skip to main | skip to sidebar
47 commenti

Antibufala Classic: fermate quei Golden Retriever! [UPD 2012/02/17]

Chi ci libererà dalla bufala dei Golden Retriever?


L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

English Abstract (il resto è in italiano)
The appeal listed below to find a home for seven Italian Golden Retriever puppies is genuine but quite obsolete (it dates back to 2001). I've written this page in an attempt to stop the incessant circulation of this appeal in newsgroups and e-mail chain letters. The puppies found a home years ago and the people involved no longer wish to be contacted for help. Thank you.


Il testo dell'appello


Circola con virulenza da qualche settimana, ma risale almeno a marzo del 2007, quest'appello per piazzare degli adorabili cuccioli di cane, a volte indicati come "cuccioli di labrador":

Oggetto: Fw: MI FAI DA PASSAPAROLA

E' IMPORTANTE : Chi ne prende uno gratis?

Altrimenti i proprietari li faranno sopprimere entro la prossima settimana.

Anche se non lo prendi, mi aiuti a spargere la voce?

Contattare: cristina@graphicworld.it

P.S. Non costano nulla e sono uno più bello dell'altro!


GRAZIE

L'appello è accompagnato da queste tenerissime immagini:





Ma attenzione: l'appello è obsoleto e i cani sono stati piazzati anni fa. I nominativi indicati attualmente dall'appello non sono quelli dei proprietari dei cani, ma quelli di persone che hanno aderito al passaparola senza sapere che è obsoleto. L'indirizzo di e-mail cristina@graphicworld.it non esiste più.

Si tratta infatti di un appello lanciato anni fa e trasformatosi man mano, acquisendo referenti sempre diversi ma sempre sbagliati. Esistono moltissime varianti di quest'appello, datate addirittura 2002 e anche prima, che presentano le medesime foto e fanno riferimento ad altre persone. Eccone qualche esempio:

Cucciolata di 7 Golden Retriever. Chi ne prende uno? Altrimenti i proprietari li faranno sopprimere entro le prossime due settimane.

Anche se non lo prendete voi, spargete la voce.

CHI FOSSE INTERESSATO O CONOSCESSE QUALCUNO DI FIDUCIA CONTATTI MIARI ELISABETTA AL N. 02-3264278

P.S. non costano nulla e sono uno piu [sic] bello dell'altro!


Un'altra variante, che risale allo stesso periodo e mostra sempre le stesse foto:

“ciao, cucciolata di 6 golden retriever.
Chi ne prende uno?
Altrimenti proprietari li fanno sopprimere entro le prossime due settimane.
Anche se non lo prendete voi, spargete la voce.
contattare Sara Matteucci qui sotto
sara.matteucci@gmacio.com”


Perché è una bufala


La cosa più drammatica di questo appello non è la minaccia che incombe sulle bestiole, ma il fatto che continui a circolare nonostante contenga in bella vista l'elemento fondamentale che consentirebbe di verificarla facilmente, se non si fosse collettivamente così lazzaroni: il numero di telefono o l'indirizzo di e-mail della persona da contattare.

Basterebbe pigliare in mano il telefono e comporre quel numero, o mandare un e-mail prima di inoltrare l'appello, per sapere se i cuccioli sono ancora disponibili o in pericolo di vita. Macché, l'utente bufalato non si pone questo problema: intenerito dalle foto, prende il messaggio e diligentemente lo invia a tutti quelli che conosce, senza porsi minimamente il dubbio che quelle “prossime due settimane” possano essere già trascorse da un pezzo.

Infatti è proprio così: i cuccioli sono stati piazzati e a quest'ora sono probabilmente grossi come vitelli.

Nel 2002, quando mi occupai di questa bufala per la prima volta, bastava telefonare al numero indicato per ascoltare la voce registrata di Elisabetta Miari che diceva: “Sono Elisabetta Miari, se state chiamando per i cuccioli, vi ringrazio, sono già stati assegnati, se potete fare il passaparola è utile. Grazie mille, buongiorno”. Fine della storia.

Oggi come allora, basta mandare un e-mail a cristina@graphicworld.it per sapere che l'indirizzo non esiste più (si ottiene via mail la risposta "Sorry, no mailbox here by that name"). Ma non lo fa quasi nessuno, a giudicare dalla furia con la quale quest'appello inutile circola in Rete ancora adesso.


