skip to main | skip to sidebar
10 commenti

Ci vediamo a Perugia oggi?

Stasera sono al Festival del Giornalismo di Perugia


Mi hanno scelleratamente invitato a parlare al Festival del Giornalismo che si tiene a Perugia in questi giorni. Alle 18 di oggi (giovedì) sarò all'Hotel Sangallo per un workshop intitolato Le regole della verità, sulle tecniche d'indagine del cacciatore di bufale, insieme a Marco Gisotti dell'Università di Roma La Sapienza. Il workshop è già tutto prenotato, ma ci si vede in giro per il Festival, se vi va.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (10)
Ok, parto con la solita domandina per niente originale: Sarà possibile vederlo su youtube?
Sbaglio o in tale circostanza ed ambito ci sarà l'incontro denominato proprio "contro Steve Jobs"?
segnalo questa roba successa in svizzera che probabilmente sai già ma insomma...

http://www.dailymail.co.uk/news/article-2135324/Woman-starves-death-spiritual-journey-trying-live-sunlight-alone.html?ITO=1490



come si dice, se non ti riesce la prima volta, il digiuno non fa per te.
chissà se si parlerà di Telejato...
Piacerebbe anche a me diventare un cacciatore di bufale...ce ne sono talmente tanti in Italia!
Paolo, il link dice che un posto su 80 è disponibile.
Belpaese: stipendi da fame e prezzi alle stelle!

Come fa un paese a crescere quando i suoi sudditi, pardon, i suoi "cittadini" percepiscono salari e pensioni che sono al limite della questua? Alla domanda la politica non ha saputo dare risposte concrete e ha delegato a questo i professori, facendosi da parte. I tecnici, da parte loro, hanno risposto al bisogno di crescita rivendicato ormai da anni dalla nazione intera, con una serie sconsiderata di aumenti ed una tassazione ai massimi storici. Per contro, ha lasciato 'indisturbate' le categorie più ricche del Belpaese che, nonostante tutto, continuano ad ingrassare i loro già lauti profitti! Così pur facendo parte dell'Unione Europea, almeno per quanto riguarda sacrifici e privazioni, gli italiani si ritrovano con gli stipendi che sono tra i più poveri del vecchio continente. Le retribuzioni dei lavoratori italiani non sono mai state così basse da 29 anni a questa parte e il divario con i prezzi è al top dal 1995. Lo fa sapere l'Istat, sottolineando che a marzo le retribuzioni sono state ferme su base mensile e in aumento dell'1,2% su base annua: si tratta dell'aumento tendenziale più basso almeno dal 1983. Secondo i dati Istat, inoltre, a marzo il divario salari-prezzi ha toccato un livello record: la forbice tra l'aumento delle retribuzioni contrattuali orarie (+1,2%) e il livello d'inflazione (+3,3%), su base annua, ha registrato una differenza di 2,1 punti percentuali: si tratta del divario piu alto dall'agosto del 1995. Quanto ai principali macrosettori, a marzo, le retribuzioni orarie contrattuali registrano un incremento tendenziale dell'1,7% per i dipendenti del settore privato e una variazione nulla per quelli della pubblica amministrazione. I settori che, lo scorso mese, hanno presentato gli incrementi tendenziali maggiori sono stati: tessili, abbigliamento e lavorazione pelli (2,9%), chimiche, comparto di gomma, plastica e lavorazioni minerali non metalliferi e quello delle telecomunicazioni (2,7% per tutti i comparti). Si sono registrate, invece, variazioni nulle nell'agricoltura, nel credito e assicurazione e in tutti i comparti appartenenti alla pubblica amministrazione. Alla fine di marzo la quota dei dipendenti in attesa di rinnovo contrattuale è del 32,6% nel totale dell'economia e del 12,3% nel settore privato per un totale di 4,3 milioni di lavoratori senza contratto! L'attesa del rinnovo per i lavoratori con il contratto scaduto è, in media, di oltre due anni (27 mesi) tanto nel totale che nell'insieme dei settori privati. Alla fine di marzo 2012 i contratti collettivi nazionali di lavoro in vigore per la parte economica corrispondono al 67,4% degli occupati dipendenti e al 61,8% del monte retributivo osservato.
visto che ormai questo thread è in preda all'anarchia (?) segnalo anche questo

http://www.geekologie.com/2009/03/wow-im-shocked-robot-programme.php

robot viene programmato per amare, diventa stalker


non vedo cosa potrebbe andare storto continuando a lavorare in questa direzione
freeskipper è un vero mago del copia&incolla selvaggio multi-blog...
freeskipper è un vero mago del copia&incolla selvaggio multi-blog...
Che spammone :-)