skip to main | skip to sidebar
56 commenti

Le cose che non colsi - 2011/02/22

Fantascienza, pasticci, pasticche e altre chicche


È disponibile temporaneamente qui la puntata del Disinformatico di venerdì scorso, dedicata ai dischi a stato solido che non si cancellano correttamente, al BrowserCheck sui plug-in obsoleti, alla 2-step Verification di Google, alla voce delle sei settimane di vita che resterebbero a Steve Jobs, e al mistero del lago subglaciale artico Vostok.


Star Trek: Q in Italia. Il simpaticissimo John DeLancie, l'interprete dell'alieno onnipotente e trolleggiante Q di Star Trek Voyager, Deep Space Nine e The Next Generation, sarà in Italia con la moglie Marnie Mosiman alla Deepcon XII, la convention di fantascienza, fantasy e horror che si terrà a Fiuggi, presso l'Hotel Ambasciatori, dal 14 al 17 aprile. Per tutte le informazioni il sito da consultare è www.ds1.it/deepcon.


Caprica, Battlestar Galactica, Star Trek, Guerre Stellari, Big Bang Theory e l'Uomo Ragno. Divertitevi a trovare quanti cameo di attori delle serie di (fanta)scienza ci sono in Tonight I'm Frakking You. Non perdetevi il finale. La canzoncina non è all'altezza di F*ck Me, Ray Bradbury (Not Safe For Work), ma il video merita e il testo anche.



Petizione per comperare i diritti di Firefly. Nathan Fillion dice semiserio che se vincesse la lotteria si prenderebbe i diritti di Firefly per farne una nuova serie, e i fan lo prendono in parola. I lavori preliminari per la colletta sono qui, insieme a due conti su quanto possa essere plausibile il progetto. Se non sapete cosa sia Firefly o chi sia Nathan Fillion, vi siete persi qualcosa di speciale.


Falla in Java che sfrutta un baco nel MIDI. Secondo Inreverse.net, è già utilizzata da siti-trappola russi.


Il Credo del Fuffaro. Gira in Rete da tempo un magnifico elenco delle tecniche più usate dai cospirazionisti, dai (f)ufologi, dai sensitivi e dai ciarlatani in generale: ne abbiamo parlato spesso nei commenti di questo blog, ma non credo di averne mai segnalato il link. È la versione pronta per l'uso del Manuale del Perfetto Complottista che ho iniziato a scrivere e che langue incompleto in attesa di tempi meno frenetici.


Anticopia e antiritocco per le immagini JPEG. Geniale: l'immagine è compressa usando un algoritmo che in caso di ricompressione (per esempio per sapere se un'immagine viene manipolata o ripubblicata in versione di minor qualità) fa comparire una scritta in sovrimpressione sull'immagine. Non occorre software esterno (LightBlueTouchPaper).


Sta per morire il kolossal hollywoodiano? Io9 ragiona sui costi sempre più esagerati dei grandi film di Hollywood e sul calo continuo dei biglietti venduti e degli incassi dal 2004 ad oggi (se si considera l'inflazione). Il 3D è un flop commerciale: un tentativo inutile di tenere a galla una formula resa obsoleta da DVD, TV giganti e dinamiche di mercato sempre più frenetiche.


Petizione per ridurre il canone TV svizzero, il più caro d'Europa. Mi limito a segnalarla caso mai dovesse avere un seguito.


La Homeland Security dà del pedoporno per errore a 84.000 siti. Ti svegli una mattina e scopri che il tuo sito è offline ed è stato sequestrato dal governo federale USA. Quando pensi che non possa andare peggio di così, scopri che il sequestro è avvenuto con l'accusa di disseminazione di pedopornografia. È successo agli utenti dell'hosting offerto da Mooo.com: 84.000 sottodomini bloccati per tre giorni e marchiati con un avviso infamante. I danni chi li paga? (The Inquirer).


Intanto, in Russia, i venditori di farmaci abusivi prosperano. Colpa dei gonzi che comprano medicinali online e che causano lo spam che intasa le nostre caselle di posta. Brian Krebs fa nomi e cognomi dei boss del traffico di compresse e pastiglie e dei loro party e intrallazzi in Russia. Pensateci prima di comperare farmaci in Rete: rischiate di alimentare gente senza troppi scrupoli.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (56)
Se non sapete cosa sia Firefly o chi sia Nathan Fillion

La so! La so! Nathan Fillion é Castle! ;-)
Hovintoquaccheccosa?
Errorino: per esempio per se un'immagine viene manipolata.
Oddio, ma il barista e' Tom Zarek! :D
(p.s.: a me l'algoritmo per le jpeg sembra un po' limitato...)
La Torresani in costume da Slave Leia circondata da nerd? Non in questo universo! :-)))
E per aggiungere un ulteriore tocco di nerdismo, si tirano anche dietro le carte di Magic :D
Refuso sistemato, grazie!
L'anticopia però è dimostrato su un'immagine uniforme e grigia. Funziona anche per immagini reali?
Il fatto che conosca tutti i termini e i nomi citati nella canzone mi preoccupa... frak... PS: ma è davvero la Torresani?
Quello a cui viene amputato il braccio non è l'attore che inerpreta il genio informatico traditore/collaborazionista in Battlestar Galactica?
L'anticopia è un proof-of-concept e non funziona nel mondo reale: ho preso l'immagine e ho provato a ricomprimerla con diversi livelli di qualità con Photoshop e il "void" non compariva.

Paolo: a tal proposito quanto scrivi nell'articolo è impreciso rispetto alla fonte originale, che sostanzialmente circoscrive l'ambito di utilizzo nella ricompressione che viene effettuata dai web proxy per dare l'impressione di una connessione più veloce. Per lo meno, non fa cenno agli ambiti da te citati (anche perché in quegli ambiti... non funziona :)
@Paolo Attivissimo: Il 3D è un flop commerciale: un tentativo inutile di tenere a galla una formula resa obsoleta da DVD, TV giganti e dinamiche di mercato sempre più frenetiche.
Lo schermo del cinema può dare emozioni che nessuno schermo gigante super HD può dare. Una volta ero l'unica persona in sala... meraviglioso.
Un'altra volta sono andato a vedere Ritorno al Futuro in una sala gremita di nerd che, come me, conoscevano a memoria ogni battuta del film... dire che è stata un'esperienza bellissima non rende bene l'idea (nemmeno sapendo che solitamente, quando guardo un film, pretendo il silenzio assoluto).

Concordo sull'inutilità del 3D: una fotografia schifosa rimane tale anche in 3D, così come un film "brutto" non viene trasformato in un capolavoro solo dal 3D.
Aggiungo anche che mi è capitato più di una volta di rinunciare ad andare a vedere un film in quanto disponibile unicamente in 3D, quindi sul sillogismo "3D=più biglietti" avrei qualche dubbio.
C'è molto fermento relativo ai domini "seized" di ICE / Homeland Security, oltre il caso eclatante dell'errore citato.
Particolarmente perchè i DNS alternativi (OpenDNS & co) sono inutili, ICE agisce
sequestrando domini in collaborazione con ICANN, per cui risultano bloccati in tutto il mondo.
Sto tenendo monitorata la situazione, ad oggi oltre 125 domini sono stati bloccati.
Hey, ma la tizia orientale nel video non e' mica Tinkerbella di The Guild?
Sulla petizione per il canone svizzero sarei veramente sorpreso che quelle 120'000 e rotti firme già rastrellate siano valide se date unicamente tramite web. Secondo me valgon quanto una petizione identica in Italia o via Facebook: zero.

