Cerca nel blog

13. Analisi forense di immagini

Questo capitolo fa parte della guida Motori di ricerca: uso avanzato per giornalisti, debunker e investigatori digitali di Paolo Attivissimo. Ultimo aggiornamento: 2022/02/13. Distribuzione libera sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia. I dettagli legali di questa licenza di distribuzione sono disponibili in italiano qui. Segnalate eventuali errori, link obsoleti, aggiunte o aggiornamenti scrivendo a paolo.attivissimo@gmail.com.

Link breve all’indice: tinyurl.com/guida-motori-ricerca.

_____

Le immagini possono essere analizzate dal punto di vista tecnico tramite siti come Fotoforensics.com e Hackerfactor.com, ai quali è possibile inviare una foto per scoprire se è stata manipolata aggiungendo, deformando, ricolorando o sottraendo elementi.

I dati tecnici delle fotografie, ossia i dati EXIF (tipo di fotocamera, data e ora di scatto, geolocalizzazione e altri), possono essere rivelati tramite siti come Exifdata.com.

Esistono inoltre servizi professionali, come per esempio Tungstène (presso www.exomakina.fr), usati dalle testate giornalistiche, che svolgono analisi matematiche più approfondite sulle fotografie e consentono di rivelare ritocchi e correzioni spesso impercettibili anche per l’occhio esperto, come le “clonazioni” di porzioni di immagini.

______


Nessun commento: