Cerca nel blog

2009/03/13

Salite in discesa, TG5 e TG2 abboccano

TG2 e TG5 sempre più in basso grazie alle salite. Stregate


Non ci posso credere. Due telegiornali nazionali, nello stesso giorno, trasmettono servizi sulla stessa bufala: quella della "salita stregata" che collega il comune di Teggiano a quello di Sala Consilina. Le auto o altri oggetti collocati sulla strada sembrano salire invece di scendere.

Entrambe le testate si sono dilungate sul "magnetismo" e sul "fenomeno paranormale" e addirittura il TG5 ha escluso l'illusione ottica parlando di rilievi fatti da tecnici. Ma non è altro che la solita "salita in discesa", ossia appunto un'illusione ottica conosciuta da decenni.

Di strade simili ce ne sono tante nel mondo (in Italia ce ne sono ad Ariccia, vicino a Frascati; a Montagnaga di Piné, in Trentino (non Montagnana come avevo scritto inizialmente); a Martina Franca, in provincia di Taranto; e a Francofonte, in provincia di Siracusa). E come mi segnala g.fantino, anche nel caso di quest'ultima strada segnalata dai due TG nazionali si tratta dello stesso fenomeno: la strada sembra in salita per via degli oggetti circostanti, ma basta prendere una livella per accorgersi che è in realtà in discesa. È quello che hanno fatto, ben più razionalmente dei loro blasonati colleghi, Antonio Sica e Gianfranco Stabile per il telegiornale di Tv Oggi Salerno il 10 marzo scorso.



Anche l'amico e collega d'indagini sui misteri, Massimo Polidoro, ne parla nel suo blog:

L’effetto (grazie anche a una serie di sperimentazioni coordinate per il CICAP da Luigi Garlaschelli) si è in realtà da tempo rivelato una curiosa illusione ottica, dovuta al nostro limitato senso dell’equilibrio, che si affida anche alla vista per decidere in che direzione sia il “basso”. Le salite anomale sono tratti in discesa molto leggera, posti tra due tratti in pendenza molto maggiore, e il nostro senso di orizzontale viene influenzato dal fatto che tutto il paesaggio circostante è molto più in discesa del tratto in cui ci troviamo. Per questo la leggera discesa ci sembra una salita. Contribuisce all’effetto la posizione e la conformazione dell’orizzonte visibile.


Il fenomeno appare quindi simile alle molte illusioni ottiche note in psicologia. Resta un fenomeno interessante da studiare, ma per capire come funziona la nostra percezione. Alla Facolta di Psicologia dell’Università di Padova, Garlaschelli e la d.ssa Paola Bressan hanno riprodotto l’illusione utilizzando tre plastici appositamente costruiti: con una strada a due, o tre, tratti contigui diversamente inclinabili, o con due strade affiancate e a diversa inclinazione. Il lavoro è stato pubblicato su "Psychological Science" (September 2003, 14:5).


Gli articoli e le sperimentazioni del CICAP sono consultabili qui; Polidoro ha pubblicato un articolo (in inglese) su "The Skeptical Inquirer" che mostra la simulazione creata da Garlaschelli e Bressan.

La cosa sconsolante è che Striscia la notizia aveva intervistato Garlaschelli il 5 aprile dell'anno scorso proprio su quest'argomento, ricevendone la spiegazione reale. "Probabilmente, al TG5 non guardano Striscia…" conclude Massimo Polidoro.

Lui è un buono. Io l'avrei detta un po' meno diplomaticamente. E poi ci lamentiamo se la preparazione scolastica è scarsa, che la gente abbocca troppo facilmente alle scemenze vannamarchiane e che la ricerca, la scienza e la tecnologia sono le Cenerentole dei budget governativi. Con giornalisti così, cosa si può pretendere?

101 commenti:

Qquadro ha detto...

Mi sembra strano che boyager non abbia ancora fatto un servizio sui templari, che accuratamente nascosti in un cunicolo sottostante la strada, si divertano a spostare le macchine...

eSSSSe ha detto...

Quando ho fatto il militare nel 1994 alcuni miei commilitoni di Roma mi parlavano di questa stradina.
E' bello vedere che i TG nazionali arrivano 15 anni dopo... e ancora non hanno capito niente.

Davide ha detto...

quando ho visto il tg ieri sera non volevo crederci, eppure hanno abboccato alla grande...l'unico commento che mi è venuto è stato "Grande Giove, hanno scoperto la discesa!"

Hammer75 ha detto...

Quando praticavo ciclismo, li chiamavamo i "falsi piani". Sembrava di andare in pianura ma facevi una fatica paurosa.
In realtà erano strade in leggera salita ma il bordo carreggiata e gli alberi davano un'illusione diversa.

Andrea Sacchini ha detto...

> Di strade simili ce ne sono tante nel mondo (in Italia ce ne sono ad Ariccia...

Paolo, non vorrei sbagliarmi, ma mi sa che hai dimenticato di chiudere la parentesi...

:-)

ruggio81 ha detto...

Molti anni fa Superquark si occupò di una strada con queste caratteristiche(mi sembra quella di Ariccia), dandone ovviamente la reale spiegazione scientifica.

Questo fa capire quali sono le trasmissioni che si occupano realmente di SCIENZA e quali invece si occupano di buffonate.

Ciao*.*

Giggi ha detto...

Una rapida googlata mi ha portato qui, dove viene proposta un'altra fantastica ipotesi: la strada e' effettivamente in discesa ma ci sarebbe una non specificata forza gravitazionale che spinge la gente nella direzione contraria.

Un estratto:
Addirittura qualche sera fa una signora di Teggiano, accompagnata da suo marito ed alla presenza di alcuni occasionali curiosi, ha notato che una moneta caduta sull'asfalto, invece di proseguire il suo naturale corso verso la discesa, ha urtato contro qualcosa di invisibile, disegnando una curva e tornando successivamente indietro. Nell'avvicinarsi all'asfalto per raccogliere la moneta, ha sentito improvvisamente le dita della sua mano addormentarsi. Suggestione? Fatto sta che la signora è stata costretta a ricorrere al suo medico di famiglia.

Ad avvallare il tutto la classica coppietta di fidanzatini che si apparta e viene coinvolta in un fenomeno strano e inspiegabile (non "quello" ;-).

Insomma, secondo alcuni tecnici Sarebbe la forza di gravità, in sintesi, che in alcuni determinati punti del nostro pianeta, può generare questo tipo di fenomeni.

Aveva ragione Doc a dire che nel nostro tempo abbiamo problemi con la gravita'...

theDRaKKaR ha detto...

