Cerca nel blog

2009/03/04

Voyager blatera di cospirazioni per fingere gli allunaggi

Giacobbo lunare


Stasera Voyager si è occupato delle teorie di complotto secondo le quali gli sbarchi umani sulla Luna avvenuti tra il 1969 e il 1972 sarebbero stati falsificati. E' stata la solita accozzaglia di scemenze partorite da incompetenti e ripetute a pappagallo da irresponsabili nonostante siano state sbufalate da anni.

Roberto Giacobbo fa una ricostruzione degli eventi storici che non esito a definire falsa e menzognera. Non uso queste parole con leggerezza; l'elenco delle castronerie e dei veri e propri trucchetti di montaggio nel servizio di Voyager di stasera è troppo lungo e squallidamente abbondante. Persino l'audio dell'allunaggio dell'Apollo 11 è stato manipolato intenzionalmente.

Come se questo non fosse già un disservizio sufficiente ai contribuenti che lo sostentano con il canone, Giacobbo rincara la dose: si ripara dietro la solito patetica foglia di fico dei "pare che...", "alcuni dicono che...", "gli esperti (rigorosamente senza nome) dicono che forse..." per rigurgitare domande che non esito a definire idiote: una per tutte, quella delle ombre che non sono parallele nelle foto lunari.

In questo modo si acquatta dietro i lunacomplottisti e tira letame addosso a chi ha dedicato la propria carriera, rischiato la vita, e spesso l'ha persa, per l'esplorazione dello spazio e per il progresso della conoscenza in un'avventura storica. Un gesto particolarmente ingrato, visto che proprio dalle missioni spaziali sono arrivate anche quelle tecnologie di telecomunicazione che adesso Voyager sfrutta per disseminare idiozie con i soldi dei contribuenti. Che tristezza.

Per chi volesse conoscere i dettagli, il blog Complotti lunari contiene le risposte alle domande più frequenti e molti rimandi ai siti tecnici, in inglese e in italiano, che spiegano come sono andate realmente le cose.

Lo so, lo so, forse me la prendo troppo. Ma quando vedo gente che dal pulpito della TV spande la propria ignoranza su una delle poche imprese del ventesimo secolo di cui possiamo andare fieri senza esitazione, ho i travasi di bile. Sono fatto così.

Ah, e per quella storiella delle ombre nelle foto lunari che dovrebbero essere parallele perché c'è una sola fonte di luce (il sole), ecco un paio di foto su cui gli autori di Voyager potrebbero provare a ragionare. Sono state scattate da me, con una sola fonte di luce, ossia il sole, proprio come nelle foto lunari. E anche qui le ombre misteriosamente non sono parallele, proprio come nelle foto lunari: sarà un complotto?

R0012153.JPG


Evidentemente nessuno, nello staff di Voyager, ha mai sentito parlare di prospettiva:

R0012152.JPG


Che pena.

179 commenti:

arciblog ha detto...

e l'altro giorno un amico mi diceva:" sì ma io Voyager lo guardo, c'è sempre un fondo di verità in quello che raccontano".
ormai c'è chi si accontenta delle leggende, il problema però è il solito, qui si promuove l'analfabetismo scientifico, la pseuscienza più becera, e coi soldi dei contribuenti

Marco Male ha detto...

Come se orma non lo sapessero tutti chi è Giacobbo [che un po' mi dispiace che all'inizio era pure partito bene...]
Per quei pochissimi che ancora potessero dargli credito credo l'ultima mazzata l'abbia giustamente data la Litizzetto domenica sera.

Federica ha detto...

Ma se non sparassero certe... amenità... come farebbero ad andare in onda da anni, con sempre nuovi "misteri"?

Non tutti sono come Piero e Alberto Angela, che si mettono lì e ricostruiscono magari la vita di un personaggio storico a cui dedicano la serata.
E però all'italiano medio di sapere la vita di Cicerone non gliene frega niente, mentre sentir dire che forse sulla luna non ci siamo mai stati... quello sì che è interessante!

don ha detto...

dopo che Giacobbo ci ha così anche stasera così scientificamente edotti possiamo dormire sonni tranquilli, sicuri che nessuno potrà mai più più ingannarci, perchè inflessibili (e soprattutto documentatissimi) indagatori vigilano su di noi per smascherare ogni complotto :) perchè non proponiamo come abitanti (fissi) della futura base lunare lo stesso Giacobbo e i Marcianò brothers? così il primo potrà verificare di persona la direzione delle ombre sul luogo dell'atterraggio del LM, e gli altri due saranno al riparo dalle nefaste conseguenze delle scie chimiche (a meno che le scie le abbiano nel cervello, nel qual caso non ci sono speranze per loro)
:P
notte

PS in una seconda fase della vita della base ALPHA (ci auguriamo non troppo lontana) avverrà che la luna, per effetto cumulativo e detonante delle castronerie dei tre, si staccherà dalla propria orbita e se ne andrà in giro per l'universo con i suoi abitanti, sempre più lontana da noi.
se avete suggerimenti su altri soggetti da proporre per la missione lunare...

:D
ri-notte

Giornalettismo ha detto...

E' particolarmente infido il modo di condurre di Giacobbo: se ci pensate, lui racconta la "verità ufficiale", ma le str...amberie le fa dire alla voce fuori campo. (un vano tentativo di salvare la reputazione?).

Incredibile, hanno ripetuto le solite storielle già note e spiegate da anni.

[just]

Maciste ha detto...

Che schifo.
Giacobbo è senza vergogna, ma non è che sia in malafede. purtroppo ci crede veramente alle scemenze che dice...
Come quella volta che vaneggiava di aver ripreso un fantasma con la telecamera dell'operatore di Voyager, prontamente sbeffeggiato da Striscia la Nozia che gli recapitò il meritato tapiro.

E' anche una questione economica: ormai Giacobbo non può che guadagnarsi da vivere così, altrimenti finisce in mezzo a una strada...

Ander Rom ha detto...

Ed ecco che domani mattina (insegno matematica e scienze in una scuola media) dovrò di nuovo spendere molto del tempo delle mie lezioni a controbattere le "verità scientifiche" di Voyager! :-(

Purtroppo, al contrario di quanto spera Marco Male, i ragazzini di 11-14 anni (e spesso anche i loro genitori) hanno la tendenza a credere molto di più a Giacobbo che non ai professori e a chiunque tenda a cercare di ragionare sui fatti.

E pensare che Voyager è prodotto con i nostri soldi del canone rai!! :-)

Un triste saluto da
Andrea

Claudio ha detto...

Paolo, la tua incavolatura è una mancanza di rispetto nei nostri confronti

voglio dire: tu per lo meno vivi in Svizzera! Cosa dovremmo quindi dire noi italiani d'Italia? =)

Paolo Attivissimo ha detto...

Cosa dovremmo quindi dire noi italiani d'Italia? =)

Non dovreste dire niente: dovreste fare.

Dove per "fare" intendo radunarsi sotto gli uffici della dirigenza RAI con torce e forconi :-)

arciblog ha detto...

se servono ho due casse di torce avanzate da qualche fiaccolata pacifista, per i forconi posso vedere, abito in campagna..
;-)

ps qualcuno, per caso, non ha ancora letto la voce Giacobbo su nonciclopedia?

ha un solo problema, è troppo vera per un enciclopedia umoristica

pAoLo ha detto...

E' lo specchio della società... purtroppo, in cui è molto più affascinante sperare che sapere.

Le risposte chiudono le domande, per questo fa comodo pensare a realtà alternative...

Skeptic ha detto...

Che tristezza...sono curioso di vedere i dati auditel per sapere in quanti hanno ascoltato le scemenze del buon Giacobbo...

iorek ha detto...

La redazione di Voyager, vedendo le foto, probabilmente suggerirebbe che non siamo mai in realta' sbarcati in Svizzera.

Maяcoooo ha detto...

lol
strano che non abbia messo in mezzo un complotto degli eredi dei templari, li infila in ogni contesto, che seguendo studi e appunti di 600 anni fa sono andati sulla luna per primi al posto degli americani.

Andrea Sacchini ha detto...

Il problema più grosso, a mio parere, è sempre quello: la mancanza di difese. Dove per difese intendo ovviamente la possibilità (e la voglia) di approfondire un po' le cose.

Purtroppo, come tendenza generale, la stragrande maggioranza delle persone prende per buono quello che passa la tv senza porsi eccessivi problemi. Cavolo, lo dicono in tv, vuoi che non sia vero? E la Rai (e Mediaset dall'altra parte, intendiamoci) cavalca e sfrutta proprio questa generale ignavia.

Anch'io sarei per andare sotto la sede della Rai coi forconi, e non solo per Voyager, che in fin dei conti non è altro che una perlina infilata nella collana di trasmissioni idiote inanellate dalla tv di stato.

Il fulcro del problema è proprio quello: mancanza di voglia di interessarsi alle cose, di essere parte viva, sveglia e attenta del mondo in cui viviamo, che è tutto ciò che nel corso degli anni ha generato quella ignoranza vera e genuina (ignoranza intesa nel senso più vero del termine, e cioè non sapere) di cui parlava Piero qualche giorno fa nel suo blog (anche se in altro contesto).

E il problema è che non si vedono all'orizzonte segnali che facciano presagire un cambio di rotta, almeno nel breve termine.

Vabbè. Ah, a proposito di cultura, vorrei segnalare (Paolo permettendo, ovviamente) che venerdì prossimo a Milano c'è Cory Doctorow (chi non sapesse chi è può dare un'occhiata qui).

Lasciate perdere Giacobbo, questo è sicuramente più interessante. ;)

Gulmus ha detto...

Che tristezza. Bisognerebbe veramente fare qualcosa, ma invece dei forconi si dovrebbe usare la stessa moneta. Una bella campagna di sbufalamento di Striscia la notizia che ogni sera propone una chicca di boyager, debitamente sbugiardata.
Striscia ha già preso di mira le stranezze statistiche dei pacchi di affari tuoi (molto meno dimostrabili delle immani cavolate di Giacobbo).
Ce lo vedete Staffelli che porta il tapiro al nostro, facendogli vedere in diretta che le ombre convergono anche sulla Terra?
Io l'idea l'ho lanciata, se qualcuno sa come contattare Striscia...

Anonimo ha detto...

E', la stessa rabbia che provo io verso questi imbecilli, che non si preoccupano di distruggere la memoria di quanti hanno rischiato la vita e l'hanno persa per il progresso dell'uomo. Questi qua con mezz'ora di cazzate stratosferiche vogliono distruggere anni di conquiste importanti in campo aerospaziale. Non sarebbe così tragico, non fosse che c' molta gente, troppa, che guarda queste stronzate e dice "è tutto vero, ci stanno imbrogliando. C'è una cosa che ho notato nei complottisti, ed è quello di denigrare la grandezza di uomini importanti nella storia dell'uomo, come scienziati, esploratori eccetera. Questo comportamento è sintomo di frustrazione per la propria mediocrità intellettuale. Non capisco che cosa ci sia di sbagliato nell'elogiare qualcuno che ha fatto la storia, invece questi qua cercano in ogni modo di cancellare la loro grandezza e il grande contributo che hanno portato all'umanità. E poi hanno il coraggio di dire "la mia opinione vale quanto la loro". Ma vaff................

Marte ha detto...

Ciao a tutti e al Disinformatico :D

Da tempo seguo, silenzioso tra la massa silenziosa, il tuo blog (ed il sito sui miti lunari).

Ieri mi sono messo d'impegno ed ho aspettato con caparbietà che Voyager trasmettesse la parte sui miti lunari.

Alla fine.. rimasto sorpreso.

Domando seriamente se é possibile denunciare la RAI per simili trasmissioni: in fondo é fatta coi MIEI soldi e quindi.. perché subire passivamente questo?

nota bene: hanno evitato accuratamente di menzionare il fatto che URSS avrebbe "vinto" la gara lunare, se fosse riuscita a provare che sarebbe stato tutto un falso!

Marie Quillouch ha detto...

Quello che mi fa rabbia è che la settimana scorsa ho tirato fuori più di cento sudatissimi Euro per pagare il canone Rai e dare lo stipendio a Giacobbo... :(((

Marco V. Fossen ha detto...

Diciamo pure che l'unico servizio serio è stata la ricerca della salvia !
In realtà quel servizio sulla luna un vantaggio lo ha avuto: dopo la trasmissione ho spieagato a mio figlio (16 anni) che le cose dette erano delle solenni bischerate e ci siamo fatti un bel giretto sul blog "Complotti Lunari" confutando punto per punto le affermazioni sentite nella trasmissione.

Mattia Paoli ha detto...

Scrivete a voyager@rai.it

:)

L'economa domestica ha detto...

E la scusa che usano per difendere Giacobbo è che il programma costa poco e fa ascolti... Sì, ma quel poco che costa lo paghiamo NOI!!!

Rodri ha detto...

Bom ecco questa è la magra consolazione tra la differenza tra il giornalismo TV in Svizzera e in Italia. La tv svizzera sarebbe capace di fare la stessa identica trasmissione come Giacobbo, ma poi coloro che l'han prodotta verrebbero mandati a spalare letame.

Fljll ha detto...

Mi sembra che il servizio di ieri fosse semplicemente la replica di quello trasmesso un anno fa (3 marzo 2008) e già allora sbufalato sul "disinformatico".

Faccio anch'io una replica del mio commento di allora sul forum di Bibliotopia:

"Roberto Giacobbo & Co. hanno dei dubbi. D'altra parte, si sa che loro credono solo a cose ben documentate come il chupacabra di Cuero e il raggio della morte.
[...]
Ovviamente saltano fuori le solite obiezioni alle foto, con notevole insistenza sulle ombre non parallele.
Dice il servizio di Voyager che le ombre sulla Luna, in quanto prodotte dal Sole, non essendoci altre fonti di luce, dovrebbero essere parallele. Invece in quelle foto non sono parallele! :o
Questa obiezione mi ha davvero sconvolto! Non tanto per la storia della Luna, che in fondo non mi cambierebbe la vita, ma perché, quando ho osservato alcune mie foto, che ero certo di aver scattato all’aperto e con il Sole come unica fonte di luce, mi sono accorto che anche lì le ombre non sono parallele! :o Ma allora vuol dire che qualcuno è entrato in casa mia, mi ha rubato le foto, le ha rifatte in uno studio e si è di nuovo intrufolato in casa mia per fare la sostituzione!" ;D

Il Sessista ha detto...

Una trasmissione scandalosa. Un'accozzaglia di immagini buttate lì a caso, senza ordine (quando parlavano del satellite che avrebbe trasmesso il finto dialogo tra gli astronauti dell'Apollo 11 c'erano le immagini della Skylab!), testi buttati lì a casaccio, allusioni a questioni trite e ritrite... Ma come si fa? Ma la vigilanza Rai non dovrebbe vigilare anche sulle ..zate che mettono in onda?

Diego ha detto...

Nella prima delle due foto da te scattate non si vede nemmeno una scia chimica: le hai cancellate digitalmente, e questo dimostra inequivocabilmente quanto tu sia parte del complotto.

Paolo Attivissimo ha detto...

Mi sembra che il servizio di ieri fosse semplicemente la replica di quello trasmesso un anno fa (3 marzo 2008)

Il servizio era in parte lo stesso, ma a memoria mi sembra di aver notato delle differenze. Dovrei fare un controllo incrociato, ma il tempo è tiranno.

Pietro ha detto...

Paolo, c'è chi si sta accorgendo che voyager fa pena: domenica scorsa è stato preso per il c... dalla Litizzetto a "Che tempo che fa", se non lo hai visto lo trovi a: http://www.chetempochefa.rai.it/TE_videoteca/1,10916,1096086,00.html
Notevolmete caustico!
Cosiglio anche ad Ander Rom di farlo vedere alla sua classe, spesso funziona più l'ironia del ragionamento puro.

Mousse ha detto...

@Paolo:

Non dovreste dire niente: dovreste fare.

Dove per "fare" intendo radunarsi sotto gli uffici della dirigenza RAI con torce e forconi :-)


Oh, andiamoci piano: lavoro di fronte alla RAI, avvisate quando parte la spedizione punitiva così me ne sto a casa ;)

Paolo Attivissimo ha detto...

Oh, andiamoci piano: lavoro di fronte alla RAI, avvisate quando parte la spedizione punitiva così me ne sto a casa ;)

Noooo, tu devi portare la telecamera HD e immortalare l'evento.

Se poi sei a un piano alto e vuoi contribuire offrendo la tua postazione agli arcieri, tanto meglio.

Hammer ha detto...

La chicca più bella è stata quando hanno mostrato la foto di Aldrin AS11-40-5903 e lo speaker ha detto più volte che si trattava di Armstrong!!!

Non sanno nemmeno che foto fanno vedere.

Paolo Attivissimo ha detto...

Sì, l'avevo notato anch'io. E che dire delle DUE Hasselblad che secondo Voyager sarebbero state portate fuori dal LM da Aldrin e Armstrong?

O dell'Apollo 10 che a sorpresa "tenterà un allunaggio"?

O del "BAM!" aggiunto nell'audio dell'allunaggio dell'Apollo 11?

O della scemenza dell'Apollo 11 che avrebbe spento i motori prima di toccare il suolo lunare?

Come dicevo, la lista delle idiozie e delle manipolazioni di questo servizio di Voyager è lunga. Talmente lunga che farla completa rischia di annacquare le perle più grandi.

La differenza, rispetto a prima, è che stavolta hanno mostrato una versione falsificata della ricostruzione degli eventi. I filmati mostrati sono stati alterati intenzionalmente. Non è pensabile che l'audio dell'allunaggio cambi senza l'intervento intenzionale e consapevole di qualcuno.

Paolo Attivissimo ha detto...

Fra l'altro, grazie, Hammer, per avermi segnalato la trasmissione.

archivit ha detto...

@Paolo: "Lo so, lo so, forse me la prendo troppo."

Non credo, penso sia una reazione fin troppo civile per esternare un giusto disappunto.

Ho disdetto il canone RAI circa 4 anni fa ormai, in modo regolare cioé seguendo le loro regole alquanto astruse e complicate. Primi periodi di vessazione e minacce alle quali ho risposto con una formale diffida.
Non sono il tipo che ritiene la televisione il male assoluto ma un individuo pensante il quale ritiene che la RAI, in questo momento, è un disservizio al limite della truffa e le rare eccezioni non sono per me sufficienti a convincermi di sostenere economicamente una tale impresa commerciale. Ho bel altri mezzi che mi soddisfano, per fortuna.

Giggi ha detto...

allora cominciamo, orsu'. organizziamo si o no ?
io ci sto, andiamo a trovare Giacobbo e gli portiamo un simbolo della scienza e della verita', non so, un filmato con tutte le sbufalate dei suoi recenti programmi, basterebbe anche quest'ultimo sulla luna.
Si fa ?

Pierluigi Chiodin

Nino ha detto...

arciblog: "...ho due casse di torce avanzate da qualche fiaccolata pacifista..."

allora no, sono troppo vecchie!
:D

Hammer ha detto...

Fra l'altro, grazie, Hammer, per avermi segnalato la trasmissione.

Di nulla, figurati!

Giggi ha detto...

@archivit
quindi da quattro anni non hai piu' la tv in casa.

Umby9000 ha detto...

Mi era venuto in mente proprio ieri sera, mentre leggevo i commenti a proposito se denunciare o meno i due fratelli di Sanremo.

Se la RAI, televisione di stato, finanziata con i soldi del canone e con contributi statali, si permette di mandare in onda trasmissioni del genere, come possiamo colpevolizzare i Sanremo's bros?

Ormai alla RAI conta solo lo share, e quindi il guadagno derivante dalle pubblicita`, scordandosi di essere una televisione di stato che dovrebbe avere il dovere di Informare la gente e non Disinformarla.

Se invece l'obbiettivo della RAI e' il guadagno, allora diventi una TV privata, non prentenda piu` il pagamento del canone, ma a quel punto credo che molti figli (nipoti, cugini, conoscenti) famosi si troverebbero per strada.

R.Giacobbo prima lavorava per LA7 e conduceva una trasmissione che era una vera c....ta, poi l'ha preso la RAI e le trasmissioni "scientifico-informative" su LA7, pur non perdendo le caratteristiche divulgative, sono improvvisamente diventate piu` serie...

Umby9000

Nino ha detto...

La soluzione piu' ragionevole secondo me e' ABOLIRE il canone!
E non solo per Boyager!!!
O il canone o la pubblicita'.
Ma temo (come hanno detto altri) che ci sara' tanta gente che "remera' contro"...

Fabio ha detto...

Il servizio sul complotto lunare non l'ho guardato, mi sono bastati i servizi precedenti.
Ma dico io, quello sulla principessa Vampiro l'avere seguito? Ma che ca....te hanno raccontato? Ma almeno dicessero che stanno raccontando una favola, ed allora ok.
La cosa più triste è che se Voyager dura da così tanto tempo, è perchè qualcuno ci crede (come crede ad altre balle elettorali ma questo è un altro discorso).
Complimenti per il sito.

Marie Quillouch ha detto...

@Archivit:
come hai fatto a disdire il canone?!?
Bisogna per forza rinunciare alla televisione o c'è qualche altro metodo?
(Io per me ci rinuncerei volentieri, ma marito e figlie... non so che fine mi farebbero fare!)

archivit ha detto...

@Giggi

Si, infatti, non ho più la tv in casa e, sinceramente, non ne sento la mancanza. Ripeto non ho nulla di ideologico contro la tv, la mia è stata una forma di protesta nei confronti di un'azienda come la RAI che, personalmente, ritengo degenerata. Per contro, ritengo che chi abbia un televisore debba assolutamente pagare il canone e non condivido atteggiamenti "all'italiana" di alcuni che, pur avendo il televisore, non pagano il canone magari balbettando disapprovazione sulla qualità dei programmi, ecc, ecc.. Se uno vuole protestare lo faccia legalmente.

Alfred Borden ha detto...

Ma possibile che l'Agenzia spaziale italiana o l'Istituto nazionale di astrofisica non abbiano nulla da ridire se la televisione pubblica (cui è demandato comunque un compito educativo) manda in onda simili schifezze? Qui stiamo parlando di evidente mistificazione di fatti, non semplicemente di opinioni "alternative" espresse in nome della par condicio.

Secondo me un comunicato stampa di protesta non sarebbe una cattiva idea.

Alfred Borden ha detto...

Procedura per la disdetta del canone RAI, by ADUC

Peppe ha detto...

@Paolo

perchè tu, che hai una certa autorevolezza, non provi a contattare la redazione di voyager o lo stesso giacobbo per cercare di chiarire la questione? che stiamo qui a dire che fa pena non risolviamo tanto... fatti invitare in trasmissione e discutete no? :)

archivit ha detto...

@Alfred Borden

Infatti, ho seguito la procedura indicata dall'ADUC al link da te tempestivamente postato. Forse per completezza del mio intervento avrei dovuto pensarci io. Si vede che non sono un veterano della blogsfera, ma cerco di impegnarmi e maestri non mancano :-).

grAz ha detto...

Ho visto la trasmissione con mio padre. E' un brav'uomo, molto intelligente, di buona cultura (anche se poco scientifica, è ragioniere) e normalmente poco propenso a credere a ogni boiata che passa in TV. Eppure la trasmissione gli lasciava il dubbio. "Bah, eppure vuoi vedere che...", "non ci credo tanto a queste cose, però può darsi...". E' normale che la gente reagisca così: in fondo bastano pochi minuti di sciocchezze ben confezionate, con qualche netta menzogna qua e là senza contradditorio, a seminare per lo meno il dubbio in chi non legge tutti i giorni il blog di attivissimo e/o non fa l'astronomo o il fotografo di professione.
Lì per lì, a memoria e con calma, spiegavo a mio papà dove la trasmissione stava dicendo balle o imprecisioni, dove era incongruente, e di dare una risposta alle tante domande retoriche del piffero buttate lì da Giacobbo. In verità non è sempre facile ribattere "al volo" a queste cose: e perchè io non sono Paolo, e perchè è tremendamente più facile inventarsi una boiata che confutarla a "botta e risposta", anche se si è letto del materiale in proposito. Tipo le ombre parallele... mi ricordavo che era una boiata per via ad esempio del terreno non pianeggiante, ma lì per lì non mi è venuta in mente una cosa tanto banale come la prospettiva...! :(

Comunque sono abbastanza riuscito a convincerlo, anche se vedevo che alle mie spiegazioni "scientifiche" (tipo la polvere "parabolica", ecc) annuiva ma non era convinto in modo decisivo. Quello che l'ha convinto in modo decisivo che la storiella del complotto non stava in piedi è stato il pensiero di come fosse possibile vincolare al silenzio così tanta gente per così tanti anni, e come è possibile che il KGB non abbia subodorato e denunciato nulla.

In sostanza, queste trasmissioni fanno malissimo all'opinione pubblica, perchè a parte i casi patologici come straker vibravito &co che si inventano paladini del complotto, ma anche la gran maggioranza della gente "normale", che non è nè stupida nè ignorante nè credulona, eppure rimane con la cosiddetta "pulce nell'orecchio". E mancano quasi del tutto, ahimè, le voci in senso contrario (Paolo è una felice eccezione, ma in TV non ce lo vedo mai!) che possano richiamare alla ragione e dare alla gente la possibilità di "sentire le due campane". Sono convinto che quasi tutti finirebbero, come mio papà, per dare ragione a chi dice le cose più sensate. Se solo lo potessero sentire.

Willy ha detto...

@archivit:
[giacobbo mode ON]
"pare che...", "alcuni dicono che...", "gli esperti (rigorosamente senza nome) dicono che forse..."
[giacobbo mode OFF]

basti un qualsiasi dispositivo "adattabile" a ricevere il segnale TV in casa per essere obbligati a pagare il canone.

fanboy-apple: ha detto...

Devo dire che invidio a Paolo questa forza che mostra ancora nell'opporsi, nel tentare di resistere a questa pochezza dilagante su internet e sui media.
Ormai sto rivalutando trasmissioni come "Amici" e "grande fratello": sono trash, ma almeno sono oneste.

Quello che fa Giacobbo è qualcosa di davvero pessimo, io mi auguro che sia almeno coscente dei danni che sta causando a chi fa ricerca seria.

Nino ha detto...

Hai ragione Willy!
Basta un "videofonino", o anche un computer perche' si sia OBBLIGATI a pagare il canone, anche se ci si vede solo i DVD con il televisore.
Questo in teoria la legge gia' lo prevede, come adesso e' ora in Francia.

Dio ha detto...

Ma è assurdo!
Non avevo mai visto quell'accozzaglia di castronerie ma interessato dall'articolo l'ho guardato su youtube! Quel genio del male descrive il Necronomicon come se esistesse, quando lo stesso Lovecraft dichiarò più spesso che era una sua invenzione!

Rodri ha detto...

Capo, dobbiamo riunire di nuovo gli agenti segreti e preparare il ristorante per un incontro con Giacobbo?

archivit ha detto...

@Willy

E' una interpretazione forzata fatta dalla RAI della legge, ancora in vigore, sulle trasmissioni radio e risale agli anni trenta quando il televisore non esisteva. Leggendo sul sito ADUC, sul punto le Agenzie delle Entrate, quando interpellate, non hanno mai risposto e, quindi, non esiste allo stato una interpretazione "autentica".

Paolo Attivissimo ha detto...

perchè tu, che hai una certa autorevolezza, non provi a contattare la redazione di voyager o lo stesso giacobbo per cercare di chiarire la questione?

Perché non rispondono.

Parliamoci chiaro: a Voyager non sono scemi. Sanno benissimo di trasmettere scemenze. Se volessero correggere le fesserie che dicono, o evitare in partenza di dirle, basterebbe che sfogliassero qualunque libro tecnico sulla materia o facessero cinque minuti di Googlata (le "pietre di Ica" sono un esempio classico). Diamine, basterebbe una sfogliata della Wikipedia inglese.

Se lo fanno, è perché ci marciano. Quindi è perfettamente inutile scrivere. Anche perché le sbufalate (mie e di altri) delle loro trasmissioni vengono segnalate loro da tempo. Se ne fregano.

Alle trasmissioni decenti, come Matrix, è bastato che io scrivessi un articolo di sbufalamento (sull'11/9) per chiamarmi.

E francamente, senza garanzie precise di poter parlare senza giochetti di montaggio e di poter mostrare immagini, sarebbe uno spreco di tempo andarci.

Alfred Borden ha detto...

Willy, purtroppo non è una leggenda metropolitana.
Il regio decreto-legge n. 246 del 21 febbraio 1938 (!!) così recita: «Chiunque detenga uno o più apparecchi atti od adattabili alla ricezione delle radioaudizioni è obbligato al pagamento del canone di abbonamento, giusta le norme di cui al presente decreto. La presenza di un impianto aereo atto alla captazione o trasmissione di onde elettriche o di un dispositivo idoneo a sostituire l'impianto aereo, ovvero di linee interne per il funzionamento di apparecchi radioelettrici, fa presumere la detenzione o l'utenza di un apparecchio radioricevente».

@archivit

Ho quel link sempre a portata di mano, così da suggerirlo in ogni occasione. ;)

xarabas ha detto...

io più che altro mi chiedo come mai non venga mai messo su un bel contraddittorio, in modo da avere entrambe le teorie da mostrare alle persone, invece di invitare solo i soliti ospiti (se non sbaglio l'esperto di ieri era uno scrittore.....) e limitare gli interventi "contro" a spezzoni di interviste isolate dal contesto e infarcite di domande e dubbi a cui l'intervistato non può rispondere.

archivit ha detto...

@Willy @Nino

Dimenticavo.

Sul problema della interpretazione circa gli apparecchi atti a ricevere trasmissioni tv, invito a visitare il seguente link:
http://www.aduc.it/dyn/rai/comu.php?id=237074

Paolo Attivissimo ha detto...

Capo, dobbiamo riunire di nuovo gli agenti segreti e preparare il ristorante per un incontro con Giacobbo?

No, non credo ne possa venir fuori nulla di interessante in termini psicologici. Da quello che vedo, è già chiaro che Giacobbo non è un sostenitore credente. Sa benissimo che quello che dice è una marea di scemenze. Per cui un incontro sarebbe inutile.

Paolo Attivissimo ha detto...

mi chiedo come mai non venga mai messo su un bel contraddittorio

Chiedilo a Giacobbo.

L'esperto di ieri era Roberto Pinotti, ufologo, e persino lui non riusciva a stare serio all'idea della messinscena.

a_lounge_lizard ha detto...

@Dio

ma tu, essendo onnipotente, non potevi fermare la messa in onda della trasmissione??? chesso', un'insetto nelle bobine...

Fozzillo ha detto...

A parte le solite castronerie, ombre, foto perfette, veramente troppe, ci sono degli errori così banali che fanno capire la superficialità del "servizio":

"il programma apollo fu il secondo progetto di lanci spaziali umani intrapreso dagli Stati Uniti, dopo il Mercury e prima del Gemini"

Apollo veniva dopo Mercury e PRIMA di GEMINI!?!

Forse è vero per quanto riguarda le date di approvazione dei progetti, ma diamine!

E quando Aldrin racconta delle ultime fasi dell'allunaggio, il titolo in sovrimpressione recita: "Michael Collins".

Mousse ha detto...

Paolo:

La finestra del mio ufficio è dal lato sbagliato, ma possiamo temporaneamente invadere l'ufficio di qualche collega. Non so se Voyagger va in onda da Milano o da Roma, io sto a Milano).

Preparo piume e catrame? :p

mattia ha detto...

Paolo,
hai visto la Littizzetto domenica quando ha preso in giro Giacobbo?
http://www.chetempochefa.rai.it/TE_videoteca/1,10916,1096086,00.html

Ammirevole.

Paolo Attivissimo ha detto...

hai visto la Littizzetto domenica quando ha preso in giro Giacobbo?

Vista. E' stata fin troppo gentile.

Gianni Comoretto ha detto...

Tempo fa mi hanno intervistato per Voyager e periodicamente rivogano la stessa intervista (tra l'altro con pochi secondi estratti da un discorso più lungo, per cui faccio la figura dello scienziato saccente).

L'intervistatore (che non è ovviamente Giacobbo), chiacchierando dell'avvistamento UFO su Firenze (che oggi sappiamo dovuto a "chaff") mi raccontò degli operatori dell'Istituto Luce che, arrivati a cose finite, filmarono un palloncino spacciandolo per "eppure qualcosa abbiamo visto".

La mia poca fiducia in Giacobbo svanì come chaff prese in mano quando sentii il nostro riproporre PROPRIO QUEL FILMATO, che sapeva benissimo essere un falso, come "testimonianza" dell'avvistamento

Nino ha detto...

Archvit,
ho imparato (a mie spese) a prendere con le dovute molle gli appelli delle varie associazioni di consumatori, nessuna esclusa (per esempio, quell'ultima sul rimborso per i danni dalla pubblicazione dei redditi ha molte lacune).
Intendiamoci, hai fatto benissimo a disdire il canone, magari se vedono che milioni di persone fanno la domanda, magari ci pensano un po' su!
Pero', di fronte a innumerevoli (come so che gia' saranno) cavilli, impedimenti, ingiunzioni, ecc ecc, da parte della RAI, preferisco farmi venire l'ulcera e pagare, perche' non ho risorse (finanziarie e/o temporali) per stare appresso a qeusti *#@$£&%...
Per esempio, tempo fa e' venuto un tizio della RAI, con targhetta di riconosciemento, ecc ecc tutto regolare, e siccome eravamo in 4 nel nucleo familiare, mi voleva far pagare 4 canoni!!!!!!

usa-free ha detto...

E' stato troppo bello quando la voce fuoricampo ha detto, con la solita intonazione trasecolante"...perchè perfino la NASA ha ammesso che le foto sono state ritoccate!"

Eh appunto son così coglioni da dirlo, dopo che la messinscena è venuta così bene! :D

E i tre astronauti che escono alla chetichella (tanto non c'era proprio nessuno nei dintorni) prima del lancio?

E il razzo vettore che venne fatto cadere al Polo Sud? Tanto non c'era nessuno ad osservarne la traiettoria, e poi il Polo Sud è grande, chi vuoi che trovi i resti di un razzo alto decine di metri!

UNO SPASSO! :D

Claudio ha detto...

Ora basta! Chiamare quella trasmissione con il glorioso nome Voyager è troppo. Per me ormai da tempo la trasmissione si chiama "Boiager", con chiaro riferimento alle boiate che tira...

Danilo Salvadori ha detto...

A mio parere il problema non è Voyager ma gli autori e la redazione del programma. Come giustamente ha fatto notare Paolo più volte, veri misteri esistono nella scienza. Basterebbe parlare di quei misteri oppure parlare dei "presunti misteri" sbufalandoli come fanno in Mythbusters oppure come fa Paolo qui sul blog.

Claudio ha detto...

Ora basta! Chiamare quella trasmissione con il glorioso nome Voyager è troppo. Per me ormai da tempo la trasmissione si chiama "Boiager", con chiaro riferimento alle boiate che tira...

Mousse ha detto...

Sulla questione delle ombre non parallele bisogna anche fare un paio di discorsetti tecnici sulle lenti e le deformazoni degli obiettivi ^_^

Se si usa un grandangolo per fotografare una griglia le linee risulteranno non parallele ed anzi avranno una deformazione, idem se la macchina non è precisamente perpendicolare al terreno. Per avere foto con parallele e perpendicolari precise (per fotogrammetria o altre esigenze speciali) si usa una fotocamera particolare con un obiettivo basculante.

Anghelos ha detto...

Pensavo...
Ma se facessimo una raccolta firme o altre iniziative per chiedere che anche in Italia venga realizzato un programma in stile Mythbuster?
Ovviamente dal punto di vista giuridico una raccolta firme non avrebbe nessun valore, ma sarebbe un modo per far vedere che un segmento di audience e mercato per un programma simile c'è. Così si combatte Giacobbo ad armi pari!

archivit ha detto...

Nino,
Comprendo perfettamente, e condivido, quanto hai detto. Io non mi considero ancora fuori dalle attenzioni di mamma RAI, e credo che torneranno alla carica armati di cavilli di cui parli. Sinceramente, non credo che la disdetta del canone fatta da singoli individui sia sufficiente a far migliorare l'azienda, forse ci vorrebbe una sorta di class-action, non so, e credo come te che l'atto singolo sia soggetto alle intemperanze dell'amministrazione finanziaria la quale schiaccerebbe con i suoi mezzi il povero malcapitato. Il mio gesto scaturiva da un vero disgusto verso la RAI e la disdetta mi sembrava un atto civile e legale fatta da un cittadino onesto che non voleva più usufruire di un servizio ritenuto scadente. Può darsi che il canone si trasformerà in una tassa di scopo (cioè il sostentamento di un'apparato di "pubblica" utilità) e allora pagherò anche io il balzello, vedremo.

Gianni Comoretto ha detto...

Come mai l'INAF non interviene? Secondo te l'INAF la c**a qualcuno di striscio? Anzi, siamo sicuramente parte del complotto. E si sa che gli scienziati, o chiunque usi argomentazioni scientifiche o sia competente ormai è venduto al sistema, solo chi non sa nulla può cogliere la Verità.

A proposito, qui ad Arcetri abbiamo ancora conservato i nastri originali con la voce di Armstrong, ricevuta con l'antenna che era una volta disegnata nei biglietti da 2000 lire.

Sul canone RAI. Una buona fetta di astronomi non ha il televisore, io ho resistito fintanto che il figlio non aveva 6 anni. E ora col figlio minore diciassettenne praticamente fa da soprammobile. Ho ricevuto infinite ingiunzioni a pagare, ma mai niente di legalmente valido. Però in teoria, siccome basterebbe una chiavetta USB attaccata al computer per vederci i programmi TV, e siccome non si può stabilire che non ce l'hai nascosta tra i calzini, si presume che se hai un PC puoi vedere la TV. Anzi, basta che tu abbia un allacciamento alla rete elettrica. STA A TE dimostrare che non hai NIENTE che possa riceverla.

sayhem ha detto...

trovo la diffusione di antiscienza in generale assai preoccupante...

dyk74 ha detto...

Non vorrei fare il polemico, ma il canone RAI non mi sembra poi cosi caro... visto che sono circa 100€ ogni anno... In Svizzera (dove abito) costa circa 78 ogni TRIMESTRE se si possiede sia un TELEVISORE sia una RADIO, vabbe' che la qualita' non e' paragonabile (noi non abbiamo la trasmissione comica Voyager e il grande fratello), ma comunque e' molto piu' cara per vedere in teoria poco piu' che 2 canali (SVIZZERI) in italiano, 2 in francese e 2 in tedesco...

CIAO CIAO

usa-free ha detto...

Ah poi quella della zampa del LEM che risulta pulita nella missione Apollo 11 e più sporca in Apollo 17... che misteroooo!

Capirai: in qualla di Apollo 17 la zampa si è posata in un posto dove c'era più sabbia! Fine del mistero :)

E poi basta una semplicissima considerazione:

Come mai nelle riprese degli astronauti si vede la sabbia scaturire ad ogni passo dell'astronauta con una dinamica che sarebbe impossibile in presenza di gravità ed atmosfera terrestre?

Come avranno fatto a falsificare alla perfezione questo dettaglio 40 anni fa, senza strumenti di editing video? :D

Magobone ha detto...

Mi sono permesso di citare il tuo articolo sul mio blog. Tu fai informazione, quelli di Voyager ci prendono solo in giro...con i nostri soldi.

Pietro Palladino ha detto...

La cosa triste è che sembra che qualcuno, forse molti, credono e tifano per Voyager!
Per esempio c'è un gruppo su Facebook intitolato al programma dove si dice che è il solo programma che merita il pagamento del canone!

Danilo Salvadori ha detto...

dyk74: c'è anche un altro argomento da ricordare: le trasmissioni ormai "storiche" della Rai si finanziano anche e soprattutto grazie alla pubblicità contenuta nelle stesse. "Porta a Porta", i talk show di Santoro, Ulisse, Voyager, i reality spazzatura, i telequiz non vivono grazie al canone, ma sopratutto grazie agli introiti della pubblicità trasmessa durante gli stessi. Quindi protestare dicendo "viene pagato con i nostri soldi" non è del tutto corretto.
A meno che ovviamente non si considerino "nostri soldi" anche quelli che vengono ricaricati inevitabilmente sui prodotti che acquistiamo per rientrare delle spese di marketing. In tal caso suggerisco di non acquistare i prodotti più pubblicizzati, ma quelli che hanno poca o nulla pubblicità per risolvere il problema.

Dan ha detto...

"se avete suggerimenti su altri soggetti da proporre per la missione lunare..."
Un uovo di Alien.

"Che schifo.
Giacobbo è senza vergogna, ma non è che sia in malafede. purtroppo ci crede veramente alle scemenze che dice..."

Quella è sempre la parte più difficile da stabilire, ma secondo me è perfetta e lucida malafede, un po' come Mazzucco e Straker. E' una cosa che finchè la fa continuare gli dà pubblico e soldi assicurati (e ha dimostrato di saper andare avanti con le solite trite s******ate da anni), quindi perchè mai dovrebbe smettere per qualcosa come "la conoscenza" o "la cultura".
"Moneys are Jacobb's best friends!", come è scritto sulla piana di Nazca. E poi c'è qualcuno che dice che dietro i complotti ci sempre i soldi e il potere... il più delle volte dietro i complottisti ci sono i soldi.

Per ander rom:
perlomeno loro hanno un contraddittorio con una controparte, ovvero tu, che può portare il dubbio nelle falsità e la voce della ragione. Pensa a tutti quelli che non ce l'hanno...

"Per contro, ritengo che chi abbia un televisore debba assolutamente pagare il canone e non condivido atteggiamenti "all'italiana" di alcuni che, pur avendo il televisore, non pagano il canone magari balbettando disapprovazione sulla qualità dei programmi, ecc, ecc.. Se uno vuole protestare lo faccia legalmente."
E se uno vuole solo guardarci i DVD e non la TV? E' una legge idiota e monopolizzante, e per questo tutt'altra che limpida. E meno male che adesso abbiamo anche schermi indipendenti dal sintonizzatore TV, all'epoca in cui la legge è stata fatta non c'era niente del genere. Quindi il messaggio di fondo è "O paghi il canone, o non guardi niente di niente". Carino, non c'è che dire.
Paolo, se continua così mi trasferisco in Svizzera... c'è posto dalle tue parti?

archivit ha detto...

dyk74,

La tua è una giusta considerazione, il canone RAI non è una cifra esorbitante e non condivido chi non lo paga anche se ha un apparecchio televisivo, i miei erano altri motivi. Ma, posso chiederti: è previsto in Svizzera la possibilità della disdetta del canone tv? e, se si, il cittadino svizzero che intendesse rinunciare alla fruizione della tv, dando regolare disdetta, a cosa andrebbe incontro?

Franci ha detto...

Io penso che Voyager sia la risposta fisiologica all'immensa mole di stupidità che regola questo mondo. Esiste Voyager perchè alcuni tipi di persone sono solleticate da quei temi, non c'è niente di cui scandalizzarsi...

Fozzillo ha detto...

Quel BAM aggiunto...

Lo disse James Irwing pilota del LM Falcon della missione Apollo 15.

L'allunagio avvenne con una velocità di 6,8 piedi al secondo, una bella botta!

http://www.hq.nasa.gov/alsj/a15/a15.landing.html

C'è anche l'audio
http://www.hq.nasa.gov/alsj/a15/a15a1040100.mp3

Il "BAM" è a 17.25

Giorgio ha detto...

oggi son passato di qui sperando di sentire la tua sulla trasmissione vomitevole di ieri sera... e devo dire che il tuo j'accuse mi soddisfa in pieno. La Rai ha Piero Angela e Giacobbo... ma mentre per il primo son contento di pagare il canone il secondo mi nausea ogni volta di più... non servirà a niente ma almeno scriverò qualcosa a quella redazione in malafede. Grazie per le parole.

dyk74 ha detto...

Innanzitutto preciso che anche sui canali svizzeri c'e' la pubblicita'... e dopo questa precisazione se uno disdice NON deve avere (cito):"Non vi è più nessun apparecchio - incl. computer con accesso ad internet (live streaming), apparecchi portatili, in veicoli, domicili secondari (automobile, imbarcazione, casa di villeggiatura)" Nel caso facessero un controllo e tu avessi disdetto:"Se si presenta una disdetta e si continua comunque a far uso di apparecchi radiotelevisivi si diverrà perseguibili a norma di legge. Le singole violazioni saranno punite con una multa fino a CHF 5000.- (art. 101 LRTV). " CHF 5000 sono circa 3380€
Per informazioni piu' precise... http://www.billag.ch

CIAO CIAO

archivit ha detto...

Dan,

Concordo con te, il televisore può essere usato anche solo per vedersi i DVD. Ma tantè. La legge attuale è vecchia e si presta a interpretazioni molteplici e contraddittorie. Infatti, ritengo che sia ormai più che maturo il tempo per regolamentare la faccenda aggiornando la legislazione in materia per renderla coerente con l'attuale stato della tecnologia a nostra disposizione. Lo so, siamo in Italia, e questa potrebbe sembrare una pia illusione.

Paolo Attivissimo ha detto...

qui ad Arcetri abbiamo ancora conservato i nastri originali con la voce di Armstrong, ricevuta con l'antenna che era una volta disegnata nei biglietti da 2000

*gasp*

Io e te dobbiamo parlare. A lungo :-)

Paolo Attivissimo ha detto...

