Cerca nel blog

2009/03/13

Antibufala: allarme burundanga, il biglietto da visita che stordisce

L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale. Ultimo aggiornamento: 2018/02/01.

Sta circolando via mail un allarme che parla della "burundanga", una sorta di droga narcotica che agirebbe semplicemente sventolando un biglietto di carta impregnato nelle vicinanze della vittima.

Ecco un esempio di testo dell'appello:

Questa informazione è stata passata è confermata [sic] da quasi tutte le polizie Europee.

Unità contro l'aggressione sessuale.

PER FAVORE leggere ciò che segue:

Ad una stazione servizio, un uomo si è avvicinato ad una signora che era intenta a fare il pieno alla sua auto. Gli ha offerto i suoi servizi come imbianchino e gli ha lasciato il suo biglietto da visita.

La signora gli ha detto di non avere bisogno, ma ha accettato il suo biglietto per dare prova in buona fede. L'uomo è allora entrato in un'automobile condotta da un altro signore.

Mentre la signora lasciava la stazione di servizio, ha visto gli uomini seguirla. Quasi immediatamente, ha iniziato a sentirsi confusa e stordita facendo fatica a respirare.

Ha provato ad aprire la finestra rendendosi conto che uno strano odore veniva dalla sua mano, la stessa mano che ha accettato il biglietto del signore alla stazione di servizio. Ha allora notato gli uomini che erano attaccati dietro la sua automobile.

Capito che dovesse fare qualcosa. È entrata nel primo parcheggio che ha trovato, ha fermato la sua automobile e ripetutamente si è messa a suonare il claxon per chiamare aiuto. Gli uomini sono fuggiti, ma la signora stava sempre male.

È soltanto dopo molti minuti che ha potuto finalmente riprendere a respirare normalmente.

Apparentemente, c'era una sostanza sul biglietto che avrebbe potuto seriamente stordirla. Questa droga si chiama BURUNDANGA

VGLIATE [sic] INVIARE QUESTO MESSAGGIO D'ALLARME A TUTTI I VOSTRI CONTATTI.

DE FREIXO TONI, G0668
Gendarmerie Genève
poste des Pâquis
rue de Berne 6 1201 Genève
tél : 022. 427.87.71

I sintomi classici dell'appello-bufala ci sono tutti: la presunta "conferma" delle polizie europee, che conferisce apparente autorevolezza all'appello ma in realtà non vale nulla, perché non fornisce le coordinate precise di fonti che abbiano pubblicato questa conferma; la leva sulle emozioni (in questo caso la paura delle aggressioni); l'uso di termini che incutono inquietudine, evocano origini esotiche e restano impressi ("burundanga"); l'esortazione a diffondere l'allarme a tutti i conoscenti.

C'è poi l'implausibilità della vicenda: un uomo che si avvicina a una signora che fa benzina, e le si offre come imbianchino? Avrebbe più senso se si fosse offerto di controllarle le gomme o qualcosa di attinente all'automobile. E ci sarebbe da chiedersi come farebbe l'uomo che distribuisce biglietti impregnati di droga a non esserne affetto anche lui: se bastasse una sventolata di un singolo biglietto sotto il naso per stordire, allora chi ne tiene in mano un mazzetto dovrebbe essere steso a terra in coma.

Però c'è quel riferimento alla Gendarmerie di Ginevra che conferisce una certa aria di autenticità, e l'emozione che deriva dal racconto dettagliato della disavventura della povera signora scavalcherà probabilmente la valutazione razionale dell'appello, che verrà così inoltrato da chi lo riceve.

Ma vediamo un po' i fatti, con l'aiuto del sempre prezioso sito antibufala Snopes.com, la cui indagine sul Burundanga arriva a un verdetto molto semplice: l'appello è una bufala, la burundanga no. Verdetto confermato anche da Urbanlegends.about.com, da Hoax-slayer.com e dal sito in lingua spagnola VsAntivirus.com.

La burundanga in quanto tale esiste: è un miscuglio di estratti di piante che contiene principalmente scopolamina, una sostanza usata in dosi minutissime come trattamento per mal d'auto ma estremamente tossica se assunta in dosi troppo elevate. Può indurre sonnolenza, delirio o allucinazione.

Ed è qui il problema principale di quest'appello: non basta il contatto momentaneo con un biglietto impregnato di scopolamina per assorbirne attraverso la pelle una dose sufficiente ad ottenere gli effetti descritti dall'allarme. Per effetti di questo genere occorre ingerirla o inalarla in dosi ben più significative, e in questo senso è effettivamente usata come droga per stordire vittime di furti o violenze. Prudenza, quindi, con gli sconosciuti che vi offrono da bere.

