Cerca nel blog

2009/03/19

Video: come s’indaga una teoria di complotto

Come indagare una teoria di complotto: regole, trucchi e il caso pratico dei complotti lunari


Durante il corso annuale del CICAP per investigatori del mistero ho tenuto una lezione su come una persona comune può usare le risorse pubblicamente disponibili per indagare su una teoria di complotto.

Ho presentato strumenti e regole generali, valide per qualunque teoria cospirazionista, e il caso pratico delle teorie di messinscena lunare: quelle secondo le quali non siamo mai andati sulla Luna o ci siamo andati dopo ma le prime missioni umane furono finte in studio.

Ci siamo anche divertiti a fare qualche prova pratica di confutazione, come potete vedere qui sotto in qualche foto aggiuntiva rispetto a quelle già pubblicate qui: i lunacomplottisti dicono che le foto lunari sono false perché quando c'è una sola fonte di luce le ombre sono nerissime e quindi l'astronauta sulla scaletta dovrebbe essere invisibile. Peccato che non tengano conto del fatterello banale che il suolo lunare riflette la luce. Altrimenti sarebbe difficile vedere la Luna in cielo.





Come vedete, il CICAP non è popolato di sfigati barbosi che vogliono smontare tutto e ridurlo ad arida concretezza. Siamo una banda di amici che si diverte con la scienza e impara qualcosa strada facendo.

Se l'argomento v'interessa, qui sotto trovate la serie completa di video della lezione su Youtube:



Se preferite le singole parti, eccole: prima, seconda, terza, quarta, quinta, sesta, settima, ottava, nona, decima, undicesima, dodicesima. Ricordate che potete usare servizi come Keepvid.com per conservare i video di Youtube per sfogliarli anche senza connessione a Internet. Mi scuso per la qualità non sempre sublime del video, ma ho compresso e messo online il tutto di corsa, e Youtube non perdona: le riprese originali di Andrea S. (che ringrazio) sono decisamente migliori. Se volete il 3D e l'alta definizione su questo ed altri argomenti (Massimo Polidoro ha dato una splendida lezione sul delitto Kennedy, per esempio), l'anno prossimo iscrivetevi al corso del CICAP :-)

71 commenti:

Toosi ha detto...

Noooo!! Anch'io voglio la lezione sul delitto Kennedy!!

Lisse ha detto...

lo so che sto appestando il blog con le mie domande, ma mi sto sempre di più appassionando ai temi dei complotti e relative confutazioni. Riguardo la fonte luminosa, ma la telecamera che riprendeva lo sbarco, non aveva di per sè dei riflettori, un flash, una luce qualsiasi? Alcune anomalie segnalate dai complottisti (anomalie apparenti, intendo) non potrebbero dipendere da questo?
Scusate se la mia domanda rivela un'ignoranza abissale! :)

Replicante Cattivo ha detto...

Per salvare i video su pc consiglio il programma "Save2pc".
La comodità rispetto a tanti altri programmi simili sta nel fatto che il video viene salvato automaticamente nel formato desiderato (avi, mpg,flv ecc...) e non dovete dargli il nome manualmente.

Angelo ha detto...

Paolo, grazie sentitamente per il tuo eccellente servizio. Seguo accanitamente articoli e blog ma è la prima volta che scrivo. Ho gli occhi sgranati da quando ho letto gli accenni sul delitto Kennedy. Le mie informazioni si fermano al film JFK e a un tot di trasmissioni tv (Minoli e company...). Avevo capito che il complotto era sostanzialmente assodato; tutto all'improvviso, scopro di essere forse un'altra vittima abbagliata da trasmissioni tv tipo Voyager. Paolo, per piacere, fammi capire dove sono arrivati gli studi Cicap al riguardo. Grazie!

Replicante Cattivo ha detto...

PS. Usando Save2pc fate solo attenzione: fa molto in fretta a scaricare i video, ma quando si tratta di video relativamente lunghi (tipo quelli postati in questa pagina), il programma -al termine del download- ci può mettere un po' di tempo ad effettuare la conversione, durante il quale il pc potrebbe avere dei rallentamenti.

Pertanto non conviene scaricare troppi video contemporaneamente.

Mattia ha detto...

Anch'io come Angelo e Toosi sarei interessatissimo al caso Kennedy. Non sono disponibili anche i video della lezione di Polidiro? E dove ci consiglieresti di trovare del materiale completo a riguardo?
Grazie mille per il tuo incessante lavoro!

OperationOne ha detto...

dattagli sulla foto: bisogna contare anche il fatto che la tutona bianca utilizzata riflette la luce in modo consistente, ed in pratica quella foto che avete riprodotto, in realta' era come se fosse illuminata da un Lastolite alto un metro e ottanta e largo 80/90 centimetri, e forse anche di piu', visto lo zaino... quello che ho io, quando e' illuminato da sole forte, crea luci riflesse fortissime, ed e' solo di 95cm di diametro.

certo che se nessuno dei complottisti sa cos'e' un Lastolite e come funziona, sarebbe bello che si informassero :D

paolo.sqf ha detto...