Dan,

Paolo, se continua così mi trasferisco in Svizzera... c'è posto dalle tue parti?

Ce n'è, ma spicciati, che qui sta arrivando l'universo mondo di gente stufa di governanti inetti, burocrazia da stato sovietico e disservizi da terzo mondo.

papageno ha detto...

Paolo Attivissimo:
O della scemenza dell'Apollo 11 che avrebbe spento i motori prima di toccare il suolo lunare?

A me risulta che il modulo lunare avesse spento i motori appena prima di toccare il suolo.
E' a questo che servivano le sonde sotto i piedi del modulo.

archivit ha detto...

dyk74,

Grazie per le delucidazioni. E' mio parere che anche qui in Italia aggiorneranno l'attuale legge sulle trasmissioni in modo analogo a quanto avviene da voi.

Paolo Attivissimo ha detto...

Grazie Fozzillo, ricordavo l'episodio ma non avevo le sue coordinate esatte.

Questo conferma ulteriormente la cosa più grave di ieri sera: Voyager ha trasmesso un servizio intenzionalmente falsificato.

Danilo Salvadori ha detto...

A mio parere basta far girare il disgusto per Voyager il più possibile tramite i mezzi di comunicazione che conosciamo. Spesso e volentieri si ottengono più risultati di quanto sembra.
Ad esempio, qualche mese fa Mediaset importò in Italia la serie TV "Big Bang Theory". La traduzione ed il doppiaggio erano più che ridicoli, tanto che si sollevò un vespaio di proteste sui blog, community e forum degli appassionati. Sono state inviate lettere e mail di protesta. Risultato? Probabilmente è stato cambiato il team che si occupa della traduzione oppure è stato segnalato il problema ed ora la traduzione è migliorata notevolmente.
Mandiamo mail e lettere sia alla redazione di Voyager, sia alla Rai e vediamo che otteniamo (non trovo la mail ne' dell'uno ne' dell'altra però... hanno il sito meno navigabile dell'universo e più saturo di errori java che io abbia mai visto...), magari otteniamo qualcosa. Propongo anche di proporre alla redazione di Voyager VERI misteri di cui parlare, così per fargli vedere che esistono senza dover tirare in ballo alieni o santo graal.

Falco Stellare ha detto...

Anni fa, quando Giacobbo e il suo gilet allignavano dalle parti di LA7 con quella trasmissione/paguro aggrappata ai fondelli di un noto film, fui invitato proprio per una puntata col medesimo tema, le false missioni lunari, in quanto autore di un articolo divulgativo sull'argomento, pubblicato su una rivista italiana dedicata all'astronomia come diretta risposta alle farneticazioni di Kaysing.

Mi fu spiegato che la puntata sarebbe stata messa in piedi intorno ad un contraddittorio in studio tra un gruppo di scettici (tra cui probabilmente sarebbe stato presente anche un raro esemplare di chupacabras) e un gruppo (io in mezzo) di convinti difensori delle missioni lunari.

Ora, la storia insegna che certi confronti, condotti in ambiti del genere, sono produttivi come un seme gettato sull'asfalto; con tutte le ambiguità tipiche di gente di tal fatta la cosa sarebbe finita nel solito teatrino degli "scienziati" gretti difensori del canone, contro i Santi Liberi Pensatori Luminosi strenuamente in lotta per la difesa della Sacra Verità Nascosta.

Come il Grima di tolkeniana memoria, Giacobbo fonda la sua fortuna sulla consapevolezza che più di mille certezze definitive, in qualsiasi direzione vadano, paga la pagnotta un solo dubbio lasciato lì a marcire lentamente.

Rifiutai l'invito, cosa di cui mi vanto tutt'oggi, e tolsi così un nientesimo di boccone dai denti di Giacobbo. Meglio di niente!

Nella puntata, poi, spuntarono fuori cose come la sfinge di marte, roba da vomitare per settimane...

Una cosa ho imparato, misurandomi con la ragione e la disonestà intellettuale: puoi mettere insieme il miglior sistema a prova di cretino, con prove, spiegazioni, validazioni, quello che ti pare: prima o poi, qualcuno inventerà un cretino migliore, e tutto il tuo lavoro finirà sommerso dall'onda di nulla che il cretino si porta appresso.

Così campano gli oroscopari, i maghi, gli indovini, i Giacobbo, e i chupacabras.

Fozzillo ha detto...

Mi correggo:

Il pilota del LM di Apollo 15 fu James Irwin, e non Irwing.

Paolo Attivissimo ha detto...

Papageno,

A me risulta che il modulo lunare avesse spento i motori appena prima di toccare il suolo.
E' a questo che servivano le sonde sotto i piedi del modulo.


No, le sonde (aste) da 173 cm sotto tre delle zampe del LM servivano per informare il pilota della sua altezza dal suolo in caso di polvere eccessiva. La decisione di spegnimento del motore spettava al pilota.

Comunque la trascrizione delle comunicazioni parla chiaro:

102:45:40 Aldrin: Contact Light.
102:45:43 Armstrong (on-board): Shutdown
102:45:44 Aldrin: Okay. Engine Stop.

Armstrong - "We actually had the engine running until touchdown. Not that that was intended, necessarily. It was a very gentle touchdown. It was hard to tell when we were on."

(dall'Apollo Lunar Surface Journal)

papageno ha detto...

Ho trovato il riferimento che avevo in mente.
Apollo Program Summary Report, sezione 4.6.4 "[Lunar Module] Landing Gear":

The primary strut, shown in figure 4-20 was attached to the lunar module descent stage outrigger assembly and consisted of a lower inner cylinder that fitted into an upper outer cylinder to provide compression stroking at touchdown. The footpad, which was attached to the lower end of the inner cylinder by a ball joint fitting. was approximately 3 feet in diameter and was designed to support the lunar module with a surface bearing strength of 1.0 pound per square inch as well as to maintain sliding capability after having impacted rocks or ledges during touchdown. Attached to each of three of the footpads was a 68-inch probe designed to sense lunar surface proximity and to signal the Lunar Module Pilot so that he could initiate descent engine shutdown. The secondary struts (fig. 4-20) also had an inner and an outer cylinder and were capable of both tension and compression stroking.

Le sonde non servivano a spegnere il motor automaticamente, ma per segnalare al pilota la vicinanza del suolo.

papageno ha detto...

D'oh!

Ho appena visto la risposta di Paolo.

La prossima volta controllero' prima l'Apollo Lunar Surface Journal.

martinobri ha detto...

puoi mettere insieme il miglior sistema a prova di cretino, con prove, spiegazioni, validazioni, quello che ti pare: prima o poi, qualcuno inventerà un cretino migliore, e tutto il tuo lavoro finirà sommerso dall'onda di nulla che il cretino si porta appresso.

Legge di non mi ricordo chi: lo stupido è sempre più potente di tutti gli accorgimenti che si attuano per impedirgli di nuocere

mastrocigliegia ha detto...

Gianni Comoretto ha detto...
E si sa che gli scienziati, o chiunque usi argomentazioni scientifiche o sia competente ormai è venduto al sistema, solo chi non sa nulla può cogliere la Verità.


Ti dice nulla il Dott. Luciano Burberi, astrofisico Osservatorio Astronomico di Roma ?
Il nome compare, insieme ad altri, nel sito di Voyager, alla pagina del "gruppo di consenso" (chissà cosa vuol dire esattamente) della trasmissione.

Tra quei nomi, ho sentito solo Pie(r)luigi Baima Bollone, famoso per riconoscere l'impronta di una monetina (che poi sarebbero due o tre diverse, ma vabbè... meglio abbondare) sulla sindone.

Gli altri non li ho mai sentiti, ma è normale visto operano in campi molto lontani dai miei.
Dopotutto è quasi la stessa cosa del cicap, dove anche lì compaiono dei personaggi semisconosciuti come Rita Levi Montalcini, Carlo Rubbia, Silvio Garattini, Margherita Hack, Tullio Regge, Umberto Eco e tanti altri che hanno cercato visibilità attraverso quel comitato.

mc

Elena ha detto...

Roberto Giacobbo è iscritto all'Ordine dei Giornalisti. Potremmo fare un esposto all'Odg del Lazio, per violazione delle più elementari regole della deontologia professionale, prima fra tutte dire la verità. Probabilmente se la caverà cavillando che lui "informa sulle teorie del complotto" dato che le cazzate le fa dire alla voce fuori campo. Ma in ogni caso lo obbligheremo a rispondere.

Elena ha detto...

Quanto a Striscia la Notizia, basta mandare un'email attraverso il sito. Ci mettono un po' ma vi assicuro che le leggono tutte.

martinobri ha detto...

@Gianni Comoretto
l'avvistamento UFO su Firenze (che oggi sappiamo dovuto a "chaff")

C'è qualche dettaglio?
E' sufficiente un link. Non sull'episodio del '54, sul chaff. Grazie

martinobri ha detto...

Pie(r)luigi Baima Bollone, famoso per riconoscere l'impronta di una monetina (che poi sarebbero due o tre diverse, ma vabbè... meglio abbondare) sulla sindone.

No, Balma Bollone è quello che ha trovato sangue. L'ipotesi delle monetine (sono due, una a destra e l'altra a sinistra) è portata avanti da Balossino e Filas, separatamente.
Non sono studi le cui conclusioni condividere per forza, certo (almeno quelli su cui c'è qualche dubbio), ma è meglio riportarli correttamente.

Fabio ha detto...

Ehi, mio fratello mi ha dato un'idea. Discutevamo di quanto il programma di Giacobbo, oltre ad esser un contenitore di bouta(na)de, sia una roba inguardabile a vario titolo e noiosa.
E giustamente il fratello maggiore mi dice: se facessero un programma alla Attivissimo la cosa sarebbe interessante. Caro Paolo, hai mai pensato come l'antibufala sia una format esplosivo? C'è il mistero, la curiosità, ma poi c'è la documentazione seria e la reale soddisfazione della conoscenza.

mastrocigliegia ha detto...

Balma Bollone è quello che ha trovato sangue. L'ipotesi delle monetine (sono due, una a destra e l'altra a sinistra) è portata avanti da Balossino e Filas, separatamente.

No. PBB (sembra la sigla di un composto cancerogeno) s'è occupato anche delle monetine, appoggiando le tesi del Filas (almeno da quanto riporta il Rinaldi).

Si tratta di un sindonologo a 360 gradi, e ogni argomento pro-sindone lo vede in prima linea.

Sul sangue, data la sua preparazione di medico legale, ha sicuramente dato un contributo originale.

Scusate, ora chiudo questo OT.

mc

martinobri ha detto...

Mastrociliegia, hai ragione: io mi riferivo solo alle prime ricerche, agli iniziatori.
Adesso, per carità, non facciamo partire una interminabile discussione sulla Sindone. A me interessava una questione di metodo: se vuoi criticare una ricerca, non devi irridere ai risultati: devi guardare come hanno fatto e cercare l’errore. Non bisogna dire: “Che razza di risultato: è sicuramente una boiata!” Bisogna dire: “tu per trovare il sangue hai usato il reagente X, invece dovevi usare quello Y”. Oppure: “i tuoi dati non hanno una sufficiente elaborazione statistica”. Altrimenti facciamo come Vibravito e compagnia.

d_bollini ha detto...

ieri ho visto solo a spizzichi e bocconi la trasmissione.
ho girato 2 volte e hanno parlato di egitto e "finto" allunaggio..
ma ogni volta gli stessi argomenti!!
vi dico io lo guardo per farmi 2 risate, come per intrattenrmi leggo martyn misterè (che secondo me per GIACOBBO sono una lettura scientifica).
però mia moglie che è meno "avvezza" alla fanta-storia (pur non essendo una credulona) alla fine aveva dei dubbi sulla luna..
stamattina le ho mandato il tuo articolo..
ps: cmq sono stati abbastanza autoironici con la risposta alla litizzetto

luigi ha detto...

