto l'opportunità di camminare sul nostro satellite, e ancora oggi c'è chi stenta a credere che ciò sia successo davvero.

Per lo più si tratta di ragazzi, troppo giovani per aver vissuto in prima persona gli anni d'oro dell'esplorazione spaziale e poco esperti dunque sull'argomento; persone che acquisiscono le loro conoscenze tramite video su YouTube, realizzati talvolta da altre persone prive di qualunque titolo ed esperienza in materia di ingegneria aerospaziale.

Fino a qualche anno fa, anche io ero uno di questi; non solo negavo a prescindere gli sbarchi lunari, ma mi battevo in prima persona per dimostrare la messa in scena.

Nel 2012 pubblicai un video su YouTube dal titolo “L'uomo che non andò mai sulla Luna”, e fu subito un successo, che neanche io mi aspettavo, migliaia di visualizzazioni e centinaia di commenti per la maggior parte a favore del complotto.

In questo video proponevo un esperimento: dopo essermi costruito a mano un modello di un astronauta, cercavo di riprodurre in un piccolo set le foto più famose delle missioni Apollo, ottenendo risultati anche abbastanza soddisfacenti, portando quindi le “prove” del fatto che se potevo replicare quelle fotografie io, con quel poco che avevo a disposizione, chissà che cosa avrebbe potuto fare la NASA con tutti quei miliardi di dollari di budget che possiede.

Ancora oggi per me riguardare quel video (non più disponibile su YouTube) fa un certo effetto, ma c'era solo una cosa che non mi convinceva del tutto.

Col passare del tempo, crescendo, la mia passione per lo spazio e in particolare per le missioni lunari si era fatta sempre più forte, e non riuscivo a capire come mai fra tutti gli scienziati che ammiravo non ce ne fosse nemmeno uno che sospettasse neanche un pochino che lo sbarco sulla Luna non fosse mai avvenuto. Tutti pagati? E da chi? E che dire dunque di tutti quegli astronauti non soltanto della NASA, ma di tutte le agenzie spaziali del mondo così sicuri del fatto che siamo realmente stati sulla Luna? Dopotutto, chi ero io per sostenere che si sbagliassero?

Decisi che era arrivato il momento di approfondire seriamente la questione.

Iniziai ad informarmi solo tramite fonti autorevoli, cercando di mettere da parte per un attimo le idee complottiste che giravano per la mia mente e mi si aprì letteralmente un mondo.

Purtroppo la maggior parte delle persone, non soltanto complottisti, è abituata a vedere gli sbarchi sulla Luna come un insieme di quattro o cinque fotografie famose e qualche spezzone di video, niente più.

E' normale dunque, se ci si limita a questo, porsi qualche dubbio.

Io sono sempre stato abbastanza dubbioso ad esempio, ma ero così dubbioso da arrivare a mettere in dubbio anche i miei stessi dubbi, e se non fosse per il mio innato scetticismo, oggi probabilmente non sarei qui a raccontarvi la mia storia.

Oggi ho 23 anni e di cose ne sono cambiate parecchie da quando ne avevo 15 o 16; nel frattempo sono diventato socio del CICAP, associazione che mi ha dato la possibilità di conoscere scienziati e di parlare con chi le missioni Apollo le ha vissute direttamente, come Piero Angela, fondatore del CICAP, che all'epoca si trovava proprio negli Stati Uniti per seguire in prima persona le missioni Apollo 7, 8, 9, 10, 11 e 12 o Paolo Attivissimo, che sui complotti lunari ha scritto un libro dal titolo “Luna? Sì, ci siamo andati” che vi consiglio vivamente di leggere, dato che è probabilmente il libro che più di qualunque altro, mi ha aperto la mente sugli sbarchi lunari, mostrando prove tecniche, scientifiche, fotografiche e smontando una ad una le tesi di complotto, che è quello che cerco di fare anche io oggi, ogni volta che mi capita di parlare con qualche “lunacomplottista” per citare Attivissimo.

Non siamo andati sulla Luna per scattare qualche foto o per girare qualche breve filmato, basta pensare che solo le foto scattate dalla missione Apollo 11 sono più di 1400, semplicemente le poche fotografie che tutti conoscono sono quelle venute meglio e per questo pubblicate, ma comunque l'archivio con tutte le foto e i video originali della missione è sempre stato disponibile a chiunque ne facesse richiesta.

Le missioni lunari hanno rappresentato con molta probabilità, l'unica cosa buona che l'umanità abbia fatto nel secolo scorso, e forse l'unico motivo per cui valga davvero la pena di ricordare il '900, secolo che ha visto due guerre mondiali nel giro di pochissimi anni di distanza l'una dall'altra.

