skip to main | skip to sidebar
53 commenti

Era meglio tacere: profezie tecnologiche mancate

Questo articolo risale al lontano 2001. Lo ripubblico qui oggi per aggiornarlo, migrarlo dal suo indirizzo originale su Attivissimo.net, per sottoporlo alla vostra revisione e perché comunque certe perle non sbiadiscono mai. Ultimo aggiornamento: 2012/11/23.

Questa è una raccolta informale di frasi celebri riguardanti l'informatica e la tecnologia che sono diventate eterna fonte di imbarazzo per chi le ha pronunciate. Altre raccolte sono su Wikiquote alle voci Incorrect Predictions e Ultime parole famose. Se siete a conoscenza di altre perle di questo calibro, scrivetemi e segnalatemele. Mi raccomando, che siano ben documentate!


"Internet... ben presto esploderà in modo spettacolare, come una supernova, e nel 1996 collasserà catastroficamente"


Autore: Robert Metcalfe, fondatore della 3Com, inventore dello standard Ethernet per le reti informatiche locali.
Frase originale: "Almost all of the many predictions now being made about 1996 hinge on the Internet's continuing exponential growth. But I predict the Internet, which only just recently got this section here in Infoworld, will soon go spectacularly supernova and in 1996 catastrophically collapse".
Data: dicembre 1995.
Luogo: un suo articolo per la rivista Infoworld di dicembre 1995. La frase è l'inizio dell'articolo.
Fonte: Business Communications Review, pp. 39-45, maggio 1998 (bcr.com); Wired, novembre 1998 (wired.com); intervista di Metcalfe a Computer.org (computer.org).
Nota: Metcalfe era così sicuro della propria previsione che promise di "rimangiarsi le proprie parole" se non si fosse avverata. Molto sportivamente, lo fece, letteralmente, il 10 aprile 1997, alla Sixth International World Wide Web Conference (WWW6): sul palco prese un frullatore e vi mise dentro una copia del proprio articolo e un po' d'acqua, poi accese il frullatore, mangiandosi la pappina risultante con l'aiuto di un cucchiaio. Nell'intervista rilasciata a Computer.org citata nelle fonti, Metcalfe dichiara che l'articolo era sarcastico e non doveva essere preso sul serio, ma comunque ha ritenuto opportuno (e divertente) rimangiarselo lo stesso.


"Non c'è motivo per un privato di avere un computer in casa propria"


Autore: Kenneth Olsen, fondatore della Digital Equipment Corporation.
Frase originale: "There is no reason for any individual to have a computer in their home".
Data: 1977.
Luogo: la convention della World Future Society.
Fonte: winstonbrill.com; Christopher Cerf e Victor Navasky. 1984. The Experts Speak (NY: Pantheon), p. 209.


"Penso che ci sia richiesta mondiale per circa cinque computer"


Autore: Thomas J. Watson Jr., in seguito diventato presidente dell'IBM.
Frase originale: "I think there is a world market for about five computers".
Data: 1943.
Luogo: ?
Fonte: Life Magazine; Chris Morgan e David Langford, 1981. Facts and Fallacies (Exeter: Webb and Bower), p. 44. Tuttavia non ci sono prove che Watson abbia davvero pronunciato queste parole, ma siano una sintesi di un suo parere professionale del 1953 (dettagli).


"Una unità di calcolo sull'ENIAC è dotata di 18.000 valvole termoioniche e pesa 30 tonnellate, ma può darsi che in futuro i computer abbiano soltanto 1000 valvole e pesino soltanto una tonnellata e mezza"


Autore: la rivista Popular Mechanics.
Frase originale: "Where a calculator on the ENIAC is equipped with 18,000 vacuum tubes and weighs 30 tons, computers in the future may have only 1,000 vacuum tubes and perhaps weigh 1½ tons".
Data: marzo 1949 (quindi in parte scusabile).
Luogo: la rivista stessa.
Fonte: Da verificare. "Vacuum tube" è letteralmente "tubo a vuoto", ma ENIAC conteneva valvole termoioniche, che sono un tipo specifico di tubo a vuoto.


"Abbiamo un computer qui a Cambridge, ce n'è uno a Manchester e uno al laboratorio nazionale di fisica. Immagino che sarebbe giusto averne uno anche in Scozia, ma non di più"


Autore: il fisico inglese Douglas Hartree.
Frase originale: "We have a computer here in Cambridge; there is one in Manchester and one at the (National Physical Laboratory). I suppose there ought to be one in Scotland, but that's about all".
Data: 1951.
Luogo: ?
Fonte: Inaccurate Media Forecasts from the Past (http://www.hfac.uh.edu/MediaFutures/misses.html).


"Questo cosiddetto 'telefono' ha troppe carenze per poterlo considerare seriamente come mezzo di comunicazione. Il dispositivo è intrinsecamente privo di valore, per quel che ci riguarda"


Autore: ignoto.
Frase originale: "This telephone has too many shortcomings to be seriously considered as a means of communication. The device is inherently of no value to us".
Data: 1876.
Luogo: comunicazione interna della Western Union.
Fonte: Inaccurate Media Forecasts from the Past (uh.edu).


"Non è pensabile che la cosiddetta 'scatola musicale senza fili' abbia valore commerciale. Chi mai pagherebbe per un messaggio che non è inviato a una persona specifica?"


Autore: i colleghi di David Sarnoff, pioniere della radiofonia e direttore generale della Radio Corporation of America (RCA) e della National Broadcasting Corporation (NBC), nonché primo al mondo a trasmettere via radio la notizia dell'affondamento del Titanic (aprile 1912).
Frase originale: "The wireless music box has no imaginable commercial value. Who would pay for a message sent to nobody in particular?"
Data: ?
Luogo: ?
Fonte: Inaccurate Media Forecasts from the Past (http://www.hfac.uh.edu/MediaFutures/misses.html).


"Benché la televisione sia forse realizzabile dal punto di vista teorico e tecnico, dal punto di vista commerciale ed economico è impraticabile"


Autore: Lee DeForest, un inventore.
Frase originale: "While theoretically and technically television may be feasible, commercially and financially it is an impossibility".
Data: ?
Luogo: ?
Fonte: Bad Predictions (http://rinkworks.com/said/predictions.shtml).


"Ritengo che il cinema sia destinato a rivoluzionare il nostro sistema scolastico e che in pochi anni soppianterà in gran parte, se non del tutto, l'uso del libro di testo"


Autore: Thomas Edison.
Frase originale: "I believe that the motion picture is destined to revolutionize our educational system and that in a few years it will supplant largely, if not entirely, the use of textbook".
Data: 1922.
Luogo: ?
Fonte: Inaccurate Media Forecasts from the Past (http://www.hfac.uh.edu/MediaFutures/misses.html).


"A chi diavolo vuoi che interessi sentir parlare gli attori?"


Autore: H. M. Warner, della Warner Bros.
Frase originale: "Who the hell wants to hear actors talk?"
Data: 1927
Luogo: ?
Fonte: Bad Predictions (rinkworks.com).


"Gli americani hanno bisogno del telefono; noi no. Abbiamo fattorini in abbondanza"


Autore: Sir William Preece, ingegnere capo delle Poste Britanniche.
Frase originale: "The Americans have need of the telephone, but we do not. We have plenty of messenger boys".
Data: 1876.
Luogo: ?
Fonte: Inaccurate Media Forecasts from the Past (http://www.hfac.uh.edu/MediaFutures/misses.html), che cita la rivista The Economist.


"Bill Gates stima che entro il 1990, il 75-80% dei computer IBM compatibili verrà venduto insieme a OS/2"


Autore: Bill Gates, fondatore e presidente della Microsoft.
Frase originale: "Mr. [Bill] Gates's [CEO of Microsoft] own estimate is that by 1990 75-80 percent of IBM compatible computers will be sold with [IBM's proprietary operating system] OS/2".
Data: 30 gennaio 1988.
Luogo: la rivista The Economist.
Fonte: Inaccurate Media Forecasts from the Past (http://www.hfac.uh.edu/MediaFutures/misses.html)


"Ho percorso questo paese in lungo e in largo, e ho parlato con i migliori esperti: posso assicurare che questa 'elaborazione dei dati' è una moda che non durerà neppure fino alla fine di quest'anno"


Autore: il capo redattore del settore libri per le aziende della Prentice Hall.
Frase originale: "I have traveled the length and breadth of this country and talked with the best people, and I can assure you that data processing is a fad that won't last out the year".
Data: 1957.
Luogo: ?
Fonte: Bad Predictions (http://rinkworks.com/said/predictions.shtml).


"Ma.... a che cosa serve?"


Autore: un ingegnere della Advanced Computing Systems Division dell'IBM, parlando del circuito integrato.
Frase originale: "But what... is it good for?"
Data: 1968.
Luogo: ?
Fonte: Bad Predictions (http://rinkworks.com/said/predictions.shtml).


"Non esiste il benché minimo indizio che faccia pensare che l'energia nucleare diverrà mai accessibile, perché questo comporterebbe essere in grado di spaccare l'atomo a comando"


Autore: Albert Einstein.
Frase originale: "There is not the slightest indication that nuclear energy will ever be obtainable. It would mean that the atom would have to be shattered at will" (può darsi si tratti di una traduzione).
Data: 1932.
Luogo: ?
Fonte: Bad Predictions (http://rinkworks.com/said/predictions.shtml).


"La bomba [atomica] non esploderà mai. Lo dico come esperto in esplosivi"


Autore: Ammiraglio William Leahy, membro del progetto statunitense per la realizzazione della bomba atomica.
Frase originale: "The bomb will never go off. I speak as an expert in explosives".
Data: ?
Luogo: ?
Fonte: Bad Predictions (http://rinkworks.com/said/predictions.shtml).


“Gli aeroplani vanno bene per lo sport, ma non valgono niente per la guerra!”


Autore: Ferdinand Foch, Professore di Strategia, Ecole Superieure de Guerre, nonché comandante in capo degli eserciti alleati in Francia durante le fasi finali della prima guerra mondiale.
Frase originale: “les aéroplanes sont bons pour le sport, ils ne valent rien pour la guerre!”.
Data: 1911 (all'età di 60 anni).
Luogo: Reims, al termine del “Grande Concorso dell'Aviazione Militare”.
Fonte: segnalazione dei lettori Marco Piva e Motogio. L'Aeronautica Militare verrà introdotta in Francia il 29 marzo del 1912. Il 23 luglio 1960 i francesi vararono la portaerei Foch, così battezzata in suo onore.