Non solo: la scopolamina è inodore, per cui non ha senso che i malfattori descritti nell'appello usino biglietti fortemente odorosi che insospettiscono le loro vittime.

La natura bufalina dell'appello è confermata anche dal fatto che la stessa storia dell'uomo che si offre come imbianchino è segnalata da Snopes.com in una versione ambientata in Texas e che l'approccio avvenga sempre a un distributore di benzina anche in Canada (dove l'appello è stato smentito dalla polizia locale) e nell'Essex (Regno Unito, anche qui smentito dalla polizia locale). Pare strano che venga usato in luoghi così disparati lo stesso, identico stratagemma strampalato.

Ma che dire dell'indirizzo della polizia di Ginevra? Ticinonline conferma che è autentico ed ha contattato il poliziotto citato nell'appello, che ha smentito quanto descritto nella mail e ha precisato che la "firma" in calce "è partita a causa di un errore che si è verificato". In quanto al pericolo descritto nell'appello, lo stesso agente ha detto che "il fatto non è mai accaduto e a noi non sono arrivate segnalazioni del genere".

È insomma inutile diffondere quest'appello: rischia di mettere in guardia contro pericoli inesistenti e distrarre da quelli reali.

Grazie a d.vago per la segnalazione di alcune informazioni.


Aggiornamento 2009/10/14


L'appello ha ripreso a circolare con un nuovo garante apparente: la Guardia di Finanza italiana. La nuova versione inizia infatti con il preambolo "RAGAZZE/I LEGGETELO ARRIVA DIRETTAMENTE DALLA GUARDIA DI FINANZA DI REGGIO!!" e si conclude con queste coordinate:

Brigadiere Rizzo Raffaele
Compagnia Guardia di Finanza Reggio Emilia
- Nucleo Mobile -
via Mazzini, 4 - 42100 Reggio Emilia
0522/452333 - 453904
Rizzo.Raffaele2@Gdf.it

Ho contattato l'indirizzo di mail citato, e ne ho ricevuto questa risposta: "questa mail ormai sono circa 4 mesi che circola, si tratta di un racconto "BUFALA" che girava sulla posta elettronica. Sicuramente è successo che è stata girata da me a qualche indirizzo, ed è stato fatto un copia/incolla dove poi è rimasto il mio indirizzo istituzionale. Comunque faccia la cortesia non la invii e cestini il tutto." Suggerirei di fare altrettanto a chiunque la riceva.


Aggiornamento 2010/10/14


A un anno di distanza dall'ultimo aggiornamento, l'appello ha ripreso a circolare in maniera molto vivace con la premessa "ARRIVA DIRETTAMENTE DALLA GUARDIA DI FINANZA DI REGGIO EMILIA" e sempre con le coordinate del Brigadiere Rizzo. Rispetto all'edizione precedente, dopo le parole "Questa droga si chiama BURUNDANGA" prosegue con questa precisazione: "ed è utilizzata da persone che vogliono colpire le vittime per rapinarle o violentarle Questa droga è più pericolosa delle normali droghe o sonniferi. Essa é trasmissibile su semplici carte. Attenzione, non accettate questi generi di biglietti da sconosciuti. Attenzione, queste persone fanno visite a domicilio lasciando i biglietti nella buca lettere o sotto la porta, restando in zona per poi aggredire le vittime, donne o uomini è indifferente." Ma è e resta una bufala.


Aggiornamento 2018/02/01


L’allarme è tornato in versione Facebook e WhatsApp, ma resta sempre falso.

68 commenti:

Poorman ha detto...

La scopolamina la usava Diabolik nei fumetti insieme al penthotal per costringere le sue vittime a fare quello che voleva lui!

Andrea M. ha detto...

Grande, anch'io ti ho inviato la segnalazione poco fa!

Lisse ha detto...

e naturalmente nell'appello mancano il luogo dove sarebbe avvenuta questa tentata aggressione e la data....ma dico, quando uno si inventa queste leggende metropolitane, non può inventarsi anche un luogo e un giorno?!? :)

Antonio M. ha detto...

@Lisse
Ovvio che non può, altrimenti basterebbe controllare per sbugiardare.
Sarà andata dalla polizia 'sta tizia, se veramente ha subito tutto ciò, no? Rimarrebbe traccia.