@paolo attivissimo

tu vuoi morire.. hai scritto "ad Ariccia, vicino a Frascati".. come a dire, se non avete mai sentito parlare di Ariccia allora vi do il riferimento di Frascati che sicuramente conoscerete.. bene preparati a morire impalato per mano dei ricciaroli offesi

^_^

Dan87Khan ha detto...

Sono sempre le sempre solite notizie che rispuntano fuori una tantum per riempire i buchi e per far un minimo di audience puntando sulla particolarità del fenomeno. Ovviamente se spiegassero che siamo noi uomini che abbiamo degli occhi da far schifo probabilmente partirebbe come minimo una class Action da parte di tutti quelli che hanno 10 decimi di vista che si sono sentiti punti nell'orgoglio.
Molto meglio puntare sul sovrannaturale o l'inspiegabile per avere quel punto percentuale in più.

Poorman ha detto...

Forse quel tratto di strada si trova sull'isola di Lost? O faceva parte della scorciatoia della signora Todd? (cit un racconto di Stephen King). Presto, voglio comprarmi quella strada e usarla per costruire un generatore di energia eterno autoalimentato!

Ma dai, giornalisti che non conoscono le salite in discesa... Ne avranno parlano anche le più scarse riviste di divulgazione scientifica... Fosse stato il 1° aprile avremmo potuto pensare ad uno scherzo!

<< E' quello che hanno fatto, ben più razionalmente dei loro blasonati colleghi, Antonio Sica >>

Non ci crederai ma di primo acchito non ho letto Sica, ma SCIA ... Tutto questo lavoro al NWO mi distrugge!

Anonimo ha detto...

E' un dato di fatto che oramai alcuni tg si sono dati allo spettacolo e al sensazionalismo più becero! Probabilmente si salva solo il tg3, e anche il tg2 a parte questo è tollerabile (anche se è noiosissimo). Il tg5 è ormai un'appendice di studio aperto, del grande fratello, di Alessandra Rolla e di Barbara D'Urso! Di contro il tg1 cerca di primeggiare in quanto a scempio, e quindi abbassa il proprio livello! Il punto è che per la Mediaset sono cazzi di chi la guarda, ma la RAI la paghiamo! La paghiamo per Voyager!

Luciano ha detto...

Per Ariccia non si tratta di un fenomeno ottico; la spiegazione è infatti MOLTO più semplice:

la gente se magna un kilo de porchetta, se 'imbriaca e poi vede le salite in discesa!!!

STRALOL

Popert ha detto...

"la strada sembra in salita per via degli oggetti circostanti, ma basta prendere una livella per accorgersi che è in realtà in discesa"

La "salita in discesa" è certamente, in realtà, una discesa, ma la prova della livella non mi sembra conclusiva. Se ci fosse un'anomalia della gravità che agisce sulle auto, agirebbe verosimilmente (se posso usare questo avverbio all'interno di un'ipotesi non verosimile) anche sul liquido della livella (così come su persone, gatti, asabesi, ecc.)
Credo che, se si vuole smentire scientificamente il presunto fenomeno misterioso, sia meglio usare sistemi ottici.
(Se ci fosse un'anomalia in grado di deviare anche la luce, beh, gli effetti sarebbe un tantino più evidenti...)

Popo Lucas

usa-free ha detto...

Ragazzi, come ci insegna Arturo, BASTA GUARDARE: la strada è in salita, e le macchine scendono in salita!

Che nel sottosuolo vi sia una base militare dove sperimentano campi gravitazionali? O_o

Antonio M. ha detto...

Interessante per me perché c'è una strada simile sui Monti Lessini, in provincia di Verona, che noi tuttora chiamiamo "la strada magica", appunto. Quell'effetto lo conobbi ben prima di vederne dei servizi in TV. E ci arrivammo pure da soli, a intuire il perché del fenomeno ;)

Anonimo ha detto...

ma scusate e di cosa dovrebbero parlare al TG?
della crisi?

ma siete fuori di testa?
ormai non sanno più dove raschiare per trovare argomenti, magari il servizio era vecchio di 15 anni :)

Umberto ha detto...

Segnalo l'esistenza anche del "mare in salita". Si trova sul Gargano, nella baia di Pugnochiuso. Qui si trova un isolotto a poca distanza dalla costa. Entrambi sono molto alti sul livello del mare, per cui il canale è alto e stretto. Le faglie sui sui costoni sono parallele e inclinate di circa 10-15°, per cui percorrendo lentamente con un canotto-gommone il canale, dopo un po' l'occhio "raddrizza" le linee della costa e quindi il mare diventa "in salita". Molto suggestivo.
Bisognerà mandare una segnalazione a TG5 e TG2.

Poorman ha detto...

<< Se ci fosse un'anomalia in grado di deviare anche la luce, beh, gli effetti sarebbe un tantino più evidenti... >>

Mi ricorda la macchina del tempo di John Titor! Povero Titor, ormai nessuno parla più di lui, troppi sciachimisti!

Bera ha detto...

Con giornalisti così, cosa si può pretendere

La cosa divertente è che i giornalisti presentano servizi come questo ed allo stesso tempo si lamentano della gente che crede alle leggende metropolitane.
Ricordo perfettamente la bufala del coccodrillo bianco delle fogne di New York detta in diretta al "Maurizio Costanzo Show" dal medesimo e, sulle pagine locali de "Il Giorno", articoli su persone scomparse in un negozio di Corso Buenos Aires (è una famosa leggenda metropolitana milanese) e persone risvegliatesi senza un rene dopo serate in discoteca nel cremasco.Tutto ovviamente senza nomi o date. Poi gli stessi si domandano come mai la gente crede a tutte queste fesserie.
Comunque consoliamoci: sulla prima pagina del "The Sun" di oggi si parla delle impronte lasciate dal diavolo sulla neve del Devon!!!!

Poorman ha detto...

<< articoli su persone scomparse in un negozio di Corso Buenos Aires (è una famosa leggenda metropolitana milanese) >>

Credevo fosse una leggenda metropolitana "ubiqua". Basta cambiare il nome della strada...

Guga ha detto...

Ce n'è una pure in provincia di Cagliari... mi ci han portato quand'ero bambino ed ero rimasto abbastanza sconvolto :D non so precisamente dove, chiederò a mio padre e lo scriverò qui. Si farà il grande atlante delle strade in discesa che sembrano in salita :P

John Wayne jr. ha detto...

Ma Paolo, al tg5 e al tg2 invece sono avanti...

...3 settimane: stanno già pensando al 1 aprile!!!

Paolo Attivissimo ha detto...

