skip to main | skip to sidebar
75 commenti

Diretta su Wikileaks alle 11.10 su RSI (ReteUno)

Assange Persona dell'Anno 2010? Ne parliamo alla radio stamattina


L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Stamattina alle 11.10 sarò in diretta sulla Rete Uno della RSI (streaming) per parlare di Wikileaks per una cinquantina di minuti insieme agli esperti nel programma Millevoci di Nicola Colotti.

Intanto i lettori di Time hanno votato in massa per nominare Julian Assange Persona dell'Anno con 382.020 voti, staccando nettamente il secondo classificato, il primo ministro turco Erdogan.

Arrivano anche gli emuli di Wikileaks. Debutta OpenLeaks, gestito dall'ex numero due di Wikileaks Daniel Domscheit-Berg, che avrà un approccio differente: fornirà un luogo anonimo nel quale depositare informazioni scottanti e poi le passerà ai media (Punto Informatico).

La Electronic Frontier Foundation riassume gli attacchi contro Wikileaks e segnala un'analisi (PDF) autorevolissima degli aspetti legali della vicenda, redatta dall'ufficio legale del Congresso degli Stati Uniti (Congressional Research Service), che mette in guardia contro le richieste, fatte da vari politici, di incriminare o addirittura assassinare Julian Assange. Infatti Assange non è un traditore (non è cittadino USA) e non è una spia (non ha sottratto lui i documenti riservati).

Inoltre c'è il precedente pesantissimo dei Pentagon Papers: nel 1971 Daniel Ellsberg, un militare americano, rilasciò ai giornali (inizialmente al New York Times e poi ad altre testate) 7000 pagine di un resoconto ufficiale segreto del vero andamento (disastroso) della guerra in Vietnam, che portò l'opinione pubblica statunitense ad essere contraria al conflitto. L'allora presidente Nixon fece bloccare la pubblicazione, ma la Corte Suprema gli diede torto. Così l'amministrazione Nixon fece di tutto per screditare la fonte e inviò anche degli agenti CIA per aggredire o assassinare Ellsberg, che dopo un periodo di latitanza si costituì. Vi ricorda qualcosa? Promemoria per chi sta preparando roghi mediatici: le accuse a Ellsberg furono annullate e Nixon si dimise in seguito allo scandalo Watergate.

Altre info: PayPal ha sospeso il conto di Wikileaks dopo aver ricevuto una semplice lettera dal Dipartimento di Stato USA (BBC); il MELANI commenta gli attacchi a PostFinance (Swissinfo.ch); chi ha partecipato agli attacchi usando il tool di DDOS "punta-e-clicca" LOIC (Low Orbit Ion Cannon), che ha messo in crisi Paypal, Mastercard e Visa, ha probabilmente divulgato il proprio indirizzo IP (BoingBoing; Gizmodo; BBC); Amazon rifiuta di ospitare i file di Wikileaks, ma è ben contenta di venderli come libro; alcune dichiarazioni contraddittorie di Assange; nove delle chicche più scottanti dei documenti divulgati fin qui (Alternet), per non parlare della lista segreta dei 287 siti vietati in Italia (mirror); la cauzione rifiutata ad Assange nonostante l'appoggio di personalità di spicco britanniche (BBC); Wikileaked, il sito del Washington Post dedicato ai documenti pubblicati da Wikileaks; una visita al datacenter svedese che ospita Wikileaks (BBC); e un elenco delle rivelazioni più significative e imbarazzanti finora emerse dalla piccola frazione di documenti resa pubblica (BBC).

Assange è atteso in tribunale oggi per una nuova richiesta di libertà provvisoria su cauzione. Stando al suo avvocato Mark Stephens, il giornalista è in isolamento mediatico: “non ha accesso al mondo esterno”; secondo il giornalista John Pilger, che gli ha parlato nel carcere di Wandsworth e che si era offerto come garante per la libertà provvisoria, Assange è “in isolamento in un braccio di punizione” (BBC).

Aggiornamento (16:50): La richiesta di scarcerazione su cauzione è stata accettata. Assange resterà in carcere per almeno 48 ore in caso di un possibile appello da parte della pubblica accusa. La cauzione è stata fissata in 200.000 sterline (236.000 euro, 305.000 franchi) e Assange dovrà consegnare il proprio passaporto, rispettare un coprifuoco e indossare un bracciale elettronico di localizzazione (BBC). Sarà libero fino alla prossima udienza, fissata per l'11 gennaio 2011 (NY Times).


Ancora una volta, con sentimento: Wikileaks non è Wikipedia


Gli amici wikipediani mi chiedono di sottolineare di nuovo che non c'è nessun legame fra Wikipedia, l'enciclopedia libera, e Wikileaks, a parte le prime quattro lettere del nome. Questo è forse ovvio per noi internauti, ma evidentemente non lo è per il presidente francese Sarkozy e per altri personaggi di spicco che hanno commesso gaffe piuttosto patetiche, come racconta bene The Signpost di Wikipedia. Facepalm cosmico, lo so.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (75)
Potrebbe essere un'idea scaricarlo e mandarlo per e-mail al corrente ministro degli esteri della Repubblica Italiana, quello di "Assange fuole tistruzione ti monto".

Saluti
Paolo Arosio
perdonami Paolo, solo una precisazione "i lettori di Time", per quello che ho visto, e' decisamente impreciso: c'e' stata una mobilitazione massiccia su /b/ per votare per lui (e nella mobilitazione venivano anche citati tip&tricks per evitare che il voto non fosse conteggiato).

Non che i lettori di Time non possano aver votato per lui, ma diciamo che la mano lunga di Anon ha colpito ancora :D
Mi permetto di citare l'illustre Schneier:

http://www.schneier.com/blog/archives/2010/12/wikileaks_1.html

Che ci ricorda alcune cose ovvie che si dimenticano facilmente.
Poi il Nobel per aver inventato e distribuito alla stampa il ventilatore con serbatoio di m.... incorporato
E perche' mai Erdogan dovrebbe essere la persona dell'anno? Mi sfugge...
Alcuni siti appartenenti alla lista "segreta" sono siti pedopornografici che sono (o erano, non proverò di sicuro ad accedere a quella roba) stati resi irraggiungibili per ovvi motivi.

P.S. lo so perché me l'ho letto su un sito per la lotta alla pedofilia, non perché li abbia visitati in precedenza :P
Bene, non so voi, ma sto scaricando la lista. Sono alquanto curioso di vedere se è una lista ragionevole o c'è stato qualche abuso.
Io in quella lista ho trovato solo siti pedoporno/porno, ma chiaramente non li ho controllati tutti.
Assange complottista? Sapete di più sull’accenno che fa Sergio Romano verso la fine della risposta?

http://tinyurl.com/387ysjp
Per Alessandro

Alcuni siti appartenenti alla lista "segreta" sono siti pedopornografici che sono (o erano, non proverò di sicuro ad accedere a quella roba) stati resi irraggiungibili per ovvi motivi.

È un grande problema, e non solo in Italia, che le forze di polizia si arroghino il diritto di giudicare un sito "a vista", prima cioè che si sia pronunciato un tribunale, e blocchi conseguentemente il sito sul territorio italiano. Il potere discrezionale in questi casi è troppo forte, ovviamente l'intestatrio del sito non ha alcuna possibilità di opporsi, e siccome sta all'estero nemmeno ha una notifica ufficiale.

P.S. lo so perché me l'ho letto su un sito per la lotta alla pedofilia, non perché li abbia visitati in precedenza :P

Se è quello di Fortunato Di Noto siamo a posto. Qualcuno lo ha definito, su Punto informatico (quando la rivista online ancora aveva un certa credibilità) "professionista dell'antipedofilia".
Argh
Che aggiornino i podcast
nonostante l'appoggio di personalità di spicco britanniche

E questo che c'entra?
La giustizia dovrebbe fare le cose giuste, a prescindere dalla ola più o meno di spicco fuori dal tribunale.
E questo che c'entra?
La giustizia dovrebbe fare le cose giuste, a prescindere dalla ola più o meno di spicco fuori dal tribunale.


Se un giudice deve decidere se concedere o meno la libertà provvisoria su cauzione, la rispettabilità e l'affidabilità dei garanti di quella libertà e di quella cauzione è un fattore importante.
Non capisco perchè le notizie relative ai cables escono sempre prima sui giornali e per vederli sul sito di wikileaks devi aspettare uno due giorni
le notizie relative ai cables escono sempre prima sui giornali e per vederli sul sito di wikileaks devi aspettare uno due giorni

Presumo che sia perché i giornali hanno già i documenti sprotetti e li pubblicano man mano.
Come penso si sappia già: Assange rimane in carcere (nonostante la concessione della libertà su cauzione), perchè l'accusa ha immediatamente interposto appello. Sarà quindi una corte di livello superiore a riesaminare tutta la questione, in una futura data imprecisata.

Per chi si cullasse ancora nella beata illusione che questa sia davvero una questione di "giustizia", un paio di precisazioni:

- Lo stesso giudice che ha in origine negato la libertà su cauzione ad Assange la ha invece concessa, nella stessa udienza, ad un tizio accusato di aver cercato di ammazzare la moglie durante il viaggio di nozze (apparentemente allo scopo di incassare l'assicurazione sulla vita). In quel caso, l'Accusa non ha ritenuto necessario presentare appello;

- Al contrario di quanto ripetono a pappagallo i media, l' Accusa svedese non ha formulato alcuna specifica accusa contro Assange, e men che meno un'accusa di stupro. Il mandato di arresto internazionale è stato emesso (procedura senza alcun precedente, in Svezia o altrove) semplicemente perchè vogliono "interrogarlo" in proposito. Questo, sebbene Assange abbia a suo tempo pubblicamente espresso la sua piena disponibilità a farsi interrogare, prima in Svezia e poi in Gran Bretagna;

- Non è per forza necessario immaginare chissà quale complotto diretto tra la CIA e la Svezia. La Sig.ra Ny, cioè il Director of Prosecution svedese che sta seguendo il caso, intende a quanto pare usare la vicenda della Sig.na W (le seconda ragazza che ha avuto rapporti consensuali con Assange) per un suo vecchio progetto: far passare una legge che dichiari come qualsiasi rapporto sessuale, determinato dal fatto che la donna è presa dall'ammirazione per qualche caratteristica non fisica dell'uomo (intelligenza superiore, successo politico o mediatico, ecc.) costituisca di fatto sopraffazione psicologica e quindi stupro, e vada trattato come tale.
Per ebonsi

Come penso si sappia già: Assange rimane in carcere (nonostante la concessione della libertà su cauzione), perchè l'accusa ha immediatamente interposto appello. Sarà quindi una corte di livello superiore a riesaminare tutta la questione, in una futura data imprecisata.

Imprecisata, ma vicina. Gli appelli di questo tipo, che riguardano esclusivamente la libertà personale, devono svolgersi in tempi brevi.

- Lo stesso giudice che ha in origine negato la libertà su cauzione ad Assange la ha invece concessa, nella stessa udienza, ad un tizio accusato di aver cercato di ammazzare la moglie durante il viaggio di nozze (apparentemente allo scopo di incassare l'assicurazione sulla vita).

Insomma, tu hai accesso a tutti gli atti di accusa, sia di quelli di Assange sia di quelli dell'anonimo assassino potenziale della moglie, per poter criticare la decisione del giudice. Posso chiederti come li hai avuti?

Piccola lezione di procedura penale: la carcerazione preventiva si basa tra l'altro sulla gravità degli indizi di colpevolezza. Esistono casi giudiziari in cui gli indizi erano tutti contro l'imputato, ma non hanno retto l'esame di un tribunale, che ha assolto. E viceversa, casi in cui gli indizi erano insufficienti per giustificare misure privative prima del processo, ma che una volta discussi in aula, hanno portato a una condanna.
Sono due binari diversi.

- Al contrario di quanto ripetono a pappagallo i media, l' Accusa svedese non ha formulato alcuna specifica accusa contro Assange, e men che meno un'accusa di stupro. Il mandato di arresto internazionale è stato emesso (procedura senza alcun precedente, in Svezia o altrove) semplicemente perchè vogliono "interrogarlo" in proposito.

Ebonsi, nel tempo libero scrivi romanzi di fantapolitica? No, seriamente, che adesso la Svezia emetta ordini di arresto europeo mai visti prima assomiglia più a una barzelletta.

Se poi mi dici che la procedura di estradizione europea ha vari difetti e punti discutibili, sono d'accordo con te. Prenditela con chi l'ha approvata al parlamento europeo...

Questo, sebbene Assange abbia a suo tempo pubblicamente espresso la sua piena disponibilità a farsi interrogare, prima in Svezia e poi in Gran Bretagna;

A un interrogatorio può seguire un arresto, non solo in Svezia. Se il giudice ritiene necessario l'accompagnamento coatto, il fermo, emette un'ordinanza in tal senso. Non sono le pubbliche dichiarazioni di un indiziato che lo fanno decadere.

- Non è per forza necessario immaginare chissà quale complotto diretto tra la CIA e la Svezia. La Sig.ra Ny, cioè il Director of Prosecution svedese

C'è scritto proprio così, sulla porta del suo ufficio: Director of Prosecution. Come è noto, la lingua ufficiale della Svezia è l'inglese.

che sta seguendo il caso, intende a quanto pare usare la vicenda della Sig.na W (le seconda ragazza che ha avuto rapporti consensuali con Assange) per un suo vecchio progetto: far passare una legge che dichiari come qualsiasi rapporto sessuale, determinato dal fatto che la donna è presa dall'ammirazione per qualche caratteristica non fisica dell'uomo (intelligenza superiore, successo politico o mediatico, ecc.) costituisca di fatto sopraffazione psicologica e quindi stupro, e vada trattato come tale.

Una ricostruzione che senza il testo della proposta di legge puzza di dietrologia e paranoia lontano un miglio. Ma se anche fosse, che ruolo avrebbe la circostanza nella vicenda? Assange sarà giudicato secondo la legge in vigore oggi, non secondo la quella futura.
A proposito leggete un po' qui:

Statement from Director of Prosecution, Ms. Marianne Ny

At a hearing on Tuesday 14 December, Westminster Magistrates Court in London decided that Julian Assange should be granted bail.

- As I have already stated, I cannot at the moment provide information concerning the development of the matter, as it is handled by British authorities, says Director of Prosecution Ms Marianne Ny.

As soon as new information can be released, it will be published on the web site www.aklagare.se.




Facts about extradition of a person who has been surrendered

Different rules apply within the EU (surrender) and outside the EU (extradition).

Due to general agreements in the European Arrest Warrant Act, Sweden cannot extradite a person who has been surrendered to Sweden from another country without certain considerations.

Concerning surrender to another country within the European Union, the Act states that the executing country under certain circumstances must approve a further surrender.

On the other hand, if the extradition concerns a country outside the European Union the authorities in the executing country (the country that surrendered the person) must consent such extradition. Sweden cannot, without such consen,t extradite a person, for example to the USA.

http://www.aklagare.se/In-English/
Per theDRaKKaR

On the other hand, if the extradition concerns a country outside the European Union the authorities in the executing country (the country that surrendered the person) must consent such extradition. Sweden cannot, without such consen,t extradite a person, for example to the USA.

Lo stavo per scrivere io, e aggiungo che è un punto fermo che esisteva già in molti trattati di estradizione prima dell'introduzione dell'ordine di arresto europeo (che ripeto, a dispetto del nome altisonante è un'estradizione molto semplificata).
E aggiungo anche che sono disposizioni che non hanno alcuna conseguenza pratica: se uno Stato le viola chi gliela fa pagare? E come?