"Le macchine volanti più pesanti dell'aria non sono possibili"


Autore: William Thomson, noto anche come Lord Kelvin (1824-1907), presidente della Royal Society e padre della scala di temperatura che porta il suo nome.
Frase originale: "Heavier-than-air flying machines are impossible".
Data: 1895.
Luogo: ?
Fonte: segnalazione del lettore Marco Piva.


"Nessuno mai costruirà un aereo più grande di questo"


Autore: un ingegnere della Boeing, dopo il primo volo del Boeing 247, un bimotore capace di portare dieci persone.
Frase originale: "There will never be a bigger plane built".
Data: ?
Luogo: ?
Fonte: Bad Predictions (http://rinkworks.com/said/predictions.shtml)


"La radio non ha futuro"


Autore: William Thomson, noto anche come Lord Kelvin (1824-1907), presidente della Royal Society e padre della scala di temperatura che porta il suo nome.
Frase originale: "Radio has no future".
Data: 1899.
Luogo: ?
Fonte: Bad Predictions (http://rinkworks.com/said/predictions.shtml).


"I raggi X si dimostreranno una truffa"


Autore: William Thomson, noto anche come Lord Kelvin (1824-1907), presidente della Royal Society e padre della scala di temperatura che porta il suo nome.
Frase originale: "X-rays will prove to be a hoax".
Data: 1899.
Luogo: ?
Fonte: Bad Predictions (http://rinkworks.com/said/predictions.shtml).


"La teoria dei germi di Louis Pasteur è una fantasia ridicola"


Autore: Pierre Pachet, professore di fisiologia a Tolosa.
Frase originale: irreperibile, ma la versione inglese che circola è "Louis Pasteur's theory of germs is ridiculous fiction".
Data: 1872.
Luogo: ?
Fonte: Bad Predictions (http://rinkworks.com/said/predictions.shtml).


“Ogni indagine che non sia riducibile a semplici osservazioni visive ci è dunque necessariamente preclusa in merito agli astri, che fra tutti gli enti naturali sono quelli che possiamo conoscere in maniera meno varia. Vediamo come ne possiamo determinare le forme, le distanze, le dimensioni e i moti, ma non potremo mai, in alcun modo, sapere nulla della loro composizione chimica o struttura mineralogica, men che meno degli esseri organizzati che vivono sulle loro superfici”


Autore: Auguste Comte, filosofo.
Frase originale: “Toute recherche qui n'est point finalement réductible à de simples observations visuelles nous est donc nécessairement interdite au sujet des astres, qui sont ainsi de tous les êtres naturels ceux que nous pouvons connaître sous les rapports les moins variés. Nous concevons la possibilité de déterminer leurs formes, leurs distances, leurs grandeurs et leurs mouvements; tandis que nous ne saurions jamais étudier par aucun moyen leur composition chimique, ou leur structure minéralogique, et, à plus forte raison, la nature des corps organisés qui vivent à leur surface, etc.”
Data: 1842.
Luogo: Cours de Philosophie Positive.
Fonte: How do we know the composition of stars? (rit.edu).
Nota: Trent'anni prima, Fraunhofer aveva già iniziato a studiare le linee d'assorbimento dello spettro solare. Vent'anni dopo la sentenza di Comte, Lockyear dedusse dallo spettro del Sole l'esistenza dell'elio. Oggi conosciamo la composizione non solo dei pianeti solari, ma anche di quelli extrasolari. Abbiamo robottini che scorrazzano su Marte e ne analizzano il suolo.


"Ritengo che OS/2 sia destinato ad essere il sistema operativo, e forse persino il programma, più importante di tutti i tempi"


Autore: Bill Gates.
Frase originale: "I believe OS/2 is destined to be the most important operating system, and possibly program, of all time".
Data: 1987.
Luogo: la prefazione al libro OS/2 Programmer's Guide, di Ed Iacobucci (ISBN 0-07-881300-X, 1988).
Fonte:
il libro suddetto.


"[Linux] probabilmente non supporterà mai altro che i dischi rigidi AT"


Autore: Linus Torvalds, creatore del sistema operativo Linux.
Frase originale: "...it probably never will support anything other than AT-harddisks".
Data: 25 agosto 1991.
Luogo: il newsgroup comp.os.minix, in occasione del primissimo annuncio di Torvalds del suo progetto di scrivere un sistema operativo simile a Unix.
Fonte: gli archivi del newsgroup stesso.


"Sei fortunato che non sei un mio studente. Non prenderesti un buon voto per un progetto del genere [Linux]"


Autore: Andrew S. Tanenbaum, creatore del sistema operativo MINIX e professore di sistemi operativi, dal quale Linus Torvalds prese spunto per Linux.
Frase originale: "I still maintain the point that designing a monolithic kernel in 1991 is a fundamental error. Be thankful you are not my student. You would not get a high grade for such a design" ("Rimango ancora dell'idea che progettare un kernel monolitico nel 1991 è un errore fondamentale. Sei fortunato che non sei un mio studente. Non prenderesti un buon voto per un progetto del genere").
Data: 1991
Luogo: un e-mail di Tanenbaum a Linus Torvalds.
Fonte:
http://linux.html.it/guida/guida_linux24.htm
Nota esplicativa: Linus Torvalds prese spunto da MINIX per creare Linux. Tuttavia MINIX è un sistema operativo a microkernel, mentre Linux è un kernel monolitico. Tanenbaum ritenne che il kernel monolitico fosse una tecnologia ormai obsoleta e che quindi Linux fosse spacciato. Sappiamo tutti quale dei due sistemi operativi è sopravvissuto.
Grazie a yatta77 per la segnalazione.


"Certamente!"


Autore: Bill Gates, alla domanda se anche il suo computer qualche volta va in crash.
Frase originale: "Definitely!".
Data: 7 dicembre 2001.
Luogo: intervista alla BBC.
Fonte:
BBC (http://news.bbc.co.uk/olmedia/1695000/video/_1697685_cn_billgatesinter_pp_vi.ram).


"I programmi Microsoft sono generalmente esenti da bachi"


Autore: Bill Gates.
Frase originale: "Microsoft programs are generally bug-free. If you visit the Microsoft hotline, you'll literally have to wait weeks if not months until someone calls in with a bug in one of our programs. 99.99% of calls turn out to be user mistakes. I know not a single less irrelevant reason for an update than bugfixes. The reasons for updates are to present more new features".
Data: 1995.
Luogo: intervista al settimanale tedesco Focus.
Fonte:
il settimanale tedesco Focus del 23 ottobre 1995.


PERLA FALSA: "Tutto ciò che si può inventare è già stato inventato"


Autore presunto: Charles H. Duell, Commissioner dell'U.S. Office of Patents (l'Ufficio Brevetti statunitense).
Frase originale attribuitagli: "Everything that can be invented has been invented".
Data: 1899.
Luogo: ?
Fonte: ovunque su Internet, ma un articolo di Time magazine del 2000 circa, e Bad Predictions (http://rinkworks.com/said/predictions.shtml) smentiscono l'esistenza del documento in cui, secondo leggenda, il signor Duell avrebbe scritto questa frase, richiedendo addirittura la chiusura dell'ufficio brevetti statunitense.


PERLA FALSA: “640 K dovrebbero bastare a chiunque”


Autore: Bill Gates, fondatore e presidente della Microsoft.
Frase originale: la maggior parte delle fonti riporta "640 K ought to be enough memory for anybody", ma ci sono molte varianti (tutte comunque con lo stesso significato).
Data: 1981.
Luogo: ?
Fonte: BBC. Tuttavia varie altre fonti indicano che probabilmente la frase è una leggenda metropolitana, dato che nessuno sa esattamente in che occasione Gates l'avrebbe pronunciata. Gates stesso nega di aver mai detto qualcosa di simile; una sua smentita personale è comparsa nel New York Review of Books (http://www.nybooks.com/articles/15180#n*).
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (53)
Ciao,
[i]"Ritengo che OS/2 sia destinato ad essere il sistema operativo, e forse persino il programma, più importante di tutti i tempi."[/i]
d'accordo che è una sparata grossa, ma segnalo che è riportata due volte nell'articolo.
Ciao, Paolo.
Premetto di non essere esperto di elettronica, ma nei miei esperimenti infantili, tanto tempo fa, 1 bit = 1 flip-flop = 2 transistor = 2 valvole. Quindi il mio netbook con 2GB di RAM ha un equivalente di 32 miliardi (anzi forse più, 32*10^30) di valvole e questo solo per la memoria. Il processore è a parte. Altro che mille valvole, LOL.
Intendevo 32*2^30...
Paolo l'altro,

grazie, m'era sfuggito il doppione. Sistemato.
che il kernel monolitico sia sopravvissuto non vuol dire che Torvalds avesse ragione: la difficoltà nella manutenibilità del kernel Linux è cosa risaputa.
"Ritengo che il cinema sia destinato a rivoluzionare il nostro sistema scolastico e che in pochi anni soppianterà in gran parte, se non del tutto, l'uso del libro di testo."

Khan Accademy :)
Come sempre queste "perle" escono dalla bocca di due categorie di persone: alla prima appartengono quelli che hanno un interesse specifico nel "confezionarle", alla seconda quelli arroganti e supponenti che, nel caso delle perle famose, almeno (o per fortuna) sono stati grandi nel loro campo.
Alla prima categoria appartiene sicuramente Bill Gates.
"Non ci sarà mai un BlackBerry con un lettore MP3 o una fotocamera."

Autore: Mike Lazaridis, RIM's CEO
Frase originale: "There will never be a BlackBerry with an MP3 player or camera."
Data: ultimi anni prima del 2011
Luogo: -
Fonte: ex-RIM executives - http://www.bgr.com/2011/07/13/rims-inside-story-an-exclusive-look-at-the-rise-and-fall-of-the-company-that-made-smartphones-smart/.
Sul link si posso trovare altre lungimiranze di Lazaridis.
Una considerazione sulle frasi riguardanti l'impossibilità di commercializzare i sevizi broadcast (radio e TV): non sono così poco lungimiranti, anzi, anticipano indirettamente i fenomeni dell'evasione del canone e dei download selvaggi, nonché l'ansia delle major di lucchettare ogni cosa e di fatto abbandonare il concetto di broadcast commerciale. L'utente ha davvero difficoltà a tirare fuori dei soldi per qualcosa che è "per tutti".
Nonostante tutto, radio e TV sono sopravvissuti.
Ahahahahah sono fantastiche!
[quote-"Michele C."-"/2012/05/frasi-celebri-da-rimangiare.html#c4214686931047981753"]
che il kernel monolitico sia sopravvissuto non vuol dire che Torvalds avesse ragione: la difficoltà nella manutenibilità del kernel Linux è cosa risaputa.
[/quote]

Linus aveva ragione e l'ha ancora adesso: le difficolta di debugging dei problemi distribuiti nei microkernel e la loro inefficienza sono cose risapute. (stessa fonte della tua).
Un giorno, carissimo, ci saranno moltissime affermazioni di sedicenti esperti e scenziati di oggi che faranno parte di questo articolo. Molti verranno inseriti solo per aver parlato di torri che cadono a causa delle bombe, altri per aver detto che sarebbero bastati solo due aerei per farle cadere( queste benedette torri)
e la IPCALYPSE, ARPACALYPSE, ovvero la fine del mondo internet per esaurirsi degl'indirizzi ip?
tu stesso Paolo ne parlasti poco tempo fa, ma nel 2011 tante testate informative pubblicarono gli allarmistici dati di fine imminente e blocco mondiale di internet.
Ciao Paolo, per tua informazione la citazione originale di
Auguste Comte e' la seguente:

"Toute recherche qui n'est point finalement réductible à de simples
observations visuelles nous est donc nécessairement interdite au sujet
des astres, qui sont ainsi de tous les êtres naturels ceux que nous
pouvons connaître sous les rapports les moins variés. Nous concevons
la possibilité de déterminer leurs formes, leurs distances, leurs
grandeurs et leurs mouvemens; tandis que nous ne saurions jamais
étudier par aucun moyen leur composition chimique, ou leur structure
minéralogique, et, à plus forte raison, la nature des corps organisés
qui vivent à leur surface, etc."

La puoi trovare a questo indirizzo, dove tutto il "Cours de Philosophie
Positive" e' interamente disponibile:

http://www.gutenberg.org/catalog/world/readfile?pageno=3&fk_files=1644289
Segnalo questo divertente video di Popular Mechanics.
Che senso ha mettere commenti sempre a tuo favore a parte quelli di dimostrare ogni volta quanto tu sia insincero e talmente intelligente da mostrare anche di chi la pensa diversamente da te. Grazie comunque della tua attenzione.
Quoto Michele C sul kernel monolitico, più grave limite di Linux in assoluto. Su OS\2 visto che è diventato NT, Win200, XP, Vista , win7,win8,2003 server e 2008 server, tutto sommato non è sbagliata come affermazione. Magari un pò MS centrica, ma complessivamente corretta.
[quote-"Matreus DB"-"/2012/05/frasi-celebri-da-rimangiare.html#c5147026503923959471"]
Un giorno, carissimo, ci saranno moltissime affermazioni di sedicenti esperti e scenziati di oggi che faranno parte di questo articolo. Molti verranno inseriti solo per aver parlato di torri che cadono a causa delle bombe, altri per aver detto che sarebbero bastati solo due aerei per farle cadere( queste benedette torri)
[/quote]

La cosa simpatica del complottismo è che non ha scadenza: "un giorno...prima o poi...nei prossimi secoli, la verità verrà fuori".

Tornando I.T.: Paolo, si potrebbe anche mettere qualche citazione sul Millennium Bug? Ai tempi, mi ricordo previsioni catastrofiche: poichè ogni oggetto elettronico possiede al suo interno un microchip, si diceva che questi sarebbero impazziti. Mi ricordo un servizio a "La macchina del tempo" (Rete 4) dove veniva mostrato una sorta di film ambientato in uno scenario post-apocalittico.

Altre dichiarazioni altisonanti, potrebbero essere quelle di Beppe Grillo, che negli anni 90 berciava contro internet, mentre ora la considera come la salvezza della nazione (ovviamente sorvolando su tutti i rischi legati al suo abuso e alla disinformazione dilagante).
Lord Kelvin era un collezionista di queste perle.
Ne "I Re del Sole" è riportata un'altra sua affermazione, del tipo "Tutto quello che la scienza doveva scoprire è stato scoperto, adesso dobbiamo solo migliorare le misure".
Appena trovo fonte precisa e data vi aggiorno.
Bisogna dire che alcune affermazioni, come quella di Thomas J. Watson Jr. sulla richiesta di computer non erano sbagliate ma semplicemente molto, molto a breve termine. Come oggi fare una previsione sl mercato delle centrali a fusione.
Interessante anche il percorso di Bill Gates riguardo ad Internet e Java:

"The Internet? We are not interested in it."
(Bill Gates, 1993)

"Sometimes we do get taken by surprise. For example, when the Internet
came along, we had it has a fifth or sixth priority."
(Bill Gates, Jul 1998)

"We had planned to integrate a Web browser with our operating system as
far back as 1993."
(Microsoft, 27 Jul 1998, filing its first court responses to federal antitrust)

"Crediamo in Internet"
(Bill Gates, la Repubblica, 9-9-98)


In response to Java:
"Anybody who thinks a little 9,000-line program that's distributed free
and can be cloned by anyone is going to affect anything we do at Microsoft
has his head screwed on wrong."
(Bill Gates)


Mi scuso ma purtroppo non ho mantenuto riferimenti più precisi riguardo a fonti e date.
[quote-"Brazov"-"/2012/05/frasi-celebri-da-rimangiare.html#c1188955910027008258"]
Premetto di non essere esperto di elettronica, ma nei miei esperimenti infantili, tanto tempo fa, 1 bit = 1 flip-flop = 2 transistor = 2 valvole. Quindi il mio netbook con 2GB di RAM ha un equivalente di 32 miliardi (anzi forse più, 32*2^30) di valvole e questo solo per la memoria. Il processore è a parte. Altro che mille valvole, LOL.
[/quote]

I miei ricordi sono un po' arrugginiti, ma farei un appunto le ram di oggi sono di tipo dinamico, non a flip-flop, per cui mi sembra ci sia un transistor per bit. Quindi direi 2 GB di memoria stanno su 2*8*2^30 transistor, quindi circa 17 miliardi di transistor.
"Certamente!"
Autore: Bill Gates, alla domanda se anche il suo computer qualche volta va in crash.


Perché questa frase è messa tra le sparate?
Ecco, Paolo, adesso prova a contare quante di queste affermazioni fasulle sono di fattivi tecnici e scienziati, e quante di improduttivi filosofi nullafacenti [con riferimento all'altro thread, quello sulle foto degli anelli di Saturno].
Come vedi, la citazione della frase di Comte che hai fatto di là era molto inopportuna...
> che il kernel monolitico sia sopravvissuto non vuol dire che Torvalds avesse ragione: la difficoltà nella manutenibilità del kernel Linux è cosa risaputa.

Credo che Tanenbaum avesse ragione, e di kernel code di Linux ne ho scritto un po'. Il fatto che linux abbia prevalso
@Matreus DB
I commenti sono moderati, e passano solo dopo essere stati approvati dal moderatore. Se avessi letto le avvertenze del blog, lo sapresti. Invece, parti subito con la supposizione che ci sia un complotto ai tuoi danni. Alcuni psicologi la definiscono una patologia mentale.
Da citare, anche se non famoso, l'allora mio datore di lavoro che nell'ottobre 1994 quando gli ho consegnato le dimissioni dicendo che andavo a lavorare da un Internet Provider la sua risposta lapidaria e' stata "Un'altro dei vostri giochi di voi smanettoni delle BBS!"
Sono convinto utente Debian da più di 10 anni, Lungi da me parlar male di Linux, semmai di Linus, il cui contributo allo sviluppo del kernel è ormai dei tutto marginale. Fonti... se ti accontenti di un paio di articoli:

Tanenbaum-Torvalds Debate: Part II
http://goo.gl/Ku5me

Torvalds Calls Linux Kernel 'Huge And Bloated'
http://goo.gl/XrZyS
Ma come, non hai messo quella che Polidoro ha detto ad EVA!

Scusami, vado a memoria.

"Il ragazzo non combinerà mai nulla di promettente"

detto da un insegnante di Einstein! :D
[quote-"Matreus DB"-"/2012/05/frasi-celebri-da-rimangiare.html#c8380707883064232984"]
Che senso ha mettere commenti sempre a tuo favore a parte quelli di dimostrare ogni volta quanto tu sia insincero e talmente intelligente da mostrare anche di chi la pensa diversamente da te.
[/quote]
La vera domanda è: che senso dovrebbe ave questa frase?
Sembra di capire che stai cercando di far passare il concetto che Paolo sarebbe una persona falsa qualunque tipo di commento lasci passare, di approvazione o di critica che sia. Proprio il tipo di sragionamento che ci si aspetta da un tizio che va cianciando di "scenziati" e di imbecillità complottiste a caso: qualsiasi cosa accada, non va mai bene e deve esserci per forza del marcio sotto...
Ciao Paolo, su Wikiquote trove tante altre frasi. Il link, se t'interessa, è questo: http://it.wikiquote.org/wiki/Ultime_parole_famose
@Vihai Varlog
Credo che Tanenbaum avesse ragione, e di kernel code di Linux ne ho scritto un po'. Il fatto che linux abbia prevalso


... e il resto della frase? Te l'ha mangiato "Vihai" ? Prova Nano la prossima volta... ma ovviamente non è abbastanza da smanettoni ;)
Solo un consiglio: per questo articolo potresti mettere un'interruzione di pagina? (volgarmente il "continua dopo il salto"?) No perché mi pare un po' troppo lunga la pagina di citazioni... :)
Cosa vuol dire che il kernel di Linux è monolitico?
Circa: "Sei fortunato che non sei un mio studente. Non prenderesti un buon voto per un progetto del genere"

Il computer come lo conosciamo oggi ha una storia di circa 30 anni, (a meno di non voler includere nella storia di un'invenzione le invenzioni precedenti che ne assolvevano la funzione; ma sarebbe come dire che un carro di buoi è un'automobile provvista di motore a scoppio )

Non esistono classici di mille anni fa, le diatribe si sono svolte in pochi anni, alcune in pochi mesi e molti di quelli che hanno assistito alla nascita dell'era sono ancora vivi, alcuni non hanno ancora 60 anni.

La frase di Tanenbaum è quanto meno buffa, perchè può appoggiarsi solamente a sè stesso.
"Gli aeroplani sono giocattoli interessanti, ma di nessun valore militare"

La frase originale in francese probabilmente è questa:

« les aéroplanes sont bons pour le sport, ils ne valent rien pour la guerre ! »

(Gli aeroplani vanno bene per lo sport, non valgono niente per la guerra !)

Pronunciata a Remis, nel 1911, al termine del "Grande Concorso dell'Aviazione Militare".

E non a torto leggendo la cronaca della manifestazione :-)

Le grand concours d’aviation militaire de Reims 1911.pdf

Ma al Maresciallo Foch non piacevano nemmeno le automobili; nel 1909 in un intervista disse:

" Les automobiles, les avions d'Ader, tout cela c'est joli, c'est du plaisir et du sport mais pour l'armée, c'est zéro !

(Le automobili, gli aeroplani di Ader (ndr. Clément Ader, pioniere dell'aviazione francese), tutte cose belle, sono divertenti e fatte per lo sport ma per l'esercito sono zero ! )

15 janvier 1909 : Engueulade avec Foch

Ironia della sorte: il 23 luglio 1960 i francesi vararono la portaerei Foch; così battezzata in suo onore :-)
Prima di giudicare duramente (e al di la' di qualche sana risata) forse dovremmo tenere conto del fatto che tutti noi si dice continuamente una marea di cazzate, solo che quelle dei personaggi "famosi" restano registrate.

Semplicemente l'essere umano non e' molto bravo a fare previsioni. E' vittima dei tanti bias cognitivi che lo affliggono. Certamente c'e' chi sa stare piu' zitto di altri, ma se ognuno registrasse tutto quello che dice in una vita probabilmente altro che questo... :) Fa parte dell'armamentario dello scettico rendersene conto.
Ciao, segnalo solo che il link dell'"University of Houston" risulta Page not Found
@Brazov

Diciamo che il kernel è per il computer quello che in un animale corrisponderebbe agli apparati (cuore, polmoni, fegato, stomaco) anche se è una definizione mooolto di massima. un kernel monolitico è una struttura che si assume tutte le funzioni, come se un animale avesse un unico organo che svolge tutte le funzioni degli apparati.
Il difetto del kernel monolitico è che se qualcosa di non vitale va a pallino le funzioni vitali lo seguono come in una cordata.

Per il motivo che ho detto sopra (cioè che stiamo parlando di una scienza molto giovane) è piuttosto difficile dire se il kernel monolitico sia meglio o peggio del kernel frammentato.

Come è successo con arco e frecce Vs. fucile, un giorno una delle due soluzioni sarà relegata ai giocattoli e l'altra verrà adottata universalmente.
[quote-"puffolottiaccident"-"/2012/05/frasi-celebri-da-rimangiare.html#c583203473951515641"]
@Brazov

Diciamo che il kernel è per il computer quello che in un animale corrisponderebbe agli apparati (cuore, polmoni, fegato, stomaco) anche se è una definizione mooolto di massima. un kernel monolitico è una struttura che si assume tutte le funzioni, come se un animale avesse un unico organo che svolge tutte le funzioni degli apparati.
Il difetto del kernel monolitico è che se qualcosa di non vitale va a pallino le funzioni vitali lo seguono come in una cordata.

Per il motivo che ho detto sopra (cioè che stiamo parlando di una scienza molto giovane) è piuttosto difficile dire se il kernel monolitico sia meglio o peggio del kernel frammentato.

Come è successo con arco e frecce Vs. fucile, un giorno una delle due soluzioni sarà relegata ai giocattoli e l'altra verrà adottata universalmente.
[/quote]

Ma Windows e Mac OS come sono, monolitici o articolati?
@Brazow

Microsoft windows fa quello che gli pare meglio in ogni occasione XD

Scherzi a parte, di windows dicono che abbia un kernel ibrido.

http://it.wikipedia.org/wiki/Kernel
Sembrerebbe che la frase del Maréchal Foch sia stata
"Les avions sont des jouets intéressants mais n'ont aucune utilité militaire" secondo Wikiquote
http://en.wikiquote.org/wiki/Ferdinand_Foch
che lo trae dal seguente libro del 1911 : Time : A Traveler's Guide (1998) by Clifford A. Pickover, p. 249

La citazione in questione mostra quanto la Francia fosse impreparata anche intellettualmente alla Blitzkrieg tedesca, ma le restanti citazioni di Foch sembrano mostrare che nell'insieme non fosse esattamente un imbecille.
Non riesco a trovare un senso logico all'osservazione "Vacuum tube/valvole termoioniche".
Mi pare logico che il "futurologo" incriminato pensava a un tipo di "vacuum tube" diverso da quello che aveva fino a quel momento usato e che permettesse di ridurre numero di elementi e il peso dei telai, alimentatori, ecc.
L'ENIAC usava per le funzioni di calcolo (ipotizzo in base all'epoca e alle funzioni da realizzare) triodi, doppi triodi e pentodi. L'ultimo "vacuum tube" prodotto, ma privo di successo commerciale perché già si diffondeva il transistor, fu il nuvistor (annunciato da RCA nel 1959) che era effettivamente un triodo di piccole dimensioni e che permetteva di realizzare anche apparecchi a pile.

Insomma quale problema c'è nella frase originale? Non vedo come l'autore dell'epoca avrebbe potuto esprimersi in modo diverso dato che se avesse detto "usare 1000 pentodi" avrebbe avuto la possibilità di implementare subito il cambiamento.
Non dimentichiamoci che erano (brillanti) progettisti e costruttori, non markettari e consumatori...
Beware of bugs in the above code; I have only proved it correct, not tried it.
Donald Knuth
http://en.wikiquote.org/wiki/Donald_Knuth

:-)
[quote-"mastrocigliegia"-"/2012/05/frasi-celebri-da-rimangiare.html#c276611591645617997"]
"Certamente!"
Autore: Bill Gates, alla domanda se anche il suo computer qualche volta va in crash.


Perché questa frase è messa tra le sparate?
[/quote]

Andrebbe messa DOPO "I programmi Microsoft sono generalmente esenti da bachi".