Bella trasmissione voyager!
Era dai tempi delle comiche di Benny Hill che non ridevo a crepapelle così tanto.

luix

usa-free ha detto...

Prossima puntata, grande novità: le pietre di Ica!

Ma vaff... :D

Maciste ha detto...

Che poi in una società normale le persone che non sanno niente di scientifico e che prendono per oro colato le scemenze di Voyager dovrebbero essere penalizzate nel lavoro e nella vita.
Invece in questo schifo di società italiana, più uno è ignorante e più ha possibilità di farcela, purchè abbia parlantina e bell'aspetto.
E' questo che fa incazzare.

eli ha detto...

magari una sera avremo una puntata sul "mistero dei cerchi nel grano sulla luna."
che ne dite?
p.s. fatte attenzione a quando comprate il pane, magari ci trovate un frammento di astronave. eheheh!

usa-free ha detto...

A me fa invidia che Giacobbo sia stato in un sacco di posti dove mi piacerebbe andare.

Ieri, mentre lo vedevo a Cape Canaveral, pensavo "Ma che c'azzecca Giacobbo!?" O_o

SirEdward ha detto...

magari una sera avremo una puntata sul "mistero dei cerchi nel grano sulla luna."

scettico: Ma non ci sono i campi di grano sulla luna!

complottista: Appunto, allora come è possibile che ci siano i cerchi nel grano?

scettico: ma non ci sono nemmeno i cerchi nel grano!

complottista: Ah! ma come puoi dirlo? ci sei mai stato?

scettico: ma come puoi dire tu che esistano, piuttosto?

complottista: finché non mi dimostrerai che non esistono, io sono libero di avere le mie idee!

A questo punto lo scettico si chiede se in fondo forse Darwin non avesse torto sulla teoria dell'evoluzione, dal momento che non si capisce come i geni del complottismo siano sopravvissuti sino ai nostri giorni...

Fozzillo ha detto...

AGGIORNAMENTO SULLA SCENA DELL'ALLUNAGGIO.

L'audio è stato manipolato,
il "BAM!" è preso da apollo 15,
ma il resto non appartiene ne ad Apollo 15 ne ad Apollo 11.

Il video invece è quello di Apollo 16.

psionic ha detto...

Non ci credo... ancora con i complotti lunari?
E in anticipo sul 40o tra l'altro.

Giacobbo se l'e' bruciata cosi'... a meno che non riproponga la puntata al momento oppurtuno tra qualche mese. Tanto a lui che gli frega?

Comunque volevo puntualizzare che la Redazione della RAI (a cui ho scritto tempo fa per lamentarmi di un'altra puntata di Voyager) ci tiene a chiarire che il canone non serve a finanziare programmi come Voyager, ma solo per le attivita' di carattere pubblico.

Cosa voglia dire esattamente non lo so... immagino intendano i telegiornali e simili (anche il Festival di Sanremo, ad esempio... gulp!).

In ogni caso, cio' mi lascia ancora piu' perpresso: chi glielo fa fare allora di mettere in onda una ciofeca di programma se devono pure trovare i soldi dagli sponsor?

mastrocigliegia ha detto...

A questo punto lo scettico si chiede se in fondo forse Darwin non avesse torto sulla teoria dell'evoluzione, dal momento che non si capisce come i geni del complottismo siano sopravvissuti sino ai nostri giorni...

La razionalità non è condizione necessaria alla sopravvivenza.

Le mosche, ad esempio, (che non sono certo modelli di profondità di pensiero) prosperano benissimo.

Basta imparare a nutrirsi di cacca: non si fa fatica a cercarla e ci sono sempre abbastanza guru che ne producono in quantità.

mc

Fozzillo ha detto...

AGGIORNAMENTO SULLA SCENA DELL'ALLUNAGGIO.

L'audio è stato manipolato,
"Stand by for touchdown" è preso da Apollo 17
il "BAM!" è preso da apollo 15,
ma il resto non appartiene ne ad Apollo 15 ne ad Apollo 11.

Il video invece è quello di Apollo 16.


Adesso mi sono stufato di approfondire,
ricapitolando:

AUDIO
Apollo 11 (Picking up some dust) non si sente ma lo dice lo speaker,
Apollo 17 (Stand by for touchdown),
Apollo 15 (BAM).

VIDEO
Apollo 16

Che senso ha?

psionic ha detto...

@Fozzillo:

...una bella denuncia all'ordine

SirEdward ha detto...

@ Mastrocigliegia

Come al solito mi devo inchinare alla tua fantastica vena ironica!

Abbraccio70 ha detto...

A dire il vero Giacobbo si vanta di avere il supproto per i propri servizi di "numerosi" ed "affermati" "studiosi di fama"...

Ascolatate per esempio il podcast di ieri di una trasmissione radiofonica che spesso lo ospita su Rai Radio2, "gli spostati": http://www.radio.rai.it/podcast/A0038865.mp3

ed io pago (il canone)!

No comment!

signor G ha detto...

caro paolo, in linea di massima concordo con quanto di solito scrivi.
però vorrei dirti che, secondo me, l'"eccesso" di fiducia nella razionalità produce altrettanti mostri di quanto fa il pensiero metafisico.
...e il materialista leopardi già ce lo ricordava:
Qui mira e qui ti specchia,
secol superbo e sciocco,
Che il calle insino allora
dal risorto pensier segnato innanti
abbandonasti, e, vòlti addietro i passi,
del ritornar ti vanti, e procedere il chiami.
Ciao

Maciste ha detto...

Signor G, definire "materialista" Leopardi, un poeta letterato nonchè filologo, non mi sembra c'azzecchi particolarmente col tipo di materialismo razionalista e scientifico di cui stiamo parlando...

Che poi la razionalità non sia tutto nella vita siamo d'accordo, ma una sciocchezza scientifica stile Voyager rimane sempre una sciocchezza, in qualsiasi modo la si voglia considerare.
E abbiamo il dovere morale (addirittura!) di denunciare tali sciocchezze per rispetto della razionalità e dell'intelligenza dell'uomo...

Emiliano ha detto...

Non scomodiamo Leopardi: il suo materialismo è più che certo (vi consiglio Antonio Prete e Cesare Galimberti per farvi un'idea più approfondita) e la sua sfiducia nella scienza nasce dalla sua polemica con il positivismo ottocentesco, non certo con lascienza attuale che non poteva conoscere e in parte nasce anche dagli atteggiamenti scettici e polemici come il suo: una polemica d'altra parte ben motivata, visto che un tempo erano anche gli scienziati a credere a quelle che per noi sono bufale (pensate al mesmerismo, alla frenologia o alla vita rovinata di Semmelweiss).
E la filologia è una scienza materialistica e riduzionista tanto quanto le altre, non è certo metafisica.
Scusate la pedanteria, ma dato che Leopardi è il poeta più vituperato e meno capito d'Italia, ogni volta che vengono fuori discorsi su Leopardi metafisico o sul gobbetto di Recanati (almeno non è stato questo il caso, asd), mi sento in dovere di ribattere.

Hanmar ha detto...

Io ci ho provato, giuro che ci ho provato...

Ma sono crollato al secondo "...ma dopo la pubblicita'".

Saluti
Michele

Gulmus ha detto...

signor G, scusa ma io sono un semplice tecnico e non ho molta familiarità con i tuoi argomenti. Mi spieghi cosa c'entra l'eccesso di materialismo con una trasmissione che semplicemente racconta balle?
Forse sostenere che le ombre nelle foto devono essere parallele, quando questo si scontra con la semplice osservazione quotidiana è concesso come "licenza poetica"?

E negare gli sforzi di migliaia di persone che hanno lavorato duramente per un obiettivo di quella portata (e qualcuno ha anche perso la vita) è anch'essa una licenza poetica?

Mr. Francis ha detto...

"E io pago!"

Che schifo la RAI, non la guardo mai...

psionic ha detto...

Qui non si sta rinnegando l'arte o l'amore a favore della pura scienza, qui si stanno raccontando fandonie (peraltro ampiamente smentite da tempo) come se fossero verita' piu' che plausibili.

La trasmissione sarebbe spazzatura anche se all'inizio avvertissero dicendo: "Tutto quando diremo da ora in poi e' puramente un esercizio stilistico dei nostri fantasiosi autori"; ma almeno salverebbero la faccia

Skure ha detto...

Ma perchè? PERCHE'?

G14c0bbo 71 0d10 d3v1 m0r1r3 !

Se ci fosse la macchina del tempo lo porterei indietro nel tempo, e ci metterei lui a bordo dell' Apollo 1, il maledetto!

psionic ha detto...

Beh Skure, non esageriamo adesso...

motogio ha detto...

@Paolo Attivissimo

Info di servizio;

Hai postato la risposta a "Signor G" sul "materialismo" nel post "Intervista per Affaritaliani, due righe di chiarimento"

Ci ho messo un pò a capire di cosa stessi parlando :)

lem ha detto...

Lo ammetto... ho contribuito ad alzare l'audience di Voyager, per poi vomitare pure!
Hanno ritrasmesso per la terza volta il solito pezzo, già rimaneggiato e rimaneggiato anche stavolta.
Pietoso l'accenno, spero si proccupino, al prossimo ritorno sulla Luna. Metteranno in dubbio anche stavolta... non credo, ma continueranno a dire che prima non ci sono stati! Per convincerli non servirà niente! Troppo IGNORANZA!!!!

lem ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
signor G ha detto...

sarebbe interessante discutere sugli argomenti che propone Emiliano riguardo il concetto di scienza nel 1700, nel 1800 e quello contempraneo (vedi sopratutto Popper).
invece, paolo, e mi dispiace sinceramente, la tua risposta (postata in intervista per affaritaliani) mi lascia deluso (ma questo è un problema mio).
comunque, il mio intervento precedente era soltanto per sottolineare che gli atteggiamenti fortemente intransigenti (anche se guidati dalla logica, dalla scienza, dalla razionalità, ecc.) non mi rassicurano, anzi, mi preoccupano quanto il "delirio" di un Voyager. Solo questo.
Senza polemica.

Roberts !!! ha detto...

Eh no paolo, a me non la racconti! Si vede chiaramente che la tua foto fa parte di un complotto! Lo dice un esperto del settore, credo si chiami topo Gigio.
E ti dirò, sono certo che la tua foto è stata ritoccata!Dalla nasa ovvio! Infatti si sono dimenticati di mettere in testa il casco alla persona nella foto!Ah, che macroscopito errore!

ihihihih

Dai, ridiamoci su un po' va là e dimentichiamo voyager

Paolo Attivissimo ha detto...

grazie Motogio, correggo subito.

Paolo Attivissimo ha detto...

Signor G,

l'"eccesso" di fiducia nella razionalità produce altrettanti mostri di quanto fa il pensiero metafisico

Non è questione di eccessiva fiducia nella razionalità: è questione di usare lo strumento giusto per lo scopo.

Se devo andare sulla Luna mi servono calcoli orbitali e conoscenza dell'impulso specifico dei carburanti. Della metafisica me ne faccio un baffo. Quella mi serve dopo che ci sono arrivato e quando mi guardo intorno e mi rendo conto di quanto siamo minuscoli nell'universo.

Se ho l'auto in panne, sai quanto me ne frega se il meccanico sa disquisire di Kant :-)

La metafisica è una bella cosa, per carità, ma non mette da mangiare in tavole e non fa passare il mal di denti. La metafisica è quella cosa che puoi permetterti il lusso di fare quando hai la pancia piena e non hai il mal di denti.

Giuliano47 ha detto...

Sinteticamente.
Un mio professore di Liceo che aveva insegnato anni in un Liceo Classico e passato poi allo Scientifico (il mio) soleva ripetere: "I razzi non vanno sulla Luna riempiendoli di vocaboli greci".

Frank ha detto...

Sempre felice di vedere che si sa tutto e che tutti sono esperti e non hanno dubbi su nulla, aò, leggitimo per carità, ma....

Che pena :-D

Frank ha detto...

Adoro vedere la gente certa di tutto, che non ha dubbi su niente, la vita a loro sorride...


Che pena...

Paolo Attivissimo ha detto...

Frank,

Sempre felice di vedere che si sa tutto e che tutti sono esperti e non hanno dubbi su nulla, aò, leggitimo per carità, ma....

Mai detto niente del genere. Non pretendo di essere _io_ a sapere tutto: per quello basta consultare gli esperti e i documenti. Perché Voyager non l'ha fatto?

Dubbi? Esponili, se ne hai, e ne parliamo.

PTendas ha detto...

Scusa, Paolo... e scusate, cari amici tutti... ma è proprio assolutamente necessario sprecare tempo e spazio Web e farsi il sangue cattivo per debunkare le castronerie di quei cialtroni di VOYAGER? Voglio dire, che siano dei cialtroni/ciarlatani/imbroglioni della peggior specie lo sappiamo tutti... ci manca solo che Giacobbo mostri di credere davvero nella metà delle st*****te che dice andando in diretta con un berrettino di carta stagnola e con un centinaio di grucce di metallo appese al soffitto dello studio... chi invece crede alle sue pu*****te allucinanti continuerà a crederci, anzi additerà "Il Disinformatico" come parte della congiura (come del resto già fanno tutti, dagli sciachimisti ai lunacomplottisti).

C'è qualcosa di ben più grave, semmai, delle castronerie: il modo, il luogo e il motivo per cui vengono allegramente propalate (pagate da denaro pubblico, s'intende). Come ho già scritto da un'altra parte, VOYAGER è parte di un triste quadro, voluto bene o male da chi comanda in Italia, volto a tenere basso il livello qualitativo dell'offerta della TV pubblica, impedire che svolga il suo ruolo di diffusione dell'informazione e della conoscenza, e livellare tutta l'offerta televisiva italiana al (bassissimo) livello della TV privata, in una colossale operazione di anestetizzazione delle coscienze. VOYAGER è parente stretto degli squallidissimi Reality che imperversano sulle TV pubbliche come in quelle private, dei Talk Show dove si mettono in piazza tragedie vere e fasulle, dei programmi a tema musicale vinti da chi poi andrà, guarda caso, a vincere anche il Festival di Sanremo. Avulso da tutto questo quadretto, VOYAGER sarebbe sempre il megafono dell'ignoranza pseudo-scientifica, ma paradossalmente
assumerebbe toni di minore gravità.
Pensateci.

Paolo Attivissimo ha detto...

ma è proprio assolutamente necessario sprecare tempo e spazio Web e farsi il sangue cattivo per debunkare le castronerie di quei cialtroni di VOYAGER?

Sì. E' necessario, perché l'esperienza insegna che le castronerie trasmesse dai media, se non vengono rintuzzate, si propagano e diventano mito.

Guarda cos'è successo con l'11 settembre o Elvis o JFK.


Fra l'altro, io non mi faccio sangue cattivo. "Grazie" a Voyager sto studiando di nuovo la documentazione NASA e sono in contatto con alcuni dei tecnici e ricercatori che curano questa documentazione. E' bellissimo. Un monumento al coraggio e alla determinazione sostenuti dalla scienza e dall'ingegno.

Roberto ha detto...

Forse non tutti sanno che....

Povera università.

Eleo ha detto...

Voyager va usato con cautela.
E' ottimo guardarlo con lo stesso spirito con cui si guarda un film: bisogna avere chiaro che, oltre ad un fondo di verità, c'è anche una trama inventata.
Anch'io penso (da molto tempo) che Giacobbo non sia uno sciocco e che un pochino (!) ci marci.

grAz ha detto...

Ragazzi, per chi tra voi è su Facebook, c'è un gruppo (ironico) che si intitola "Voyager e Roberto Giacobbo: questa è vera scienza!". L'ironia si desume immediatamente leggendo la descrizione del gruppo stesso, ma a quanto pare in molti non l'hanno colta, visto che circa il 50% degli iscritti sembra essere convinta di essersi iscritta al "fan club" di Giacobbo... e ribatte con energia alle nostre battutine difendendo il suo idolo.

Così non lo si può prendere neanche per il c**o in pace, dannazione! :)

Per chi vuole, venite e iscrivetevi in massa così forse riportiamo un po' il discorso nei giusti "binari" ;)

http://www.facebook.com/wall.php?id=33189911725#/group.php?gid=33189911725

Paolo, scusa il parziale OT e la "pubblicità" (comunque no, il gruppo non è mio! :D )

Willy ha detto...

Ehm... tra gli altri:
http://snipurl.com/d6du9

22/12/2008 Premio Nazionale "Tv Educativa" consegnato a Roberto Giacobbo per il contributo alla ricerca e alla divulgazione di contenuti culturali con il programma Voyager.

Eleo ha detto...

@Willy: incredibile....

Sihaya B16 ha detto...

Secondo me gli Americani non sono stati sulla Luna. Viceversa, ci sono stati:
- Gli Egizi: le piramidi erano navicelle spaziali alimentate dallo zed attraverso flatulenze di cammello potenziate;
- i Templari (è già stato detto, uffa, lo volevo dire io!!!);
- i Maya (facevano la gara con gli Egizi).

Tornando a Giacobbo, alcuni filamti mi piacciono: mi intrattengono e mi divertono.
però, io penso che c'è molta malafede (che il telespettatore medio non riesce a captare) quando vengono "problematizzate" delle sciocchezze o delle ovvietà in modo tale da apparire dei misteri: le ombre non sono convergenti, perchè? Il mare è salato, il lago no, perchè? Allora se uno è ignorante o credulone si fa incantare, perchè, diciamocelo, i misteri ci distraggono e ci fanno dimenticare la realtà!!

Ad ogni modo la prossima puntata, LE PIETRE ICA!!! :)))

Willy ha detto...

@grAz,
forse sono troppo vecchio, ma qui:
http://www.facebook.com/topic.php?uid=33189911725&topic=7202
il post n.9 non sono riuscito a capire se l'autore del commento sia pro o contro Boyager.

Eleo ha detto...

A me pare di capire che l'autore del post sia a favore di un programma che "vada oltre" (Voyager o non Voyager), dove si pongano domande particolari o trattino argomenti particolari.

Ettore ha detto...

E' una trasmissione veramente ridicola. Non ho mai visto una puntata dove, qualsiasi fosse l'agomento, non uscisse fuori il Santo Grall o l'alieno di turno...

un cuoco da due lire ha detto...

ho guardato voyger di proposito, non lo faccio mai e mentre lo guardavo ti pensavo, e ridevo, perchè Giacobbo è troppo ridicolo e immaginavo già un post come questo. E' falsa divulgazione scientifica per il popolino ignorante, è più istruttivo Pippo Franco e gli spettacoli del Bagaglino.

grAz ha detto...

Secondo me pro. Anche se il post non si capisce bene anKe xKè qNd 1 skRive tt Kosì è 1 pO' difFicilE kaPire kOsa sta diCendO.

Comunque quest'ultimo secondo me è un ulteriore indizio che indica che ci troviamo di fronte a un voyager-fan :D

sabbamau ha detto...

@signor G e Paolo
vedo citare Popper e, avendoci scritto una tesi di laurea (su di lui e i suoi "discepoli") mi sento di intervenire.
non è questione di "eccesso di fiducia"nella razionalità scientifica: la scienza sbaglia, anzi procede per prova ed errore, sbaglierà ancora ma, per fortuna, si sa correggere, la rivalutazione della metafisica che fa Popper non serve a sminuire la scienza ma a chiarire che il pensiero "non scientifico" (che non vuol dire antiscientifico o pseudoscientifico) può essere stimolo e strumento utile alle scienze. ma questo non autorizza a guardare un fatto, come l'impresa lunare, e dire che si può impunemente metterlo in dubbio, oltretutto, senza alcun argomento valido.

poi la scienza è una tradizione di pensiero accanto a tante altre: la religione, il misticismo, l'astrologia... non c'è un modo razionale per dire che è meglio, però è un fatto che funziona e anche bene.
sennò perchè gli sciachimisti o qualunque altro pazzo giri per il mondo si riempirebbe la bocca di spizzichi di linguaggio scintifico? e questo essere deliberatamente pseudoscientifici è proprio il punto più pericoloso, contestano la "scienza ufficilae2 ma pretendono di usarne il prestigio pro domo propria

sabbamau ha detto...

@signor G e Paolo
vedo citare Popper e, avendoci scritto una tesi di laurea (su di lui e i suoi "discepoli") mi sento di intervenire.
non è questione di "eccesso di fiducia"nella razionalità scientifica: la scienza sbaglia, anzi procede per prova ed errore, sbaglierà ancora ma, per fortuna, si sa correggere, la rivalutazione della metafisica che fa Popper non serve a sminuire la scienza ma a chiarire che il pensiero "non scientifico" (che non vuol dire antiscientifico o pseudoscientifico) può essere stimolo e strumento utile alle scienze. ma questo non autorizza a guardare un fatto, come l'impresa lunare, e dire che si può impunemente metterlo in dubbio, oltretutto, senza alcun argomento valido.

poi la scienza è una tradizione di pensiero accanto a tante altre: la religione, il misticismo, l'astrologia... non c'è un modo razionale per dire che è meglio, però è un fatto che funziona e anche bene.
sennò perchè gli sciachimisti o qualunque altro pazzo giri per il mondo si riempirebbe la bocca di spizzichi di linguaggio scintifico? e questo essere deliberatamente pseudoscientifici è proprio il punto più pericoloso, contestano la "scienza ufficilae2 ma pretendono di usarne il prestigio pro domo propria

sabbamau ha detto...

@ Nico, visto che, seppur "loggato in borghese" sono sempre arciblog: le fiaccole sono quasi nuove, soprattutto mai usate, ma tranquillo hanno tutto il tempo di diventare antiche coi tempi che corrono...
;-)
a meno che non si faccia la spedidione dimostrativa resso boiager, idea che mi affascina, io le metto a disposizione
;-9

Fozzillo ha detto...

OT, ma di poco.

Questa sequenza in 16mm del famoso primo passo di Armstrong non la avevo mai vista.

http://tviscool.com/play.php?vid=227

Se non la conoscevate siete in buona compagnia, nemmeno Phil Plait ne era a conoscenza.

signor G ha detto...

@sabbamau
sono d'accordo con quanto scrivi a proposito dell'utilizzo "pseudo-scientifico della scienza" :-)

Silvano Cavallina ha detto...

La cosa veramente triste è che l'Italia è un paese di creduloni cialtroni ignoranti, che si meritano tutto questo ed altro! Operano migliaia di maghi, veggenti, astrologi , "vanne marchi", e abbiamo una RAI che pretende il canone e poi si permette di mandare in onda queste trasmissioni scandalose, oroscopi a tutte le ore del giorno e porcate simili! W Piero Angela!!!!!

Bera ha detto...

Alcuni commenti precedenti disquisivano sul pagamento del canone Rai.
Volevo puntualizzare che hai fini dell' argomento (Voyager spara balle) non è così fondamentale. Non si possono fare affermazioni false nè con i soldi del canone nè "a ggratisse".Non si fanno è basta.
A meno di non specificare "il seguente programma è un'opera di fantasia" o similmente.

Dan ha detto...

"Ce n'è, ma spicciati, che qui sta arrivando l'universo mondo di gente stufa di governanti inetti, burocrazia da stato sovietico e disservizi da terzo mondo."
A volte è una possibilità che considero seriamente visto come vanno le cose qui in Italia, se non fosse che dovrei troncare tutti i rapporti personali sia di amicizia che di lavoro...
Secondo te quali sono i peggiori difetti della Svizzera?

"Legge di non mi ricordo chi: lo stupido è sempre più potente di tutti gli accorgimenti che si attuano per impedirgli di nuocere"
Era una delle leggi di Murphy... io la ricordo così: non importa quanti controlli metti in un programma per impedire che vengano introdotti dati errati, ci sarà sempre un idiota abbastanza ingegnoso da riuscire ad inserirli lo stesso. Che è equivalente a dire che non importa quanti sistemi di sicurezza metti, ci sarà sempre un cretino abbastanza cretino da farsi male (vedi Darwin Awards per esempio).

"E giustamente il fratello maggiore mi dice: se facessero un programma alla Attivissimo la cosa sarebbe interessante. Caro Paolo, hai mai pensato come l'antibufala sia una format esplosivo? C'è il mistero, la curiosità, ma poi c'è la documentazione seria e la reale soddisfazione della conoscenza."
Si potrebbe pensare a una collaborazione con gli Angela, ma così a naso servirebbe uno staff notevole per non oberare troppo il nostro già impegnatissimo disinformatico di fiducia.

"La razionalità non è condizione necessaria alla sopravvivenza.
Le mosche, ad esempio, (che non sono certo modelli di profondità di pensiero) prosperano benissimo.
Basta imparare a nutrirsi di cacca: non si fa fatica a cercarla e ci sono sempre abbastanza guru che ne producono in quantità."

Tanto di cappello.

"La metafisica è una bella cosa, per carità, ma non mette da mangiare in tavole e non fa passare il mal di denti. La metafisica è quella cosa che puoi permetterti il lusso di fare quando hai la pancia piena e non hai il mal di denti."
"Hana yori dango".
Il riso prima dei fiori.
Bellissimo proverbio giapponese secondo me, che detta in parole povere significa: solo quando hai la pancia piena e sei in salute, ti puoi permettere di pensare a bischerate filosofiche.

"Come ho già scritto da un'altra parte, VOYAGER è parte di un triste quadro, voluto bene o male da chi comanda in Italia, volto a tenere basso il livello qualitativo dell'offerta della TV pubblica, [...] in una colossale operazione di anestetizzazione delle coscienze."
Io pensavo che fosse per invogliare a passare ai canali satellitari... oppure perchè bastano programmini da poco per fare ascolto, mentre i programmi di qualità costano più soldi e impegno. Giacobbo con le solite quattro scemenze (UFO, Egitto, Atlantide, e la santa trinità Templari/Graal/Rennes-Le-Chateau) va avanti da anni, più economico di così!

"Non si possono fare affermazioni false nè con i soldi del canone nè "a ggratisse".Non si fanno è basta."
Sottoscrivo. Troppo spesso fanno finta di dimenticarsi della reponsabilità che comporta il trasmettere attraverso un mezzo di comunicazione di massa come la televisione. A meno che non sia specificato chiaramente, non dovrebbe esserci spazio per invenzioni e falsità. Ma ormai...

danut ha detto...

Stanotte NASA lancia la missione Kepler per la ricerca di pianeti.

Se Giacobbo oggi ci diletta con misteri di 40 anni fa, quando possiamo sperare di sentir parlare delle cose che succedono oggi? Fra 40 anni, presentate magari dai nipoti di Giacobbo?

Giacobbo, un motivo in più per smettere di pagare il canone rai.

ProvoliK ha detto...

Paolo, io lo so perché le tue foto non hanno le ombre parallele: in realtà tu non sei mai stato sulla terra e hai scattato quelle foto in uno studio televisivo sul tuo discovolante alieno.

Dai, ammettilo. :D

martinobri ha detto...

Sono un insegnante di scienze e (e, non ma) non posso condividere gli interventi critici sul pensiero umanistico che sono usciti qui. Il fascino e il desiderio di sapere di più che proviamo di fronte a una notte stellata sono la stessa cosa che spinge un pensatore a riflettere sulla metafisica, o che fa rimanere estasiati davanti a un verso dell'antica Grecia. E Ulisse, che percorre tutto il Mediterraneo e oltre, in cosa è diverso da Armstrong e Aldrin? Il desiderio di scoprire l'ignoto è lo stesso: noi abbiamo più mezzi e andiamo più lontano, ma questa cosa l'hanno cantata e celebrata meglio loro: Omero (o chi per lui) e Dante.
A mio parere (e sottolineo), senza quella gran bellezza nella riflessione (filosofia, i.e.) e nella celebrazione (epica, poesia), anche le imprese della tecnica sarebbero meno esaltanti.

theDRaKKaR ha detto...

@signor G
soltanto per sottolineare che gli atteggiamenti fortemente intransigenti (anche se guidati dalla logica, dalla scienza, dalla razionalità, ecc.) non mi rassicurano, anzi, mi preoccupano quanto il "delirio" di un Voyager.

sì come no, voglio vedere se, malato di appendicite, ti deluderà il tuo dottore fortemente intransigente con chi vorrebbe curartela con polvere di ossa di drago

ma va là..

SirEdward ha detto...

Sono un insegnante di scienze e (e, non ma) non posso condividere gli interventi critici sul pensiero umanistico che sono usciti qui. Il fascino e il desiderio di sapere di più che proviamo di fronte a una notte stellata sono la stessa cosa che spinge un pensatore a riflettere sulla metafisica, o che fa rimanere estasiati davanti a un verso dell'antica Grecia. E Ulisse, che percorre tutto il Mediterraneo e oltre, in cosa è diverso da Armstrong e Aldrin? Il desiderio di scoprire l'ignoto è lo stesso: noi abbiamo più mezzi e andiamo più lontano, ma questa cosa l'hanno cantata e celebrata meglio loro: Omero (o chi per lui) e Dante.
A mio parere (e sottolineo), senza quella gran bellezza nella riflessione (filosofia, i.e.) e nella celebrazione (epica, poesia), anche le imprese della tecnica sarebbero meno esaltanti.


"pensiero tecnico" e "pensiero umanistico" sono due ambiti distinti del nostro modo di porci nei confronti del mondo. Sono due modi diversi di affrontare la stessa cosa, offrono risposte diverse perché riferite a piani di lavoro differenti: parlano linguaggi diversi, offrono visioni distinte.

Il problema nasce quando gli uomini -a cui piace da matti semplificare e ridurre tutti i problemi a uno, anche quando non sarebbe il caso- decidono che uno di questi due modelli è per prima cosa abbastanza potente da descrivere esaurientemente tutti gli aspetti della vita e in quindi, per questo motivo, intrinsecamente "superiore" a qualsiasi altro approccio. L'orgoglio per sé stessi prima, il disprezzo per gli altri subito dopo.

Anche in questo articolo è successo. E purtroppo per noi, è generalmente più facile che sia il pensiero metafisico, per sua natura poco legato alla concretezza materiale e più soggetto alla soggettività, a farsi venire manie di grandezza e a uscire dai propri confini.

SirEdward ha detto...

Per chiarire:

di sicuro gli slanci filosofici sono importanti quanto i fatti concreti, ma resta il fatto che quando si parla di realtà pratica, quello che conta sono gli aspetti tecnici concreti, non le speculazioni o le impressioni personali.

O funziona, o non funziona.

Questa è la grande forza del pensiero tecnico: l'oggettività.

martinobri ha detto...

@ SirEdward.

Condivido in toto.
Anche se, forse, a questo punto sarebbe meglio tener distinte scienza pura (l'esplorazione senza fini immediati) e scienza applicata (il fine tecnico, l'applicazione pratica). Il che non vuol dire che una sia meglio dell'altra.

theDRaKKaR ha detto...

tra l'altro non credo che qualcuno pensi di usare la scienza per apprezzare un racconto di Poe - sì son un grande estimatore di Poe :) -

infine, la scienza non ha le risposte alle tutte domande (in campo umanistico invece forse ci sono pure troppe risposte ad una stessa domanda - ok mi è scappata la battuta "scientista", chiedo venia)

:)

theDRaKKaR ha detto...

alle tutte domande = a tutte le domande...

Elena ha detto...

Vi consiglio vivamente questo articolo:

http://nonciclopedia.wikia.com/wiki/Roberto_Giacobbo

lol

Luca ha detto...

A parte voyager, ma come si fa a dire che le ombre delle foto qui pubblicate non sono parlallele?! sono tutte assolutamente parallele...

Paolo Attivissimo ha detto...

Luca,

certo che sono parallele. Ma evidentemente c'è gente a Voyager che non sa cosa sia la prospettiva. Nel qual caso è abissalmente ignorante e andrebbe espulsa a pedate nel sedere da qualsiasi redazione. Oppure lo sa, ma sta zitta. Nel qual caso è in malafede e andrebbe espulsa a pedate nel sedere da qualsiasi redazione.

Nel primo caso, le pedate vanno erogate convergenti, nel secondo vanno dispensate parallele.

Al netto della prospettiva, s'intende.

Luca ha detto...

boh... nel post leggevo "anche qui le ombre non sono parallele", mentre mi pare evidente che lo siano ("si incontrano solo all'infinito"). nelle foto sulla luna dell'apollo 11 che i complottisti usano come esempio per le loro teorie, se non ricordo male, si vedono ombre convergenti ben prima dell'infinito, cioe' nello stesso spazio visibile della foto. ora e' ovvio che la maggior parte dei casi sara' spiegabile con dislivelli di terreno accentuati ma poco visibili in foto, pero' tutto cio' non c'e' nelle foto realizzate come esempio per il post e quindi non capivo il paragone.

Pidgeon ha detto...

Ci sono trasmissioni di tipo storico-archeologico dove vige il metodo scientifico, altre dove viene stimolata la fantasia dello spettatore e la ricerca della verità, ed altre dove ciò che conta, poco conta...

Io seguo Voyager.

Andrea M. ha detto...

Caro Paolo, ti seguo sempre con piacere, e mi chiedevo: magari vuoi farti due risate, se trovi il tempo, guardando questo mio filmato dove facciamo la parodia di Voyager. A tratti è più serio dell'originale!

http://tinyurl.com/dedjsr

Iside ha detto...

Mi viene solo da ridere...vi preoccupate di un programma come voyager, che alla fine tratta anche di fatti realmente accaduti e di storia "pago il canone, la rai dovrebbe far chiudere il programma, ...."e scicchezze varie...quando la tv pubblica italiana è sommersa da porcherie quali music farm, l'isola dei famosi e x factor (giusto per citarne alcuni)...ma per favore...e preoccupatevi piuttosto di cose serie...liberissimi di non crederci però c'è a chi piace...mai pensato semplicemente di cambiare canale e guardarvi qualche programma più "culturale"?! (anche se dubito voi lo possiate trovare!!)-.-'