skip to main | skip to sidebar
20 commenti

Antibufala: attenti agli “euro” turchi!

Attenzione alle monete turche, sembrano euro!


Questo articolo vi arriva grazie alle gentili donazioni di “valeriodiste****”, “toni” e “renatoweb”. L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Sta circolando dai primi di dicembre 2005 un allarme per la possibile truffa perpetrata scambiando una moneta turca con quella da due euro grazie alla loro asserita somiglianza. Eccovi un esempio del testo dell'appello.

Mamma li turchi!!!

No seriamente, fate attenzione

...se è vero, watch out...

Dal 1° gennaio 2005, la Turchia ha una nuova moneta, la "nuova lira turca" (Yeni Turk Lirasi), che sostituisce la vecchia lira super svalutata, alla quale sono stati tolti non meno di sei zeri.

Guardando la nuova moneta da 1 lira, salta subito all'occhio che assomiglia stranamente alla moneta da 2 euro. Se confrontiamo queste due monete, notiamo che hanno esattamente lo stesso aspetto (un anello di nickel che circonda la parte centrale in rame) e quasi la stesssa dimensione.

Allo stesso modo, sull'altro lato è raffigurato, come molti euro, una testa (si tratta qui di Ataturk, come gli euro ci mostrano il re di Spagna, il re del Belgio, Dante, ecc.). L'unica differenza è il numero: al posto del 2 dei due euro, c'è un 1. Oltretutto, si può notare che questo 1 è graficamente molto simile all'1 di un euro.

Questa moneta da una lira turca è quindi una abile imitazione, giuridicamente inattaccabile, della moneta da due euro.

Vale 0,4 euro.

Per il momento, siate prudenti e controllate che vi diano monete da 2 euro e non monete da una lira turca, poichè hanno cominciato a circolare.

L'appello è solitamente accompagnato da un allegato costituito da un'immagine che mette a confronto lira turca e moneta da due euro.



Talvolta l'appello si “autentica” includendo un rimando alla voce dedicata alla nuova lira turca nell'enciclopedia libera e gratuita Wikipedia.

Vediamo una per una le affermazioni contenute nell'appello.

  • È vero che la Turchia ha introdotto dal primo gennaio 2005 una nuova valuta che toglie sei zeri a quella vecchia, come spiega in inglese il sito ufficiale.
  • È vero che vi sono state segnalazioni di tentativi di usare, al posto delle euromonete, monete (non necessariamente turche) che vi somigliano (una mi è giunta da un lettore, “annypan”, per esempio), ma questa non è in sé una novità: errori e truffe di questo genere esistono da sempre, principalmente ai danni di distributori automatici.
  • È inesatto che la nuova lira turca vale 0,4 euro: attualmente (21 dicembre 2005) vale 0,62 euro. È comunque vero che la lira turca vale meno dell'euromoneta alla quale assomiglia.
  • Sono vere le immagini mostrate nell'appello: le monete hanno effettivamente l'aspetto presentato.

È invece discutibile, anche se non del tutto infondato, il tema principale dell'appello: la pretesa somiglianza fra la moneta da due euro e quella da una nuova lira turca. Le due monete hanno infatti differenze visive non proprio trascurabili:

  • Le proporzioni dell'anello esterno e del disco interno sono diverse: l'anello esterno del 2 euro è più snello di quello della lira turca.
  • Sulla moneta da due euro c'è scritto un “2” molto grande e c'è anche scritto “EURO”, mentre sulla lira turca c'è scritto “1” e non c'è ovviamente alcun accenno all'euro. Sulla lira turca c'è una chiara scritta “Yeni Türk Lirasi”, insieme alla falce di luna e la stella, simbolo della Turchia: due dettagli che dovrebbero risaltare non poco.

È però plausibile che una persona molto distratta o che ci vede molto poco possa non notare queste differenze. Tuttavia, se non nota differenze di questo tipo, non occorre certo tirare in ballo la lira turca per truffarla, perché non è in grado di distinguere neppure le euromonete e le possono rifilare qualsiasi cosa al posto del resto esatto.

È invece improbabile l'ipotesi proposta da alcune varianti dell'appello, secondo le quali la nuova lira turca potrebbe ingannare i distributori automatici. Infatti le dimensioni e il peso della lira turca sono sufficientemente differenti da quelle della moneta da due euro. La differenza è forse difficile da percepire per una persona (sto comunque cercando di procurarmi un campione di lira turca), ma non per i sensori di cui sono dotati normalmente i distributori automatici. Un lettore che lavora in banca (“simone.san****”) mi fornisce gentilmente i dati tecnici delle due monete, tratti dai siti della Banca Centrale Europea e da un sito governativo turco:

2 eurolira turca
Diametro:25,75 mm26,15 mm
Spessore:2,20 mm1,95 mm
Peso:8,50 g8,3 g


Se vi interessa, grazie anche alle indagini dei lettori posso segnalarvi anche un elenco completo di immagini di tutte le banconote e monete turche (nuove e vecchie).

In conclusione: l'allarme ha un minimo di verità, ma non va limitato alla lira turca, perché chi si fa raggirare dalla lira turca è raggirabile anche da monete simili di altri paesi o da monete false molto grossolane, e quindi deve fare attenzione in generale a tutte le monete che gli vengono date.

Questa, però, è una raccomandazione che vale per tutti noi, che troppo spesso ritiriamo il resto senza controllarlo: l'appello non fa altro che ribadire il concetto in una forma che “funziona” (ossia induce fortemente a inoltrarlo a tutti) perché fa leva emotivamente sulla diffidenza verso gli stranieri.

Fra l'altro, la lira turca non è l'unico sosia delle euromonete: c'è anche il baht tailandese, come segnalato da vari lettori. La pubblicazione svizzera L'inchiesta di gennaio 2006 ha diffuso un articolo nel quale racconta che una moneta da 10 baht è stata rifilata da un negozio italiano a un turista svizzero al posto di una moneta da due euro.


Dieci baht valgono circa venti eurocent. Secondo L'inchiesta le due monete hanno “stessi colori, stesse dimensioni, stesso peso”. Attenzione, quindi, non soltanto alla lira turca.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Siate civili e verrete pubblicati, qualunque sia la vostra opinione: gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo sito. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti.
Commenti
Commenti (20)
Beh.. stavolta mi sembra che l'appello sia più che valido.
A parte il valore della moneta, tutto il resto che viene detto è vero.
Ma non potevano farla un po' diversa questa monetina?
Io credo invece che sia molto più facile confondere alcune delle _nostre_ vecchie monete con quelle attuali.
Heather82
Mi viene in mente il caso della moneta tailandese da 10 baht, che è talmente simile ai 2 euro (vero, perché ce l'ho) da aver mosso perfino l'autorità monetaria europea presso il governo tailandese (bufala?).
La questione è stata anche sollevata da merdanuova, ehm forzanuova...ovvio che è per motivi politici che hanno tentato di sollevare un polverone su questa nuova moneta. Solo una persona molto distratta potrebbe essere ingannato dalla moneta in questione.
A me pare una moneta molto più simile alle vecchie 500 lire (quelle con qualche ricorrenza o quelle di S.Marino o del Vaticano ancora di più, non avendo la tipica piazza sul recto)... ma a chi interessa scambiare la moneta turca (0.62 euro) con le vecchie 500 lire (0,25)? O forse la Turchia è arrivata troppo tardi? :-)
Confrontate ad esempio il verso di quelle con Luca Pacioli!
http://www.monete2000.it/Repubblica/repubblicaclassicasotto.htm
ci sono molte monete che possono essere confuse con le monete da 2 Euro, ma anche da 1 € e che dire poi delle frazioni di €uro i 20 €c assomigliano per forma e colore anche ai vecchi 20 centesimi di franco francese, a me hanno rifilato 500 lire per 2 €uro, ci sono i baht Thay e chissà quante altre (tra l'altro mi risultava che i baht fossero prodotti dalla zecca italiana) l'informazione non è una bufala, ma non è da creare allarmismo... già mi vedo una organizzazione criminale portare un TIR di lire turche da spacciare al posto dei 2 € ... il guadagno netto è di 1,38€ per moneta.. che dite qualcuno lo farà senza dare nell'occhio?? - ne approfitto per fare tanti auguri a Paolo ed a tutti
Claudio
Nel thread (shortlink) http://www.x-privat.org/link/8393023.html del forum di WinTricks se ne è parlato qualche giorno fa. Esempi di monete simili all'Euro ce ne sono a bizzeffe, alcuni anche antecedenti all'Euro stesso ... ;)
Il brutto è che non solo le monete turche assomigliano smodatamente agli euro...c'è anche un'altra moneta di cui non ricordo il nome (di un paese dell'oceano pacifico mi pare) che è similare all'euro.
E' una notizia venuta fuori nel 2000-2001

Saluti
PS: ammazza quanto t'odiano su luogocomune...Si vede li hai smascherati bene se non perdono occasione per tirarti frecciate.
Perchè fare una moneta diversa quando è possibile farne una simile con conseguente possibilità anche di guadagnarci? Poveri noi piccoli cittadini europei!
Avevo una moneta da 2 Lati (valuta della Lettonia) precisa identica ad un 2 Euro... era nel portafoglio e l'ho inavvertitamente rifilata a qualche cassiera al super in quanto non la trovo più.
Il valore di 2 Lati corrisponde a circa 3 Euro.
Nel Meratese (provincia di Lecco) sono girati per diverso tempo dei gettoni di un autolavaggio praticamente indistinguibili da una moneta da un Euro, con disegni "verosimili" su entrambe le facce.
Penso le abbiano ritirate dopo le legittime proteste dei commercianti locali.
Salve io lavoro alla cassa di un supermercato e dieci giorni fa mi sono ritrovata nel cassetto proprio la moneta tailandese come sopra, se l'abbia incassata io o chi stesse alla stessa cassa prima non ne ho idea.Ho risolto il problema cambiandola a mie spese e me la sono tenuta anche per curiosita. E' successo a volte anche che si sia incassato dieci franchi francesi al posto di un euro, oppure visto la vicinanza al confine sloveno o croato ai tempi dei vecchi dinari succedeva che trovassimo anche nei rotoli di 200 lire provenienti dalla banca non ricordo quale che taglio di quelle monete. E' comunque una eventualita del tutto casuale e affatto comune, percio' penso che sia assurdo gridare alla truffa ...

Chiara
posso portare la testimonianza di un mio amico che qualche estate fa, in vacanza in grecia, ha spacciato diverse monete da 500 lire per 2 euro. certo che questi italiani sono proprio incivili, altro che unione europea, dovrebbero confederarsi con gli altri popoli primitivi - gli africani, gli asiatici, quelli di un altro colore, i poveri in genere -

spero che la mia pseudo-provocazione sia abbastanza ridicola da essere compresa

FIRMATEVI, perbacco
A Trieste alle casse dei supermarket rifilano sempre la moneta da 10 lipe (centesimi della kuna croata), molto simile alla moneta da 10 eurocent, ma che valgono solo un eurocent!
Guarda, io ci vedo benissimo e non sono neanche cosi distratto. Sono titolare di un ristorante e mi hanno rifilato una moneta turca al posto dei 2 euro. quando c'è confusione è piu' facile portare a termine queste microtruffe poichè quasi nessuno controlla le monete e le banconote da 5 e 10 euro quindi è molto più semplice rifilarle.
A me ogni tanto capita di confondere le vecchie 500 lire con la moneta da 2 euro. Mia nonna, quando lavorava nella drogheria dei suoi genitori (parliamo dell'anteguerra), usava controllare sempre, una per una, le monete che le venivano date, dato che allora le monete valevano molto di più, anche in proporzione del potere d'acquisto, di quelle attuali. Una delle operazioni più caratteristiche consisteva nel far cadere le monete sul bancone, obbligatoriamente di marmo, perché gli originali emettevano un suono differente, se non sbaglio perché erano d'argento. Ora la situazione è differente, perché le monete hanno un minor valore, e un commerciante non può controllare "coi denti" ogni euro che finisce in cassa. Per fortuna a questo minor valore corrisponde anche un danno minore in caso di distrazione.
il bath tailandese è spicciato al 2 euro
identico!!
attenzione è xfettamente identico
me ne hanno rifilato uno proprio ora in negozio e a parte le scritte strane
controllateli bene!!
io questa moneta la usavo per scambiarla in 4 gettoni in una sala giochi.Funzionava benissimo con le macchine automatiche!!
maledizione, mi hanno gabbato con un baht thailandese! ad ogni modo, interessante per chi fa collezione.
C'è grande somiglianza anche con la moneta sudafricana da 5 RAND, me ne hanno regalata una come ricordo e un giorno la stavo erroneamente usando per pagare... L'avevano già incassata, mi sono accorta io dell'errore!