skip to main | skip to sidebar
3 commenti

Come cifrare e autenticare la mail: terza parte

Il contenuto di questo articolo è stato trasferito qui.




Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (3)
Mi permetto di fare un piccolo addendum, sulla matematica dietro la cifratura a chiave pubblica. Non voglio entrare nei dettagli di come funziona (comunque non è particolarmente difficile), ma mi sembra interessante spiegare meglio cosa siano la chiave pubblica e la chiave privata.
Quando generate la vostra coppia di chiavi in realtà generate due numeri primi molto grandi, diciamo p e q (il motivo per cui devono essere primi è legato all'algoritmo di cifratura), che vi tenete per voi. La chiave pubblica è composta da due parti: la prima è il prodotto p*q, e la seconda è un numero a caso più piccolo di (p-1)*(q-1) (di solito si sceglie 65.537, ma non ha importanza). Questi due numeri vengono dati a tutti, e sono sufificienti per cifrare i messaggi.
La cosa interessante è per decifrare è in sostanza necessario conoscere p e q separatamente, e questo è molto, molto laborioso conoscendo solo il prodotto p*q. Dunque chiunque può cifrare messaggi ma solo voi potete decifrarli.
Il link dalla terza alla quarta parte non funziona.
paolo,

adesso dovrebbe funzionare. Grazie della segnalazione.