Cerca nel blog

I temi delle mie conferenze

Ultimo aggiornamento: 2018/07/07.

Con Mirella de Paris (a sinistra) e Bruno Giussani (al centro)
alla Rete Uno della Radio Svizzera di lingua italiana,
gennaio 2003.

Da più di quindici anni vengo incautamente invitato ad aprir bocca alla radio e in TV e in occasione di meeting, lezioni scolastiche e conferenze. Abito in Canton Ticino, vicino a Lugano, e sono facilmente raggiungibile telefonicamente per contatti o interviste:

  • mandatemi una mail presso paolo.attivissimo@gmail.com
  • oppure chiamate il mio numero cellulare svizzero 0041-79.759.8264.

Non ho problemi a viaggiare e inoltre vengo spesso in Italia, per cui se vi interessa che venga a raccontarvi quattro cattiverie schiette su come funziona realmente Internet, quello che le aziende informatiche non vi dicono, la storia di Internet, Linux, i diritti digitali, i cospirazionismi, le bufale online, le fake news, l’astronautica, l’ufologia, i cerchi nel grano e altre cose del genere, scrivetemi o telefonatemi.

Trovate qui sotto l’elenco dei temi delle mie conferenze.

Il blog Disinformaticalendario riepiloga le mie più recenti malefatte pubbliche (interviste, trasmissioni radio e TV, lezioni e conferenze). Così sapete a cosa andate incontro. Non dite che non vi avevo avvisato.

I miei prossimi appuntamenti pubblici sono raccolti nel mio Calendario Google pubblico.

Se invece state cercando le mie foto pubbliche su Flickr, sono qui.



Fake news, bufale e leggende metropolitane


Anche tu detective antibufala: tecniche e strumenti per distinguere fra fatti e bufale nei media moderni. Internet offre a ciascuno di noi un potere di verifica senza precedenti nei confronti delle notizie. Partendo da esempi concreti, presi dai media tradizionali oltre che da Internet, vengono presentate le sorprendenti ragioni psicologiche, sociali ed economiche che alimentano le “bufale” e le fake news e hanno portato a un calo di attendibilità del giornalismo tradizionale e vengono proposte alcune regole pratiche e tecniche d’indagine informatica alla portata di tutti per orientarsi meglio fra fatti e fandonie sia nelle testate giornalistiche tradizionali che nei siti internet. Questa conferenza è disponibile anche in inglese.

How to be a hoax buster: methods and tools for sorting facts from misinformation in today's media. The Internet gives us all an amazing, unprecedented opportunity to perform and share fact-checking of news stories. Using real-life examples taken from all media, this talk casts light on the surprising psychological, social and economic reasons that encourage the growth of hoaxes and false news and have caused a severe drop in the reliability and trustworthiness of traditional journalism. The talk also proposes practical remedies, criteria and computer-assisted investigation methods, usable by anyone to spot fake news more easily both online and in traditional media and to rebuild trust. Note: this talk is in English.


Giornalismo digitale


Computer assisted reporting (giornalismo di precisione). Corso approfondito sulle tecniche informatiche utilizzabili a supporto delle indagini giornalistiche: ricerca online di informazioni poco accessibili o nascoste, recupero di informazioni da siti cancellati o censurati, elusione dei filtri governativi nei paesi a rischio, verifica delle immagini e dei video, esplorazione di archivi specialistici, navigazione anonima, Deep Web e Dark Web.


Informatica


Usare Google al meglio. Le tecniche avanzate, semplici ma potenti, per trovare informazioni tramite Google. Ricerca di immagini simili, ricerca nelle pubblicazioni accademiche, ricerca mirata all’interno di un sito, impostazioni dei filtri contro i contenuti indesiderati per i minori, ricerca in pagine Web rimosse, ricerca nei siti di notizie, ricerca nei social network. Esempi pratici ed esercitazioni per ottenere da Google molto di più di un “mi sento fortunato” e per sapere quanto della nostra vita è sensibile ai detective della Rete.

Videogiochi: fatti, miti e paure. L’industria del videogioco vale quanto quella del cinema: i giochi digitali sono ovunque, anche sui telefonini, e spesso hanno contenuti inaspettatamente violenti e veicolano messaggi sociali controversi che possono impressionare i più giovani. Chi non impara a difendersi è oggetto di truffe e molestie. È facile demonizzare il videogioco, ma occorre semmai conoscerlo per capirlo e sceglierlo bene. La conferenza presenta il quadro della situazione di un mondo poco familiare agli adulti e propone strumenti e linee-guida per orientare le scelte d’acquisto e di fruizione costruttiva del videogioco.

Open source: software aperto per riprendersi il computer. Ogni volta che usiamo Google o un telefonino Android o vediamo un film con effetti speciali, dietro c’è l’open source: l’idea di fare programmi per computer che chiunque può usare e modificare liberamente invece dei programmi chiusi e rigidi da acquistare, per risparmiare, per riprendere il controllo del computer e per essere più liberi. Un viaggio ricco di aneddoti e dimostrazioni fra i successi spesso poco conosciuti di un modo sovversivo di fare informatica.

Diritto d’autore: e i diritti del consumatore? Le nuove tecnologie offrono nuovi modi di fruire di libri, film, musica e immagini ma anche nuovi modi per violare i diritti di chi crea queste opere. Si parla spesso di danni enormi causati dalla pirateria audiovisiva, ma sono reali? Quali sono i veri diritti dei consumatori e quali sono le trappole tecniche da evitare? La conferenza, presentata da un autore di libri e film, illustra in termini pratici le libertà, spesso ignorate, che la legge svizzera offre ai consumatori e rivela le restrizioni spesso sorprendenti imposte dalle case cinematografiche e discografiche e dagli editori. Dati, fatti e cifre per conoscere oggettivamente un fenomeno che, se non gestito correttamente, rischia di essere dannoso sia per i creatori, sia per i consumatori.

Di chi sono i miei dati? La tecnologia digitale ci permette di essere tutti creatori di cultura, ma conservare i dati digitali non è affatto semplice: i nostri dati rischiano di perdersi. Attraverso casi vissuti e semplici tecniche di difesa, vengono presentati i principali problemi, spesso inattesi, della conservazione delle informazioni anche nella vita quotidiana: CD e DVD che “marciscono”, supporti e formati obsoleti, licenze d’uso e lucchetti digitali DRM (Digital Rights Management), esempi concreti di censura tramite obsolescenza. Leggi e tecnologie da conoscere per non lasciare ai nostri figli un’illeggibile catasta di bit.

10 miti di Internet da smontare. È vero che i giovani di oggi sono "nativi digitali" che sanno usare istintivamente le nuove tecnologie? Quali sono i veri rischi degli acquisti su Internet? Davvero con Facebook è finita la privacy? Un viaggio ricco di esempi pratici nei miti e nelle trappole nascoste della Rete, per imparare a evitarle e sfruttare tutti gli aspetti positivi della telematica.

Comunicazione aziendale e relazioni pubbliche nell’era digitale e dei social network. Internet ha stravolto il mondo della comunicazione, per relazionarsi efficacemente con i propri clienti le aziende non possono ignorare tale cambiamento. Quali sono i rischi e quali le opportunità per chi si occupa di relazioni pubbliche e comunicazione d’impresa?

Social network: conoscerli per difendersi. Il funzionamento di base di Facebook e Twitter, i loro vantaggi sociali, i pericoli in termini di privacy e sicurezza informatica e le loro impostazioni corrette allo scopo di permettere un uso consapevole e prudente senza incappare in bufale, molestie e violazioni della propria privacy.

Sicurezza informatica e privacy digitale quotidiana per studenti, docenti e genitori. Come usare Internet, social network, smartphone, computer e altri dispositivi digitali senza esserne usati, impostandoli nel modo corretto: una panoramica ricca di esempi concreti delle principali trappole informatiche, spesso inattese, dalle truffe online al cyberbullismo passando per la condivisione spesso eccessiva e inconsapevole di dati personali abusabili. Per ciascun problema viene proposta la rispettiva soluzione pratica. Nota: la lezione viene adattata al tipo di partecipanti e anche il titolo esatto viene concordato di conseguenza.


Spazio


Complotti lunari. Siamo davvero andati sulla Luna? Paolo Attivissimo, giornalista scientifico, esamina i dubbi più frequenti riguardanti le missioni Apollo che portarono l’uomo sulla Luna fra il 1969 e il 1972 e li chiarisce, smontando una per una le presunte prove presentate da chi afferma che si trattò invece di una colossale messinscena. Ma l’esplorazione delle tesi alternative è anche uno spunto per raccontare, con immagini rare e filmati restaurati, l’epopea della corsa alla Luna, presentandone aspetti spesso sconosciuti al grande pubblico, come il tentato sbarco lunare segreto dei russi, i disastri sfiorati ma taciuti e le foto di Playboy portate di nascosto sulla Luna. Un’occasione per smontare dubbi e deliri e onorare coraggio e ingegno.

Un piccolo passo: l’avventura della Luna. Con immagini restaurate nitidissime, spesso inedite, viene raccontata in modo avvincente la storia di un’impresa eccezionale: il primo sbarco umano sulla Luna, con i retroscena, i drammi e i segreti tecnologici e umani che hanno fatto di quel viaggio un momento indimenticabile della Storia.

Balle spaziali. C’è chi dice che lo sbarco sulla Luna fu simulato in uno studio a Hollywood, che i russi hanno nascosto la morte di tanti cosmonauti, che un asteroide ci colpirà nel 2036 e che la NASA nasconde le prove degli extraterrestri che sono su Marte e sulla nostra Terra. L’esplorazione spaziale ha generato miti e leggende che è necessario smontare per poter scoprire il fascino e i drammi delle avventure reali, spesso più incredibili di qualunque leggenda. Paolo Attivissimo, giornalista scientifico, autore del libro “Luna? Sì, ci siamo andati!” e del documentario spaziale “Moonscape”, mette da parte scientificamente i miti e ci porta nello spazio vero insieme ai pionieri del cosmo.

Dove sono tutti quanti? Il mistero della vita extraterrestre. Leggenda vuole che il fisico Enrico Fermi, contemplando un cosmo popolato da miliardi di miliardi di stelle che esiste da miliardi di anni, si sia chiesto come mai non vediamo la minima traccia di altre civiltà, passate o presenti. È davvero possibile che siamo soli nell'intero universo? La conferenza racconta e illustra con immagini e filmati le ipotesi scientifiche più accreditate per spiegare questo apparente paradosso (noto appunto come “paradosso di Fermi”), proponendo scenari a volte affascinanti e a volte inquietanti sul nostro ruolo nel cosmo.

Bombe atomiche sulla Luna. L’incredibile storia vera del progetto americano di stupire il mondo facendo esplodere una bomba nucleare sulla Luna, visibile da tutto il mondo, e di compiere altre follie atomiche negli anni Cinquanta. Per non dimenticare quanto siamo andati vicini all’autodistruzione.

Astronavi atomiche. Viaggiare nello spazio spinti dalle bombe atomiche sembra una follia, ma è un progetto reale, rimasto in gran parte segreto per decenni e ora reso pubblico, e ci potrebbe servire davvero per difendere il pianeta da comete e asteroidi. La storia affascinante di questa e altre forme di propulsione nucleare spaziale meno bizzarre ma reali, indispensabili se vogliamo esplorare i pianeti.

Astronautichicche. Gli aspetti poco conosciuti dell'esplorazione spaziale: disastri sfiorati e taciuti, scherzi e figuracce degli astronauti, effetti inaspettati della vita in assenza di peso, raccontati attingendo alla documentazione audiovisiva e tecnica originale e alle testimonianze dirette dei protagonisti. Un viaggio dietro le quinte di una sfida umana affascinante.

Gabinetti nello spazio: le risposte alla domanda che vorremmo tutti fare. Quando si parla di viaggi spaziali c’è sempre una domanda inespressa: ma come si va al gabinetto nello spazio, in assenza di peso? Imbarazzi a parte, la gestione dei rifiuti biologici è un problema fondamentale se vogliamo tornare sulla Luna o andare su Marte. La conferenza affronta l’argomento in tono informale ma esauriente e con una ricca documentazione visiva dei dettagli tecnici e fisici, presentando con candore la storia delle toilette spaziali dalle origini ai giorni nostri, per conoscere un aspetto poco conosciuto ma molto eroico dell’esplorazione del cosmo. Visto l’argomento, la conferenza è sconsigliata alle persone sensibili ma fortemente consigliata ai bambini.

Una giornata... spaziale! - 24 ore nella vita quotidiana di un astronauta a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. Attraverso foto e video rari e inediti in alta definizione, il racconto di una giornata tipica nello spazio: come si lavora, si mangia, ci si lava, si dorme e si ammira l’Universo dalla Stazione, e come si arriva oggi a diventare astronauti. Miti e realtà di un’avventura letteralmente fuori dal mondo che aiuta il nostro mondo.


Cospirazionismi


11 settembre: tesi di complotto al vaglio degli esperti. Circolano molte versioni alternative dei terribili attentati dell’11 settembre 2001. I crolli delle Torri Gemelle, l’attacco al Pentagono, gli aerei dirottati sembrano avere molti punti oscuri. Ma cosa dicono gli esperti internazionali? Immagini, perizie, interviste e documenti rari chiariscono i presunti misteri e rivelano fatti sorprendenti su un evento che ha cambiato la storia.

“Scie chimiche”: alle origini di un mito. Decine di interrogazioni parlamentari, manifestazioni, convegni dedicati al presunto mistero che si celerebbe dietro le scie bianche degli aerei indicano che questa credenza è molto diffusa. Attraverso la ricerca storica, i fatti scientifici, le immagini e le esperienze dirette dei piloti, dei tecnici e dei controllori di volo questa tesi di cospirazione viene raccontata e poi smontata. Ma le scie degli aerei hanno comunque un effetto reale, che il frastuono dei complottismi ha coperto e che ci riguarda tutti.

È tutto un complotto! Quali fatti e fenomeni sociali, commerciali e psicologici stanno alla base dell'attuale esplosione di tesi di cospirazione su qualunque argomento, dai farmaci agli attentati agli UFO? Come si fa a distinguere un complotto reale da una tesi di fantasia? Attraverso casi concreti, la conferenza mostra gli strumenti e le regole d'indagine che consentono a chiunque di evitare le principali trappole dei cospirazionismi e scoprire i retroscena affascinanti di molte cospirazioni celebri, reali e inventate.


Scienza e fantascienza


È difficile fare previsioni, specialmente per il futuro. La battuta, spesso attribuita al fisico Niels Bohr, introduce una domanda molto seria: perché le previsioni sociali o tecnologiche fatte dagli esperti sono spesso incredibilmente sbagliate, eccessivamente ottimistiche o troppo caute? Come mai sbagliano così grossolanamente? Attraverso una rassegna ragionata e divertente delle previsioni meno azzeccate degli scienziati del passato, vengono esplorate le cause poco evidenti dei loro errori, per aiutarci a prevenirli e per scegliere meglio i nostri futuri possibili.

Gli inganni della mente: come non farsi imbrogliare dai nostri sensi. Esperimenti pratici affascinanti mostrano quanto siano ingannevoli le nostre percezioni (vista, udito, tatto, comprensione dei numeri e delle grandezze fisiche) e permettono di conoscere meglio la nostra mente e di diventare osservatori più precisi, imparziali e razionali: talenti preziosi in un’epoca in cui siamo chiamati a decidere su argomenti che sfuggono alla semplice osservazione sensoriale.

Non è Marte, è Hollywood: bufale e realismo di The Martian. Il film The Martian di Ridley Scott viene spesso considerato come una rappresentazione fedele e realistica di una missione umana su Marte. Ma in realtà le licenze artistiche e le vere e proprie bufale non mancano e vengono esplorate per conoscere meglio il vero Marte e le vere sfide di una missione spaziale straordinaria che forse vedremo passare dalla fantascienza alla realtà.

Manuale per viaggiatori nel tempo. La scienza considera plausibili alcuni tipi viaggi nel tempo, anche se non siamo ancora in grado di compierli: ma allora come mai non riceviamo visite dai crononauti del futuro? Questa panoramica illustrata dello stato attuale delle conoscenze scientifiche sui viaggi nel tempo propone alcune risposte serie (e altre semiserie) a questa domanda ed esplora gli aspetti pratici inattesi e sorprendenti di una fantasia che abbiamo in molti: che cosa faremmo se avessimo una macchina del tempo?



Fenomeni misteriosi


Cerchi nel grano. Miti, leggende, fatti e segreti di uno dei fenomeni misteriosi più intriganti e popolari degli ultimi decenni, raccontati da un giornalista scientifico chi ha vissuto personalmente e documentato l’esperienza pratica – e anche spirituale – di creare un cerchio nel grano “impossibile”. Con foto e riprese video rare e spettacolari e documenti d’epoca, vengono presentate le tecniche di base della creazione di cerchi nel grano incredibilmente complessi, che dimostrano che non c’è bisogno d’invocare gli alieni per creare un’opera d’arte emozionante e aprono la porta a questioni ancora più affascinanti.

Nufologia: come evitare gli inganni dei falsi UFO. Una guida illustrata per riconoscere i principali effetti ottici e fotografici, inganni e autoinganni di percezione e fenomeni reali che possono essere scambiati per manifestazioni di veicoli extraterrestri.

UFO: gli astronauti raccontano. Si dice che molti uomini e donne che hanno viaggiato nello spazio riferiscano di aver visto oggetti misteriosi. Ma quanto c’è di vero in queste storie? Un viaggio ragionato alle fonti originali di questi misteri, per capire le verità spesso sorprendenti che si nascondono dietro le leggende spaziali.

Dagli UFO ai fantasmi - Metodi d’indagine scientifica sui fenomeni straordinari. È possibile dimostrare scientificamente la telepatia, la precognizione o la guarigione a distanza? Cosa c’è dietro fenomeni straordinari come gli UFO, i cerchi nel grano, le case infestate? Come distinguere i fenomeni reali dagli autoinganni e dai trucchi di chi approfitta delle nostre emozioni? La scienza è aperta ai misteri – anzi, sono la sua essenza – e la conferenza presenta alcuni degli strumenti sorprendenti usati per indagarli adoperando la risorsa più potente e universale: una mente ben allenata.

Nessun commento: