skip to main | skip to sidebar
56 commenti

Tsunami solare domani? [UPD 2010/08/04]

Arriva lo "tsunami solare", moriremo tutti?


Questo articolo vi arriva grazie alle gentili donazioni di "gasparotto" e "danielegas*". L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Yahoo Notizie titola "lo tsunami solare colpisce il pianeta Terra" e dice che è stato "[s]egnalato nella notte tra il 3 e il 4 agosto uno tsunami solare...Gli astrofisici che stanno monitorando il sole spiegano che si tratta della prima eruzione di simili proporzioni diretta al nostro pianeta e sottolineano che un'esplosione come questa potrebbe distruggere i satelliti che incontra sulla sua strada. Le conseguenze sarebbero gravissime: le comunicazioni subirebbero danni significativi. Secondo le previsioni della Nasa, rilanciate dal Telegraph, l'Inghilterra potrebbe trovarsi senza elettricità e subire lunghi periodi di black-out. Anche le comunicazioni sarebbero pressoché impossibili."

Siamo alle solite: siccome il catastrofismo vende, si catastrofizza qualunque cosa. L'importante è vendere, al diavolo le conseguenze sui lettori che ci credono e s'impressionano pensando che sia in arrivo la fine del mondo. Le parole "tsunami solare" evocano l'immagine delle devastanti inondazioni che causarono circa 300.000 morti nei paesi che s'affacciano sull'Oceano Indiano a dicembre del 2004, ma un'eruzione solare non scaglia verso la Terra nulla che si possa definire solido nell'accezione comune di quest'aggettivo. Solo particelle sparse.

Notate da dove Yahoo prende le previsioni della NASA: dal Telegraph (probabilmente da questo articolo). Andare direttamente alla fonte pareva troppa grazia? In Italia non ci sono astrofisici da consultare per sapere come stanno davvero le cose invece di copiare i giornali altrui?

Ma c'è di peggio: Yahoo non ha neppure copiato decentemente. Infatti il Telegraph non dice affatto che "un'esplosione come questa potrebbe distruggere i satelliti", ma dice (citando il rappresentante di un istituto di astrofisica statunitense) che questa è "la prima eruzione importante diretta verso la Terra da parecchio tempo"; poi – separatamente – dice che "Gli scienziati hanno avvisato che un'eruzione solare veramente grande potrebbe distruggere i satelliti e le reti di energia e di telecomunicazione in tutto il mondo se avvenisse oggi." Sottolineo il "se avvenisse oggi". In altre parole, quella annunciata non è un'esplosione capace di friggere i satelliti. Quella di oggi è "importante" ("major" in originale), ma è un ruttino rispetto alla "eruzione solare veramente grande" che potrebbe causare danni. Il Telegraph è chiaro in proposito. Basta leggerlo. Tant'è vero che poi dice che "non è chiaro, tuttavia, quanti danni verranno causati da quest'eruzione più recente agli strumenti di comunicazione del mondo".

Andando a consultare un sito specialistico come Spaceweather.com viene fuori un quadro decisamente meno menagramo: chi sta alle latitudini alte potrebbe godersi un'aurora polare speciale stasera. Tutto qui, come nota anche l'ANSA.

Su Nasa.gov trovate una spettacolare sequenza di immagini che mostrano l'eruzione.

Le previsioni del NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration) citate da Spaceweather parlano di un 10% di probabilità di tempeste geomagnetiche "importanti" e di un 45% di probabilità di qualche attività geomagnetica in occasione dell'arrivo sulla Terra degli effetti dell'eruzione solare, il 3 e 4 agosto. Le previsioni aggiornate del NOAA non annunciano blackout radio o tempeste di radiazione solare o altro. Gli avvisi destinati agli operatori di satelliti non segnalano nulla di preoccupante, e i dati forniti dalle apposite sonde spaziali non indicano nulla di straordinario.

D'accordo, direte voi, ma Yahoo dice anche che "Una devastante tempesta solare è prevista per il 2013. Secondo la Nasa, le nostre reti informatiche e quelle elettriche potrebbe essere distrutte dal picco di attività solare previsto per i prossimi anni". Quindi la fine del mondo è semplicemente rinviata? No, ma occupiamoci di una catastrofe annunciata alla volta. Due sono indigeste.


Aggiornamento 2010/08/04


È la mattina del 4 agosto e siamo ancora qui. Nessuna segnalazione di devastazione satellitare o altri sconvolgimenti geomagnetici planetari. AstronomyNow spiega come stanno andando le cose: quando la massa di plasma raggiungerà la Terra, nelle prime ore del 4 agosto (ora degli Stati Uniti), "se le condizioni del campo magnetico terrestre saranno giuste, le particelle solari scorreranno lungo le linee del campo per interagire con gli atomi di azoto e ossigeno nell'alta atmosfera, producendo spettacolari cortine di luce verde e rossa note come aurore polari. Gli osservatori alle latitudini settentrionali guardino verso nord questa sera e nelle prime ore di domani [orari riferiti agli USA] per cercare di scorgere questi bellissimi fenomeni visivi naturali".

Niente catastrofe neanche stavolta, nonostante gli annunci menagramo: "Talvolta le tempeste geomagnetiche possono distruggere i satelliti per telecomunicazioni orbitanti intorno alla Terra e le reti elettriche a terra, ma per fortuna è improbabile che questa tempesta comporti tali minacce. Sulla scala di classificazione dei brillamenti solari, questo brillamento è valutato come C3, che è il genere più debole; a titolo di confronto, un brillamento di classe M causa blackout radio brevi e localizzati e un brillamento letale di classe X può causare distruzioni globali".
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Siate civili e verrete pubblicati, qualunque sia la vostra opinione: gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo sito. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti.
Commenti
Commenti (56)
PRIMO!!

Ovviamente ;)
Uffa! aurore in saldo e qua a "borgopiovoso"*c'è il temporale.

Ma questo "tsunami solare" va più veloce dei raggi normali? (battuta)

Passando alle cose serie, è un incremento di tutta la gamma oppure un' emissione di particolari tipi di onde?

*traduzione letterale di "Regensburg", ratisbona.
Anche LaStampa.it ne parla, in maniera però molto più corretta; è curioso che anche lì abbiano voluto ricordare la previsione della tempesta solare del 2012.
Ho SKY e stasera d'improvviso, senza motivi apparenti, metà dei canali non si vede più... Sarà causa dello tsunami solare che ha mandato in pappa uno dei satelliti? :D O semplicemente la signora del piano di sopra abbassando le tende da sole mi ha interrotto il segnale? Lo scopriremo alla prossima catastrofe!
Non sono un esperto di space weather, ma semplicemente il Sole è "ripartito" dopo un paio d'anni di minimo solare particolarmente pronunciato. L'attività è ancora bassa, ma sta riprendendo il suo normale ciclo undecennale.

Tempeste solari in grado di friggere i satelliti non sono rare, e quindi, appunto, si usa un sistema di "meteorologia spaziale" per tenere sotto controllo il Sole e segnalare le eruzioni e brillamenti particolarmente intensi. Queste eruzioni sparano nel Sistema Solare un bel po' di particelle (protoni, elettroni) che ci mettono qualche giorno ad arrivare fin da noi. Restano intrappolate nelle fasce di Van Allen e da lì seguono il campo magnetico terrestre, finendo nelle regioni polari. Siccome all'elettronica dei satelliti non fan granché bene, la si spegne, o si spegne la parte più critica, con una riaccensione programmata. Niente di drammatico, quindi. solo un po' di precauzioni, perché se un satellite si guasta non si può andare a ripararlo (a meno che non sia previsto da progetto, come per lo Space telescope).

Naturalmente possono esistere tempeste particolarmente intense, in grado di provocare danni seri anche a strutture a terra (soprattutto trasformatori ai capi di un elettrodotto particolarmente lungo a latitudini alte). E quindi da alcuni anni la NASA sta facendo studi su quali siano le migliori contromisure per PREVENIRE questi danni. Questo non significa che siano previste a breve, solo che sono possibili e quindi è il caso di prepararsi.

Ah, anche il lungo minimo è stato oggetto di previsioni catastrofiche. Siccome una riduzione dell'attività solare provoca un abbassamento di temperatura (e difatti si è notato un leggero rallentamento del riscaldamento globale), c'era già chi gridava all'imminente era glaciale.
@Il rospo dalla bocca larga,,

Lol, vero stasera Sky fa i capricci.
Una precisazione: "Aurora" (in inglese) si traduce "Aurora polare", "Aurora boreale" o "Aurora australe" in italiano, secondo i casi. In italiano, aurora vuol dire tutt'altro, e vederla la sera è veramente difficile.
Grazie Riccardo, ho aggiunto "polare".
Pure a me Sky non si è visto per un paio d'ore, e, pur avendo "fatto la tara" già per conto mio al catastrofismo di questa notizia, mi è venuto spontaneo collegare i due avvenimenti...
@Gianni Commoretto

In cosa consiste il ciclo undecennale?

Il sole è una pazzesca sfera di fuoco la cui superficie brucia a 6000 gradi celsius, e il cuore a quindici milioni di gradi, se non ricordo male, e sta a mi pare 3 o 4 anni luce dalla stella più vicina, quindi la causa di questo ciclo immagino sia interna.
Se qualcuno e' interessato (e non lo conosce gia'), un ottimo sito dove trovare notizie scientifiche espresse in un linguaggio comprensibile ma senza certe spettacolarizzazioni della stampa nazionale e' www.sciencedaily.com. Purtroppo in inglese.

http://www.sciencedaily.com/releases/2010/08/100802165451.htm
@ puffolotti

Non l'ho mai ben capita la storia degli undici anni (che, tra l'altro, influenza anche le annate dello Champagne). So solo che tutti i radioamatori che conosco da un po'si lamentano che "Non c'è propagazione" per colpa della scarsa attività solare.
Pare che l'attività stia ora riprendendo, anche se molto lentamente. Ieri sera comunque il Radioamatore Ladino dovrebbe aver fatto qualche QSO. Chiedo lumi.
per chi vuole approfondire il ciclo solare:

http://it.wikipedia.org/wiki/Ciclo_undecennale_dell'attivit%C3%A0_solare
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Non e' del tutto chiaro il meccanismo attraverso il quale si verifica un ciclo cosi' netto e costante. Quasi certamente la ricetta comprende il campo magnetico solare ma non esiste un modello universalmente accettato in grado di spiegare quantitativamente il fenomeno, probabilmente comune a molte altre stelle.

E' stato anche chiamata in causa qualche interazione magnetica o gravitazionale con Giove, se non altro perche' ha un "anno" di durata molto simile a un multiplo intero della durata del ciclo solare. D'altra parte fenomeni altamente periodici si formano continuamente in condizioni apparentemente costanti se c'e' una qualche retroazione, anche se a me sembra che per qualche motivo, probabilmente evoluzionistico la mente umana non sembra in grado di accettare questo fatto istintivamente.

In fondo non e' quello che rende questo filmato cosi' popolare? http://www.youtube.com/watch?v=9Nv28lunRSY

:)

p.s. e speriamo che stavolta riesco a esprimere correttamente quello che volevo dire...
realizziamo già degli scollegamenti programmati per evitare danni maggiori, in previsione di notevoli attività

cioè guardiamo il meteo
se danno temporali, stacchiamo la spina del pc e della tv, altrimenti un fulmine che cade vicino potrebbe danneggiarli

messo giù così non è più tanto fantascientifico però :P
Per pgc

p.s. e speriamo che stavolta riesco a esprimere correttamente quello che volevo dire...

No, guarda qui:

Quasi certamente la ricetta comprende...

La ricetta di nonna Papera.

molto simile a un multiplo intero

Esistono multipli non interi?
E che significa "molto simile a un multiplo"?

fenomeni altamente periodici

Così apprendiamo che esistono anche fenomeni bassamente periodici, o moderatamente periodici. Siamo sempre lì: "Sì, l'ho messa incinta: ma appena appena!".

una qualche retroazione,

Ottima espressione da usare a un esame in facoltà scientifiche questa "una qualche retroazione". Bisogna consigliarla ai laureandi come incipit per la tesi di laurea.
grazie paolo, ieri sera avevo bisogno di questo articolo per spiegarlo a qualche amica già allarmata e non c'era ancora. provvedo subito a linkarlo!! sempre efficientissimo!
Sempre sul ciclo solare un link interessante alle ultime analisi (il blog tra l´altro cita questo articolo di Paolo nel post di oggi). Siamo in un ciclo debole, o almeno così sembra, quindi niente catastrofi per i prossimi 11 o 12 anni "purtroppo".
@pgc
In fondo non e' quello che rende questo filmato cosi' popolare? http://www.youtube.com/watch?v=9Nv28lunRSY

Ehi, quella scatola ha il ritmo nel sangue!
Da quel che so, il ciclo solare è "all'incirca" undecennale. Nel senso che mostra una regolarità strabiliante per quel che è di fatto il Sole (me lo lasciate definire "un'esplosione nucleare talmente grande da restare in equilibrio sotto l'azione della propria stessa gravità"?), ma in realtà non è così regolare.
In passato ci sono stati minimi quali quello di Miaunder (qualche info sulla sempreverde Wiki: http://en.wikipedia.org/wiki/Maunder_Minimum ) che secondo molti avrebbero influito sul clima terrestre, dando origine alla cosiddetta "piccola era glaciale" (stessa fonte, non è l'unica ma non ne ho altre pronte online).
C'è da dire che il flusso di particelle dal Sole influenza anche il livello di ionizzazione dell'alta atmosfera, rendendola più o meno opaca alle emissioni radio e di conseguenza permettendo una più o meno efficace riflessione verso terra delle trasmissioni provenienti da oltre l'orizzonte (fonte: amici radioamatori e astronomi; ho trovato un link interessante qui http://www.msmountain.it/varie/radio/onderadio.html ma non conosco la fonte, comunque è opinione diffusa). Ecco perchè i radioamatori schiumano quando c'è minimo solare: l'atmosfera è troppo trasparente e loro non captano un tubazzo di niente...
In questi ultimi anni il Sole è rimasto quieto (senza macchie) per un periodo decisamente più lungo delle attese (fonte: il mio telescopio hehe), il che ha fatto pensare ad un'anomalia e prevedere ai catastrofisti di turno l'arrivo di un'altra "Little Ice Age". La faccenda è rientrata da un paio d'anni.
Scusa se rispondo io, pgc, ad Accademia dei Pedanti, ma alcuni degli errori evidenziati non sono errori:

Esistono multipli non interi?

Si, se un ciclo è esattamente 2,5 volte l´altro (o un altro numero non intero). Per esempio il periodo di rivoluzione attorno al Sole di Mercurio è un multiplo non intero del suo periodo di rotazione (2/3).

E che significa "molto simile a un multiplo"?

Non è espresso benissimo, ma significa "approssimativamente proporzionale"

Così apprendiamo che esistono anche fenomeni bassamente periodici, o moderatamente periodici.

Esistono fenomeni che non sono perfettamente periodici, ma sono approssimativamente periodici (il periodo cambia poco da un ciclo all´altro e oscilla attorno ad un valore medio). Altamente periodici significa che sono molto precisi come periodo e la approssimazione è minima, nonostante non esista una legge definita per renderli "assolutamente" periodici.

una qualche retroazione,

Una retroazione non perfettamente definita: esiste perchè se ne vedono gli effetti, ma non si riesce a definire e comprendere.
Apprendo che nel 1859 e nel 1960 ci sono stati eventi di questo tipo che hanno influito sull' attività umana.
Nel 1870 l'emissione è stata più intensa che nel 1859, dunque questo tsunami solare è in realtà storia... risorgimentale.
Alla faccia della tempesta solare, stamattina a Pavia c'era un freschetto che sembrava Aprile :-)
@pgc:
> E' stato anche chiamata in causa qualche interazione magnetica o gravitazionale con Giove, se non altro perche' ha un "anno" di durata molto simile a un multiplo intero della durata del ciclo solare.

Forse è più semplice dire che il ciclo solare ha una durata MEDIA simile al periodo orbitale del pianeta Giove (che raccoglie quasi tutta la massa del Sistema Solare al di fuori del Sole).
Potrebbe esere una coincidenza.
Ecco perchè la chiavetta va lenta stamattina xD

Grazie Paolo, se non ci fossi tu...
Per airone76

Scusa se rispondo io, pgc, ad Accademia dei Pedanti, ma alcuni degli errori evidenziati non sono errori:

In effetti non l'ho detto.
Sono esempi di cristallina prosa scientifica? :-)


Esistono multipli non interi?

