Cerca nel blog

2005/11/28

Antibufala: torna lo squillino a pagamento

Questo articolo vi arriva grazie alle gentili donazioni di "maudanto", "joebass2005" e "massimo.bos**".

Sta impazzando un appello secondo il quale si pagheranno anche gli "squillini", ossia le chiamate a vuoto fatte come segnale prestabilito ("fammi uno squillino quando arrivi a casa"). L'appello è scritto nello stile di una notizia d'agenzia ed è talvolta firmato "Vincenzo Spataro - Tech News":
ROMA. I tre maggiori gestori di telefonia mobile italiana (wind, omnitel,tim), hanno appena annunciato che dalla mezzanotte di oggi, si pagheranno anche gli squilli effettuati con terminali radiomobili (telefonini), ad un prezzo concordato e unico per tutti i gestori, pari a 0,001 centesimi di euro.

L'amministratore di Vodafone-Omnitel, ha dichiarato che da tempo i tre gestori stavano pensando di disincentivare gli squilli, poichè pur non producendo guadagni per i gestori, sovraccaricano notevolmente la rete radiomobile rallentando le comunicazioni wireless. Il costo, per quanto irrisorio, va valutato sulla base del numero di squilli giornalieri che gli utenti oramai si scambiano abitualmente, e quindi il suo costo diventa sensibile.
"Questa iniziativa sarà valutata dall'Antitrust, come iniziativa di cartello" - ha commentato il ministro delle comunicazioni Gasparri, prontamente contattato dal nostro quotidiano - "e comunque è un indice del vento di crisi che tira sulle aziende, e che le costringe anche a prendere iniziative assolutamente antipopolari."

Invitiamo pertanto i nostri lettori, d'ora in poi, ed in attesa di eventuali azione da parte delle associazioni di consumatori, moderare l'uso del telefonino, e degli squilli in particolare, per evitare di avere brutte sorprese sulle bollette.

Vincenzo Spataro - Tech News
Si tratta di una bufala risalente addirittura al 2003. L'indizio fondamentale della natura bufalina dell'appello è l'esiguità della somma, pari a una frazione infinitesima di euro (sono 0,001 centesimi di euro, non 0,001 euro), che anche facendo migliaia di squillini non assommerebbe mai a cifre significative.

Un altro indizio che dovrebbe rendere più evidente la bufala è la presenza di riferimenti datati (Omnitel ha cambiato nome in Vodafone), ma come al solito l'emozione impedisce di notare questi dettagli.

L'indagine antibufala completa è, come al solito, a vostra disposizione.

Ciao da Paolo.

Aggiornamento [30/11/2005]: mi è arrivata la segnalazione di un e-mail che invita a uno "sciopero" basato su questa bufala. Eccone il testo:
Come protestare
Le compagnie di telefonia mobile hanno deciso che dalla mezzanotte di stasera si pagheranno anche i nostri beneamati "squilletti".
Affermano che questi intasano notevolmente le linee wireless e che quindi dovranno avere un costo che sarà pari ad euro 0,001 per ogni squilli effettuato.(1000 squilli scaleranno 1 euro al nostro credito)
Abbiamo deciso di protestare spegnendo tutti i cellulari nella giornata del 1 dicembre, in altre parole dalle 00: 00 del 1/12/2005 fino alle 23.59 dello stesso
Per chiamate urgenti e ripeto URGENTI si potrà accendere esclusivamente per la durata della chiamata, per poi spegnerlo dopo questa.
Per le altre chiamate si potrà andare presso cabine telefoniche o altro
Diciamo che per un giorno si puo anche fare....o vogliamo pagare anche gli squilli???????????????????
La cosa in se sarà utile perchè spegnendo i cellulari anche solo per un giorno il deficit economico
delle compagnie si farà sentire visto che in una sola giornata queste ricevono migliaia di euro da noi consumatori...

Fate girare questa e-mail a piu persone possibili e se potete anche all'estero
Grazie a tutti!! E delle grazie puramente sarcastiche alle compagnie telefoniche!!!
Non bastavano i soldi che già vi diamo??
Ogni commento è superfluo.

17 commenti:

Faus74 ha detto...

Ma c'è ancora gente che crede a questa bufala? :-)
Ciao Paolo,sei un grande

teto ha detto...

Grazie come sempre!
Potresti andare a striscia che ne pensi? :)

Anonimo ha detto...



ma questa è o non è disinformazione?

Anonimo ha detto...

http://www.repubblica.it/2005/b/sezioni/scienza_e_tecnologia/sicurezzaweb/sans20/sans20.html

Paolo Attivissimo ha detto...

Risposte varie:

-- sì, c'è ancora molta gente che ci crede, almeno a giudicare dalle richieste di chiarimento che mi arrivano.

-- Striscia? Se mi chiamano, ci vado.

-- Disinfo? Mah, è meglio della media. I dati del SANS sono riportati sostanzialmente senza errori. E' già tanto che si parli, in una testata "generalista", del concetto che esistono altre falle informatiche oltre ai virus.

Ciao da Paolo.

Giuliano ha detto...

Una volta ho visto una bolletta Telecom in cui figuravano dele spese per chiamate di sette secondi ai cellulari. In sette secondi si fanno 5 squilli, e mi è stato detto che la persona che mi ha fatto vedere la bolletta, dopo cinque squilli al cellulare riattacca per non disturbare. Magari sarà capitato di fare telefonate di 7 secondi, ma possibile che siano così tante?

Da cellulare a cellulare non capita, ma da fisso?

vgilles ha detto...

A me ne arrivata una che addirittura invita a sciopero dicendo che bisogna spegnere per protesta i cellulari dalle 0.00 del 01/12 alle 23.59 dello stesso giorno.
Saluti

Anonimo ha detto...

per la verità gli squilli
si pagano già da un pezzo!!!
e tutti anche quelli dal telefono fisso!

Matteo Mazz*** ha detto...

Caro Paolo, non vorrei sembrare cinico, ma quanta gente ha rimorsi di coscienza perché gli "squillini" sono gratis? E poi non si rendono conto che quella specie di moderna tassa sul macinato che è lo scatto alla risposta copre abbondantemente questi e altri costi? Stammi bene. Ciao da Matteo

Andrea Zappaterra ha detto...

Una cosa che non sapevo, ma che calza: Dovendo andare mio figlio negli States, ho cercato su internet se la' esistono schede ricaricabili per i telefonini, ed ho scoperto che molti provider ti fanno pagare non solo quando chiami, ma anche QUANDO RICEVI le telefonate! (e cominci a pagare dal momento che il telefonino squilla!) .. Se cosi' fosse anche da noi sarebbe la rivoluzione! .. o no?
Zappa

Anonimo ha detto...

Caro Andrea,
negli USA pressochè tutti gli operatori impongono un costo di telefonata che corrisponde al tempo in cui stai al telefono, sia che chiami, sia che ricevi. Almeno per i cellulari a scheda ricaricabile; per gli abbonamenti è tutta un'altra storia.
Se pensi che le nostre compagnie siano ladre, aspettati molto di peggio da quelle americane: peggiore copertura, servizi non legati alla conversazione al limite dell'inesistente per molti operatori, impossibilità di ricaricare il cellulare utilizzando carte di credito internazionali non-USA, pochissimi posti dove acquistare le schede per la ricarica, ecc...
.. e, come tutto negli USA, flessibilità ZERO.

Diego

Anonimo ha detto...

Nella prima puntata della trasmissione di Bonolis su canale 5, dal
titolo "il senso della vita" è stata presentata una rubrica che si rifà
all'iniziativa del settimanale Cuore (settimanale di resistenza umana)
chiuso nel '93, dove si chiedeva ai lettori di inviare un motivo per il
quale vale la pena vivere. L'iniziativa viene riproposta inviando, dal
sito della trasmissione www.ilsensodellavita.com
la propria preferenza, e ogni
settimana verrà pubblicata la classifica dei 10 motivi piu' votati.

Da qui è nata l'dea di coinvolgere più persone possibili per proporre la
nostra motivazione : "BERLUSCONI IN GALERA"
Sarà molto divertente riuscire a vedere in trasmissione (canale 5 -
mediaset) al primo posto la nostra scelta.
Votare è molto semplice basta accedere al link
http://www.ilsensodellavita.com/form_10motivi.php , inserire il proprio
indirizzo e-mail e nel campo "descrizione" scrivere : BERLUSCONI IN
GALERA.

E' ovvio che siete pregati di inviare questa e-mail a più persone
possibile invitandoli a votare!!!!
Ce la possiamo fare in fondo siamo in campagna elettorale!


FATELA GIRARE IL PIU' POSSIBILE !!!!!


(ora il sito non funziona più)

Paolo Attivissimo ha detto...

Se ciò che dà più senso alla tua vita è vedere Berlusconi in galera, mi sa che sei messo maluccio. :-)

Non cancello il post, anche se è fuori tema rispetto alla discussione, perché è comunque un'informazione riguardante Internet; però per favore evitiamo di usare i commenti per fare propaganda politica di destra, di sinistra, di sotto e di sopra. Ci sono molti altri posti dove andare a sporcare. Grazie.

Anonimo ha detto...

no, quella sul senso della vita l'avevo postato perchè credevo fosse un tentativo di ottenere indirizzi email..

Giorgio Loi ha detto...

Solo per la precisione. "Cuore" chiuse nel novembre 1996.

vl4d3 ha detto...

anche a me è arrivata quella mail.. ma è veritiera? il link al sito nn mi ha mai funzionato e credo che sia la solita favoletta stile "hanno deciso di mettere messenger a pagamento ma se invii..."

TUTTOOK ha detto...

E' nato driillo, il primo sistema per inviare messaggi testuali “veramente” GRATUITO, la prima alternativa agli SMS.




Driillo non è un SMS, driillo è un nuovo sistema di comunicazione BREVETTATO tutto italiano. Driillo invia e riceve messaggi codificando la successione di squilli scambiati tra due telefoni.

Driillo è nato dall’idea di estendere il potere comunicativo del singolo squillo elaborando un protocollo capace di creare un vero e proprio vocabolario.


“Ogni giorno in Italia vengono spediti circa 60 milioni di SMS a un prezzo medio di circa 15 centesimi l’uno”


Driillo è la realizzazione di un sogno, scambiarsi messaggi gratuitamente.


Driillo

COME ATTIVARLO

www.driillo.net: la registrazione è gratutita. Si accede alla sezione “download” e si scarica il programma sul computer e poi si trasferisce tramite porta USB, bluetooth, porta infrarossi sul telefonino. Una volta installato il programma sul telefonino si può incominciare ad inviare infiniti messaggi gratis.


QUANTO COSTA

Driillo è gratuito.

FUNZIONA SU:

ricezione NOKIA N70 - NOKIA 6600-6630-6680

invio NOKIA 6600-6630-6680