Mi unisco anch'io al coro che richiede materiale sull'assassinio di Kennedy. Ma vedi, mi tocca aggiungere un particolare un po' scassaballe: siccome abito in zona dimenticata da Dio, la banda larga non ce l'ho e funziono ancora col modem (please non ridete). Per cui, più che filmati, capisci bene mi andrebbe bene materiale scritto, o al limite foto. Chiedo troppo?

Reynor Fournine ha detto...

@Toosi, Angelo, Mattia, paolo.sqf:

http://www.johnkennedy.it/

Tempo fa era organizzato piu' come un sito tradizionale, ora è stato "trasformato" in blog, ma dovreste trovare materiale in abbondanza per soddisfare la vostra curiosità.

otello ha detto...

ehi quella del lastolite l'avevo tirata fuori io :D
da dove l'hai presa che non la trovo in questi commenti? non ricordo quando era

Fabio ha detto...

Grande la lezione.
Quella di Polidoro si trova?
Ciao

Bera ha detto...

Kennedy lo ha ucciso Oliver Stone serviva un lancio in grande stile per il suo film.Ad Hollywood programmano le cose con largo anticipo. Se vi sembra crudele uccidere il presidente degli USA per un film è meglio che non sappiate cosa ha fatto Mel Gibson.

Se vi piace la vicenda Kennedy, quel periodo storico, la fantapolitica e siete duri di stomaco vi consiglio il (per me bellissimo) romanzo "American Tabloyd" di James Ellroy, allo stesso tempo il suo capolavoro ed il suo canto del cigno.

Alfred Borden ha detto...

Per quanto riguarda Kennedy, suggerisco il bel libro di Polidoro I grandi gialli della storia.

Ci sarebbe anche il libro "Ecco chi ha ucciso John Kennedy", del più grande esperto italiano della materia, Diego Verdegiglio, ma è introvabile da parecchio tempo, anche se avevo letto da qualche parte che ne era prevista una ristampa aggiornata.

Paolo Attivissimo ha detto...

Lisse,

Riguardo la fonte luminosa, ma la telecamera che riprendeva lo sbarco, non aveva di per sè dei riflettori, un flash, una luce qualsiasi?

No, usava la luce ambiente. C'era il sole, a che serve un flash?

Angelo ha detto...

Reynor Fournine,

grazie, ho già cominciato a leggere sul sito che hai suggerito. Ho già capito che mi devo ricredere su un bel po' di cose...

Paolo, se puoi, metti o fai mettere in rete la lezione sul delitto Kennedy; credo potrà essere un ottimo riassunto per chi (come me) ha perso tutte le puntate precedenti.

Lisse ha detto...

grazie Paolo, da ignorante in materia ero portata a pensare che sulla Luna è tutto buio....ma riflettendoci sopra...effettivamente non è così.....c'è il sole come sulla Terra :)

Elisa D'eppreci ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
otello ha detto...

non hai neppure le nuvole che schermano :)

Prez ha detto...

Ci sono cascato come un pollo.
Una vocina interiore strillava "non guardare 'sta roba, potresti farti del male", ma non le ho dato retta e adesso il conto della mia carta di credito piange. Porcaccia la miseria.

Prez sbollettato

Zappa ha detto...

Ciao Paolo!
Una sola cosa, che mi ha fatto piacere:
Nella quarta parte dei filmati, tu parli di foto 'scandite'.
Beh, anche per me l'atto di effettuare una scansione (con lo scanner) di qualcosa si dice 'scandire', e non 'scansionare' o peggio 'scannare', come mi sento sempre dire!
Fa piacere sapere che anche qualcun altro (e CHE qualcun altro!) la pensi come me!
Un saluto!
Zappa

Lisse ha detto...

non hai neppure le nuvole che schermano :)

e nemmeno le scie chimiche che bloccano la luce!
:)

Dan ha detto...

A quel che ricordo, anche l'Accademia della Crusca diceva di usare "scandire" per indicare l'atto di fare una scansione...

"Ma secondo l'ANSA sono due: "I due astronauti a bordo, un americano e un russo...".
Scusate l'OT, ma rileggere questa frase mi ha fatto venire in mente il riadattamento di una vecchia barzelletta:

Sulla ISS ci sono quattro astronauti, un americano, un italiano, un cinese e un russo, più un giornalista della CNN per un servizio speciale. Ad un tratto dal controllo missione arriva un messaggio concitato: un oggetto, di dimensioni tra un terzo di pollice e 13 centimetri si avvicina ad altissima velocità in rotta di collisione con la stazione. Sarà impatto sicuro con danni gravissimi, ed ordinano l'evacuazione immediata. C'è solo un problema: la Soyuz può portare in salvo solo tre persone, quattro stringendosi un po'. Qualcuno dovrà rimanere a bordo e morire.
Esordisce l'americano: "L'America è una grande Federazione, ha grandi precedenti nell'esplorazione spaziale, come il primo uomo sulla Luna, e ha contribuito in maniera sostanziosa al finanziamento di quest'opera. Pertanto merito di sopravvivere."
E si infila nel portello che porta alla Soyuz.
Parla poi il russo: "Anche nostra Madre Russia è grande nazione, anche più grande di America; nostri sono risultati come pilota russo Yuri Gagarin, primo uomo in orbita, e record di permanenza. Come suo rappresentante, io merita di sopravvivere."
Ed entra anche lui nel portello.
A questo punto salta su il giornalista: "Io sono una persona molto intelligente, con un grande senso critico e spirito d'osservazione; prova ne è che queste mie doti mi hanno fatto vincere un premio Pulitzer. Per questo merito di salvarmi: scriverò un grande reportage di questo evento, che documenterà la tragicità dei fatti e servirà da monito per il futuro."
Ed infila il portello.
I due astronauti rimasti, il cinese e l'italiano, si guardano con un misto di tensione e imbarazzo. Alla fine il cinese dice: "Vai tu, collega. Io resterò e diventerò un eroe nazionale della Repubblica Popolare Cinese. Sarà un grande onore per me e per il partito, e comunque dopo di me manderanno molti altri."
L'italiano sorride, gli dà una pacca sulla spalla e risponde: "Non preoccuparti, amico cinese. Il nostro grande osservatore e premio Pulitzer ha infilato il portello che dà all'esterno."