Si, se un ciclo è esattamente 2,5 volte l´altro (o un altro numero non intero). Per esempio il periodo di rivoluzione attorno al Sole di Mercurio è un multiplo non intero del suo periodo di rotazione (2/3).


Anche 10 è un multiplo non intero di 3: è sufficiente moltiplicarlo per 3,3 periodico.
Ti ribalto la domanda: in matematica e in fisica si usa l'espressione "multiplo intero" e "multiplo frazionario", o è sottinteso che il multiplo è quello intero?


E che significa "molto simile a un multiplo"?

Non è espresso benissimo, ma significa "approssimativamente proporzionale"


Meno male che lo ammetti...


Così apprendiamo che esistono anche fenomeni bassamente periodici, o moderatamente periodici.

Esistono fenomeni che non sono perfettamente periodici, ma sono approssimativamente periodici (il periodo cambia poco da un ciclo all´altro e oscilla attorno ad un valore medio). Altamente periodici significa che sono molto precisi come periodo e la approssimazione è minima, nonostante non esista una legge definita per renderli "assolutamente" periodici.

una qualche retroazione,

Una retroazione non perfettamente definita: esiste perchè se ne vedono gli effetti, ma non si riesce a definire e comprendere.


Tramite ricerca google c'è un solo esempio di sito scientifico che usa l'espressione "altamente periodici" (il CNR), e zero esempi al singolare, "altamente periodico/a". Qualcosa vorrà pur dire, no?

Tali espressioni le usi davvero nelle pubblicazioni scientifiche, o le lasci ai divulgatori di Repubblica e Il giornale?
@Doduz e Pgc

Suvvia, Giove è cicciottello rispetto alla terra, ma rispetto al sole (o ad altro che gira per lo spazio) è un sassolino.
"Così apprendiamo che esistono anche fenomeni bassamente periodici, o moderatamente periodici."

Forse la parola è "Ricorrenti" ?
Doduz:"Forse è più semplice dire che il ciclo solare ha una durata MEDIA simile al periodo orbitale del pianeta Giove (che raccoglie quasi tutta la massa del Sistema Solare al di fuori del Sole).
Potrebbe esere una coincidenza.".

Hai perfettamente ragione. Volevo scrivere un'altra cosa che comprendeva anche Saturno, poi ho rimosso Saturno ed e' venuto fuori l'errore. Grazie per la correzione.

Si potrebbe tratarsi di una mera coincidenza ma ci sono altre correlazioni che sembrano rinforzare l'ipotesi, sebbene gli argomenti a me sembrino piuttosto deboli.
@puffolottiaccident: quando c'e' una risonanza e' possibile che una causa "piccola" provochi un'effetto gigantesco.

Comunque io riporto un'opinione minoritaria ma relativamente diffusa nell'ambiente. Vedi per es.
http://www.springerlink.com/content/x072h37683724108/.
Anche se non sono un planetologo me ne torno a osservare Giove a 90 GHz, che qui ad ALMA usiamo come calibratore e che in questo momento (6 del mattino) e' ancora bello alto e brillante in cielo...

un saluto
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Il ruttino solare in vignetta.
Ma che volete che sia un semplice 'tsunami solare' rispetto alla nuova "arma climatica statunitense"? ;-)

...Russia's largest circulation newspaper, Komsomolskaya Pravda, ran a headline on July 31 that asked, "Is the Russian heat wave the result of the USA testing its climate weapon?" The daily's answer was "Yes, probably."

http://www.time.com/time/world/article/0,8599,2008081,00.html?xid=rss-topstories
Ti ribalto la domanda: in matematica e in fisica si usa l'espressione "multiplo intero" e "multiplo frazionario", o è sottinteso che il multiplo è quello intero?

Aspetta non è un aut-aut. Nell´espressione pgc ha specificato che il multiplo è intero. Che una specifica sia multipla di qualcosa vuol dire che moltiplicando quel qualcosa per un numero si ottiene quella specifica. La parola multiplo non ha nessun valore intrinseco di interezza o non interezza. pgc ha aggiunto una specifica all´aggettivo multiplo che aggiunge una caratteristica al multiplo.

Tramite ricerca google c'è un solo esempio di sito scientifico che usa l'espressione "altamente periodici" (il CNR), e zero esempi al singolare, "altamente periodico/a". Qualcosa vorrà pur dire, no?

Se cerchi "alta periodicità" trovi pure l´ARPA. Ma io cercherei "high periodicity" visto che la maggior parte degli articoli scientifici viene scritta in inglese.
P.s. Ti ribalto la domanda: in matematica e in fisica si usa l'espressione "multiplo intero"

manca la risposta alla domanda che è: si, in matematica si usa l´espressione "multiplo intero" per specificare il tipo di numero moltiplicatore.
molto interessante grazie ^-^
I picchi si direbbero equidistanti, ad occhio, quindi per quanto ci riguarda lo sono...

Vediamo cosa credo di aver capito:

Il sole sta scagliando da ieri mattina una quantità inusitata di fotoni e cose più "leggere" in un certo intervallo di lunghezza d'onda, nell' ambito di un ciclo che dura 10-12 anni, più violento è il funzionamento basale del sole, più violento è questo tipo di fenomeno, 5 anni fa il "funzionamento basale" era alla cuspide alta, ora siamo a fondovalle.
L'evento emula temporaneamente un picco ad un livello pari a...

a...

Più oppure meno della differenza fra il 1960 e oggi stesso?

La domanda è: questo tsunami ha superato per intensità i fenomeni del 1960 o del 1959 ?
Per airone76

Ti ribalto la domanda: in matematica e in fisica si usa l'espressione "multiplo intero" e "multiplo frazionario", o è sottinteso che il multiplo è quello intero?

Aspetta non è un aut-aut. Nell´espressione pgc ha specificato che il multiplo è intero. Che una specifica sia multipla di qualcosa vuol dire che moltiplicando quel qualcosa per un numero si ottiene quella specifica. La parola multiplo non ha nessun valore intrinseco di interezza o non interezza. pgc ha aggiunto una specifica all´aggettivo multiplo che aggiunge una caratteristica al multiplo.


Sai, airone76, mi ricordi quell'avvocato Usa che in un controinterrogatorio chiese al medico legale: "Lei all'incirca quante autopsie ha effettuato su cadaveri?". Probabilmente online trovi anche la risposta del teste. :-)

Tramite ricerca google c'è un solo esempio di sito scientifico che usa l'espressione "altamente periodici" (il CNR), e zero esempi al singolare, "altamente periodico/a". Qualcosa vorrà pur dire, no?

Se cerchi "alta periodicità" trovi pure l´ARPA. Ma io cercherei "high periodicity" visto che la maggior parte degli articoli scientifici viene scritta in inglese.


Ti sei risposto da solo. La lingua ufficiale delle discussioni sul forum del disinformatico è l'italiano. E visto che i traduttori che lo frequentano sono più d'uno, non farai fatica a farti spiegare perché una traduzione letterale come "altamente periodico" fa perdere la speranza di successivi incarichi.

manca la risposta alla domanda che è: si, in matematica si usa l´espressione "multiplo intero" per specificare il tipo di numero moltiplicatore.

Io non l'ho mai sentito, in 8 anni di studio della matematica a scuola. Se qualcuno fra i frequentatori del forum che insegna scienze o ha una laurea recente in materie scientifche può confermare l'uso dell'espressione, è benvenuto. Così, a me pare una ridondanza pletorica.
Errata corrige: il minimo è di MAUNDER, non di MIAUNDER...mi è partita una "i", così aveva un non so che di gattesco hehe
Sarebbe carino capire se il down del segnale dei satelliti di sky di ieri sera sia stato "influenzato" da qualcosa del genere
No comment ;)
http://www.v3.co.uk/v3/news/2267576/sans-warns-solar-storm?
http://isc.sans.edu/diary.html?storyid=9322
se non è stato già fatto, segnalo questo ottimo sito amatoriale sul ciclo 24

http://www.solarcycle24.com/
Io non l'ho mai sentito, in 8 anni di studio della matematica a scuola. Se qualcuno fra i frequentatori del forum che insegna scienze o ha una laurea recente in materie scientifche può confermare l'uso dell'espressione, è benvenuto. Così, a me pare una ridondanza pletorica

Lascia perdere la matematica scolastica, che fa poco testo :-). Ti dirò che in chimica (e soprattutto in fisica) non solo si usa l´espressione "multiplo intero", ma pure "multiplo semintero" per definire un rapporto x/2 tra due grandezze (tipico sono i rapporti tra due frequenze d´onda o tra spin di atomi).
Doduz
Forse è più semplice dire che il ciclo solare ha una durata MEDIA simile al periodo orbitale del pianeta Giove (che raccoglie quasi tutta la massa del Sistema Solare al di fuori del Sole).
Potrebbe essere una coincidenza.


