skip to main | skip to sidebar
0 commenti

Falla grave in Internet Explorer, pronto l’aggiornamento urgente

Questo articolo era stato pubblicato inizialmente il 20/09/2013 sul sito della Rete Tre della Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione.

Solitamente Microsoft pubblica gli aggiornamenti di sicurezza dei propri prodotti con calma, una volta al mese, ma una falla che riguarda Internet Explorer si è meritata un aggiornamento d'emergenza perché viene già sfruttata concretamente e attivamente dai criminali informatici.

Lo segnala la stessa Microsoft, spiegando che un aggressore può sfruttare la falla e prendere il controllo del computer della vittima semplicemente convincendola a visitare un sito con Internet Explorer. Sono affette da questa vulnerabilità tutte le versioni di Internet Explorer dalla 6 alla 10 (che è quella più recente).

A differenza degli aggiornamenti mensili, che vengono scaricati automaticamente e chiedono all'utente soltanto il permesso di aggiornare il computer, la correzione di questa falla va scaricata manualmente visitando questa pagina del sito di supporto Microsoft. Diffidate delle imitazioni.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).