skip to main | skip to sidebar
14 commenti

Sangue Bambin Gesù

Antibufala: cercasi sangue al Bambin Gesù


Questo articolo vi arriva grazie alle gentili donazioni di "bi.bi" e "ermanno.dona****".

L'articolo è stato aggiornato rispetto alla pubblicazione iniziale.

Circola da parecchio tempo un appello via e-mail ed SMS che chiede di reperire sangue O RH negativo per un bambino ricoverato all'ospedale "Bambino Gesù" di Roma. Il testo dell'appello varia ma è grosso modo il seguente:

URGENTISSIMO Stiamo cercando persone che possano donare il sangue ad un Bambino che deve fare 4 trasfusioni al giorno (= 4 donazioni). Il problema maggiore che stanno affrontando i suoi medici è che questo bimbo ha il gruppo sanguigno più raro di tutti: Gruppo 0 Rh negativo, ossia può avere il sangue solo dal suo stesso gruppo. Si può chiamare direttamente al "Bambin Gesù" (tel: 0668591) e chiedere del Dottor Di Carlo (specificare "del centro trasfusionale" perché ce ne sono due). Il bambino che ha bisogno delle donazioni si chiama David Piazza. Se non vi interessa personalmente, fate girare l'email

Ne circola anche una versione in inglese:

Subject: FW: helping a child with a blood group 0 Rh -

maybe someone can help.

looking for people who could donate blood to a child with blood group : O Rh negative, the child needs four transfusions a day. Hospital Bambini Gesu, phone 06 6833 793 and ask for Doctor Di Carlo from the blood transfusion center "centro transfusionale", the child's name is David Piazza

Many thanks

A volte manca il nome del bambino, e l'appello è accompagnato spesso da una lunga serie di "garanti apparenti", che talvolta sono medici o persone legate ad aziende ospedaliere e conferiscono autorevolezza al testo. In realtà sono invece semplicemente utenti che hanno ricevuto e inoltrato il messaggio accludendovi automaticamente le proprie coordinate, come fanno molti programmi di posta con la cosiddetta "signature" (un testo in calce automatico).

Uno dei "garanti apparenti" più ricorrenti è "Maria Grazia Bombonato, Segreteria di Direzione, Dipartimento di Medicina, Chirurgia e Odontoiatria - Università degli Studi di Milano, Azienda Ospedaliera San Paolo - Via A. Di Rudinì, 8 20142 MILANO". Cito qui i suoi estremi perché ho notato dai log che il suo nome è una delle parole più ricercate di questo blog.

C'è anche una versione SMS:

Cerchiamo donatori "zero negativo" per 1 bimbo. Chiamare dr.Di Carlo (centro trasfusioni) al BambinGesù allo 0668591. PUOI farlo girare? Ciao grazie.

Il numero di telefono è autentico, come lo sono il nome del responsabile medico citato nell'appello e quello del bambino, ma l'allarme è rientrato da tempo. Secondo un lettore (grazie gianluigi) che ha contattato l'ospedale ai primi di marzo 2006, il bambino sta bene ed è tornato a casa. L'appello risale addirittura ai primi di settembre 2005, come indicato da un sito che ha contattato i genitori del bambino e dalle conferme di vari lettori del Servizio Antibufala (grazie in particolare a "viviana", "placerenza" e ad "alberto.bistaz****").

L'ospedale ha anche pubblicato una pagina di smentita, che attribuisce l'appello al "personale impulso di un genitore comprensibilmente provato dalla preoccupazione per la salute di suo figlio". L'appello, insomma, non è partito dal personale dell'ospedale. Il comunicato stampa del Bambino Gesù dice chiaramente che si tratta di una "emergenza superata efficacemente da mesi" che però "ha inspiegabilmente ripreso a fare il giro della rete internet ed a rimbalzare da un cellulare all'altro con i messaggi sms."

In effetti di solito questi appelli si estinguono da soli dopo qualche tempo, ma questo stranamente persiste, causando gravi disagi al personale del "Bambin Gesù", subissato di chiamate e distolto dal proprio lavoro per questo caso ormai concluso da tempo. Un lettore, che conosce personalmente il dottor Di Carlo, mi ha scritto che il medico è disperato e che "la situazione è sotto controllo, e non c'è più necessità di diffondere l'appello, però [il medico] continua ad essere perseguitato".

Il guaio di questi appelli mirati è che fanno sembrare che ci sia bisogno soltanto di sangue di un determinato gruppo, quando in realtà c'è sempre bisogno di sangue di qualsiasi gruppo. Molti leggono l'appello, si rendono conto di non essere del gruppo richiesto, e quindi non vanno a donare.

Andate a donare, di qualsiasi gruppo siate e dovunque abitiate: il sangue non è mai troppo.

Vista la situazione, non è opportuno diffondere ulteriormente l'appello. E' molto più opportuno sostituire il gesto troppo facile della cliccata su "inoltra a tutti" con un atto di vera solidarietà: donare sangue. Potete farlo anche se non siete a Roma e anche se non siete del gruppo citato nell'appello.

Un lettore, consigliere AVIS, mi manda alcuni commenti, che cito:

  • Le donazioni non sono nominali. Chi va a donare non può scegliere a chi dare sangue. Quindi anche donando, non si può dire "è per il bimbo della mail".
  • Gli 0 negativo sono circa il 5-6% dei donatori totali. La mia AVIS ne ha parecchi, una circa 40 su 300 donatori. A Roma ci sono qualche decina di migliaia di donatori, di cui il 5% di 0 rh-. Significa in media 2-5 sacche al giorno.
  • Se c'è una necessità urgente e c'è carenza, gli ospedali avvertono le AVIS, che convocano i donatori compatibili presenti nel database medico e chiedono una donazione extra, se necessario in aggiunta alle 4 annuali massime. Da che faccio il volontario in AVIS è successo un paio di volte. Molto più spesso ci è stato chiesto di limitare le donazioni per carenza di fondi per i rimborsi o (raramente) per eccesso di scorte.
  • Se un ospedale di Roma ha una necessità urgente, chiama un altro ospedale e riceve le sacche in mezz'ora. Non credo che la procedura standard sia chiamare l'Adnkronos e dare il numero personale del primario.

Fra l'altro, sembra che ADN Kronos abbia ripreso pari pari l'appello senza verificarlo e attribuendolo erroneamente all'ospedale. Il testo della notizia, segnalatomi dal consigliere AVIS, è questo:

Roma, 28 gen . - (Adnkronos) - Ricoverato all'ospedale 'Bambin Gesu'' di Roma, un piccolo paziente il cui gruppo sanguigno appartiene alla categoria piu' rara, 0 Rh negativo, ha bisogno di una trasfusione urgente. A dare la notizia e' l'ospedale stesso, che invita chiunque potesse offrire il suo aiuto a contattare lo 06.68591 chiedendo del dottor Di Carlo del 'centro trasfusionale'.

Il 17 marzo 2006, un lettore (gianluca) mi ha segnalato inoltre un'altra vittima incauta che non ha controllato prima di diffondere questo appello:

E' incredibile, hanno appena annunciato in diretta su Verissimo, non quello della Parodi ma quello tristissimo della Perego, la notizia del Bambin Gesù e del bambino bisognoso di sangue 0 RH-!!!!!

Aggiungo alcune raccomandazioni standard per questo tipo di appelli:
  • Non telefonate all'ospedale offrendovi di donare sangue per una persona specifica: normalmente le donazioni non sono effettuabili a beneficio di un individuo specifico. Telefonate e prenotate semplicemente un appuntamento per donare sangue, punto e basta.
  • Non importunate il personale dell'ospedale chiedendo notizie di casi specifici: le norme sulla privacy vietano al personale di dare questo genere di informazioni e causerete soltanto intasamenti dei centralini e perdite di tempo al personale.
  • Non importa quale gruppo sanguigno avete: la donazione è sempre utile, se non per il caso indicato dall'appello, per qualcun altro.
  • Non importa se non siete vicini all'ospedale indicato: potete donare sangue ovunque. A parte il fatto che il sangue è trasferibile da un ospedale a un altro, sicuramente anche nella zona dove vi trovate c'è bisogno di sangue per qualcuno.
  • Citare il paziente per nome e cognome in un appello è molto scorretto ed è una violazione della privacy. Lo faccio qui perché altrimenti chi digita il nome del bambino in Google non troverà questa pagina di spiegazione.
  • Se inoltrate l'appello, usate l'opzione BCC (o CCN, "copia carbone nascosta") per non divulgare i nomi di tutti i destinatari. A parte l'ovvia violazione della privacy, le interminabili liste di indirizzi che spesso accompagnano questi appelli sono una manna dal cielo per gli spammer, che raccolgono questi indirizzi e li bombardano di pubblicità indesiderata.
  • Non cancellate le date indicate nell'appello: servono a datarlo e a capire quanto è ancora attuale.
  • Non mettete in calce al messaggio il vostro indirizzo o le vostre coordinate, specialmente quelle di lavoro: sembrereste "garanti" dell'appello e verreste a vostra volta subissati di telefonate e richieste di informazioni sull'appello.
  • Se potete, aggiungete al messaggio un link a una pagina Web dedicata al caso, per confermarne l'autenticità e per offrire un modo di avere eventuali aggiornamenti.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Siate civili e verrete pubblicati, qualunque sia la vostra opinione: gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE: l'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo sito. Ciò significa che per poterla visualizzare senza problemi dovete assicurarvi che il vostro browser (tramite l'azione di qualche estensione, tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o altri programmi di protezione (antimalware, tipo Kaspersky) non la blocchino per qualche motivo e inoltre che sia permesso accettare i cookie da terze parti.
Commenti
Commenti (14)
Volevo osservare un'altra imprecisione nel messaggio sulla raccolta del sangue.
Il gruppo Zero negativo non è il più raro, è semplicemente il primo che viene usato nelle emergenze se non si conosce il gruppo sanguigno di un paziente che entra in emergenza al pronto soccorso. I gruppi sono 4 (A; B; AB; e Zero) e i fattori RH sono positivo e negativo.
Sono quasi equamente distribuiti nella popolazione.
vi consiglio www.avis.it
ciao
Io sono donatore presso l'ospedale per cui lavoro; anche se nell'articolo di Paolo l'importanza della donazione viene ribadita molte volte volevo solo farvi un esempio personale. Mia moglie ha avuto una patologia molto grave durante il parto, per curarla sono state necessarie circa 100 sacche di plasma (corrispondenti a 100 donazioni) "bruciate" nell'arco di circa 10 giorni al ritmo di 10 sacche al giorno, più qualche trasfusione extra per così dire. Quindi il messaggio e' fondamentale c'e' sempre bisogno di sangue, plasma e piastrine...non costa nulla andare a donare e viene riconosciuto un giorno di riposo al donatore. Come ha detto Paolo sicuramente vicino a dove abitate c'e' un centro di raccolta per cui mi raccomando..non avete idea di quante persone potete salvare "perdendo" un'ora del vostro tempo.
Mi associo all'appello !
non fa male (anzi almeno 2 volte all'anno stimola l'organismo)
venite controllati gratis (tutte le volte analisi del sangue e visita medica)
fate qualcosa per gli altri (e purtroppo qualche volta gli altri ..possiamo essere noi...)
vi prendete una giornata tutta per voi da vivere con calma (la giornata di riposo)
l'atmosfera che si respira è "bella" (quando sei in attesa tra tutti gli astanti c'è quella "complicità" data dalla consapevolezza di fare una cosa buona, così come il personale medico che tratta tutti con quella sorta di amichevolezza rara)
insomma: che aspettate! TUTTI A DONARE IL SANGUE !!!!
Assolutamente d'accordo. Io che ho la pressione bassa faccio la plasmaferesi, cioè la donazione del solo plasma mentre il resto, globuli e piastrine, mi viene restituito usando una macchina apposita. Sembra impressionante a leggerlo ma non è niente di che. Approfitto per mandare un bacio e un fiore a una certa dottoressa. Non avete idea di che begli incontri si possano fare nell'autoemoteca ;-)
Conte Vlad
io sono la classica persona che ha una paura immane degli aghi e delle siringhe, ma quando si tratta di donare sangue sono il primo! per evitare tale problema mi faccio mettere un panno sul braccio e mentre mi stanno infilando l'ago chiedo a qualche infermiere di parlarmi: in questo modo non vedo l'ago (il dolore è solo mentale). chi prima di me ha scritto ha già spiegato tutti i vantaggi della donazione di sangue, per me invece la cosa più bella è poterci portare un amico ogni volta che vado io!. Per quanto riguarda le donazioni nominali, non sono sicuro che non sia possibile: quando compilo le carte per donare, c'è anche una voce "a favore di". Credo che sia per i casi di pazienti - parenti, dove il gruppo sanguigno familiare è sicuro.
Vabbè baci!
Michele.
Anch'io sono un donatore abituale presso il Policlinico della mia Università: anche se non è buona norma generale, è però possibile donare per un caso specifico rispondendo all'apposita domanda posta durante la visita preliminare dal personale medico.
Donate il sangue, ce n'è un bisogno disperato!
Donare il sangue e` importantissimo!

Se dove vivete non c'e` l'AVIS non c'e` problema, ci sono tantissime altre associazioni di donatori in Italia. E tutte quante si fanno in quattro per i donatori.

La mia, ad esempio, ci fa sempre un pacco dono a Natale. Un gesto simpatico per ricordare che la nostra donazione e` gratuita.

Se non sapete a chi rivolgervi, telefonate ad un ospedale e vi sapranno aiutare!

Ah, non e` vero che tutti i gruppi sanguigni sono distribuiti equamente nella popolazione; qui ci sono delle statistiche a riguardo:
http://www.nipponico.com/dizionario/g/grupposanguigno.php
A proposito di donazioni di sangue: sono circa 15 anni che cerco di diventare donatore di sangue (tra l'altro sono Zero negativo) e di midollo osseo, ma mi hanno sempre scartato in entrambi i casi perchè non raggiungo i 50 Kg che sembrano essere il peso minimo per essere ammessi tra i donatori. E' davvero così dappertutto? In ogni caso sono donatore di organi, meglio questo di niente!!
Ciao
Sempre molto utile attivissimo ;)la mail è arrivata anche a me, prima di agire in certi casi è meglio informarsi.
Ho linkato il post sul sito santostefanomedio.com, spero nn vi dispiaccia, ma è completo e gli utenti possono tovare tutte le informazioni che vogliono sul caso.
ciao e ancora complimenti ;)
Ho ricevuto questo messaggio, per la prima volta, lo scorso anno. Ho telefonato in ospedale ed ho parlato direttamente con la segretaria del dott. Di Carlo la quale mi ha confermato l'autenticita' della notizia ma mi ha anche rassicurata che per il bimbo erano stati trovati gia' tantissimi donatori.
Ciao,
Tweety 1974
Mi voglio associare a tutti i commenti precedenti, sono donatore anch'io e non ribadiremo mai abbastanza quanto bene si possa fare donando il sangue, con così poco sforzo.

Approfitto dell'occasione anche per complimentarmi con Paolo, che ha creato uno dei siti più utili mai visti sul web!
Per dovere di cronaca, ho notato che l'annuncio è stato addirittura messo nella home page del portale del tessile pratese, http://www.texonline.it/ ...
Il messaggio mi è stato recapitato oggi dal direttore del personale dell'azienda per cui lavoro (una web agency, per giunta...), che in barba a tutte le norme antispam interne, lo ha inoltrato a tutti i dipendenti senza assolutamente porsi il problema della benchè minima verifica, che io invece ho effettuato in 15 secondi inserendo "2 parole 2" su google.
Lodevole l'iniziativa, ma se si trattasse di una bufala, invece che semplicemente di un messaggio "vecchio", adesso saremmo tutti molto incavolati, no?
E come mai in questi messaggi autentici a un certo vengono regolarmente rimossi tutti i riferimenti temporali?
Mah...
Anch io sono donatrice all'Avis e posso assicurare che nel caso di emergenza,l'Avis in cui siete donatori vi chiama al recapito che avete lasciato al momento della prima visita..E' successo l'anno scorso,nonostante il mio sangue,B rh+,sia abbastanza comune.DONATE!

Terry