Il formulario scaricabile invece permette l'apposizione della firma, se non che curiosamente non c'è lo spazio per la validazione del Municipio :-/

Boh, magari mi son perso qualcosa e mi sbaglio :-P
Tinkerbella - al secolo Amy Okuda.
Paolo, ti sei dimenticato la mitica Geek and Gamer Girls Song!

http://www.youtube.com/watch?v=_eJmYKN_1QE

E comunque quello non e' Tom Zarek, quello e Apollo!
Firefly's cancellation hurt like luke's amputation una tra le frasi più ner... geek che abbia mai sentito. Ovviamente la condivido in pieno e corro a dare denari per acquistare i diritti di Firefly!
Lo schermo del cinema può dare emozioni che nessuno schermo gigante super HD può dare

Verissimo
@Gatto del Cheshire Sì che è lei, ha pubblicizzato il video già da un po' su Twitter e pare sul punto di comparire in The Big Bang Theory.
Una volta ero l'unica persona in sala... meraviglioso.

Che bello! Posso sapere quale film era?
@mcguolo

Ottimo occhio. Ma non basta. Impegnati di più e scoprirai che Richard Hatch non ha interpretato "solo" Zarek nella riedizione di BSG, ma nella serie originale del '78 era nientemeno che...

ehehe, non lo immagineresti mai...

@ Paolo

Posso essere pedante? Cambieresti "Galactica" con "Battlestar Galactica", che sarebbe il nome per esteso della serie? Per un fan di BSG come me è come se scrivessi Star Trech... Penso che mi radieresti dalla Terra...
Stupidocane,

fatto, grazie della correzione.
Nell'articolo di io9 si dice una cosa molto saggia: "Ever since (Star Wars, nda) then, Hollywood has been like a coke addict chasing the same rush but the rush is shorter each time. Except that, of course, every now and then you get an Avatar. And the main lesson that the entertainment industry thought it learned from Avatar — you can make money if the film is in 3-D — turned out not to be true for all that many films.".

La mia impressione e' che il problema sia proprio questo: ogni volta si cerca di fare di piu', pero' non sul piano della narrazione, solo su quello dei mezzi e degli effetti speciali. Se il film di oggi mostra un inseguimento dove un'automobile salta una casa e si infrange su un reattore nucleare, in quello di domani ci saranno due auto che saltano due case e si infrangono su 2 reattori nucleari, ma la sostanza resta la stessa. Alla fine c'e' un effetto saturazione perche' non c'e' molto di realmente nuovo e anche perche' quando si spendono soldi in queste quantita' nessuno ha voglia di rischiare veramente.

Pero' la soluzione potrebbe essere qualcosa di... imprevedibile, come sempre succede al mondo. Alle previsioni del futuro costruite estrapolando una linea retta da quello che e' il presente non ci credo piu'.
"sul calo continuo dei biglietti venduti e degli incassi dal 2004 ad oggi"
Veramente (se ricordo bene) nel 2010 si è avuta un'inversione di tendenza, con aumento sia dei biglietti che degli incassi, sia in Usa che in Italia, e per il 2011 è previsto un'ulteriore aumento.
Il 3D, poi, quando è ben fatto ha un'inpatto non trascurabile (Avatar docet).
Ho visto Firefly e film annesso proprio recentemente, sono rimasto piacevolmente sorpreso. Comunque la citazione di Magic the Gathering nel filmato lo rende imperdibile. Fantastico.
Davi, se hai visto Firefly+Serenity, adesso sei pronto per Dollhouse...

Tra parentesi, in una puntata di Halloween di Castle Fillion appare vestito da Mal Reynolds, con la figlia che lo prende in giro:

Richard Castle: Hey... Hey... I was just... trying on my Halloween costume
Alexis Castle: What exactly are you supposed to be?
Richard Castle: Space Cowboy
Alexis Castle: Okay, A. There are no cows in space, and B. Didn't you wear that like... 5 years ago?
Eccolo!

http://www.youtube.com/watch?v=3Q3pdj9p6yI
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Non sono d'accordo sulla crisi del cinema, anzi direi che in questo momento sta vivendo proprio una nuova giovinezza.
Vi invito a leggere questo editoriale (dicembre 2010) di Antonio Autieri, direttore della rivista di cinema Box Office, insomma non l'ultimo sprovveduto: http://goo.gl/u8Zt5
Ottima notizia "Anticopia e antiritocco per le immagini JPEG", ma per chi non capisce un'acca di inglese che fa.

