skip to main | skip to sidebar
49 commenti

Che fine ha fatto lo Star Wars Kid?

Questo articolo vi arriva grazie alle gentili donazioni di "fabioc*" e "mariannamasc*" ed è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Uno dei primissimi episodi di bullismo digitale (o ciberbullismo) – la molestia effettuata tramite computer e Internet – risale al novembre del 2002. Storia antica, per i ritmi della Rete: per esempio, Youtube e Facebook ancora non esistevano (sarebbero nati tre anni dopo).

Il protagonista involontario di questa storia fu un ragazzino canadese, Ghyslain Raza, che all'epoca aveva quindici anni. Ghyslain si videoregistrò per un progetto scolastico mentre mimava molto maldestramente, ma con grande impegno, le movenze dei cavalieri Jedi di Star Wars. Al posto della spada laser brandiva il manico di un attrezzo da golf.

Sì, lo so, è una tentazione alla quale abbiamo ceduto in tanti, ma non davanti a una telecamera che registrava. La registrazione fu trovata cinque mesi dopo da un compagno di scuola di Ghyslain, fu diffusa fra gli studenti della scuola frequentata dal ragazzino e infine fu pubblicata su Internet, sul circuito peer-to-peer Kazaa. Divenne in poco tempo uno dei video più condivisi della Rete e successivamente approdò su Youtube. Questa è la versione originale.


Il video ha acquisito da allora una popolarità enorme e i suoi fan ne hanno creato infinite versioni complete di titoli, musiche ed effetti speciali, come questa.


Già nel 2006 l'originale aveva totalizzato 900 milioni di visualizzazioni; oggi si stima che abbia superato il miliardo. Internet offrì a Ghyslain un tributo di ringraziamento attraverso il sito Waxy.org, che nel 2003 rintracciò il ragazzino di cui tutti parlavano e coordinò una raccolta di fondi che gli regalò un iPod e oltre 4300 dollari. Fu organizzata anche una petizione per includere Ghyslain nel terzo episodio di Star Wars, La Vendetta dei Sith, ma nonostante oltre 148.000 adesioni l'inizativa non andò in porto.

Lo Star Wars Kid, come fu soprannominato Ghyslain, fu citato da South Park e da molti altri programmi televisivi, come il Colbert Report del comico statunitense Stephen Colbert, che ad agosto del 2006 organizzò una gara fra i fan: si fece videoregistrare mentre brandiva una spada laser giocattolo di fronte a un fondale verde e invitò tutti a modificare e migliorare con effetti speciali la sua esibizione. Partecipò persino George Lucas, il regista di Star Wars, che però non vinse (video).

Cosa c'entra il ciberbullismo con questa storia di popolarità esplosiva? C'entra perché la vicenda prese rapidamente una brutta piega. Ai primi di luglio del 2003, la famiglia di Ghyslain fece causa agli studenti che avevano diffuso il video e alle loro famiglie, chiedendo 250.000 dollari canadesi di danni, perché il ragazzino "aveva dovuto sopportare, e tuttora sopporta, molestie e derisione da parte dei suoi compagni di scuola e da parte del pubblico in genere" e sarebbe rimasto "sotto cura psichiatrica per un periodo di tempo indefinito". Ghyslain abbandonò la scuola, gli fu diagnosticata una condizione di depressione e concluse l'anno in un reparto psichiatrico minorile. La causa fu chiusa con un accordo extragiudiziale nel 2006.

Oggi Ghyslain Raza ha 23 anni (foto qui accanto, tratta da Cyberpresse.ca) e secondo le ricerche di Motherboard.tv è presidente dell'associazione Patrimoine Trois-Rivières, che mira a conservare il patrimonio culturale della località dove risiede, e si sta laureando in legge alla McGill University a Montreal. Una scelta molto astuta: se avesse scelto qualunque altro ramo, ci sarebbe sempre stato qualcuno che l'avrebbe preso in giro per la sua incauta prodezza giovanile. Ma con una carriera nel ramo legale, sarà difficile che qualcuno osi sbeffeggiarlo di nuovo.

La storia di Ghyslain Raza risale agli albori di Internet, quando la consapevolezza dei pericoli e dei danni causati dal ciberbullismo e dalla crescente tendenza a pubblicare o registrare momenti potenzialmente imbarazzanti della propria vita o di quella altrui non era ancora molto alta. Oggi dovrebbe esserlo, anche grazie alle tribolazioni di persone come Raza, ma c'è sempre qualcuno che non ci pensa e finisce per diventare involontariamente famoso nel modo peggiore. Istintivamente sorridiamo, dunque, di fronte alle goffe acrobazie del ragazzino, ma ricordiamoci che storie di derisione come questa, se vissute in prima persona, sono molto meno divertenti. E che al suo posto, se non stiamo attenti, potremmo finirci noi.

Fonti aggiuntive: New York Times, The Globe and Mail, Geekosystem, Newsweek, BusinessInsider.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (49)
Deriderlo? zoticoni e ignoranti: quel tipo è un figo!!
Il remake è favoloso :-)

Gary Brolsma (Numa Numa) non si è spinto oltre l'aprire un sito di nome www.newnuma.com, mentre non ho infomazioni su quella tipa che ha diffuso la foto del suo retro con le coordinate di casa nei dati exif della foto :-D
viene in mente che prima di internet grandi occasioni di imbarazzo erano spesso le riunioni di famiglia (matrimoni o feste in genere) ma i danni perlomeno rimanevano circoscritti all'aneddotica famigliare. Se provate a riguardare foto o filmini di qualche anno, o meglio, decennio fa...
Paolo ha ragione, possono diventare storiacce. Come quella recente di quella ragazzina che coinvolta in una specie di pettegolezzo (voglio dire, non si è fotografata il culo o roba simile) è finita con l'essere perseguitata da una banda di troll.
A 14-15 anni un evento cosi puo' essere traumatico, ma a 23 e' una grande opportunita'.
Attenzione: talvolta è scritto cyberbullismo, talvolta ciberbullismo.
Sono sinceramente stupito che una tale popolarità possa aver creato questi problemi. E' vero che il personaggio fa sorridere, ma in modo bonario: non ho mai pensato a un ragazzino imbranato, ma come diceva Paolo a uno qualsiasi di noi che si improvvisa Jedi ottenendo i risultati che otterrebbe... uno qualsiasi di noi. Per inciso: non so tu, Paolo, ma io probabilmente non riuscirei nemmeno a muovermi con quella foga.

Non mi spingerei come Puffolotti a dire che è un figo, ma in ogni caso dovessi incontrarlo per strada gli farei i complimenti. Anche solo per il fatto di aver creato, volente o nolente, qualcosa che ha fatto sorridere una quantità enorme di persone.
nel 2003 rintracciò il ragazzino di cui tutti parlavano e coordinò una raccolta di fondi che arrivò a oltre 4300 dollari e gli regalò un iPod

Che cos'era? Un iPod d'oro massiccio?
Forse, invece che IPod, Paolo voleva scrivere "telemetro"... ;p
@FX: quando sei la vittima designata qualsiasi cosa diventa argomento di derisione a scuola, credimi lo so per esperienza.
Magari non avrà il fisico di un cavaliere Jedi, ma a me non sembra poi così maldestro...

E' in presa diretta e non certo un professionista...
Attenzione: talvolta è scritto cyberbullismo, talvolta ciberbullismo.

Sistemato, grazie.


Che cos'era? Un iPod d'oro massiccio?

Giusto :-) Ho riformulato, grazie.
Paolo attivissimo dixit.

"Una scelta molto astuta: se avesse scelto qualunque altro ramo, ci sarebbe sempre stato qualcuno che l'avrebbe preso in giro per la sua incauta prodezza giovanile."

Valentino Solinas si è laureato in glottologia, ma nessuno ha mai osato ridergli dietro per i suoi video (battuta)
Bisognerebbe far leggere questi articoli a tali Laura Scimone e Gemma Del Sud.
O ai loro genitori.
@Replicante:
hai ragione, ma per fare ciò bisognerebbe che la Scimone e la Gemma sapessero leggere...
Su Gemmadelsud avrei una curiosità che quasi quasi diventa un argomento per Paolo visto che ormai si legge ovunque una sua presunta storia di maltrattamenti da parte dei genitori, una fuga in veneto quando aveva 16 anni (per convivere con un ragazzo di 31) ed un progressivo peggioramento fisico ed evidentemente anche mentale.
Credo ben poco al romanzo della sua vita ma resta il mistero su chi la filma e su chi, forse, potrebbe approfittare di lei.
Genitori, parenti, amici, vicini di casa... mi sembra che l'assenza totale di questi elementi cominci ad essere sospetta dopo tutto questo tempo.
@ Franci
Su Gemmadelsud [...]
Genitori, parenti, amici, vicini di casa... mi sembra che l'assenza totale di questi elementi cominci ad essere sospetta dopo tutto questo tempo.


Io conosco solo di "fama" la suddetta Gemma; non ho mai avuto intenzione di guardare i suoi video, proprio perchè ne ho già avuto abbastanza con Laura Scimone.E ammetto -non senza un briciolo di vergogna- che davanti ai video di Laura Scimone ho più volte riso (guardatevi quello in cui si mette a ballare su "I pirati dei Caraibi", voglio vedere se non vi viene da ridere), ma poi ho provato nei suoi confronti un sentimento che è molto vicino alla compassione.

Già perchè uno dei primi pensieri che si hanno guardando quella ragazza è che la suddetta possa avere qualche ritardo mentale (e non è una battuta di cattivo gusto, sembra realmente ritardata) e quindi non si renda conto di quello che sta facendo. Nel caso, invece, in cui tale ragazza sia semplicemente un po' svitata o in cerca di attenzione, ugualmente ci si chiede perchè dovrebbe ricorrere a questi mezzi anzichè cercarsi un passatempo più costruttivo e che possa aiutarla a cercarsi delle amicizie nuove.

In entrambi i casi però mi chiedo: dove sono i genitori quando Laura, parla canta o balla (facendo anche un discreto rumore, date le sue movenze non proprio leggiadre) davanti alla webcam? Possibile che in tutti questi mesi non si siano mai accorti che in paese si parlava della loro figlia? Possibile che nemmeno i professori a scuola li abbiano contattati dicendo che la loro figlia era vessata per via dei video che pubblicava su internet?
C'è da dire però che mi sembra che Laura abbia smesso di pubblicare video...forse davvero le hanno tolto la webcam, anche se ormai era troppo tardi.Sì, perchè nel frattempo Laura era già finita anche in tv, più volte sfottuta a "Quelli che il calcio" nientemeno da quella sapiente donna di Simona Ventura...sì sì, proprio lei, quella che non si è resa conto che i Muse si erano scambiati di posto ed ha intervistato il batterista, credendolo il cantante.

E il pubblico ludibrio, per quanto possa essere deprecabile, è in questi casi una conseguenza inevitabile: ma in questi casi chi bisogna incoplare? Le ragazze, che non hanno letto la clausola del Gatto Sitwoy? I genitori che magari non volevano essere invadenti nella vita privata delle proprie figlie? Certo: indubbiamente vanno punite quelle persone che si rendono protagoniste di minacce, insulti o stalking (e che magari possono spingere persone mentalmente fragili a comportamenti estremi). Ma penso che un pizzico di colpa vada anche attribuita a quelle persone che CONSAPEVOLMENTE si espongono in questo modo. Insomma: una webcam non si accende da sola, un recorder non parte da solo e i video non si caricano da soli su youtube...
@Franci

si, anche io ho sentito delle storie simili e anche io ho provato a fare delle ricerche per verificarle. A parte l'evidente esagerazione di alcune teorie (non penso ci sia qualcuno che la filmi, è molto più probabile che si riprenda con la cam integrata nel notebook, tantopiù che sotto i suoi video esce "caricato tramite hp mediasmart") altre cose sembrano vere. La fuga, la differenza di età col presunto fidanzato, il grosso cambiamento fisico, la totale assenza dei genitori, si spiega tutto ricostruendo a ritroso la storia attraverso i suoi post su yahoo answers prima e su un forum piuttosto famoso (da cui ora si è cancellata) poi.
Non tutti i suoi video sono figli della webcam. In alcuni è ripresa più distante e ci sono anche zoomate saltuarie. In altri video qualcuno ha isolato il fotogramma dei suoi occhiali da sole per vedere nel riflesso persone che le sono di fronte.
Mi sembra che se buona parte dei video sono fatti in probabile autonomia, altri lo possano essere di meno. Data però la fama acquisita mi sembra assurdo che nessuno conosca nella real life questa ragazza, specie qualche parente. Il sospetto che non sia una situazione di "normale" idiozia da bimbaminkia è forte.
certamente, che la sua sia una situazione anormale, ai limiti dei servizi sociali, questo è fuor di dubbio. Ma non penso veramente che ci sia qualcuno che la filmi, altrimenti i video dovrebbero essere un minimo editati, con qualche taglio, trasferiti su pc e poi uppati, cosa che evidentemente non è. Penso che lei li generi proprio in real time (youtube ti dà questa possibilità) o se li registri con il notebook e poi li carichi. Le zoomate è probabilissimo che siano generate con il programmino di gestione della cam, lo stesso che ogni tanto si vede quando aggiunge degli effettini stupidi tipo clip art. Tecnicamente, quindi, è tutto molto spiegabile. Il riflesso negli occhiali non è attendibile, perchè lei usa occhiali avvolgenti e bombati che deformano i riflessi, non come avverrebbe se portasse, chessò, un paio di rayban aviator che restano più dritti e offrirebbero una superficie di riflesso più piana e quindi più attendibile. con gli occhiali che ha lei, ad esempio, un ventilatore si può trasformare in una videocamera su cavalletto.
E questo è nulla, quello che è successo a Jessi Slaughter ("Kerligirl13" per gli amici) è ancora peggio.
Certo, offendere gli Anon di 4**** non è mai una cosa intelligente e alla fine lei se l'è anche voluta mentre questo ragazzo non aveva alcuna intenzione di far circolare il video...
cicciottello, vestiti non alla moda, occhialuto, pettinatura anonima: perfetto per essere preso di mira da tutta la propria classe/scuola...
purtroppo ce ne sono a migliaia. L'adolescenza crea tra i peggiori mostri della specie umana, con pochi capobranco che si atteggiano a fighi, tanti leccapiedi di questi e pochi che ne pagano le conseguenze.
Ecco, mi pare che il commento di Samuele dica (quasi) tutto... manca solo il fatto che Internet porta lo sfottò all'ennesima potenza!

