skip to main | skip to sidebar
8 commenti

Ci vediamo a Pergola (PU) domani alle 21? Ci saranno quelli di Lercio

Domani 23 maggio alle 21 sarò a Pergola (Pesaro e Urbino), al Tennis Club Bruno Melandri in viale Martiri della Libertà 25, per tenere una conferenza intitolata Bufale e disinformazione: come difendersi? nell'ambito del ciclo Apertamente. Sarà una conferenza un po' diversa dal solito, anche perché la farò insieme a due del team di Lercio.

L'ingresso è libero: trovate maggiori dettagli qui e qui su Facebook.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati manualmente da un moderatore a sua discrezione: è scomodo, ma è necessario per mantenere la qualità dei commenti e tenere a bada scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui e/o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (8)
Uh? che c'entra Lercio con le bufale?
Quanto mi piacerebbe: Attivissimo, Lercio e i commenti sagaci dei Pergolesi.
C'è speranza di rivedere la conferenza sul Tubo o su Vimeo?
Mi unisco alla speranza di vedere la conferenza da qualche parte.
Buongiorno Paolo..beh..ieri sera ero presente a Pergola ed è stato veramente piacevole sentirti "parlare" dal vivo. Complimenti e grazie. Moreno Biondi
> Che c'entra Lercio con le bufale?

Riassunto delle puntate precedenti per chi ha vissuto su Marte negli ultimi anni :)
Ci sono un sacco di analfabeti funzionali che prendono per vere le loro notizie e commentano "vergoGNIa, kondividi se sei indignato!!!!!!!!!", ma non per questo lo si può annoverare tra i siti bufalari attira click perché almeno Lercio fa ridere e riflettere mentre le notizie dei siti fake non hanno niente di umoristico/paradossale ma sono studiate apposta per fare leva sui pregiudizi degli analafabeti.
@Mars4ever

A mio avviso la risposta della classe politica non è adeguata.

Processo democratico o meno, quando qualcuno sporge un reclamo demenziale, tipo (Mi invento): "Perchè non esistono film o videogiochi in cui il cattivo finale è austriaco?"

Il politicante, presso di me ha una possibilità per dirgli: "Vai a rubare pannocchie, fallito elettivo & culturale nonchè analfabeta funzionale. L'Austria ha fornito al mondo dei videogiochi un cattivaccio al cui confronto pure Sophia Lamb è una mera ladra di mele. Lo dovrebbe sapere anche chi non ha mai giocato ad un videogioco in vita sua!"

Se invece gli risponde: "Occielo, povero tato! Questo è terribile, questa è un'ingiustizia che deve finire al più presto! costringeremo le software house e le case di produzione cinematografiche a mettere almeno un cattivo austriaco nei loro prodotti."

Ha ancora una possibilità per steganografarmi: "Ovviamente lo ho assecondato sul momento perchè è chiaramente forsennato, non si può dire come avrebbe potuto reagire se gli avessi riso in faccia, come sarebbe giusto fare.... Quando sarà in una cella imbottita potremo parlare con calma del rapporto fra popolo e sovranità."

Se non raccoglie neanche quella possibilità, ed in fretta, faccio spallucce e dico: "o è altrettanto "analfabeta funzionale" oppure non la sta raccontando giusta. In entrambi i casi la soluzione più intelligente è lasciargli avere il suo stipendio senza commettere la stupidaggine di chiedergli di fare il suo lavoro."

Magari sono l'unico al mondo a pensarla così...
@Mars4ever
Ultimamente Lercio ha preso un taglio diverso, più spiccatamente satirico. Ormai è difficile, per come sono confezionate le notizie, che vengano fraintese.
Fino a qualche tempo fa (non riesco a dare delle date) gli articoli erano pensati per essere divertenti ma credibili. Io frequentavo il sito soprattutto per leggere i commenti di chi abboccava.
Ma sicuramente chi gestisce quel sito ha una discreta esperienza riguardo le bufale. E, forse, purtroppo, qualcuno ci casca ancora!
Come la mettete con le rumeurs, dette anche leggende metropolitane?
Non c'è un autore che le crea, eppure si diffondono a macchia d'olio e nessuna smentita è efficace nell'arrestarne la diffusione.