P.S.
Blog eccezionale, veramente.
@ué: Che bello! Posso sapere quale film era?
"Il Curioso Caso di Benjamin Button".
===Attenzione: contiene la descrizione del mio stato emotivo durante la visione del film===
Il che è stato anche un bene, dato che non ho mai pianto tanto guardando un film (forse l'essere solo ha contribuito). Ho aspettato la fine dei titoli di coda prima di lasciare la sala in modo da far sgonfiare il più possibile gli occhi.
===Fine descrizione===

@pgc: La mia impressione e' che il problema sia proprio questo: ogni volta si cerca di fare di piu', pero' non sul piano della narrazione, solo su quello dei mezzi e degli effetti speciali. [...]Alla fine c'e' un effetto saturazione perche' non c'e' molto di realmente nuovo e anche perche' quando si spendono soldi in queste quantita' nessuno ha voglia di rischiare veramente.
Un film bello non ha bisogno di effetti speciali costosissimi. "Il Mago di Oz", pur utilizzando effetti speciali quasi da teatro rimane un film piacevolissimo.
A rendere un film bello è la fotografia ("Barry Lyndon"), una grande regia ("Le Iene", realizzato con un budget limitatissimo), una storia che funziona, il talento degli attori, i dialoghi ben studiati ("Prima dell'Alba") e, paradossalmente, i momenti di silenzio ("Il Decalogo", "Tre Colori").
Sono cose relativamente poco costose rispetto agli effetti speciali a cui ci stanno abituando, quindi il rischio economico non dovrebbe essere eccessivo (considerando l'enorme rientro in caso di successo).
Temo però che il pubblico stia diventando sempre meno colto e l'industria del cinema si stia adattando. Ad un pubblico di questo tipo il film "impegnato", da capire, che commuove, con una fotografia che rasenta l'opera d'arte, appare noioso. Molto meglio un film "spettacolare" ma vuoto.
La cosa che mi rattrista maggiormente è però constatare come gli effetti speciali possano essere sostituiti da una comicità basata sui turpiloqui e sulle nudità.

@Pjt: Il 3D, poi, quando è ben fatto ha un'inpatto non trascurabile (Avatar docet).
Oltre ad Avatar, sapresti indicarmi un film in cui il 3D ha un ruolo fondamentale?
In molti casi non aggiunge nulla (Toy Story 3 in 3D, Saw 3D), in altri casi obbliga il regista ad includere i soliti cliché da 3D (cose che saltano fuori dallo schermo e vanno verso lo spettatore).
Se è usato per far sembrare il film uno spettacolo teatrale (la scena si svolge in profondità oltre lo schermo, come in Avatar) il risultato è pessimo. Uno spettacolo teatrale fatto da veri attori di teatro è infinitamente meglio.
"Il Curioso Caso di Benjamin Button".

Bello sì, ma mi chiedo come mai la sala fosse vuota.
Curiosamente io ho pianto disperatamente durante il film "Immaturi" che è divertentissimo, ma c'è una scena in cui mi sono commossa troppo.
Per quanto riguarda il 3D, io credo che un cartone animato come "Up" col 3D ci abbia guadagnato, non trovi?
"Il Curioso Caso di Benjamin Button".

Capolavoro

Temo però che il pubblico stia diventando sempre meno colto

Forse lo è sempre stato.
Ai tempi dei miei genitori il pienone lo faceva il genere peplum, con titoli come "Maciste contro i pirati".