Comunque ripeto, formalmente nessuna richiesta è ancora giunta da parte degli Usa. Non vorrei che si prendessero gli articoli di certi giornali d'assalto come se fossero atti ufficiali. È così, che si impara a diventare complottisti: ragionando del possibile come se fosse reale.
Ma chi c'è dietro Wikileaks?? se qualcuno ha un'idea me la dica perché proprio non riesco proprio a capirlo...

http://seratadichiusura.blogspot.com/
Se un giudice deve decidere se concedere o meno la libertà provvisoria su cauzione, la rispettabilità e l'affidabilità dei garanti di quella libertà e di quella cauzione è un fattore importante.

La libertà provvisoria te la dovrebbero concedere se non c'è possibilità di reiterare il reato e il pericolo di fuga.
Nessuno può garantire che tu non fugga, nemmeno un regista famoso o un intellettuale.
Piuttosto mi sembra la solita storia di un tipo famoso e acclamato che ha tutto il mondo che accorre a proteggerlo mentre se fosse stato un povero cristo...
Per mattia

Se un giudice deve decidere se concedere o meno la libertà provvisoria su cauzione, la rispettabilità e l'affidabilità dei garanti di quella libertà e di quella cauzione è un fattore importante.

La libertà provvisoria te la dovrebbero concedere se non c'è possibilità di reiterare il reato e il pericolo di fuga.


Attenzione, dimentichi che qui si tratta di libertà su cauzione: viene depositata una somma non proprio indifferente, da persone che hanno una reputazione, e che simbolicamente diventano garanti della reperibilità dell'indagato.

Nessuno può garantire che tu non fugga, nemmeno un regista famoso o un intellettuale.

Siamo d'accordo. Nel caso fugga, queste persone perdono la faccia e la somma versata. Conviene a Julian Assange fare una cosa del genere?

Ricordo che il sistema della libertà su cauzione non esiste in Italia, e credo che anche in Europa siano pochissimi gli Stati che lo applicano. In una puntata della serie tedesca Un caso per due, un architetto parvenu accusato di omicidio chiede a Markus Lessing di firmare un foglio per la cauzione. L'avvocato gli sorride: "Qui non siamo in Texas!".
Uno dei tanti casi di rimbambimento generale causato dai film americani...

Piuttosto mi sembra la solita storia di un tipo famoso e acclamato che ha tutto il mondo che accorre a proteggerlo mentre se fosse stato un povero cristo...

È un sistema che più elitario e discriminatorio non si può. Ma tu, non è che sei un po' invidioso di Assange? :-)
Per Accademia

Se è quello di Fortunato Di Noto siamo a posto. Qualcuno lo ha definito, su Punto informatico (quando la rivista online ancora aveva un certa credibilità) "professionista dell'antipedofilia".

No, era un sito gestito da una ragazza mi pare, non che avesse chissà quale attendibilità, tant'è che non mi ricordo neanche con precisione il sito, ma riportava la notizia della "chiusura" di diversi siti pedoporno. Mi sono rimasti invece impressi proprio i "nomi" dei siti perché con degli indirizzi così palesemente espliciti mi sembrava difficile che non attirassero subito l'attenzione delle forze e mi chiedevo come era possibile una tale "sfacciataggine". Evidentemente puntano all'utenza di stati in cui queste cose non sono perseguibili o che sa pasticciare un po' con i DNS.
Per Alessandro

No, era un sito gestito da una ragazza mi pare, non che avesse chissà quale attendibilità, tant'è che non mi ricordo neanche con precisione il sito, ma riportava la notizia della "chiusura" di diversi siti pedoporno.

Per "chiusura" intendi il blocco del sito per gli utenti in Italia?
Ho dato un'occhiata a un campione di quei siti. Innanzitutto sono bloccati solo a livello di DNS... Tralasciano questa tecnica di censura alquanto fragile (scelta politica?), i siti si possono preliminarmente dividere in due categorie: quelli che non sono più in funzione e sono "in parcheggio" e quelli che ancora funzionano.

Di quelli che ancora funzionano per la misericordia di Dio o del Caso non ho trovato pedofilia. Solo in uno c'erano come soggette di foto e video delle giovani donne che però potevano avere al massimo poco meno di 18 anni, forse 16 (in ogni caso credo che la legislazione in Italia consideri ciò un reato anche se non sono del tutto documentato). Per il resto c'erano un mucchio di quelle pratiche sessuali strambe e disgustose che non sto qui a descrivere visto che è un blog per famiglie.

In conclusione l'analisi del campione mi fa pensare più a una censura preventiva, necessaria mentre la legge fa il suo corso. Un inserimento in lista che però evidentemente diviene permanente perché nessuno dei titolari dei siti, anche se non più veicolanti materiali illeciti, si prende la briga di chiedere lo sblocco nel nostro Paese.
Per theDRaKKaR

Ho dato un'occhiata a un campione di quei siti. Innanzitutto sono bloccati solo a livello di DNS... Tralasciano questa tecnica di censura alquanto fragile

Per chi non sa come aggirarla, è una tecnica efficace.


Di quelli che ancora funzionano per la misericordia di Dio o del Caso non ho trovato pedofilia. Solo in uno c'erano come soggette di foto e video delle giovani donne che però potevano avere al massimo poco meno di 18 anni, forse 16 (in ogni caso credo che la legislazione in Italia consideri ciò un reato anche se non sono del tutto documentato).

Lo è, ma non è costituzionale che a decidere se quello che si vede sullo schermo ha 16 oppure 18 anni è un anonimo addetto della polizia postale, e che l'intestatario del sito non venga avvertito.

Per il resto c'erano un mucchio di quelle pratiche sessuali strambe e disgustose che non sto qui a descrivere visto che è un blog per famiglie.

Ah sì? Interessante, interessante...

In conclusione l'analisi del campione mi fa pensare più a una censura preventiva, necessaria mentre la legge fa il suo corso. Un inserimento in lista che però evidentemente diviene permanente perché nessuno dei titolari dei siti, anche se non più veicolanti materiali illeciti, si prende la briga di chiedere lo sblocco nel nostro Paese.

Infatti.
Tra l'altro sul Corriere di ieri c'era un articolo in cui si diceva che wikileaks non è in grado di pagare le spese processuali dell'analista americano (un ragazzo di 22 anni) che ha passato buona parte dei documenti in questione, a causa dei vari blocchi imposti dalle banche e circuiti di carte di credito.


Mi chiedo, inoltre, quale sia il tornaconto di chiunque sia dietro questa vicenda. Per carità, sono grato nei confronti delle persone che si sono esposte, però mi sembra strano che lo facciano solo per amore del prossimo. Poi magari è così davvero e queste persone acquisiscono ai miei occhi ancora più considerazione e rispetto.
nooooo Zurickerberger uomo dell'anno nooooooo
UFFFF
Zurickerberger non dà risultati in Google, dunque non esiste.
Ah, intendevi Zuckerberg, il fondatore di Facebook. :D
Per Shine

nooooo Zurickerberger uomo dell'anno nooooooo
UFFFF


Da' un'occhiata all'elenco delle persone dell'anno dal 1927 ad oggi, e ringrazia che al posto di Zuckerberg non ci sia Sergio Marchionne.

Capisco che il rischio Godwin è fortissimo, ma nel 1938 la persona dell'anno fu Adolf Hitler, nel 1939 e 1942 Stalin, nel 1979 l'ayatollah Khomeini... e la lista potrebbe continuare.
Come per le notti circensi dell'Accademia delle arti e delle scienze del cinema, staremmo tutti meglio se smettessimo di dare peso a premi e riconoscimenti dati in assenza di criteri stabili. O, se proprio non se ne può fare a meno, se ne lanciassero di analoghi a livello di UE.
Beh,il titolo del post aveva fatto sperare anche me.tra assange e zuruckumbonbon c'é un abisso. Lungi dal considerare il primo un paladino o un eroe,mi limito ad osservare che il secondo ha 'solo' fatto dei gran soldi con tecniche non sempre trasparenti.

Come informatico,invece, ammiro Assange e detesto Facebook. Certo non solo per questioni tecniche visto che wleaks è un uovo di Colombo.
Che io sappia, però, il titolo di Uomo dell'Anno viene dato a chi nell'anno in corso ha avuto grande influenza sugli eventi. Non necessariamente una influenza positiva.
Per martinobri

Che io sappia, però, il titolo di Uomo dell'Anno viene dato a chi nell'anno in corso ha avuto grande influenza sugli eventi. Non necessariamente una influenza positiva.

Quindi dobbiamo ringraziare che non ci sia Bernard Madoff quest'anno al posto di Zuckerberg, visto che quanto a numero di persone danneggiate batte Librofacce di varie lunghezze? O che negli anni Trenta non sia stato nominato Al Capone?
Sono Pazzi Questi Redattori!
Ho chiesto lumi ad un paio di amici svedesi:

#1 The charges against him are rape (up to four years in jail) and sexual molestation (up to two years in jail).
I've been following this closely and I am convinced he is innocent.
This article sums up what has happened very well: link to dailymail article
Add to the fact that the details of this "case" were first leaked to the press by the prosecutor, in direct violation of the secrecy laws. Then the original case was thrown out by the chief prosecutor after viewing the "evidence" and interviewing the witnesses (the two women had gotten together to line up their stories exactly, thereby corrupting the "evidence" - and appearing to be involved in an obvious conspiracy - then approaching the police for "advice" on the matter).
Next we have the Justice Minister pressuring the chief prosecutor to take up a case she had just recently dropped.


#2 I am convinced that it is a conspiracy. Its the classic way to deminish and compromise someone in order to make him/her less trustworthy. Either sex or drugs. Or both. The sad thing is that this conspiracy is not only going to hurt peoples trust in fair justice but even worse its going to mean a severe blow to all women that really have been raped. They are going to have an even harder time pushing their cases against their perpetrators.
Per Lanf

Ho chiesto lumi ad un paio di amici svedesi:

Anch'io ho chiesto un parere ad amici svedesi. Mi hanno dato un bel link al sito dell'Helsingin Sanomat, che sulle questioni processuali svedesi la sa ancora più lunga.
Capirete la mia riservatezza a non pubblicare il link. Il rischio di un attacco di riso irrefrenabile è troppo alto, potrei essere chiamato a risponderne in sede civile.
A dispetto delle nostre opinioni gli USA stanno cercando d'incriminare Assange per cospirazione:

Wikileaks: NYT, USA cercano prove per incriminare Assange


:(
Per motogio

A dispetto delle nostre opinioni gli USA stanno cercando d'incriminare Assange per cospirazione:

Wikileaks: NYT, USA cercano prove per incriminare Assange

:(


Non essere così pessimista, motogio. La notizia è verosimilmente tratta da questo articolo del New York times, che spiega meglio i termini della questione, e tra l'altro:

1) Le autorità Usa stanno cercando le prove di una attiva collaborazione fra Julian Assange e Bradley Manning, ancora non hanno formulato alcuna accusa né si sa se mai lo faranno.

2) Indiscrezioni da parte di persone che lo stanno appoggiando economicamente dicono che Bradley Manning non risponde alle domande. Senza una testimonianza diretta contro Assange, la possibilità di inchiodarlo davanti a una giuria per associazione per delinquere è pressoché nulla.
Alcuni commenti sono in coda di moderazione... :-(
Julian Assange è ora libero su cauzione, sta per uscire dal carcere:

http://www.bbc.co.uk/news/uk-12005930
Gli ultimi penny della cauzione sono stati consegnati in contanti, ora Julian Assange è uscito dal tribunale:

http://www.guardian.co.uk/news/blog/2010/dec/16/wikileaks-latest-julian-assange-bail-appeal
Sí, ma l' 11 gennaio ci sarà l'udienza per decidere in merito alle richiesta di estradizione in Svezia. È lì che si giocherà ilk vero gioco - sia che si voglio credere che tutta la faccenda sia solo una questione interna al sistema giudiziario svedese, e sia che si sospetti la manina di Washington.
Per ebonsi

Sí, ma l' 11 gennaio ci sarà l'udienza per decidere in merito alle richiesta di estradizione in Svezia.

Be', prima o poi dovevano discuterne in tribunale, non poteva andare avanti all'infinito. Meglio con Julian Assange fuori dal carcere, no?!?

È lì che si giocherà ilk vero gioco - sia che si voglio credere che tutta la faccenda sia solo una questione interna al sistema giudiziario svedese, e sia che si sospetti la manina di Washington.

Ho già scritto che con la dottrina attuale a proposito del mandato d'arresto europeo ci sono gli estremi per un rifiuto della richiesta di estradizione.
Person of the year sicuramente no.

Pirlon of the year sicuramente si'.
Per Smiley1081

Pirlon of the year sicuramente si'.

Ha creato dal nulla un sito che ha fatto guadagnare 800 milioni di dollari nel 2009. Chiamalo pirla.
Probabilmente hai ragione, il termine piu' corretto dovrebbe essere, per citare Vladimir Ilyich Ulyanov, "Utile idiota dell'occidente"...
Riguardo all'aggiornamento di Paolo sulla confusione tra Wikileaks e Wikipedia, non so, ma sento già odore di GomBloDDo...

Sta a vedere che tra non molto nascerà un Comitato Wiki Enemy...
...E ricordo che "Ancora una volta, con sentimento" cita il titolo di un Lp dei Nomadi del 1982. :-)
Che io sappia, però, il titolo di Uomo dell'Anno viene dato a chi nell'anno in corso ha avuto grande influenza sugli eventi. Non necessariamente una influenza positiva.

Se davvero fosse così, nel 2001 non avrebbero dato il titolo a Rudolph Giuliani (che francamente non mi sembra abbia avuto una grande influenza sugli eventi) ma a Osama Bin Laden....a meno che questa non sia la prova finale delle tesi complottiste undicisettembrine...
The guardian dice di essere venuto in possesso di parte degli atti svedesi, e ha pubblicato un articolo che ne riassume il contenuto qui.
Un resoconto si può leggere sul sito dell'Ansa.
Il condizionale è d'obbligo, perché è già accaduto che per brama di scoop un giornale sostiene di aver accesso ad atti coperti da segreto, mentre si basa solo su racconti confidenziali degli avvocati. In questo caso, poi, molti dettagli erano già noti.
A mio parere è una ricostruzione plausibile. La CIA in questa faccenda ha lo stesso ruolo di cane scodinzolante che ha Frattini: è contenta che questa accusa giudiziaria vada a colpire Assange.

In altre parole sodomizzati, impotenti e viscidi.

Buona domenica :)
Per theDRaKKaR

A mio parere è una ricostruzione plausibile. La CIA in questa faccenda ha lo stesso ruolo di cane scodinzolante che ha Frattini: è contenta che questa accusa giudiziaria vada a colpire Assange.

In altre parole sodomizzati, impotenti e viscidi.


Sempre paragoni fini e innocenti, vero?

Essere contenti di un evento fortuito non è peccato. Il fatto che Veronica Lario per alcuni giorni abbia messo in difficoltà Silvio Berlusconi con le dichiarazioni sulle minorenni e sul divorzio non significa che sia stata corrotta dall'opposizione.
Chi ha parlato di peccato?

Ti cortocircuiti da solo, da radical-chic quale sei: la sodomia non è peccato, l'impotenza nemmeno, la viscidità neanche.

Perché parli di peccato, ateo comunista che non sei altro?

LOOOOL :D
theDRaKKaR ha commentato:

A mio parere è una ricostruzione plausibile. La CIA in questa faccenda ha lo stesso ruolo di cane scodinzolante

La CIA in questa storia fa la parte di quello che si siede sulla riva del fiume aspettando di veder passare il cadavere del suo nemico.

Per ora, nel fiume, sono passati Dennis Blair e Hillary Clinton ma tra un po' passerà anche Obama.

IMHO
Un mio commento non si vede, si trova fra il n° 49 e il n° 50.
tra il 49 e il 50, cioè fra n e n+1 teoricamente c'è un insieme infinito di numeri in R
Segnalo la trascrizione di un'intervista al vicepresidente degli Stati Uniti Joe Biden da parte di David Gregory per la popolare trasmissione Meet the press:

David Gregory: More to come. Should the United States do something to stop Mr. Assange?

Joe Biden: We're looking into that right now. The Justice Department is taking a look at that, and I'm not going to comment on, on that process.

D.G.: Do you think he's a criminal?

J.B.: If he conspired to get these classified documents with a member of the U.S. military, that's fundamentally different than if somebody drops on your lap, "Here, David, you're a press person, here is classified material."

D.G.: Mitch McConnell says he's a high tech terrorist, others say this is akin to the Pentagon Papers. Where do you come down?

J.B.: I would argue that it's closer to being a high tech terrorist than, than the Pentagon Papers. But look, this guy has, has done things that have damaged and, and put into jeopardy the lives and, and occupations of people in other parts of the world. He's made it more difficult for us to conduct our, our business with our allies and our friends. For example, in my meetings, you know I meet with most of these world leaders, there is a desire now to meet with me alone rather than have staff in the room. It makes things more cumbersome. And so it is, it has done damage.




Il video si può vedere qui:

http://tinyurl.com/32hlkgo

Secondo una giornalista della Stampa, è dal marzo del 2008 che gli Usa stanno cercando di incriminare Assange e Wikileaks:

http://tinyurl.com/26we5pj .
"The guardian dice di essere venuto in possesso di parte degli atti svedesi, e ha pubblicato un articolo che ne riassume il contenuto qui."

Ed Assange si e' lamentato della violazione della sua privacy...
Per Smiley1081

"The guardian dice di essere venuto in possesso di parte degli atti svedesi, e ha pubblicato un articolo che ne riassume il contenuto qui."

Ed Assange si e' lamentato della violazione della sua privacy...


Non si è lamentato della privacy, ma in un'intervista a The times (nulla a che fare con la rivista settimanale Time, né col New York times) ha criticato The guardian perché facendo trapelare gli atti avrebbe facilitato il lavoro all'accusa. Finché trapelano notizie sugli altri, insomma, tutto bene; quando si passa a lui... :-)

Ti invito a spostarti nell'ultimo articolo Le cose che non colsi, si parla anche di questo.
Anche Apple boicotta Wikileaks:

http://tinyurl.com/23gdch8
Apple vs. Wikileaks:

Abbiamo raggiunto Apple per chiedere un commento sui motivi che l'hanno spinta a togliere l'app e questo che segue è ciò che ci ha detto:

"Abbiamo rimosso l'applicazione di Wikileaks perché ha violato il regolamento per gli sviluppatori. Una app deve rispettare tutte le leggi locali. Non deve mettere in pericolo un individuo o un gruppo."

Abbiamo chiesto quale individuo o gruppo è stato posto in pericolo, ma abbiamo ricevuto un "ci rifiutiamo di rispondere". (Tutti i nostri ulteriori tentativi hanno ricevuto un "rifiutiamo di rispondere")

––––––-

A me sembra che la più forte legge che vige nelle nostre democrazie e la legge del più ricco...
Piccola rivincita per Assange:

"Le Monde", Julian Assange è uomo dell'anno 2010

Ma anche di Jobs:

"Financial Times": Steve Jobs è uomo dell'anno 2010

E vissero tutti felici e contenti

;)
E adesso Assange ha annunciato pubblicamente il proprio suicidio, pubblicando documenti provenienti da Israele.
Per Smiley1081

E adesso Assange ha annunciato pubblicamente il proprio suicidio, pubblicando documenti provenienti da Israele.

Evviva i commenti misurati.
Dopo il precedente del Polonio 210, mi preoccuperei di più dei documenti provenienti dalla Russia, fossi in lui.
Sarà, io continuo a chiedermi due cose: chi paga i server-bunker? E chi ha davvero interesse a diffondere le informazioni in questione? Mah... C'è qualcosa di poco chiaro, non ditemi che Assange è un idealista spinto da motivazioni umanitarie perché ci credo come credo ai contattisti.
Per Lohengrin

Sarà, io continuo a chiedermi due cose: chi paga i server-bunker?

Finché la Bank of America e Paypal non hanno bloccato tutto, i donatori. Più le rivelazioni sono compromettenti, più la gente dona, secondo il tesoriere:
http://tinyurl.com/32y77of

E chi ha davvero interesse a diffondere le informazioni in questione?

I fondatori di Wikileaks. Julian Assange è uno di loro, non è l'unico.

Mah... C'è qualcosa di poco chiaro, non ditemi che Assange è un idealista spinto da motivazioni umanitarie perché ci credo come credo ai contattisti.

Julian Assange non è un giornalista in senso stretto, ma è assimilato. Non è il primo, e non sarà l'ultimo, a pubblicare documenti riservati o secretati.
@lohengrin

Le donazioni sono libere e anonime. Chiunque può pagare i costi di WikiLeaks (poi ci spieghi che vuol dire server-bunker). Quindi sia la Corea del Nord, sia i Talebani, sia la proverbiale casalinga di Voghera.

Vedere complotti ovunque, farsi sempre la domanda "cui prodest" non è un modo intelligente di analizzare le questioni.
Per theDRaKKaR

...Chiunque può pagare i costi di WikiLeaks (poi ci spieghi che vuol dire server-bunker).

Ma come, se ne parla proprio in questo articolo, basta seguire il link nella frase "una visita al datacenter svedese che ospita Wikileaks (BBC)". Magari è esagerato chiamarli bunker, ma l'impressione che si prova a vedere le foto è quella.
Nell'attesa dell'udienza prevista per l' 11 gennaio un paio di aggiornamenti su Wikileaks, anzi tre:

La Francia definita l'impero del male tecnologico:

Wikileaks/ Spionaggio tecnologico: Francia "impero del male"

Ps. In compenso la Francia sospetta la Cina di essere l'autrice di un furto di tecnologia riguardante i progetti delle auto elettriche del gruppo Reanult/ Nissan.

Un galeone conteso:

Wikileaks: spuntano anche oro galeone e tela Pissarro

E una piccola nazione come l'Islanda che tiene testa agli Stati Uniti nella vicenda Twitter / WikiLeaks:

Iceland blasts US demand for lawmaker's details in WikiLeaks probe

I miei complimenti al ministro Oessur Skarphedinsson (Össur Skarphéðinsson).
Vedo che motogio non aggiorna, lo faccio io.
L'udienza in cui si discuterà in aula sull'estradizione in Svezia è fissata per i giorni 7 e 8 febbraio. Per quella data il giudice ha concesso ad Assange misure cautelari attenuate: non sarà costretto a usare il braccialetto elettronico.

Il suo difensore Mark Stephens ha presentato una memoria difensiva (credo che sia il termine italiano per il buffo skeleton summary) di 35 pagine, nelle quali, a fianco di argomentazioni fragili e che sfiorano il ridicolo, vengono esposte anche circostanze giuridicamente fondate. Al punto 5, il legale sostiene che gli atti per cui Assange è accusato in Svezia non sono considerati reato secondo la legge britannica, e quindi non possono essere alla base di una richiesta di estradizione (principio della doppia punibilità). Il difensore Stephens dimentica che il mandato di arresto europeo prevede una serie di reati per cui l'estradizione è dovuta a prescindere dalle disposizioni penali vigenti in ogni singolo Stato. Ecco il testo inglese:

http://tinyurl.com/6ahqkkt

La violenza sessuale (rape) è al numero 28.

Fra le questioni sollevate, anche una frase a effetto che può avere presa durante un comizio o un programma televisivo, ma che in un atto giuridico fanno sorridere:

"It is submitted that there is a real risk that, if extradited to Sweden, the US will seek his extradition and/or illegal rendition to the USA, where there will be a real risk of him being detained at Guantanamo Bay or elsewhere, in conditions which would breach Article 3 of the ECHR [Convenzione europea dei diritti dell'uomo]. Indeed, if Mr. Assange were rendered to the USA, without assurances that the death penalty would not be carried out, there is a real risk that he could be made subject to the death penalty".

Tanto per cominciare, a Guantanamo non ci sono più nuovi arrivi da un paio d'anni.
E poi: se invece Assange rimane sul suolo britannico, il rischio di una "extraordinary rendition" verso gli Usa non sussiste, sembra assicurare Stephens. Come no.

Il documento si può leggere e scaricare da qui:
http://tinyurl.com/4vtzmqu

e un riassunto divulgativo è sul Guardian:

http://tinyurl.com/6hssajk .
@Accademia dei pedanti ♂

Vedo che motogio non aggiorna, lo faccio io.

Grazie, ma c'è ancora qualcuno che ci legge?

;)

Visto che hai già fatto tutto tu mi limito a segnalare un articolo apparso ieri sulla "Tribune de Genève":

Julian Assange: «Les pressions renforcent ma volonté»

In poche parole Assange afferma che il sito Wikileaks naviga in brutte acque, perde 500.000€ alla settimana a causa del blocco dei suoi conti, ma che lui non molla.

Assange racconta inoltre che, contrariamente a quanto si dice, non ha preso 1,5 milioni di sterline come compenso per la sua autobiografia ma che comunque ne prenderà 1,1 milioni tra qualche anno, se il libro avrà successo.

Tanto per cominciare, a Guantanamo non ci sono più nuovi arrivi da un paio d'anni.

La BBC ha definito la corte anti-terrorismo di Belmarsh, dove si deciderà il destino di Assange, "la Guantanamo del Regno Unito" dove sospetti terroristi entrano e restano per anni in attesa di giudizio.

:(
psccccccccccccccccccc opssssssssssssssssssss scusate avevo un'urgenza e pensavo non ci fosse nessuno..
Grazie, ma c'è ancora qualcuno che ci legge?
Presente!
Segnalo che la decisione della giustizia inglese sull'estradizione di Julian Assange è prevista per oggi.
Segnalo, di nuovo, che la decisione dell'Alta Corte di giustizia britannica sull'estradizione di Julian Assange è prevista in settimana:

http://tinyurl.com/6aj7emr .

Dopo questo grado di giudizio, se fosse confermata la decisione di estradarlo in Svezia l'unica possibilità residua sarebbe il ricorso alla Corte europea dei diritti dell'uomo.