theDRaKKaR ha detto...

uhahahahaa

OperationOne ha detto...

ROTFL :D

Poorman ha detto...

Grande! La sapevo con Bill Gates, o Bush o politici vari... con gli astronauti mi mancava!

Meno male che hai fatto vincere l'italiano!!!

"Vince, vince, sì, l'italiano vince... e insieme a lui vince l'Italia intera..." (Elio e le storie tese. Ma a Paolo non piacerà la parte dopo che parte con "E se uno SVIZZERO ti dice...")

harlock00999 ha detto...

@Poorman

..."tu digli : primo tu non prendi parte neanche ad una barzelletta;
due e e ee e e e eeeeeeeeeeeee..."

Scusate, non ho resistito.
Paolo è una persona di spirito, riderà anche lui;-)

citazione geniale.

OperationOne ha detto...

"treeeno dell'amore portami con te,
qua trovi la gioia, cinque inate il fiume,
sei."

non potete citare Elio e sperare di uscirne vivi :D :D :D

none ha detto...

@toosi , mattia, alfred, reynor etc

come per altre constroverse questioni, qui occorre sentire più campane.
Il sito www.johnkennedy.it mi pare un pò "di parte": non stiamo parlando di scie chimiche, bufale lunari o scemenze simili, qui la faccenda è un pò diversa e liquidarla in questo modo mi pare superficiale.
Va bene dubitare delle teorie complottistiche ma l'atteggiamento deve essere sempre scientifico e non "a priori".

Giusto per sentire anche un'altra campana:

http://www.jfkennedy.it/QualchecommentosuMassimoPolidoro.html

Dan ha detto...

Beh, diciamo che leggere "I due astronauti a bordo, un americano e un russo..." mi ha fatto tornare in mente l'incipit tipico di un sacco di barzellette con "un inglese, un francese, un tedesco..." e quindi mi è venuta l'idea di riscrivere la barzelletta (che io conoscevo con un aereo in avaria, un paio di capi di stato europei, Berlusconi, il Papa e un boy-scout: alla fine Berlusconi si buttava con lo zaino del boy-scout), ma in chiave spaziale. Con i giornalisti d'oggi, non mi sembra neanche tanto improbabile.

"Meno male che hai fatto vincere l'italiano!!!"
In realtà vincono tutti, compreso il cinese... tranne il giornalista.

Di "Rum Casusu Cikti" ho ancora la cassetta.

Elena ha detto...

Ho visto e apprezzato tutta la lezione.
Ma ho una piccola critica: quando dici di informarsi sulla personalità dei complottisti, mi sa tanto di obiezione "ad hominem". Il che è sensato se si ha di fronte uno che sostiene cose propriamente da pazzi, tipo le scie chimiche, ma lo è un po' meno per i complotti almeno inizialmente sensati: nel caso di Kennedy, per esempio, avanzare dei dubbi sul fatto che l'assassino abbia agito da solo e di propria iniziativa non è necessariamente da svitati (lo è continuare a dubitare ora che il caso è stato sviscerato e tutte le prove sono disponibili). Le obiezioni "ad hominem" possono sembrare un tentativo di screditare chi dice delle verità scomode. Anche l'obiezione "vuoi vendere il tuo libro" è contestabile. é ovvio che chiunque scriva per mestiere vuole camparci, ma non vuol dire che per questo sia disposto a scrivere cose false. Magari sì, ma bisogna provarlo.

Francesco Minciotti ha detto...

Sono interessato anch'io al video di Massimo Polidoro su Kennedy. Eventualmente, anche a pagamento (fintantoché sia in formato digitale; del DVD non me ne faccio molto). Si potrebbe avere qualche informazione in più?

Grazie, Paolo.

Roberto ha detto...

Anch'io, come Alfred Borden, suggerisco sul delitto Kennedy la lettura del libro di Polidoro "I Grandi Gialli della Storia". Illuminante.

Sarei interessatissimo al video della lezione di Polidoro...

aleks ha detto...

Non posso che associarmi alla parte finale del post: per quanto interessante possa essere il video, non c'è paragone con l'esperienza dal vivo: per chi fosse interessato, vale davvero la pena di partecipare al corso.