Andrea, ho sistemato il refuso, grazie!

Mr. Francis ha detto...

Confermo la "salita misteriosa" di Martina Franca in provincia di Taranto: http://www.youtube.com/watch?v=0AowAyB3PX0

sayhem ha detto...

sarò caustico: c'è crisi, c'è paura, quindi c'è voglia di "miracolismo" a buon mercato... che tristezza.

Paolo Attivissimo ha detto...

The Drakkar,

ho pestato i calli a qualche tifoseria locale?

Ariccia sta a 13 km di strada da Frascati, stando a San Google. Direi che "vicino" è un termine giusto.

Julius ha detto...

Superquark ne aveva parlato almeno 15 anni fa con un servizio sulla finta salita di una strada nella zona dei castelli romani (adesso non mi ricordo il nome del posto).

I soliti "seri" giornalisti. Il tg2 sta diventando lo "studio aperto" della Rai.

Luciano ha detto...

The Drakkar,

ho pestato i calli a qualche tifoseria locale?

Ariccia sta a 13 km di strada da Frascati, stando a San Google. Direi che "vicino" è un termine giusto.


No, per carità ... è solo che in mezzo ci sono Marino e Grottaferrata, sempre stando a San Google.

Diciamo che hai solo "toppato" alla grande.

Se volevi citare qualcosa d'importante dovevi dire ... Ariccia attacccata a Castel Gandolfo, famosa residenza estiva del Papa e quindi da sempre interessata da fenomeni para ....

Inoltre ti sei anche dimenticato di ricordare che il tratto di strada interessato è vicinissimo (pochi metri) a Monte Cavo che, come tutti sanno, è sede di un deposito militare (di che cosa non lo so, ma si dice che sia il sito dove coltivano i Morgelloni di bario all'alluminio)

Guga ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Guga ha detto...

@Drakkar

Rischio di morire anche io se ti dico che Ariccia non l'avevo mai sentita nominare e invece Frascati sì? :P

...però capisco i tuoi sentimenti :P

daniele ha detto...

io ero in casa di altri e ho intravisto il servizio, speravo la stessero esponendo come una curiosa illusione ottica, peraltro già abbastanza conosciuta e invece...

fabrix ha detto...

"persone risvegliatesi senza un rene dopo serate in discoteca"

non ci posso credere!! uguale uguale a mio cuggino!!!

Sir Luke ha detto...

Beh se ancora non l'avessi fatto ti consiglio di inviare l'articolo a quei buffoni di Mediaset e RAI, chissà che poi la smettano di parlare di vaccate.

Anonimo ha detto...

ecco qua un'altro pazzoide


http://www.youtube.com/watch?v=dFRxVzsyyj0

usa-free ha detto...

@benny-lava

interessante il video, praticamente non si vede una mazza! :D

Luciano ha detto...

Non è possibile, le follie stanno ovunque:

http://it.wikipedia.org/wiki/Rocca_di_Papa

leggete la curiosità alla fine: ragazzi, io abito qui ... so tutte stronzate; chi è di queste parti e legge simili affermazioni si piscia sotto dalle risate e poi "rotola spontaneamente in salita".

Paolo Attivissimo ha detto...

Luciano,

perdona la mia ignoranza, ma io Marino e Grottaferrata non li conosco; Frascati sì, e penso che ai lettori, specialmente gli italofoni all'estero, sia più facile localizzare frascati che gli altri luoghi che citi.

usa-free ha detto...

Che poi io mi chiedo: quelli che anche solo ipotizzano anomalie gravitazionali, non hanno effettuato un semplice esperimento?

Prendere un grave, farlo cadere da una distanza nota, dedurre dal tempo l'accelerazione gravitazionale e verificare che in ogni punto della salita sia conforme alle leggi di Newton.

Secondo voi è corretto?

Anonimo ha detto...

basterebbe mettere delle biglie e vedere dove vanno io penso, ci sono mille modi "normali", pure fare la pipì e vedere dove va.

Luciano ha detto...

@ Paolo Attivissimo

fa niente, una mia "battuta" espressa male ;-)

Ti suggerivo di citare Castel Gandolfo, luogo spesso frequentato dal Papa, così ai complottisti si alzava ulteriormente la pressione.

Fabio ha detto...

Paolino, Montagnana è in Veneto, provincia di Padova (se intendevi quella Montagnana, almeno su googlemaps ne esiste una sola e non ho mai saputo di una seconda Montagnana).

Sapresti, nel caso sia Montagnana di Padova, dirmi dove si trova questa strada "illusione ottica" ?? Ne ho sentito parlare tanto tempo fa ma non ricordo il dove, mi piacerebbe fare un sopralluogo.


Comunque, incredibile come si son ridotti i TG (quasi tutti). Ormai non è più incredibile, è normale....

Paolo Attivissimo ha detto...

Fabio,

le coordinate dei luoghi le ho prese dal buon Gianni Comoretto qui, senti direttamente lui e avvisami se c'è da rettificare qualcosa, per favore.

a_lounge_lizard ha detto...

Sono stato anch'io alla 'salita in discesa' di Genzano - Rocca di Papa! Effetto ottico molto bello..

Anche per questa, nel libro "Luoghi Misteriosi d'Italia", dicevano che la prova della bolla non e' valida perche' se c'e' un campo gravitazionale modificato anche la bolla ne risente.....
Ma se questi credono che ci sia una modifica del campo gravitazionale, non basta pesare un'oggetto noto e vedere se varia il peso? O direbbero che la bilancia risente del campo diverso?
Oppure come dice usa-free fare l'esperimento del grave...
No poi direbbero che gli influssi magnetici hanno modificato lo spazio-tempo... ;-)

Fabio ha detto...

Ok Paolo, nella fretta ho fatto una ricerca velocissima e finalmente posso dare un nano-contributo al blog. Montagnana città è in provincia di PD.

Montagnana del Trentino è PINE , provincia di Trento. Non fa comune infatti (google) si parla di LOCALITA' MONTAGNANA , una frazione o una cosa simile.

http://www.vacanze-trentino.it/pine.html



Ciao.

MOnSTEr ha detto...

Concordo con chi ha detto che quella della livella non è una prova "probante": il liquido nella bolla subisce le stesse forze che la bottiglia, quindi se la bottiglia andasse verso l'alto lo farebbe anche il liquido. Questo l'avevo capito già "*ent*" anni fa, quando, vidi il servizio su Quark che ne parlava, usando proprio la livella per decidere se la strada fosse in salita o no.
L'unica prova definitiva sarebbe misurare l'altitudine dell'inizio e fine della strada, ma non so se esistano strumenti abbastanza precisi (anche pochi metri di dislivello basterebbero a spostare bolle e bottiglie, e magari anche le auto in folle). Forse con i satelliti si può?
Per quanto riguarda le "anomalie gravitazionali" mi chiedo: è possibile che, localmente, ci siano delle variazioni (ad esempio in prossimità di montagne) infinitesime ma sufficienti a spostare piccoli oggetti? Vale a dire, può essere che la direzione della forza di gravità sia, impercettibilmente ma in modo misurabile, deviata verso una grande massa (la montagna), anziché puntare esattamente verso il centro della Terra?
Oh... a scanso di equivoci non credo nella causa "magica" del fenomeno, sia chiaro...

Danilo.. ha detto...

Mi è arrivata ieri la mail del Cicap e il link all'articolo nel blog di Massimo Polidoro.
Ammetto candidamente che non conoscevo la storia..
Aspettavo comunque il tuo articolo.

MOnSTEr ha detto...

Mappork... bastava
leggere!
Ma non ho capito se qualcuno ha fatto queste misure o no (mi pare di aver capito solo che con i GPS standard ci sono circa 10 m di dislivello, che secondo me sono già abbastanza, ma qui vado a spanne).
Vabbè... comunque era per dire che, forse, quelli del CICAP (come chiunque altro, del resto) dovrebbero fare i test giusti per il fenomeno che studiano, prima di darsi alla "spokkia" che dimostrano in articoli come questo o questo. Presentarsi con la livella o il filo a piombo e cinguettare trionfanti "lo vedi, è una discesa, fesso!" non mi sembra un atteggiamento serio.
Che poi i sciechimisti ci sguazzano...

Massimo ha detto...

Certo pensare che ci siano fenomeni magnetici che fanno salire un auto ce ne vuole...
Non è che la cosa sia così semplice...

L'idea della livella è stata la migliore e la più semplice :D

Thhh ha detto...

Monster,

analizzala così:

dovresti trovarti un luogo in cui la massa montuosa collocata PIU' in alto del livello stradale abbia un centro di massa tale per cui m/r^2 sia maggiore di 5,9x10^24/(6,3x10^6)^2=3,6x10^10 kg/m2

se non soddisfa questa condizione, avrà sempre e cmq un'accelerazione verso il basso, quindi non potrà risalire una strada in discesa.

Ponendolo per ipotesi con centro di massa a 500m, la massa dovrà essere di 9x10^15 kg, con densità del granito 2700kg/m3 fan 3x10^12 m3,ovvero un parallelepipedo profondo 1km (sei a 500m no? :D) alto 10 e largo 100.

(sì, prima che qualcuno contesti, tutto ciò è scritto immaginando la situazione migliore possibile, cioè un blocco volante praticamente a contatto con la strada in questione.
Era giusto per far capire le dimensioni che dovrebbe come minimo avere!)

(e sì, potrei aver detto qualeche eresia fisica! in caso, mea culpa!)

cthulhu76 ha detto...

La località trentina è Montagnaga e non Montagnana

MOnSTEr ha detto...

Thhh, quei numeroni a quest'ora! Non si fa! (avrei detto lo stesso anche di mattina presto... ^_^)

Vedo se riesco a spiegarmi meglio, semplificando enormemente la questione:

Mi trovo su un arco di una circonferenza di una immensa sfera perfetta (se possiamo immaginare così la Terra); quindi, geometricamente parlando, diciamo che sono in piano. La direzione della forza di gravità è la retta che unisce il mio baricentro al baricentro di questa sfera (che, se fosse di densità uniforme, coinciderebbe con il suo centro geometrico).

____|____

Se a uno degli estremi di questo arco di circonferenza si trovasse una montagna (quindi una massa milioni o miliardi di volte superiore alla mia), immagino che io, la bolla nella livella, il filo a piombo e la mia macchina, secondo logica saremmo tutti attratti verso la montagna, in modo anche abbastanza misurabile in determinate circostanze. (Anzi no, la bolla andrebbe dalla parte opposta ^_^).

In altri termini, la risultante delle forze gravitazionali (verso il centro della terra e verso il baricentro della montagna) non sarebbe perpendicolare alla strada dove mi trovo, ma leggermente inclinata (l'inclinazione essendo proporzionale al rapporto tra la massa della montagna e quella della Terra, quindi in condizioni normali è infinitesima).

........g
.......+-->
......G|\
........|.\F
........v..+

E così gli alberi, che crescono opponendosi alla forza di gravità, e i pali della luce, che vengono costruiti (si spera) con il filo a piombo.


..W.W......../\
....\.\......../..\
____\_\_\__/....\


Sarei quindi indotto a credere, sia visivamente (guardando l'inclinazione degli alberi e dei lampioni), sia sperimentando con qualsiasi variante di "caduta di gravi" (che altro non sono bottiglie, fili a piombo e livelle), di trovarmi su una strada che scende verso la montagna (finché non ci sale sopra, è ovvio), mentre in realtà entrambi gli estremi della strada sono allo stesso livello (intendendo con questo il raggio della sfera ideale).

Questo è quello che intendevo quando parlavo di "locali variazioni infinitesime" della forza di gravità, dovute alla particolare conformazione del luogo.

L'unico modo scientificamente valido, secondo me, di decidere se il fenomeno indica una reale "stranezza" gravitazionale (nel senso suddetto o in altri tutti da spiegare), o è dato semplicemente da un'illusione ottica, sarebbe quello di raffrontare l'inclinazione della forza di gravità rispetto alla strada (livella), con l'inclinazione della strada rispetto al raggio della Terra (determinata misurando la differenza altimetrica tra i due estremi, ammesso che si possa fare con l'accuratezza necessaria).

Risulta che qualcuno abbia fatto prove di questo tipo?

Anghelos ha detto...

Ma la cosa più semplice non sarebbe - dopo essersi assicurati che non ci siano auto - camminare lungo la strada a piedi e ad occhi chiusi, in modo da rendersi conto con le gambe se si è in discesa, in salita o in pianura?

peter stevens ha detto...

Salita per salita, vi segnalo anche quella di Roccabruna vicino a Cuneo: http://www.cicap.org/piemonte/cicap.php?section=indagini_in&content=salite

Santana ha detto...

Pensando a come è ridotta l'Italia, perché credete che mandino in onda trasmissioni come Voyager e servizi giornalistici come quelli del TG2 e TG5?

Più la gente si rimbecillisce ...

Massy ha detto...

Non conosci Marino? :D

Peccato... per te :P

Ogni tanto ci fanno una festa in cui nelle fontane pubbliche al posto dell'acqua ci mettono vino...

Più seriamente, dire che Ariccia sia vicino a Frascati ci sta: poi se ci capiti il sabato e ti accorgi che ci metti dalle 2 alle 3 ore per fare quei 15 km probabilmente cambi idea. :P

Per chi voglia approfondire: Ariccia - Marino

L'economa domestica ha detto...

Alt alt alt... non iniziamo a confondere Marino con Frascati che scoppia una guerra nucleare. Scusate che vado a preparare le mie testate.
Comunque, la discesa in salita di Ariccia ha una brutta caratteristica che va descritta. Durante il fine settimana gli indigeni notano con stupore decine di auto ferme al lato della strada da cui escono simpatici cittadini con bottiglie in plastica e vetro. La ragione di questo comportamento è ignota. Fonti non confermate affermano che stiano prelevando campioni di scie chimiche, altri, che certamente fanno parte del complotto, sostengono che semplicemente provino la pendenza della strada. Gli effetti certi sono 2
1)Restringimento della carreggiata con conseguente agggravio del già infernale traffico.
2)Cadaveri di bottiglie che i simpatici cittadini ben si guardano da portare via.

L'economa domestica ha detto...

Dato che abbiamo citato alcuni luoghi interessanti dei Castelli, aggiungo qualche chicca della serie "echissenefrega?":
1)Per costruire la base di Monte Cavo sono stati distrutti i resti del tempio di Giove Laziale, uno dei più importanti dell'Italia pre romana
2)Dalla Via Sacra di Monte Cavo (si prende da Rocca di Papa, una bella scarpinata in salita), c'è l'unico punto di osservazione da cui si vedono i due laghi supersiti dei Castelli (Nemi e Albano/Castel Gandolfo)
3)Nel lago di Nemi Caligola fece costruire 2 navi tempio dedicate alla dea Iside. Affondate alla morte dell'imperatore, furono recuperate negli anni venti e trenta del novecento svuotando il lago. I tedeschi in ritirata le hanno distrutte nel 1944 appiccando il fuoco nel museo che le conservava (il museo è ancora in piedi, ed è noto come esempio di stile razionalista)
4)I Castelli sorgono su un enorme vulcano estinto, il cui diametro alla base era in origine di 60 chilometri!!! I laghi, comunque, NON sono crateri!

Luciano ha detto...

Per un giudizio sereno bisognerebbe sapere a che cosa serve la segretissima base militare ubicata "dentro" Monte Cavo.

Si vocifera che sia il luogo dove vengono prodotti i nanomunghi che, rilasciati dai tankeroni che partono dal vicino aeroporto militare di Ciampino, vengono usati per il controllo della popolazione!

Saluti
MIB (Michele Il Burino)

motogio ha detto...

@L'economa domestica

I tedeschi in ritirata le hanno distrutte nel 1944 appiccando il fuoco nel museo che le conservava

Si e no; le hanno distrutte per recuperare il piombo utilizzato per impermeabilizzare lo scafo, poi hanno bruciato il museo.

Non che questo giustifichi la distruzione di simili reperti.

Toso ha detto...

Che bella la scienza... Poter sapere che in barba a qualsiasi cosa veda, senta, creda, una salita sarà sempre una salita e una discesa una discesa. E' rassicurante.

Thhh ha detto...

@ monster

oook, avevo capito tutt'altro :D
e sì, vista così ha senso.
Volendo sbattersi si potrebbe risolvere il tutto a formulette (massa necessaria per "spostare la perpendicolare" di un dato angolo), senza chiamare in causa tecnologie "non alla portata di tutti" :D
ma non mi ci cimento di certo XD

Massimiliano Pilati ha detto...

Sono fuori luogo ed eccessivamente bachettone se faccio notare che nel video si vede un segnale di divieto di accesso all'inizio della stradina e che quindi tutte quelle prove in auto sono CONTROMANO?!?!?!

...

Massimiliano Pilati ha detto...

E' già stato fatto notare, ma PAOLO hai scritto MONTAGNANA. Da buon trentino ti confermo che la strada con la "discesa in salita" trentina è a MONTAGNAGA di Piné.

Saluti.

L'economa domestica ha detto...

Per motogio

Le ipotesi riguardo a perché abbiano bruciato le navi (e chi le abbia bruciate) sono varie. Guido Ucelli, il maggior esperto delle navi (e fondatore del museo della scienza e della tecnica di Milano) propendeva per un incendio "di sfregio", come accadde per l'archivio storico di Napoli, per la data in cui avvenne (notte tra il 31 maggio e il primo giugno del 1944). Gli americani stavano avanzando verso Roma, via Castelli. Si potè comunque entrare nel museo solamente giorni dopo l'incendio, per i danni enormi subiti dalla struttura; il piombo non fu recuperato, e giace ancora nei magazzini del museo, in enormi scatoloni, assieme ai chiodi delle navi.

IVAN ha detto...

Non ho visto i servizi e ne condivido l'analisi critica.
Segnalo però, l'esistenza del vero fenomeno in una salita nei dintorni di Iglesias in Sardegna! Non è una bufala ma pura verità, grazie alla presenza nel sottosuolo di magnetite estratta nelle miniere dai francesi si dal 1824. il fenomeno è riscontrabile parcheggiando la macchina in leggera salita in posizione di folle, dopo poche ore l'auto avanza di qualche decina di centimetri.
Ciao IVAN

Anonimo ha detto...

sarà sempre lo stesso effetto ottico

ci sarà abbondante magnetite ma per tirare avanti a forza magnetica un'auto ci vuole una forza che ti rovinerebbe pc, cellulari e ti tirerebbe via gli occhiali e le otturazioni!
e non so se la stessa auto si accenderebbe

non so se avete presente fare una risonanza magnetica con un ferro in corpo :P

Paolo Attivissimo ha detto...

Refuso corretto, grazie!

motogio ha detto...

@L'economa domestica

Grazie dell'info, avevo sentito della storia di quelle due navi in un documentario (non mi ricordo se di Angela padre o figlio) e ne ero restato ammaliato, sia per il loro "padrone" (Caligola) che per la sontuosità di quelle navi e per la storia del loro recupero.

La loro perdità è un inno alla stupidità umana, chiunque ne sia il responsabile.

Poorman ha detto...

ci sarà abbondante magnetite ma per tirare avanti a forza magnetica un'auto ci vuole una forza che ti rovinerebbe pc, cellulari e ti tirerebbe via gli occhiali e le otturazioni!