Origini


Ricercando nei newsgroup si scopre che a marzo 2002 circolavano le smentite (“Boh, sono *mesi* che circola questo appello: i cuccioli sono nati il 6/10/01 e credo godano ottima salute”, da it.discussioni.animali). Il messaggio sulla segreteria della Miari era già presente ad aprile 2002, visto che in quel periodo in it.discussioni.animali.gatti un utente scriveva “ho chiamato il numero indicato, un messaggio registrato dice che i cuccioli sono già stati assegnati”. E nel newsgroup it.discussioni.animali.cani un utente segnalava che “la prima segnalazione su IDAC è del 2/12 u.s. e diceva che i cuccioli erano nati il 6/10”.


Effetti


Insomma, l'appello è probabilmente nato con le migliori intenzioni, ma è come al solito sfuggito di mano a chi l'ha incautamente lanciato. Per arrivare al punto di dedicare un messaggio sulla propria segreteria, la Miari si è evidentemente trovata bersagliata da infinite chiamate di chi, leggendo il suo appello, voleva offrire aiuto anche quando ormai l'aiuto non serviva più.

Lo stesso è successo a Sara Matteucci, il cui indirizzo sara.matteucci@gmacio.com è stato soppresso, probabilmente perché sommerso da infinite richieste di aiuto o informazioni su questi benedetti Golden Retriever. E Cristina dev'essere stata altrettanto bersagliata, tanto da dover eliminare il proprio indirizzo.

Niente cuccioli da salvare, dunque, ma un classico esempio di cosa non bisogna fare se si decide di lanciare un appello in Rete, sempre ammesso che sia saggio disseminare ai quattro venti ogni sorta di richiesta (ma per queste cose non ci sono gli annunci economici?). Bisogna perlomeno datarlo, affinché non continui ad appestare Internet in eterno e si ritorca contro chi l'ha innocentemente lanciato.

Come ulteriore esempio dei danni involontari causati da quest'appello e dalla Sindrome dell'Inoltra A Tutti, cito Panorama di fine aprile 2003, che racconta cosa succede a chi gioca con i fiammiferi – pardon, con le catene di sant'Antonio.

Sabrina Lozzo di Roma, per esempio, si è commossa per le foto di sette cagnolini arrivate via internet. "Adottate questi cuccioli di golden retriever" diceva il testo che le accompagnava "o saranno soppressi entro due settimane". Per abbreviare la catena, nel caso di una risposta positiva, la signora ha aggiunto al messaggio il proprio nome e numero di telefono. È stata tempestata di centinaia di chiamate. "C'era chi voleva adottare i cuccioli" racconta "e chi mi insultava pensando che fossi io a volerli uccidere". Altri devono aver fatto lo stesso errore, perché foto identiche circolano in rete con vari recapiti. "Tanto amore per gli animali" continua Lozzo "fa piacere, però io ho proposto a quelli che telefonavano di adottare dei bastardini e nessuno li ha voluti". Per forza, un golden retriever costa circa 900 euro. È inverosimile che qualcuno ne regali sette o li sopprima, buttando via più di 6 mila euro. Nei siti animalisti sono infatti apparse delle smentite. "I golden retriever" si legge "sono nati il 6 ottobre del 2001, stanno tutti bene e non sono più cuccioli da un pezzo".


Vittime


Patrizia mi segnala che la testata gratuita Leggo del 7 novembre 2007 è incappata in questa bufala, come documentato da questa scansione:


Un lettore (igor, che ringrazio) nota nei commenti qui sotto che Leggo ha poi pubblicato una smentita il giorno successivo, ma prestare un pochino di attenzione in più, prima di pubblicare queste storie e quindi donare loro nuova vita, davvero non guasterebbe.

Nel 2012 quest'appello si è riaffacciato in Canton Ticino, coinvolgendo Cristina B., una signora che l'ha inoltrato mettendo in calce i propri dati personali (nome, indirizzo postale di Ponte Capriasca, numero di cellulare, indirizzo Skype e indirizzo di mail crisbono@ticino.com) ed è così stata scambiata per la persona da contattare. Ha ricevuto una cinquantina di telefonate al giorno e si è rivolta alla radio nazionale per chiedere di bloccare l'appello.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Siate civili e verrete pubblicati, qualunque sia la vostra opinione: gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo sito. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti.
Commenti
Commenti (47)
...e comunque sono Labrador Retriever, e non golden. Alvise
Tornando alla storia del cane "lasciato morire di fame", ecco un esempio di come l'animalista con le fette di salame davanti agli occhi, pensando di fare del bene, non fa altro che causare un danno a quella ragazza.
E' molto probabile che abbia disattivato l'indirizzo e-mail proprio a causa delle numerose richieste che le continuavano ad arrivare.
Comunque l'unica cura per l'inoltrite (o frowardite) cronica è rispondere con il link corrispondente del sito di Attivissimo (con una mia collega ha funzionato ...)
no no, non sono affatto Labrador, sono proprio Golden. io ne ho uno e questa mail mi viene inoltrata in media una volta al mese... ci credono regolarmente tutti, anche le persone meno sprovvedute... mah, roba da pazzi! che poi vorrei sapere quale veterinario accetterebbe mai di sopprimere dei cuccioli di 20 giorni.. cuccioli che valgono una fortuna poi!
Che è quello che faccio io...
Purtroppo però solitamente io rispondo solo al mittente per non mandare mail a perfetti sconosciuti e per non trovarmi inserito nelle loro rubriche, perchè non sanno come togliere quell'opzione che viaggiunge automaticamente i mittenti delle mail; ma mi inquieta vedere quante altre persone hanno ricevuto quella mail e mi inquieta sapere che quasi tutte quelle persone la manderanno in giro.

PS: una volta ho osato rispondere al tizio di uno studio di registrazione (che aveva in rubrica il mio indirizzo perchè gli avevo scritto una volta), perchè aveva inoltrato il solito appello per cui Msn sarebbe diventato a pagamento se non si faceva girare la catena.
Bene, nonostante io gli abbia GENTILMENTE fatto notare che la notizia era una bufala, la sua risposta è stata del tipo "eh, se tu hai il tempo di girare in internet per controllare queste cose, io non posso farlo"

E ovviamente è molto più giusto, in questi casi, diffondere notizie false. Del resto basta un clic e fare "invia a tutta la rubrica". Questo la dice lunga...
Ho appena trovato su un forum (che non linko) la stessa catena. Appena un'utente ha fatto notare, a chi ha aperto il thread, che la mail è vecchia di anni (linkando proprio questa pagina) la reazione del tizio è stata
"Ora mando una mail a questa tizia una mail di insulti e augurandole le peggiori cose"

...dove "la tizia" non è la padrona dei cani, ma quella che gli ha inviato la catena,come se fosse colpa sua. Questa è la realtà di come vanno le cose. Nessuno che ammette lo sbaglio, ma si danno le colpe a chi non le ha. La "tizia" ha inoltrato la mail a lui senza informarsi; lui ha fatto lo stesso, ma, stranamente, non ha colpe.
io avrei da piazzare quarantaquattro gatti, in fila per sei col resto di due

Interessano a qualcuno?
Salve,

ho letto questo post con un po' di ritardo, ma volevo segnalare che Leggo ha pubblicato una smentita il giorno dopo la pubblicazione della bufala. Purtroppo non ho conservato la copia del giornale, ma diceva all'incirca che la notizia era "arrivata tardi" in redazione e quindi non c'era stato il tempo di controllarla. Oltretutto, veniva riportato il link ad attivissimo.net per maggiori approfondimenti.

codatore
"Questa è la realtà di come vanno le cose. Nessuno che ammette lo sbaglio, ma si danno le colpe a chi non le ha. La "tizia" ha inoltrato la mail a lui senza informarsi; lui ha fatto lo stesso, ma, stranamente, non ha colpe."
E' la sindrome nota come "cervello in standby", si agisce d'impulso, per istinto, senza ragionarci troppo su perchè costa troppa fatica. La stessa enorme fatica richiesta per verificare le notizie o gli appelli delle catene prima di inoltrarle ricopiarle pari pari su un articolo di giornale...
(grazie della segnalazione comunque, questo ci dà una stima della bravura dei redattori di Leggo... fa quasi il paio con il critico di cinema di City).

A proposito, sto per inoltrare a tutta la mia rubrica un messaggio per piazzare una zebra a pois. E' una grande novità! Fortunato chi ce l'ha! Qualcuno la vuole?

Dan ha detto...
[cut]
A proposito, sto per inoltrare a tutta la mia rubrica un messaggio per piazzare una zebra a pois. E' una grande novità! Fortunato chi ce l'ha! Qualcuno la vuole?


Una zebra a pois
me l' ha data tempo fa
uno strano maraja
vecchio amico di papà.
Una zebra a pois
(beh, che c'e'!)
a pois, a pois, a pois!
Una zebra a pois
e' una grande novità:
assomiglia a un sofà
non a strisce ma a pois.
Una zebra a pois
(beh, che c!e'!)

bellissima canzone di Mina :-)
XD Leggo è il Chi della free press....figurati...anche le bufale per riempire lo spazio...
Nemmeno a farlo apposta... leggo stamattina questa notizia, stasera vedo un collega che controlla la webmail, e cosa vedo che sta leggendo..? "Ci sono dei cuccioli di Golden retriever, aiutatemi a passare la parola ecc. ecc."
Al che non ho potuto fare a meno di sorridere e dirgli 'ma dai, è la mail dei golden retriever?' e quindi a spiegargli tutta la storia dell'appello stantìo.
Invece a me il solito Viagra e Casinò online...
questa dei golden è stata pubblicata anche in prima pagina sul Corriere Valsesiano
(uscito venerdi 9/11)

