Cerca nel blog

2021/11/03

Foto di “aurora boreale” sulle Alpi: bufala inventata da Rai e Corriere. Il fotografo non l’ha mai descritta così

Ultimo aggiornamento: 2021/11/10 22:00.

Questa foto, scattata e pubblicata su Instagram da Marco Confortola, viene spacciata dalla stampa e dalla Rai come un’immagine di un’aurora boreale. Non lo è e il fotografo non ha detto che lo è.

Confortola l’ha presentata dicendo semplicemente: Questa mattina, salendo verso il Gran Zebru’ la natura ci ha regalato quest’immagine pazzesca. Tutto qui. 

Il resto è invenzione giornalistica di persone che chiaramente non hanno la minima idea di cosa sia un’aurora boreale e non hanno il minimo di attenzione che serve per notare che la cosiddetta “aurora” traccia in cielo lo stesso profilo delle montagne. Cosa che le aurore non fanno.

Se fosse stata un’aurora boreale, si sarebbe vista ovunque nella regione, per centinaia di chilometri, e non per pochi secondi in cima a una montagna, visto che l’aurora si manifesta a quote altissime. E gli astrofili, nonché i satelliti e gli osservatori che rilevano le aurore e il campo magnetico terrestre, l’avrebbero segnalata.

I lettori segnalano per esempio i dati e le info del NOAA (uno, due, tre) e del centro di ricerca per le geoscienze di Potsdam (uno, due, tre).

Qualunque cosa sia, non è un’aurora boreale.

Una ipotesi, segnalata nei commenti qui sotto, è che si tratti di una proiezione dell’ombra delle montagne sulle nubi.

Un’altra è che sia una foto mossa. Lo spiega bene Luca Nardi:

La bufala (che, ripeto, non è colpa del fotografo, ma dei giornalisti che non controllano) è stata pubblicata da Barbara Gerosa ieri sul Corriere della Sera, presentandola come “aurora boreale” (copia permanente):

È stata riproposta stasera dal TG1 Rai:

Nessuno controlla prima di pubblicare. Avvisati, non rettificano. Però vanno in giro a presentarsi come il nostro supremo baluardo contro le fake news.

---

2021/11/04 9:45. Intanto il Corriere rilancia, attribuendo a Confortola il seguente virgolettato: “La storia della mia foto, è stato incredibile vedere l’aurora boreale sulle Alpi”. Ho chiesto a Confortola di confermare o smentire questo virgolettato e sono in attesa di risposta. L’articolo di Barbara Gerosa gli attribuisce anche queste dichiarazioni: “Ho scattato la fotografia alle 7.04 di domenica mattina, sette minuti dopo la magia era già svanita [...] mai avrei immaginato di vedere l’aurora boreale sulle Alpi”.

---

2021/11/10 22:00. Nessuna risposta da parte di Confortola alla mia richiesta di confermare o smentire il virgolettato attribuitogli da Barbara Gerosa. Intanto, però, Confortola ha pubblicato questa dichiarazione su Facebook (le evidenziazioni sono mie):

Quando posti una fotografia sui Social sai perfettamente che questa diventa visibile a tante persone .
Cone si può ben leggere, non essendo esperto in materia , ho scritto semplicemente : LA NATURA CI HA REGALATO QUEST’IMMAGINE PAZZESCA .
Lo scrivo a lettere cubitali perché appunto , ripeto , non essendo esperto in tal senso , non mi permetto di dare un nome specifico a quanto fotografato.
In tal senso ci hanno pensato all’incirca 1000 esperti “del settore” ad oggi ( più o meno ) che mi hanno raggiunto via mail , meno esperti che hanno fatto le loro ipotesi , detrattori con il mal di pancia ( ormai storico ) che hanno scritto che si tratta di una BUFALA .
Per me questo scatto rimane un regalo che la natura mi ha permesso di osservare su una delle montagne che amo di più . Tutto il resto , commenti , dissensi, mal di pancia e tanto altro , rimane “ ARIA FRITTA “ …
Però una cosa va detta , prima di parlare a raffica e senza conoscenza e competenza , magari leggete bene e informatevi .
Per il mal di pancia consiglio un buon farmaco per spasmi addominali .
Riassumendo siano pieni di : allenatori di calcio, alpinisti da divano , esperti fotografi e astrofisici.
Buona giornata .

Personalmente, visto che i dati tecnici e le circostanze esatte dello scatto della foto sembrano impossibili da accertare, considero chiusa la questione: tutto indica che la foto sia stata scattata in buona fede e che la descrizione di “aurora boreale” sia un’invenzione giornalistica. E questo è tutto quello che conta.


Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle donazioni dei lettori. Se vi è piaciuto, potete incoraggiarmi a scrivere ancora facendo una donazione anche voi, tramite Paypal (paypal.me/disinformatico) o altri metodi.

3 commenti:

Liuk ha detto...

No, non c'è corrispondenza "esatta". O fai coincidere il profilo a sinistra del "cucuzzo", o fai coincidere quello destro. Entrambi non si può. Anche la forma dello stesso "cucuzzo" non coincide tra l'ombra in alto e il profilo della montagna. Questo sono stati i primi "indizi" che - a mio avviso - fanno escludere la possibilità di una foto mossa, a cui vanno a sommarsi tutti gli altri: strisciate divergenti, la "sorgente" di luce che non satura (pare di intravedere le nuvole in lontananza) e la luminosità delle strisciate non di molto inferiore a quella della sorgente (incompatibile con il profilo "netto" delle montagne), l'interruzione di una delle due strisciate più luminose (quella di sinistra) ma non dell'altra.
Secondo me, chi afferma che la foto sia sicuramente mossa, magari vantando un'esperienza ultra trentennale in fotografia, non dovrebbe avere troppi problemi a ricreare un effetto con tutti gli elementi sopra elencati, ma non mi pare che qualcuno sia riuscito a ricreare la "magia": l'unico tentativo fatto ha solo le "strisciate" in comune, tutti gli altri elementi non ci sono, nemmeno "l'ombra" in alto.

Ti rimetto il file GIMP: GranZebru-MarcoConfortola.xcf.gz (qui non dovrebbe cancellarsi da solo...). Buon divertimento!!

Liuk ha detto...

Potrebbe non essere completamente casuale: se, per ipotesi, quelle luci arrivassero in qualche modo dalla neve/ghiacciaio che sta sul versante opposto all'inquadratura, questo potrebbe seguire a grandi linee il profilo delle montagne, e quindi quell'ombra (o mancanza di luce) potrebbe essere in qualche modo collegata.
Ma è anche valida la tua ipotesi, che cioè sia veramente un caso che la conformazione delle nuvole che causano quell'ombra sia simile al profilo delle montagne, e il collegamento ce lo siamo creato noi...

Liuk ha detto...

Questo voleva ovviamente essere solo un "esercizio", e mi pare che sia venuto meglio del previsto... Non si voleva dibattere sulla "regolarità" o meno dell'effetto, ma su quanto sia complicato dare "prove" che quello era effettivamente ciò che si è visto, ma anche quanto sia complicato solo tentare di dare una spiegazione all'effetto (più o meno) anomalo.
Tu stesso hai detto che, per cercare di spiegare l'anomalia, sarebbe stato necessario essere lì, vederla. Io - comune mortale - pur essendo lì, non è che sia molto in grado di spiegare perché delle nuvole che saranno al più qualche migliaio di chilometri dall'osservatore, si vedano DIETRO il sole che è a 150 milioni di chilometri...
Stando nell'"esercizio", e ammettendo che l'effetto sia durato una manciata di secondi e quella sia l'unica foto che sia riuscito a fare, tutti noi abbiamo potuto dare solo delle ipotesi (probabilmente nemmeno corrette), pur avendo tutti i dettagli dello scatto, dati EXIF compresi. Ora, perché mai a Marco Confortola si chiedono "prove" mentre in questo esercizio ci si "fida" semplicemente della mia parola?
quelle luci sono esposte per tutto il tempo meno quello della strisciata, quindi leggermente sottoespostePer avere un profilo "netto" della montagna, il tempo di esposizione del non-mosso deve essere enormemente superiore a quello del mosso: io ci ho provato, e o ottieni una saturazione delle luci "fisse", oppure le strisciate sono talmente flebili da essere quasi invisibili. Non è possibile avere entrambe le cose (luci non sature, e strisce molto visibili).
La seconda interruzione è sopra la primaPotresti gentilmente mostrarla? Io non vedo interruzioni sulla seconda scia più luminosa, quella sulla destra...
Il tracciamento del profilo delle montagne è compatibileHo rimesso il file GIMP perché si era cancellato automaticamente: potresti evidenziare quale combinazione di rotazioni/traslazioni porterebbe ad un profilo compatibile? Da notare anche che il profilo "dell'ombra" superiore NON coincide con quello della montagna, nemmeno sull'esempio che ho fatto io...
Significa essere disponibili a discutere in modo trasparente e costruttivo di una foto che ha fatto clamoreNon sappiamo perché Confortola, dopo una iniziale disponibilità (ha anche rilasciato l'intervista al TG1) ha preferito il silenzio. So che ci sono di mezzo addirittura gli avvocati, e quindi potrebbero esserci anche motivazioni legali a questo silenzio. Se poi si mettono di mezzo sedicenti "esperti" di fotografia che ti etichettano la foto come sicuramente mossa, non c'è proprio spazio per un "confronto costruttivo"... Nei limiti del paragone, è un po' come cercare di confrontarsi con un complottista convinto, dove non c'è minimamente spazio per il dubbio: è una battaglia persa in partenza.