Il periodo differisce significativamente, e non si notano differenze nell'ampiezza del ciclo solare a seconda di quanto sia "in fase" con Giove. NE ho parlato un pochino nel mio blog.

L'articolo citato da PGC dice esattamente l'opposto, quindi vado in biblioteca e me lo guardo.

@pgc: lavori ad ALMA? Non sapevo ci fossero italiofoni al sito. Salutami Rodrigo (il tecnico del correlatore).
Ecco il video della NASA dell'eruzione solare :). Un bel botto eh!
ciao Gianni. Al sito ci sono non solo molti italofoni, ma molti italiani, almeno 7-8. Senza contare che 25 antenne sono come sai di "italian design" (e infatti sono le piu' belle :) ). Di astronomi ci siamo io e da a una settimana un collega con lunga esperienza a Paranal.

La presenza italiana come sai e' notevole ovunque all'estero nei settori tecnico scientifici, come sai. Quello che ci caratterizza e' una certa "critica" al nostro Paese. Non a quello che abbiamo ricevuto dal passato, ma quello che abbiamo costruito, o meglio distrutto, col presente, incluso l'atteggiamento dei media ritenuto, come evidenziato dai tanti esempi elencati nel blog di Altissimo, indecentemente impreciso e dilettantesco.

Ho visto che hai avuto un certo ruolo nel back-end...

un saluto
Segnalo una notizia che ha tutta l'aria di una bufala goliardica: l'origano come rimedio antimeteorismo:

http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/energia_e_ambiente/10_settembre_09/bovini-metano-origano_d53e34c2-bc39-11df-8260-00144f02aabe.shtml

Gli diano da mangiare meno fagioli, piuttosto...
Non è un fatto che mi appassioni particolarmente, ma se ti interessa qui trovi gli studi del prof. Alexander Hristov

http://www.das.psu.edu/research-extension/dairy/nutrition/pdf/calsamigliappt.pdf
http://www.das.psu.edu/research-extension/dairy/nutrition/pdf/calsamigliaessentialoils.pdf

Ciao
VB
"l'origano come rimedio antimeteorismo:"

Veramente il finocchietto selvatico ha proprietà antimeteoritiche.
Per ué

"l'origano come rimedio antimeteorismo:"

Veramente il finocchietto selvatico ha proprietà antimeteoritiche.


Va' a dirlo al Grup de Recerca en Nutrició, Maneig i Benestar Animal di Barcellona: secondo me pubblicano un aggiornamento. :-)

A me francamente, anche dopo una rapida scorsa ai due PDF, rimane il sospetto di studio goliardico fatto passare per ricerca seria. Due indizi: nel secondo PDF i sei ricercatori a pagina 12 hanno inserito una foto di gruppo con lo scolapasta in testa. E una delle prime immagini (slide) ha come didascalia: "Reducction in production eficiency": è inglese o catalano?
Vuoi dire che se mi faccio un cappellino di finocchietto selvatico poi nibiru non mi fa più nulla?

Scherzi a parte, io lo sapevo del finocchio normale. Evidentemente le tradizioni popolari si tramandano in modo impreciso.
Con questa del finocchietto selvatico io vinsi anche un premio ad un quiz radiofonico :-)
come la mettiamo con questo?

http://blogs.telegraph.co.uk/culture/tomchivers/100008500/nasas-2013-solar-flare-warning-how-much-do-we-need-to-worry/

un evento carrington potrebbe accadere di nuovo e gli scienziati lo tengono in considerazione...
come la mettiamo con questo?


un evento carrington potrebbe accadere di nuovo e gli scienziati lo tengono in considerazione...


La mettiamo che è proprio quello che dice l'articolo di Attivissimo. Rileggilo, magari fino in fondo.