skip to main | skip to sidebar
264 commenti (ultimi)

Antibufala: cane lasciato morire per “arte”?

Antibufala: un artista affama un cane fino a farlo morire


L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

NOTA: Quest'indagine non afferma che la storia è una bufala. Leggete l'articolo fino in fondo prima di giudicare. Grazie.

Circola da alcune settimane un appello che racconta una storia terribile: un artista latinoamericano, Guillermo Habacuc Vargas, avrebbe fatto morire di fame un cane all'interno di un museo e questo, per lui, sarebbe stata una forma d'arte. Ma le mie indagini, fin qui, tracciano un quadro tutt'altro che certo, ben diverso da quello apparentemente certo descritto da molta stampa.

Ecco il testo dell'appello in una delle sue varianti più diffuse:

Guillermo Habacuc Vargas ha organizzato una mostra espondendo cio' che di migliore il suo genio potesse partorire: UN CANE LEGATO AD UNA CORDA, DESINATO A PERIRE DI FAME DINANZI AI CURIOSI OSSERVATORI, ESPERTI DI PSEUDO-ARTE. L'Idea geniale, brillante, rivoluzionaria e' stata addirittura premiata con un invito all'artista in questione a partecipare alla Biennale Centroamericana del 2008 come rappresentante del suo paese. BOICOTTA LA PRESENZA DI GULLIERMO HABACUC ALL'EVENTO, CONTRO LA DISUMANITA' CHE SI SPACCIA PER ARTE. L'ARTE NECESSITA DI STRUMENTI MIGLIORI http://www.petitiononline.com/13031953/

Il link citato porta al testo di una petizione che descrive gli eventi in spagnolo e ha raccolto, al momento in cui scrivo, oltre 210.000 adesioni (va ricordato che queste petizioni online non hanno alcun valore legale e le adesioni non possono essere considerate "firme" in senso stretto).

La petizione, a sua volta, linka un articolo del giornale costaricano La Naciòn, datato settembre 2007: ma l'articolo dice semplicemente che l'artista accusato dalla petizione è stato selezionato per rappresentare il Costarica alla mostra Bienal Centroamericana Honduras 2008. Del cane lasciato morire d'inedia non c'è traccia nell'articolo.

L'atrocità sarebbe avvenuta, secondo l'appello, durante la mostra Bienal Costarricense de Artes Visuales (Bienarte) 2007, in seguito alla quale Guillermo Habacuc Vargas è stato selezionato per la Bienal Centroamericana. A supporto di quest'affermazione viene fornito un link a un blog che linka un altro blog, che a sua volta afferma quanto segue e mostra alcune immagini del cane:

Según supe el perro murió al día siguiente por falta de comida. Durante la inauguración supe que el perro fue perseguido por la tarde entre las casas de aluminio y cartón de un barrio de Managua con nombre de santo que Habacuc que no pudo precisar en el momento. 5 niños de los que ayudaron en la captura recibieron bonos de 10 córdobas por su colaboración. Durante la exhibición algunas personas pidieron la libertad del perrito, a lo que él artista se rehuso. El nombre del perro era (fue) Natividad, y se le dejo morir de hambre a la vista de todos, como si la muerte de un pobre perro fuera un show mediático desvergonzado en el que nadie hace nada más que aplaudir o mirar desconcertado.

Definitivamente somos lo que leimos: puras croquetas.

En el lugar que el perro estuvo expuesto solo queda un cable de metal y una cuerda. El perro estaba sumamente enfermo, renqueaba y no quería comer de todos modos, así que en un entorno natural hubiera muerto de todos modos; pero así son todos los pobres perros: tarde o temprano se mueren o los mueren.

Ecco la traduzione, fornita da Simone "Drop Alive":

Mi risulta che il cane sia morto di inedia il giorno seguente. Sono venuto a sapere durante l'inaugurazione che il cane era stato catturato alla sera tra le baracche di un quartiere di Managua che prende il nome da un santo, ma Habacuc non mi ha saputo precisare quale in quel momento. Cinque dei bambini che hanno collaborato alla cattura hanno ricevuto una somma di dieci cordobas in premio. Nel corso dell'esibizione alcune persone hanno chiesto che il cagnetto venisse liberato, ma l'artista l'ha proibito. Il nome dell'animale era Natividad, ed è stato lasciato morire di fame sotto gli occhi di tutti, come se la morte di un povero cane costituisse un vergognoso spettacolo mediatico in cui nessuno fa nulla se non applaudire o fissare sconcertato.

In definitiva siamo ciò che leggiamo: pure crocchette.

Nel luogo in cui era esposto il cane rimangono soltanto un cavo metallico e una corda. Il cane era gravemente malato, zoppicava e non voleva comunque mangiare, quindi sarebbe morto comunque anche in un ambiente naturale. Ma tutti i poveri cani sono così, presto o tardi muoiono oppure vengono uccisi.

Qui si esauriscono le "prove" portate dall'appello: un "mi risulta che sia morto". Di testimonianze dirette, finora, non c'è traccia.

Il sito antibufala Snopes.com, nella sua indagine, linka un articolo di ottobre 2007 del quotidiano nicaraguense La Prensa, secondo il quale il direttore della galleria, Juanita Bermúdez, afferma che il cane invece è stato nutrito durante le pause di chiusura e poi è scappato:

Gran polémica ha causado en la región el trabajo del artista costarricense Guillermo Vargas, conocido como Habacuc, denominado Exposición No. 1. La exposición fue presentada el pasado agosto en Galería Códice, en Managua.

Como parte de la exposición el artista ató en una esquina de la sala a un perro callejero flaco, enfermo y con hambre, que capturó en un barrio pobre de la capital y que, según el diario costarricense La Nación, murió de hambre esa noche.

También se incluía como parte de la obra la frase “Eres lo que lees”, escrita en una pared con alimento para perro, así como una versión del himno sandinista al revés, además de un incensario en el que se quemaron 175 piedras de crack y una onza de marihuana.

Vargas dijo a La Nación que su obra se trataba de un homenaje a Natividad Canda y no quiso decir si se alimentó al perro o no y se rehusó a asegurar o desmentir la muerte del can.

Según él, lo importante era mostrar la hipocresía de la gente y ver cómo un perro se convierte en el foco de atención cuando está en una galería y no cuando está en la calle.

Liliam Schnog, presidenta de la Asociación Humanitaria para la Protección Animal en Costa Rica, informó al mismo diario no comprender cómo se dejó morir de hambre a un animal, si a la par había una frase hecha con comida.

LAS REACCIONES

En Costa Rica las reacciones no se hicieron esperar. Se abrieron blogs (páginas de opinión en internet) donde personas rechazaban la idea y a otros les parecía bastante creativa, porque lograba comunicar un mensaje.

Alicia Zamora, artista plástica nicaragüense, considera que la obra es válida en cuanto genera una reflexión en el espectador, que está mal acostumbrado a un arte meramente decorativo.

“Habacuc me parece un artista de mucho respeto, en tanto propone obras que generan y despiertan una reflexión en la gente; estamos acostumbrados a obras donde el artista y la reflexión de lo social queda invisible”, dijo Zamora.

Juanita Bermúdez, directora de Galería Códice, afirma que como persona seria no permitiría el maltrato al animal. La directora afirmó que el perro comió en reiteradas ocasiones y que no murió, si no que se fugó durante la madrugada.

“Es una obra que deja un mensaje social, definitivamente es arte conceptual y a la gente le cuesta todavía trabajo digerir este tipo de obras”, expresó la directora.

Bermúdez también dijo que la obra de Habacuc es bastante enigmática y poco explícita, pero que en lugar de maltratarlo, el artista dignificó al perro al llevarlo como arte a una exposición de su obra, para representar una realidad social.

Non solo. Silvio mi segnala questo comunicato della Galeria Codice, a firma del direttore, riportato anche nelle lettere dei lettori a La Prensa:

Uno de los trabajos expuestos consistió en presentar a un perro famélico que Habacuc recogió de la calle, y durante la exposición aparecía amarrado con una cuerda de nylon, que a su vez estaba sujeta a otra cuerda que pendía de dos clavos en una esquina de la Galería. Habucuc nombró al perro “Natividad” en homenaje al nicaragüense Natividad Canda (24 años) quien murió devorado por dos perros Rottweiler en un taller de San José, Costa Rica, la madrugada del jueves 10 de noviembre de 2005. El perro permaneció en el local tres días, a partir de las 5 de la tarde del miércoles 15 de agosto. Estuvo suelto todo el tiempo en el patio interior, excepto las 3 horas que duró la muestra, fue alimentado regularmente con comida de perro que el mismo Habucuc trajo. Sorpresivamente, al amanecer del viernes 17, el perro se escapó pasando por las verjas de hierro de la entrada principal del inmueble, mientras el vigilante nocturno quien acababa de alimentarlo limpiaba la acera exterior del mismo.

In altre parole, il cane sarebbe rimasto nella mostra per tre giorni, ma la mostra durava tre ore ogni giorno, e soltanto durante quelle tre ore veniva legato e non nutrito. Al di fuori di quest'orario, veniva alimentato regolarmente con cibo per cani fornito da Habacuc stesso. Il cane sarebbe poi scappato.

Silvio nota inoltre che "Habacuc era un profeta del vecchio testamento famoso perché rimproverava a Dio di vedere la violenza sulla terra e non fare nulla per fermarla." Un nome particolarmente calzante, visto che lo scopo dell'"artista" era attirare l'attenzione sul fatto che, come dice a chi gli scrive indignato, nella sua città decine di migliaia di cani randagi muoiono di stenti ogni anno e nessuno ci fa caso, ma basta metterne uno in una mostra per suscitare la furia ipocrita dell'opinione pubblica:

'Hello everyone. My name is Guillermo Habacuc Vargas. I am 50 years old and an artist. Recently, I have been critisized for my work titled 'Eres lo que lees', which features a dog named Nativity. The purpose of the work was not to cause any type of infliction on the poor, innocent creature, but rather to illustrate a point. In my home city of San Jose, Costa Rica, tens of thousands of stray dogs starve and die of illness each year in the streets and no one pays them a second thought. Now, if you publicly display one of these starving creatures, such as the case with Nativity, it creates a backlash that brings out a big of hypocrisy in all of us. Nativity was a very sick creature and would have died in the streets anyway.'

Va notato che Vargas stesso dice che lo scopo dell'opera non era causare sofferenze alla povera creatura innocente, ma dimostrare questo concetto di ipocrisia. Ringrazio Silvia per avermi girato la risposta di Vargas.

Riassumendo:
  • abbiamo un blogger anonimo che ha dato la stura alla vicenda scrivendo che a lui/lei risulta che il cane sia morto. Che fine abbia fatto la bestiola, però non si sa: su questo non c'è nessuna testimonianza diretta, di prima mano.
  • abbiamo il direttore della galleria d'arte che dice che il cane è stato nutrito, ma non durante le tre ore giornaliere della mostra, e che poi è scappato, e su queste dichiarazioni pone la propria firma;
  • abbiamo l'artista in questione che non conferma e non smentisce la morte del cane; dice che non era sua intenzione causargli sofferenza.
  • abbiamo una vicenda che fa leva su tutti i sentimenti giusti per ottenere la vastissima eco mediatica alla quale aspirano tanti "artisti".
Con questo quadro di dati, la spiegazione più probabile (ma non certa) è che il cane non sia stato maltrattato come descrive l'appello, ma che l'artista abbia fatto una provocazione male interpretata e non si sia reso conto delle possibili conseguenze mediatiche della provocazione.

Come ben sappiamo, qualsiasi storia di maltrattamento di animali, vera o falsa, fa perdere il lume della ragione a tanta gente e risveglia nei giornalisti la voglia di scoop che riempie intere pagine con poca fatica. La voglia di credere al luogo comune dell'artista moderno incomprensibile e insensibile, combinata col fatto che gli avvenimenti hanno avuto luogo in un paese lontano e "primitivo", ha fatto il resto.

In sintesi, la storia funziona perché gioca sui nostri luoghi comuni: gli artisti moderni sono indecifrabili e farebbero qualsiasi cosa in nome della cosiddetta "arte"; i visitatori di queste mostre sono snob insensibili; i paesi latinoamericani sono rozzi e primitivi; la gente è crudele con gli animali e nessuno fa nulla per fermarli.

Ma paradossalmente funziona anche su un altro livello: ha dimostrato pienamente la tesi di Vargas, ossia che la gente è ipocrita. Con pochissime, nobili eccezioni, s'indigna e si mobilita per un animale messo in mostra a morire (apparentemente) di stenti, mentre fa finta di nulla quando incrocia la stessa creatura per strada.

Per questa storia si è mossa l'Organizzazione Italiana Protezione Animali e si è attivato persino il commissario UE Frattini per trovare la maniera di bandire Guillermo Vargas dall'Unione Europea. Ma scusate, il principio dell'innocenza fino a prova contraria che fine ha fatto? Allo stesso modo, temo che molta gente "firmerà" questa petizione assolutamente inutile e crederà con questo di aver fatto il proprio dovere di animalista DOC.

Io avrei una proposta: invece di "firmare" pigramente, andare a comperare una scatoletta di cibo per cani e portarla al rifugio per animali più vicino. Costa più fatica, ma è sicuramente un gesto più utile. E con lo stipendio di un commissario UE, o di un giornalista che ha riportato come assolutamente certa la notizia senza verificarla, chissà quante scatolette si potrebbero comperare.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati manualmente da un moderatore a sua discrezione: è scomodo, ma è necessario per mantenere la qualità dei commenti e tenere a bada scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui e/o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (264)
"...linka un articolo di ottobre 2997..."
Immagino ad un refuso.
In caso contrario spero tu non sia rimasto vittima della guerra fredda temporale :-D
L'ipocrisia si ferma agli animali quando nelle favelas di tal paesi soffrono più gli esseri umani.
Forse è più facile essere attivi con una petizione on-line o una e-mail che non costa niente (neppure la faccia) piuttosto che indignarsi per un bambino che chiede l'elemosina ai semafori. Forse per aiutare quel bambino bisognerebbe mandare un e-mail!
Scusa ma anche ADNkronos ha abboccato alla bufala?
http://www.adnkronos.com/IGN/Esteri/?id=1.0.1493196412
>linka un articolo di ottobre 2997

Sicuramente l'articolo portava la firma di Jon Titor :))))

Tornando alla bufala, mi ricorda tanto quella di bonsaikitten (che tra l'altro è andata avanti molti anni dopo essere stata sbufalata): anche lì indignazione, petizioni, trasmissioni televisive (e forse anche interrogazioni parlamentari)...
Non sono d'accordo.
Paolo Attivissimo, non puoi tacciare le persone che hanno creduto e credono all'appello di insensibilità ed ipocrisia.
Tu non puoi sapere chi faccia cosa per gli animali, nel quotidiano, ed abbia comunque trovato il tempo per documentarsi e firmare legittimamente e in buona fede la petizione.

La tua analisi, per una volta, non fa altro che raccogliere le testimonianze di una campana ed opporle a quelle dei fautori della petizione.

Non porta nulla di nuovo alla vicenda nè avrebbe potuto farlo, del resto.
Non sono d'accordo.
Paolo Attivissimo, non puoi tacciare le persone che hanno creduto e credono all'appello di insensibilità ed ipocrisia.
Tu non puoi sapere chi faccia cosa per gli animali, nel quotidiano, ed abbia comunque trovato il tempo per documentarsi e firmare legittimamente e in buona fede la petizione.


Peccato che gran parte di quelli che hanno inoltrato l'appello non hanno fatto nient'altro che fare copia incolla da dei BLOG (quindi fonti che non sono certo verità assolute) senza documentarsi altrove. Ovviamente anche i siti dei giornali italiani non sono molto affidabili (dato che spesso incappano nelle bufale). E "ovviamente" le spiegazioni fornite dal museo sono "false" atte solo a giustificarsi.
Insomma: buonsenso ZERO. Molto meglio sparare subito sentenze senza sapere cosa è successo; possibile che il popolo di internet ancora non ha capito come funzionano certe notizie? E ti assicuro che dal testo originale, bastava pochissimo ad arrivare a dire - ad esempio - che i visitatori del museo erano felici di ammirare quel cane (cosa che invece non è scritta da nessuna parte).

Inoltre c'è ancora gente che firma su Petitionline credendo che possa servire a qualcosa, per poi rimanere seduto sul divano. O magari per poi andare a vedere una corsa di cavalli, al circo, allo zoo, in un acquario...lì invece gli animali, tolti dal loro ambiente naturale e COSTRETTI (e non ditemi che lo fanno volentieri) a fare qualcosa che non hanno chiesto, solo per divertirci, non dovrebbero indignarci?
Caro Paolo, questa volta prendi lucciole per lanterne, e mi spiace molto. Mi sarei aspettato maggiore attenzione da parte tua: questi non sono i soliti cuccioli di labrador.

Controlla meglio le tue fonti. L'artista ad esempio ha 32 anni, non 50. E "Habacuc" non è il suo vero nome. Possibile che (ohibo!) stia mentendo anche su altre cose? E che tutto il casino che è successo abbia causato un pelino di revisionismo e disinformazione, anche da parte della galleria d'arte?

Riprova e controlla.
Beh, che dire, io sono uno di quelli che, nonostante mi sia documentato, ha creduto (ovviamente in buona fede) che la storia del maltrattamento fosse reale (ho segnalato la storia anche sul mio blog).

In ogni caso, Paolo, l'articolo di Nacion.com che hai linkato nel tuo articolo non porta da nessuna parte, mentre quello che avevo trovato io qui (qui in inglese), datato 4 ottobre, dice testualmente:

What we saw in Managua. As part of his presentation, the artist faced the viewer to a street dog weak, sick and hungry tied to the corner of the room. Él capturó al animal en un barrio pobre de Managua. He captured the animal in a poor district of Managua.

El perro murió tras un día en la exposición, según se lo confirmó a La Nación Marta Leonor González, editora del suplemento cultural de La Prensa en Nicaragua. The dog died after a day at the exhibition, as was confirmed to The Nation Marta Leonor Gonzalez, editor of the cultural supplement of La Prensa in Nicaragua.


In ogni caso vorrei puntualizzare solamente che si, è vero che spesso "la gente è ipocrita. S'indigna e si mobilita per un animale messo in mostra a morire (apparentemente) di stenti, mentre fa finta di nulla quando incrocia la stessa creatura per strada", ma messo giù così mi pare un pò troppo sui generis.

Io, ad esempio, solo poco tempo fa sono andato al gattile di Cesena e ho adottato due gatti (neanche di quelli messi meglio), in più mi capita spesso - purtroppo - di imbattermi in randagi abbandonati dal cretino di turno ai quali, nel limite del possibile, cerco di dare assistenza.

Insomma, non siamo tutti inpocriti quando firmiamo certe petizioni. Io lo sottolineerei meglio.

Ciao Paolo.
Ottimo lavoro Paolo. Ci andrei giù anche più pesante, cioè che se non fosse per le sensibilità tanto esagerate dei sedicenti amici degli animali si sarebbe continuato a non visitare mai siti di quell'area geografica "primitiva".
Che ipocrisia rivoltante.
Più che scatolette sarebbe meglio ancora portare via qualcuno di quei teneri prigionieri, che non aspettano altro.
Alcune risposte al volo:


2997

Sistemato, grazie!



Scusa ma anche ADNkronos ha abboccato alla bufala?

No. Sono stati corretti: infatti usano la formula dubitativa a proposito della morte del cane.

Nota che Vargas stesso dice "lo scopo... non era causare sofferenza alla povera innocente creatura".



non puoi tacciare le persone che hanno creduto e credono all'appello di insensibilità ed ipocrisia.

Infatti non le ho tacciate. Ho semplicemente espresso il dubbio che molta gente si sentirà paladina degli animali per aver cliccato sulla petizione: "temo che molta gente "firmerà" questa petizione assolutamente inutile e crederà con questo di aver fatto il proprio dovere di animalista DOC."


Controlla meglio le tue fonti. L'artista ad esempio ha 32 anni, non 50. E "Habacuc" non è il suo vero nome.

La fonte per l'età è una mail dello stesso Vargas inoltratami da un lettore (la stessa citata in parte da ADNkronos). E so bene che Habacuc è un nome d'arte.



What we saw in Managua

Attenzione, la traduzione di Google fa sembrare che il reporter abbia visto personalmente gli eventi, ma da quel che so di spagnolo la forma originale è impersonale e sarebbe "What was seen", ossia "Quello che fu visto (da altri)".


El perro murió tras un día en la exposición, según se lo confirmó a La Nación Marta Leonor González, editora del suplemento cultural de La Prensa en Nicaragua.

Come fa la signora Gonzalez a saperlo? Ha seguito il cane? Il cane era ricoverato e quindi non è scappato come dice il direttore della Galeria? Ed è morto perché stremato dalla fame, o per altre cause?

Vorrei capire meglio il contenuto e il senso di questa dichiarazione.

ma messo giù così mi pare un pò troppo sui generis.

E' appunto una generalizzazione per riassumere quello che voleva dire l'artista con questo gesto. Non intendo dire che tutti sono così, men che meno tu.

Insomma, non siamo tutti inpocriti quando firmiamo certe petizioni. Io lo sottolineerei meglio.

Ok, chiarisco: chi si limita ad aderire a una petizione e con questo crede di aver fatto il proprio dovere è un ipocrita; chi oltre ad aderire fa qualcosa di concreto per gli animali no.
> La fonte per l'età è una
> mail dello stesso Vargas
>
E una parte in causa secondo te costituisce una fonte attendbile? Il senso comune mi suggerisce di no. E se ha mentito su questo (ed è un fatto) come fai a considerarlo "attendibile"? Su basi come queste costruisci le tue indagini?

In ogni caso Guillermo Vargas Jiménez (noto come Habacuc) nasce a San José, Costa Rica, nel 1975.

Ripeto il mio invito a documentarti meglio.
"i paesi latinoamericani sono rozzi e primitivi"
Che pena i luoghi comuni... sono andato in Cile e Argentina per tre settimane... abbiamo molto da imparare...
Cosa intendeva dire l'artista con la frase "Il cane era molto malato e sarebbe morto per strada comunque", con la quale conclude la sua mail?

E' morto o è scappato?

E come mai Silvio, ad un certo punto è diventato Silvia? :-)
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
"S'indigna e si mobilita per un animale messo in mostra a morire (apparentemente) di stenti, mentre fa finta di nulla quando incrocia la stessa creatura per strada."

Beh, certo che lasciare una "firma" su un sito internet é molto più semplice che fare qualcosa, qualunque cosa.

E poi, c'é davvero bisogno di bandire questo Habacuc per riportare l'ordine morale nel vecchio continente?
C'é bisogno di litigare per una mezza notizia? Avete bisogno di aspettare notizie dall'altra parte del mondo per vedere animali che soffrono? Fatevi un giro nel vostro paese (qualunque esso sia).

E poi, scusate, ha senso firmare una petizione per fare che cosa? If you wanna be the man, you gotta beat the man.
Bel coraggio a firmare su un bel sito. Aprire un dialogo col sig.Habacuc, magari sentire le sue ragioni, magari informarsi su che fine abbia effettivamente fatto il cane: certo, costa fatica, molto più semplice fidarsi di 200mila persone virtuali.

Comunque a me quest'opera piace. L'intenzione era far parlare della violenza sugli animali: mission accomplished.

Peccato che agli stolti sia stata mostrata la luna ed essi stiano guardando il dito...
"i paesi latinoamericani sono rozzi e primitivi"
Che pena i luoghi comuni... sono andato in Cile e Argentina per tre settimane... abbiamo molto da imparare...


Infatti NESSUNO sostiene questo. Ma è indubbio che chi ha fatto circolare la mail (senza documentarsi su quello che POTEVA ESSERE SUCCESSO ma dando per scontato che l'artista fosse un criminale) ha - inconsciamente o no - fatto presa anche grazie al fatto che, trattandosi di un paese molto lontano e oggettivamente "indietro" rispetto a noi (parlo a livello tecnologico SIA CHIARO!!!!) allora il lettore si immaginava un popolo che non ha ancora raggiunto un livello di "civiltà" e che quindi non si pone problemi nel vedere un cane che soffre utilizzato come oggetto. Infatti, nonostante l'articolo non dica nulla in proposito, molta gente era portata a pensare che i visitatori del museo fossero ben felici di vedere quell'opera.
In fondo ripensate a tutte quelle bufale dove si parla di animali trattati crudelmente ma anche bambini (come quel bambino a cui veniva fatto schiacciare il braccio da un auto): quasi sempre provengono da paesi come India, medioriente, est, sudamerica...perchè inconsciamente i lettori più ingenui danno per scontato che nei paesi più "civilizzati" queste cose non succedono, oppure chi le commette viene subito arrestato, mentre in quelle mail vengono descrtitte come pratiche molto apprezzate dalla gente.
è sufficiente approfittare di questa email che gira per rispondere con il consiglio di dare una mano a qualche canile o gattile

anche se non si ha tempo o voglia di sporcarsi le mani, con soli 10 euro a un discount la prima volta che fai spesa prendi una dose di crocchini per gatti da mandare avanti i volontari di un gattile per un bel pezzo...

così trasformiamo in qualcosa di utile
> Attenzione, la traduzione di Google fa sembrare che il reporter abbia visto personalmente gli eventi, ma da quel che so di spagnolo la forma originale è impersonale e sarebbe "What was seen", ossia "Quello che fu visto (da altri)".

Ecco, è esattamente questo il punto che mi ha tratto in inganno. Per il resto mi pare tutto chiarito.
@replicante_cattivo:

Sì sì volevo solo evidenziare un argomento a cui tenevo, non ho attribuito l'affermazione a Paolo.
Cmq questa l'ho scattata a Valparaiso (la città più zozza che abbia visitato, ma non tanto rispetto alle nostre). Mostra bene il rapporto (armonico) tra i cani randagi e gli abitanti.
Al di là dell'utilità o meno di Petitiononline, penso che la domanda giusta da porsi sia: ma è stata una boudate o una boudate con cane che muore? L'articolo dell'Adnkronos, nel riportare le scuse di Vargas, dice che "Ha ammesso l'errore ed ha affermato che avrebbe dovuto salvare il cane invece di lasciarlo morire". Se il cane è rimasto ucciso penso che catalogare la cosa solo come una provocazione sia sbagliato, non trovate?

Un saluto a tutti!
Non sono per nulla d'accordo sul fatto che chi esibisce un cane legato a una catena possa essere definito "artista", per me rimane un mitomane e ha ottenuto il suo scopo. Il fatto che il cane sia sparito non depone certo a favore del mitomane psicopatico. Se la foto e' vera, non ci sono commenti.

Sono cliente affezionato del canile, sono stato praticamente adottato da una cagnolina che mi e' corsa incontro scacciando gli altri, e ogni volta che vado a portare cibo e stracci (anche questi servono per rendere comode le cucce) vorrei portarmene a casa altri. In questo do pienamente ragione a Paolo, una petizione conta a poco, un giro al canile molto. Ai cani basta anche solo fare delle feste agli sconosciuti, per essere felici. Certi canili permettono anche di fare una passeggiata con un cane, generalmente nel fine settimana. Una piccola azione che fa bene alla nostra salute e rende felice un animale che spesso ha alle spalle torture e umiliazioni. Cani da caccia abbandonati perche' non piu' utili, cani travolti dalla nostra fretta, cani che hanno terrore dell'uomo.

Non so come sia nata la questione del sudamerica , ma guardando i servizi sui canili-lager in Italia non vedo neanche il motivo di parlarne: gli incivili siamo noi. Quanti hanno protestato per la moda delle pelliccette della stilista Vera Volpe e dello stilista Vero Lapin appiccicate sui colli delle giacche vendute nei nostri ipermercati? Da dove provenivano quelle pellicce?
Bbossola:

E una parte in causa secondo te costituisce una fonte attendbile? Il senso comune mi suggerisce di no. E se ha mentito su questo (ed è un fatto) come fai a considerarlo "attendibile"? Su basi come queste costruisci le tue indagini?

Calma un attimo, non generalizzare.

No, una parte in causa non costituisce necessariamente fonte attendibile ma costituisce una fonte che va citata comunque. Anche perché le sue parole possono essere usate contro di lui/lei se sono false.

In ogni caso Guillermo Vargas Jiménez (noto come Habacuc) nasce a San José, Costa Rica, nel 1975.

Mi daresti la fonte di queste info? Siamo sicuri che non sia omonimia, giusto per scrupolo?

Questo è quello che dice di sé nella risposta citata nell'articolo:

My name is Guillermo Habacuc Vargas. I am 50 years old and an artist.

Credo che sarebbe particolarmente stupido mentire su un dato facilmente verificabile come l'età, ma alla stupidità non c'è limite. Vediamo cosa salta fuori.



Asimov:

E come mai Silvio, ad un certo punto è diventato Silvia?

Sono due persone differenti.
a me fa skifo l'idea che un qualsiasi essere animale sia usato per una mostra qualsiais sia lo scopo.
per paolo:
la prossima volta prima di generalizzare dicendo di non firmare solo petizioni ma agire passa a trovarmi che ti faccio prendere un po' cura ed onere di1 gatto 1 cane 1 tortora e 9 conigli tutti trovatelli.
E' possibile su parecchie volte incappare in una bufala e cmq questo "artista" è un vero idiota se ricorre a legare un cane per tre ore al giorno per mostrare l'ipocrisia. gli animali non sono oggetti, ma se vuoi legartici tu, per tre ore al giorno ad una mostra ben venga. mi sembra che quell'animali avesse + bisogno di cure e coccole.
Quindi anche l'OIPA avrebbe preso una bufala??
Secondo me voi antibufalari siete un po' troppo pieni di voi stessi e, come per chi crede a ogni cosa, voi credete che ogni cosa sia una bufala e per capire se lo è o no partite dal fatto:ok, questa è una bufala..come faccio a smentirla? costruendo castelli uguali a quelli che fanno le bufale.
Ovviamente nn disprezzo tutto il vostro lavoro..in particolare tu Paolo sei molto bravo e ti seguo sempre...dovreste cmq fare un passo indietro e guardare le cose da un diveso punto di vista...meno arrogante magari...
non perdiamo di vista l'oggetto del contendere: la notizia parlava di un cane lasciato morire "come forma d'arte" e non di un cane esposto "come forma d'arte".
Siamo molto vicini alle parti del bambino mediorientale a cui si spezzava un braccio per punizione: la notizia era quella, non quella che si usava un bambino per uno spettacolo (e di che tipo) da circo su strada.

Voglio dire: fermo restando che è assai discutibile (eufemismo) usare "semplicemente" un cane ed un bambino per tali "spettacoli", le notizie su cui si impostava l'indignazione erano altre. Altrimenti si fanno discorsi del tipo "i parlamentari si sono aumentati lo stipendio" "non è vero: ecco le prove" "stai zitto! comunque prendono un sacco di soldi lo stesso". La notizia, dell'esempio era l'aumento dello stipendio, e non lo stipendio.


tornando alla notizia, ho fatto anch'io un po' di giretti in rete, ma gira e rigira siamo sempre lì. Una marea di link che non fanno altro che copiare l'articolo dell'adnkronos, nel migliore dei casi. Quasi tutti di blog, a dire il vero. Con a volte ragionamenti assurdi, tipo quello che rimproverava non so quale sito che non avrebbe accettato di mettergli i link per la petizione colla curiosa motivazione "dobbiamo prima verificare la notizia", ed accusandolo di aver fatto una figuraccia in quanto la notizia era vera perché "un sacco di gente ha firmato la petizione".

Comunque nell'articolo copiato alla noia si parla di una sorta di "mea culpa" di Vargas pubblicato in rete, dove il suddetto chiedeva scusa per aver lasciato morire il cane. La cosa strana è che di tale documento nessuno (oddio, al ventesimo sito visionato mi sono arreso) riportava né un link né un virgolettato, solo il classico "Vargas ha chiesto scusa via web". Ritengo che la visione di questo documento sarebbe interessante ed aiuterebbe a risolvere forse definitivamente il mistero.

p.s. per Gianca: ma in base a cosa ritieni che l'OIPA non abbia preso un granchio? D'altronde il link non riporta che alla riedizione delle stesse foto ed alle stesse parole.
Questo è uno dei tanti link da cui ho tratto quello di cui sopra

http://blog.libero.it/ascoltasifasera/commenti.php?msgid=3511443&id=35711#comments
Paolo, mi sono permesso di mettere un link a questo articolo in un post
del mio blog.
Te lo dico per correttezza, spero che non ti dispiaccia (in caso contrario fammelo sapere, provvederò ad eliminarlo).
@Rado il Figo chè conosco l'OIPA e sò che sono persone serie e ritengo poco probabile che diramino comunicati ufficiali senza opportune verifiche. Ovvio che questa può essere un'eccezione..capitano a tutti i granchi..
Ma tra l'OIPA e Attivissimo stavolta scelgo di credere a loro...
Il nostro buon Paolo sarà mica un dio sceso in terra no? capiterà pure a lui ogni tanto di prendere cantonate :-)
Certo, legare un cane a una corda per tre ore per pochi giorni é veramente da insensibili!

Corro ad avvisare i miei amici: pensate che tengono i loro cani legati a una corda o addirittura a una catena per tutta la notte, e da anni!
Corro ad aprire un account su petitiononline!!!

PS: Fuor di metafora, non stiamo un pochino esagerando?
To allow Guillermo Habacuc Vargas to represent Costa Rica in Bienal Centroamericana Honduras 2008 will in no way benefit Costa Rica. The world is watching, and the actions of this so-called artist have brought many negative assumptions as to the humanity of the people of Costa Rica. The fact that many witnesses of this animal’s suffering did nothing, and that the organizers of this event allowed this to happen, rather than taking action to see that Guillermo Vargas be criminally charged with animal abuse, is sending the world a message that Costa Rica is a cruel, uncivilized society that has no regard for life, but enjoys viewing and contributing to the loss of life.

Each and every person who knew of and witnessed the suffering of this innocent dog is guilty of causing its unnecessary death. To let this crime go unpunished, and instead to reward Guillermo Vargas by choosing him to represent Costa Rica in Bienal Centroamericana Honduras 2008 is unacceptable and shameful, not only to Costa Rica but to all participants in this event.

Please pass the word on to other animal lovers.

Thankyou to the many people throughout the world who have posted and protested this horrific animal cruelty and abuse, in a vain attempt to “cover the crime of abuse” as art, by this artist from Costa Rica and his followers.

Let the truth of the crimes committed by this artist as this ‘madman’ who cruelly killed this dog by starvation of food and water, in the name of art, be truthfully disclosed and never forgotten.

Please sign the petition and write letters of protest world-wide.

We the People in the United States of America are very concerned about this dog's death nightmare and the false and wrongful claim that it was art.

http://AnimalsClubFreedom.us/

and

http://DogPress.org/
Frattini come Ballaman, creduloni istituzionali unitevi! all'assalto della notizia, al grido di "sempre meglio che lavorare"!
Quella dell'Oipa non è una vera e propria cantonata, ma rimane comunque il fatto che ha dato per scontato la versione più "clamorosa" della notizia, senza la preoccupazione di ridimensionare la situazione.

Ok, è giusto indignarsi per un cane utilizzato come forma d'arte, tenuto legato per 3 ore; ma è ben diverso dal dire che è stato tenuto per giorni senza mangiare. Come ha già detto un altro utente, quante persone tengono il cane legato per giorni interi e nessuno dice nulla, solo perchè non se lo vede sbattuto davanti? Troppo comodo accantonare le scomode verità, poi appena un artista ci ricorda che queste cose esistono, ce la prendiamo con lui.

Non nascondiamoci dietro la cretinata per cui una notizia FALSA o GONFIATA diventa giusta nel momento in cui ci ricorda che esistono situazioni simili, altrimenti si legittima il sensazionalismo dei giornalisti e la diffusione di notizie false. Volete un esempio? Vi ricordate quando Studio Aperto mandò in onda un video in cui - secondo loro - un down veniva malmenato da due coetanei? Ebbene, quando furono smascherati (perchè il video era in realtà una gag e il ragazzo non era neppure down) loro dissero che "in fondo questa notizia ha smosso la coscienza delle persone" anzi puntarono il dito contro quei ragazzi "colpevoli" di aver inscenato una montatura (ma loro non avevano mai voluto far passare il video per un atto di bullismo e tantomeno far credere che il ragazzo fosse down). E' una scusa ridicola, vero? Però questo comportamento viene legittimato proprio da chi pensa che non importa se una notizia sia vera o falsa, basta che faccia luce su una situazione a cui magari non vuole nemmeno fare riferimento.
Torniamo sul già citato episodio del bambino utilizzato per uno spettacolo in cui un auto gli passa sul braccio: spettacolo discutibile, di cattivo gusto, probabilmente il bambino lo fa controvoglia, probabilmente sente dolore, ma molto meno di quello che vuole far credere con la sua espressione. Però è comunque una situazione ben diversa dal dire che quel bambino era un condannato ad una punizione dolorosissima, eseguita in un luogo pubblico, mentre la gente assiste divertita. Ok: nessuno mette in dubbio che esistono le violenze sui bambini, ma di fatto viene data una notizia FALSA.

E allora indignamoci pure sulla violenza sugli animali, ma non facciamolo solo quando ci fa comodo (NB: so benissimo che ci sono persone che quotidianamente fanno qualcosa per loro, ma scommettiamo che tra quelle 200mila firme su petitionline sono una netta minoranza?) e non solo quando tale violenza ce la sbattono davanti, anche se simulata. Perchè mi sta bene che anche un governo si decida a fare qualcosa per difendere gli animali, ma è assurdo che lo fa perchè, ad esempio, ha scoperto che ci sono persone che creano i gatti bonsai...
Ah una cosa...nessuno di voi ha un cane?
Non avete mai notato che, dopo avergli dato da mangiare, spesso questi dormono o sonnecchiano per alcune ore?
Chi vi dice che quel cane non era stato ben nutrito PRIMA della mostra?

Già, chissà perchè è molto più comodo pensare che l'artista (come tutti gli artisti moderni) sia un maledetto, senza scrupoli e sia lui che il museo ci stanno raccontando solo un mucchio di balle per difendersi, perchè OVVIAMENTE hanno compiuto un atto barbaro credendo che nessuno si sarebbe lamentato (del resto siamo in un paese "rozzo e primitivo" che non immagina nemmeno che al di fuori di esso esiste la "civiltà"). E magari accanirsi contro quel criminale di Paolo Attivissimo, che non solo è al soldo della Cia, ma ora difende l'arte a tutti i costi ;)

Molto meglio credere a decine di blog che riportano il copiaincolla della stessa notizia.
Perchè è assurdo pensare che su internet girino notizie false o gonfiate, del resto non è mai successo...
Molto meglio un clic su un sito di petizioni on line, comodo ma "efficace". Io poi sono più furbo: ho addirittura firmato 10 volte con 10 nomi diversi!!!!!!!
Ok, oggi nel mio paese è pure arrivato il circo, ma siccome nessuna mail mi parla del fatto che quegli animali VIVONO dentro delle gabbie e sono COSTRETTI a fare dei numeri imbecilli per far divertire altri imbecilli (ancora più imbecilli perchè ci portano i figli e fanno credere loro che sia divertente), allora posso lasciar perdere.
to "animals club freedom":
please go to copy&paste elsewhere. If you don't want to bother reading what's written in this article (and that unveils things quite different from what you're assuming), I don't see why we should care about reading what you posted or visiting your sites. Diving headlong on to things is the best way to break your skull more often than what's sanitary.

Per gianca: Occhio che stai facendo delle assunzioni anche tu, che gli antibufala partano dall'ipotesi che sia certamente una bufala, che l'OIPA abbia verificato e sia affidabile... la prudenza è una scelta più saggia in questi casi. Perlomeno Paolo dice di averle fatte, le ricerche, l'OIPA stai solo assumendo che le abbia fatte.

Più in generale: è certamente brutto se un cane viene lasciato a morire di fame, ma non dimentichiamo che gli animali sono maltrattati e muoiono in tutto il mondo, randagi e non. Ha ben poco senso indignarsi solo per un perro sudamericano quando sotto casa abbiamo il mendicante professionista con sacchi di pulci al seguito, o canili affollati senza sovvenzioni.
Ah, naturalmente senza dimenticarsi tutti gli esseri umani che fanno una fine simile se non peggiore in tutto il mondo.
Perchè non ho ancora ricevuto catene di email per le ragazze dell'Est ingannate con il miraggio di un lavoro e costrette a prostituirsi sulle strade per i poco di buono nostrali..?

Paolo ha ragione: una petizione online non cambia il mondo. Se è questo che volete, rimboccatevi le maniche e datevi da fare. Grandi risultati con il minimo sforzo si ottengono solo comprando il biglietto della lotteria nazionale, di solito.
Posso capire l'indignazione di chi dice "Non potete accusarci di non fare nulla per gli animali": in effetti non è giusto accusare tutti in questo modo (e Paolo si è scusato se qualcuno ha inteso in quel modo).

Ma invece gli altri che si indignano, lo fanno solo perchè sono nuovamente stati "fregati" dai meccanismi che si attivano quando circolano queste catene e che ci toccano nel vivo quando ci accorgiamo che ne siamo rimasti vittime.
Piuttosto che usare la prudenza e pesare attentamente le informazioni che ci vengono date, si preferisce buttarsi a capofitto nei giudizi e nelle sentenze; se poi qualcuno osa far riflettere, deve essere accusato di voler ridimensionare il tutto.
http://www.adnkronos.com/IGN/Esteri/?id=1.0.1493196412
Il link di Adnkronos è praticamente l'unica fonte "ufficiale" di questa notizia ed è già stata citata più volte.

Ti faccio notare:
- l'uso del condizionale nel modo in cui racconta la notizia, come a dire: "a noi è stato detto questo" e lascia trasparire il fatto che il putiferio causato è reale, ma la notizia non è stata dimostrata in alcun modo
- le foto mostrano quello che ognuno di noi vuole vedere: se a voi dicono che quel cane sta soffrendo, lo vedete soffrire. Se invece vi dicessero che sta semplicemente sonnecchiando? Eppure semplicemente dalla foto non si può evincere se stia facendo l'una o l'altra cosa
Certo e facile pensare che tutto quello che leggi sia una bufala, ma quando non lo è come fai a saperlo..... il cane e morto, e cmq chi a firmato la petizione ha prodotto quello che leggi:

Appena terminata, la “Bienal Costaricense de Artes Visuales” (Bienarte) del 2007, si trova in mezzo alle polemiche e alle proteste delle associazioni animaliste di tutto il mondo.
L'evento tradizionalmente propone una serie di opere e premia 6 degli artisti partecipanti con il diritto di rappresentare il Paese alla “Bienal Centroamericana” che si terrà in Honduras nel 2008.
Guillermo Vargas, il quale ha messo in mostra un cane randagio legato in un angolo della sala è uno tra gli artisti che quest’anno sono stati premiati.
Guillermo Vargas artista costaricano, conosciuto col soprannome di Habakkuk, ha suscitato le ire di associazioni animaliste e di cittadini di ogni parte del mondo a seguito della morte del cane randagio conosciuto col nome di Nativity esposto alla galleria di Managua.
I visitatori della galleria si sono trovati davanti agli occhi: un cane denutrito, affamato, legato in un angolo della stanza, senza cibo e senza acqua, sulla parete il titolo dell’opera “Sei quello che leggi”, composta utilizzando crocchette per cani.
Questa “opera d’arte” aveva lo scopo di testimoniare l'indifferenza dell'essere umano nei confronti di altri esseri viventi. Il cane è morto il giorno seguente a quello in cui sono state scattate le foto, notizia confermata da Leonor Gonzalez, editore del supplemento culturale di La Prensa in Nicaragua.
Habakkuk ha affermato che il suo lavoro è un tributo a Natividad Canda, nicaraguense morto a seguito di un attacco di 2 Rottweiler durante un workshop a Carthage.
In un’intervista rilasciata a la Nación, lo pseudoartista ha dichiarato: “La cosa importante per me è stata l’ipocrisia della gente. Le persone si sono mostrate sensibili con Natividad Canda solo dopo che è stato attaccato del cane. Prendo quello che vedo: lo stesso vale per il cane, ora è più vivo che mai, considerando che si continua a parlare di lui”, ma alla domanda se avesse dato cibo al cane, non vi è stata alcuna risposta, solo silenzio.
Lo pseudoartista ci spiega il suo lavoro: “Salve a tutti. Il mio nome è Guillermo Habacuc Vargas. Ho 50 anni e sono un artista. Recentemente sono stato criticato per il mio lavoro intitolato “Sei quello che leggi” raffigurante un cane chiamato Nativity. Lo scopo del lavoro non era causare sofferenza alla povera innocente creatura, bensì illustrare un problema. Nella mia città natale San Jose, Costa Rica, decine di migliaia di randagi muoiono di fame e malattia e nessuno gli dedica attenzioni. Ora, se pubblicamente mostri una di queste creature morte di fame, come nel caso di Nativity, ciò crea un ritorno che evidenzia una grande ipocrisia in tutti noi. Nativity era una creatura fragile e sarebbe morta comunque su una strada”.
La battaglia che è stata portata avanti, a livello internazionale, era rivolta agli organizzatori della Biennale Centroamericana, affinché non ammettessero questo “artista” all’edizione del prossimo anno.
Dopo che un rappresentante della Biennale ha contattato Vargas, mediante lettera scritta, per esprimere il suo sconcerto riguardo la pubblicità negativa ricevuta da “Sei quello che leggi” e nella stessa lettera è stata messa in dubbio la legittimità dell’ammissione come eccellente artista e rappresentate, l’uomo ha chiesto pubblicamente scusa e promesso che non riproporrà mai più simili progetti. Vargas, in un comunicato diffuso via web afferma che “Sei quello che leggi” non verrà più chiamata “opera d’arte”, in segno di rispetto verso quanti si sono sentiti offesi, ha ammesso l’errore commesso ed affermato che avrebbe dovuto salvare il cane invece di lasciarlo morire. Chiede a tutti di accettare le sue scuse.
Far soffrire e uccidere un cane lasciandolo morire di fame per far comprendere un problema come quello del randagismo è certamente un modo perverso per informare l’opinione pubblica – dichiara Massimo Comparotto, Presidente dell’OIPA Italia - In verità quest’opera “artistica” è solo l’ennesimo esecrabile squallido tentativo per far parlare di sé e per riempire una galleria d’arte.
Jose Morales, vice Presidente del “Special Unit for Animal Protection and Rescue” ha commentato: “Il cane è stato legato senza cibo, non capisco come ciò possa essere considerato arte”.
Raymond Schnog, Presidente della “Humanitarian Association for Animal Protection”, ha condannato l’atto definendolo pura crudeltà, “non comprendo come un animale possa essere stato lasciato morire di fame sul suolo mentre una frase sulle pareti era stata composta usando cibo”.
Queste organizzazioni stanno studiando il caso per presentare un ricorso davanti al tribunale locale.
Sono state oltre 150.000 le persone che da tutto il mondo, in pochissimi giorni hanno scritto alle autorità locali, alla Biennale ed alla galleria per esprimere la disapprovazione verso quella che non può essere certo considerata un’opera d’arte.
L’OIPA ringrazia tutti coloro che hanno firmato l’appello, contribuendo ad ottenere un importante risultato, nella speranza che un episodio come questo non debba mai più ripetersi.

OIPA International Campaigns

forse non possiamo salvare il mondo, forse chi ha i mezzi fa molto poco per darsi una mosssa, ma c'e gente che si fa il culo dentro gattili e canili (quelli ke gli aiuti dallo stato non li vedono manco come miraggio) quindi vi prego, non fate di tutta l'erba un fascio...
Certo e facile pensare che tutto quello che leggi sia una bufala, ma quando non lo è come fai a saperlo.....

Allo stesso modo ti chiedo: perchè bisogna credere che sia necessariamente vero?
Io non ho subito pensato che era una bufala, ma ho accolto la notizia con la diffidenza e la prudenza del caso, che sono d'obbligo quando circolano queste notizie, perchè aveva tutte le caratteristiche tipiche delle catene che girano su internet, ovvero faceva leva sul sentimento animalista che regna in tutti noi.

c'e gente che si fa il culo dentro gattili e canili (quelli ke gli aiuti dallo stato non li vedono manco come miraggio) quindi vi prego, non fate di tutta l'erba un fascio...
E a loro va il nostro rispetto e ammirazione. Se però leggeste con attenzione l'articolo di Paolo (e i commenti) capirete che non sono rivolte a loro le critiche, ma a quelli che con un clic su Petitionline credono di essersi lavati la coscienza; una coscienza che, se non fosse arrivato questo "artista", sarebbe rimasta beata e tranquilla, mentre gli animali soffrono lo stesso.
Io credo che in questo caso, le prove raccolte per decidere se si tratta di bufala, oppure no, siano largamente insufficienti. Da una parte notizie riportate di seconda mano, dall'altra la versione degli interessati.
Siamo proprio sicuri che l'ipotesi più probabile sia quella della malintesa provocazione?

Che fine ha fatto il cane?
Se è scappato, perchè Habacuc dice che "sarebbe morto lo stesso".
Se era trattato bene e sfamato, perchè è scappato?

Forse servirebbe un supplemento di indagine.
In effetti ci sarebbe la "prova definitiva": se il "mea culpa" di Vargas è stato reso pubblico via web (come ho trovato scritto dappertutto) basterebbe scovarlo e vedere cosa diamine ha scritto. Io al ventesimo link che riportava sempre le stesse parole ma senza mai un link o un virgolettato mi sono arreso.

Qualcuno dell'OIPA è riuscito a trovare questa documento di "scuse" di Vargas o siamo sempre al copiare il "sentito dire" (o meglio "visto scritto")?
esto è un blog di bufale quindi io lascierei da parte l'aspetto morale (vale anche per Paolo) e mi concentrerei nel capire se sia bufala o meno...il resto è OT
Io credo che in questo caso, le prove raccolte per decidere se si tratta di bufala, oppure no, siano largamente insufficienti.

Invece le prove per decidere che sia davvero andata come dice l'appello quali sono?

da una parte notizie riportate di seconda mano, dall'altra la versione degli interessati.

Invece l'appello è supportato:
- dalla stessa identica notizia copiaincollata da adkronos
- la notizia è stata diffusa dal mondo dei blog e forum dove tutto regna fuorchè la diplomazia e un'attenta analisi delle fonti
- la versione del museo viene sempre postata in lingua originale, senza una traduzione e liquidata come una "scusa"

Siamo proprio sicuri che l'ipotesi più probabile sia quella della malintesa provocazione?

E'invece quella del "maltrattamento volontario" è più credibile? Oppure fa più comodo pensarla così? E' più probabile pensare ad un'artista senza scrupoli, supportato da un compiacente direttore di un museo, da un servizio di sicurezza che impedisce a chiunque di salvare il cane e ad un pubblico che, in fondo, si è divertito ad ammirare la povera bestiola?

Che fine ha fatto il cane?
La loro versione è stata data. Poi se "a prescindere" non si vuole credere all'artista e al museo (dato che loro sono i "cattivi" di turno) allora non c'è spiegazione che tenga.

Se è scappato, perchè Habacuc dice che "sarebbe morto lo stesso".

Perchè, come lui stesso voleva far notare con la sua provocazione, la situazione del randagismo nel suo paese è molto dura.

Se era trattato bene e sfamato, perchè è scappato?
Tu hai un cane? Lasceresti mai la porta o il cancello aperto? No, perchè, anche se ce l'hai da anni, in qualunqe momento potrebbe decidere di scappare, anche se tu lo tratti bene e gli dai da mangiare. Se poi si parla di un cane randagio è anche comprensibile che non sia abituato a luoghi chiusi o alla vicinanza di troppe persone.
Ma il fatto che il direttore del museo dica una cosa (il cane è scappato) e che Vargas ne dica un'altra (il cane è morto,scusatemi tanto,non lo farò mai più) non è una contraddizione da poco: secondo me è solo questo che va chiarito, poi tutto il resto (è giusto in ogni caso tenere un cane legato ad una mostra? chi firma le petizioni si scarica la coscienza e poi basta? c'ha ragione Paolo, no c'ha ragione Tizio...) secondo me è una perdita di tempo che mi risparmio e vi lascio: siamo una comunità anonima di gente che non si conosce, ma come vi viene in mente di giudicare, o generalizzare? capiamo se sto cane è morto o meno, è stato brutalizzato o meno. Le altre cose gentilmente tenetevele per voi...
sucsatemi ma qualcuno prima di dire che si tratasse di una bufala ha mai pensato di controllare su un sito ke nn fosse un blog? come ad esempio http://www.oipaitalia.com/ (organizzazione internazionale protezione animali) ke è una associazione non-profit affiliato al dipartimnto della pubblica informazione onu???
E tu perchè non ti sei letto bene i commenti?

Avresti letto che l'Oipa è stata citata più volte, dato che è quello da cui sono state copiaincollate gran parte degli appelli diffusi.
Inoltre vedresti che l'Oipa non offre alcuna prova a sostegno della tesi, se non delle foto dubbie (in cui appunto chiunque, condizionato dalle parole scritte, può vedere un cane morente e magari pure delle persone felici di guardarlo).
Livia, è quello che ho detto anch'io poco sopra: si fa sempre riferimento ad un "mea culpa" pubblicato via web di Vargas ma nessuno ha mai riportato né un link né un virgolettato (infatti l'affermazione che il cane sia morto viene citata come presente in tale documento, e non è riportata fra virgolette come altri passaggi). Io all'ennesima lettura della solita copiatura mi sono arreso: possibile che questa smentita sia sempre e solo "riferita" e nessuno ne riporti non dico il link ma nemmeno il classico "copia ed incolla" del testo?

Se qualcuno riuscisse a trovare questo documento almeno faremmo un passa avanti decisivo.

Se non l'ha ancora fatto nessuno finora, domani provo a mandare una mail all'OIPA per sapere se almeno loro hanno 'sto benedetto documento o se si sono limitati a copiare pure loro quello che hanno trovato in rete senza verificare.
Capisco la soggettività e il lasciarsi condizionare dalle parole scritte, ma guardando le foto pubblicate io vedo un cane SICURAMENTE malnutrito (non è mica un levriero che è smilzo di suo!). Malato non so, ma essendo malnutrito è molto probabile. Infine, credo che un cane, esattamente come chiunque, dovrebbe poter bere, ad esempio, quando ha sete. Da randagio, quanto meno, l'avrebbe cercata una pozzanghera, da legato sicuramente no. E poi, mostra d'arte provocatoria per mostra d'arte provocatoria, avrebbe potuto esporre in quel salone un bel reportage fotografico e non solo sulle migliaia di cani randagi e sulle brutture che subiscono. Non ammazzarne/non salvarne l'ennesimo.
Se l'artista gli dava veramente da mangiare o meno non lo so,però 1 se il cane veniva nutrito penso che un pò più in carne lo sarebbe stato e 2 perchè mai sarebbe dovuto fuggire da chi lo nutriva?

Penso che per dimostrare che la gente fosse ipocrita si sarebbe potuto mettere a digiuno per diversi giorni, LUI, e fingersi un povero barbone (e si sarebbe esposto al posto di quella povera creatura). L'effetto sarebbe stato lo stesso ma il cane lasciato in pace.
Poi mi chiedo lui che si prodiga tanto cosa fa? lui porta da mangiare ai cani?

E tengo a far presente che io non mi limito semplicemente a firmare petizioni,mi impegno in prima persona per i poveri animali e ritengo che loro debbano avere più rispetto delle persone.
ma guardando le foto pubblicate io vedo un cane SICURAMENTE malnutrito

Essendo un cane randagio, sicuramente era malnutrito. Ma essendo stato prelevato da uno o due giorni, anche se fosse stato rimpinzato di cibo, di certo non sarebbe ingrassato

1 se il cane veniva nutrito penso che un pò più in carne lo sarebbe stato

Come ho detto all'altro utente, in 1 o 2 giorni non puoi rimettere in carne un essere vivente. Anzi, se lo fai mangiare troppo rischi di farlo star male o ucciderlo perchè lo stomaco deve adattarsi.

e 2 perchè mai sarebbe dovuto fuggire da chi lo nutriva?


Questa non la capisco, davvero. Ma nessuno di voi ha degli amici a cui, anche a causa di una banale disattenzione, è scappato il cane? E non dite che capita solo quando l'animale viene trattato male; basta lasciare il cancello aperto, oppure che l'animale sfugga all'attenzione del padrone, per correre dietro un auto o una bici e non tornare più. Figuriamoci per un cane abituato a vivere in strada e senza un padrone di riferimento. Ma è davvero INCONCEPIBILE una cosa del genere? E' inconcepibile che un cane preferisca la libertà ad un pasto sempre pronto?

Penso che per dimostrare che la gente fosse ipocrita si sarebbe potuto mettere a digiuno per diversi giorni, LUI, e fingersi un povero barbone

Probabilmente sarebbe passato inosservato come i veri barboni. Anzi, magari sarebbe stato accusato di prendere in giro i veri senzatetto (ti ricordi lo spot di Mike e Fiorello? aveva ricevuto molte proteste)


E tengo a far presente che io non mi limito semplicemente a firmare petizioni,mi impegno in prima persona per i poveri animali


Tanto di cappello ;) Resta il fatto che la diffusione capillare di notizie gonfiate o quantomeno molto dubbie debba essere fermata, perchè ci va attimo a passare a quelle completamente false. E a quel punto le notizie vere perderebbero credibilità; inoltre si sa che le notizie false sono spesso più "spettacolari" e attirano l'attenzione più di quelle vere, che passano in secondo piano.

e ritengo che loro debbano avere più rispetto delle persone.


Immagino che volessi dire "debbano ricevere più rispetto" :) :) :) :) cmq il senso è chiaro lo stesso.
"Certo e facile pensare che tutto quello che leggi sia una bufala, ma quando non lo è come fai a saperlo..."
Mentre è meglio pensare che tutto quello che leggi sia vero. In campagna elettorale devi sentirti molto confuso, se credi a quello che scrivono in tutti i programmi. Forse, è meglio prendere notizie eclatanti come queste con un grano di sale...

"il cane e morto, e cmq chi a firmato la petizione ha prodotto quello che leggi:"
Questo scusami ma lo dici tu, e in base al sentito dire. Non è la migliore delle fonti.
Inoltre, se devi inserire qualcosa di una certa lunghezza, è buona norma mettere un link, non inondare il blog con un cieco copia e incolla di duecento righe.

Per Asimov:
"Che fine ha fatto il cane?
Se è scappato, perchè Habacuc dice che "sarebbe morto lo stesso".

Immagineo che Habacuc intenda "perchè scassate, era un cane randagio, con o senza il mio intervento sarebbe morto di fame o di stenti, solo che in uno dei casi non l'avreste mai saputo e non ve ne sarebbe fregato nulla". Non è necessariamente un'ammissione di colpa.
E poi, perchè tutti a dare addosso a lui e non, mettiamo, al governo del Costa Rica che permette che tutti quei "poveri cagnolini" rimangano sulle strade..?

"Se era trattato bene e sfamato, perchè è scappato?"
Perchè era un randagio che era stato tenuto per tre giorni incatenato in posto sconosciuto. Anche questo significa poco.

Commenti sparsi:
"..poi tutto il resto [...] secondo me è una perdita di tempo che mi risparmio e vi lascio: siamo una comunità anonima di gente che non si conosce, ma come vi viene in mente di giudicare, o generalizzare? capiamo se sto cane è morto o meno, è stato brutalizzato o meno. Le altre cose gentilmente tenetevele per voi..."
Se è per questo c'è anche chi si ammazza, tra gente che non si conosce... giudicare in base al comportamento non mi sembra così grave. Ma dato che questo guarda caso è un sito di divulgazione, che ha creato una piccola comunità di utenti affezionati, e che i commenti sono messi apposta per discutere le cose, mi sembra utile, oltre a controllare la veridicità della notizia, esaminarne le implicazioni sociali e morali. Il tuo mi sembra un voler evitare la discussione e un eventuale giudizio.

"..ma guardando le foto pubblicate io vedo un cane SICURAMENTE malnutrito (non è mica un levriero che è smilzo di suo!).."
"..1)se il cane veniva nutrito penso che un pò più in carne lo sarebbe stato.."

Vi siete dimenticate che era un randagio? Non sarò un veterinario, ma in pochi giorni di cibo regolare penso sia difficile che ingrassi granchè...

Alla fin fine, penso che quei tre giorni di cibo assicurato in un ambiente tranquillo come un'esposizione siano stati meglio che vivere di quel che capita, per la strada, col rischio di qualcuno che ti allunga una pedata o peggio... e poi, se il disagio da evidenziare era quello dei randagi, cosa c'entrava l'artista travestito da barbone?

"E tengo a far presente che io non mi limito semplicemente a firmare petizioni,mi impegno in prima persona per i poveri animali e ritengo che loro debbano avere più rispetto delle persone."
E fai bene. Nessuno in questa sede ha detto il contrario, anzi.
Mi dicono che a Forum Rita dalla Chiesa ha fatto eco di questo annuncio (parlando di "mostro" e non di "artista").
Mi dicono che a Forum Rita dalla Chiesa ha fatto eco di questo annuncio (parlando di "mostro" e non di "artista").

Appunto. Vedere come è facile trasformare un dubbio (perchè così si è espresso Adnkronos: in forma dubitativa) in una certezza, da cui partono minacce e insulti. Basta leggere i commenti alla notizia su Adnkronos: tutti insulti, minacce di morte, auguri delle peggiori cose rivolte all'artista. NESSUNO che abbia fatto caso che la notizia è espressa come "si dice che..."
Se un giorno si scoprisse che tale notizia non è vera, la Dalla Chiesa farà una smentita? Non credo...
Io non sono convinto che l'appello sia vero o che sia vero quello che dicono l'artista e la galleria.

Io penso, come Snopes.com, che la questione sia "undetermined", cioè non definita.

Ho avuto un cane.
E lo tenevo all'interno della cancellata del giardino, perchè se fosse scappato avrebbe potuto finire sotto una macchina o mordere qualcuno.
Nonostante questo è scappato spesso e volentieri.
E, all'ora di pranzo, è sempre tornato.

La galleria ha detto che il cane è scappato. L'artista che sarebbe morto in ogni caso. Per me questa è una contraddizione nella loro versione. Significa che mentono su tutto e sono delle carogne inenarrabili? No, di certo. Ma la loro versione appare meno attendibile.
Ci sono contraddizioni nella versione della ADN Kronos?

Tutta questa vicenda rischia di limitarsi a "io mi fido della OIPA, io invece mi fido della galleria".

A me non basta.
Che fine ha fatto il cane?
Se è scappato, perchè Habacuc dice che "sarebbe morto lo stesso".
Immagino che Habacuc intenda "perchè scassate, era un cane randagio, con o senza il mio intervento sarebbe morto di fame o di stenti, solo che in uno dei casi non l'avreste mai saputo e non ve ne sarebbe fregato nulla". Non è necessariamente un'ammissione di colpa.

La tua interpretazione è coerente se il cane è, effettivamente morto. Se fosse scappato era più ovvio dire qualcosa tipo "finchè è stato qui l'abbiamo sfamato, adesso che è tornato per strada potrebbe anche essere morto".

Faccio una ipotesi. Habacuc espone il cane e lo accudisce. Dopo tre giorni di mostra, la mattina vanno a prendere il cane e lo trovano morto. Per cause naturali. A questo punto l'opera di Vargas non c'è più. Pazienza. Dopodichè scoppia il putiferio mediatico e la galleria e Vargas si sentono accusare di averlo fatto morire. Dire la verità? Non sarebbero creduti. Dicono che è scappato e che non si sa che fine ha fatto. Ma finchè è stato con loro è stato bene.

Potrebbe essere accaduto questo?
Come anticipato, ho spedito la mail all'OIPA Italia per avere, finalmente!, il link del mea culpa di Vargas pubblicato via web (almeno da loro comunicato).

Attendo fiducioso la risposta.

Comunque, tanto per capire che clima c'è in giro, in un forum a cui partecipo ho sollevato dubbi sull'autenticità della storia e ho semplicemente chiesto all'utente che aveva spronato ad aderire alla petizione se, fosse verificato che era tutta una bufala, avrebbe partecipato ad una doverosa contro petizione di scuse.
Risposta negativa perché "non ho offeso Vargas" invitando ad aderire alla petizione.
Bravissimo Asimov. La vicenda
presenta molti punti oscuri e poco chiari. Quindi la cosa più sensata sarebbe non diffondere nulla fin quando non si è sicuri. Altrimenti si incappa in una cosa chiamata "diffamazione" oltre che fare l'ennesima figura dei boccaloni se si scoprisse che la storia non è andata come è stata presentata. Avete presente quei giornalisti che, quando si parla di un omicidio, gettano dei sospetti su una persona e questa diventa automaticamente colpevole? Questo perchè la gente, di suo, ci mette quello che non viene detto.

Il punto è che tante persone (praticamente tutti quelli che hanno firmato o hanno inoltrato l'appello) di fronte all'ipotesi del dubbio, scelgono preventivamente di stare dalla parte del cane per via di tutti i luoghi comuni già illustrati da Paolo (l'artista è sempre maledetto e arrivista, il museo che deve farsi pubblicità, gli abitanti di quei paesi non rispettano gli animali maltrattati ecc...)

E ovviamente sono tutti dalla parte del cane. Io pure sono dalla parte del cane, qualunque sia la verità. Però finchè non viene chiarita la faccenda, non vado ad insultare questo personaggio, non vado ad augurargli la morte, non vado a lasciare il mio nome su una petizione, non vado in tv a lanciare anatemi.


Inoltre
Ho avuto un cane.
E lo tenevo all'interno della cancellata del giardino, perchè se fosse scappato avrebbe potuto finire sotto una macchina o mordere qualcuno.
Nonostante questo è scappato spesso e volentieri.
E, all'ora di pranzo, è sempre tornato.


Appunto. E' normale che un cane possa scappare. Poi il tuo era abituato ad avere una casa ed un padrone, quindi tornava indietro. Ma ci sono alcuni cani che hanno scarso senso dell'orientamento o che danno subito confidenza ad altre persone e le seguono, per poi trovarsi in luoghi che non conoscono.
Comunque, tanto per capire che clima c'è in giro, in un forum a cui partecipo ho sollevato dubbi sull'autenticità della storia e ho semplicemente chiesto all'utente che aveva spronato ad aderire alla petizione se, fosse verificato che era tutta una bufala, avrebbe partecipato ad una doverosa contro petizione di scuse.
Risposta negativa perché "non ho offeso Vargas" invitando ad aderire alla petizione.


Come volevasi dimostrare...per il popolo internet gettare ingiustamente fango sull'operato di una persona non è considerato qualcosa di cui scusarsi. Intanto questo artista, se mai diventerà famoso, sarà sempre e solo ricordato per "quello che ha ucciso un cane".
Come volevasi dimostrare...per il popolo internet gettare ingiustamente fango sull'operato di una persona non è considerato qualcosa di cui scusarsi. Intanto questo artista, se mai diventerà famoso, sarà sempre e solo ricordato per "quello che ha ucciso un cane".

Io sono stato abbastanza zittino perche' lo scopo della discussione e' di verificare se si tratta di una bufala, e fin qui eravamo tutti d'accordo. Pero' davanti ad affermazioni come questa non si puo' tacere: che sia morto o no, il cane e' stato USATO, SFRUTTATO ed ESIBITO per pubblicizzare un illustre sconosciuto. Io uno che fa 'ste cose non lo chiamerei artista: prenderesti un bambino dal Darfur per esibirlo in un angolino di una mostra? Nessun modo migliore per "sensibilizzare l'opinione pubblica". Poi ti metti sulla fronte l'etichetta di "artista" (che guarda caso fa rima con "nazista")?

Saro' all'antica ma per me l'artista si esprime diversamente.
Le uniche cose vere al momento sembrerebbero: un tizio sedicente "artista" ha la geniale idea di esibire un cane legato alla catena per un tot di ore, si sparge la voce che il cane viene lasciato morire di fame, arrivano le smentite, finisce la mostra e il cane sparisce, lo psicopatico e il direttore della mostra non sanno piu' nulla del cane.

Qui gatta ci cova... un sospettino sul "quanto glene frega" della bestiola me lo permetterete, spero.
Caro Paolo,
grazie per il tuo blog e il servizio Antibufala sempre utilissimi! Ti segnalo che, come accenno nel mio modesto blog, anche sul "Tuttolibri" della "Stampa" sono cascati nella condanna dell'artista presunto torturatore di animali. Ovviamente segnalo il tuo "debunking".

Ciao,
Daniele
Per Maurizio Grillini

rispondo per me, ovviamente, ma quello che hai scritto tu l'avevo già detto anch'io nel mio primo intervento qui. È fuor di dubbio che mettere in mostra un cane randagio e poi, terminata la mostra, magari lasciarlo di nuovo libero per strada tutto può essere tranne che arte (in effetti siamo più vicini alla provocazione). Ma, sempre riprendendo quanto detto nel mio intervento citato, non perdiamo d'occhio l'oggetto della contesa, che non è "l'aver messo in mostra un cane" è "l'aver messo in mostra un cane lasciandolo morire di fame" perché è su quello che è basata la petizione e la notizia da verificare.

E se la morte del cane è falsa, trovo doveroso fare una contropetizione pro Vargas, magari accompagnata da una contro l'aver messo usato un cane per suoi scopi "artistici".

Non è che se condanni uno per omicidio poi puoi cavartela dicendo: "Ah! Non era un assassino? Be', però ha sputato per terra, quindi andava comunque condannato!".

p.s.: aggiornamento mail. Ancora alcuna risposta. Attendo fiducioso.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Asimov:
"La tua interpretazione è coerente se il cane è, effettivamente morto. Se fosse scappato era più ovvio dire qualcosa tipo "finchè è stato qui l'abbiamo sfamato, adesso che è tornato per strada potrebbe anche essere morto".
Il discorso "perchè scassate" più che altro è quello che penso sia il succo della risposta di Habacuc alle accuse di averlo ucciso... che poi se vogliamo è anche il succo della sua installazione. Finchè è un randagio come tanti destinato a morire di stenti nessuno se ne preoccupa, ma se invece pensano che muoia di fame in una mostra allora partono gli anatemi. Non è granchè coerente.

"Faccio una ipotesi. Habacuc espone il cane e lo accudisce. Dopo tre giorni di mostra[...]
Potrebbe essere accaduto questo?"

E' possibile in effetti, sarebbe una reazione comprensibile da parte dell'artista... e comunque, in ogni caso dobbiamo fidarci della parola dell'artista, a meno di chiamare il CSI per stabilire se il cane sia morto o fuggito.

Per quelli che dicono che il cane sia stato "sfruttato"... quella di essere legato a una catena, e ricevere cibo in cambio di un "servizio " non è la stessa cosa che è sempre stata fatta al cane da guardia?
Non capisco perch� quando un animalista si indigna per un maltrattamento contro un animale, debba sempre essere accusato di ipocrisia. Sono stufa di sentirmi accusare se combatto contro le sofferenze inflitte agli animali, con la solita scusa, di non fare altrettanto per i bambini. E' la stessa cosa: chi fa soffrire un animale � mosso dallo stesso desiderio di violenza di chi sfrutta i bambini o le donne o popoli che crede inferiori. La matrice della supremazia � unica. Spero sia veramente un falso la notizia contro cui "credulonamente" ho firmato, ma non voglio essere criticata perch� ho firmato in favore di un animale. L'errore � forse stato quello di firmare senza conoscere bene l'argomento .. come ho fatto altre volte, non solo in favore di animali. valentina
Per quelli che dicono che il cane sia stato "sfruttato"... quella di essere legato a una catena, e ricevere cibo in cambio di un "servizio " non è la stessa cosa che è sempre stata fatta al cane da guardia?

Il cane alla catena in cambio di un "servizio" e' comunque oggi inutile: il cane e' il primo a essere fatto fuori dai ladri. Che la catena sia una brutalita', non saprei, in genere si mette ai cani addestrati alla difesa (che poi diventa in certi casi aggressione), e questa si e' un'inutile barbarie. Di certo non me la sentirei di tenere un cane alla catena a meno di doverlo tutelare dal rischio di vederlo "ruotato".
Se poi si vuole allargare la discussione ai guinzagli e ai collari, la mia cagnolina viene dal canile, era adulta e non l'abbiamo "ammaestrata" ma fin dal primo giorno:
- salta sulla sedia e abbassa il collo per farsi mettere il guinzaglio
- guai toglierle il collare: va nel panico
- non ci segue quando andiamo in campagna, a meno che non abbiamo in mano il guinzaglio (anche se non attaccato al collare - una sorta di "coperta di Linus")

Il cane ha bisogno dell'uomo e lo ricambia generosamente, non e' il caso di usarlo per "fare una provocazione": si usa caffettiera, una tazza del water, un vibratore, ma il cane... e' gia' "usato" male al naturale.
@valentina
Qui nessuno se la prende con gli animalisti in quanto tali. L'accusa (se così possiamo chiamarla) è verso tutti coloro che pensano di poter risolvere i problemi del mondo con un click.

Ricordiamo che le petizioni online hanno valore legale ZERO.

Quindi l'ipocrisia non è quella di prendersi cura degli animali ma quella di farlo solo quando si conosce la presenza di una petizione online
"Qui nessuno se la prende con gli animalisti in quanto tali."

Io sì.

Cosa vuol dire essere "animalisti"?
Vuol dire che non devi infliggere pene inutili agli animali? Che devi trattare gli animali con "umanità"?

Beh, si chiama "rispettare la legge". Sì, la legge c'é.
E, se anche così non fosse, non dovrebbe essere "normale" trattare bene gli animali? Quindi, semmai, chiamiamo bastardi quelli che non lo fanno.
Devo avere una tessera per comportarmi "normalmente"? Quelli che si chiamano "animalisti", "ambientalisti" e altri club senza senso, non sono altro che gente normale, magari un bel po' esibizionisti, che fa cose normali spacciandole per straordinarie.

Quindi sì, io ce l'ho con gli "animalisti".
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Nel programma "Alle falde del Kilimangiaro" hanno appena spacciato questa notizia per vera, con tutta l'indignazione possibile... Esiste un indirizzo al quale scrivere per segnalare che è una bufala?
Salve Paolo. Sono davvero dispiaciuta di trovare la notizia etichettata come bufala su un sito che ritengo attendibile. Mi è stato segnalato da un amico che ha sdrammatizzando dicendo "non è vero, guarda, lo dice anche Attivissimo", cosa della quale sarei stata felice in altra occasione perché generalmente controllo qui tutte le notizie che danno sentore di truffa. Questa però non lo è. Non sono soddisfacenti le informazioni che vengono fornite a testimoniare che si tratta di bufala, mi dispiace. Fosse così sono tutti dei grandi idioti, compresi la Colò che ha appena denunciato il fatto leggendo la dichiarazione di Vargas che si è scusato dell'azione.
Domando dunque, in quanto sito autorevole e preso molto sul serio, di riguardare la notizia e rivalutarla alla luce dei nuovi elementi, dovesse anche essere necessario andare fino in Costa Rica per farlo.
Con stima, Mariasilvia Patalano
Salve Paolo. Sono davvero dispiaciuta di trovare la notizia etichettata come bufala su un sito che ritengo attendibile.

Io sinceramente sono davvero dispiaciuto che la gente salti alle conclusioni senza neppure leggere bene l'articolo che mi è costato non poca fatica.

Non ho detto che la notizia è una bufala. Non c'è scritto da nessuna parte.

Va be', visto che non è abbastanza chiaro, adesso aggiungo anche la precisazione a chiare lettere nelle prime righe. Spero sia sufficientemente chiaro. Vedo che certo animalismo porta davvero alla fettasalamite acuta. La cosa che mi scoccia è che in questo modo si finisce per dimostrare che l'artista aveva ragione.
Io sinceramente sono davvero dispiaciuto che la gente salti alle conclusioni senza neppure leggere bene l'articolo che mi è costato non poca fatica.
Vedo che certo animalismo porta davvero alla fettasalamite acuta. La cosa che mi scoccia è che in questo modo si finisce per dimostrare che l'artista aveva ragione.


Paolo, sante parole. E spiace che per colpa di quelli con la "fettasalamite" (bellissima questa!) anche gli animalisti seri, quelli che non firmano petizioni inutili e non diffondono notizie non confermate, si vedono messi -ingiustamente- nel mucchio.
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Dan,

ho cancellato il tuo ultimo commento perché non è corretto insultare le persone.

Riformulalo senza quel "povera deficiente", per favore.
L'intervento di hijima è la "versione buona" di quanto si riceve in rete se solo si "osa" mettere dubbi su questa vicenda. Chiarisco: fossero tutte come quella di hijima le repliche, ben vengano, essendo di toni e parole più che educate, anche se il tema di fondo non cambia. Ovvero: documentarsi per appurare se la storia sia autentica o meno, equivale, per coloro che hanno firmato ad occhi chiusi la petizione, che si sta dicendo che sia falsa.
In un forum a cui partecipo, come già anticipato, il solo fatto di aver, nell'ordine:
- linkato la smentita del museo pubblicata da La Prensa
- linkato la presente indagine di Paolo
- aver espresso il personalissimo parere che stando così le cose poteva anche essere la cosa tutto un falso e/o una montatura (esprimendomi, a naso, a favore della falsità)
- aver semplicemente chiesto che se si fosse verificato che era tutto falso chi aveva promosso (nel forum) la firma alla petizione (ovvero a linciare mediaticamente Vargas) si sarebbe reso disponibile a firmare una contropetizione di scuse
- aver lasciato una importante porta aperta a favore della veridicità della storia, ovvero il famoso mea culpa via web di Vargas citato dall'OIPA, da me definito prova definitiva a favore dell'autenticità

ebbene a fronte di tutto questo ho ricevuto insulti gratuiti (tipo storpiarmi il nick name in Fido facendo anche intuire che sono al soldo di Paolo Attivissimo, il quale probabilmente mi pagherebbe per fargli da "portavoce" nei vari forum), arrampicature sugli specchi e/o contraddizioni lampanti, smentire affermazioni mai fatte dal sottoscritto, addirittura citare fonti da me prima utilizzate ribaltandole a proprio favore.
Il tutto, ovviamente, senza rendersi mai conto che (almeno il sottoscritto) stava in realtà cercando di trovare quel famoso mea culpa che, per l'appunto, andava a favore di chi crede nell'autenticità della storia.

A proposito, tanto per chiarire come sono pericolosi certi ragionamenti preconfezionati, se io dovessi usare lo stesso metro usato da chi ha firmato la petizione senza verificare, potrei dire: giovedì ho mandato una mail all'OIPA per avere il link delle scuse di Vargas da citate in un suo documento. Dato che a tutt'oggi non ho ricevuto la benché minima risposta, allora significa che tali scuse via web di Vargars non esistono.
Cosa che ovviamente non mi sogno di fare, ma che contro Vargas è stato fatto.

p.s.: Paolo, per la percentuale sui guadagni che hai dalla CIA per l'11/9,e che mi spettano per farti da portavoce scodinzolante, ci vediamo al solito posto alla solita ora. D'accordo? :-))
Paolo, almeno potevi segnalarmelo *prima* di cancellarlo... ora come puoi pretendere che mi ricordi un post così lungo..?
Va beh lascia perdere, spero che l'abbiano letto quelli a cui era indirizzato.
Dan, eccoti il testo, tolta la parte di insulti:

L'indignazione, o accusa di ipocrisia, è per quelli che normalmente se ne fregano di tutto e tutti. Quando gli arriva l'email dall'amico però si arrabbiano contro il cattivone di turno, firmano la petizione, e con quello si sentono la coscienza a posto quando in realtà non hanno ottenuto un bel niente. Quello è fare l'animalista quanto io faccio la parrucchiera per signora.

"Nel programma "Alle falde del Kilimangiaro" hanno appena spacciato questa notizia per vera, con tutta l'indignazione possibile..."
Non me ne stupisco affatto. Licia Colò ha il senso critico sotto la media dei perpetuatori di catene, l'ha dimostrato quando perseguì con foga la crociata contro bonsaikitten e da allora ha perso ogni stima da parte mia. Sarà perchè è bionda..?

Per maurizio grillini:
ciò non toglie che il cane da guardia fosse usato è lo è tuttora diffusamente, se non altro come preallarme contro intrusioni, o come primo deterrente. Il collare con guinzaglio è tutto un altro discorso, non fosse altro per evitare che corra in mezzo alla strada o che si azzuffi con un cane tre volte lui, con ovvie conseguenze.
Poi dipende tantissimo dal carattere e dall'intelligenza del cane: nel tuo caso, probabilmente la cagnetta considera il collare come un tesoro da te regalato, o come un simbolo di appartenenza al "branco" della tua famiglia.

Per john_wayne:
dal momento che a quanto pare non è comune il comportamento che sarebbe ovvio, ovvero amare gli animali, non vedo così sbagliato ribadire se lo siamo. E' come per gli ambientalisti: se danneggiamo l'ambiente poi si riflette su noi stessi, dovrebbe essere necessario richiamare chi comunque se ne frega, ed evidenziare la differenza tra chi ha a cuore l'ambiente e chi no? A quanto pare sì.
Trovo affascinante che si possa generalizzare con la disinvoltura e la faciloneria utilizzate in questo post.
Trovo affascinante che si possa generalizzare con la disinvoltura e la faciloneria utilizzate in questo post.

Io invece trovo affascinante che si possa leggere con faciloneria e disinvoltura un post e accusarlo di disinvoltura e faciloneria.
Trovo affascinante che nessuno abbia il coraggio di dire "avete ragione, ho sbagliato a diffamare una persona senza che fosse provata la sua colpevolezza".
Spero che un giorno non tocchi a voi stare dall'altra parte della catena.

PS. Io anni fa ero il primo che diffondeva mail e catene, tra cui un sacco di tesi a favore del complotto dell'11/9. E quando mi sono accorto che tante erano bufale o ca***te, sono stato il primo a chiedere scusa e dire di non dover credere a quelle parole.
Non posso contribuire minimamente all'indagine, scopo di questo blog, ma una manciata minuti per la discussione posso permettermela.

Firmare una petizione non e' del tutto inutile, serve a smuovere le coscienze e ad aggregare. Non ci si aspetti di smuovere le montagne, pero'. Ne ho firmate poche e solo per argomenti che mi stavano veramente a cuore, in questo caso sono stato alla larga perche' appena sentita la notizia in TV mi sono precipitato a verificare qui da Paolo. Non tutti conoscono Attivissimo e non e' il caso di insultare per questo: forse la colpa e' nostra, che non facciamo abbastanza per farlo conoscere. Mi spiego: bazzicando per il web ho trovato personaggi che sfatano le bufale usando termini di Paolo, senza citarne l'autore e facendo proprie le sue indagini. Esclusi i presenti, naturalmente, che sono certo potranno confermare. Citare la fonte servirebbe a far conoscere meglio questo blog e Paolo. E a far utilizzare meglio il web.

Firmare le petizioni quindi solo dopo esser certi di quel che si fa e non per mettersi in pace la coscienza. Bisogna anche agire, impegnarsi in prima persona.

E' saltato fuori l'argomento "animalisti" come se una parte della societa' dovesse prendersi carico dell'altra. Stiamo attenti a non scadere nelle etichette e finire nell'errore di dire "io non sono animalista ma...". Tutti dobbiamo essere anche animalisti, come ha detto giustamente Replicante Cattivo ("sentimento animalista che regna in tutti noi"). Usare il termine "animalista" sta diventando tortuoso al punto che john_wayne ha dovuto fare il distinguo "animalisti in quanto tali" e Paolo ha dovuto parlaro di "certo animalismo" e di "animalista DOC".

Tutti siamo d'accordo col fatto che ciascuno di noi debba avere un senso di affetto e rispetto verso la natura ed essere anche orgogliosamente animalista ed ecologista, senza estremismi, ma senza aspettare che siano altri ad indignarsi.

Per questo trovo positivo che, anche sbagliando, molti si siano aggregati intorno alla petizione.

Il fatto che alcuni sono saltati alle conclusioni senza leggere l'articolo e' normale, Paolo: in Italia molti leggono solo i titoli e guardano le figure. Prova a mettere uno sfondo rosa tipo "gazzettadellosport", forse potrebbe aiutare...

L'indagine e' aperta...
A distanza di una settimana dalla smentita, Libero "abbocca" alla notizia:
http://canali.libero.it/affaritaliani/culturaspettacoli/cane1211.htm
A parte che Libero non è certo famoso per andare in punta di fioretto sulle notizie, tantomeno è famoso per la "delicatezza" delle immagini e filmati proposti (basta vedere il link presente nella stessa pagina di quell'articolo, da non aprire se siete deboli di stomaco).
Quindi ovvio che preferisce puntare sullo scalpore della notizia, sapendo che ben pochi andranno a verificare (come ovviamente non hanno fatto nemmeno loro).

Ed ecco perchè Licia Colò o la Dalla Chiesa non vanno considerate una "conferma" della notizia.
Qualcuno dice "ma improvvisamente diventano tutti stupidi e postano notizie senza verificare prima?"

Forse tutti tutti no...ma io mi sento di rispondere "evidentemente sì..."
Buonasera Paolo. Grazie della risposta e per aver scritto a chiare lettere che il post, sebbene fosse inserito nel tag "antibufala", non voleva necessariamente essere considerato tale. Tornerà utile a tutti coloro che hanno letto tutto ed hanno comunque commentato divertiti che questa *bufala* ricorda quella dei bonsaikitten, o che ci sono cascati anche alle agenzie e addirittura la Colò che bisognerebbe s'informasse prima. Siamo in molti ad affettare salami, evidentemente. Ciò che ritenevo importante era semplicemente sottolineare chiaramente che l'articolo non dichiara la notizia in tutto e per tutto come bufala, è stato fatto e per questo ringrazio. Dovesse poi spuntar fuori che è tutto un grosso scherzo sarò la prima a dichiararsi povera imbecille. Buon lavoro.
comunque sia, bufala o no, che lui abbia utilizzato un cane (che stava male tra l'altro) come un oggetto tenendolo esposto legato ad un centimetro di ferro non è stato simpatico lostesso......
Lo invito caldamente a utilizzare il proprio corpo la prossima volta che ha voglia di fare una denuncia di questo tipo, anzi visto che ci sono gli lancio un'idea, appeso a testa in giù vestito di arancione, secondo me è un'immagine più efficace!!!!
comunque sia, bufala o no, che lui abbia utilizzato un cane (che stava male tra l'altro) come un oggetto tenendolo esposto legato ad un centimetro di ferro non è stato simpatico lostesso......

Sì ma questa è una scusante con il quale, chi ha diffuso la notizia, tenta di difendersi e non ammettere le proprie colpe.
Tu come ti sentiresti se ti facessero una multa per divieto di sosta, ma iniziasse a girare la voce che stavi guidando ubriaca, contromano cercando di stirare i pedoni (con conseguente eco mediatica)? E come ti sentiresti se, una volta dimostrato che era solo un divieto di sosta, la gente dicesse "ha commesso un'infrazione, comunque è una fuorilegge"?
E poi, anche se verrà dimostrato che l'artista ha veramente ucciso il cane, scommetto che tutti quelli che hanno inoltrato la mail festeggeranno dicendo "ve l'abbiamo detto". Beh...a forza di diffondere bufale, notizie false e incomplete, prima o poi ci si azzecca. Ma io preferisco fare il contrario: non dire niente finchè non viene confermata la notizia.


Lo invito caldamente a utilizzare il proprio corpo la prossima volta che ha voglia di fare una denuncia di questo tipo, anzi visto che ci sono gli lancio un'idea, appeso a testa in giù vestito di arancione, secondo me è un'immagine più efficace!!!!


Ok, mi sta bene criticare l'uso del cane per questi fini. Ma perchè invece la gente, quando c'è una corsa di cavalli o un circo, non fa tutto questo casino? Perchè andare a preoccuparsi di un cane dall'altra parte del mondo, quando quotidianamente da noi ci sono animali utilizzati per fini ludici?
Purtroppo non é una bufala....l'OIPA non parla di bufale e credetemi, se la notizia non fosse stata vera le associazioni animaliste che si sono occupate del caso sarebbero state ben felici di smentire questa atrocità.
Purtroppo, e tutto vero. Se cosi non fosse stato, certo le nostre coscienze si sarebbero alleggerite un pò, almeno la mia.
Scusa, ma la tua affermazione dice tutto ma non dice niente. Stai dicendo che la notizia è sicuramente vera perchè ne parla l'Oipa e che tale associazione non smentisce.
Allora a questo punto anche Studio Aperto è credibile, in quanto non ha mai smentito nessuna delle notizie che dà, anche quando sono palesemente false.
replicante, se la tua equazione sul divieto di sosta la riscrivessimo cosi: "e' come se ti fermassero con l'accusa di aver investito 10 bambini all'uscita della scuola, ma tu, povera vittima innocente, ne hai investito solo uno"?
Magari l'hai solo reso storpio, ma questo e' un dettaglio.

Prendere un cane randagio ed esibirlo in quel modo per farsi un po' di pubblicita' e uscire dall'anonimato (su google immagini non ho trovato un granche' di opere tranne il cane), ma soprattutto andare alla mostra e non alzare voce, dovrebbe farci riflettere.
Giustamente il problema e' piu' vasto, si puo' parlare di corse di cavalli, della caccia, delle corride, dei tanti palietti in cui si azzoppano cavalli e, perche' no, dell'SOS ricci. Saremmo purtroppo fuori argomento anche se ne risulterebbe la totale indifferenza dei molti ("ci pensino gli animalisti") di fronte a questi problemi.

Perchè andare a preoccuparsi di un cane dall'altra parte del mondo, quando quotidianamente da noi ci sono animali utilizzati per fini ludici?
Perche', dal momento che la notizia e' rimbalzata fino in Italia sarebbe piu' tranquillizzante per la nostra coscienza il silenzio? Non diciamo nulla, cosi "non e' successo nulla".

Ma io preferisco fare il contrario: non dire niente finchè non viene confermata la notizia. Replicante, se non si fosse detto nulla non sarebbe neppure partita l'indagine e non si sarebbe saputo nulla neppure dell'esposizione di un cane randagio per fini artistici, per poi rilasciaro al suo destino di randagio (piccolo e insignificante dettaglio). Chi ha dato la notizia avrebbe dovuto solo avere l'accortezza di usare il condizionale.

Non capisco il ragionamento del "ve l'abbiamo detto". In entrami i casi, vero o falso, ci sara' qualcuno che "festeggera'" (che c'e' poi da festeggiare?). Probabilmente anche tu.
Io non festeggero', perche' per me la notizia di un animale esibito "per l'arte" e' squallida a prescindere.
replicante, ti stai arrampicando sugli specchi, sarebbe carino se alla tua discesa ti aspettasse un bel mastino napoletano e ti trasformasse in un'opera d'arte!!!
Io sono un'artista mi servirebbe giustappunto uno scarto umano di pasto di animale, questo per testimoniare che alla fine siamo tutti fatti di ossa e sangue........
Comunque, ripeto per l'ennesima volta, visto che si tira sempre fuori senza leggere gli interventi precedenti l'OIPA ed il suo comunicato, io le ho spedito una mail in cui mi indicassero (almeno) il link delle scuse via web di Vargas in cui afferma di aver lasciato morire il cane.

Mail spedita giovedì e tutt'ora senza risposta. Ragionando come chi si è scagliato contro Vargas perché cosa aveva trovato scritto nei vari blog, dovrei concludere che, se l'OIPA non mi risponde, allora le scuse di Vargas non esistono e quindi il comunicato è falso.

E, altrettanto come al solito, siamo sempre a voler perdere di vista la notizia che era "Vargas ha esposto un cane lasciandolo poi morire di fame" e non "Vargas ha esposto un cane". Altrimenti siamo al consueto: "abbiamo colpevolizzato uno, qualcosa avrà pur fatto. Se non è la morte del cane, allora sarà la sua esposizione". Ovvero: prima si trova il colpevole, e poi la colpa. E se qualcuno cerca di appurare la verità, giù insulti e minacce. (non qui, ma in altri forum).
replicante, se la tua equazione sul divieto di sosta la riscrivessimo cosi: "e' come se ti fermassero con l'accusa di aver investito 10 bambini all'uscita della scuola, ma tu, povera vittima innocente, ne hai investito solo uno"?

Beh, non è proprio lo stesso esempio; nel mio caso, cambia la "qualità" del reato commesso, nel tuo caso la "quantità". Un assassino rimane tale sia che abbia ammazzato 1 o 10 persone.
Però, se un tg dicesse che quell'uomo ha ammazzato 10 persone, ma invece ne ha ammazzato una sola, la notizia risulterebbe comunque gonfiata e falsa. Probabilmente non cambierebbe nulla nell'opinione che ci facciamo su di lui, ma non è comunque qualcosa da sottovalutare.

ma soprattutto andare alla mostra e non alzare voce, dovrebbe farci riflettere.

Questa è un'altra informazione dedotta dai vari blogger. Chi ci dice che il pubblico non abbia fatto nulla se dopo 3 giorni questa notizia ha fatto il giro della rete? Magari qualcuno ha urlato allo scandalo avanti all'opera, la stessa persona che poi ha raccontato la vicenda. Oppure ci aspettiamo che le persone si scaglino a liberare a forza il cane, quando in un museo ci sono delle guardie apposite per sorvegliare le "opere"?

Perche', dal momento che la notizia e' rimbalzata fino in Italia sarebbe piu' tranquillizzante per la nostra coscienza il silenzio?

Quante settimane sono passate? Quanti animali hanno sofferto in questi giorni, mentre si discute di un cane che non si sa neanche se sia ancora vivo o no. E' come quando in Italia (perdonami l'analogia) si sono messi tutti a piangere il piccolo Tommy, mentre nel mondo ci sono migliaia di bambini che muoiono, ma senza risonanza mediatica.

Non diciamo nulla, cosi "non e' successo nulla".

Et voila! Ecco, quando si parla di fette di salame. Ma li hai letti i miei post? Non ho detto che non bisogna preoccuparsi di questa storia, ho detto che non è giusto diffonderla quando non ci sono fonti certe che le cose siano andare realmente in un modo o nell'altro.

se non si fosse detto nulla non sarebbe neppure partita l'indagine

Certo. Ma magari il tempo utilizzato per questa indagine si poteva usare per qualcos altro di più utile. I siti "antibufala" nascono solo perhè devono rimediare all'impulsività della gente, che diffonde qualunque cosa.

e non si sarebbe saputo nulla neppure dell'esposizione di un cane randagio per fini artistici,

Ci sono tanti cani che vengono colorati, profumati e addestrati per fini artistici (le mostre). Non mi pare un mistero. E non dire che loro sono felici di farsi colorare e toelettare in mezzo a tutto quel casino.

per poi rilasciaro al suo destino di randagio (piccolo e insignificante dettaglio).


Sarebbe comunque rimasto un cane randagio. E nessuno avrebbe mosso un dito per lui. Ma averlo messo sotto gli occhi della gente, ha risvegliato le coscienze di tutti. Quindi l'artista ha avuto ragione?

Chi ha dato la notizia avrebbe dovuto solo avere l'accortezza di usare il condizionale.


Ma l'hai letta la notizia di Adnkronos? E' scritta TUTTA AL CONDIZIONALE. E' stato il mondo dei blogger a trasformarla in verità.

In entrami i casi, vero o falso, ci sara' qualcuno che "festeggera'" (che c'e' poi da festeggiare?). Probabilmente anche tu.
Io non festeggero', perche' per me la notizia di un animale esibito "per l'arte" e' squallida a prescindere.


No, io non festeggerò in nessun caso.
-Se la notizia fosse falsa: il popolo di internet ha perso un'altra occasione per dimostrare di avere imparato come si gestiscono le informazionie. Poi non lamentiamoci dei giornalisti, dato che noi stessi non sappiamo farlo.

-Se la notizia è vera: un animale è stato barbaramente ucciso da un artista senza scrupoli. E, anche se il popolo web ha azzeccato, il modo in cui l'ha fatto è sbagliato: allora io domani prendo l'elenco telefonico del mio paese, mi segno tutti i nomi e inizio a spargere la voce che Tizio, Caio, Sempronio... tradiscono la moglie con una prostituta. Beh, probabilmente su 10mila nomi, una volta azzeccherò, no?
Quindi se, una volta, il popolo delle "catene" ha azzeccato, rimane comunque una mentalità del tipo "io lo dico, poi se è falso, pazienza. Ma se è vero avrò fatto la mia parte".

In ogni caso avremmo perso tutti.

replicante, ti stai arrampicando sugli specchi,

A me sembra che tutti voi, pur di non ammettere che non ci sono conferme ufficiali alla notizia, stiate facendo lo stesso.
A me sembra che tutti voi, pur di non ammettere che non ci sono conferme ufficiali alla notizia, stiate facendo lo stesso.

replicante cattivo contro "resto del mondo"? Su dai, se il problema e' la quantita', facciamo che prendi sotto 1 solo bambino (e non 10), non lo uccidi ma gli spezzi la gambina (che si trascinera' per tuta la vita). Va meglio?

La notizia e' rimbalzata qua e la senza il condizionale (udita a un tg, ma forse avevo il salame anche nelle orecchie?).

In tutto il resto non trovo nulla di utile e costruttivo in quello che hai scritto. Prendere un cane randagio ed esibirlo perche' "sarebbe comunque rimasto un cane randagio" equivale a esporre un bambino denutrito dal Darfur e farlo morire di fame perche' "sarebbe comunque rimasto un bambino denutrito".

Prova a fare un giro presso un canile e capirai subito che un cane non ha bisogno solo di una scodella d'acqua e una scatoletta.

Rado, purtroppo non tutti quelli che espongono l'indirizzo di posta elettronica sul sito possono rispondere a chi scrive: mancanza di risorse o (peggio) paura del mezzo. Prova a scrivere di nuovo mandando il link di questa discussione, chissa'...
Su dai, se il problema e' la quantita', facciamo che prendi sotto 1 solo bambino (e non 10), non lo uccidi ma gli spezzi la gambina (che si trascinera' per tuta la vita). Va meglio?

E non ti sembrano due cose ben diverse? Se il bambino fosse tuo figlio, per te sarebbe uguale avere un figlio zoppo o avere un figlio morto?
Inoltre, chissà perchè, anche per un giudice è ben diverso il fatto che tu, investendo una persona, lo uccida o gli faccia del male.
E se fossi tu l'investitore che, involontariamente, commette tale "reato"? Per te sarebbe la stessa cosa se la gente ti giudicasse un asssassino anche se non hai ucciso nessuno, dando una notizia distorta?

La notizia e' rimbalzata qua e la senza il condizionale (udita a un tg, ma forse avevo il salame anche nelle orecchie?).

La notizia è stata pubblicata PER PRIMA da Adnkronos, che ha scritto "si dice che..." e ha usato tutti i verbi al condizionale. I blogger l'hanno riportata con un copia incolla, ma subito hanno preso per vere queste voci. Il passaparola ha fatto il resto
E i tg hanno fatto lo stesso errore (quante bufale sono andate in tv o sui giornali). Il tg che ne ha parlato cosa ha mostrato? Interviste? Filmati? Vediamo: scommetto che ha letto la notizia senza neanche un servizio, oppure inframezzandolo con le foto di adnkronos. Questo la rende reale?
Ti ricordo la notizia di qualche settimana fa, di quel vecchietto sorpreso a rubare un pacco di pasta perchè non aveva più soldi: era una BALLA, inventata da un giornalista sardo. Ma tutti i tg hanno ripreso la notizia pari pari. Quindi il fatto che possano aver parlato ancheh di questo, non solo non mi stupisce, ma sicuramente non è indice di verità, se non suffragato da interviste, foto e filmati.

Prendere un cane randagio ed esibirlo perche' "sarebbe comunque rimasto un cane randagio" equivale a esporre un bambino denutrito dal Darfur e farlo morire di fame perche' "sarebbe comunque rimasto un bambino denutrito".

Tutti i giorni muoiono migliaia di bambini per colpa della fame, delle multinazionali,dell'aids (grazie a chi vieta l'uso dei preservativi),
delle bombe intelligenti, delle mine antiuomo. Eppure però l'Italia si è commossa e ha pianto per Tommy; tutti gli altri bambini rimangono anonimi. Come vedi l'ipocrisia regna dappertutto.

Inoltre decidetevi: il cane è morto? è scappato? è stato rilasciato?
Io, non avendo altre versioni "ufficiali" ho solo la versione, sottoscritta dal museo, per cui il cane è scappato (quindi se è morto di fame lo ha fatto "coscientemente"). Fin'ora nessuno ha messo il proprio nome per sostenere un'altra tesi, quindi per ora l'unica versione è quella del museo. Se poi vogliamo non crederci "a prescindere", allora...
a Maurizio Grillini:

infatti di mio non avevo tratto alcuna conclusione. So benissimo che il non aver risposto ad una mia mail può dipendere da più ragioni, come quella, banale, che non sia mai arrivata al destinatario o si sia persa nei filtri antispam (succede, ad esempio, nei programmi che usano i commercialisti di Padova e dintorno che interpretano come spam le mail dei notai).
Avevo solo "provocatoriamente" detto che dovessi usare lo stesso metro di lettura di chi si è gettato lancia in resta sulla petizione, allora dovrei dedurre che: "non mi avete risposto? allora significa che quanto avete riportato è falso". Io sono ancora fermo al detto giuridico: "chi tace non dice niente", altri credono nel "chi tace acconsente".
Solitamente lascio "decantare" una settimana le mail: quindi domani la rimanderò.
Replicante, ho detto la mia e hai detto la tua, mi ripeterei. Il tuo discorso non mi convince per niente: tu hai l'obiettivo di dimostrare se la morte del cane e' una bufala o no, io aspettando i risultati, non posso non indignarmi alla sola idea di aver esibito un cane per farsi conoscere. Mi colpisce pero' questa frase:

Io, non avendo altre versioni "ufficiali" ho solo la versione, sottoscritta dal museo, per cui il cane è scappato (quindi se è morto di fame lo ha fatto "coscientemente") , cioe' (mi sembra di leggere) il cane ha preferito alla "gogna" una dignitosa fuga con annessa la morte per fame.

Ora mi chiedo: chi ha dato la lima a quella povera bestia per tagliare la catena?
Il tuo discorso non mi convince per niente: tu hai l'obiettivo di dimostrare se la morte del cane e' una bufala o no, io aspettando i risultati, non posso non indignarmi alla sola idea di aver esibito un cane per farsi conoscere.

Vedi che hai sviato il discorso. Pure io mi indigno verso chi utilizza gli animali per fare spettacolo. Se la notizia fosse vera, odierò l'artista per quello che ha fatto; se si dimostrasse una bufala, mi indignerò perchè la sua provocazione è stata di cattivo gusto (anche se ha funzionato).
Ma aspettando i risultati io avrei evitato di mandare in giro una notizia che A TUTT'OGGI non è ancora stata confermata.
A questo punto, dato che le mie parole ti scivolano addosso, cito Rado il Figo

E, altrettanto come al solito, siamo sempre a voler perdere di vista la notizia che era "Vargas ha esposto un cane lasciandolo poi morire di fame" e non "Vargas ha esposto un cane". Altrimenti siamo al consueto: "abbiamo colpevolizzato uno, qualcosa avrà pur fatto. Se non è la morte del cane, allora sarà la sua esposizione". Ovvero: prima si trova il colpevole, e poi la colpa. E se qualcuno cerca di appurare la verità, giù insulti e minacce. (non qui, ma in altri forum).

Che racchiude in poche righe il senso di tutta la discussione.

cioe' (mi sembra di leggere) il cane ha preferito alla "gogna" una dignitosa fuga con annessa la morte per fame.

NO: io voglio dire che per ora c'è il museo che dice una cosa ("il cane è scappato"), ponendoci la firma ed è la sua parola...contro quella di chi? Nessuno ha ancora proposto una tesi alternativa, o meglio: nessuno in particolare! Questo perchè solo le voci del popolo web che per principio rinuncia a credere alle parole del museo. Però nessuno ha delle prove o quantomeno degli elementi che possano contrastare questa tesi...solo voci.

E poi, se un cane ha vissuto libero per strada, il suo primo istinto è quello di ritrovare la libertà che non quello di scegliere "vitto e alloggio garantiti".

Ora mi chiedo: chi ha dato la lima a quella povera bestia per tagliare la catena?

Dato che il museo ha sostenuto che il cane fosse legato solo nelle 3 ore della mostra, dove lo hai letto che veniva tenuto legato anche negli altri momenti?
"Dan, eccoti il testo, tolta la parte di insulti:[...]"
Grazie infinite per il "recupero" Paolo. Sai com'è, quando hai scritto un testo di una certa lunghezza dispiace vederlo sparire così... come giornalista penso capirai.
Va bene così, il senso rimane comunque anche senza la "qualifica" che avevo dato. (non pensavo che un "deficiente" portasse alla rimozione, dopo quello che abbiamo sentito con scie chimiche, 11 settembre e affini...)
Replicante, cito me stesso (secondo intervento): Io sono stato abbastanza zittino perche' lo scopo della discussione e' di verificare se si tratta di una bufala, e fin qui eravamo tutti d'accordo.

Cerco comunque di dare contributi che siano utili all'indagine: un cane, se trattato bene, se ne sta nel "branco" a meno che non sia in calore. In genere e' il "padrone" a disfarsene (gran parte degli ospiti dei canili sono cani da caccia vecchi e quindi inabili al lavoro). Da parte del "padrone" deve esserci comunque attenzione.

E' gia' dfficile credere che sia venuta l'idea di esporre il cane per motivi "artistici", ancor piu' difficile credere che i visitatori siano passati davanti al cane senza dire "beo" (numero di visitatori da accertare, direttamente proporzionale alla fama del sedicente artista). Quando poi finisce la mostra (dopo la fine della mostra, quando il cane non serve piu', oppure durante?) il cane sparisce misteriosamente... beh, allora quel sedicente merita proprio il premio sfiga 2007.
Se poi risultasse tutto vero, meriterebbe di essere sepolto nel silenzio e di non essere citato neppure per il premio Ig Nobel.
Certo che se qualcuno (l'OIPA?), da qualche parte del mondo, citasse (a maggior ragione senza documentarlo) una mia fantomatica lettera di scuse, e questa fantomatica lettera di scuse facesse il giro della rete, io ne verrei a conoscienza e mi incazzerei non poco, e la smentirei certamente, se non è vero che l'ho scritta. Ed anche la mia smentita farebbe il giro della rete. Morale: perchè Vargas non replica alla diffusione non documentata di questa sua fantomatica lettera di scuse, se non l'ha mai scritta? Ennesimo mistero della vicenda...
Se qualcuno, da qualche parte del mondo, avesse scritto (a maggior ragione senza documentarlo) di una mia fantomatica lettera di scuse che non ho mai scritto, e questa comunicazione facesse il giro della rete, io ne verrei a conoscienza, e mi incazzerei, e denuncerei la fonte menzognera. Ed anche questo farebbe il giro della rete. Morale: perché Vargas non replica alla diffusione da parte dell'OIPA di una sua lettera di scuse non documentata? Ennesimo mistero della vicenda...
ops, scusate il bis, pareva scomparso il mio post e invece l'aveva preso. chiedo venia...
A Papere:

il tuo è un ragionamento logico, però la ragione della mancata controreplica di Vargas potrebbe essere la stessa per cui quand'è venuta a galla la notizia non veniva citata la smentita del museo (che al peggio il 31 ottobre 2007 è stata pubblicata sul sito de La Prensa). Ovvero volutamente ignorata.

Infatti per trovare la smentita del museo ho dovuto usare google cercando "Guillermo Vargas la Prensa" perché fermandomi a "Guillermo Vargas" trovavo solo una serie infinita di blog e siti d'informazione che avevano "ricopiato" esclusivamente l'appello senza traccia della smentita.


Poi si potrebbe girare la cosa: come mai se esistono le scuse di Vargas via web (come citato dal comunica OIPA) io non riesco a trovarle usando google?


Come vedi le ipotesi, tutte plausibili, possono portare alla direzione che si vuole.

p.s.: questo pomeriggio, passata la settimana di decantazione, rispedirò la mail all'OIPA.
Morality dictates

By: NICOLE L. BROWNER
The California Aggie Online
Issue date: 11/15/07 Section: Arts & Entertainment

Editor's note: This column is part of a monthly series questioning the definition of art. I will address specific instances from national and international arts news in which art has carried out or interpreted in an unconventional way.

There is no stronger but questionably artistic message than death. But where does morality come into play?

Last August at a Costa Rican art reception, one exhibition roused more attention than expected. In one corner of the salon-turned-gallery, an emaciated dog was tied to a wall. Its involuntary mission was to be on display as an artistic message, and was accompanied by a statement on the wall created with dog food reading "You are what you read."

The guilty artist, Guillermo "Habacuc" Vargas, had paid two children to capture the dog from the street to use for the exhibit. Already in poor condition, the dog was refused any care by Vargas' orders, and within a day of being on display it passed away.

And for those crying by the thought of a dog left to die in a white corner of an art gallery, now for Vargas' artist's statement. This display, he claimed, was a response to the death of Natividad Canada, who was killed in Costa Rica by two rottweilers guarding a place Canada intended to rob. Vargas meant to show that no concern was given to the individual until after his death, much like the starving orphaned dog.

"The importance to me is the hypocrisy of the people where an animal is the focus of attention where people come to see art but not when it's in the street starving to death," Vargas was quoted on a variety of Costa Rican blogs.

The center of attention, in this case the canine, suffered due to Vargas' artistic desire - and this makes the installation a cruel act inflicted on a helpless victim. Vargas was definitely not referencing Kafka's "A Hunger Artist." The dog did not voluntarily starve or sacrifice its own life in the name of art.

It is true that every person has a different interpretation of art, and many overlook things that others render significant. Some paint street corners because they seem interesting when others view these scenes as ordinary. Others go so far as to capture suffering specifically as a focus of their art. But is it ever justified to create suffering in the way that Vargas did and call it art? Can art be fulfilled at the expense of another's anguish?
Continued...

A utilitarian would say definitely not. A person's actions should be based upon a moral duty to minimize suffering and maximize happiness. This does not necessarily mean that Vargas should have seen this dog on the street and felt morally obligated to take it as his own, and to feed and nurture it. But it also did not mean that he should contribute to its suffering in a selfishly artistic indulgence.

The discipline of artistic expression, like many other forms of expression, has its dark side. An artist is one often motivated to create in the name of pain or use art as an outlet to release his or her own pain. It should be considered a privilege to have the talent to translate pain into aesthetic pleasure.

But like any motive to act, inflicting pain because of feeling pain is not justified. My grandma would tell Vargas "an eye for an eye makes the whole world blind."

This is also not about the fact that the dog could have probably starved on the street, as much as Vargas might use this argument to his benefit. And the issue does not generalize entirely to that of animal cruelty either (though the animal advocacy groups of Costa Rica are already on this guy's ass). It doesn't take a dog lover or a vegan activist to see Vargas' actions as immoral.

NICOLE L. BROWNER recommends that everyone go home and listen to the Gorilla Biscuits' "Cats and Dogs," because it speaks to a larger morality. And the song is an artistic expression about suffering instead of imposing it. Send thoughts to arts@californiaaggie.com.

SOURCE LINK: http://media.www.californiaaggie.com/media/storage/paper981/news/2007/11/15/ArtsEntertainment/Morality.Dictates-3103522.shtml
Cerco comunque di dare contributi che siano utili all'indagine:

L'unico contributo che si può dare a questa indagine è scoprire se la storia è vera o no. Parlare di SE e di MA o ragionare per supposizioni non serve a nulla.

un cane, se trattato bene, se ne sta nel "branco" a meno che non sia in calore.

Allora spiegami perchè tanta gente tiene il cane in un cortile recintato. Spiegami perchè a volte i cani vanno dietro le macchine, i gatti, le persone o semplicemente si incuriosiscono e se ne vanno in giro. Poi non tutti sono in grado di tornare indietro. Abbiamo tutti dei cani malati?


E' gia' dfficile credere che sia venuta l'idea di esporre il cane per motivi "artistici",

E perchè? Qui in Italia non fanno le mostre canine? Oppure parli per pregiudizio, ovvero che l'artista è sicuramente in malafede.

ancor piu' difficile credere che i visitatori siano passati davanti al cane senza dire "beo"

Anche questo è da accertare. Se dopo pochi giorni la notizia ha fatto il giro del mondo, qualcuno che ha visto, sicuramente si è lamentato. Ma ti ricordo che la notizia di Adnkronos non dice nulla a proposito.


numero di visitatori da accertare, direttamente proporzionale alla fama del sedicente artista).

Infatti nessuno ha mai detto che forse tale "opera" può essere stata vista da una 20ina di persone e non di più. Ma siccome queste informazioni non ci vengono date, automaticamente sono state dedotte dai blogger. E siccome si parla di un paese esotico, parte il pregiudizio che lo trasforma in un pubblico insensibile, rozzo e primitivo.

Quando poi finisce la mostra (dopo la fine della mostra, quando il cane non serve piu', oppure durante?) il cane sparisce misteriosamente... beh, allora quel sedicente merita proprio il premio sfiga 2007.

Ok, abbiamo capito che tu non vuoi credere alla loro versione. Ma allora chi la pensa come te, che dimostri queste sue teorie. Altrimenti rimangono solo illazioni.

Se poi risultasse tutto vero, meriterebbe di essere sepolto nel silenzio e di non essere citato neppure per il premio Ig Nobel.


Se...se...se...
Ragionate solo con i SE. Intanto avete colpevolizzato una persona, poi (cito Rado il Figo) vi preoccuperete di quantificare la colpa.
Scusate se intervengo ancora, pur non avendo ricevuto risposta dall'OIPA, ma vedo che nell'elenco di chi ha linkato la presente indagine, molto (troppo) spesso sono caduti nell'"errore" opposto, ovvero: "dato che l'ha trattato Paolo Attivissimo, allora era tutta una bufala". In realtà, come ha dovuto precisare lo stesso titolare del qui presente blog, non è ancora certo nulla.

Inoltre, tanto per farvi comprendere come si ragioni, vi copio ed incollo un messaggio trovato in uno dei tanti blog che hanno trattato l'argomento:

"Nel dubbio, firmate la petizione al link http://www.petitiononline.com/13031953/

se è veramente una bufala, avrete perso un minuto della vostra giornata, se non lo è magari avrete salvato la vita ad una povera creatura innocente, o la avrete privata di questa tortuna: una piccola corda, e niente acqua… non vedo ciotle, vicino a quella bestiola… cos’è quel figlio di p… dell’ “artista” lo abbeverava una volta al giorno? Datelo a me, questo creativo dei miei stivali… bastano cinque minuti e lo sistemo io…
Guardatevi le foto, e poi ditemi se quello è un cane nutrito…"

Tradotto:
1) nel dubbio se uno sia o meno colpevole, intanto linciamo mediaticamente; se fosse una bufala, chi se ne frega, tanto meglio. Davvero un bel modo di pensare (fin troppo comune)
2) per questo genio firmare la petizione salverebbe la vita del cane... che in teoria è morto, altrimenti la petizione non sarebbe nemmeno proposta. Fra l'altro dovrebbe spiegarmi come comunque la petizione avrebbe salvato la vita del cane nell'ipotesi che non fosse ancora morto. Cioè: raggiungendo una quota prefissata di firme sarebbe arrivato un fulmine divino che avrebbe bruciato la corda e liberato il cane?
Paolo ha scritto
> Non ho detto che la notizia
> è una bufala. Non c'è scritto
> da nessuna parte.
>
Paolo, con tutto il rispetto, nella versione di questo articolo che ho letto io il 6/11/07 e che a suo tempo ho commentato dichiaravi esplicitamente che la ritenevi una bufala. Pertanto scusami se non mi ritengo affetto, come credo molti altri, di "fettasalamite acuta".

Detto questo continuo a sostenere che questa indagine è stata condotta con superficialità, e getta una cattiva luce anche sull'ottimo lavoro che hai fatto nel passato e che continui a svolgere.

Ti invito di nuovo a verificare, come ho già scritto, l'età e la provenienza di Vargas (per esempio), le fonti ci sono, basta cercarle. Come mai non ti comunico le mie? Perchè non sono io a condurre il servizio antibufala, e in questo specifico caso il mio contributo vuole essere diretto a confutare quanto tu scrivi, più che a contribuirvi.
Paolo, con tutto il rispetto, nella versione di questo articolo che ho letto io il 6/11/07 e che a suo tempo ho commentato dichiaravi esplicitamente che la ritenevi una bufala.

Con tutto il rispetto, è falso. Ho in archivio la prima versione di questo articolo, così come l'ho postata inizialmente, e non dice nulla del genere.

Anzi, ne cito un brano:

"Con questo quadro di dati, la spiegazione più probabile è che il cane non sia stato maltrattato come descrive l'appello, ma che l'artista abbia fatto una provocazione male interpretata e non si sia reso conto delle possibili conseguenze mediatiche della provocazione."

Come mai non ti comunico le mie? Perchè non sono io a condurre il servizio antibufala

Non capisco questo antagonismo. Il Servizio Antibufala non è una gara a chi piscia più lontano. E' un lavoro di collaborazione fra me e i lettori. Chi sa, segnala, senza farsi problemi di confutare o contribuire.

Abbi pazienza, ma non ho molta sopportazione per chi lancia accuse false, specialmente quando il bersaglio sono io e la mia reputazione professionale.
Ma poi
questa indagine è stata condotta con superficialità

come se invece, quelli che hanno diffuso la notizia, abbiano fatto un lavoro migliore, facendo una veloce ricerca su google, che altro non fa che trovare tutti i vari copiaincolla della stessa notizia e le stesse foto.
Confermo quanto ha detto Paolo: fin dalla prima lettura era chiaro che non si avevano informazioni attendibili sulla "notizia".

Tutta la faccenda e' poco chiara. Esiste un appello, non esistono altre informazioni, neppure testimoni nonostante secondo l'appello (da verificare) "Nel corso dell'esibizione alcune persone hanno chiesto che il cagnetto venisse liberato". Al punto da dubitare che il cane sia stato esibito, se non fosse per l'articolo del quotidiano nicaraguense La Prensa "secondo il quale il direttore della galleria, Juanita Bermúdez, afferma che il cane invece è stato nutrito durante le pause di chiusura e poi è scappato".
Beh? Novita'? Il sito OIPA da qualche giorno ha archiviato l'appello tra quelli vinti commentando:

Jose Morales, vice Presidente del “Special Unit for Animal Protection and Rescue” ha commentato: “Il cane è stato legato senza cibo, non capisco come ciò possa essere considerato arte”.
Raymond Schnog, Presidente della “Humanitarian Association for Animal Protection”, ha condannato l’atto definendolo pura crudeltà, “non comprendo come un animale possa essere stato lasciato morire di fame sul suolo mentre una frase sulle pareti era stata composta usando cibo”.

Queste organizzazioni stanno studiando il caso per presentare un ricorso davanti al tribunale locale.

Quindi del problema se ne occupera' un tribunale.

Sull'utilita' o meno delle petizioni vorrei dire che se ho ritenuto inutile firmare questo appello (le associazioni se ne stavano gia' occupando), ci sono appelli che non possono trovare altro modo di ottenere visibilita' se non con le petizioni: la Fondazione Guglielmo Marconi stava per essere eliminata (o mandata all'estero come Marconi) per essere stata messa nell'elenco degli enti inutili (costo per lo stato: irrisorio). Ci saremmo fatti ridere dietro da tutto il mondo. Una petizione ha richiamato l'attenzione sull'argomento che altrimenti sarebbe stato ignorato dai media: e la Fondazione ora e' salva grazie a un emendamento. Altro esempio, la petizione per scorporare li sistema operativo dall'hardware nella vendita di computer: se non servira' ad ottenere una legge, per lo meno aprira' gli occhi sulla possibilita' di scegliere e chiedere un sistema operativo differente a quello imposto.
Se la domanda su novità era rivolta a me, ti posso solo confermare che, anche dopo la mia seconda mail, non ho ancora ricevuto alcun cenno di risposta.
Quanto alle frasi che tu hai riportato dal sito dell'OIPA sono quelle per le quali mi sono mosso: ovvero se parlano di queste benedette scuse via web di Vargas da qualche parte mi auguro che le abbiano trovate. Certo, malignando, potrei pensare: "ma guarda, non mi rispondono e non trovo alcun link delle scuse dell'artista...vuoi vedere che...".

Sull'utilità delle petizioni, è un discorso che in teoria potrebbe funzionare, ma si scontra su numerosi fattori. Ovvero: che la gente che firma è convinta che raggiungendo quota X si abbia automaticamente un risultato; che quando sono proposte non superano alcun vaglio di controllo a monte (come questa); che può capitare che ottengano il risultato contrario (vedi quella sulle ricariche telefoniche).

In conclusione: servono meno delle manifestazioni di piazza.
Maurizio, hai ragione: una petizione fa ottenere visibilità ad una notizia, ma la gente spesso pensa che sia la petizione in sè ad essere utile. Invece dovrebbe rendenri conto che equivale a un sondaggio, il cui risultato però non può essere omologato, in quanto non esiste garanzia che X voti corrispondano a X persone. Eppure si gioca molto su questa equivalenza sbagliata: esempio attuale è questa famosa raccolta firme di Berlusconi contro Prodi. Tralasciando qualunque giudizio politito sull'operato dell'uno o dell'altro, una raccolta firme per cui tu puoi votare infinite volte dallo stesso pc, con nomi inventati, oppure per sms (e - visto ieri a Striscia - pure nelle postazioni, dove non ti controllano i documenti) non ha nemmeno un valore indicativo, dato che potenzialmente tutti i voti possono essere stati effettuati da poche persone.

Inoltre ricordiamo la vicenda dei costi di ricarica: è tutto nato da una petizione on line, ma sia chiaro che quella petizione non ha avuto altro scopo se non quello di far vedere ai politici che sarebbe stata una mossa "popolare" cancellare quei costi di ricarica e quindi qualcuno si è fatto propria questa idea. Però molta gente, quando va a cliccare, non pensa a queste cose, ma pensa che il suo clic equivalga a un voto vero e proprio.

Comunque mi sta bene che ci sia chi sta analizzando il caso, anche se mi fa un po' paura il fatto che Raymond Schnog dia per scontato che il cane sia stato ucciso.
Petizioni: dipende... Come ho detto, con il "casino" suscitato con la petizione sulla Fondazione Guglielmo Marconi ci siamo salvati la faccia da una figura di m... davanti a tutto il mondo. Basta vistare il sito per capire che e' un ente utile e piu' che attivo, conosciuto forse piu' all'estero che in Italia.

Altre petizioni servono a mantenere vivo l'interesse su particolari argomenti ignorati dai media, per esempio il software libero.

Le petizioni si fanno "a gratis", le raccolte firme dei partiti servono fondamentalmente a tirar su dei quattini: alle primarie, 3 milioni e mezzo di voti a un euro l'uno hanno fruttato 3 milioni e mezzo di euro, circa 7 miliardi delle vecchie lire. Cosa che i media non hanno detto e non diranno mai. Come non diranno della "menzogna" alla base di queste iniziative: molti hanno votato perche' "votare e' un dovere del cittadino e chi non vota non e' un buon cittadino". "Giustamente" il partito dell'opposizione, guidato da un imprenditore, non poteva farsi sfuggire l'idea del business e ha seguito a scia l'avversario. Una fuffa tutta italiana per raccattare soldi. Poi diranno che hanno avuto delle spese, ma fin quando non saranno pubbliche permettetemi di dubitare...

Questa petizione sul cane non la prendo in considerazione ma potrebbe comunque aver avuto la sua importanza per tenere desto l'interesse visto che i TG ne parlano per fare "scoop" e difficilmente daranno seguito alle successive smentite o conferme. La cosa importante e' comunque non perdere il contatto con la realta' e ricordarsi che e' piu' utile andare in un canile a dare anche solo una scatoletta, fare visita a gatti e cani (per chi non l'ha mai fatto sara' una sorpresa la loro accoglienza), e magari porre domande e chiarire i propri interrogativi, piuttosto che starsene al calduccio e pensare di risolvere i problemi con due clic di mouse.
Maurizio, hai ragione anche in questo (ormai il discorso del cane l'abbiamo accantonato...anche perchè come vedi...non ci sono novità. Un caso? L'OIPA sta facendo qualcosa oppure tace perchè non ha più nulla da dire?)
Sull'episodio della fondazione Marconi ammetto di non saperne praticamente nulla su cosa sia successo, ma ho comunque capito una cosa e purtroppo noi italiani non ne usciamo bene.

Queste petizioni-on-line hanno l'unica utilità di portare sulla bocca di tante persone una notizia. E perchè? Ma semplice: perchè il fatto di poter "fare qualcosa" senza dover muovere le chiappe, fa comodo a tutti. Torniamo all'abolizione dei costi di ricarica, ma prendiamo anche come esempio questa storia del cane: se tali vicende avessero richiesto una raccolta di firme vera (quindi con documenti alla mano, orari prestabiliti, firme vidimate, possibilità di firmare UNA sola volta...) secondo te avremmo avuto questi risultati? Sarebbe stato pieno di "ma è domenica, non ho voglia di andare", "tanto voterà qualcun altro" oppure la celeberrima "UN VOTO IN PIU'O IN MENO COSA VUOI CHE CAMBI?"
Insomma, senza fare i qualunquisti, sai benissimo che per gli Italiani la comodità è un bene molto più prezioso della possibilità di urlare la propria opinione. E in questo caso, il fatto che tale petizione non avrebbe avuto alcun valore, se non quello di essere un mero sondaggio, sarebbe risaltato eccome: "perchè dovrei andare a votare se tanto non possiamo decidere niente?".

Quindi questo è il quadro finale:

- una semplice notizia, detta da tg, giornali e siti web, rischia di passare inosservata, se non riguarda un argomento "di moda" in quel periodo: vedi i casi di stupro, sassi dal cavalcavia, immigrati assassini, ecc...
- una raccolta firme, solo per far vedere "quanti siamo", viene snobbata se richiede un grande sforzo da parte dell'italiano medio, che utilizza tutte le scuse disponibili per dire "io avrei votato, ma ..."
- le petizioni on line danno risalto alla notizia, la gente fa sentire la propria "voce" perchè ha la comodità di farlo senza muoversi; il fatto è che in questo modo crede di aver fatto più di quanto ha fatto veramente.

La situazione, come vedi, è triste.

Aggiungiamo il fatto che queste petizioni non vengono fatte proprie dal politico di turno, non per il loro valore, ma perchè sono un ottimo modo per ottenere consensi (vedi la storia dei costi di ricarica). Il fatto è che i politici sono i primi a cascarci e non sapere nemmeno se le storie raccontate siano vere o no. La vicenda di Bonsakitten rimane storica... senza contare che in quel caso hanno addirittura chiesto qualcosa che andava oltre la loro giurisdizione. Il tutto per fare un favore al popolo.
E intanto per stare dietro a Bonsaikitten e tante altre bufale hanno perso tanto di quel tempo, che potevano passare al bar di Montecitorio...
riassumendo abbiamo il direttore di una galleria d'arte che dice che il cane è stato nutrito e che poi è scappato, e su queste dichiarazioni pone la propria firma…..mavah?? non lo avrei mai detto! Poi c’è un artista che dice “Nativity was a very sick creature and would have died in the streets anyway”…anyway… dunque mi sembra che lui stesso lo ammetta…o no?! La provocazione è quanto mai ovvia e fa leva sull’ipocrisia, giusto. Ma non ogni mezzo è lecito e torturare un cane già malato…beh, non mi sembra lo sia.
a Replicante cattivo rispondo:

Senza fare inutili qualunquismi, sei tu il primo dei qualunquisti. Cosa significano frasi tipo "tanto voterà qualcun altro un voto in più o in meno coa vuoi che cambi"? Ma che siamo in un film di Alberto Sordi?
Qui la storia è un'altra: c'è stato un abuso legalizzato ed è giusto condannarlo in ogni modo.
A me sembra che qui ci sia una volontà di smentire una notizia a priori, non viceversa
Ok, mi sta bene criticare l'uso del cane per questi fini. Ma perchè invece la gente, quando c'è una corsa di cavalli o un circo, non fa tutto questo casino? Perchè andare a preoccuparsi di un cane dall'altra parte del mondo, quando quotidianamente da noi ci sono animali utilizzati per fini ludici?

mai sentito parlare di principi?
E poi che fai, prima te la prendi con chi dice che un voto in più e uno in meno non cambia nulla e poi affermi l'insensatezza di fissarsi su un sopruso quando ce ne sono tanti? qualunquista!!!
Volevo sorvolare, ma...
Perchè andare a preoccuparsi di un cane dall'altra parte del mondo, quando quotidianamente da noi ci sono animali utilizzati per fini ludici?

Se tu avessi letto i miei post precedenti, ho citato i canili-lager in Italia, le corse di cavalli, la caccia, le corride, "i tanti palietti in cui si azzoppano cavalli e, perche' no, dell'SOS ricci". Ho citato anche "la moda delle pelliccette della stilista Vera Volpe e dello stilista Vero Lapin appiccicate sui colli delle giacche vendute nei nostri ipermercati". Ma qui si parla di un cane in sudamerica, e purtroppo dobbiamo limitarci a questo argomento.

E' nostro dovere preoccuparci in Italia come dall'altra parte del mondo: la natura non ha confini e chi caccia foche e balene danneggia tutto il pianeta. Se qui si parlasse di sigarette, porrei l'accento sui 15 miliardi di sigarette che ogni giorno si "regalano" all'ambiente, cicca, fiammifero e accendino inclusi. A dire il vero li prestiamo, e l'ambiente ce le restituira' con gli interessi. Ma preferiamo tenerci il travone nell'occhio e preoccuparci di scie chimiche.

In qurnto alla catena, se ti indigna tanto vai e parla con il padrone. Se poi non sarai soddisfatto della risposta, e' tuo dovere di cittadino andare a denunciare i maltrattamenti alle forze dell'ordine. Io mi sono fermato dopo aver parlato col padrone, una decina di anni fa: dopo la risposta dovetti dargli ragione.
Cosa significano frasi tipo "tanto voterà qualcun altro un voto in più o in meno coa vuoi che cambi"?

Se tu avessi letto bene avresti capito che quello non è il MIO pensiero, quando c'è da andare a votare qualcosa, ma è il pensiero "tipico" dell'italiano che alla domenica si ricorda che ci sono le partite di calcio oppure che non si ricorda dove ha messo la tessera elettorale. E allora non ci va, auto-scusandosi con quella frase. Non è qualunquismo ma un dato di fatto: quando ci sono i referendum e le elezioni, abbiamo tutti i dati delle affluenze alla mano. Tutti vorrebbero dire la loro, ma chissà perchè non tutti lo fanno. Però ecco che quando la firma si può fare on-line, tutti sono pronti a firmare.Se questa petizione si fosse svolta nelle piazze alla domenica, dici che si sarebbero mossi così in tanti?


Qui la storia è un'altra: c'è stato un abuso legalizzato ed è giusto condannarlo in ogni modo.
Sì ma ammazzare un cane è ben diverso dal legarlo, sia per il cane, sia per quello che si intende con il termine "informazione",che per il principio di innocenza, che deve valere per CHIUNQUE.

Come abbiamo già detto più volte, qui si sta prima condannando un uomo, per poi stabilire il peso della colpa (anzi prima ancora si deve capire se ha o no una colpa).
Allora anche io potrei dire che tu sei da arrestare per qualche motivo (e tu potresti dirlo con me), poi mi preoccupo di stabilire quale sia il motivo. Penso che un cd masterizzato a casa tua ci sarà, vero? Quindi sei comunque colpevole. Almeno secondo il metodo utilizzato da chi ha diffuso la notizia e tenta di giustificarsi.


A me sembra che qui ci sia una volontà di smentire una notizia a priori, non viceversa
Rileggiti tutto, non ho più voglia di spiegare che la notizia, non ha nessuna conferma ufficiale che le cose siano andate in quel preciso modo; ci sono 2 versioni, una raccontata dal museo e dall'artista (il cane non è stato ucciso) e l'altra raccontata da...NESSUNO. Sono voci, nessuno si è ancora preso la responsabilità di lanciare un accusa formale.

Anzi...come mai in tute queste settimane non si è pià saputo niente di questa storia? Forse quelli che l'hanno strombazzata tanto si sono accorti di non avere nulla in mano per poter continuare? Come mai l'OIPA non risponde?

E poi che fai, prima te la prendi con chi dice che un voto in più e uno in meno non cambia nulla e poi affermi l'insensatezza di fissarsi su un sopruso quando ce ne sono tanti?
L'insensatezza è quella di rivolgere la propria attenzione verso un caso che non è confermato, dall'altra parte del mondo, quando solo in Italia ci sono paesi che utilizzano gli animali per i giochi delle feste di paese. Come mai in questi casi non si fanno raccolte firme e non si raccolgono migliaia di adesioni? Come mai nessuno si indigna e non protesta?


qualunquista!!!

Quando la gente dimostra di aver letto solo quello che gli interessa, il qualunquismo è l'unico trattamento che si merita.
Maurizio, almeno tu parli in modo corretto ed educato.
Quando dico "un cane dall'altra parte del mondo" non è per dire "è lontano, non ci interesa". Forse mi sono espresso male e anche se la storia di questo cane fosse ambientata in Italia, non cambierebbe il senso di fondo.

Voglio dire: con tutti i casi di maltrattamento verificabili personalmente, è giusto che tante persone (animalisti improvvisati) rivolgano l'attenzione su un caso che presenta tutti questi dubbi?


Visto che hai postato anche nella discussione delle Sciechimiche, ti posso fare l'esempio di chi si preoccupa di denunciare complotti inesistenti, quando il mondo è pieno di magagne vere e confermatem, su cui si potrebbe spingere le persone ad aprire gli occhi. Oppure, quando si parla dell 11/9 (perdonami l'accostamento un po' forte, ma so che capirai), anzichè chiedersi se il quarto aereo sia precipitato o sia stato abbattuto - dubbio legittimo - si perde tempo a chiedersi se i primi due arei portassero una bomba legata alla fusoliera - dubbio nato da una diceria. Sono sempre pronto a chiarire le ultime affermazioni :) (è ora di cena anche per me...)
Non sono d'accordo col post, che sembra porre il tutto nella prospettiva di una bufala a tutti i costi.
Penso invece che il direttore del museo e l'artista se la siano fatta addosso per l'indignazione che hanno scatenato (giustamente) e che abbiano ritrattato tutto per evitare ripercussioni (legali e culturali/etiche).
Non sono d'accordo col post, che sembra porre il tutto nella prospettiva di una bufala a tutti i costi.
Il bello è che Paolo lo ha pure dovuto specificare che la storia non va considerata una bufala... missione fallita.


Penso invece che il direttore del museo e l'artista se la siano fatta addosso per l'indignazione che hanno scatenato (giustamente) e che abbiano ritrattato tutto per evitare ripercussioni (legali e culturali/etiche).
Opinione tua, ma non hai alcun dato oggettivo per poter considerare questa ipotesi se non il pregiudizio per cui l'"istituzione", in queste storie, è sempre il personaggio cattivo, mentre l'artista è una persona che "farebbe di tutto per conquistare la fama".
Perchè invece non ti ricordi di tutti i casi DOCUMENTATI (fatti un giro su questo sito) in cui le persone comuni - spesso spinti dalla buona fede - hanno ingigantito delle notizie col passaparola?
e che abbiano ritrattato tutto per evitare ripercussioni (legali e culturali/etiche).

Quest'ultima frase dimostra il fatto che tu stia ragionando solo con pregiudizio: ritrattare una tua dichiarazione assolutamente non serve ad impedire che qualcuno indaghi sull'accaduto. E poi solitamente si ritratta una confessione, non una dichiarazione di non colpevolezza. Se vieni accusato di qualcosa non ti basta dire "non ho fatto niente" per evitare che vengano svolte le relative indagini.
Il bello è che Paolo lo ha pure dovuto specificare che la storia non va considerata una bufala... missione fallita.
Il bello è che anche se lo ha specificato, tratta il tutto come una bufala prendendo le dichiarazioni di quelli come fossero oro colato.
Tant'è vero che alla fine commenta il tutto come per dire: ehh i soliti tonti ci sono cascati di nuovo.
Un post decisamente reazionario.


Opinione tua, ma non hai alcun dato oggettivo per poter considerare questa ipotesi se non il pregiudizio per cui l'"istituzione", in queste storie, è sempre il personaggio cattivo, mentre l'artista è una persona che "farebbe di tutto per conquistare la fama".

E perchè i vostri dati oggettivi quali sarebbero, quello che dice l'artista o il direttore della galleria: è come andare a chiedere ad un assassino "ma sei stato ad uccidere?". LOL

Perchè invece non ti ricordi di tutti i casi DOCUMENTATI (fatti un giro su questo sito) in cui le persone comuni - spesso spinti dalla buona fede - hanno ingigantito delle notizie col passaparola?
Ah...ragion per cui questa notizia dovrebbe essere assolutamente falsa!

Quest'ultima frase dimostra il fatto che tu stia ragionando solo con pregiudizio: ritrattare una tua dichiarazione assolutamente non serve ad impedire che qualcuno indaghi sull'accaduto.
Non hai capito, è proprio perchè voglio che si indaghi sull'accaduto che vorrei non si andasse alla ricerca dell'antibufala a tutti i costi per sminuire un fatto, che qualora fosse vero, sarebbe gravissimo.
Il bello è che anche se lo ha specificato, tratta il tutto come una bufala prendendo le dichiarazioni di quelli come fossero oro colato.

Questo non è assolutamente vero. Lui ha fatto notare che la notizia che è circolata presenta UNA VERSIONE DEI FATTI (il cane è stato ucciso), ma al momento ne esiste UN'ALTRA (ovvero quella raccontata dal museo), che però ovviamente viene interpretata come una scusa da parte di chi ha commesso l'errore. Ora - come direbbe Fiorello quando fa l'avvocato Messina - "chi siamo noi per dire chi è Caino e chi è Abele?"
Ovvero, dando per certo che delle due versioni una è falsa, come facciamo noi a sapere qual è delle due senza basarsi sul pregiudizio per cui l'artista è certamente il cattivo della storia? il fatto che "noi siamo di più"? Allora com'è che nessuno (fosse anche il gruppo di persone che ha visto l' "opera") ha avviato un accusa formale contro quest'artista? Te lo dico io: perchè a lanciare accuse siamo tutti bravi,ma quando si tratta di citare a giudizio qualcuno, bisogna presentare delle PROVE. Anche io posso dire "quel politico ruba" e forse tu saresti d'accordo con me: ma se volessimo andare a denunciarlo, dovremmo avere in mano qualche cosa per poter almeno avviare il procedimento, no?

Prendiamo un qualunque fatto di cronaca nera in cui qualcuno è sicuramente colpevole. Mi sembra normale che il sospettato tenti di difendersi o cmq dia la SUA versione dei fatti. Poi non spetta a noi - che non abbiamo i mezzi - giudicarlo. Prendiamo il caso di Garlasco: Alberto è l'unico indiziato, fin qui niente da dire. Ma possiamo NOI sapere se le sue sono menzogne o se è davvero innocente? No! Possiamo solo fare delle ipotesi, valutare a modo nostro i suoi comportamenti davanti alle telecamere, ma rimangono supposizioni che certo non lo rendono colpevole o innocente.

Allo stesso modo è logico che il museo e l'artista si difendano dalle accuse...ma perchè dovremmo pensare che SICURAMENTE stanno mentendo? Le pagine di questo blog ci insegnano che quando circolano queste catene, la "voce del popolo web" spesso ha preso delle cantonate assurde nel raccontare e distorcere le notizie. Nono vuol dire che SICURAMENTE è successo anche stavolta, ma è giusto dubitare e indagare.




Tant'è vero che alla fine commenta il tutto come per dire: ehh i soliti tonti ci sono cascati di nuovo.


Sei pregato di riportare la frase ESATTA dove Paolo sostiene questa cosa.


E perchè i vostri dati oggettivi quali sarebbero, quello che dice l'artista o il direttore della galleria: è come andare a chiedere ad un assassino "ma sei stato ad uccidere?". LOL

E infatti per la MILLESIMA volta, questa pagina nasce proprio per ricordare che su questa vicenda NON ESISTONO DATI OGGETTIVI. Nè da una parte nè dall'altra, solo le foto di un cane che dimostrano solo che il cane era esposto; certo è magro e malconcio (infatti TUTTI hanno confermato che fosse un randagio) ma non dimostra nè che è stato maltrattato, tenuto a stecchino e soprattutto che è stato ucciso.

(Perchè invece non ti ricordi di tutti i casi DOCUMENTATI (fatti un giro su questo sito) in cui le persone comuni - spesso spinti dalla buona fede - hanno ingigantito delle notizie col passaparola?)
Ah...ragion per cui questa notizia dovrebbe essere assolutamente falsa!


E daje...chi dice che questa notizia è assolutamente falsa? Dove viene ipotizzato?
Questo sito ci ha insegnato che la maggior parte delle catene che girano via web utilizzano alcuni meccanismi per cui la gente ci crede ciecamente. Per questo tante catene FALSE hanno iniziato a girare; pertanto, quando ti arriva una catena come questa, è giusto almeno essere DUBBIOSI sulla sua veridicità. E quando esiste un dubbio su qualcosa è meglio parlare lo stesso o tacere?
Tu come ti sentiresti se fossi al centro di una notizia del genere?

Non hai capito, è proprio perchè voglio che si indaghi sull'accaduto che vorrei non si andasse alla ricerca dell'antibufala a tutti i costi per sminuire un fatto, che qualora fosse vero, sarebbe gravissimo.

Certo, se un giorno verrà dimostrata che la vicenda è vera, tutti saremmo d'accordo nel dire che quest'uomo deve essere punito. Così come, se venisse dimostrato che la storia è una bufala (anzi, in questo caso una notizia gonfiata), tireremmo un sospiro di sollievo, anche se in questo modo si sarebbe perso tempo dietro questa storia a scapito di tante altre che invece vengono regolarmente documentate.

E non è il fatto dell'"antibufala a tutti i costi"; esiste una via di mezzo tra l'essere scettici al 100% e il voler abboccare a qualunque cosa.
Lui ha fatto notare che la notizia che è circolata presenta UNA VERSIONE DEI FATTI (il cane è stato ucciso), ma al momento ne esiste UN'ALTRA (ovvero quella raccontata dal museo), che però ovviamente viene interpretata come una scusa da parte di chi ha commesso l'errore.
Già, ci si sbaglia quando si legge che una persona si scusa è interpretata come una persona che si scusa--> http://www.adnkronos.com/IGN/Esteri/?id=1.0.1493196412

Ora - come direbbe Fiorello quando fa l'avvocato Messina - "chi siamo noi per dire chi è Caino e chi è Abele?"
Eh già Fiorello...quale maestro di saggezza!

Te lo dico io: perchè a lanciare accuse siamo tutti bravi,ma quando si tratta di citare a giudizio qualcuno, bisogna presentare delle PROVE.
Ma farnetichi o cosa?
Il cane morente l'hanno visto tutti, TUTTI i visitatori della galleria! E questo basta come prova della crudeltà e indifferenza che l'autore ha dimostrato nel non aiutarlo, preferendolo esporlo al pubblico come 'oggetto artistico'...mah!

[Sorvolo su Garlasco e altre amenità..]

Nono vuol dire che SICURAMENTE è successo anche stavolta, ma è giusto dubitare e indagare.
E' giusto dubitare e indagare una cippa, visto che il cane moribondo è stato visto, fotografato e ripreso da mezzo mondo.
Ripeto, questo è solo un post reazionario.

E infatti per la MILLESIMA volta, questa pagina nasce proprio per ricordare che su questa vicenda NON ESISTONO DATI OGGETTIVI. Nè da una parte nè dall'altra, solo le foto di un cane che dimostrano solo che il cane era esposto; certo è magro e malconcio (infatti TUTTI hanno confermato che fosse un randagio) ma non dimostra nè che è stato maltrattato, tenuto a stecchino e soprattutto che è stato ucciso.
C'hai un po' la faccia di...bronzo.
Ma che significa? Volevi l'esame delle urine o l'emocromo, per caso? Si vede a un miglio che quel cane non sta bene e non è affatto giusto sfruttare le sofferenze di un essere vivente per fare arte. Punto. Fine della storia. Comunque io non capisco veramente come ragionate...

E non è il fatto dell'"antibufala a tutti i costi";
Certamente questo post non contribuisce alla tesi...
Già, ci si sbaglia quando si legge che una persona si scusa è interpretata come una persona che si scusa--> http://www.adnkronos.com/IGN/Esteri/?id=1.0.1493196
Ok, leggi bene la notizia e noterai che i verbi con cui ci si riferisce alla notizia iniziale sono tutti al condizionale.
Secondo la ricostruzione dei fatti, Vargas avrebbe pagato dei bambini affinché catturassero un cane per poi utilizzarlo come 'opera d'arte' (...)Ai visitatori sarebbe stato vietato di portare cibo e acqua e chiunque cercava di avvicinarsi per accudire l'animale veniva allontanato in malo modo con insulti (...) Fatto sta che il cane, secondo quanto riferisce Leonor Gonzalez, editore del supplemento culturale di ‘La Prensa’ in Nicaragua, sarebbe morto il giorno seguente a quello in cui sono state scattate le foto).

Diversa la versione della galleria nicaraguense che ha ospitato l’allestimento, secondo la quale l'artista avrebbe trovato il cane in un vicolo e l'avrebbe portato nella galleria senza che fosse previsto. Secondo loro, inoltre, sarebbe stato correttamente alimentato per tutto il tempo tranne le tre ore della mostra. Il cane non è poi morto ma secondo loro è "scappato" in un momento di disattenzione

Questa parte non fa che riprendere la notizia così come era apparsa 1 mese fa e ribadisce dovrebbe essere accaduto quello che viene raccontanta, ma la stessa Adnkronos va coi piedi di piombo, dato che un' agenzia di notizie ha una credibilità da mantenere e cerca di non sputtanarsela con una notizia di cui non è sicura.
Infatti poi dice
Ma i dubbi restano. Come è possibile che la galleria non abbia imposto a Vargas di liberare il cane? E ancora: è possibile che nessuno sia andato lì con prepotenza – anche violenza – per portarsi via l’animale?
Ovvero fa capire che anche a loro questa notizia presenta dei punti oscuri; e bada bene che in questo momento Adnkronos non si sta schierando da nessuna delle due parti.

A questo punto l’artista ha chiesto pubblicamente scusa e promesso che non riproporrà mai più simili progetti. Vargas, in un comunicato diffuso via web afferma che ‘Sei quello che leggi’ non verrà più chiamata "opera d'arte", in segno di rispetto verso quanti si sono sentiti offesi. Ha ammesso l'errore ed ha affermato che avrebbe dovuto salvare il cane invece di lasciarlo morire. E chiede a tutti di accettare le sue scuse.

Questa famosa lettera di scuse, qualcuno riesce a trovarla con le PAROLE ORIGINALI, dove l'artista dichiara di aver fatto morire il canel? No perchè ormai l'ho letto 10 volte questo copiaincolla. Che l'artista si scusi per l'opera troppo provocatoria ci può stare, ma prenderla come una dichiarazione di colpevolezza ("io ho ucciso il cane") bisogna leggere le sue esatte parole.


Eh già Fiorello...quale maestro di saggezza!

La mia era evidentemente un tentativo di sdrammatizzare la tensione prima di porre il concetto, ma evidendemente l'ironia non è il tuo forte. Come non detto, torno serio. Tu però magari non fermarti alla prima frase quando leggi.

Il cane morente l'hanno visto tutti, TUTTI i visitatori della galleria!
E di grazia, quanti sarebbero i suddetti? 10, 100? Poi come mai non si trova una testimonianza DIRETTA che vadano oltre quell "avrebbe" con cui parte la notizia? Poi non dire "morente" perchè è un concetto che esprimi tu in base a come è trapelata la notizia. Per ora le foto, unica prova che abbiamo, dicono che il cane era solo malconcio.

E questo basta come prova della crudeltà e indifferenza che l'autore ha dimostrato nel non aiutarlo, preferendolo esporlo al pubblico come 'oggetto artistico'...mah!

A te basta come prova il fatto che un sito ti dica che "delle persone hanno visto". Quindi anche il mostro di Lock Ness esiste perchè tanta gente ha detto di averlo visto. E poi ti ripeto: le persone hanno visto un cane legato e malconcio: ma il fatto che fosse tenuto a stecchetto e che sia sicuramente morto come fanno a saperlo?


[Sorvolo su Garlasco e altre amenità..]

Eh, se non hai colto un esempio per ricordarti il principio di "presunzione d'innocenza", forse è meglio sorvolare davvero.


E' giusto dubitare e indagare una cippa, visto che il cane moribondo è stato visto, fotografato e ripreso da mezzo mondo.


Ella madonna! Allora come mai io trovo sempre e solo quelle 4 foto? Vedi...basta poco a gonfiare una notizia, sei partito da "tutti i visitatori di una mostra"(di cui non ci è nota l'affluenza) per finire a "mezzo mondo".
Ma se tu dici che "è giusto indagare una cippa" sei liberissimo di credere, fai pure. Poi però, se un giorno si scoprisse che questa storia è davvero diversa da come è stata raccontata, devi essere TU (e tutti gli altri) a scusarti con l'artista per averlo condannato per un male che non ha commesso.

Ripeto, questo è solo un post reazionario.
Sempre meglio reagire che subire, no?

C'hai un po' la faccia di...bronzo.
Ma che significa? Volevi l'esame delle urine o l'emocromo, per caso? Si vede a un miglio che quel cane non sta bene


E allora? Da un cane randagio ti aspetti il pelo tirato a lucido e la muscolatura tonica di un cane addestrato? E' logico che fosse in cattive condizioni ma quel cane stava già male PRIMA di entrare nella mostra. Se al museo l'hanno saziato dal giorno prima, comunque agli occhi dei visitatori sarebbe apparso magro, sporco e stanco.



e non è affatto giusto sfruttare le sofferenze di un essere vivente per fare arte. Punto. Fine della storia. Comunque io non capisco veramente come ragionate.


ALT! Su questo siamo sempre stati TUTTI d'accordo. Ma questo discorso esula da quello iniziale: qui non si tratta di discutere se "far morire un animale per arte" sia giusto o sbagliato, ma sul fatto che tale persona l'abbia davvero fatto morire.

Certamente questo post non contribuisce alla tesi...


Ce ne sono altri 100 e passa da leggere prima del mio.
Il cane morente l'hanno visto tutti, TUTTI i visitatori della galleria!

Tutti chi? Ci sono nomi e indirizzi?
Gianni, puoi leggere bene dai miei post che sono indignato quanto te, ma non credo che ci siano ancora elementi sufficienti, o forse non voglio credere che la notiza sia fondata anche solo in parte. Il fatto che OIPA, interpellata da Rado, non abbia ancora risposto non depone molto a favore. Si potrebbe opinare che OIPA non conosca Paolo, purtroppo poco conosciuto in Italia (o forse non lo si vuole conoscere), ma basterebbe una visitina al blog per capirne la serieta'.

Quindi al momento si potrebbe anche pensare che le foto sano una montatura: prendi un cane affamato, lo piazzi in un angolino con la catena e fai le foto. Sembra pero' che ci siano elementi per una causa legale (ma chi puo' confermarlo?).

Qui si cerca di capire cosa sia effettivamente successo. O meglio, chi ha tempo per farlo, indaga. Io non ho tempo e pero' vorrei che non si perdesse di vista il fatto che non si deve giudicare solo una parte dell'episodio (se il cane e' morto o no), ma anche la squallida esibizione di una bestia.

Termino con una pillola di cultura: Le confessioni di un ottuagenario, di Ippolito Nievo, Capitolo decimo:

E quando mi si gracchia intorno sull'inutilità ed il pericolo di questa numerosa famiglia canina che litiga all'umana il nutrimento, e le inocula talvolta una malattia spaventosa e incurabile, io non posso far a meno di sclamare: - Rispettate i cani! - forse adesso si può star in bilico, ma forse anche, e Dio non voglia, verrà un tempo che si giudicheranno migliori affatto di noi! Di questi tempi ne furono altre volte nella storia dell'umanità. Noi bipedi tentenniamo fra l'eroe ed il carnefice, fra l'angelo e Belzebù. Il cane è sempre lo stesso; non cambia mai come la stella polare. Sempre amoroso paziente e devoto fino alla morte.

Queste parole sono state scritte nel 1858. 'azzo...
Tutti chi? Ci sono nomi e indirizzi?
Qua si arriva addirittura a credere che *tutto* sia un falso. Continuando così arriviamo a discutere della nostra stessa esistenza...

Gianni, puoi leggere bene dai miei post che sono indignato quanto te, ma non credo che ci siano ancora elementi sufficienti,
A me il fatto di sapere che un cane randagio denutrito sia stato utilizzato per scopi commerciali basta per sottoscrivere la petizione. Comunque l'indignazione serve a ben poco se poi non si fa qualcosa di concreto....

o forse non voglio credere che la notiza sia fondata anche solo in parte.
Questo è un altro paio di maniche. Se la notizia scuote troppo la tua sensibilità puoi girare la faccia ed essere libero credere che tutto ciò sia soltanto una bufala: l'indifferenza oggi è una pratica abbastanza diffusa. Ma almeno non costringiamo gli altri a credere altrettanto....
Qua si arriva addirittura a credere che *tutto* sia un falso.
Questa è una generalizzazione, per di più falsa. D'altra parte meglio prendere per buono tutto quello che ci viene raccontato, vero?



Continuando così arriviamo a discutere della nostra stessa esistenza...


Beh, in filosofia è uno dei quesiti che vanno per la maggiore...


A me il fatto di sapere che un cane randagio denutrito sia stato utilizzato per scopi commerciali basta per sottoscrivere la petizione.


Quindi ti basta che una persona venga accusato di un crimine che *forse* non ha commesso per lanciare una crociata verso di lui?
Quindi io posso accusarti di aver guidato contromano ubriaco e aver ucciso delle persone, anche se al limite la tua infrazione è stata un eccesso di velocità?


Comunque l'indignazione serve a ben poco se poi non si fa qualcosa di concreto....

Infatti la petizione che hai firmato non serve a un bel nulla. Il perchè è spiegato nel post iniziale.

e la notizia scuote troppo la tua sensibilità puoi girare la faccia ed essere libero credere che tutto ciò sia soltanto una bufala: l'indifferenza oggi è una pratica abbastanza diffusa. Ma almeno non costringiamo gli altri a credere altrettanto....


E infatti scoprire se le notizie sono vere o false ci aiuta a voltare la testa verso i VERI problemi e non rivolgerli verso quelli che non esistono.

Tralaltro, dopo questa vicenda che ha raccolto 200mila firme, non mi pare che le donazioni di denaro e cibo verso i canili si siano impennate nello stesso modo. Forse la gente, dopo aver cliccato sulla petizione, ha voltato la testa, ma stavolta con la convinzione di aver fatto qualcosa di utile (e quindi con la coscienza a posto).
Ok, leggi bene la notizia e noterai che i verbi con cui ci si riferisce alla notizia iniziale sono tutti al condizionale.

Balle.
Il condizionale è usato solo per quanto riguarda la ricostruzione dell'intera vicenda, che se fosse confermata aggraverebbe la posizione dell'"artista". Ma il fatto che un cane randagio denutrito sia stato utilizzato per scopi commerciali e che poi l'artista abbia chiesto scusa, resta ed è VERO.

Questa famosa lettera di scuse, qualcuno riesce a trovarla con le PAROLE ORIGINALI, dove l'artista dichiara di aver fatto morire il canel? No perchè ormai l'ho letto 10 volte questo copiaincolla. Che l'artista si scusi per l'opera troppo provocatoria ci può stare, ma prenderla come una dichiarazione di colpevolezza ("io ho ucciso il cane") bisogna leggere le sue esatte parole.
Qua dobbiamo prendere per buone le notizie di Adn. Non ti sta bene? Vai in Nicaragua.


La mia era evidentemente un tentativo di sdrammatizzare la tensione prima di porre il concetto, ma evidendemente l'ironia non è il tuo forte.
No, Fiorello non è il mio forte.

E di grazia, quanti sarebbero i suddetti? 10, 100? Poi come mai non si trova una testimonianza DIRETTA che vadano oltre quell "avrebbe" con cui parte la notizia?
Vuoi andare oltre la notizia? Vai in Nicaragua e parla con l'"artista". Ah, e poi già che ci sei, dagli un paio di cazzotti da parte mia. Mentre lo fai, fatti riprendere. E se ti denuncia hai due possibilità:
1 - affermi che il fatto non esiste (ti fai aiutare da paolo naturalmente)
2 - ti giustifichi spacciandola per forma d'arte, per evidenziare l'indifferenza dei passanti che non si fermavano ad aiutarlo

Poi non dire "morente" perchè è un concetto che esprimi tu in base a come è trapelata la notizia. Per ora le foto, unica prova che abbiamo, dicono che il cane era solo malconcio.
E "sticazzi"!...lo posso dire?


A te basta come prova il fatto che un sito ti dica che "delle persone hanno visto". Quindi anche il mostro di Lock Ness esiste perchè tanta gente ha detto di averlo visto. E poi ti ripeto: le persone hanno visto un cane legato e malconcio: ma il fatto che fosse tenuto a stecchetto e che sia sicuramente morto come fanno a saperlo?
Te lo dico io. Punto primo. Ricetta:
prendi un cane sano, non dargli da mangiare per dei giorni e vedi cosa ottieni. Punto secondo.
Se quel cane era già così (perchè randagio o già malato), ripeto che già l'idea di esporlo a pubblico invece di prestargli soccorso evidenzia la bastardaggine dell'artista, e la petizione è giusta comunque.

Eh, se non hai colto un esempio per ricordarti il principio di "presunzione d'innocenza", forse è meglio sorvolare davvero.
Ma no, è che vedo poco i TG italiani.

Ella madonna! Allora come mai io trovo sempre e solo quelle 4 foto?
Perchè vuoi credere che tutto questo non esista.

Vedi...basta poco a gonfiare una notizia, sei partito da "tutti i visitatori di una mostra"(di cui non ci è nota l'affluenza) per finire a "mezzo mondo".
Il mezzo mondo è internet.

Ma se tu dici che "è giusto indagare una cippa" sei liberissimo di credere, fai pure. Poi però, se un giorno si scoprisse che questa storia è davvero diversa da come è stata raccontata, devi essere TU (e tutti gli altri) a scusarti con l'artista per averlo condannato per un male che non ha commesso. No invece, si scuserà chi l'ha diffusa.
Perchè è un reato che si chiama diffamazione.
Se invece è tutto vero, farete un pompino al cane.

Sempre meglio reagire che subire, no?
Sei preoccupante...

E allora? Da un cane randagio ti aspetti il pelo tirato a lucido e la muscolatura tonica di un cane addestrato? E' logico che fosse in cattive condizioni ma quel cane stava già male PRIMA di entrare nella mostra.
Ciò dimostra che comunque non critichi il fatto che sfruttare l'aspetto malsano e le sofferenze di un animale per un proprio tornaconto sia un atto cinico e criminale. cvd.

Se al museo l'hanno saziato dal giorno prima, comunque agli occhi dei visitatori sarebbe apparso magro, sporco e stanco.
Ci mancherebbe. Ed era proprio quello che voleva l'artista!
Un cane magro, sporco e stanco.

ALT! Su questo siamo sempre stati TUTTI d'accordo. Ma questo discorso esula da quello iniziale: qui non si tratta di discutere se "far morire un animale per arte" sia giusto o sbagliato, ma sul fatto che tale persona l'abbia davvero fatto morire.
Ho capito. E' ingiusto sfruttare le sofferenze di un animale solo se questo muore. Complimenti, complimenti davvero. Quando avrò bisogno di sofismi, saprò a chi rivolgermi.
Quindi ti basta che una persona venga accusato di un crimine che *forse* non ha commesso per lanciare una crociata verso di lui?
Quindi io posso accusarti di aver guidato contromano ubriaco e aver ucciso delle persone, anche se al limite la tua infrazione è stata un eccesso di velocità?


Quando ho scritto:
e non è affatto giusto sfruttare le sofferenze di un essere vivente per fare arte. Punto. Fine della storia.
tu hai risposto:
ALT! Su questo siamo sempre stati TUTTI d'accordo.
Ora, o sei dislessico, o sei berlusconi.

Infatti la petizione che hai firmato non serve a un bel nulla. Il perchè è spiegato nel post iniziale.
Se non serve a nulla perchè fate tutto sto casino? Mancanza di bufale? O di idee per fare visitatori?

E infatti scoprire se le notizie sono vere o false ci aiuta a voltare la testa verso i VERI problemi e non rivolgerli verso quelli che non esistono.

Tralaltro, dopo questa vicenda che ha raccolto 200mila firme, non mi pare che le donazioni di denaro e cibo verso i canili si siano impennate nello stesso modo. Forse la gente, dopo aver cliccato sulla petizione, ha voltato la testa, ma stavolta con la convinzione di aver fatto qualcosa di utile (e quindi con la coscienza a posto).
Non c'è bisogno di gesti eclatanti per migliorare questo mondo. Ma se non facciamo nemmeno piccoli gesti, il lassismo già dilagante non fa che aumentare. Arrivate a criticare addirittura la buona fede della gente, se fanno dei buoni gesti, o giudicate gli animalisti come dei tonti affetti da "fettasalamite acuta" (impresto il simpatico termine da Paolo).
Comunque continuate così, la paraculaggine in Italia porta molto in alto.
Balle.
Il condizionale è usato solo per quanto riguarda la ricostruzione dell'intera vicenda,


Te le canti e te le suoni da solo. Se ADN usa il condizionale è perchè NON E' SICURA che quello che racconta sia davvero successo.


che se fosse confermata aggraverebbe la posizione dell'"artista".


SE FOSSE CONFERMATA!
Se invece fosse smentita aggraverebbe la situazione di tutti quelli che lo hanno diffamato, che però hanno la certezza dell'anonimato. E allora sì...diffondiamo qualunque stronzata arrivi alle nostre orecchie. Se poi qualcuno la confermerà, meglio per noi...

Ma il fatto che un cane randagio denutrito sia stato utilizzato per scopi commerciali e che poi l'artista abbia chiesto scusa, resta ed è VERO.

Eh no, caro mio, ora stai facendo il furbetto. Qual è la vicenda del contendere? Il fatto che il cane sia stato ucciso o il fatto che il cane sia semplicemente stato utilizzato. Stranamente siete tutti pronti a condannare l'uomo perchè ha "ucciso un cane", poi però dite "comunque non doveva utilizzarlo come esposizione". Come si è già detto tante volte, cercare prima un colpevole e poi la sua colpa è un comportamento incivile.


Qua dobbiamo prendere per buone le notizie di Adn.

E infatti Adn CITA le parole di un rappresentante della biennale. Le parole originali di Vargas non le abbiamo ancora lette.

Non ti sta bene? Vai in Nicaragua.
Cosa? Sei tu che stai montando una rivoluzione per sta storia. Alza il culo e vai a denunciare Vargas, visto che tu sei sicuro che lui è colpevole.

Vuoi andare oltre la notizia? Vai in Nicaragua e parla con l'"artista". Ah, e poi già che ci sei, dagli un paio di cazzotti da parte mia. Mentre lo fai, fatti riprendere. E se ti denuncia hai due possibilità:
1 - affermi che il fatto non esiste (ti fai aiutare da paolo naturalmente)
2 - ti giustifichi spacciandola per forma d'arte, per evidenziare l'indifferenza dei passanti che non si fermavano ad aiutarlo


Beh, perchè dovrei farlo io? Sono tutti pronti ad accusare una persona, ma intanto nessuno ha ancora avviato un'azione legale. Se tutti quei visitatori sono certi di aver visto un cane moribondo, non avranno problema a testimonare la cosa in tribunale.

(Poi non dire "morente" perchè è un concetto che esprimi tu in base a come è trapelata la notizia. Per ora le foto, unica prova che abbiamo, dicono che il cane era solo malconcio.)
E "sticazzi"!...lo posso dire?


Probabilmente sarebbe la cosa più sensata che hai detto. Ah voglio dire: se io ti faccio vedere la foto di una persona accasciata a terra (su cui non è visibile alcun segno), tu sapresti dirmi tranquillamente se è viva, se dorme, se è ubriaca o se si è fatto in vena?

Te lo dico io. Punto primo. Ricetta:
prendi un cane sano, non dargli da mangiare per dei giorni e vedi cosa ottieni.


Prendi lo stesso cane, dagli da mangiare per un giorno. Il suo stomaco starà meglio, ma da fuori non credo che tu possa notare la differenza.


Punto secondo.
Se quel cane era già così (perchè randagio o già malato), ripeto che già l'idea di esporlo a pubblico invece di prestargli soccorso evidenzia la bastardaggine dell'artista, e


E turna! Quindi l'importante è massacrare quella persona, anche se la sua colpa è un'altra. Va bene, non c'è problema.

la petizione è giusta comunque.

Il punto in cui viene spiegata la valenza NULLA delle petizioni on line l'hai letto?


(Eh, se non hai colto un esempio per ricordarti il principio di "presunzione d'innocenza", forse è meglio sorvolare davvero.)
Ma no, è che vedo poco i TG italiani.


Tu hai bisogno di guardare i tg per sapere uno dei principi fondamentali della nostra democrazia? Poveretto...

(Ella madonna! Allora come mai io trovo sempre e solo quelle 4 foto?)
Perchè vuoi credere che tutto questo non esista.


AHAH AH AH AH AH AH AH AH
Trovami altre foto del cane, visto che tu ci credi...

No invece, si scuserà chi l'ha diffusa.
Perchè è un reato che si chiama diffamazione.

Che al momento è quella che hanno commesso tutti quelli che hanno criminalizzato una persona senza averne le prove

Se invece è tutto vero, farete un pompino al cane.

Se è vera, allora saremo anche noi ad indignarci contro Vargas. E la volgarità tientela per te.

Ciò dimostra che comunque non critichi il fatto che sfruttare l'aspetto malsano e le sofferenze di un animale per un proprio tornaconto sia un atto cinico e criminale. cvd.

Invece se tu leggessi bene, ho scritto 100 volte che a me fa schifo il circo, il palio di siena e i giochi con gli animali. Anche quando vengono trattati bene, o così sembra.

(Se al museo l'hanno saziato dal giorno prima, comunque agli occhi dei visitatori sarebbe apparso magro, sporco e stanco).
Ci mancherebbe. Ed era proprio quello che voleva l'artista!
Un cane magro, sporco e stanco.


Ok, ma nessuno poteva capire la differenza. E l'artista di sicuro non ha fatto niente per farlo apparire in quel modo, anzi l'ha ancora sfamato.


Sto leggendo il resto...non ho più voglia di risponderti. Stai passando anche alle volgarità e poi agli insulti...gli ultimi mezzucci di chi non sa come rispondere. Beh, hai dimostrato tutto il dimostrabile. Firma pure il cavolo che ti pare e sentiti a posto con la coscienza. Addio
Ragazzi, la smettiamo di litigare e inquinare il blog? Qui si da il proprio parere e ciascuno l'ha dato, se ci sono novita', prego comunicare il link appropriato.
Gianni, fin dall'inizio ho trovato poche informazioni sul web, a parte i blog e i forum che rimbalzavano le stesse informazioni. Adesso e' un sapello che non ci si capisce nulla, ma di fonti attendibili non ce ne sono, altrimenti Paolo le avrebbe subito messe a disposizione.

A me il fatto di sapere che un cane randagio denutrito sia stato utilizzato per scopi commerciali basta per sottoscrivere la petizione. Comunque l'indignazione serve a ben poco se poi non si fa qualcosa di concreto....
E io rimango indignato, ma non firmo perche' sottoscrivere una petizione, in questo caso, non serve a molto: e' molto piu' utile fare un giretto al canile, anche a mani vuote, e fare compagnia a un ospite. Inutile firmare ora perche' OIPA da qualche settimana ha mezzo archiviato il caso con un timbro VITTORIA e in calce all'articolo e' scritto:
L’OIPA ringrazia tutti coloro che hanno firmato l’appello, contribuendo ad ottenere un importante risultato, nella speranza che un episodio come questo non debba mai più ripetersi.

Quindi, please, se si vuole contribuire fattivamente a questo blog si dovrebbe scrivere a OIPA o ad altre organizzazioni e farsi dare maggiori riferimenti seri.
...fermo restando il mio rispetto per chi ha firmato, nella speranza che non si tratti di un clic momentaneo non seguito dall'impegno quotidiano...
@Maurizio Grillini

Visto che con te si riesce a discutere in modo civile (anzi sono felice che tu, pur mantenendo vivo il tuo lato animalista, abbia capito il senso dell'intero articolo di Paolo) mi potresti spiegare una frase?


L’OIPA ringrazia tutti coloro che hanno firmato l’appello, contribuendo ad ottenere un importante risultato, nella speranza che un episodio come questo non debba mai più ripetersi.


Seconto te, cosa intende l'OIPA quando parla di "importante risultato" a cui si sarebbe arrivati?
- l'artista è stato bandito o punito? non mi risulta (o meglio, non è ancora stato detto nulla)
- si è scoperto che fine ha fatto il cane? non mi risulta nemmeno quello
- il risultato era la visibilità mondiale della notizia? Beh, questo in effetti è stato ottenuto, ma non mi sembra un gran risultato, date le premesse iniziali.

Insomma, con tutto il rispetto per l'OIPA e quello che fa, non pensi che il loro silenzio equivalga ad un tacito "forse abbiamo preso una cantonata e dovevamo andarci piano", ma piuttosto che ammetterlo preferisca utilizzare una sorta di "ce l'abbiamo fatta", senza però specificare in cosa?

Grazie :)
Replicante, ho linkato l'articolo e la spiegazione e' qualche riga prima: Queste organizzazioni stanno studiando il caso per presentare un ricorso davanti al tribunale locale.
O forse sarebbe stato meglio seppellire tutta la vicenda nel silenzio?
Queste organizzazioni stanno studiando il caso per presentare un ricorso davanti al tribunale locale.
O forse sarebbe stato meglio seppellire tutta la vicenda nel silenzio?


Assolutamente no. Sarei ben felice che ci sia chiarezza su questa vicenda (e appunto, forse noi che non possiamo farla - almeno non con i nostri mezzi - aspettare prima di dare sentenze) e sono felice che qualcuno stia indagando.

Ho riletto bene l'articolo che hai linkato (che a prima vista mi era parsa l'ennesima riproposizione della tiritera iniziale). Se ho capito bene - sennòo correggimi - il risultato ottenuto è stato quello di impedire a Vargas la partecipazione alla mostra del prossimo anno. Mi sembra un risultato un po' "fittizio" e ti spiego cosa voglio dire:

- se la notizia fosse stata incentrata sull' "uso improprio di un cane come opera d'arte" allora avrei potuto essere pienamente d'accordo fin da subito, dato che le foto testimoniano che il cane c'è ed esiste,anche se il suddetto fosse stato in ottime condizioni.
(prendila come una battuta: pensa se si scoprisse che il cane di quelle foto è finto! ok dai, era tanto per stemperare la tensione)
Ma invece la notizia metteva in primo piano la morte dello stesso, che ovviamente risveglia in tutti noi istinti di rabbia ben più grandi. Ma tale morte non è ancora stata dimostrata e, anche se fosse, non è stato dimostrato che essa sia la diretta conseguenza dell'"opera".

- facciamo finta che Vargas sia SICURAMENTE responsabile della morte del cane: la semplice interdizione ad una mostra mi sempra un risultato un po' bassino. Sarebbe come se ad un ultrà che ammazza un altro tifoso si impedisse di presentarsi allo stadio per il resto del campionato e tanti saluti, Insomma,se ha ammazzato un animale, è giusta una pena pecuniaria e/o la reclusione, non uno schiaffetto sulle mani. Quindi quelli che ora credono che Vargas sia responsabile della morte dell'animale, si sentono soddisfatti di questo risultato?

Se invece l'OIPA si dichiara soddisfatta, forse vuol dire che ha abbassato le aspettative, evidentemente perchè ha capito che al momento non poteva chiedere di più, almeno fino al processo. Se io ti accuso di omicidio, ma poi mi dichiaro soddisfatto del fatto che ti abbiano fatto 100 euro di multa, faccio capire che io per primo non sono convinto della tua colpevolezza.

Sul fatto che invece si stia raccogliendo il materiale per un procedimento contro Vargas, credo che questo sia indipendente dalla petizione.

Oh, se per sbaglio ho capito male qualcosa (e se tu hai capito male qualcosa delle mie parole)...oh, è domenica anche per me :)
Ho visto che nel lungo fine settimana non si è aggiunto nulla di nuovo in questi commenti. Né, purtroppo, nemmeno nella mia casella di posta elettronica. Domani reinvierò per la terza volta la richiesta all'OIPA, ma, spiace dirlo, comincio veramente a pensare che non troverò mai risposta. Il che ci rimetterebbe tutti al punto di partenza: ovvero avremo delle scuse di Vargas via web di cui esiste traccia (almeno al momento e colle ricerche fin qui compiute) solo in un comunicato dell'OIPA, la quale non mi ancora indicato dove ha reperito dette scuse.

A risentirci in caso di novità.
troppo denutrito per non mangiare solo nelle 3 ore di mostra.
quet'artista si deve vergognare e basta!! l'unico ipocrita qui è lui che sulla pelle di una povera bestiola si è fatto una grande pubblicità...ma che schifo!!!
troppo denutrito per non mangiare solo nelle 3 ore di mostra.

Forse perchè era già denutrito PRIMA di prenderlo? Oppure pensi che bastano 2 giorni per rimettere in sesto un cane randagio?


l'unico ipocrita qui è lui che sulla pelle di una povera bestiola si è fatto una grande pubblicità...

La pubblicità l'ha fatta chi ha fatto girare la mail.

Tralatro vedo che dopo un'altra settimana (e a un mese dalla pubblicazione della notizia), l'OIPA non ha risposto a Rado, queste scuse-meaculpa di Vargas non si trovano se con sotto forma di citazione, non vi è nessuna novità sulla vicenda.
Se ADN usa il condizionale è perchè NON E' SICURA che quello che racconta sia davvero successo.

Scommetto che non hai letto molti articoli in vita tua. L'uso del condizionale è una forma giornalistica molto usata per fatti di cronaca. (Mi sbaglio Paolo?)
Ma tanto a che serve continuare? Qui è pieno di mulini a vento....
E comunque SOTTOSCRIVO IN TOTO GLI INTERVENTI DI GIANNI
Se ADN usa il condizionale è perchè NON E' SICURA che quello che racconta sia davvero successo.

Scommetto che non hai letto molti articoli in vita tua. L'uso del condizionale è una forma giornalistica molto usata per fatti di cronaca. (Mi sbaglio Paolo?)
Ma tanto a che serve continuare? Qui è pieno di mulini a vento....
E comunque SOTTOSCRIVO IN TOTO GLI INTERVENTI DI GIANNI
al terzo tentativo ho ottenuto una "risposta": il messaggio mi è tornato indietro perché il destinatario non era raggiungibile.

a dexter: ma allora tu parteciperesti ad un linciaggio solo perché "me lo hanno ordinato", salvo poi non prenderti le tue responsabilità perché "non è colpa mia, obbedivo agli ordini" o sbaglio? perché fra le tante cose Gianni ha detto proprio questo.
a dexter: ma allora tu parteciperesti ad un linciaggio solo perché "me lo hanno ordinato", salvo poi non prenderti le tue responsabilità perché "non è colpa mia, obbedivo agli ordini" o sbaglio? perché fra le tante cose Gianni ha detto proprio questo.

Questo esiste solo nella tua fantasia. Non ho mai detto che bisogna obbedire senza riflettere o documentarsi prima. Per me, la notizia (quella relativa all'utilizzo del cane randagio denutrito come forma d'arte) è più che attendibile (non credo che ADN e l'Oipa si divertano a dispensare idiozie), motivo per cui ho sostenuto la petizione.
Se sostenete che la notizia non sia del tutto attendibile, o che comunque abbia subìto delle storture, siete liberi di crederlo. Ma protestare non significa incriminare, è ben diverso. Per quello esistono i tribunali e gli avvocati.
Ma almeno non demonizzate chi protesta o firma petizioni a ragion veduta (che secondo voi non servono a nulla, ma non è così...anche se le petizioni a volte non fanno niente sul piano pratico, servono il più delle volte per far prendere coscienza di determinati problemi), perchè vi trasformate inconsapevolmente nei complici di chi ha agito male, azionando un meccanismo per cui alla fine il colpevole diventa innocente.
un momento:
- la petizione è stata promossa per la morte del cane (o meglio contro la morte del cane) e non contro il suo utilizzo. e non è la prima volta che si cambiano le carte in tavola su questo punto. E sono due cose diverse, per quanto entrambe non condivisibili. Ad esempio: un conto è dare ad uno dell'assassino, un altro del ladro. La prima accusa è più grave della seconda, pur essendo entrambi reati;
- tu stesso hai scritto che a scusarsi e/o ad aver fatto la diffamazione, nell'eventualità, dovrebbe essere chi ha promosso la petizione e non chi l'ha firmata. È il concetto del "non è colpa mia. Obbedivo agli ordini" che quindi non è una mia fantasia ma una tua affermazione.

riassumendo: ragionando come te, dato che l'OIPA non mi ha mai risposto a tre mie mail, dovrei dedurre che non sa nemmeno lei dove ha tratto le scuse che ha citato, e quindi è tutto falso.
Cosa che non faccio ma come vedi ragionando come te le conclusioni a cui si arriva sono facilissime.

Comunque invece di ribattere inutilmente c'è qualcuno che è riuscito a trovare 'ste benedette scuse di Vargas via web, o siamo sempre fermi alle citazioni. Possibile che nessuno le sappia trovare?
la petizione è stata promossa per la morte del cane (o meglio contro la morte del cane) e non contro il suo utilizzo. e non è la prima volta che si cambiano le carte in tavola su questo punto

Guarda, la petizione è stata promossa per boicottare la presenza di questo Vargas alla biennale del centroamerica, visti gli abusi perpetrati nei confronti di un cane bisognoso di cure a fini "artistici". La morte del cane è stato un fatto accidentale, un'aggravante, se così possiamo dire, al reato di maltrattamento di animali di cui il signor Vargas si è macchiato.
Non sono informato delle leggi vigenti in Costa Rica in termini di abusi sugli animali, quindi, in quanto essere umano tutto sommato ragionevole, non posso che dare ascolto alla mia legge morale e, in quanto italiano, non posso che rifarmi alla legge italiana (http://www.confavi.it/caccia/pdf/lg_189_20-07-04.pdf).
Detto questo, che sia morto o meno l'animale è un fatto piuttosto marginale, il reato di maltrattamento è ben provato da fonti attendibili e dunque il signore in questione meriterebbe una sanzione ben più severa di quanto promosso dalla petizione.
Guarda, la petizione è stata promossa per boicottare la presenza di questo Vargas alla biennale del centroamerica, visti gli abusi perpetrati nei confronti di un cane bisognoso di cure a fini "artistici". La morte del cane è stato un fatto accidentale, un'aggravante, se così possiamo dire, al reato di maltrattamento di animali di cui il signor Vargas si è macchiato.

No fermo! Questo è rigirare la frittata. Adn parla di un cane che "sarebbe morto" e la gente subito ha capito "il cane è morto" e ha firmato la petizione perchè quell'uomo "ha ucciso un cane" e quella è la colpa di cui è stato accusato da praticamente tutti quelli che hanno firmato.
Come ha detto Rado, l'abuso (inteso come "uso improprio" )di un animale e il suo assassinio sono due reati vergognosi ma diversi.
Anche quelli che utilizzano i bambini per chiedere l'elemosina fanno di loro un "uso improprio", ed è vergognoso, ma non possiamo certo paragonarli a quelli che i bambini li ammazzano. E non si può dire che la morte del cane sia un "aggravante" perchè invece i messaggi della gente parlano chiaro: la morte del cane, per loro, è la colpa di Vargas, punto di partenza da cui al limite si gioca al ribasso ("comunque ha fatto del male al cane").
In uno stato civile non funziona così, altrimenti ognuno di noi potrebbe essere accusato di un reato gravissimo e poi pian piano si scende fino a trovare uno che abbiamo commesso, fosse anche un divieto di sosta.



Detto questo, che sia morto o meno l'animale è un fatto piuttosto marginale, il reato di maltrattamento è ben provato da fonti attendibili


Ovvero? Quelle foto dove si vede un cane malconcio? E come fai a dire che è malconcio per via dei maltrattamenti, quando è dichiarato pubblicamente che si trattava di un cane randagio?


e dunque il signore in questione meriterebbe una sanzione ben più severa di quanto promosso dalla petizione.


Infatti questa tua frase dimostra l'incoerenza di chi ha firmato e si sente a posto con la coscienza: quelli che credono che Vargas abbia consapevolmente ucciso un cane, non hanno capito che quella petizione non si proponeva nè di metterlo in galera nè di farlo processare, ma solo di impedirgli la partecipazione alla prossima mostra.
E' come se (esempio già fatto) per punire un ultrà che uccide un altro tifoso, ci si limita ad impedirgli l'accesso allo stadio fino alla fine del campionato. Mi sembra un po' pochino. Questo dimostra che tutti i "soddisfatti" non hanno nemmeno letto a fondo la petizione.

E comunque com'è che l'Oipa non parla? Non risponde? Non pubblica aggiornamenti?
Ma almeno non demonizzate chi protesta o firma petizioni a ragion veduta (...), perchè vi trasformate inconsapevolmente nei complici di chi ha agito male, azionando un meccanismo per cui alla fine il colpevole diventa innocente.

E voi invece azionate un meccanismo per cui una persona viene prima considerata colpevole, con accuse molto gravi, dopodichè si cerca la sua vera colpa, che non è quella con cui era stato accusato. Bella situazione, vero?
Magari non così bella, se un giorno ti troverai dalla sua parte. E non dire che non succederà mai, perchè credo che anche tu una volta avrai superato un limite di velocità, quindi potresti essere accusato di "tentato omicidio", anche se andavi ai 60 dove c'era il limite dei 50.
un momento:
- la petizione è stata promossa per la morte del cane (o meglio contro la morte del cane) e non contro il suo utilizzo.

Sbagliato. La petizione è stata promossa per far sì che in un futuro non sia ammesso questo 'artista' alla Biennale Centroamericana del 2008 in Honduras. Vargas sulla morte del cane (che evidentemente è avvenuta) si è giustificato affermando che 'sarebbe comunque morto'.

E sono due cose diverse, per quanto entrambe non condivisibili. Ad esempio: un conto è dare ad uno dell'assassino, un altro del ladro. La prima accusa è più grave della seconda, pur essendo entrambi reati;
Non ho denunciato vargas. Ho solo cercato di boicottarlo.

- tu stesso hai scritto che a scusarsi e/o ad aver fatto la diffamazione, nell'eventualità, dovrebbe essere chi ha promosso la petizione e non chi l'ha firmata. E' il concetto del "non è colpa mia. Obbedivo agli ordini"
Nessun ordine, qua non stiamo ammazzando nessuno, non siamo terroristi. Se uno accetta le notizie che gli arrivano (stiamo parlando di ADN e la NACION http://www.nacion.com/ln_ee/2007/octubre/04/aldea1263590.html, e non 'Gente'), firma. Non credo che la petizione arrivi a precludere la partecipazione (figuriamoci), ma almeno farà si che non si ripeta questo genere di 'arte' (che è già stata fatta in passato, ma voi naturalmente non ci credete perchè per voi nulla è attendibile, figuriamoci).


che quindi non è una mia fantasia ma una tua affermazione.
E' un'affermazione che hai dedotto, che io non ho mai detto. E' comunque frutto della tua logica (sbagliata) che ti ha fatto interpretare in malo modo quello che ho detto. La mia era un'ipotesi per assurdo nel caso in cui tutta la notizia fosse stata un falso. Ma quello non accadrà mai perchè la notizia è vera e attendibile. E voi qui ancora a scervellarvi...

riassumendo: ragionando come te, dato che l'OIPA non mi ha mai risposto a tre mie mail, dovrei dedurre che non sa nemmeno lei dove ha tratto le scuse che ha citato, e quindi è tutto falso.
Se anche non fosse vero, comunque peggiorerebbe solo la posizone dell'artista e non metterebbe in discussione la veridicità dell'accaduto.


Cosa che non faccio ma come vedi ragionando come te le conclusioni a cui si arriva sono facilissime.
Eh?

Comunque invece di ribattere inutilmente c'è qualcuno che è riuscito a trovare 'ste benedette scuse di Vargas via web, o siamo sempre fermi alle citazioni. Possibile che nessuno le sappia trovare?

E' che è stato tutto insabbiato, un po' quello che cercate di fare voi, non per niente il sito si chiama 'Il Disinformatico'.

http://reiskeks-natividad.blogspot.com/2007/10/guillermo-habacuc-vargas-admits-on-his.html

http://reiskeks-natividad.blogspot.com/2007/10/misinformation-is-obviously-faster-and.html

http://guillermohabacucvargas.blogspot.com/
(un momento:
- la petizione è stata promossa per la morte del cane (o meglio contro la morte del cane) e non contro il suo utilizzo.)
Sbagliato. La petizione è stata promossa per far sì che in un futuro non sia ammesso questo 'artista' alla Biennale Centroamericana del 2008 in Honduras.


Ma la petizione parla chiaramente di un cane "che è stato lasciato morire di fame".


Vargas sulla morte del cane (che evidentemente è avvenuta) si è giustificato affermando che 'sarebbe comunque morto'.
Certo ma attenzione a come viene strumentalizzata questa frase: Vargas come si è già detto, ha voluto fare una provocazione (certamente molto forte e che gli è sfuggita di mano), ovvero mettere davanti alla gente la sofferenza di un animale che, se fosse stato lasciato soffrire all'aperto, sarebbe stato ignorato da tutti. Quindi è indubbio che quel cane prima o poi sarebbe morto...esattamente come io e te prima o poi moriremo (grattatina!).
Anzi, Vargas sta tentando di dire: "vi incazzate tanto la morte di un cane che, se aveste incontrato per strada, avreste ammazzato voi stessi, ignorandolo".


(E sono due cose diverse, per quanto entrambe non condivisibili. Ad esempio: un conto è dare ad uno dell'assassino, un altro del ladro. La prima accusa è più grave della seconda, pur essendo entrambi reati;)
Non ho denunciato vargas. Ho solo cercato di boicottarlo.


Ok, ma pur sempre accusandolo di reato di cui non abbiamo prove.

(riassumendo: ragionando come te, dato che l'OIPA non mi ha mai risposto a tre mie mail, dovrei dedurre che non sa nemmeno lei dove ha tratto le scuse che ha citato, e quindi è tutto falso.)
Se anche non fosse vero, comunque peggiorerebbe solo la posizone dell'artista e non metterebbe in discussione la veridicità dell'accaduto.


Questa sinceramente non l'ho capita. Un ente che ha diffuso una campagna accusatoria verso una persona, e non fornisce ulteriori delucidazioni su queste accuse, dovrebbe peggiorare la situazione dell'artista?


E' che è stato tutto insabbiato, un po' quello che cercate di fare voi, non per niente il sito si chiama 'Il Disinformatico'.

http://reiskeks-natividad.blogspot.com/2007/10/guillermo-habacuc-vargas-admits-on-his.html

http://reiskeks-natividad.blogspot.com/2007/10/misinformation-is-obviously-faster-and.html

http://guillermohabacucvargas.blogspot.com/


E questi blog (fonti attendibilissime, dato che chiunque può crearne uno e sciverci quello che ci pare) cosa dovrebbero dimostrare, a parte il fatto che FINALMENTE si vedono altre 2 foto di questo cane (che tuttavia mi sembra molto più "sveglio" di quello che si vorrebbe pensare).

A parte dire "vi assicuriamo che è tutto vero" non mi pare forniscano ulteriori prove. E poi non trovi curioso che

"Guillermo Habacuc Vargas admits on his new created MySpace page, that he indeed killed the dog!"

ovvero che lui stesso si crei una pagina dove fa il mea culpa, quando è molto più probabile che qualcuno l'abbia fatto per lui? D
No fermo! Questo è rigirare la frittata. Adn parla di un cane che "sarebbe morto" e la gente subito ha capito "il cane è morto" e ha firmato la petizione perchè quell'uomo "ha ucciso un cane" e quella è la colpa di cui è stato accusato da praticamente tutti quelli che hanno firmato.

bla bla bla....

Nada podemos hacer por este perro pero si tratar de que los organizadores de la Bienal Centroamericana Honduras 2008 no admitan a este "artista" maltratador de animales

Si parla di maltrattamento, leggi bene. Non di omicidio.

Tra l'altro non capisco bene se in questo luogo virtuale pieno di gente tanto bizzarra si dibatta sulla veridicità o meno di una notizia o sul fatto che non sia giusto boicottare uno che ha "solo" maltrattato un animale.

Parli di eccessi di velocità e di accuse di tentato omicidio. Ma allora mi stai dicendo che non è poi così grave trasformare un animale (oltretutto in evidente stato di incuria) in un fenomeno da baraccone provocandogli ulteriori sofferenze e probabilmente anche la morte. Tanto ci sono tanti animali che vengono torturati e uccisi...
me ne ricorderò la prossima volta che qualcuno mi sorprenderà a prendere a calci un bambino per strada. Gli riporterò la fantastica analogia sugli eccessi di velocità ricordandogli che ci sono tanti bambini che vengono maltrattati e uccisi nel mondo. Magari funzionerà...
Si parla di maltrattamento, leggi bene. Non di omicidio.

http://www.oipaitalia.com/maltrattamenti/notizie/nicaragua.html

Guillermo Vargas artista costaricano, conosciuto col soprannome di Habakkuk, ha suscitato le ire di associazioni animaliste e di cittadini di ogni parte del mondo a seguito della morte del cane randagio conosciuto col nome di Nativity esposto alla galleria di Managua.

Il cane è morto il giorno seguente a quello in cui sono state scattate le foto

L'Oipa invece parla di morte. E lo fa in modo sicuro.

Tra l'altro non capisco bene se in questo luogo virtuale pieno di gente tanto bizzarra si dibatta sulla veridicità o meno di una notizia o sul fatto che non sia giusto boicottare uno che ha "solo" maltrattato un animale.

Io invece non capisco bene se in questo luogo virtuale pieno di gente tanto bizzarra, si stravolgano le parole degli altri utenti. Chi ha mai detto che bisogna discutere sul fatto che sia giusto o no punire chi maltratta gli animali? E' GIUSTISSIMO. Ma la cosa deve essere dimostrata. E la gente deve essere punita per il reato che ha commesso, non per un altro. E il maltrattamento, rispetto all'uccisione, è un reato diverso; schifosissimo, ma diverso. Questo però non lo volete capire. E allora vi auguro di vivere in un paese dove possiate venire incolpati per un reato che non avete commesso solo perchè siete stati incastrati da un passaparola.


Parli di eccessi di velocità e di accuse di tentato omicidio. Ma allora mi stai dicendo che non è poi così grave trasformare un animale (oltretutto in evidente stato di incuria) in un fenomeno da baraccone provocandogli ulteriori sofferenze e probabilmente anche la morte. Tanto ci sono tanti animali che vengono torturati e uccisi...


NO, NON LO STO DICENDO E NON LO HA DETTO NESSUNO. Certo che parlare col muro dà più soddisfazione...


me ne ricorderò la prossima volta che qualcuno mi sorprenderà a prendere a calci un bambino per strada. Gli riporterò la fantastica analogia sugli eccessi di velocità ricordandogli che ci sono tanti bambini che vengono maltrattati e uccisi nel mondo. Magari funzionerà...

Intanto giri attorno al discorso ma non mi hai spiegato come ti sentiresti se tu venissi accusato di aver commesso un grande reato, senza che nessuno ne abbia le prove, e poi si tentasse di trovare una colpa che giustifichi il tuo arresto? Inoltre ti ricordo che tantissima gente ha ammesso che, anche se Vargas sarà dichiarato innocente, non si sentirebbe in dovere di porgergli delle scuse. Insomma, il verdetto popolare è già stato scritto.
ti ricordo che tantissima gente ha ammesso che, anche se Vargas sarà dichiarato innocente, non si sentirebbe in dovere di porgergli delle scuse. Insomma, il verdetto popolare è già stato scritto

non io.

...se un giorno ti troverai dalla sua parte. E non dire che non succederà mai, perchè credo che anche tu una volta avrai superato un limite di velocità, quindi potresti essere accusato di "tentato omicidio", anche se andavi ai 60 dove c'era il limite dei 50.

lo hai scritto tu?

Allora non dire NON LO STO DICENDO, NON LO HA DETTO NESSUNO


Io ho firmato una petizione che parlava di maltrattamento EBBASTA!!
Il maltrattamento c'è stato, è documentato e se vuoi negare pure quello allora fa come ti pare.


La cosa assurda è che mi sembra che ti stia arrampicando sugli specchi. Deciditi: il maltrattamento deve essere dimostrato oppure anche se colpevole di maltrattamento è ingiusto accusare Vargas di omicidio perché non ci sono prove incontrovertibili che lo leghino alla morte del cane.
E non venirmi a dire che qui nessuno giustifica episodi di abuso (grazie al c...o!)

...mai sentito parlare di decodifica aberrante? No, perché qui se ne sta veramente facendo un uso smodato.
Comodo tralasciare certi link eh?

http://www.nacion.com/ln_ee/2007/octubre/04/aldea1263590.html

In breve l'articolo conferma la morte del cane e tutto il resto, secondo Marta Leonor González, editrice del supplemento culturale La Prensa in Nicaragua. E questi sarebbero altri fatti inventati ovviamente!
Ci sono le dichiarazioni del geniale artista intervistato che si astiene dall'affermare che il cane sia morto, perchè "a lui interessa l'ipocrisia della gente".
L'articolo è datato 4 ottobre 2007.

Qui si sta criticando l'operato di un uomo che ha fatto della sofferenza della sua forma d'arte. Ora qualcuno mi risponderà "ah, ma su questo sono d'accordo, solo che..."
Solo che quando si tratta di firmare una petizione fate spallucce e vi rifugiate nel criticare chi lo fa per mancanza di prove.
Prove che sono sotto gli occhi di tutti, ad es (google lo usate, si?) http://elperritovive.blogspot.com/
(si vede dagli occhi, il cane sta da favola)...ma si sa, il peggior cieco è colui che non vuol vedere.
Cos'è, siete tutti morti?

Mi aspettavo almeno una pronta ribattuta al post, com'è vostro solito, o avete deciso di battere in ritirata nel vostro continuo disinformare su quelli che sono i fatti?

Se così fosse, chiedo gentilmente al sig. Attivissmo di eliminare il post, in quanto non fa che infestare la rete di una serie di supposizioni fuorvianti e fuori luogo.
Gianni, qui non è morto nessuno. Solo che, come detto, io mi ero ripromesso di ritornare qui appena l'OIPA mi avesse dato il link di queste famose scuse via Web di Vargas. Cosa che non ha ancora fatto.

Poi per puntualizzare:
- la petizione è stata fatta per boicottare la presenza di Vargas ad una successiva mostra, perché colpevole di aver usato un cane in una sua precedente, maltrattandolo così facendo. Ma ti assicuro che chi la invitava a sottoscrivere parlava sempre e solo di una mossa da fare contro Vargas perché aveva lasciato morire il cane, e per tale motivo è stata poi sottoscritta.
- l'articolo che hai linkato tu era inutile(intendo quello de La Nacion di ottobre), non perché "scomodo" ma perché era noto (a chi ha seguito la storia) in quanto è quello da cui è partito tutto e da cui l'ADN Cronos ha tratto la notizia
- piuttosto mi ha incuriosito il tuo terzo link, quello che porta al blog di Vargas. Ovvero: ma siamo sicuri che sia il suo blog? Cioè posso anche arrivare a immaginare un tipo che per farsi pubblicità arrivi anche ad ammazzare un cane (c'è chi qui in Italia ha offerto un lavoro da testimonial a chi ha ammazzato 4 persone, tanto per dire) ma addirittura avere un blog in cui invita a firmarsi una petizione contro per quello mi pare al limite dell'assurdo. E mi viene anche un sospetto: non è che l'OIPA ha preso quello che "scuse via web dirette di Vargas". Tu sai per caso se è veramente suo o è stato aperto solo per "centro raccolta firme"?

Poi, torno a ripetere quanto detto sopra, non mi va bene nemmeno cosa trovo scritto in certi link qui sotto, dove "visto che Paolo Attivissimo ne ha trattato, allora è sicuramente una bufala". Cosa anche qui mai affermata dal diretto interessato, ma creduta come tale a chi fa una lettura approssimativa dell'indagine (del tipo: leggo i titoli del blog di PA. AH, c'è il cane morto per arte? Allora è una bufala).

Poi non mi piace assolutamente questo discorso "il maltrattamento deve essere dimostrato oppure anche se colpevole di maltrattamento è ingiusto accusare Vargas di omicidio perché non ci sono prove incontrovertibili che lo leghino alla morte del cane" a prescindere se sia solo una provocazione o un sunto del pensiero altrui. Cioè, prendendolo alla lettera, basta dimostrare che uno sia colpevole di un reato minore ed automaticamente è colpevole anche di quello maggiore anche senza prove che abbia effettivamente compiuto quest'ultimo?
Io rimango comodamente in attesa di notizie certe, ma...

Ad esempio: un conto è dare ad uno dell'assassino, un altro del ladro. La prima accusa è più grave della seconda, pur essendo entrambi reati; (Rado, se non sbaglio).

Se io prendo un cane e lo lascio senza cibo per esibirlo in quel modo, non mi viene certo recapitata una multa per divieto di sosta ma, secondo la Legge 20 luglio 2004, n.189 sono previste multe pesanti e la reclusione, pene non certo paragonabili a un divieto di sosta.
Inoltre, dal momento che del cane hanno perso le tracce:
L'articolo 727 del codice penale è sostituito dal seguente:
"Art. 727. - (Abbandono di animali). - Chiunque abbandona animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività è punito con l'arresto fino ad un anno o con l'ammenda da 1.000 a 10.000 euro.


Il fatto che questo sia accaduto in una nazione estera, che ha leggi differenti e potrebbero ben equiparare l'accaduto a un divieto di sosta, non ci obbliga a discuterne ignorando le leggi vigenti nel nostro stato e anzi, dovremmo in questo caso indignarci ancora di piu' per la carenza legislativa.
discorso un po' pericoloso, perché ragionando così si finisce per invocare la pena di morte che in qualche vige ancora (non nel caso specifico, ma parlando in generale). Per spiegarmi meglio: è come se dicessi "all'estero c'è la pena di morte per gli omicidi, qui no, dobbiamo lamentarci della carenza legislativa nostrana."

Ma se vogliamo fare un esempio che calza a pennello (almeno per me), pensiamo al tristemente (concedetemi l'avverbio) noto Azouz (per intenderci: strage di Erba).
Stiamo parlando di una persona certamente con precedenti penali (per spaccio di droga), che dalle intercettazioni che stanno pubblicando tutto tranne che uno stinco di santo (spero di averle lette male, ma costui non ha esitato un istante ad avere un rapporto sessuale con un'"amica" della moglie appena morta. tanto per gradire).

Insomma, parliamo di un individuo tutto tranne che rispettabile. In base a questo, se non si ricorda male, è stato accusato di aver ucciso moglie e figlio. Cosa che si è rivelata falsa, ma che per giorni è stata data per vero. L'esatta applicazione del principio "il maltrattamento deve essere dimostrato oppure anche se colpevole di maltrattamento è ingiusto accusare Vargas di omicidio perché non ci sono prove incontrovertibili che lo leghino alla morte del cane". Ovvero, riprendendo l'esempio: "l'omicidio di moglie e figlio deve essere dimostrato oppure anche se colpevole di spaccio e di essere una persona moralmente discutibile (eufemismo) è ingiusto accusare Azouz di omicidio perché non ci sono prove incontrovertibili che lo leghino alla morte di moglie figlio".
Ed anche all'epoca telegiornali e agenzie aveva dettato la notizia della sicura colpevolezza, usando prima il condizionale, e poi via via lasciando ogni remora, salvo poi scoprire che era innocente (dell'omicidio duplice).
Questa “opera d’arte” aveva lo scopo di testimoniare l'indifferenza dell'essere umano nei confronti di altri esseri viventi. Il cane è morto il giorno seguente a quello in cui sono state scattate le foto, notizia confermata da Leonor Gonzalez, editore del supplemento culturale di La Prensa in Nicaragua.


se vuoi le risposte dell'oipa basta che segui il link http://www.oipaitalia.com/maltrattamenti/notizie/nicaragua.html
non credo che l'oipa ti faccia sapere personalmente gli sviluppi dopo la petizione che NOI animalisti abbiamo INUTILMENTE firmato!!
Il 163° commento alla discussione (quello di Milena di cui sopra) mi fa chiedere veramente cosa sia servito scrivere i precedenti 162 dato che o non li ha letti o non li ha capiti.

resta un mistero tutto l'astio dimostrato verso chi cerca di approfondire le cose.
ma stai scherzando?
prima di offendere usa il cervello, perch� io i post li ho letti.
che il cane sia morto o no (spero di no!) va comunque punito il gesto di Vargas se non altro con la cancellazione dell'"opera" e va fatto per ovvii motivi!!
detto questo, saluto tutti e vi lascio ai vostri inutili commenti e alle vostre offese gratuite!
nn so so se sia vero o no ma fate schifo se publicate ste puttanate.....
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Che si tratti o meno di una bufala,e' davvero vergognoso e morboso esporre la sofferenza di una animale.Per quelli come me che credono che gli animali hanno anima e dignita',allo pseudo artista direi che la sua arte e' peggio di tutta la spazzatura delle favelas.Sono tanti i modi per contestare,che certamente non comprendono la tortura sugli animali.Perche' non si e' messo lui a dieta fino a ridursi in pelle eossa,per poi incatenarsi al posto del cane?!
Penso che fare a un cane quel che è stato fatto a Nativity (e limitiamoci a pensare che sia stato solo esposto in una galleria d'arte denutrito e legato) dimostra solo la folle deriva nichilista del nostro mondo.
Personalmente se assistessi ad una scena del genere prenderei a calci nel sedere l'incommensurabile cretino e mi porterei a casa il cane sperando di trovargli un padrone visto che ne ho già due.
Arrivederci e grazie
Ho trascorso le ultime due ore leggendo il post di Paolo e i vari commenti qui sopra presenti.
E' la prima volta che mi ritrovo a dare contro a chi dà contro a delle persone che cercano di far luce obiettivamente e con un po' di sale in zucca su una vicenda che ha dei risvolti un po' tanto misteriosi. O meglio, detta così sembra che io sia una reazionaria per partito preso, in realtà intendevo dire che dò contro all'atteggiamento di molti "animalisti" che hanno postato qui dando contro a Paolo e a chi ha postato nei commenti.

Mi è piaciuto molto un commento di "john_wayne", quello in cui dice che nell'essere "animalisti" non c'è niente di speciale, perchè dovrebbe essere un comportamento innato. Gli dò perfettamente ragione. Io personalmente in quanto "animalista" (volontaria, petsitter, e tutto ciò che sono in grado di fare per prendermi cura dei miei animali e di quelli che ne hanno bisogno) non mi sono sentita minimamente tirata in ballo dalle critiche mosse semplicemente perchè ho capito che non mi riguardano :-)

Sempre a livello personale, ho avuto un cane adottato da un canile che poi dopo una settimana è morto del tutto inaspettatamente. Io mi sono sentita malissimo per settimane, ma alla fine ho anche capito che anche se era morto aveva avuto almeno una settimana decente in vita sua, vita che non era stata esattamente il massimo. Spero vivamente che sia stato così anche per Nadividad. Oltretutto un animale (ma anche un essere umano) che vive di inedia per anni, spesso muore comunque di fame anche se viene nutrito regolarmente nelle ultime settimane di vita perchè il corpo non è più in grado di metabolizzare il cibo o la sostanza nutritiva che gli vengono somministrati.

In base a questo, dubito che ci sia stata una connivenza così forte tra l'artista, il direttore della galleria, il direttore artistico, gli assistenti, le guardie etc. Di personale all'interno di una galleria che indice una mostra ce n'è tanto, non so fino a che punto sia possibile che siano dovuti arrivare un'infinità di blogger paladini di non si sa bene cosa per sollevare questo vespaio. E' una mia opinione personale che non aggiunge niente, ma letti tutti i commenti non me la sentivo di abbandonare la discussione senza dire la mia :D

Le associazioni animaliste, gli animalisti stessi li conosco, molto spesso si fanno prendere dalla foga di fare qualcosa per una determinata situazione dando contro a chiunque metta in mezzo anche solo un "ma". Da quello che ho capito, a qualcuno qui è successo. Oltretutto sono dell'idea mai smentita che gli insulti e le accuse non aiutino il dialogo. Non lo fanno con cattiveria, ma molto spesso diventano sordi a qualsiasi ragione, purtroppo, e rischiano di risultare solo fanatici.

Poi, secondo mie esperienze personali e per conoscenze di psicologia canina, non è assolutamente improbabile che un cane che è stato abbandonato o che ha vissuto per molti anni in uno stato di randagismo abbandoni le persone che lo hanno adottato anche solo temporaneamente: anzi, succede quasi sempre. A volte viene ritrovato, altre no. Le leggi attualmente vigenti in Italia sono, per il momento, sufficienti. Da quello che so molte associazioni stanno allargando il concetto di maltrattamento anche a certi tipi di addestramento (che non è la stessa cosa di educazione), ai recinti e alle catene e stanno premendo affinchè lo Stato riconosca anche questi metodi come maltrattamento.

Spero che si faccia luce sulla vicenda. E spero anche che le intenzioni di Vargas fossero quelle varie volte riportate. Se Nadividad è morto (cosa che ritengo probabile visto in che condizioni versava nelle foto), avrà avuto qualche ciotola di cibo almeno per qualche giorno e la sua morte magari sarà servita a qualcosa. Non me la sento di condannare nemmeno l'esposizione del cane, onestamente. Da un certo punto di vista può essere stato strumentalizzato, ma dall'altra ha avuto almeno qualche giorno di attenzione, di occhi affettuosi e compassionevoli e qualche crocchetta per lui solo :-) Non è che ad un cane serva molto per sentirsi felice. Beati loro.
Salve a tutti...le immagini mostrano chiaramente un cane maltrattato,denutrito e malato...quindi evitate di credere che venisse nutrito regolarmente!!!!!!!!!!!!!!!!!!non posso affermare che il cane fosse in quello stato a causa del trattamento subito in occasione della mostra,ma se,come dice il nostro caro artista,era già malato un trattamento del genere non avrebbe fatto altro che peggiorare le sue condizioni!!!!!!!ad ogni modo è crudele tenere un cane legato con le pareti cosparse di croccantini davanti agli occhi di quattro idioti che ritengono questa ARTE...Che mondo...mi fate schifo!!
1. dicono che il cane era ammalato: ok, e' stato forse fatto visitare da un veterinario? che malattia aveva? o questa era solo l'opinione del cosidetto artista? malattia incurabile? o forse solo fame?
2. diciamo che il cane fosse ammalato, e' forse giusto che un povero cane ammalato vada ad essere incatenato in un angolo di una galleria d'arte? io dico di no.. meglio avere la vita dura ma essere liberi.
3. il fatto che il cane sia morto di fame o no, seppure orribile a pensarci, non e' del tutto rilevante alla crudelta' del cosidetto artista
4. l'artista fa forse qualcosa di utile e concreto nell'appoggiare la sua causa? cosa di lui ci induce a credere che abbia a cuore questa causa invece del semplice atto di attirare attenzione su di se con qualcosa di atroce e nuovo?
5. non sembra venga qui riportato il fatto che si trovano online tante testimonianze di persone che sono state alla mostra e che dicono che il cane sia effettivamente morto sul posto... tante' rimane il fatto che la crudelta' concerne anche il fatto di incatenare il cane e obbligarlo ad una mostra.
6.se poi parliamo d'arte, e' questa forse arte? secondo me no, la mia certo e' un'opinione, ma che mondo e' questo dove un'esposizione del genere viene chiamata arte? che fine ha fatto l'arte vera? Per non parlare del direttore, perche' comunque la sua puo' benissimo essere una risposta diplomatica allo scontento della gente.
7. si puo' essere attivisti senza essere crudeli, e si puo' essere artisti offrendo arte che stimola/ispira/suscita emozioni, ma non usando in questo modo un povero cane forse malato.
1 - Firmare una petizione contro una mostruosita' del genere che viene fatta passare per arte e' un'azione giusta, se uno vuol comunicare di disapprovare 'arte' di questo genere.
2. Cosa uno fa o non fa per gli animali non ha niente a che fare nell'avere un'opinione negativa nei confronti di chi fa crudelta' nei confronti degli animali.
Certo e' ammirevole muoversi un attimo e abbracciare una causa, io personalmente dono continuamente ed aiuto a sostenere un centro che raccoglie animali abbandonati, e certo vorrei ci fosse piu' gente che si interessasse, ma rimango convinta che questo cosidetto artista non e' di nessun aiuto ed e' da fermare.
3. Che la petizione serva o no e' irrilevante. L'importante e' vedere che ci sono tante persone che hanno mostrato interesse nel fermare questa persona. Io ho anche scritto direttamente alla galleria d'arte:
info@madc.ac.cr
Centro Nacional de la Cultura
Antigua Fábrica Nacional de Licores.
Avenida 3, calle 15/17. San José, Costa Rica.
4. Cos'altro posso fare contro questo individuo pazzo? Cos'altro posso fare per comunicare a questo cosidetto artista il mio disgusto per quello che ha fatto ... forse andare giusto da lui e tirargli un calcio/dargli un pugno/o legarlo un pomeriggio in un'esibizione piena di gente (possibilmente con delle belle paste calde davanti al naso ma non raggiungibili) e un cartello che indica 'maltratta gli animali'
Boh, io non lo so. Io quando vedo un cane maltrattato e che viene affamato vado in bestia e faccio SEMPRE qualcosa. Ma per me legare per poche ore un cane a una "catena" non è maltrattamento, se poi passate quelle tre ore al giorno gli si dà da mangiare, da bere, gli si presta attenzione e anche cure mediche: non ne ho la certezza, ma nemmeno accuso la gente a casaccio.

Dove sono poi le numerosissime testimonianze della gente che è stata alla mostra? Scrivete i link perchè qua c'è gente che ha passato delle ore a cercare di rintracciarle ma non le ha trovate! Come non è mai stata rintracciata la dichiarazione ufficiale di Vargas.

Ma costa così tanto sospendere il giudizio anzichè lanciarsi a capofitto additando qualcuno di crimini terrificanti (come lo è per me dire che una persona maltratta un cane e lo affama e non gli presta cure mediche) che NON SI SA se ha commesso o meno? Ma che ragionamento è dire "io intanto lo boicotto, poi casomai se non ha fatto niente rivedo la mia posizione"? Ma avete poi idea delle persone che ruotano intorno all'organizzazione di una galleria? Possibile che nessuno abbia fatto niente se fosse vero che Vargas ha fatto quello che voi dite?

Sarò io un'inguaribile ottimista, sarà che non penso male di qualcuno finchè non ne ho la certezza, sarà anche che le probabilità sono a sfavore della connivenza, ma mi sembra che si stia leggermente esagerando... Qua mi sembra che più che difendere un animale si stia accusando un uomo. E le due cose sono sostanzialmente diverse.
comunque sia, il fatto che nel mondo ci siano tante violenze sugli animali, come nell'americalatina,
non giustifica il tenere un cane a morire di fame.
se l'""artista"" abbia 10 o 387289 anni è indifferente,
io mi baso su ciò che ho detto.

fare buonismo è una cosa stupida,
è ovvio che la petizione non serva a nulla legalmente, ma l'interessarsi a ciò che succede nel mondo ed essere "socialmente uniti" per una causa, non è cosa stupida ed inutile.



e comunque sia la notizia è stata ufficializzata.
ricordo telegiornali e giornali che scrivevano pagine e pagine su sta cosa.
1. Questa notizia colpisce credo chi e' sensibile nei confronti della violenza contro gli animali, se uno non e' sensibile a questo, chi lo e' ha pur sempre il diritto di esprimere la sua opinione a questo 'artista'.
2. Effettivamente ho esagereato a dire che gli darei un pugno, etc, detto un po' per ridere e un po' per risentimento nei sui confronti; pero' rimane che desidero esprimere quello che penso, sperando che il messaggio gli arrivi.
3. Ritengo positivo e bello il fatto che la gente abbia la possibilita' attraverso l'internet di avere una 'voce' e di comunicare il suo dissenso nei confronti di questo artista, firmando la petizione e' un modo di dimostrare solidarieta' (come dice rimmel), e scrivere al Centro Nacional de la Cultura e' un altro.
3. Dubito che si parli di 'boicottare', e se la petizione ha tanta 'forza' ben venga, ma spero e credo che forse possa far riflettere questo 'artista' e gli espositori sul fatto che non si maltrattano gli animali nel nome dell'arte e che se si usano animali dovrebbero essere prese le giuste precauzioni per dimostrare che non c'e' maltrattamento.
4. Ritengo che questo artista poteva essere piu' intelligente e poteva prevenire tanto dissenso se avesse avuto delle prove che dimonstravano che il cane non e' stato maltrattato; ma non lo ha fatto ed io rimango dell'opinione che lui non ha sufficientemente provato che il cane fosse stato curato e anzi, che non sia morto di fame come molti ritengono; da quello che ho letto dalla stampa (vivo negli USA) deduco che il cane ha sofferto ed e' stato lasciato morire di fame; addirittura e' stato proibito ai presenti alla mostra di nutrire il cane o di liberarlo.
1.La petizione e' stata avviata da Mr.Jaime Sancho - jaime.sancho@gmail.com
2. Il Sig. Jaime Sancho, fa parte di diverse organizzazioni per gli animali, ha avviato la petizione in seguito ad articoli di giornali fidati e seri. L'articolo piu' interessante di uno dei giornali con piu' divulgazione e seri in Costa Rica: http://www.nacion.com/...aldea1263590.html
Giusto alcune informazioni spero interssanti:
http://reiskeks-natividad.blogspot.com/2007/10/misinformation-is-obviously-faster-and.html
Purtroppo non riesco a trovare gli altri link dove ho letto delle testimonianze, ma assicuro di averli letti.
http://www.nacion.com/ln_ee/2007/octubre/04/aldea1263590.html
http://www.nacion.com/ln_ee/2007/
octubre/04/aldea1263590.html
io ho firmato, perchè se pure fosse vero che il cane sarebbe morto in ogni caso, o fosse vero che veniva legato alla parete anche "solo" tre ore al giorno, io non vedo come questa possa chiamarsi arte. e accuso, dal basso dei piccoli atti della mia famiglia, che hanno raccolto piccoli randagi, curati e allevati con amore, come un pastore tedesco di razza variata, con pelo nordico, schiena diritta e coda alta, che probabilmente era pure costato una fortuna. e non mi fate la morale sui bambini che muoiono nelle favelas per carità, che i soldi o i generi di prima necessetà che donate per acquietarvi la coscienza finiscono nelle tasche di qualche corrotto o a marci nei container ai porti. lo sappiamo tutti che succede, e che i bambini non la vedranno mai la nostra generosità. però abbiamo donato e questo ci rende paladini dei bambini.....per piacere!
è dai paesi con più mezzi che deve partire l'esempio e quello di questo schifoso uomo, che invece di mettere se stesso legato a un muro per sensibilizzare e protestare ci ha messo una creatura che non poteva dirsi d'accordo o meno. cerchiamo di usarlo, di tanto in tanto il cervello....
non pensi di essere caduto nell'errore della smania di cercare a tutti costi una bufala...insomma dovresti essere un pochino piu imparziale e dare lo stesso peso sia alle dichiarazioni di chi afferma che è morto sia alle dichiarazioni dei proprietari del museo che per nn sminuire la l oro immagine hanno provveduto a mostrare la loro umanità con dichiarazioni di cui sarebbe meglio ricercare l'attendibilità....cmq secondo me fai male a sminuire questa cosa riducendola a una bufala il concetto nn è tanto se quella povera bestia sia morta o no il concetto reale per cui ci si deve incazz*** è il fatto che siamo arrivati al limite del ridicolo la soffrenza di una creatura ingenua che nn capisce perchè è costretta ha passare i suoi ipotetici ultimi giorni legato ad una corda senza poter muoversi troppo senza libertà nn deve essere giudicata arte deve essere chiamata solo crudeltà estrema questo è l'unico termine che merita...ed è questo il motivo per cui la gente deve sapere poi sti ca*** se il cane è morto o meno (certo avrebbe il suo peso nel giudicare la gravità del fatto) la cosa importante è che a questo pazzo è stato permesso di strumentalizzarela vita di qualcun altro per i suoi scopi del *** e inoltre gli è anche stato richiesto da altripazzi comelui di riporvarci
grazie per l'attenzione
ziaola
non pensi di essere caduto nell'errore della smania di cercare a tutti costi una bufala...insomma dovresti essere un pochino piu imparziale e dare lo stesso peso sia alle dichiarazioni di chi afferma che è morto sia alle dichiarazioni dei proprietari del museo che per nn sminuire la l oro immagine hanno provveduto a mostrare la loro umanità con dichiarazioni di cui sarebbe meglio ricercare l'attendibilità....cmq secondo me fai male a sminuire questa cosa riducendola a una bufala il concetto nn è tanto se quella povera bestia sia morta o no il concetto reale per cui ci si deve incazz*** è il fatto che siamo arrivati al limite del ridicolo la soffrenza di una creatura ingenua che nn capisce perchè è costretta ha passare i suoi ipotetici ultimi giorni legato ad una corda senza poter muoversi troppo senza libertà nn deve essere giudicata arte deve essere chiamata solo crudeltà estrema questo è l'unico termine che merita...ed è questo il motivo per cui la gente deve sapere poi sti ca*** se il cane è morto o meno (certo avrebbe il suo peso nel giudicare la gravità del fatto) la cosa importante è che a questo pazzo è stato permesso di strumentalizzarela vita di qualcun altro per i suoi scopi del *** e inoltre gli è anche stato richiesto da altripazzi comelui di riporvarci
grazie per l'attenzione
ziaola
Bufala o meno... non me la chiamate arte. mi fa incaxxare non tanto lo pseudo-artista che abbia compiuto questa pseudo-opera, quanto chi l'abbia permesso.
Guillermo Habacuc Vargas artista conosciuto solo nel suo paese aveva bisogno, vista l'età evidentemente, di un grande scoop per abbattere il muro che lo costringeva alla misera notorietà nazionale ed è riuscito nel suo intento, poichè tutto il mondo ormai parla di lui non per la sua arte ma per il tentativo di sottolineare l'ipocrisia che c'è in ognuno di noi.
L'ipocrisia più grande è usare un essere vivente in fin di vita per puri scopi promozionali...fosse veramente come dice lui "sensibilizzare"...dovrebbe essere la sua arte a permettere che si trovino fondi per risolvere il problema dei randagi di San Josè. Questo sì che sarebbe un gesto concreto, evidentemente richiederebbe uno sforzo ben più intenso del semplice fatto di trastullarsi nel suo otium artistico...ancora più intriso di ipocrisia e chi fà buonismo da quattro soldi su come si potrebbero investire gli stipendi dei giornalisti comprando scatolette di cibo per cani. Visto che il signor "Paolo" appartiene a questa categoria dia lui l'esempio per primo (ma che sia documentato bene come lo sono le sue indagini)
io, un cane lo volevo e sono andato a prenderlo al canile...

NEL MIO PICCOLO UN GESTO CONCRETO E REALE...

anzichè esibire una creatura in fin di vita (tanto doveva morire)!!!! Si può morire con dignità come dovrebbe essere diritto di tutti, potrebbe essere lui ad esibirsi in punto di morte nella conquista di una fama che per gente così potrebbe arrivare solo i punto di morte...come fece Dalì... morì nel museo che tanto lo rese famoso...ma questa e un altra storia, un altro ARTISTA!

firmare è giustissimo!!!

poichè la vera ipocrisia è dire che le persone indignate per il povero cane esposto, sarebbero indifferenti per lo stesso cane incrociato per strada...il cuore non è un accessorio che si indossa ad una mostra e si lascia a casa nella quotidianità.
Guillermo Habacuc Vargas artista conosciuto solo nel suo paese aveva bisogno, vista l'età evidentemente, di un grande scoop per abbattere il muro che lo costringeva alla misera notorietà nazionale ed è riuscito nel suo intento, poichè tutto il mondo ormai parla di lui non per la sua arte ma per il tentativo di sottolineare l'ipocrisia che c'è in ognuno di noi.
L'ipocrisia più grande è usare un essere vivente in fin di vita per puri scopi promozionali...fosse veramente come dice lui "sensibilizzare"...dovrebbe essere la sua arte a permettere che si trovino fondi per risolvere il problema dei randagi di San Josè. Questo sì che sarebbe un gesto concreto, evidentemente richiederebbe uno sforzo ben più intenso del semplice fatto di trastullarsi nel suo otium artistico...ancora più intriso di ipocrisia e chi fà buonismo da quattro soldi su come si potrebbero investire gli stipendi dei giornalisti comprando scatolette di cibo per cani. Visto che il signor "Paolo" appartiene a questa categoria dia lui l'esempio per primo (ma che sia documentato bene come lo sono le sue indagini)
io, un cane lo volevo e sono andato a prenderlo al canile...

NEL MIO PICCOLO UN GESTO CONCRETO E REALE...

anzichè esibire una creatura in fin di vita (tanto doveva morire)!!!! Si può morire con dignità come dovrebbe essere diritto di tutti, potrebbe essere lui ad esibirsi in punto di morte nella conquista di una fama che per gente così potrebbe arrivare solo i punto di morte...come fece Dalì... morì nel museo che tanto lo rese famoso...ma questa e un altra storia, un altro ARTISTA!

firmare è giustissimo!!!

la vera ipocrisia è pensare che le persone indignate alla vista del cane esposto, non farebbero niente per lo stesso cane incontrato per strada.
Il cuore non è un accessorio da indossare ad una mostra e lasciare a casa nel quotidiano.
Non mi piace per nulla la gente che rovescia le verità accusando gli altri di ipocrisia per il fatto di essersi indignati davanti ad un atto disumano; poi potete addurre ogni tipo di significato e giustificazione alla follia di un povero pazzo che si fa chiamare artista e che cerca popolarità attraverso il sadismo. Quel che è lampante, è il fatto in sè che non giustifica nulla anche se con arroganza pretende di insegnare agli altri la civiltà. Allora le dico io caro Lei cosa poteva fare il pazzo Guillermo:poteva aprire il museo ai randagi, riempire ogni stanza di cibo e sfamarli davanti aglòi occhi della gente insegnando amore e non violenza.
Mi sembra scorretto accusare la gente di indifferenza per trovare le motivazioni ad un gesto malsano e privo di senso!
Certo, che la Colò abbia dato la notizia non è garanzia di nulla visto che aveva anche dato la notizia dei bonsai kitten che era palesemente una follia.
certo, trovo possibile che il cane sia stato nutrito o che ci abbiano quantomeno provato, di fatti non ho ancora firmato la petizione.
viaggio molto, per molti motivi, nei paesi più poveri del mondo e vedo non solo i cani, ma anche le persone che muoiono di fame, e con sincerità vi dico che non provo più o meno pena per gli uni o gli altri, sono situazioni in cui versa no zone della terra che quando le vedi, ci stai dentro materialmente dinnanzi a te e non in tv, senti in cuor tuo che sono "sbagliate", che si tratti di cani o cristiani.
e solitamente io FACCIO qualcosa, quindi concedetemi il lusso di sbraitare perchè posso farlo date le ore,l'impegno e i soldi che dedico a queste cose.
Non mi sento neppure di condannare chi non ha la mia stessa spinta, perchè ci vuole un certo fegato, ma non accetto critiche verso chi in buona fede decide di firmare una petizione.

Detto ciò io lavoro al canile, sono vegetariana e non concepisco trucchi e pellicce varie..
Di fatti ho 10 cani, il mio ultimo acquisto randagio pesava 8 kili e 7 quando l'ho raccolta e ora ne fa 30 tondi tondi.
Vi assicuro che un cane malato e malnutrito ha subito già gravi danni e non è sufficiente che venga nutrito due o tre volte perchè si riprenda, la mia è stata giorni a flebo perchè non si poteva più alimentare, un mese quasi a omogeneizzati prima che potesse digerire del cibo normale. Aveva problemi circolatori e respiratori che non passano in due giorni
Se per un cane normale stare 3 ore legato in un posto affollatto può essere al massimo noioso, per un cane moribondo può essere uno stress letale, per un randagio poi non ne parliamo.
Certo, magari stava meglio al museo dove almeno qualcuno provava a nutrirlo (se è vero) che in strada e io ammiro ogni tentativo di sensibilizzazione della gente in tal senso... dopotutto va a vantaggio dei cani e certo ne muoiono a migliaia anche in Italia, senza andare lontano.
io quando posso non mi giro mai dall'altra parte e non accetto che mi si dica mezza parola al riguardo se decido di firmare una petizione, perchè materilmente mi sbatto parecchio, per persone e per cani. In ogni situazione che mi si para davanti io cerco di fare qualcosa..
ritengo che in ogni caso siamo difronte ad un maltrattamento e che l'arte non sia una sufficiente giustificazione, per quanto sicuramente porto tutto il rispetto del mondo a Cezanne, Rembrant e compagnia bella.
un artista penso dovrebbe essere sensibile come prima qualità, sennò non ti viene neppure da fare l'artista, forse Vargas ha provato a unire l'utile al dilettevole, ha pensato di fare un favore ai cani e far rumore in modo da essere selezionate, e non lo considero un mostro per quello. Ma dipende dalle cause di morte del cane, se mangiava ed è scappato è un conto, se è morto per le sue condizioni trovo squallido che non gli siano state fornite le cure necessarie mentre partecipava ad una mostra.
e poi attaccarlo ad una flebo avrebbe fatto ancora più "scena" no?
Sicuramente fossi passata io di lì avrei preso il cane e Vargas lo avrei riempito di sberle (partendo dal presupposto che il cane non è stato lasciato morire apposta, cosa che credo molto probabile visto che da subito ho annusato l'odore di bufala, anche se è altrettanto probabile che sia la galleria che lui adesso stiano mettendo delle pezze per rimediare)ma resta il fatto che se la gente si indigna, si può dire che è sbagliato non approfondire, ma batsa vedere le foto per capire che quel cane doveva stare in mano a qualcuno come me, in grado di fare quello che era necessario, e non in pasto a dei borghesucci ipocriti radical chic pseudo artistoidi di cui le ostre d'arte moderna sono piene. (con tutto il rispetto per le mostre d'arte d'ogni tipo)
Poi io concordo anche con altro, visto il dente avvelenato che ti fa venire dedicarti ad un canile, la gente è stucchevole e prima di indignarsi potrebbe raccattare i cani che ha sottocasa, ma meglio questo che niente dopotutto, se non ci fosse nemmeno l'indignazione saremmo proprio messi male.

paola
Non sono nessuno ok,ma visto che ho l'opportunità di dire la mia...

Sono d'accordo in pieno con la ragazza che ha scritto il post qui sopra (Paola mi pare). Anch'io vivo l'esistenza del canile e so cosa significa. Mi rincuora il fatto che siamo in più di uno anche se mai abbastanza...

Guillarmo è un pazzo e questo lo conferma il fatto che ha lasciato anche solo per tre ore un cane in mezzo a una folla o comunque al pubblico, quando al contrario aveva necessità di stare ricoverato in una clinica veterinaria dove avrebbe ricevuto senza dubbio le cure possibili per stare ancora in vita con noi. Per quanto mi riguarda ho passato anch'io il link con la petizione e di certo non mi sono messa la coscienza apposto facendo ciò. Figuriamoci, sarei disposta ad andare alla Biennale Centroamericana se solo mi assicurassero la presenza dell' umano Guillarmo(sì lo voglio chiamare così). Anche solo per dirgli quattro paroline. Se quella è arte io sono Pamela Anderson!

Ho letto alcuni post e c'è chi cita bambini in condizioni pessime ecc ecc... personalmente non faccio differenza, la sofferenza degli animali è uguale a quella di una persona e se non siete d'accordo non è un mio problema. Ci sono tanti modi per esprime arte, innumerevoli, ma di certo quello che ha scelto questo umano (sì lo richiamo così)non è qualcosa di accettabile. Voleva denunciare i milioni di cani randagi al suo paese? Bene, faccia qualcosa di veramente creativo e innocuo, per stupire la gente ci sono tanttissimi modi... se è artista lo dovrebbe sapere, troppo facile richiedere l'aiuto di un sofferente. Un pò come quei rom che si fingono malati per raccattare soldi e poi hanno il macchinone per tornare a casa. La bufala ci può anche stare ma la cosa che non mi convince è che ci siano troppe versioni sul fatto stesso, non vorrei davvero fosse solo un modo per tappare le stronzate che sono state fatte. Ognuno cerca una giustificazione, guarda strano la vera essenza di quella specie di arte è arrivata a noi solo dopo tutta questa polemica. Le scuse, le dichiarazioni sono qualcosa che possono essere messe in dubbio, come un pò tutta la storia. Da parte mia sono dell'idea che: se non è un modo per attaccarsi agli specchi questo cos'altro è? Io sono come San Tommaso, se non vedo non credo e io ho visto foto che ritraevano un cane bisognoso di cure. Questo mi è bastato per inorridirmi davanti a chiunque abbia sfruttato questo suo status di salute per farne arte (se così vogliamo chiamarla). Mi spiace, sarà una bufala, una firma non varrà niente ma almeno c'è la forzeadi persone che se anche ipocrite hanno ascoltato la sofferenza di quella bestiolina. Credo che a questo punto la verità non si potrà mai venire a sapere; io mi sono fatta un'idea ed è che Guillarmo non sarà un assassino ma comunque sia ha sfruttato la situazione tragica di un cane per la sua popolarità. Mi basta e mi avanza per firmare una petizione che faccia sapere che il da tutto il mondo ci sono persone che non lo vorrebero a partecipare a una mostra così importante. Sono solo firme che rimarranno in un angolino del web? Bene, ma almeno il problema qualcuno se lo è posto.

Chiudo qui il mio monologo.

P.S. Ma se me ne uscissi fuori con un bel umano impalato? Sì, vado nel Burundi al cercarlo, tanto sarebbe morto comunque no?

Bah.
Personalmente ritengo che sia comunque letteralmente shifoso, par qualsiasi motivo lo si faccia, "lucrare" sull'immagine di un cane legato ad una corda.
"L'artista" non ha peccato di ingenuità: è stato semplicemente un delinquente. Lasciare anche per sole 3 ore al giorno un cane legato, osservato da sedicenti "critici d'arte" o anche semplici passanti è un'atto ignobile e non esiste giustificazione di "ingenuità". Questa è stupidità della peggiore specie.
Ma cme al solito, facciamo solo molte chiacchiere e nessun fatto reale (ma a questo proposito, mi informerò circa la validità legale di una petizione sottoscritta per via informatica).
In una via di Roma (ma sono certa ce ne siano molte altre), una semplice massaia, ha lottato perchè il Comune di Roma definisse l'area "colonia felina" e ci è riuscita!!
Non solo. Ogni giorno provvede a somministrare pasti ai gatti randagi, ripulendo anche la zona degli avanzi, in modo da evitare "sollevazioni popolari" nella via da parte degli abitanti.
Evidentemente, con un pò di buon senso e "tigna" (tradotto: cocciutaggine) si riescono ad ottenere risultati.
Il rispetto per gli esseri umani, passa attraverso il rispetto degli animali.
Per chi volesse verificare, la via in questione, è Via Manassei e la dichiarazione del Comune che la definisce "colonia felina" è affisso sugli alberi nei pressi del cancello di ingresso della colonia stessa.
Per chi volesse verificare di persona, la via è Via Manassei, Monteverde, 00151 Roma, altezza scuole elementari.
bell'articolo, documentato, moderato. non si può dire lo stesso dei commenti.

aggiungo una sola cosa forse non detta: pensate che quell'artista sia totalmente deficiente?! che esca da un film horror? che chi lo ha scelto sia idiota? :D troppa tv...

fa parte del buon senso, di cui giustamente parla Paolo, comprendere che l'inverosimile va preso con cautela e verificato - senza con questo negare che poi uno possa essere pazzo, ovviamente, ma è più difficile che lo sia un'intera commissione artistica.

ai commentatori più esaltati: "Sei ciò che scrivi!" :D :D
credo che quel cane una volta tolto dalla strada avesse avuto piu' diritto ad essere visitato da un veterinario che esposto ad una esposizione "d'arte" in quelle condizioni
Come disse un macchinista sul set di Albakiara: gli artisti vanno ammazzati da piccoli.
scusate, ma "eres lo que lees" non significa "sei ciò che leggi"? embe' vargas non può essersi inventato tutto - premeditando il casino mediatico, e facendosi grasse risate?
"ma se ve l'avevo scrittto a chiare lettere!"
Per me la notizia vera è quella, subliminale: sei ciò che leggi, assieme a tutta la storia del cane morto, delle testimonianze, e degli appelli, girerà anche questa frase che vi dirà in faccia: guardate che vi sto prendendo per il c...
Inventano intere guerre e armi di distruzione di massa, e non ci si può inventare un cane attaccato ad un corda che muore di fame?
ok a non voler credere ciecamente alle bufale, ma se uno porta all'eccesso questa tendenza potrebbe dire,non so, che non è vero che fosse un cane randagio...questa magari è una bufala dell'artista...in realtà quello potrebbe essere stato un cane da lui allevato proprio per la mostra...magari stava male perchè LUI lo ha fatto stare male per evidenziare le sue pessime condizioni, conferendo maggior risalto all"opera"..perchè non potrebbe essere così?chi ha le prove per dire che era randagio? chi ha le prove per dire che è morto?nessuno ha le prove di niente...ci sono delle foto, magari son fotomontaggi, magari era una mostra di tre ore e per il resto della giornata il cane stava come un pascià. magari..magari..magari qualsiasi cosa. magari chi critica questa vicenda in realtà nella vita di tutti i giorni è un pezzo di merda(quindi ipocrita), e magari chi fa il buon cristiano in giro poi si fa i festini a luci rosse con prostitute che poi magari muoiono..magari c'è gente condannata in primo grado per mafia che viene celebrata nonostante questo,magari viene pure candidata, tanto per dire assurdità...senza l'assoluta certezza ciascuna opinione può essere considerata priva di valore e fondamento,sia in un senso che in un altro, perchè il ragionevole dubbio è sacrosanto. però ci sono le foto,che magari hanno urtato la sensibilità delle persone in maniera sincera, persone che nonostante ciò magari non hanno firmato la petizione(con la consapevolezza dell'assenza di un valore legale)ma semplicemente sono state colpite..a me è sembrata una bestialità, mi indigna, cacchio, ok che ormai ci dobbiamo bere ogni cosa, soprattutto in un paesino come l'Italia, ma un po' di gusto per l'indignazione bisogna ritrovarlo, non semplicemente per dar fiato alla bocca, ma per esprimere un proprio dissenso viscerale,vero.vedo delle foto, di un cane malato che viene esposto all'attenzione di impassibili visitatori.questo mi fa schifo, ma non ho le prove provate.però il fastidio permane, non ci farò delle crociate, non mi sento migliore di altri se mi da fastidio, è solo che sono colpito.e questo va rispettato.poi magari è una bufala,sarebbe meglio così,alla grande.ma indo stanno le prove che è una bufala?
Io faccio volontariato in canile, spesso mi capita di raccogliere e poi sistemare dei randagi per strada...quindi penso di non rientrare nella media di gente ipcorita e dico che indubbiamente le fonti non sono chiare, ma altrettanto indubbiamente è stato tenuto legato un cane per tre ore al giorno - e passi la non alimentazione se è vero che nel restante arco temporale ha mangiato - per scopi che mi risultano comunque ambigui. Far breccia nel cuore della gente? Dimostrarne l'ipocrisia? Beh, poteva dipingere o scolpire qualcosa. E allora che facciamo se un giorno un altro pseudo-artista si sveglia e vuole dimostrare l'omertà della gente nei confronti della mafia? O della pedofilia? Ma non scherziamo... Habacuc VOLEVA suscitare scalpore perché VOLEVA essere famoso, punto e basta. Perciò la petizione l'ho firmata.
Io ho firmato e sono fiera di averlo fatto. Il mio voto PIGRO, anche se non ha contato, è stato fatto col cuore.
Molta gente ha letto e non ha firmato, semplicemente perché la sofferenza di un cane non gli importa.
Io, per conto mio, faccio del bene agli animali. Da sempre.
Scommetto che tu in un canile non ci hai mai messo piede.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
cara elena,se ti riferisci a me, ti dico che il mio intento non era quello di puntare il dito contro chi si scandalizza(anche se ovviamente il richio d'ipocrisia c'è,come per ogni aspetto più o meno delicato), bensì evidenziare il rischio che si corre nel cercare la bufala a tutti i costi, sminuendo aprioristicamente le sensibilità urtate da questa vicenda, al di là del fatto che sia effettivamente "vera" così come viene diffusa.tra l'altro l'esempio provocatorio di torniquet mi sembra molto calzante

26/3/08 13:11