Già, e se ti dimentichi di digitare "4, 8, 15, 16, 23, 42" (sopratttutto 42) tira giù anche un aereo!

L'economa domestica ha detto...

@ motogio

Prego! Sull'argomento "Navi di Nemi" potrei andare avanti ore, ma finiremmo troppo OT. Un consiglio: reperire, anche in biblioteca, il libro "Le navi di Nemi", di Guido Ucelli. Oltre alla storia delle navi e di come siano state tirate fuori, ci sono gli esami sui pollini e sul legno: Ucelli, da bravo ingegnere, ha anticipato gli archeologi di 50 anni su questi metodi di indagine!

The Larch ha detto...

Una nota sul servizio di "Striscia":
Alla fine per mostrare una prova decisiva versavano dell'acqua che arrivata sulla strada andava in "salita"
L'inquadratura era presa con la telecamera parallela al terreno ed in teoria in orizzontale, solo che visibilmente l'acqua versata non cadeva in verticale, ma in diagonale ... in poche parole la telecamera era "storta" rispetto al terreno
Truffa vera e propria.

antonio sica ha detto...

Nel ringraziare te e tutti i "navigatori" per l'attenzione destinata al nostro servizio giornalistico sulla "stradina magica" di Sala Consilina, ti inoltro fresco-fresco il link del "ritorno" sulla vicenda, andato in onda oggi nel Tg di Tv Oggi:
http://www.youtube.com/watch?v=1KisNYLL3HU&feature=channel_page

Ovviamente abbiamo messo in evidenza quanto riportato sulla "stradina magica" sul tuo interessantissimo sito.
Saluti!
Antonio Sica

Franci ha detto...

Salta subito all'occhio in questo caso la costruzione delle mura laterali che non segue per nulla l'inclinazione della strada, qualunque essa sia. Sapendo perfettamente che l'occhio viene ingannato da determinati fattori (ci sono decine di giochini ottici di questo tipo) come si fa nel 2009 ad essere così boccaloni da partire subito sparati con spiegazioni alternative?

Christian ha detto...

Ho vissuto i miei primi trent'anni proprio vicino tra Ariccia e Rocca di Papa (dove si trova una di queste strade "curiose") e, per parentele varie, vicino Sala Consilina.

E' indubbio il fatto che siano illusioni ottiche.

Però, ci tenevo a far notare una cosa: come servizio "antibufala" è poco valida la prova della livella! Qualsiasi oggetto in grado di rotolare e/o scivolare sarebbe in grado di salire, per cui "anche l'acqua!!!" =D

Daniele ha detto...

C'è una finta salita anche a Brescia, sul Monte Maddalena. Percorrendo la strada che porta in cima (quella che porta al campo di partenza dei parapendio e dove vanno in camporella le coppiette), quasi in cima si arriva a un rettilineo con alberi a sinistra e a destra.
C'è anche un cartello di attraversamento pedonale completamente inutile, visto che non ci sono marciapiedi ne altro. Ecco, da lì inizia più o meno la finta discesa :)

nacithopheps ha detto...

E' incredibile che il CICAP si presenti con una livella (che risponde alla gravità) per misurare per verificare una presunta anomalia gravitazionale. Il servizio ha dimostrato molto più di quello che avrei mai immaginato sperare.
Il CICAP (spero non sempre) si è dimostrato nella migliore delle ipotesi sommamente incompetente e nella peggiore in malafede.
In ogni caso è stata una conquista: mai confidare ciecamente sui cosiddetti esperti.

Paolo Attivissimo ha detto...

nacithopheps,

E' incredibile che il CICAP si presenti con una livella (che risponde alla gravità) per misurare per verificare una presunta anomalia gravitazionale

Tu cos'avresti portato?


Il CICAP (spero non sempre) si è dimostrato nella migliore delle ipotesi sommamente incompetente e nella peggiore in malafede.

Dimostralo. Tu lo sapevi, per esempio, che il CICAP ha svolto anche rilievi con teodolite collocato fuori dalla presunta "anomalia gravitazionale"?

È facile criticare. Criticare senza conoscere i fatti è ancora più facile. Fare, invece, è così difficile che tutti criticano e pochi fanno.

Daniele ha detto...

Ho letto questo articolo e lo trovo molto interessante e quindi desumo che appoggiando un oggetto sui due muretti questi vada dalla strada verso la casa ad una velocità maggiore, dal momento che è più pendente rispetto alla stradina, o sbaglio?

Paolo Attivissimo ha detto...

appoggiando un oggetto sui due muretti questi vada dalla strada verso la casa ad una velocità maggiore, dal momento che è più pendente rispetto alla stradina, o sbaglio?

Non ne ho idea. Bisognerebbe andare sul posto e provare.

nacithopheps ha detto...

Tu cos'avresti portato?

La domanda è fuoriluogo, non sono io lo scienziato, non conducevo io la trasmissione, ho solo evidenziato che in questo caso hanno fatto un errore logico enorme (e spero fosse solo un errore)
La dimostrazione da loro fornita semplicemente non è valida.

Per dimostrare la loro serietà basterebbe ammettere l'errore.

Dimostralo. Tu lo sapevi, per esempio, che il CICAP ha svolto anche rilievi con teodolite collocato fuori dalla presunta "anomalia gravitazionale"?

Che c'entra codesto argomento con quello che ho obiettato.
Usare la livella ha lo stesso livello di validità che usare una palla e dire che siccome va in quella direzione quella è la discesa (anche se appare in salita.)

È facile criticare. Criticare senza conoscere i fatti è ancora più facile. Fare, invece, è così difficile che tutti criticano e pochi fanno.

Io critico quello che ho visto e solo i fatti riportati in ciò che ho visto.
Ho sempre avuto fiducia e rispetto nel CICAP ma quell'episodio non mandato giù.

saluti

Stupidocane ha detto...

@ nacithopheps

Ma hai licenza di scrivere solo a Gennaio? :D

La domanda è fuoriluogo, non sono io lo scienziato, non conducevo io la trasmissione, ho solo evidenziato che in questo caso hanno fatto un errore logico enorme (e spero fosse solo un errore)
La dimostrazione da loro fornita semplicemente non è valida.


Non è affatto una domanda fuori luogo. Esistono dei mezzi semplici ed affidabili per misurare? Prima si usano quelli, poi si fanno verifiche con altri mezzi. Cosa che hanno fatto e che tu sembri bellamente ignorare. Infatti ti viene risposto che è stato usato anche un altro mezzo per misurare il dislivello. Attivissimo scrive "Dimostralo. Tu lo sapevi, per esempio, che il CICAP ha svolto anche rilievi con teodolite collocato fuori dalla presunta "anomalia gravitazionale"?"

