Cerca nel blog

2019/03/18

Siete vittime di sextortion? La TV svizzera vorrebbe ascoltarvi

La redazione di un programma di approfondimento giornalistico della Radiotelevisione Svizzera con il quale collaboro sta lavorando a un’indagine sulla sextortion, ossia il ricatto basato sul possesso (vero o millantato) di immagini intime della vittima.

Se ve la sentite di raccontare la vostra esperienza, naturalmente con tutte le tutele di riservatezza del caso se le desiderate, scrivetemi a paolo.attivissimo@rsi.ch. Grazie.

L’attracco della Crew Dragon, accelerato: magia del software

Il recente attracco del veicolo spaziale per equipaggi di SpaceX, la Crew Dragon, alla Stazione Spaziale Internazionale è stato spettacolare, ma la lentezza cauta delle manovre fra due oggetti che stanno correndo a 28.000 chilometri l’ora spesso non permette di cogliere quanto ha lavorato il software di manovra e di controllo dell’assetto della capsula.

A differenza delle Dragon precedenti, che si limitavano ad avvicinarsi e poi venivano agguantate da un astronauta tramite il grande braccio robotico della Stazione, le Crew Dragon attraccano direttamente alla Stazione e lo fanno in modo completamente automatico. Le Progress russe (cargo) lo fanno da anni, ma le Soyuz con equipaggio usano una procedura manuale.

Qui, invece, c’è una capsula per equipaggi che attracca in modo del tutto automatico, con un comando umano solo in caso di malfunzionamento. Stavolta, essendo il primo volo, l’equipaggio non c’è, ma ci sarà nel prossimo. Buona visione.





Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle donazioni dei lettori. Se vi è piaciuto, potete incoraggiarmi a scrivere ancora facendo una donazione anche voi, tramite Paypal (paypal.me/disinformatico), Bitcoin (3AN7DscEZN1x6CLR57e1fSA1LC3yQ387Pv) o altri metodi.

Il primo lunacomplottista della storia?

Mi è capitato tra le mani un esemplare originale del Corriere della Sera del 21 luglio 1969 (cose che possono capitare, qui al Maniero) e mi è caduto l’occhio su questa chicca pubblicata a pagina 4 dell’edizione milanese.

La pagina è infatti intitolata Corriere Milanese e racconta le reazioni della città alla notte straordinaria dell’allunaggio. L’articolo descrive anche la situazione nello Studio 3 della RAI di corso Sempione, includendo anche questo quadretto che avviene poco dopo il contatto con il suolo lunare:

Un signore magro esprime clamorosamente la sua protesta: “Avevano detto che facevano vedere il ragno che atterrava: la verità è che sono tutti eversivi alla Televisione e non hanno voluto farcelo vedere”. Un funzionario spiega che l’allunaggio del “ragno” non l’hanno visto neppure in America. Il signore magro tace ma non sembra convinto.

La sera stessa dell’allunaggio, insomma, c’era già chi straparlava di complotti.

I decenni passano ma i comportamenti umani non cambiano: il complottista, invece di chiedersi se c’è una spiegazione semplice a un fenomeno, se ne inventa una complicatissima che soddisfa la sua visione paranoica del mondo. E quando pacatamente gli viene fornita la spiegazione reale del fenomeno, non si convince lo stesso. Oggi come allora.

Non vi ricorda ogni sciachimista, antivaccinista, complottista undicisettembrino, ufologo, noeuro, signoraggista, paranormalista che avete mai incontrato?

Per i lunacomplottisti che dovessero avventurarsi da queste parti, e per i dubbiosi che volessero finalmente levarsi i dubbi invece di tenerseli, il mio libro Luna? Sì, ci siamo andati! è ora disponibile completamente online, gratuitamente e in versione massicciamente aggiornata. E c’è anche la versione in inglese, Moon Hoax: Debunked!, sempre gratuita, aggiornata e integralmente online. Fatene buon uso.

2019/03/15

Come disinnescare un commento complottista

Poco fa un filocomplottista commentatore ha pensato malauguratamente di postare nei commenti di questo blog un link a un video di un lunacomplottista, regalandogli un po' di visibilità in casa del “nemico”. E lo ha fatto in un post che non c’entra assolutamente nulla con il lunacomplottismo.

Lo sventurato non ha tenuto conto del fatto che i commenti sono editabili dal moderatore. Che sono io. E quindi sono editabili anche i link. Che ho pertanto editato:


Per correttezza ho aggiunto una nota del moderatore che avvisa di non cliccare sul link o di farlo a proprio rischio e pericolo.

Il link porta, naturalmente, a youtube.com/watch?v=dQw4w9. Et voilà, complottista disinnescato.

Certe cose mi vengono istintive e non so resistere.


Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle donazioni dei lettori. Se vi è piaciuto, potete incoraggiarmi a scrivere ancora facendo una donazione anche voi, tramite Paypal (paypal.me/disinformatico), Bitcoin (3AN7DscEZN1x6CLR57e1fSA1LC3yQ387Pv) o altri metodi.

Puntata del Disinformatico RSI del 2019/03/15

È disponibile lo streaming audio della puntata del 15 marzo del Disinformatico della Radiotelevisione Svizzera.

La versione podcast solo audio (senza canzoni, circa 20 minuti) è scaricabile da questa sezione del sito RSI (link diretto alla puntata) oppure qui su iTunes (per dispositivi compatibili) e tramite le app RSI (iOS/Android); questa settimana non c’è la versione video.

Buon ascolto!