@Fabs
Interessante anche il percorso di Bill Gates riguardo ad Internet e Java:

"The Internet? We are not interested in it."
(Bill Gates, 1993)

"Sometimes we do get taken by surprise. For example, when the Internet
came along, we had it has a fifth or sixth priority."
(Bill Gates, Jul 1998)


La fonte della seconda è qui. Per la prima, la citano ovunque, ma nessuno dice dove e quando l'avrebbe detta, per cui c'è chi sospetta che sia una perla falsa.

E comunque c'è la sua nota del 1995 in cui dà ad Internet la massima priorità: "Perhaps you have already seen memos from me or others here about the importance of the Internet. I have gone through several stages of increasing my views of its importance. Now I assign the Internet the highest level of importance. In this memo I want to make clear that our focus on the Internet is crucial to every part of our business"
[quote-"pgc"-"/2012/05/frasi-celebri-da-rimangiare.html#c5964707077227966271"]
Prima di giudicare duramente (e al di la' di qualche sana risata) forse dovremmo tenere conto del fatto che tutti noi si dice continuamente una marea di cazzate, solo che quelle dei personaggi "famosi" restano registrate.

Semplicemente l'essere umano non e' molto bravo a fare previsioni. E' vittima dei tanti bias cognitivi che lo affliggono. Certamente c'e' chi sa stare piu' zitto di altri, ma se ognuno registrasse tutto quello che dice in una vita probabilmente altro che questo... :) Fa parte dell'armamentario dello scettico rendersene conto.
[/quote]

Giusto. Molte di queste "previsioni" ci fanno ridere solo perché abbiamo il senno di poi.
"Questo si propone di essere un libro serio, ma tra dieci anni potrebbe non sembrare tale: di quello che dico, ciò che si sarà rivelato giusto verrà considerato ovvio, e ciò che risulterà sbagliato ridicolo" (Bill Gates, "La strada che porta a domani")
Qui l'astuto zio Bill mette le mani avanti, però non ha tutti i torti.

A guardar Google, sono tanti gli elenchi di "previsioni sbagliate", oltre a quelli citati da Paolo e dai commentatori.
Ma forse bisognerebbe anche valorizzare quelli che hanno saputo fare delle previsioni corrette, magari non banali.
Esiste un elenco così? "positivo" invece che "negativo"? O tutte le previsioni azzeccate sembrano "ovvie" col senno di poi?

Per esempio sono state elencate molte "perle" di Bill Gates, ma Bill Gates è anche quello che disse che avremmo auvto un computer in ogni casa e su ogni scrivania, e questa sì che si è avverata. Anche se probabilmente quando l'ha detta la prima volta sembrava assurda.
Nella disquisizione tra Tanenbaum e Linus, Tanenbaum aveva TOTALMENTE ragione!!!!
La motivazione per cui Minix è morto è esclusivamente legata a problemi di licenza.
Il fatto che Linux stia lentamente morendo ( e nessuno ne parli piu' sul desktop ) testimoniano che sia architetturalmente uno schifo.
@Piercarlo
che linux stia morendo è tutto da dimostrare. C'è da dire che linux non ha mai avuto l'intenzione di portare l'informatica al grande pubblico, ma di fornire la massima libertà possibile a chi sappia usare un computer. Il fatto che sia poco diffuso in ambito desktop non dimostra niente. Se invece consideri che linux domina in ambito server dovrebbe farti capire che windows ha la maggioranza del mercato proprio perché la gente se lo trova preinstallato, mentre in ambito server dove è il sistemista (ovvero colui che sa) che sceglie e configura linux domina.
Vabbè sono frasi da contestualizzare. E' ovvio che nel 1980 non c'era bisogno di un computer (dell'epoca) in ogni casa, sono entrati in Italia parecchio dopo il 2000 solo dopo enormi progressi. E che negli anni '60 dove un computer costava un sacco di soldi, magari di denaro pubblico, ci si pensava bene prima di costruirne uno.
Sc,
Proprio la contestualizzazione rende quella frase un "era meglio tacere".
Hai notato il luogo e l' occasione in cui è stata detta quella frase?
Poi CHI l' ha detto.
E per finire il QUANDO: mentre Kenneth Olsen faceva quella dichiarazione, nell' aprile 1977 Steve Jobs, Steve Wozniak e Ronald Wayne lancavano l' Apple II (non l' uno, il due).

Ciao

Carson
A distanza di un anno il mio dubbio è sempre valido: "A guardar Google, sono tanti gli elenchi di "previsioni sbagliate", oltre a quelli citati da Paolo e dai commentatori. Ma forse bisognerebbe anche valorizzare quelli che hanno saputo fare delle previsioni corrette, magari non banali. Esiste un elenco così? "positivo" invece che "negativo"? O tutte le previsioni azzeccate sembrano "ovvie" col senno di poi?"

A questo proposito, una chicca scritta nel 1956 (a meno che non sia un abile fake, ma se lo è, i molti esperti che frequentano questo blog lo sgameranno subito):
Il tuo telefono del domani
"Il futuro potrebbe portarci telefoni tascabili, con pulsanti per comporre il numero e fare chiamate e videochiamate dirette in ogni luogo della Terra".
POTREBBE?!
Certo, la cosa del numero assegnato alla nascita non si è verificata. Ma il resto...
manca sempre una frase: solo gli idioti non cambiano idea.
Lord Kelvin ne ha sparate di predizioni sbagliate