PPPP (Prevedo Pedanterie e Provvedo Preventivamente): "Ben Hur" (altro capolavoro) è l'eccezione, non la regola
io credo che un cartone animato come "Up" col 3D ci abbia guadagnato, non trovi?

No. Anzi, sottrarrebbe attenzione alla storia, che è bellissima
No. Anzi, sottrarrebbe attenzione alla storia, che è bellissima

Infatti la storia è bellissima ed io l'ho apprezzata tanto, "nonostante" l'abbia visto in 3D che invece, secondo me, ha aggiunto percezioni sensoriali.
@ué: Bello sì, ma mi chiedo come mai la sala fosse vuota.
Era l'ultima proiezione del film.

@ué:Curiosamente io ho pianto disperatamente durante il film "Immaturi" che è divertentissimo, ma c'è una scena in cui mi sono commossa troppo.
Piangere in qualcosa che è fondamentalmente divertente... non è così insolito. Due parole: "Futurama" ed un certo cagnolino che si chiamava "Seymour".
A mio parere, quel flashback riesce ad inserire alla perfezione un momento fortemente malinconico in un contesto leggero.
p.s. Preparati tanti fazzoletti.

@ué: Per quanto riguarda il 3D, io credo che un cartone animato come "Up" col 3D ci abbia guadagnato, non trovi?
Mi vergogno ad ammetterlo ma "Up" è ancora nella lista dei film da guardare.

@martinobri: Capolavoro
Ingiustamente sottovalutato agli Academy Awards. Molti capolavori hanno ricevuto pochissimi "Oscar".

@martinobri: Forse lo è sempre stato.
Forse è un mio bias di selezione. Vedo sempre più persone disprezzare un film perché "non ha la CGI", "non ha il belloccio/belloccia di turno", "ha una trama troppo complicata" (questo l'ho sentito dire anche in riferimento ad "Inception"), "va visto con troppo impegno", e molte altre argomentazioni di questo tipo.
Anche discutendo di un film rimango spesso sorpreso dall'espressione vuota ai miei "hai visto che bella fotografia in quella scena?", "hai colto quella citazione?", ecc...

Forse è sempre stato così (ed i film di pessima qualità sono finiti nel dimenticatoio) ma mi chiedo: come mai a qualcuno è toccato "My Fair Lady" mentre io ho dovuto sopportare "High School Musical"? Perché a loro "Dracula di Bram Stoker" ed a me "Twilight"? Perché a loro "Vacanze Romane" ed a me "3MSC"?... potrei continuare all'infinito.
Mi sembra che questi ed altri film, che all'epoca ebbero un discreto successo e rimangono attuali, oggi tendono ad essere disprezzati.
Altro film che mi ha fatto divertire e piangere allo stesso tempo: Io e Marley :-(
@Smiley1081
In realtà ho visto Dollhouse prima di Firefly (l'ho scoperto con qualche ricerca su Joss Whedon). Prima stagione abbastanza monotona, migliora nel finale. Seconda stagione con budget molto più basso, e si vede, ma secondo me scritta meglio e quindi più gradevole. L'ultima puntata è un capolavoro, vale da sola il tempo 'perso' a vedere le due stagioni.
Inception complicato? Manca solo che il regista prenda per mano lo spettatore e compaiano note a margine del tipo "ricordate, 20 minuti fa è successo questo e quest'altro"... :)
Piangere in qualcosa che è fondamentalmente divertente... non è così insolito. Due parole: "Futurama" ed un certo cagnolino che si chiamava "Seymour".

Colpito e affondato. :-(
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Paolo mannaggia a te mi ha fatto scoprire Firefly, ho incominciato a guardarlo ed è come una droga...6 puntate di fila!guarda che ora mi hai fatto fare!! Tra 5 ore mi sveglio!
A proposito di "creo del fuffaro", mi è capitato di recente di leggere L'arte di ottenere ragione di Schopenauer: è il credo del fuffaro 300 anni prima di internet e visto dalla parte del fuffaro, ed è di un'attualità sconcertante! Si vede che l'evoluzione del complottista medio è molto, molto lenta! Sarà per questo che molti di loro negano l'evoluzione stessa?
Qui la versione in inglese.
Tra parentesi, dato che il venerdi' esco dall'ufficio fra le 12 e le 14, mi capita spesso di trovarmi da solo in sala, al cinema.

