skip to main | skip to sidebar
6 commenti

Come far durare più a lungo la batteria di un dispositivo Android

Gli smartphone hanno spesso problemi di durata della batteria: se li usate intensamente, è facile trovarsi a fine giornata con il telefonino scarico. C’è chi ripiega sulle batterie esterne, che però sono ingombranti e hanno il vizio di non essere mai a disposizione quando servono (e di dover essere caricate), ma se avete un Android recente (versione 5.0 o successive) potete usare la funzione di risparmio energetico per far durare molto più a lungo la batteria.

Andate nell’app Impostazioni e scegliete Batteria (oppure accedete al menu a discesa delle impostazioni rapide e toccate l’icona della batteria) e poi scegliete, dal menu in alto a destra dietro i tre puntini, la voce Risparmio energetico.

Se scegliete Attivo, la attivate subito: viene ridotta la vibrazione (se l’avete attivata), vengono limitati i servizi di geolocalizzazione (quindi Google Maps non funziona) e viene quasi eliminata la ricetrasmissione di dati in background: in altre parole, le app per mail e messaggi si aggiorneranno soltanto quando le aprite. In pratica riducete il vostro smartphone a un telefonino basic. Noterete che sullo schermo vengono mostrate due bande arancioni, per ricordarvi che siete in modalità di risparmio energetico. Per disattivarla vi basta accedere alla stessa voce di menu usata prima oppure mettere lo smartphone sotto carica: la modalità resta disattiva anche quando scollegate il telefonino dalla carica.

Potete anche impostare il risparmio energetico in modo che si attivi automaticamente quando la batteria scende al 5% o al 15%: questo è utile per evitare di trovarsi ad attivare il risparmio quando ormai la batteria è quasi completamente scarica. Se poi decidete che questa modalità non vi piace, impostate Mai, disabilitate Attivo e non la vedrete più se non la attivate manualmente.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (6)
Nei vecchi Android la geolocalizzazione è disattivabile così come anche la sincronizzazione, spesso anche dalla barra dei settaggi veloci.
Ma sono certe applicazioni che invece consumano la batteria in modo talmente sensibile che lo smartphone invece di durare un giorno ne dura la metà, a parità di uso.
A me personalmente è capitato con quella di Aliexpress e con quella che gestisce i droni della Parrot, Freeflight.
Una che drenava la batteria era l'app di Expo. Faceva pena. Lo dico solo perché un manifestazione di tale portata meritava una app degna. Ora è finito (da un po'....)
Paolo ti accenno il fatto che CyanoGenMod (la versione Android "tarocca") ha queste funzioni da un bel pò. Installandolo sul mio vecchio Galaxy S 0 (il primo galaxy uscito) seppur con batteria mezza ciucca, almeno fino a fine giornata ci arrivo, senza sostituire la batteria oramai (penso) andata... La soluzione non funzionerà a lungo (tant'è che per le telefonate ufficiali ho un galaxy S4 mini), ma usandolo come hotspot internet può andare più che bene... oppure per telefonate brevi...
per chi avesse i permessi di root sul proprio dispositivo esiste la possibilità, tramite svariate app come clean master, di evitare che le app che non si usano partano in automatico all'avvio, risparmiando così memoria e batteria. Le app rimangono disponibili a richiesta, ovviamente non funzionano i servizi e le notifiche in background (indispensabili per le app di messaggistica, ad es.)
Con Windows Phone il risparmio energetico avanzato descritto nei due articoli iOS 9 e Android 5 è di serie da parecchi anni, anzi c'è ancora qualcosa in più.
Pensavo avresti scritto "spegnendo il telefono". Che sembra un battuta, ma se il telefono è quasi scarico, io lo spengo per conservare quel poco che resta in caso di reale emergenza. Certo, non posso ricevere un messaggio di whatsup o la telefonata di un amico per bere una birra e resterò "fuori dal mondo", ma finora sono sopravvissuto. Scherzi a parte: avete il cellulare quasi scarico? Spegnetelo e accendetelo solo per una reale emergenza. Mi è capitato una volta in metro uno che si è suicidato buttandosi sui binario del treno e avevo il cellulare scarico e nessuno da poter chiamare per aiutarmi a tornare a casa