Paolo Attivissimo ha detto...

Elena,

mi sa tanto di obiezione "ad hominem"

No, aspetta. Forse non l'ho spiegato abbastanza bene durante la lezione, ma lo scopo di conoscere chi sostiene una teoria è anche decidere quanto tempo e risorse dedicare al suo ascolto.

Se il mio salumiere mi dice che le Torri Gemelle sono state minate, gli chiedo il conto e vado a servirmi altrove. Se me lo dice un ingegnere strutturista d'accordo con un esperto di demolizioni, allora presto ascolto attentamente.


avanzare dei dubbi sul fatto che l'assassino abbia agito da solo e di propria iniziativa non è necessariamente da svitati

Certo che no.

(lo è continuare a dubitare ora che il caso è stato sviscerato e tutte le prove sono disponibili).

Appunto. Ed è a questo punto che l'ipotesi legittima diventa cospirazionismo.


Anche l'obiezione "vuoi vendere il tuo libro" è contestabile. é ovvio che chiunque scriva per mestiere vuole camparci, ma non vuol dire che per questo sia disposto a scrivere cose false. Magari sì, ma bisogna provarlo.

Ed è infatti quello che facciamo noi debunker: vediamo se le tesi reggono. Se non reggono, e se c'era modo facile di capire che non reggevano, allora è incompetenza o malafede.

Ma come primo tarlo fondamentale, ogni persona si deve chiedere: come mai questa prova è sfuggita agli esperti? E' sempre qui che casca l'asino. O il complottista.

Paolo Attivissimo ha detto...

Tutti,

ho chiesto a chi ha fatto le riprese di farmi avere, se possibile, il video della lezione su Kennedy.

Se ho novità, le segnalerò nel blog.

Francesco Minciotti ha detto...

Apprezzo molto. Grazie.

Replicante Cattivo ha detto...

Dopo aver salvato tutti i video sull'hard disk, con qualche giorno di ritardo mi sono gustato la conferenza davvero molto interessante, veloce e leggera. Complimenti, come sempre.

Paolo, posso farti un appunto assolutamente veniale? Quando parli gesticoli molto con le mani (problema che purtroppo affligge anche me...almeno tu dici cose intelligenti). Il problema è che l'ombra delle tue mani, proiettata e ingigantita sullo schermo, spesso creava forme demoniache molto inquietanti :D

Paolo Attivissimo ha detto...

spesso creava forme demoniache molto inquietanti

Sarà un caso? (cit.) :-)

Paolo Attivissimo ha detto...

Grazie dell'appunto, starò attento alle ombre. In realtà la luce necessaria per un video è completamente differente da quella necessaria per una presentazione. Il pubblico ha bisogno di vedere lo schermo e vede bene il relatore anche quando la luce ambiente è bassa; la telecamera no e avrebbe bisogno di un relatore ben illuminato. Bisognerebbe organizzare una ripresa apposita.

Vedo cosa riesco a fare per le prossime conferenze.

Replicante Cattivo ha detto...

No ma figurati, era solo una battuta :)
Anzi, le immagini si vedono molto bene, meglio dell'ultima conferenza che avevi ripreso (anche perchè mi quella volta anche voi avevate dei problemi a vedere le slide, a causa della troppa luce).

La battuta nasceva dal fatto è che la particolare angolazione della luce ingrandiva tutte le ombre: hai presente la scena di Psycho in cui Bates sembra sovrastato dalle ombre degli uccelli impagliati? Hitchcock sarebbe stato fiero di te :)

archivit ha detto...

Scusa, Paolo,
forse è OT, ma conoscevi questa produzione video?

http://www.youtube.com/watch?v=bLh4AGOrHFo

Paolo Attivissimo ha detto...

Archivit,

Sì, la conoscevo, e sto ancora cercando l'equivalente auricolare degli sciacqui.

archivit ha detto...

ROFL!
Ben detto, Paolo!

Mi accorgo che sono piuttosto indietro, come le martinicche come si dice a Firenze, rispetto a te.

luca ha detto...

Il libro di polidoro su kennedy è alquanto ridicolo e fazioso.....un caso così complesso trattato in 100 paginette....ma per favore....

Paolo Attivissimo ha detto...

Luca,

il tuo libro su Kennedy, invece, quant'è lungo?

E' facile criticare. E' un po' meno facile fare.

Soprattutto è facile ignorare che dietro ogni pagina di un libro d'indagine ben strutturato ce ne sono di solito altre cinquanta di studio.

Scrivine uno tu, poi vediamo come te la cavi, OK?

luca ha detto...

il mio libro su kennedy non esiste, che battuta spiritosa. Però sul caso kennedy ne so abbastanza per dire che il libro di polidoro è alquanto fazioso e sbrigativo.
Esempi?

L'effetto jet, per esempio, funziona in certicasi, ma non nel caso del presidente. Io mi sono preso la briga di scaricare l'articolo di alvarez e studiarlo sotto tutti i dettagli, ma non solo, ho studiato profondamente il filmato di zapruder, e se vuoi ti posso dimostrare con semplici constatazioni che nel caso kenndy l'effetto jet non funziona.
A Polidoro è bastato sapere che alvarez ha parlato dell'effetto jet e allora tutto risolto, ma non è così. Alvarez era un luminare, ma se ti prendi la briga di leggere il suo articolo ti rendi conto che non ha esaminato la scena del delitto in maniera esaudiente.
Inoltre Polidoro non ha fatto alcuna ricerca personale, ma si è limitato a citare a raffica i libri di verdegiglio e gerald posner (case closed)
A proposito di case closed, il libro che dovrebbe mettere fine a tutti i sospetti sul caso kennedy, divrsi ricercatori americani hanno inventato il neologismo POSNERIZE: ignorare, distorcere o manipolare prove allo scopo di ottenere il fine desiderato (vedi MISLEAD). Ripeto, il libro di Polidoro è solo un breve riassunto delle teorie di verdegiglio e di posner.
Tu hai detto che per fare un indagine seria ci vuole tempo: bene, evidentemente Polidoro ne aveva ben poco!

Paolo Attivissimo ha detto...

Luca,

nelle tue parole leggo molte critiche astiose alle persone e pochi fatti.

Lamenti della mancanza di ricerche personali. Tu che ne sai? Tu le hai fatte? Sarebbe opportuno valutare la propria posizione prima di criticare quella altrui.

E tutto questo per che cosa? Per tirare fuori ancora una volta le teorie di complotto ormai ammuffite per tedio, dopo tutte le stupidate che sono state dette e dopo tutti i test e controtest che sono stati fatti? Che noia.

Se hai dei fatti da esporre, esponili. Ma non a me, ma a Verdegiglio e Polidoro. Grazie.

luca ha detto...

Un altra cosa, sempre in quel libro, che se non sbaglio si chiama i grandi gialli della storia, viene trattato anche il caso del mostro di firenze.
Trattato per modo di dire, visto che, anche in questo caso Polidoro si limita a citare i lavori di Giuttari-Lacarelli, senza dare un minimo di credito alle indagini serissime e per lo meno degne di attenzione di Mario Spezi e di Nino Filastò.
Degli altri casi trattati non parlo perchè non conosco bene l'argomento.
Se il caso Kennedy è trattato male e in modo sbrigativo, il mostro di firenze, fatto che ci appartiene, è addirittura trattao in un modo talmente superficiale da chiedersi se Polidoro abbia realmente svolto delle indagini oppure si sia limitato, ripeto, a ricalcare i lavori di Giuttari. La prova delle larve, ad esempio , è un dato scientifico che scagiona il pacciani. Vogliamo continuare?
Bene, continuimo.
In tutta la sua indagine Polidoro snocciola una serie di test psicologici, se vuoi ti cito anche quali, ma si dimentica clamorosamente del profilo psichico che l'fbi ha fornito alla polizia italiana sul mostro. O meglio, ne parla ma poi lo mette nel cassetto quando gli fa comodo. Infatti l'fbi sostiene che il mostro è uno e colpisce da solo! Venuta fuori la storia dei compagni di merende, Polidoro, così come canessa e giuttari, si dimenicano di quel dato e vano avanti come se nulla fosse.
Dal massimo esponente del cicap mi aspettavo maggior rigore!! Spiegami un pochino come è la storia: nel caso kennedy, la buona fetta di testimoni che assicurano di aver sentito più di tre spari sono stati ingannati e polidoro porta a sostegno di ciò diversi test psicologici, usandoli come prova contro il complotto. Invece, quando la psicologia va contro alla tesi ufficiale, come nel caso del mostro di firenze, polidoro se ne dimentica, o meglio tende a farla passare sotto silenzio. In un caso è una prova schiacciante (quando fa comodo), mentre in un altro no????
Ma che metodologia di indagine è quasta??
Se vuoi sul mostro di firenze posso continuare, così come su kennedy.
Ciao

luca ha detto...

Astiose, non ho tirato fuori fatti???
Evidentemente non hai letto il mio messaggio, io ti ho parlato dell'effetto jet, e ti ho detto che l'effetto jet non ha potuto funzionare nel caso del presidente. Questi sono argomenti.
Se vuoi ti dico anche perchè non ha funzionato. Ma mi sembra che tu voglia ignorare quello che ti sto dicendo. Il caso kennedy sta tutto in due episodi, l'effetto jet e la pallottola magica.
Se uno dimostra che l'effetto jet, ad esempio, non funziona , ecco che per forza deve spuntare fuori un altro cecchino.
Ma poi chi lo dice che le teorie del complotto, nel caso di kennedy, sono stantie?
A me sembra invece che siano la pallottola magica e l'effetto jet e la pallottola magica a raschiare il barile pur di far sembrare oswald unico cecchino.
Sei tu che non hai argomentazioni.
Vuoi parlare dell'effetto jet?
O almeno sai che cosa è?
Studia alvarez e poi ti dico perchè alvarez, che , ripeto, era un luminare, ha sbagliato nel caso di kenedy: ovvero, l'effetto jet esiste, ma esiste solo nel caso in cui la fuoriuscita di materia sia in un unica direzione, mentre nel caso kennedy la fuoriuscita di materia celebrale è, ahimè, a isotropa...

Paolo Attivissimo ha detto...

Luca,

se hai delle rimostranze nei confronti del lavoro di Polidoro, perché non le fai direttamente a lui?

Guarda che qui non è che si gioca a dire a nuora perché suocera intenda.

luca ha detto...

Ho scritto in questa pagina del tuo blog perchè diversi utenti parlavano del libro di polidoro e di eventuali lezioni di polidoro sul caso kennedy.
In primis ho già mandato delle domande a polidoro e verdegiglio tempo fa, ma, o non rispondono oppure fanno finta di no capire.
Seconda cosa,noto che il tuo atteggiamento è parecchio cambiato. Prima dici che non ho argomenti (cosa falsa), poi, come porto dei fatti interessanti, tu, non sapendo rispondere, dici:" non chiedere a me, chiedi a loro".
Non mi sembra corretto questo atteggiamento.
Se non sei preparato su questi casi, non permettere ai tuoi utenti di parlare in maniera positiva di Polidoro e delle sue "indagini" nel tuo blog. Ma a me sorge il dubbio che sia solo un atteggiamento di facciata. Stesso atteggiamento di polidoro e di ferrero! Al cicap vi formano tutti uguali vedo.
Ciao

Paolo Attivissimo ha detto...

Prima dici che non ho argomenti (cosa falsa), poi, come porto dei fatti interessanti, tu, non sapendo rispondere, dici:" non chiedere a me, chiedi a loro".

Basta rileggere quello che ho scritto per vedere che la tua sintesi è falsa.


Se non sei preparato su questi casi, non permettere ai tuoi utenti di parlare in maniera positiva di Polidoro e delle sue "indagini" nel tuo blog.

Prego? Chi sei tu per venire qui a dirmi che cosa devono o non devono dire le persone? C'è ancora la libertà d'espressione, Luca, in democrazia.

Trovo ironico che chi lamenta censure e complotti per tenere il silenzio, sia il primo a invocare censure e bavagli.

luca ha detto...

Io invece trovo molto ironico che tu non mi abbia risposto nemmeno in una delle mie obiezioni al libro di polidoro.
Ti chiedo, come ha potuto funzionare l'effetto jet se la materia celebrale è stata dispersa in tutte le direzioni dopo lo sparo?

Ti chiedo come mai polidoro mente spudoratamente quando dice che oswald era il secondo miglior tiratore di tutto il corpo militare.

Posso continuare se vuoi.

Io porto argomenti, tu battutine che non mi fanno ne caldo ne freddo.
Poi la storia dei complottisti la puoi tenere benissimo per te, perchè in questo caso (traduco dal sardo) hai appeso male le chiavi.

tu dici

"Prego? Chi sei tu per venire qui a dirmi che cosa devono o non devono dire le persone? C'è ancora la libertà d'espressione, Luca, in democrazia".

Le persone possono dire quello che vogliono, ci mancherebbe. Ma le persone devono sapere che almeno per quanto concerne il mostro di firenze e kennedy, il libro di Polidoro, non solo è sbrigativo, ma è addirittura fuorviante!
Mi sorge il dubbio che tu ne parli bene solo perchè è di Polidoro!

Rispondi sull'effetto jet, sul perchè polidoro si dimentica di dire che l'ultima vittima del mostro di firenze era un centometista mentre pacciani un obeso sessantenne, rispondi sul fatto che polidoro mente quando dice che oswald era il secondo miglior tiratore del corpo militare. E ripeto, posso continuare.

Ciao

luca ha detto...

Io poi ho detto:"non permettere ai tuoi utenti di parlare in maniera positiva di Polidoro e delle sue "indagini" nel tuo blog"

quindi ti invitavo a dire ai tuoi utenti di prestare attenzione alle inesattezze di polidoro, non di censurarlo, che è ben diverso.
Visto che sei un cacciatore di bufale, dovresti smascherare non solo le vaccate tipo 2012, ma anche quelle che provengono dagli ufficialisti, che, detto per inciso, sono tante.

Ciao

Paolo Attivissimo ha detto...

Io invece trovo molto ironico che tu non mi abbia risposto nemmeno in una delle mie obiezioni al libro di polidoro.

Ripeto: il libro è di Polidoro. Perché le fai a me? Falle a lui.


Ti chiedo, come ha potuto funzionare l'effetto jet se la materia celebrale è stata dispersa in tutte le direzioni dopo lo sparo?

Prendi un'anguria e sparale: lo scoprirai.

"In tutte le direzioni" è falso. Mica la materia gli è rientrata nella testa. Ergo c'era una rosa limitata di direzioni, e questo produce la direzionalità della spinta.


Ti chiedo come mai polidoro mente spudoratamente quando dice che oswald era il secondo miglior tiratore di tutto il corpo militare.

Quale parte di "il libro è di Polidoro, chiedilo a lui" non ti è chiara?

l'ultima vittima del mostro di firenze era un centometista mentre pacciani un obeso sessantenne

E naturalmente i centometristi non possono essere mai presi di sorpresa. Scattano subito come Mennea, in qualunque situazione.


ti invitavo a dire ai tuoi utenti di prestare attenzione alle inesattezze di polidoro, non di censurarlo, che è ben diverso.

E' falso. Tu hai detto testualmente: "non permettere ai tuoi utenti di parlare in maniera positiva di Polidoro e delle sue "indagini" nel tuo blog"

Ripeto: per qualunque contestazione ai libri di Polidoro rivolgiti a lui.

Spero di essere stato chiaro.

luca ha detto...

Tu dici:

"In tutte le direzioni" è falso. Mica la materia gli è rientrata nella testa. Ergo c'era una rosa limitata di direzioni, e questo produce la direzionalità della spinta."

Ma come puoi dire una cosa del genere?
O te la stai tentando sperando di mettermi a tacere, oppure devo dedurre che non hai mai visionato zapruder (invece credo che tu lo abbia fatto)

Come fai a dire che la materia celebrale non va in tutte le direzioni??

In primis si vede lo schizzo verso fuori, poi Jaquelin va verso il tettuccio per recuperare pezzi di cranio del marito. Inoltre la bambina col cappotto rosso alla sinistra di jfk viene completamente schizzata, e perfino i motociclisti di scorta.

Ripeto, l'effetto jet, per essere efficace ha bisogno di una fuoriuscita in un unica direzione, e non quasi in tutte le direzioni.

Poi tu dici:

"Usa un anguria e vedi se funziona"

Ma come puoi dire una cosa del genere???
Secondo te la consistenza di un anguria è uguale a quella di un cranio?

Sul centometrista vedo che hai le idee poco chiare.
Le perizie dicono chiaramente che la vittima è stata rincorsa e uccisa all'arma bianca, dopo che era stato preso solo al braccio, e con un danno relativamente esiguo.

Per non parlare che nell'omicidio dei tedeschi le perizia hanno detto che chi ha sparato doveva essere alto almeno 1,80 cm, mentre pacciani e co superavano a malapena 1,65 cm. Questo lo dimentichiamo?

Paolo Attivissimo ha detto...

Come fai a dire che la materia celebrale non va in tutte le direzioni??

Non è andata in avanti. L'hanno forse trovata sul sedile del guidatore? Sul parabrezza? Appunto.

Comunque vedo che non hai ancora capito il concetto. Se hai obiezioni agli scritti di Polidoro, rivolgiti a Polidoro. Grazie.

luca ha detto...

Comunque chiudiamo qui la questione, ok?

Noto con piacere che quando su una cosa non sai rispondere dici "il libro non è mio, chiedilo a lui".
Cioè, prima un tuo utente dice che il libro di polidoro è ottimo, e tu non rispondi. Poi io lo critico e tu dici: le critiche falle a lui.
Da qui deduco che anche tu ritieni che il libro di polidoro sia valido, ergo, sostieni il perchè!
Mi sembra una facile scappatoia dire "vai da lui"....ne deduco da questo che tu reputi il libro di polidoro ottimo a prescindere, ma senza saper argomentare il perchè.
Se permetti nel tuo blog che si parli del libro di polidoro (cosa sacrosanta), devi anche permettere a chi lo critica di farlo, magari rispondendo sul perchè tu lo reputi ottimo.

luca ha detto...

Tu dici: "Non è andata in avanti. L'hanno forse trovata sul sedile del guidatore? Sul parabrezza? Appunto."

Ti rendi conto di quello che hai detto??
Hai implicitamente ammesso che l'effetto jet non ha potuto funzionare! Infatti, secondo la teoria di alvarez, per il principio di azione reazione, è la materia che fuoriesce dal davanti che dovrebbe fare fare alla testa di kennedy il movimento uguale e contrario. Il fatto, appunto che la maggior parte della materia celebrale si sia dispersa in altre direzioni, non ha permesso all'effetto jet di funzionare, ovvero quello che sostengo dall'inizio.
Quindi, se l'effetto jet non funziona, ecco per forza, uno sparo
che proviene da una direzione diversa del deposito libri.

Paolo Attivissimo ha detto...

l'effetto jet non ha potuto funzionare

Non travisare quello che ho scritto.

Penn & Teller, puntata di Bullshit. Esperimento molto eloquente. Non dico altro.

Permettimi un suggerimento: se devi parlare di dettagli così sofisticati, forse sarebbe opportuno che tu imparassi come si scrive la materia biologica di cui parli con così tanta certezza.

Pensavo a un refuso e ho lasciato correre, ma ormai hai scritto "ce_L_ebrale" troppe volte.

Fine della storia.

luca ha detto...

Penn e Teller, certo! che citazione!

Ma mi sa che hai ragione tu, lo sai?? io sono così scemo che scrivo celebrale, mentre tu che sai che si scrive cerebrale sei troppo più informato di me! Sta di fatto che l'effetto jet non ha funzionato.
Ed è proprio il filmato di penn e teller che lo dimostra. Infatti, se guardi bene, lo schizzo del melone è su un unica direzione, mentre nel caso di kennedy non è così. Inoltre la fuoriuscita di materia è enorme, molto, molto superiore rispetto a quella che possiamo notare i zapruder.
E per finire, il melone cade lentamente all'indietro, mentre kennedy viene spostato con tutto il busto.
Io non saprò scrivere cerebrale, ma se le tue referenze sono penn e teller non dovresti nemeno tu essere tanto tanto allegro

Paolo Attivissimo ha detto...

Io non saprò scrivere cerebrale, ma se le tue referenze sono penn e teller non dovresti nemeno tu essere tanto tanto allegro

Uhm, no, le mie referenze sono i vari rapporti tecnici e le perizie balistiche fatte nel corso di questi anni.

Comunque guarda che non sei obbligato ad accettare i fatti. Vuoi continuare a pensare che Kennedy sia stato assassinato da uno, due, cinquecento cecchini in fila per tre col resto di due?

Non c'è problema. Fai pure. Davvero.

luca ha detto...

Quello che mi fa in.... è che vuoi far passare da idioti tutti quelli che non la pensano come te. Le perizie balistiche sul carcano hanno dato risultati non proprio confortanti per la teoria dell'assassino unico. Senza considerare che oswald era un mediocre tiratore nell'esrcito, in più senza esercizio a ridosso dell'attentato.
Ma tanto tu hai le tue referenze del cavolo e quindi hai ragione. Io che non so nemmeno scrivere cerebrale cosa ne posso capire d'innanzi a due giganti come te e polidoro.
Hai ragione tu, in effetti lo sanno tutti che una pallottola può fare sette ferite a due persone rimanendo praticamente illesa. Quando hanno esportato dal corpo di connaly i resti della pallottola, questi risultavano più pesanti rispetto a quanto doveva mancare in peso alla pallottola magica.
Ma tu, citandomi perizie balistiche miracolose, mi dirai chè è normale, in quanto le pallottole acquistano massa in volo.
Eh si, menomale che nel mondo c'è gente come te che sa scrivere cerebrale, altrimenti saremmo alla frutta.

Quello che mi sembra assurdo è che io ho portato argomentazioni sull'effetto jet, mentre tu citi a casaccio referenze alquanto sospette, senza rispondere praticamente mai alle obiezioni. Se tu avessi un minimo di onestà intellettuale, e fossi a conoscenza della meccanica classica, sapresti bene che la fuoriuscita di materia cerebrale (vedi ho imparato a scrivere grazie a te) in più direzioni non ha potuto attivare l'effetto jet.
Qui non si sta mettendo in discussione l'effetto jet, ma solamente il fatto che nel caso di kennedy non ha potuto attivarsi a causa di una fuoriuscita non unidirezionale di materia cerebrale.

Paolo Attivissimo ha detto...

Luca,

perdona la domanda, ma di preciso che cosa vuoi da me?

Ripeto: la questione Kennedy è stata esplorata in dettaglio da grandi esperti oltre a Polidoro. Risultato: nessuna delle tesi alternative sta in piedi. Fine della storia.

Come ho già detto, sei libero di non credere ai fatti. Sei libero di costruirti la tua fantasia personale su come è morto Kennedy. Davvero, non c'è problema. Io e il resto del mondo vivremo lo stesso.

Non ho altro da aggiungere. Ora, per favore, se hai altre obiezioni sul caso Kennedy, non rivolgerle a me, ma agli autori dei rispettivi libri. Grazie.

luca ha detto...

Già rivolto ad altri, stesse risposte uguali alle tue: mai un argomento, solo: "credi a quello che vuoi, tutto quello che dici è già stato smontato".
Va bene,dove non si sa, ma intasco e vado avanti.

buon lavoro.

ciao.

Paolo Attivissimo ha detto...

Già rivolto ad altri, stesse risposte uguali alle tue

Chiediti perché.

Il caso Kennedy è stato esaminato per più di quarant'anni. Sono state fatte inchieste, controinchieste, verifiche, perizie, indagini e controindagini. La ricostruzione degli eventi è stata accettata dalla comunità degli esperti di settore. A un certo punto, si dice basta. Prove sufficienti. Caso chiuso.

Anonimo ha detto...

Ciao a tutti. Di tanto in tanto, per pura passione, riprendo in mano il mio johnkennedy.it. Leggo di vostri interrogativi sul colpo alla testa al Presidente: ebbene, ho appena presentato lo studio sull'effetto jet e sul colpo alla testa effettuato da Discovery Channel. Trovate tutto su www.johnkennedy.it

Non è un sito "di parte", jk.it. Non ideologicamente, almeno. Semplicemente analizza il caso e giunge a una conclusione, e confuta teorie alternative.

Saluti a tutti
Federico Ferrero

Nicola Lai ha detto...

Ahahah ti ha smontato paolo dai, e pure a quei due verdigiglio o come si chiama e polidoro

Stupidocane ha detto...

Eccolo che arriva "lo sbeffeggiatore di turno"... in ritardo di soli 7 anni.

E la MDM aumenta...

Che triste.

Paolo Attivissimo ha detto...

Nicola,

Ahahah ti ha smontato paolo dai, e pure a quei due verdigiglio o come si chiama e polidoro

Grazie del commento scritto in bell'italiano, oltre che preciso, ricco di spunti originali e ben documentato.

diego verdegiglio ha detto...

L'analfabetismo è una brutta bestia. Mi chiamo Verdegiglio, non Verdigiglio. Bastava leggere con attenzione, caro Lai.