Cerca nel blog

2007/11/12

Alan Carter di Spazio 1999 in Italia

Il pilota di Aquila Uno atterra in Italia, in buona compagnia Trek


L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Nick Tate, mitico interprete del pilota Alan Carter in Spazio 1999 e uno dei pochi personaggi a sopravvivere a un doppiaggio italiano particolarmente catatonico, arriva in Italia questo week-end (17-18 novembre) per la Reunion Fantascienza al Centro Congressi "Le conchiglie" di Riccione.

Ci sarà anche Anthony Montgomery, il timoniere della serie Star Trek: Enterprise prematuramente cancellata proprio quando aveva finalmente trovato autori che scrivessero storie decenti.

Io sarò lì a fare da interprete ai due ospiti e a godermi la convention di fantascienza, che riunisce fan di Star Trek, Spazio 1999 e Farscape. I dettagli su come partecipare sono qui.

Alcune puntate di Spazio 1999 sono a disposizione online negli archivi RAI, e se volete rinfrescare i vostri nostalgici ricordi di Spazio 1999, che ormai risale a trent'anni fa, datevi da fare presso questo sito oppure presso la Wikipedia in italiano.

La prima serie di Spazio 1999 va inoltre in onda ogni domenica alle 20 su Canal Jimmy, ricevibile anche come canale 140 del bouquet di Sky (grazie a Cronawer per la segnalazione).


Aggiornamento: interoperabilità, questa sconosciuta


Alcuni utenti Mac mi segnalano che le puntate di Spazio 1999 disponibili sul sito della Rai non funzionano. Sul mio Mac ne vedo le immagini, ma non ho l'audio.

Esigere che un servizio pubblico usi un formato universalmente disponibile per lo streaming, uno che non obblighi i sudditi cittadini a comperare esclusivamente Microsoft Windows per fruire dei programmi pagati col canone, sarebbe stato difficile, vero?

Se non l'ha capito neppure la BBC con il suo iPlayer solo per Windows (almeno per ora), forse il concetto è davvero al di sopra delle capacità cerebrali del dirigente televisivo medio. E poi si lamentano che la gente ricorre alla pirateria per avere quello che le spetterebbe di diritto.

Nessun commento: