Cerca nel blog

2016/09/16

SAWS, il “programma americano segreto” per bloccare le invenzioni sensibili. Tipo i panzerotti


Un lettore, Ivan, mi segnala che circola in Rete la notizia di “un fantomatico software chiamato SAWS” che farebbe parte di un programma americano segreto che blocca le invenzioni sensibili, come per esempio le scoperte eccessivamente innovative nel campo delle energie alternative.

Così, perlomeno, scrive Andrea Rampado su Nexus Italia (copia su Archive.is): ma viene subito un dubbio. Se il programma è segreto, come fa Nexus Italia a sapere che esiste? Se è una rivelazione davvero importante, come mai Andrea Rampado è libero di parlarne su Internet senza che venga zittito dai Men in Black?

Infatti basta un briciolo di ricerca in Google per scoprire che il programma SAWS è cosí segreto che Yahoo ne parlava pubblicamente già dieci anni fa, nel 2006, rivelando che il Sensitive Application Warning System era un sistema per rallentare l’approvazione di brevetti depositati presso l’Ufficio Brevetti statunitense. Non insabbiava le scoperte: si limitava a renderne difficile e lenta la tutela brevettuale.

Una prassi discutibile in termini di libera concorrenza, ma non certo un piano ipersegreto per sopprimere le invenzioni, insomma. Anche perché un inventore non è obbligato a brevettare la propria invenzione: se vuole, può pubblicarne il funzionamento come e quando gli pare. Il brevetto serve soltanto ad avere una tutela legale e un’esclusiva di sfruttamento dell’invenzione.

In altre parole, se lo scopritore di un’invenzione rivoluzionaria si trovasse bloccato nella tutela brevettuale dalla procedura SAWS e temesse che la sua invenzione venga soppressa, è libero di pubblicarne il funzionamento in ogni dettaglio.

Il SAWS aveva anche un altro scopo, che Nexus Italia tralascia: quello di reprimere i brevetti stupidi o assurdi, come quello per la tutela del panzerotto. Lo spiega bene Ars Technica, notando che oltretutto il sistema SAWS è stato disattivato (almeno così dice l'Ufficio brevetti USA) a marzo 2015.

Tutte queste informazioni sono facilmente reperibili in una decina di minuti. Viene da chiedersi come mai Andrea Rampado e la redazione di Nexus Italia non abbiano fatto questa semplice verifica.

10 commenti:

eSSSSe ha detto...

Ma dai... anche tu ti ci metti...
Ci stavo per credere. Poi ho letto Nexus Italia...
Ciao ciao

markogts ha detto...

Andrea Rampado... si vede che non segui la vicenda dell'e-cat :)

AlexKidd ha detto...

Nell'articolo c'è un errore, le invenzioni non si scoprono :P

Adriano Carrata ha detto...

Paolo, mi sorprendi!!!! Il panzerotto BARESE è da considerarsi a tutti gli effetti un'arma!!! E anche pericolosa!!! Figurati che durante il medioevo lo usavano al posto dell'olio bollente contro gli assalitori. Gli incauti lo mordevano e rimanevano ustionati fin nel profondo delle budella!!! Ora ti lascio.... vado ad aiutare mia moglie a friggerne una caterva per stasera :) ... Ti inviterei con piacere per farti toccare con mano, ma siamo un po' lontani!!!! (Seriamente ora .... ho letto l'articolo di Ars Technica ... alla stupidità umana non c'è proprio limite)

rico ha detto...

Se Tim Berners-Lee non ha mai posto un brevetto sul World Wide Web, l'invenzione più dirompente degli ultimi anni, può fare a meno del brevetto anche il pur gustoso panzerotto.

Stefano ha detto...

Molto piu' prosaicamente sembra un sistema per fare in modo che i brevetti in un qualche modo interessanti o sfruttabili economicamente vengano dapprima "acquisiti" da aziende o industrie "compiacenti" (magari americane... ma va'???) prima di avere il via libera dalla commissione brevetti, con offerte all'inventore "che non possono rifiutare" o tramite un banale scopiazzamento e registrazione prima di quelle del titolare della scoperta.

Il tipico modo di lavorare degli statunitensi. Prima Marconi, poi Meucci... e quanti altri non sapremo mai.

Matt-o ha detto...

Beh, in effetti reprimere i brevetti stupidi o assurdi è più utile di quanto non si creda. Paolo, tu che sei del mestiere lo conosci questo? https://www.google.com/patents/US20040005535

Paolo Attivissimo ha detto...

markogts,

Andrea Rampado... si vede che non segui la vicenda dell'e-cat :)

La seguo: semplicemente non ne parlo pubblicamente per non regalarle visibilità. L'articolo di Rampado che cito parla proprio dell'E-Cat.

Paolo Attivissimo ha detto...

Matto-o,

no, non lo conoscevo. Grazie della segnalazione, che mostra bene quanto sia bacato il sistema brevettuale.

Tukler ha detto...

Scusate la domanda da ignorante, ma il brevetto per la reincarnazione è stato accettato o è solo una richiesta in attesa?
Non mi è chiaro se la pubblicazione comporti l'avvenuta accettazione della richiesta di brevetto.