Anonimo ha detto...

ma iniziano tutte con "PER FAVORE LEGGETE" ?

Poorman ha detto...

Già, come se le altre e-mail iniziassero con "PER FAVORE CESTINATE".

John Wayne jr. ha detto...

Se qualcuno degli spammer sta leggendo questo commento, per favore si metta urgentemente in contatto con me: gli regalo volentieri un libro di grammatica italiana.

Bera ha detto...

Spezzo una lancia a favore dei "bufalisti".
Nel 1989 la vicina di casa dei miei genitori a Paderno Dugnano(ai tempi abitavo lì) ci chiamo perchè le avevano rubato in casa ed i Carabinieri non volevano intervenire.
Alla poveretta avevano rubato parecchio mettendo a soqquadro la casa.
Aveva aperto ad una mendicante con bimbo in braccio che chiedeva un bicchiere d'acqua.Successivamente la mendicante aveva mostrato un panno contenente "come delle palle di naftalina" e questa è l'ultima cosa che la mia vicina ricorda.Al telefono i Carabinieri appena sentivano questa storia rispondevano la prendevano per una matta o per uno scherzo:D Intervennero solo quando noi ed un'altra famiglia nel palazzo li chiamamo per confermare la versione.

Poorman ha detto...

Secondo me erano le palline della biowashball.

Matteo ha detto...

....
gli regalo volentieri un libro di grammatica italiana.
....

John Wayne ha tutto il mio appoggio!!!

Roberto Iannuzzi ha detto...

Premesso che la scopolamina si assorbe molto facilmente per via transdermica, ha ragione John Wayne! Il marker che permette di individuare immediatamente la ...bufalità di certe notizie o appelli è guardacaso la sistematica presenza di un italiano che dire sgrammaticato è poco. Mi sono sempre chiesto: ma perché gli estensori di bufale non si avvalgono mai della consulenza di una persona istruita?

Grizzly ha detto...

Ma sono l'unico che a vedere il Doctor Who che mostra la carta psichica all'inizio dell'articolo e' scoppiato a ridere con un deficiente? (((-:

Paolo Attivissimo ha detto...

Ma sono l'unico che a vedere il Doctor Who che mostra la carta psichica all'inizio dell'articolo e' scoppiato a ridere con un deficiente? (((-:


OOOOOOOOOOOOOOOHHHHHH, finalmente qualcuno che se ne accorge.

Massimo ha detto...

Notare poi il "claxon"...

Anonimo ha detto...

Ma basta con queste mail spazzatura... io le cestino immediatamente, senza leggerle!

theDRaKKaR ha detto...

il poliziotto citato nell'appello, che ha smentito quanto descritto nella mail eha precisato che la "firma" in calce "è partita a causa di un errore che si è verificato"

ah mò si dice così? da me si chiama episodio di boccalonismo ^_^

PS Paolo c'è un piccolo refuso nella frase

Paolo Attivissimo ha detto...

Thedrakkar,

refuso sistemato, grazie!

Chiara ha detto...

In quella arrivata a me c'è scritto che è successo veramente ad una signora di vimercate.

Visto che so che la maggior parte di queste mail sono bufale, vado a vedere se trovo qualcosa in giro su google riferito a questa vicenda.

Ho trovato il sito del giornale di vimercate (provincia di milano)..dico "se hanno pure il sito del giornale locale, ci sarà per forza scritto qualcosa"

Ovviamente ricerca infruttuosa...in questo caso ho perso 5 minuti ma so con certezza che è una bufala.

Non ci vuole molto a controllorare la veridicità di una notizia...al di là degli "orrori" grammaticali.

ciao a tutti

rodlix ha detto...

L'episodio sicuramente una bufala, ma la sostanza sembra usata realmente per scopi criminali in Venezuela e Colombia,
http://it.wikipedia.org/wiki/Scopolamina

sitligran ha detto...

notevole e corretto con spiegazioni esaurienti walter

wildcatt ha detto...

Ciao, ho letto tutto attentamente, ma pare che wipedia la pensi diversamente...mah che devo dirti...non è certamente la bibbia, ma loro dicono che la burundanga viene assorbita attraverso la pelle...a questo punto non so davvero cosa pensare...ciao

wildcatt ha detto...

Ciao, ho letto tutto attentamente, ma pare che wipedia la pensi diversamente...mah che devo dirti...non è certamente la bibbia, ma loro dicono che la burundanga viene assorbita attraverso la pelle...a questo punto non so davvero cosa pensare...ciao

stria ha detto...