La prima volta in assoluto fu per il mitico Galaxy Quest, mentre per Mupppets From Space c'era anche una mia amica...
Mi fa deprimere il fatto che, se aprissi una rubrica chiamata Le cose che non colsi, sarebbe composta di una sola parola: banane.
Nathan Fillion dice semiserio che se vincesse la lotteria si prenderebbe i diritti di Firefly per farne una nuova serie, e i fan lo prendono in parola.

Sto per piangere...
Anche se temo che potrebbe essere rischioso riprendere in mano ora una serie che ormai ha 10 anni ed è entrata nell'immaginario collettivo (di chi la conosce, ovviamente) e di cui i fans conoscono a memoria scene, battute e inquadrature.
Si rischierebbe di realizzare una copia dell'originale oppure qualcosa che non ne sarà mai all'altezza.

Se non sapete cosa sia Firefly o chi sia Nathan Fillion, vi siete persi qualcosa di speciale.

Quando la gente sente parlare di una serie tv interrotta dopo 14 episodi, non capisce come mai ci sia tutto questo entusiasmo attorno a questo nome. Poi la guardano e cambiano idea.

Il 3D è un flop commerciale: un tentativo inutile di tenere a galla una formula resa obsoleta da DVD, TV giganti e dinamiche di mercato sempre più frenetiche.

Speriamo bene.
@ uè
Per quanto riguarda il 3D, io credo che un cartone animato come "Up" col 3D ci abbia guadagnato, non trovi?

Come avevo letto in una recensione su un blog, l'unico motivo per indossare gli occhialini è solo per non far vedere che si sta piangendo come dei bambini.
Non l'ho visto in 3d, ma personalmente credo che l'effetto sia come quello di andare a sentire una sinfonia i Beethoven in un auditorium profumato o con i seggiolini che ti fanno i massaggi: sensazioni piacevoli, ma che non aggiungono niente all'esperienza principale...semplicemente le si affiancano e, anzi, potrebbero disturbarla.
@Replicante Cattivo

Come avevo letto in una recensione su un blog, l'unico motivo per indossare gli occhialini è solo per non far vedere che si sta piangendo come dei bambini.

Veramente i miei bambini non hanno pianto perché la scena dove la protagonista femminile ha scoperto di essere sterile mica l'hanno capita; e anche quando è morta non hanno ben capito cosa sia successo.

:'-(
@ motogio

Veramente i miei bambini non hanno pianto perché la scena dove la protagonista femminile ha scoperto di essere sterile mica l'hanno capita; e anche quando è morta non hanno ben capito cosa sia successo.

Questo succede perchè i temi su cui si basa Up sono (giustamente) un po' lontani dal mondo dei bambini, che probabilmente troveranno stucchevole la storia d'amore tra i due vecchietti e preferiranno le scene con gli animali parlanti.
E se posso dirlo...beati loro.

Al contrario, tutti quelli che hanno -o vorrebbero- dei figli, quelli che vedono i propri genitori invecchiare o che temono il momento del distacco dalle persone amate...beh, probabilmente alla fine del film si troveranno con un groppone in gola che ritornerà su ogni volta che ripenseranno a questo capolavoro d'animazione.
Anche se è leggermente fuori tema, qualcuno mi sa dire perché, fin dagli anni Sessanta credo, si teorizzava per il futuro la televisione tridimensionale e olfattiva, mentre oggi siamo riusciti solo a riprodurre la prima, e mai la seconda? Anche al cinema, la moda dell'odorama è durata pochissimo (anche perché era piuttosto scomodo).
La tv olfattiva permette di sentire se la bellona di turno ha Chanel n°5, ma anche di percepire l'odore tipico quando la videocamera passa vicino a un letamaio. Se la scena è girata nelle fogne, come buona parte del film Il ladro dell'arcobaleno, l'esperienza dello spettatore sarà qualcosa di indimenticabile, mentre in un film dell'orrore si avrà la sensazione di essere entrati un una macelleria ben fornita.
Qualcuno lo sa?
Anche se è leggermente fuori tema, qualcuno mi sa dire perché, fin dagli anni Sessanta credo, si teorizzava per il futuro la televisione tridimensionale e olfattiva, mentre oggi siamo riusciti solo a riprodurre la prima, e mai la seconda? Anche al cinema, la moda dell'odorama è durata pochissimo (anche perché era piuttosto scomodo).

Probabilmente sarebbero anche riusciti a riprodurre gli odori, ma forse si sono accorti che il gioco non valeva la candela. Che tipo di sostanze e macchinari sono necessari per riprodurre gli odori? Quanto costano? Quanto spazio occuperebbero?
Siamo sicuri che il naso, dopo un'ora e mezza di impulsi olfattivi artificiali, sarebbe in grado di distinguerli, senza assuefazione?

E' vero che all'inizio anche il cinema sonoro fu percepito come un sacrilegio (tant'è che alcuni registi continuarono a fare film muti) quindi teoricamente, con un po' di abitudine, potremmo sopportare anche gli impulsi olfattivi.

Resta il fatto che vista e l'udito sono i sensi che usiamo maggiormente; le percezioni visive e sensoriali hanno un peso ben diverso rispetto a quelle olfattive, poichè ne siamo sempre bombardati. Ma poichè non siamo abituati ad utilizare l'olfatto, un odore (non necessariamente spiacevole) attirerà sempre la nostra attenzione, semplicemente per il fatto stesso che riusciamo a notarlo e a percepirlo.

Cosa accadrebbe in un cinema in odorama?
Che probabilmente l'odore di carne putrefatta, di sudore o di escrementi continuerà a farci provare disgusto, mentre la visione dei suddetti ci risulterà quantomeno sopportabile, così come al cinema risultano sopportabili il rumore di una bomba, uno scricchiolio o un torpiloquio (che invece nella realtà ci darebbero fastidio).
Parolacce diffuse.... l'applicazione Google Authenticator per Blackberry va solo con OS 4.x... ed il mio Curve 8900 è OS 5.....
Per Claudio Casonato

Parolacce diffuse.... l'applicazione Google Authenticator per Blackberry va solo con OS 4.x... ed il mio Curve 8900 è OS 5.....

Cos'è Google authenticator?
Al contrario, tutti quelli che hanno -o vorrebbero- dei figli, quelli che vedono i propri genitori invecchiare o che temono il momento del distacco dalle persone amate...beh, probabilmente alla fine del film si troveranno con un groppone in gola che ritornerà su ogni volta che ripenseranno a questo capolavoro d'animazione.

Parole sante.
La tv olfattiva permette di sentire se la bellona di turno ha Chanel n°5, ma anche di percepire l'odore tipico quando la videocamera passa vicino a un letamaio. Se la scena è girata nelle fogne, come buona parte del film Il ladro dell'arcobaleno, l'esperienza dello spettatore sarà qualcosa di indimenticabile,

A me non c'è bisogno della TV olfattiva. Mi succede puntualmente quando guardo "Mi manda Picone" (che rivedo volentieri ogni volta che lo trasmettono perché Giancarlo Giannini è troppo forte): c'è una scena girata nelle fogne ed io ogni volta sento veramente puzza di cacca.
@ Accademia dei Pedanti:
Google Authenticator è una applicazione che permette di usare uno smartphone come generatore di codici di accesso per le pagine Google, ed è descritto nel link dato da Paolo per il '2 steps verification'.