PS sul discorso di Gemmadelsud non è che qualcuno può indicarmi un sito con tutta la storia? Son curioso... e si, ho provato a cercare con Google ma non ho trovato nulla di completo ;)
Un'altra storia, appena un po' datata, è quella di Ioana, la ragazza diventata famosa in Italia per i suoi rutti-ruggiti in webcam. Cercare in youtube "booble666 tribute" per avere un'idea chiara di cosa intendo.

Dopo esser rimasta, in varie forme, vittima del suo stesso successo (accounts intasati di messaggi, il suo nome in radio, blogs, e anche un giornale), ha tirato i remi in barca ed ha deciso di lasciarsi ste cose alle spalle.

Da alcuni mesi è felice mamma di una meravigliosa bimba.
Da alcuni mesi è felice mamma di una meravigliosa bimba.

Decisamente, profondamente, seriamente, NON voglio sapere come mai tu ne sei al corrente :-)
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
me la ricordo Ioana...era sarda se non erro....e fu tra i primi "fenomeni di YT" (come li chiamo io), ne parlarono persino all'estero. son contenta x lei che abbia messo giudizio!
@Krystal

Niente Sardegna, ha radici rumene ed abita nel Friuli-Venezia Giulia.
Che fosse tra i primi fenomeni di YT non saprei, forse in Italia, ma sicuramente altrove ce n'eran ben altri appartenenti ad altre piccole realtà. A rastrellarli tutti probabilmente ne vedremmo delle belle, dal passato di ognuno.

Anche se l'infanzia l'han già superata da 2 generazioni, speriamo di non perdere mai le perle targate Mago Otelma, Enrico Ascione, Domenico Schietti... Degli schizoidi da ricovero, ma che rappresentano in maniera brillante le possibilità di internet.

@Paolo

Non parlerò nemmeno in presenza del mio avvocato!
E le due ragazzine chiamate ormai da tutti "Le Calippe"?
Il fatto che Sky TG24 abbia mandato in onda l'intervista a due minorenni, creando poi tutto il resto, lo ritengo abbastanza deprimente.
Da alcuni mesi è felice mamma di una meravigliosa bimba.

Decisamente, profondamente, seriamente, NON voglio sapere come mai tu ne sei al corrente :-)


Conosco almeno UNA persona che sposerebbe al volo una ragazza così.
(ok, quella persona ora va a guardarsi la ragazza per capire se almeno abbia delle fattezze femminili)

Comunque questa storia sembra un'indiretta dimostrazione della teoria per cui la durata di un fenomeno internet è inversamente proporzionale rispetto a quanto il diretto interessato l'abbia cercata.
Mi spiego: questa ragazza sicuramente puntava ad un certo tipo di "pubblico", sapeva benissimo che la sua femminilità sarebbe andata a farsi benedire, sapeva benissimo che i suoi amici le avrebbero chiesto dimostrazioni pubbliche delle sue doti...insomma, ha ottenuto ciò che voleva. E quando ha deciso di dire basta, ci si è scordati di lei.

Se invece i suoi rutti fossero stati diffusi senza il suo permesso e lei avesse chiesto di rimuovere i suoi filmati da youtube, sono sicuro che ancora oggi avrebbero visualizzazioni da record. Guardate il caso di Germano Mosconi, i cui video sono ancora estremamente popolari, nonostante ci siano decine e decine di video con bestemmiatori più o meno consapevoli.
Ma anche le stesse Scimone e Gemma Del Sud hanno avuto grande diffusione perchè i loro video hanno avuto un'accoglienza diversa da quella che probabilmente loro si aspettavano. Al contrario, tutte le loro "imitatrici", che pubblicavano video volutamente stupidi, sono cadute nel dimenticatoio.
Credo sia una variazione dell'"effetto Streisand"

@ L'economa
E le due ragazzine chiamate ormai da tutti "Le Calippe"?
Il fatto che Sky TG24 abbia mandato in onda l'intervista a due minorenni, creando poi tutto il resto, lo ritengo abbastanza deprimente.


Bah, il classico tormentone estivo che -si spera- ci si dimenticherà presto. In fondo queste due hanno concesso l'utilizzo della loro immagine e della registrazione, quindi non possono lamentarsi: se la gente ride per il loro modo di esprimersi, lo ha sempre fatto anche prima che andassero in tv. Dopotutto nessuno le ha obbligate a farsi intervistare
Anche se, alla fine, nella loro genuinità sono quasi simpatiche: dopotutto sono riuscite ad essere "coatte" senza dire volgarità o senza tirar fuori più pelle di quanta non ne mostri un normalissimo bikini.
Ovviamente spero di non vederle ospiti o vallette in qualche trasmissione televisiva.

Ma, come ho detto prima, se le suddette non inizieranno a lamentarsi o chiedere la rimozione del loro video, ci si dimenticherà presto di loro.
Replicante Cattivo wrote

Bah, il classico tormentone estivo che -si spera- ci si dimenticherà presto. In fondo queste due hanno concesso l'utilizzo della loro immagine e della registrazione, quindi non possono lamentarsi: se la gente ride per il loro modo di esprimersi, lo ha sempre fatto anche prima che andassero in tv. Dopotutto nessuno le ha obbligate a farsi intervistare
Anche se, alla fine, nella loro genuinità sono quasi simpatiche: dopotutto sono riuscite ad essere "coatte" senza dire volgarità o senza tirar fuori più pelle di quanta non ne mostri un normalissimo bikini.


Infatti non ce l'ho con le ragazze o con i loro genitori (ne escono molto bene da questa storia, le ragazze come hai già notato a parte la "calata" coatta sono normalissime), me la prendo con Sky TG24 che penso non ne abbia controllato l'età (per la cronaca, 17 e 15 anni) prima di mandare in onda il servizio.
@ L'economa

me la prendo con Sky TG24 che penso non ne abbia controllato l'età (per la cronaca, 17 e 15 anni) prima di mandare in onda il servizio.

Ora non so quale sia l'età minima per poter mostrare un volto senza doverlo oscurare (non so se sia effettivamente 18 anni).
Non credo che comunque quelli di Skytg24 possano aver commesso una leggerezza così grande.
@ Replicante Cattivo

Ora non so quale sia l'età minima per poter mostrare un volto senza doverlo oscurare (non so se sia effettivamente 18 anni).
Non credo che comunque quelli di Skytg24 possano aver commesso una leggerezza così grande.


Penso che sotto i 18 anni i genitori debbano dare parere positivo alla messa in onda.
Nota tecnica: perché Star Wars Kid? Obi-Wan Kenobi mica aveva uno spadone a due lame.
Il ragazzino qui sembra imitare il bōjutsu.
@ L'economa
Penso che sotto i 18 anni i genitori debbano dare parere positivo alla messa in onda.

Nessuno ci dice che non sia successo. E non credo che i genitori abbiano rivisto l'intervista (o si siano posti il problema di cosa hanno detto le figlie).

Comunque se non sbaglio, il filmato dovrebbe essere un fuori onda, mai trasmesso ufficialmente. Ma comunque poco cambia: se era un filmato liberamente visibile sul sito, piuttosto che "trafugato" in ogni caso la redazione è responsabile dei suoi contenuti. E quindi, se anche loro hanno continuato a trasmetterlo, evidentemente avevano i permessi per farlo.
Perché non è la spada laser classica, ma la Double-bladed lightsaber.

Vedi qui quella utilizzata da Darth Maul

Ciao
VB
Più che un età minima per mostrare il volto di una persona in TV mi accontenterei di un minimo di valenza cerebrale di ciò che in TV viene detto e diffuso al pubblico.
E le due ragazzine chiamate ormai da tutti "Le Calippe"?

Beh ma quelle non sono mica un fenomeno. Non hanno inventato niente, quella è vita e cervello di tutti i giorni per migliaia di loro coetanee.

A loro è semplicemente capitato di avere davanti una telecamera, lo considererei un caso diverso dagli altri citati ;-)
@ Rodri

Beh ma quelle non sono mica un fenomeno. Non hanno inventato niente, quella è vita e cervello di tutti i giorni per migliaia di loro coetanee.

A loro è semplicemente capitato di avere davanti una telecamera, lo considererei un caso diverso dagli altri citati ;-)


Lo so, ma si sono trovate fenomeno loro malgrado come lo Star Wars Kid, a differenza delle varie Gemmadelsud.

Io comunque tifo per loro due.
@ L'economa
Lo so, ma si sono trovate fenomeno loro malgrado come lo Star Wars Kid, a differenza delle varie Gemmadelsud.

Sì, ma sapevano benissimo che sarebbero andate in tv e che sarebbero teoricamente state viste da tantissime persone (non ho idea dell'audience di Skytg24).
Si sono consapevolmente concesse a un media, con tutti i rischi annessi: se ad esempio a una di loro fosse cascato il reggipetto oppure fosse scappato un rutto, avrebbero fatto una figuraccia. Ma non è che si poteva dare la colpa di questo al giornalista :p
Gemma del sud... 50'000 visite al mese su qualsiasi cosa faccia...

Questa è la realtà dei fatti.

Non capisco perchè la gente la detesti tanto.
La cosa più triste è che molta gente a questi argomenti è totalmente impermeabile. Puoi spiegare, argomentare, puoi "linkare" queste pagine... ma non gliene frega e non capiscono perché te ne preoccupi.
Attenzione: la storia dell'autorizzazione a trasmettere le immagini non vale per i telegiornali, che a differenza delle altre trasmissioni possono trasmettere qualsiasi immagine ripresa in un luogo pubblico, anche contro la volontà dell'interessato. Tuttavia, non dovrebbero trasmettere immagini di minori, a meno che ciò non sia nel diretto interesse del minore stesso. Esempio tipico: i bambini scomparsi.
In effetti, i genitori delle due Calippe potrebbero piantare una grana. Ma d'altronde il giornalista di Sky 24 può dire che la pubblicità ha portato solo vantaggi alle due fanciulle. Ci sarebbe materia per far lavorare gli avvocati, volendo buttare tempo e soldi.
Per Elena (quella del 3D epico)

Attenzione: la storia dell'autorizzazione a trasmettere le immagini non vale per i telegiornali, che a differenza delle altre trasmissioni possono trasmettere qualsiasi immagine ripresa in un luogo pubblico, anche contro la volontà dell'interessato. Tuttavia, non dovrebbero trasmettere immagini di minori, a meno che ciò non sia nel diretto interesse del minore stesso. Esempio tipico: i bambini scomparsi.
In effetti, i genitori delle due Calippe potrebbero piantare una grana.


Ma perché nessuno ammette la possibilità che la liberatoria dei genitori fosse stata regolarmente firmata? A spanne, direi che appartengono anche loro alla generazione televisiva, non le ostacolerebbero mai nel trovare la loro giusta strada (in tutti i sensi: anche strada con lampione).
Come on, accademia, son due ragazzine intercettate da un cameraman, niente fa pensare che siano andate loro a cercarlo.
Non credo che dirigeranno il progetto manhattan 3 ma sono a parsecs di distanza dall' essere "quelli che girano alla notte"
i genitori delle due Calippe potrebbero piantare una grana

Potrebbe anche capitare che si scusino pubblicamente, esprimendo imbarazzo per i risultati della loro vita di genitori.

:-P
@ Rodri

Potrebbe anche capitare che si scusino pubblicamente, esprimendo imbarazzo per i risultati della loro vita di genitori.

:-P


Rodri guarda, non sono così "acci" come genitori, visto come si sono comportati in questa storia.
Per puffolottiaccident

Non credo che dirigeranno il progetto manhattan 3 ma sono a parsecs di distanza

Parsec.
ci sta...

http://www.youtube.com/watch?v=qRPGgfz5hcE