A me è arrivata con nome, cognome e recapiti telefonici di un Brigadiere di Reggio!

rosy5 ha detto...

quando la finirete di allarmare la gente sara' cosa molto gradita..perche' non pensate a coloro che soffrono di attacchi di panico???non sapete cosa siano???provate x credere....solo chi non pensereste di scrivere 'ste cavolate

Sbragatto ha detto...

Beh, che dire ... oggi la mia compagna mi ha chiamato allarmata e leggendomi il testo mi ha chiesto se può essere vera una cosa del genere.
Si spera sempre che il padre degli imbecilli venga castrato ... non se ne può più di queste stupidaggini le quali creano solo perdite di tempo. (come del resto la mia in questo momento che sto scrivendo).
:-) a tutti.

veras.92 ha detto...

Salve, a tutti. E' la prima volta che accedo a questo sito che mi pare pure molto interessante e soprattutto contro le bufale!Ho letto or ora la stessa email che inizia con " Ad una stazione servizio, un uomo si è avvicinato ad una signora che eraintenta a fare il pieno alla sua auto".Inizialmente non ho posto molto la mia attenzione.. poi volendo verificare se veramente fosse una cosa vera, ho cercato su google e sono arrivata in questo sito.. preferisco credere a voi, anche perchè tutti i ragionamenti per dimostrare la falsità di quelle sciocchezze sono abbastanza credibili. Menomale che c'è gente che ci pensa a fare queste cose per smentire stupidaggini diffuse in rete.. Farò spesso visita a questo sito.

Fabio ha detto...

ciao Paolo, volevo segnalareuna piccola "variante" (anzi, direi un'integrazione, un approfondimento, un surplus di bufala) che sta girando su facebook.

oltre al testo originale, tanto per aggiungere un po' di pepe alla notizia e regalare una dose in più di ansia ai boccaloni, si legge:

Questa droga si chiama " BURUNDANGA " ed è utilizzata da persone che vogliono colpire le vittime per rapinarle o violentarle.Questa droga è più pericolosa delle normali droghe o sonniferi. Essa é trasmissibile su semplici carte. Attenzione, non accettate questi generi di biglietti da sconosciuti. Attenzione, queste persone fanno visite a domicilio lasciando i biglietti nella buca lettere o sotto la porta, restando in zona per poi aggredire le vittime. INVIATE QUESTO MESSAGGIO A TUTTI I VOSTRI CONTATTI AFFINCHE' TUTTI SAPPIANO COME COMPORTARSI ALLA LUCE DI QUESTI FATTI. Fonte Guardia di Finanza. Grazie a tutti

un sentito ringraziamento ai bufalari che ci regalano sempre chicche lessicali come "questi generi di biglietti", e a tutti i boccaloni che sono convinti che la GdF o la Polizia usino il passaparola per mandare un allarme....

ciao!

capodoglio ha detto...

Sta ricominciando a circolare, nella versione Guardia di Finanza Italiana...

Paolo ha detto...

Non è una bufala. Nel mio soggiorno di un mese in Ecuador un professore universitario mi ha messo in guardia contro questo rischio sin dal primo giorno. Una persona alle spalle ti fa girare di colpo e ti soffia in faccia la polverina, a base di scopolamina. Lavora con dei complici. Il resto è reale: inibizione della volontà con conseguenti rapine e furti e violenza per le donne. Possono chiedere ed ottenere password ed altro. Mi sento di mettere in guardia quanti possono credere si tratti di una semplice bufala. Inalare una minima quantità di polvere sottilissima scatena l'effetto. Una dose eccessiva può uccidere, ed accade. In Ecuador lo sanno tutti e basta chiedere all'ambasciata per avere conferma. Se fosse una bufala..che senso avrebbe. Fate quello che volete. Paolo

Paolo ha detto...

Sono stato in Ecuador.Non è una bufala. Chimici senza scrupoli ricavano una droga (scopolamina o comunemente burundanga) dalla "datura..etc", una solanacea che inalata in piccole quantità inibisce la volontà e mette la vittima istupidita nelle mani degli aggressori. Darete codici e passwords. La sostanza fa perdere la memoria a breve termine ed in dosi eccessive causare anche la morte. Succede. Chi vi mette in guardia lo fa per un atto di coscienza. Se avete dubbi rivolgetevi all'ambasciata italiana. Fate come volete. Paolo B

SILVIA ha detto...

Bufala o non bufala, questa mail invita tutti a stare attenti quando ci si trova da soli in certe circostanze.. so per esperienze dirette di persone derubate da stranieri al parcheggio del supermercato. La scusa è richiesta di informazioni. E ancora.. gente che con la cartina in mano ti ferma, fingendo di essersi perso.. FATE ATTENZIONE!!! E... SEMPRE OCCHI APERTI

Anonimo ha detto...

Per Paolo

Sono stato in Ecuador.Non è una bufala. Chimici senza scrupoli ricavano una droga (scopolamina o comunemente burundanga) dalla "datura..etc", una solanacea

Molto preciso Datura etc.: vado da un chimico e gli chiedo: ho bisogno dell'estratto di Datura etc.
Probabilmente ti riferisci alla Datura stramonium L., che è la più comune.

che inalata in piccole quantità inibisce la volontà e mette la vittima istupidita nelle mani degli aggressori. Darete codici e passwords.

Diabolik con il suo Pentothal Sodium iniettato per endovena era un dilettante. Abbiamo il siero della verità che si inala, ora.
Son sicuro che Le iene ne approfitteranno per tirare un altro scherzo ai parlamentari, col pretesto di un'intervista.

La sostanza fa perdere la memoria a breve termine ed in dosi eccessive causare anche la morte.

Fa anche perdere l'uso della lingua italiana, temo.

Succede. Chi vi mette in guardia lo fa per un atto di coscienza.

Siamo commossi.

Se avete dubbi rivolgetevi all'ambasciata italiana.

Io non lo farò. Il rischio che mi ridano in faccia è piuttosto alto...

carlo ha detto...

Ho appena ricevuto la mail in questione (bufala) sul biglietto alla burundanga, in cinque minuti grazie a questo sito (complimenti!) ne ho avuto conferma.
Appena si chiede di inviare la maail a quanti più indirizzi possiamo storco subito il naso.
Chiedo allora una cosa quale è lo scopo di far inoltrare quante più mail si può?
Ringrazio e saluto.
Mariocarlo

Anonimo ha detto...

Per carlo

Appena si chiede di inviare la maail a quanti più indirizzi possiamo storco subito il naso.
Chiedo allora una cosa quale è lo scopo di far inoltrare quante più mail si può?


Non credo ci sia uno scopo, nel senso razionale del termine. Chi li inoltra acriticamente, in genere senza nemmeno leggerli, lo fa spesso per conformismo pecorone.
Chi dà inizio a questi appelli, invece, ha gli stessi problemi dell'anonimo che nell'Ottocento ha dato via al fenomeno delle catene di Sant'Antonio. Forse uno psicologo può rispondere.

carlo ha detto...

Grazie per la risposta.
Allora anche tutte quelle voci circa individuazione di indirizzi email, intasamento della rete, diffusione virus e qualcos'altro che ora non ricordo, sono a loro volta bufale?
In attesa dello psicologo saluto e ringrazio.
Carlo.

Anonimo ha detto...

Per carlo

Grazie per la risposta.
Allora anche tutte quelle voci circa individuazione di indirizzi email, intasamento della rete, diffusione virus e qualcos'altro che ora non ricordo, sono a loro volta bufale?
In attesa dello psicologo saluto e ringrazio.
Carlo.


Non si può dare una risposta generale. Molte lo sono, alcune hanno al loro interno parti vere. L'unica soluzione è leggere con pazienza l'indagine relativa a ogni voce che circola via e-mail.

Lia ha detto...

Odio queste cose, allarmi inutili e trovo ancora più assurdo che la gente non cerchi maggiori informazioni, legge e diffonde sciocchezze...grazie per il tuo lavoro!!!

Letizia ha detto...

però cercando su internet ho trovato questo:
http://www.tox.it/index.php?option=com_content&task=view&id=324&Itemid=1
e anche wikipedia afferma che la sostanza è inalabile e che l'effetto è molto veloce...

magari è una bufala la storia però l'efficacia della droga è quella, no?

Anonimo ha detto...

Per Letizia

però cercando su internet ho trovato questo:
http://www.tox.it/index.php?option=com_content&task=view&id=324&Itemid=1
e anche wikipedia afferma che la sostanza è inalabile e che l'effetto è molto veloce...

magari è una bufala la storia però l'efficacia della droga è quella, no?


La storia è una bufala, senza il magari. Ed essendo questo un weblog antibufala, capirai che non viene tenuto in gran considerazione chi la trasmette ad altri o la inventa di sana pianta, anche se è animato da intenti didattici.
Davvero il Male del mondo è talmente sconosciuto ai più che ci vogliono parabole e fiabe moraleggianti per segnalarlo?

Roberto ha detto...

Aaaah! The Doctor e la sua carta psichica!
Geniale l'idea di usare questa immagine per questa bufala e anche la scelta del dottore: David Tennant il miglior doctor who di sempre!;)

Grande Paolo!

il coach godzup ha detto...

Arrivata pochi istanti fa sulla mia casella di posta. Per la serie, notizie dure a morire

Matteo

Tiziana ha detto...

http://www.tox.it/index.php?option=com_content&task=view&id=324&Itemid=1
la fonte stavolta sembra attendibile

Paolo Attivissimo ha detto...

Tiziana,

la fonte che citi conferma quello che ho scritto: parla di inalazione in polvere o assunzione per ingestione. Non parla di inalazione come profumo.

Sono due cose ben diverse.

chiar@.s ha detto...

MI è APPENA ARRIVATO OGGI 4/2/12!
Certo che gira da un bel pò, grazie Paolo attivissimo, sei una risorsa preziosa!!!

arin ha detto...

Ne è arrivato uno anche a me la settimana scorsa che ho cestinato; in quanto ultimamente ne arrivano molti, ( tutti atti a diffidare di chiunque) ( non aprire la porta ad estranei, non accettare ...ecc...)
Ritengo facciano parte di una organizzazione del terrore alla quale dico: "no grazie"
Mi fa estremo piacere che ci siano documenti come questo vostro che facciano luce sulle bufale
Buon lavoro

Alessandro Genovese ha detto...

Circa 10 anni fa abitavo a Como e mi capitava di seguire i programmi della TV della Svizzera Italiana: una volta vidi un reportage sulla "burundranga" (ricordo benissimo il nome scritto in questo modo, con la erre) che effettivamente mi impressionò molto. La droga veniva utilizzata in Sud America con scopi criminali. Venditori ambulanti di bevande la mettevano in bottigliette di plastica o lattine che poi davano al "cliente giusto" ma più spesso allA cliente giusta. Poi venne mostrato come quelle lattine avessero un puntino di saldatura sul fondo e anche le bottiglie una cosa simile. Non sono un credulone (non per niente sono un aficionado di Paolo) ma da allora guardo sempre sotto le lattine e sulle bottiglie di plastica. Ricordo che pensai che se avessero trasmesso in Italia quel pezzo giornalistico (assolutamente serio e attendibile) sarebbe successo il finimondo.

ant ha detto...

siamo al 21 febbraio 2011 e la bufala l'ho ricevuta ora sul mio indirizzo

mariga ha detto...

allora se questa è veramente una bufala perchè non viene fatto un appello usando qualsiasi altro mezzo per debellare questa email? tipo TV Radio giornali etc? alla tv danno notizie di ogni genere questa almeno sarebbe utile ai cittadini per la loro inculumità. Si dovrebbe spiegare bene tutto il contenuto e anche che tipo di droga è. Grazie

Paolo Attivissimo ha detto...

mariga,

allora se questa è veramente una bufala perchè non viene fatto un appello usando qualsiasi altro mezzo per debellare questa email? tipo TV Radio giornali etc?

Devi chiederlo a TV, radio e giornali.

E devi spiegare agli internauti che è ora di piantarla di diffondere qualunque cosa senza averla prima verificata a fondo.

Marco Camilli ha detto...

a me è arrivato oggi:

FATELA GIRARE A TUTTI I VS CONTATTI







ARRIVA DIRETTAMENTE DALLA GUARDIA DI FINANZA DI REGGIO EMILIA
PER FAVORE leggere ciò che segue:



Ad una stazione servizio, un uomo si è avvicinato ad una signora che era
intenta a fare il pieno alla sua auto. Gli ha offerto i suoi servizi come
imbianchino e gli ha lasciato il suo biglietto da visita. La signora gli ha
detto di non avere bisogno, ma ha accettato il suo biglietto per dare prova
in buona fede. L'uomo è allora entrato in un'automobile condotta da un
altro signore. Mentre la signora lasciava la stazione di servizio, ha visto
gli uomini seguirla.. Quasi immediatamente, ha iniziato a sentirsi confusa
e stordita facendo fatica a respirare. Ha provato ad aprire la finestra
rendendosi conto che uno strano odore veniva dalla sua mano, la stessa mano
che ha accettato il biglietto del signore alla stazione di servizio. Ha
all! ora notato gli uomini che erano attaccati dietro la sua automobile.
Capito che dovesse fare qualcosa. È entrata nel primo parcheggio che ha
trovato, ha fermato la sua automobile e ripetutamente si è messa a suonare
il claxon per chiamare aiuto. Gli uomini sono fuggiti, ma la signora stava
sempre male. È soltanto dopo molti minuti che ha potuto finalmente
riprendere a respirare normalmente. Apparentemente, c'era una sostanza sul
biglietto che avrebbe potuto seriamente stordirla. Questa droga si chiama >
BURUNDANGA ed è utilizzata da persone che vogliono colpire le vittime per
rapinarle o violentarle Questa droga è più pericolosa delle normali droghe
o sonniferi. Essa é trasmissibile su semplici carte. Attenzione, non
accettate questi generi di biglietti da sconosciuti. Attenzione, queste
persone fanno visite a domicilio lasciando i biglietti nella buca lettere o
sotto! la porta, restando in zona per poi aggredire le vittime.

VOGLIATE INVIARE QUESTO MESSAGGIO D'ALLARME A TUTTI I VOSTRI CONTATTI.







Brigadiere Rizzo Raffaele
Compagnia Guardia di Finanza Reggio Emilia
- Nucleo Mobile -
via Mazzini, 4 - 42100 Reggio Emilia
0522/452333 - 453904
Rizzo.Raffaele2@Gdf.it<mailto:Rizzo.Raffaele2@Gdf.it

Anonimo ha detto...

Vi do un nuovo aggiornamento alla notizia di cui sopra: oggi, 19/03/2012, ho ricevuto per e-mail la nota (falsa) inviata dalla Compagnia GdF di Reggio Emilia a firma del sedicente Brig. RIZZO Raffaele.

Fioredicollina ha detto...

Paolo sei sempre prezioso: grazie a te svento email bufaline che mi mandano così avviso di non fare girare!!! oggi mi è arrivata proprio questa .....se tu non ci fossi bisognerebbe inventarti!! grazie!

musson ha detto...

e continua girare, girare sta bufala...
peccato che c'è qualcuno che e' gia' la terza volta che me la invia nonostante abbia segnalato pgni volta i link a questa pagina. Grazie Paolo per questo blog!!!!!!

Michele ha detto...

Anche il Quotidiano il Resto del Carlino c'è cascato...
Pagina Locale on Line...

http://www.ilrestodelcarlino.it/bologna/cronaca/2012/03/25/686701-biglietto-da-visita-drogato-truffa-bologna.shtml

volpe77 ha detto...

Com'era quella canzone da discoteca di molti anni fa?... DATURA, PAURA!

http://www.vice.com/it/vice-news/colombian-devil-s-breath-1-of-2
http://www.vice.com/it/vice-news/colombian-devil-s-breath-2-of-2

fra.boi9@studenti.unica.it ha detto...

"..scopolamina, una sostanza usata in dosi minutissime come trattamento per mal d'auto ma estremamente tossica se assunta in dosi troppo elevate. Può indurre sonnolenza, delirio o allucinazione."

Specifichiamo che NON È la scopolamina ad essere utilizzata nei preparati per il mal d'auto (sai che viaggi si fanno poi i conspiratiofobici, come piace chiamarli a me), bensì il suo butilbromuro

http://it.wikipedia.org/wiki/Scopolamina-N-butilbromuro

conosciuto come butilbromuro di joscina, butilscopolamina e altri.

Quest'ultima è un antispastico che tra i suoi utilizzi ha quello di farvi passare gli spasmi da coliche o i crampi alla pancia.

La scopolamina

http://it.wikipedia.org/wiki/Scopolamina

invece è un allucinogeno, classificato da erowid (tra i tanti) come delirante, non penso ci sia altro da aggiungere... questo giusto per evitare che qualche deficiente si prenda 10 buscopan sperando in qualche visione mistica che in realtà si concluderebbe in un esperienza, letteralmente, a bocca asciutta.

Anonimo ha detto...

Non è assolutamente una bufala, in Spagna ci sono dei casi, vi lascio un link di un programma dove ci sono delle vittime dirette.
http://www.mitele.es/programas-tv/cuarto-milenio/temporada-8/programa-307/

Paolo Attivissimo ha detto...

Saluzzo,

ho visto il video che citi: non fa che confermare quello che ho scritto (almeno nei minuti che ho seguito; due ore non le ho). La prossima volta, per favore, prima di criticare, leggi fino in fondo l'articolo che stai criticando. Per esempio la frase "l'appello è una bufala, la burundanga no."

Grazie!

Francesco Codecasa ha detto...

Purtroppo ieri mattina 14 ottobre 2015 nei pressi di Varese è successo ai genitori di una mia amica qualcosa di simile. Finti operatori dell'azienda locale di Acqua e Gas si siano introdotti in casa loro (per coincidenza i due poveretti aspettavano davvero un controllo del contatore!) e sono riusciti ad ottenere il pieno controllo della volontà delle loro vittime svuotando l'appartamento e facendosi consegnare senza difficoltà il contenuto di una cassaforte. I due sventurati ricordano che i due "operatori", con il pretesto di far sentire l'odore del gas, abbiano spruzzato il contentuo di una bomboletta nel naso di entrambi. La mia testimonianza deriva dall'aver assistito personalmente alla telefonata in cui la figlia preoccupata ed arrabbiata si informava dell'accaduto.

Paolo Attivissimo ha detto...

Francesco.

abbiano spruzzato il contentuo di una bomboletta nel naso di entrambi

Ammesso che le cose siano andate come descrivi, è una situazione molto diversa dal toccare un biglietto da visita.

Francesco Codecasa ha detto...

Hai ragione, Paolo, non era un biglietto da visita, ma ho colto una somiglianza fra i due episodî. Volevo solo informare che purtoppo qualcuno usa davvero questi stratagemmi, contrariamente a quanto io credessi. Certi avvenimenti appaiono lontani ed improbabili, poi quando accadono a qualcuno che conosci, allora rimani colpito (spaventato?) e ti ricredi. Sul fatto che sia andato davvero così, non c'ero personalmente, ho sentito solo la telefonata nella quale veniva narrato l'episodio da chi se ne stava occupando. Se vuoi mi informo meglio e ti faccio sapere.
Ciao, grazie.

Smiley1081 ha detto...

"Essa é trasmissibile su semplici carte."

Anche sul due di picche?

Edoardo ha detto...

Credo che sia una bufala. Ma a me è successa una cosa strana. A Modena alla uscita da un ristorante sono stato avvicinato da una donna �� che mi ha chiesto il nome della strada nella quale ci trovavamo. Ho risposto e la donna porgedomi un foglio ed una penna mi ha chiesto con insistenza di scrivere su quel foglio con la sua penna l’indirizzo. Non ho capito il senso di quella richiesta ed ho rifiutato di aderire. Ho dovuto insistere perché si allontanasse. Ancora oggi mi chiedo perché insistesse. Perché voleva che prendessi in mano il foglio di carta e la penna? Qualcuno può aiutarmi a capire? La stessa cosa è successa a qualche altro?

Paolo ha detto...

Il problema di queste bufale è che se un domani arrivano notizie vere uno non ci crede più, per colpa di idioti patentati perché diciamo la verità per scrivere queste cose è necessario avere una patente da IDIOTA dato che non si rendono conto del danno che causano. Ma noi siamo buoni e diciamo che infondo il mondo è bello anche per questo se non ci fossero loro si starebbe meglio ma la vita sarebbe più monotona. E viva la differenza......

Paolo Attivissimo ha detto...

Edoardo,

Forse la donna non sapeva scrivere. O non sapeva scrivere nel nostro alfabeto e doveva mostrare il nome della via a qualcuno.

In alternativa, potrebbe essere una tecnica per distrarti facendoti concentrare su un compito impegnativo mentre qualcuno ti fa qualcosa (ruba portafogli, per esempio).

Di certo non c'entra questo "allarme burundanga", che resta una bufala.

axlman ha detto...

Edoardo, è un trucco per tenerti impegnato mentre cercano di fregarti il portafoglio.
A me è capitato che dopo avermi chiesto una sigaretta, un paio di albanesi (non è razzismo, queli erano) hanno iniziato ad abbraciarmi per ringraziarmi (di non avergliela data, tra l'altro) mirando al mio portafoglio. E so che ci miravano perché mi sono ritrovato le loro mani che mi frugavano nelle tasche...

axlman ha detto...

Un altro vecchio trucco, che non so se usano ancora, è quello delle zingare che pretendono di leggerti il futuro, ma per farlo ti chiedono di dargli una banconata di grosso taglio (se provi a dargli 5 euro ti schifano). Se gliela dai, non è che se la prendono e scappano: ci scatarrano sopra nella speranza che tu non la chieda indietro.

Unknown ha detto...

Stamattina, 29 gennaio 2018 (!), mi è arrivata la stessa notizia via whatsapp