Tu rispondi:

Che c'entra codesto argomento con quello che ho obiettato.

Non sai cos'è un teodolite? Cerca su Google e vedrai che capirai cos'è ed a che cosa serve. Capirai anche che è il mezzo di controllo che hanno utilizzato per confermare il risultato ottenuto con il primo mezzo di misura (la livella). Se ci fosse un'anomalia gravitazionale, la livella potrebbe essere stata ingannata, il teodolite no, dato che non funziona "a gravità".

Usare la livella ha lo stesso livello di validità che usare una palla e dire che siccome va in quella direzione quella è la discesa (anche se appare in salita.)

Infatti hanno usato un teodolite per confermare la discesa riscontrata con la livella.

Io critico quello che ho visto e solo i fatti riportati in ciò che ho visto.

Male. L'ignoranza dei fatti, fa prendere cantonate. Questa ne è un esempio. Non sai che sono stati usati altri mezzi e ti ostini a criticare solo ciò che sai. Se ti fossi informato meglio avresti avuto una visione più completa della prova e magari non saresti saltato a conclusioni affrettate. Non credo che tu voglia ignorare a bella posta una parte della prova. Se lo fai e continui a criticare che la livella non è abbastanza, sappi che non ha nessuna utilità ed appare un tantinello sciocco insistere per ignoranza dei fatti.

Ho sempre avuto fiducia e rispetto nel CICAP ma quell'episodio non mandato giù.

Avessi cercato "teodolite" su Google, il boccone l'avresti digerito già da un bel pezzo.

nacithopheps ha detto...

ma hai licenza di scrivere solo a Gennaio? :D

Siamo a Febbraio ora ;)

Non è affatto una domanda fuori luogo. Esistono dei mezzi semplici ed affidabili per misurare? Prima si usano quelli, poi si fanno verifiche con altri mezzi. Cosa che hanno fatto e che tu sembri bellamente ignorare.

La domanda è ampiamente fuoriluogo e ritorno sul tema.
I mezzi "semplici e affidabili" per misurare servono se e solo se dimostrano qualcosa, nel caso invece non dimostrino che l'affermazione stessa e non ne vengano proposti altri nel termine dello stesso servizio questa non la chiamerei dimostrazione.


Tu rispondi:

Che c'entra codesto argomento con quello che ho obiettato.

Non sai cos'è un teodolite? Cerca su Google e vedrai che capirai cos'è ed a che cosa serve. Capirai anche che è il mezzo di controllo che hanno utilizzato per confermare il risultato ottenuto con il primo mezzo di misura (la livella). Se ci fosse un'anomalia gravitazionale, la livella potrebbe essere stata ingannata, il teodolite no, dato che non funziona "a gravità".

Anche questo fatto è lì per distogliere l'attenzione dal vero punto in questione.
Io non sto affermando che i fatti riportati siano o no delle aberrazioni fisiche reali la cosa non m'interessa come non m'interessa il fatto che con il teodolite o con altro opportuno strumento si sia potuta dimostrare la falsità della presunta aberrazione.
Il punto della questione non è la prova dell'affermazione fantascientica ma il comportamento di un'organo che a suo dire dovrebbe combattere tali affermazioni.

Usare la livella ha lo stesso livello di validità che usare una palla e dire che siccome va in quella direzione quella è la discesa (anche se appare in salita.)

Infatti hanno usato un teodolite per confermare la discesa riscontrata con la livella.

Bene e alla fine del servizio lo spettatore che avrebbero dovuto pensare "Acc...hanno usato una livella che non dimostra nulla, ma tanto si sa che in passato (o in futuro) hanno usato il teodolite per dimostrarlo ... gli altri spettatori penseranno certamente come me"

Io critico quello che ho visto e solo i fatti riportati in ciò che ho visto.

Male. L'ignoranza dei fatti, fa prendere cantonate. Questa ne è un esempio. Non sai che sono stati usati altri mezzi e ti ostini a criticare solo ciò che sai. Se ti fossi informato meglio avresti avuto una visione più completa della prova e magari non saresti saltato a conclusioni affrettate. Non credo che tu voglia ignorare a bella posta una parte della prova. Se lo fai e continui a criticare che la livella non è abbastanza, sappi che non ha nessuna utilità ed appare un tantinello sciocco insistere per ignoranza dei fatti.

Credo di aver risposto ma ci riprovo ...
Non m'interessa che il CICAP o chi per loro lo abbia dimostrato in altra sede, altro luogo , altro programma, servizio o altro ...ALTRO.
M'interessa che in quel programma, servizio, luogo hanno utilizzato uno strumento che non andava utilizzato e solo quello.

Avessi cercato "teodolite" su Google, il boccone l'avresti digerito già da un bel pezzo.

Ci sono tante cose che non conosco, mi ripropongo di approfondirle ma non me ne faccio una colpa, mi dolgo invece di lasciarmi "imboccare" quando gli elementi a mia disposizione ci sono tutti.

Tale servizio finiva con una dimostrazione fasulla e questo non fa onore a nessuno.

Pokoto007 ha detto...

Ma scusate, se davvero ci fosse un'anomalia gravitazionale voi usate una livella per smentire il fenomeno? Le livelle USANO la gravità per funzionare... insomma usate uno strumento soggetto a gravità per smentire un'anomalia gravitazionale?!?! Ma stiamo scherzando? Nono dico che il fenomeno non esista, ma snobbare così i rilievi fatti da esperti arrivando con una livella è una cosa assurda!

Pokoto007 ha detto...

Anche il teodolite, se mal posizionato, non serve a niente. L'unica sarebbe un rilievo da satellite, o con un altimetro del GPS.

Stupidocane ha detto...

@ pokoto

Uso proprio un pezzo del tuo intervento per risponderti:

un'anomalia gravitazionale?!?!

Prima di arrivare a conclusioni fantascientifiche, non credi si debbano escludere quelle scientifiche? E, se quelle scientifiche dimostrano il contrario, ovvero che non c'è nessuna "anomalia gravitazionale", che senso ha pensare che invece esista? Nel caso in questione, se avessi letto il commento #77 di Attivissimo, avresti scoperto che è stato anche portato un teodolite. Quello non risponde alle leggi della gravità. Nel caso non sapessi cos'è. cerca su Google e troverai.

Ma soprattutto, sai cos'è la gravità? Credi sia possibile che esistano posti sulla Terra che presentino anomalie gravitazionali documentati?

Stupidocane ha detto...

Quindi neanche il teodolite. Ed un GPS invece sì? Ebbene, vai e trova la soluzione. Armati di un GPS e di un altimetro, vai, misura e poi posta qui le tue considerazioni. Aspettiamo con fiducia. :D

Il Lupo della Luna ha detto...

Senza scomodare un teodolite... un semplice binocolo? Una fotocamera con una livella? un'asse di legno con due traguardi ortogonali rispetto all'asse E una livella? Devo andare avanti?

Stupidocane ha detto...

@ Lupo

Mannooo... tutti strumenti che all'aumentare della complessità, aumentano anche l'errore, se non proprio "utilizzare la gravità per misurare un'anomalia gravitazionale".

Per quello serve il P.S.P.M.A.G. (precisissimo strumento per misurare le anomalie gravitazionali), scaricabile gratuitamente come App per Android, Apple e WindowsPhone. Uno strumento molto utile nel caso ci si trovasse con l'auto che galleggia a mezz'aria nelle stradine di campagna...

Stupidocane ha detto...

Oh, me l'ha detto mio cuGGino che c'è, è della CIPF Inc. (contro i poteri forti incorporated) ed ha già trovato un sacco di anomalie gravitazionali. Ben due!

Stranamente le segnalava tutte mentre teneva il telefono vicino alla testa per telefonare...

pgc ha detto...

"Una fotocamera con una livella? un'asse di legno con due traguardi ortogonali rispetto all'asse E una livella? Devo andare avanti?"

Ogni sistema che non distingua tra forze gravitazionali e forze (presunte) di altro tipo, non è adatto a dirimere la questione. In particolare, un'anomalia gravitazionale non può spiegare il fenomeno - anche se fosse possibile, che non è - in quanto il labirinto si basa proprio sulla gravitazione per stabilire l'orientamento e la vista non è così sensibile da stabilire l'orientamento con una precisione di qualche grado se il labirinto dice che la situazione è un'altra.

Questo naturalmente senza precisare che si tratta di fenomeni presenti in tutti i paesi del mondo, ampiamente spiegate da un particolare effetto ottico presente sistematicamente in tutti questi luoghi e che tuttavia, a mio parere, presentano un lato assai interessante in quanto mostrano come la percezione sia soggetta ad errori di vario tipo in un modo riproducibile e comune a tutti noi.

Stupidocane ha detto...

Ho un'idea: e se usassimo i vasi comunicanti?

Basterebbe un tubo lungo qualche centinaio di metri, in modo tale da aggirare ampiamente la zona con l'"anomalia gravitazionale", mettere le due estremità dello stesso ad una determinata altezza ai due capi dell'"anomalia", stando ben attenti ad aggirarla il più possibile, riempire il tubo d'acqua, misurare l'altezza da terra del livello del liquido.

In questo modo il liquido non sarebbe soggetto ad alcuna forza di gravità "anomala" in quanto, facendo il giro largo, risponderebbe alle leggi della gravità "normale". Quindi, tirando poi una corda tra le due altezze trovate con il tubo, si misura l'altezza da terra in vari punti dell'"anomalia".



Stupidocane ha detto...

Oppure ancora:

Costruiamo un piano inclinato con un grado di inclinazione noto (es. 15°) in un luogo noto per avere la "gravità normale", mettiamo una sfera, la facciamo rotolare e misuriamo il tempo che ci mette a cadere dal piano inclinato. Portiamo il tutto nel luogo dell'"anomalia gravitazionale" e vediamo che comportamento assume la sfera.

Misuriamo il tempo in un senso e, girando il nostro trabiccolo, nell'altro. Siccome si aggiunge l'inclinazione del terreno "gravitazionalmente anomalo", i valori in campo sarebbero sì diversi, ma al contrario. Infatti, nel caso di "anomalia gravitazionale", dovrebbe accelerare in "salita" e decelerare in "discesa" (che conosciamo perché abbiamo preventivamente segnato da che parte pende il nostro piano inclinato). Ecco allora confermata l'"anomalia gravitazionale". Se invece accelera in "discesa" e decelera in "salita", doppio dito medio alzato a tutti creduloni. :)

Stupidocane ha detto...

Oppure ancora:

Puntiamo di laser verso i catadiottro posti sulla Luna, spariamo due fasci contemporaneamente e misuriamo la differenza di risposta tra le due quote.

Stupidocane ha detto...

Due laser, non di laser...

Stupidocane ha detto...

Oppure ancora:

Chiediamo a mio cuGGino che lui sta sempre al bar e sa tutto. Magari ci scappa pure una birra.

pgc ha detto...

un sistema efficace sarebbe la misura della differenza di livello via GPS, possibilmente differenziale, per avere una precisione più elevata, ma anche un GPS qualsiasi va benissimo.

Il GPS non può essere sensibile ad eventuali anomali locali, essendo posizionato a grande distanza, e si basa su segnali elettromagnetici.

martinobri ha detto...

Basterebbe un tubo lungo qualche centinaio di metri, in modo tale da aggirare ampiamente la zona con l'"anomalia gravitazionale", mettere le due estremità dello stesso ad una determinata altezza ai due capi dell'"anomalia"

Bravo. Però devi mettere anche un termostato ad ogni estremità del tubo, perchè se l'acqua fosse a diverse temperature di qua e di là la dilatazione termica ti sballerebbe il risultato.

Giuliano47 ha detto...

@martinobri
"perchè se l'acqua fosse a diverse temperature di qua e di là la dilatazione termica ti sballerebbe il risultato".

Beh, se non si puo` con l'acqua, allora usiamo il vino :-)

Stupidocane ha detto...

@ martinobri

Per la diversa temperatura, visto che non sono che pochi metri di strada con "anomalia gravitazionale", non ci sarebbero grossi problemi. Tutt'al più basterebbe aspettare che il tubo si riscaldi al Sole per qualche ora ed il gioco è fatto. Uniformità, regolarità, anomalità!

Stupidocane ha detto...

Il GPS non può essere sensibile ad eventuali anomali locali

Dipende... da me, nei pressi dei bar, a tarda notte, girano certi anomàli... :D

pgc ha detto...

anche ammettendo che metà del tubo sia a 30 C e l'altra metà a 20, la variazione della densità dell'acqua sarebbe dello 0.3 % (da 995.65 a 998.2 Kg/m3). Di conseguenza il peso delle due colonne d'acqua (immaginando il vaso come una "U") varierebbe di altrettanto. Se usassimo un tubo con una profondità massima di 1 metro, l'acqua si aggiusterebbe in modo da equilibrare il peso dei due rami, con una variazione, se non vado errato, di 3/2 mm, assolutamente trascurabile.