Direi che per i complottisti è ora di smetterla di vivere sulle spalle di chi ha fatto la storia rischiando la vita, e di chi la vita l'ha persa nel tentativo di raggiungere quell'obbiettivo così lontano che ancora oggi ci sembra irraggiungibile, quella Luna che tutti possiamo ammirare e contemplare ogni sera, con la consapevolezza che là da qualche parte le impronte degli astronauti che vi hanno camminato sono rimaste come bloccate nel tempo, in attesa del nostro ritorno.

Sam Louis


Per chi osserva che una rondine non fa primavera e che si possono trovare episodi aneddotici di guarigione anche per l’omeopatia, ricordo che questa non è l’unica rondine e che è sbagliato confrontare un “metodo” che non ha nessuna spiegazione logica di funzionamento con uno che ce l’ha. Resta il fatto che questa persona, come tante altre, sarebbe rimasta convinta delle proprie idee complottiste se non fosse stata esposta al debunking.

Ricordo inoltre, ancora una volta, che il debunking non si fa per i convinti; si fa per i dubbiosi. Non si fa debunking per gli estremizzati delle echo chamber. Si fa per tutto il resto del pianeta, che non è Facebook. Non si fa per quelli che si prendono la briga di fare video e blog di diffusione delle tesi complottiste; si fa per quelli che non hanno ancora deciso da che parte stare e che, se vengono esposti solo alle tesi di complotto, finiranno per abbracciarle.

A questo proposito, a me restano delle domande di fondo: se davvero “il debunking fa più danni che altro”, che facciamo? Ci arrendiamo al rincoglionimento generale? Dobbiamo lasciare il campo ai deliri complottisti di ogni sorta? Se qualcuno dice che il ponte Morandi è stato minato, non dobbiamo dire “No, ecco i fatti”, perché tanto il debunking non funziona? Devo smettere? Qualcuno ha delle proposte alternative?

Ne ho discusso brevemente su Twitter con Walter Quattrociocchi, uno degli autori dello studio citato da Repubblica, ma sembra che di alternative non ne siano ancora state trovate. Riassumo qui la nostra conversazione: se mi sono perso qualche pezzo importante, ditemelo.

QC: Bizzarro come questo tema ritorni di moda ;) bit.ly/2vQshzW [nota: è “tornato di moda ” probabilmente per via di questo mio sfogo] Al di là del bel pezzo di @SimoneCosimi credo che @disinformatico conosca molto bene le mie ricerche e come la penso sui "Tuttologi". Possono non piacere i risultati, ma ognuno ha il suo confirmation bias.

PA: Conosco il tuo lavoro, Walter, e sai come la penso: attivissimo.blogspot.com/2017/07/debunk… Non è questione di risultati che non piacciono: è che se davvero il debunking non serve, allora che facciamo? Ci arrendiamo al rincoglionimento generale? C'è qualche proposta alternativa?

QC: E' materia complicata. Ignoriamo risultati scientifici? O portiamo da quelli per capire come essere efficaci? Polarizzare non aiuta, la figura del tuttologo è estremamente pericolosa. Stiamo studiando.

PA: Questa è appunto la mia domanda: i vostri studi hanno trovato un approccio migliore? Perché se c'è, ditecelo, che lo adottiamo senza problemi. Ma ditecelo presto, che qui c'è bisogno urgente :-)

QC: "Ditecelo" a chi? A chi ti riferisci? Se ci sono risultati sono fruibili da tutti.

PA: Mi riferisco agli autori del paper. Sto appunto chiedendo: se "il debunking fa più danni che altro", adesso che facciamo? Devo smettere? Avete delle proposte alternative? Per dire, Fabiana Zollo, prima autrice della ricerca, diceva: “... l’uso di un approccio più aperto e morbido, che promuova una cultura dell’umiltà con l’obiettivo di abbattere i muri e le barriere tra le tribù della rete, rappresenterebbe un primo passo" [fonte]. OK. Come si fa?

QC: E' materia complicata. Ci stiamo lavorando. Ammettere che è cambiato il paradigma è già un passo importante. Rivendicare autorità (?) dove non sono riconosciute è solo altra benzina sul fuoco ed una pericolosa fallacia logica.

PA: Puoi tradurre l'ultima frase? Confesso che non l'ho capita.

QC: Traduzione: Chi decide quale è il blog che dice la "verità"? Chi è in grado di verificare ogni cosa? Ogni fonte (anche tu dici che non riesci a stare dietro a repubblica)? Come fai ad essere sicuro che le tue risposte sono sempre quelle giuste? Risposta: Ognuno ha il suo blog.

PA: 1. "Chi decide quale è il blog che dice la "verità"?" Se Repubblica scrive di un aereo che va dieci volte più veloce della luce (caso reale) [fonte], la verità è molto chiara. Non c'è da decidere. Di casi chiari come questi ce ne sono tanti. 2. "Chi è in grado di verificare ogni cosa?" Nessuno singolarmente. Ma nessuno ha questa pretesa. Però collettivamente, perché no? Si può perlomeno ridurre il numero di cose non verificate. 3. "Come fai ad essere sicuro che le tue risposte sono sempre quelle giuste?" Potrei fare la stessa domanda a te. Come fai a essere sicuro che il tuo paper ha ragione? :-) Non ho la pretesa che le mie risposte siano sempre giuste. 4. "Ognuno ha il suo blog." Detto così, sembra che tutti i blog abbiano pari dignità e che ognuno abbia la propria verità. Le scie chimiche di [nome rimosso per non regalare visibilità] e il blog di Katharine Hayhoe non sono pari. Ma forse ho capito male.

QC: Stiamo mescolando i piani. Per pubblicare un lavoro su una rivista scientifica occorre passare per il peer-review (che ha le sue falle). Perchè alcuni risultati scientifici li accetti e altri no? Che verifiche si fanno rispetto ai contenuti dei blog?

PA: Scusami, forse c'è un equivoco: non sto mettendo in discussione le conclusioni del paper. Sto chiedendo "E adesso che facciamo?". Non è una domanda retorica: è una richiesta concreta.

QC: E' un work in progress, la risposta concreta che abbiamo per ora, che però mi sembra non piacerti troppo, è di evitare la polarizzazione. Lo dico da un po', perchè questa non si può prendere in considerazione? Invece di rivendicare maggioranze silenti che non ci sono?

PA: In cosa consiste "evitare la polarizzazione"? La prendo in considerazione volentieri. Potresti fare qualche esempio concreto?

QC: Vuol dire evitare di darci giù con le etichette, con gli slogan "il debunking è LA soluzione" "Repubblica BUUUH", "chi non fa debunking è complottaro/tonto". Esempio concreto è qui ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30033116

PA: Mi hai mai visto fare deliri del genere? :-) L'esempio concreto che citi fa una proposta interessante. Però non fa il passo successivo: dimostrare che funziona.

[non c’è stata risposta da Quattrociocchi a questo filone di conversazione]

Un altro caso di conversione è qui.


Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle donazioni dei lettori. Se vi è piaciuto, potete incoraggiarmi a scrivere ancora facendo una donazione anche voi, tramite Paypal (paypal.me/disinformatico), Bitcoin (3AN7DscEZN1x6CLR57e1fSA1LC3yQ387Pv) o altri metodi.

2018/08/15

Ponte Morandi crollato, cautela nel far circolare foto: sciacalli già all’opera

Ultimo aggiornamento: 2018/08/17 10:45.

Ieri a Genova è crollato il ponte Morandi. Ci sono decine di vittime. Questo non ha impedito agli sciacalli e agli inetti di far circolare foto che non c’entrano nulla o che travisano completamente il contesto.


La falsa foto dei danni da corrosione


Come segnalato dal collega David Puente, questa foto dei danni pre-crollo non proviene dal ponte Morandi, ma dal ponte di Ripafratta, e risale a vari anni fa:





La foto del cane da soccorso: non è uno dei cani di Genova


Un altro esempio, trovato da @Al3xI98O:



Screenshot:



In realtà la foto risale al 15 settembre 2001 e mostra uno dei cani da soccorso al World Trade Center; si trova su Wikimedia Commons ed è opera del giornalista Preston Keres.


Le foto della parte “erosa” del ponte: non è erosa


C’è anche questa foto che molti stanno facendo circolare credendo che mostri un assottigliamento anomalo del ponte, ma in realtà il Morandi era fatto così: il tratto centrale delle campate era strutturalmente differente e più sottile per progetto, come spiega Il Post.




La foto del pilone senza sostegno: non è del ponte Morandi


Sempre David Puente segnala che questa foto di un pilone che in parte appoggia sul vuoto non riguarda il ponte Morandi, ma un altro ponte:




La foto del pilone che “si sta appoggiando alle case”: no, è sempre stato così


Questa foto circola sui social network come “prova” che uno dei piloni restanti starebbe cedendo e si starebbe appoggiando a un edificio sottostante, ma in realtà l’edificio è sempre stato così, con una rientranza per ospitare la struttura del ponte, come segnala l’indagine di Noallebufale.it.



La foto di oggetti pendenti prima del crollo: non è la parte crollata e non sono elementi strutturali


NOTA: Questa sezione è stata riscritta estesamente dopo l’arrivo di nuove informazioni.

Una fotografia, pubblicata anche da Repubblica, sembra mostrare lesioni drammatiche al ponte, con qualcosa di filiforme che pende sotto una campata. È una delle immagini più diffuse, anche a livello internazionale, per mostrare lo stato di degrado del ponte (esempio: Daily Mail), ed è anche, almeno a prima vista, una delle più incriminanti.



Secondo Repubblica su Facebook, la foto “è stata scattata una settimana fa” ed “è verificata”.



Sempre Repubblica, in un altro articolo, ha scritto invece che la foto mostra lo stato del ponte Morandi “a qualche settimana dal crollo” e l’ha descritta parlando di “evidenti segni di cedimento dell’armatura metallica sotto la campata”.



Ho chiesto conferme a Repubblica via Twitter. Matteo Pucciarelli, di Repubblica, mi ha risposto pubblicamente che la foto gli “è stata girata dalla persona che l’ha scattata una settimana fa” e successivamente (il 16/8) ha spiegato che ha ricevuto personalmente la foto da un “tizio di fronte all'obitorio che trasportava cadaveri - col quale attaccai bottone per aver notizie in un giorno infernale - e che m'ha girato la foto da lui scattata”, aggiungendo che non ha “chiesto esattamente data e ora dello scatto limitandomi al suo "una settimanina fa"“. In quel momento c’erano ben altre priorità e quindi non ha approfondito ulteriormente, né desidera farlo. Rispetto la sua scelta, sia pure a malincuore. Però questo è quello che Repubblica chiama verifica.

L‘articolo di Repubblica è stato poi aggiornato un paio di giorni dopo il disastro, rimuovendo foto e didascalia senza alcuna rettifica pubblica.

Il confronto con altre immagini pubblicate chiarisce due cose:

  • la foto rappresenta una parte del ponte che non è crollata.
  • gli oggetti non sono elementi strutturali del ponte e non rappresentano affatto “evidenti segni di cedimento dell’armatura metallica sotto la campata” come aveva scritto Repubblica.

Questa è una versione non cerchiata della foto in questione, che ho trovato su Twitter:



Durante la diretta di Rainews è stata mostrata una ripresa nella quale si vedono gli stessi oggetti, che quindi sono tuttora presenti (grazie a giobatta80 per aver notato e salvato questo fermo immagine):



Inoltre giobatta80 mi ha inviato questa foto, mandatagli da un suo contatto e scattata la mattina del 16 agosto:



Un altro lettore, Maurizio Monti, citato con il suo permesso, mi ha inviato questa foto scattata da lui il 16 agosto 2018 alle 19:18, secondo i dati EXIF.



Il 17 agosto, mi ha segnalato questa foto:



Si vede chiaramente che gli oggetti filiformi penzolanti non hanno nessuna funzione strutturale, ma sembrano semplicemente dei resti di cablaggi e di una rete anticaduta collocata sotto l’impalcatura:




Qualunque cosa siano, quegli oggetti sono tuttora lì e non hanno affatto l’aria di essere elementi strutturali come suggeriva invece Repubblica.

Dalle ricerche dei lettori (grazie Decio) è poi emersa un’altra foto, per certi versi analoga, che mostra altri oggetti filiformi pendenti dal ponte Morandi nei mesi precedenti, in una zona adiacente a quella mostrata nella foto in discussione:



Sul margine sinistro della foto si nota un’altra impalcatura, che è quella accanto all’oggetto filiforme nella foto in discussione.

L’immagine qui sopra risale almeno a febbraio scorso: è mostrata, ridotta, in questo articolo del Secolo XIX del 7/2/2018. L’articolo dice che si tratta di un ponteggio per la manutenzione, staccatosi per il forte vento.

Un lettore (grazie Michele_Danielli) ha trovato una foto di Google Street View, datata luglio 2018, che mostra gli stessi oggetti filiformi:



Sembra insomma che quei frammenti d’impalcatura siano rimasti penzolanti molto a lungo (da febbraio a luglio).


Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle donazioni dei lettori. Se vi è piaciuto, potete incoraggiarmi a scrivere ancora facendo una donazione anche voi, tramite Paypal (paypal.me/disinformatico), Bitcoin (3AN7DscEZN1x6CLR57e1fSA1LC3yQ387Pv) o altri metodi.