skip to main | skip to sidebar
53 commenti

Un bicchiere d’acqua si regge senza bicchiere

Videoquiz: si toglie il bicchiere e l'acqua ne mantiene la forma



È finto, d'accordo: ma quali sono gli indizi della finzione? Uno scherzo magnifico da fare agli amici creduloni, che s'inzacchereranno ripetutamente nel tentativo di emulare l'impossibile. Una buona occasione per insegnare loro a non credere a tutto quello che vedono su Youtube (via Gawker).
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (53)
Fiiicoooo.... Mi ricorda l'esperimento che si fa con il bicchiere d'acqua colmo e le monete...
Una cosa che non mi convince affatto è l'intensità e l'eccessiva staticità della luce riflessa sul tavolo, ben visibile quando l'acqua radialmente succussa viene inquadrata da vicino (1:45).

Sembra che l'autore, nel definire la superficie dell'acqua, abbia impostato i parametri più per un cristallo, che per un liquido.

Per intenderci, quei riflessi dovrebbero tremolare parecchio, poiché generati da una superficie liquida in rapido movimento; per non parlare dell'aspetto molto "standard".
Purtroppo mi dice che nella nazione in cui risiedo (Germania) non è fruibile.

Non so se rallegrarmi per i giovani tedeschi che perdono un'occasione per insultare la bandiera o rammaricarmi per dovermelo perdere.
* Il movimento del bicchiere non combacia affatto con quello del tronco di cono d'acqua che rimane al suo interno, anzi, il bicchiere (vuoto) viene sollevato davanti al tronco di cono;
* ovviamente l'effetto magico non dura più di qualche secondo, mentre alla preparazione ai vari tentativi falliti ci si dedica più di un minuto; il disfacimento in sé dura 10 fotogrammi;
* ovviamente la rotazione non serve a un tubo scientificamente parlando, anzi, FACILITA la distruzione del tronco di cono (l'acqua in rotazione, per inerzia, partirebbe per la tangente);
* l'effetto "lente" (caustic in inglese) di una simile massa d'acqua è ben maggiore di quello che si vede proiettato sul tavolo. Esempio: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/8/8e/Kaustik.jpg;
* la quantità d'acqua che poi ricade sul tavolo è irrisoria rispetto a quella che sarebbe effettivamente contenuta in quel tronco di cono


Rimane il dubbio se sia semplicemente buona CGI o uno scherzo fatto da due tronchi di cono, uno dentro l'altro, con una sottile intercapedine con un po' d'acqua dentro.
Potrebbe trattarsi di un sottile strato di ghiaccio (predisposto) ricoprente la parete interna del bicchiere, forse se il tavolo è talmente liscio da aderire ai bordi del (finto) bicchiere di ghiaccio l'acqua potrebbe restarne intrappolata senza fuori uscirne da sotto.

Ammesso che sia un vero trucco riproducibile di fronte ad un pubblico...
Quando toglie il bicchiere questo si trova davanti a quella massa simil-acqua (min 1.30); ma che cosa abbia usato al posto dell'acqua non lo so.

Forse acqua al limite del congelamento?
Un po' come succede scaldando il latte nel microonde che appena si tocca comincia ad andare in ebollizione?
basta guardare il suo canale youtube per capire come ha fatto... sembra che se la cavi bene con l'editing 3d.
Come quel tipo col mulino di Escher...
http://tv.repubblica.it/copertina/il-mulino-di-escher-ora-e-reale-ma-il-trucco-qual-e/62327?video=&ref=HRESS-6
http://www.youtube.com/watch?v=5GWhOLorDtw

Questa è una sorta di gelatina (non posso vedere il video)
Ho come l'impressione di essere finito in antispam, i miei commenti su questo blog non vengono MAI pubblicati. Si può fare qualcosa? :\
Peppe

Si può fare qualcosa? :\

Non postare link; purtroppo quando finisci nella lista nera di Blogger c'è poco da fare.

:-(
Mi pare semplicemente un montaggio molto ben fatto.
Non sono riuscito a trovare il fotogramma in cui la torretta d'acqua crolla. Guarda caso, la mano del tizio è nel frattempo uscita dal campo.

Probabilmente ha unito la sequenza di un budino trasparente (oppure un bicchiere photoshoppato) e la parte finale di un "esperimento fallito".
Per fare le cose "fatte bene" io avrei quantomeno lasciato il bicchiere un po' bagnato (notate che il bicchiere riposto è privo di gocce o, comunque, tracce di liquido)
@motogio:
Grazie, ma se nemmeno un-link-uno a Wikipedia è accettato... :)

Comunque vedo che il commento è apparso. \o/
Ehm...Paolo ha scritto chiaramente 'è finto', non 'c'è il trucco' :D
Per farvi capire, questo è 'vero', però 'c'è il trucco' :D
A prima vista direi che l'effetto dell'acqua che ricade sul tavolo è molto simile a quello che si ha in Blender (software di modellazione 3D).
Per la ripresa a mano mentre si avvicina niente di complicato con un software di motion tracking tipo Voodoo.
Direi che per scoprire la gabola bisogna concentrarsi su schizzi (e quantità d'acqua) e, soprattutto, punti luce e riflessi.
Qui c'è uno show reel che mostra le abilità del tizio con la grafica 3D. E a 0:22 c'è uno dei miei incubi peggiori :|
Bello, però :-)
E' un genio: andrebbe iscritto al club di Amici Miei ad honorem! :)
"Istruzioni" dettagliate e per infierire sui polli, gli dice anche che pure a lui ci vogliono almeno due tentativi :)
Vorrei vedere le facce dei ragazzini che allagano la cucina per provarci :)
Questi sono i veri geni: ha tutta la mia sana invidia! :)
Mi sembra di ricordare che alcune sostanze come il silicato di sodio danno all'acqua un'aspetto gelatinoso....
Una sola spiegazione: Realflow! Il miglior sw di simulazione di fluidi! Semplice ed efficace!
Molte pubblicità in cui delle auto schizzano pozzanghere o passano attreverso cascate sono fatte con lo stesso sw.
@Usa free

Il tuo incubo peggiore...
Già, ti capisco: anche io odio quando addento un panino e le fettine di cetriolo sottaceto schizzano fuori.
Già, un buon lavoro di editing e DDD

(3D lol)
@ Usa Free
"Per farvi capire, questo è 'vero', però 'c'è il trucco' :D"

Si, è un trucco completamente e esclusivamente meccanico e nemmeno così complicato; è uno dei miei preferiti perché nella sua semplicità è straordinario
é una cosa ottenibile con un pc e un pò di programmi 3D, che come costi possono andare dal totalmente free (hanno citato Blender) a poche centinaia di Euro per programmi di matchmoving sufficienti all'impresa... io ho un video con un T-rex fatto anni fa che si muove sulla mia scrivania
O è un rendering oppure più banalmente è una gelatina per effetti speciali cinematografici che simula perfettamente l'acqua ma è solida e non rigida. Quando si "scioglie" probabilmente c'è un bel lavorone di montaggio dietro.
Infatti mi chiedevo, giusto per curiosità, ma la forza centrifuga non avrebbe dovuto farlo "esplodere"? sempre se non fosse una bufalina...
Più che un rendering sembrerebbe un compositing, probabilmente è la ripresa dello stesso bicchiere pieno d'acqua modificato con After Effects o Combustion, ho notato un errore di motion tracking a circa 1:47.
Mi fa venire in mente il film "the abyss"...

Tra l'altro, è stato uno dei primi film a usare la computer grafica, nel 1989; quindi, se con i computer di allora si potevano fare quegli effetti, con un normale personal di oggi (che è molto più potente) non dovrebbe essere difficile fare un effetto simile.
Per angros

Mi fa venire in mente il film "the abyss"...

Il film di James Cameron del 1989 in Italia aveva il solo titolo Abyss, non chiedermi perché. Fonte: Cinematografo.it. C'è un film distribuito in Italia col titolo The abyss, ed è... iraniano. Il titolo in farsi è tutt'altro. Ennesimo esempio di autocolonialismo culturale. :-(

Tra l'altro, è stato uno dei primi film a usare la computer grafica, nel 1989;

Non esageriamo. Anche la non affidabilissima Wikipedia inglese menziona Il mondo dei robot di Michael Crichton come il primo film ad impiegare la grafica computerizzata. Ed è del 1973. Seguono molti altri. Abyss sarebbe il primo ad usare la grafica computerizzata e tridimensionale per l'acqua. Capirai... :-)
Acca, vieni nel forum http://idisinformatici.altervista.org ti stiamo aspettando :-)
Per theDRaKKaR

Acca, vieni nel forum [...] ti stiamo aspettando :-)

Tempo fa, su richiesta, credo, di Turz, avevo segnalato un'accesa discussione esterna a cui avevo partecipato su un argomento che non era stato trattato sul Disinformatico, cioè la sentenza contro Google Video.
La discussione sul forum apposito era già estinta da un pezzo, come in ogni articolo che riporta un fatto di cronaca.
Ebbene, nonostante questo, a distanza di due mesi, fra i commenti di quel forum è comparso un bel "[Pseudonimo mio], sei pesantissimo!" Firmato theDRaKKaR.

E io dovrei andare su un forum gestito da un soggetto del genere?
E perché no?
Favoloso, ci sono riuscito al 4° tentativo. Penso che la tensione superficiale unita all'effetto giroscopio dato dalla rotazione permette al cono di rimanere in piedi più di quanto normalmente non ci si attenda. In realtà non è stato necessario toccarlo per farlo collassare, lo ha fatto da solo dopo 3 o 4 secondi.
Adesso mi riprendo con la telecamera.
@Luca

Sbiliguri fotte insieme a bradipo, in senso onomatopeico, sbirigufi gioisce si infervora raramente sbiligudi ratapioca. Ma, insomma, mi permetta: supercazzola prematurata soffia con supercazzola e racconta storie con tataratatablinda e insignisce insieme a trinita`.
Per theDRaKKaR

Sbiliguri fotte insieme a bradipo, in senso onomatopeico, sbirigufi gioisce si infervora raramente sbiligudi ratapioca. Ma, insomma, mi permetta: supercazzola prematurata soffia con supercazzola e racconta storie con tataratatablinda e insignisce insieme a trinita`.

Forse intendi trinità. Altrimenti la frase non ha senso.
Iscriviti!
Beh, intanto mi sono iscritto io anche se ho una gran paura che aggiungere un ulteriore spazio di discussione possa generare più confusione che essere d'utilità ma spero vivamente di sbagliarmi.
Ho usato come indirizzo di posta elettronica quello che utilizzo per le vaccate su Internet :-P
Il mio vero tanto lo conosci.
Mi chiedo solo: se uno si registrasse a nome di qualcuno che non si è iscritto e che non lo farà in seguito come lo si sgamerà?!?
Incarico Turz di svolgere le indagini :D
@Accademia
E io dovrei andare su un forum gestito da un soggetto del genere?

Ma che ci sono le faide tra i frequentatori del blog? Dai su, iscriviti anche te!
Per Gwilbor

Per farmi dire pesantissimo e ciccy-ciccy anche lì? Basta questo spazio...
Dai Ciccy-ciccy :-(
Io mi sono iscritto, cippa lippa. (kiss)
Ma è possibile che nessuni si sia accorto che in realtà la permanenza della forma dell'acqua altro non è che il risultato (come sarebbe ovvio a chiunque avesse un po' di pratica con gli insegnamenti di Hahnemann) della succussione a cui è stata sottoposta.
E quindi l'esperimento presentato altro non è che la prova sperimentale della memoria dell'acqua e quindi della validità dell'omeopatia....
Paolo, forse per tutti i "tedeschi" d'adozione (come il sottoscritto) potresti modificare il link con questo, che funziona anche da qui:
http://www.youtube.com/watch?v=9pqohXKerEo

PS: l'ho postato subito su Feisbuk, vediamo quanti amici mi bestemmieranno dietro! :)
nessuno ha notato senso orario e senso antiorario? le prove fallite e quella riuscita?
@Dario

Orsù, esprimiti, non essere timido :-) Cosa proponi?
« Se elimini tutte le ragioni illogiche in una situazione, quelle logiche, per quanto improbabili, devono essere necessariamente quelle vere » Sir Arthur Conan Doyle
Veramente non lo disse lui, ma lo fece dire ad un suo personaggio, Sherlok Holmes. Un cocainomane. :D
Non era "impossibili" e "possibili"?
La frase precisa è:

When you have eliminated all which is impossible, then whatever remains, however improbable, must be the truth.
Poi c'è anche questa:

« A me a chi mi tocca Holmes e Dupin divento pazzo » (theDRaKKaR)