... ma come antibufala :)
facendo i complimenti a chi l'ha inviata senza pensare a decine di persone, mettendo in bella mostra indirizzi privati e segnalando che l'unico che si è degnato di provare a chiamare una volta sia stato attivissimo :D
Per Alvise: non sono Labrador Retriever quelli della foto, ma proprio Golden Retriever ..................
ti informo che l'appello dei golden retriever ha iniziato nuovamente a girare. dal 2007 che era, al 2012. su facebook con una variante
dal 13 febbraio in poi i cani potrebbero essere eliminati
per chi parlava di un veterinario per sopprimerli... basta un sacchetto di plastica e buttarli in acqua se è per quello
ma, a quest'ora, i cani poveri bestia saranno pure morti ma di vecchiaia
Non verificare preliminarmente non crea solo fastidi a chi è assediato da richieste, ma sopratutto un grave danno ambientale.Perchè la circolazione delle mail avviene attraverso macchine che funzionano con l'elettricità e la produzione di elettricità inquina. Tempo fa (10/09/2011) Repubblica pubblicava i dati dell'inquinamento originato da Internet: ogni mail emetterebbe 19 gr di CO2. Quindi, usiamo anche la posta elettronica con misura. Ciao. Leo
Beccata! e delusa dal fatto che volevo un bel golden retriver da far crescere con le mie due Labrador:(
E' francamente impossibile riconoscere una bufala, e con tutti gli appelli che condivido sui vari social qualcuno può scappare...Ciao!
Confermo la recrudescenza (febbraio 2012); il primo mittente della lunga catena (ma perché chi fa il FWD non cancella MAI tutti i riferimenti precedenti???) è un tale Flavio Nichele, ma non penso sia significativo. Quello che mi sembra strano è che il testo standard della mail sia stato ulteriormente circostanziato aggiungendo "DAL 13 febbraio" (per far riferimento all'effettiva prossima settimana nel momento in cui sto scrivendo) e "Zona Treviso", che è un luogo vicino a dove abito. Ora come fa uno ad aggiungere tali particolari se non è o in mala fede o un vero fesso?
Ma non ci credooooo dopo 11 anni sta bufala ancora gira!! bastaaaa
Non ci credo! dopo 11 anni questa bufala ancora gira!!
PAZZESCO.
Buonasera,
a distanza di oltre 4 anni questa bufala colpisce ancora! Oggi è stato il mio turno di cascarci, dal momento che, nel testo della mail che ho ricevuto, veniva data come deadline per i poveri cuccioli la settimana del 13 febbraio (ovvero fra 2 giorni... se solo si fosse trattato del 2012!). Così ho prima pubblicato il messaggio sul mio blog (hai visto mai che fosse vero) e poi ho verificato la notizia, con conseguente immediata e doverosa auto-smentita. A ulteriore precisazione di quanto sopra, ora l'indirizzo della sig.ra Cristina non risulta più disattivato, ma risponde in automatico reindirizzando all'articolo di questo blog :-)
Cordiali saluti
grazie, forse è la prima volta che diffondo una notizia utile tramite un social network. Buon lavoro!
mi sento un'idiota patentata perchè oggi ci sono cascata come un'allocca pure io. dato che proveniva dall'ufficio di mio marito, dove lavora anche un'addestratrice di cani, ho associato le due cose e non ho pensato di verificare.
avevo già fatto una diffusione massiccia anche tramite twitter prima di scoprire la verità.
Vado in punizione dietro alla lavagna :(
Lo sapevo che non era vero niente. Si sente lontano un chilometro che si tratta di una bufala. È come la catena di Sant'Antonio: non finiscono mai...!
Sono quasi stufa di mandare il vostro link ogni volta che mi capita di essere destinataria di una catena tipo questa!!!
Grazie di esserci!!!
Betty
Sono quasi stufa di mandare il vostro link ogni volta che mi inviano queste 'catene' ;)
Grazie di esistere!!!
Bet
io, usando la tecnica del cervello in stand by, per non faticare, ho settato il cervello su "cancella" invece che "inoltra". voi direte ma così se fosse vera hai cancellato una notizia che avrebbe potuto...
be calcolando la media di inolto ho solo eliminato una porzione insalutabilmente piccola di danno e mi sono evitata di rompere le scatole a non so quante persone che mi avrebbero mandato al diavolo se avessero scoperto che li coinvolgevo in un giro di bufale: zero fatica, massimo guadagno.
Le catene di sant'antonio non mi sono mai piaciute,
in particolare quando toccano la le sensibilità umana. Questo mi mette subito in guardia..e alla fine mi tocca mandare il link di attivissimo!
In questi giorni su FB e'comparso qualcosa di simile "causa crollo tetto allevamento cani per neve si regalano centinaia di beagle, bassotti etc" seguito da nome e cellulare. Non ho verificato e non ho pubblicato, e quando ho sommessamente commentato che poteva essere una bufala sono stato ignorato :)
E' diventata un'ossessione sta storia!!
Ciao! Volevo dirvi che è giunto anche a me in data 18 febbraio 2012 questa mail bufala.
Sta continuando a circolare.....
Oggi ho visto questo appello nella bacheca dell' azienda dove lavoro... Con lo stesso indirizzo mail di cristina@graphicworld.it. Il bello ( o il brutto) è che chi l' ha appeso sostiene che siano i cani di una sua vicina (siamo a Brescia)!
bene!: adesso mando a fanculo qualcuno pero!
posso?grazie!
Salve, oggi 21 febbraio 2012 ci sono cascata anche io... purtroppo dopo averla pubblicata su facebook e quindi inviata a tutti gli amici di tutta Italia, isole comprese, mi sono informata meglio ed ho capito che era una bufalaaaaaaa... mea culpa... scusate ancora tutti...
Eh, io pensavo che fosse veramente vero.... lo pure contattata tramite e-mail e alla fine niente cucciolate...che delusione!
Marika
Vorrei segnalare il fatto che nei negozi di San Lazzaro a Bologna si trovano dei fogli tipo A4 con le foto di questi cuccioli e la mail cristina@graphicworld.it . Quindi oltre alle e-mail SPAM ora ci sono anche i volantini! Quando finirà?
odio ste bufale.cmq io ho una cagnolina di 6/7mesi meticcio caccia,color caffèlatte...taglia media.buonissima e adora stare con i gatti.Si trova in prov di brindisi ORIA.chiamatemi al num 3270511751 (vanny)
sono x niente felice di farvi sapere che al 5/2/2013 questa mail è ricomparsa su facebook e da babbucchiona l'ho passsata e stavo per avviarmi a scrivere una mail che è ancora quella della povera cristina....incredibile!!!
Ciao,
solo per segnalarti che la bufala ha ripreso a circolare.
Il testo è:
Messaggio originale:
Chi ne prende uno gratis? Altrimenti i proprietari li
farannosopprimere entro la prossima settimana. (DAL 13 FEBBRAIO) Anche
se non lo prendi, mi aiuti a spargere la voce? Contattare:
cristina@graphicworld.it - P.S.: *non costano nulla e sono uno più
bello dell'altro!
Ho appena visto su Facebook l'ultima versione dell'appello:

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=266284146839687&set=a.102606803207423.2769.100003743103990&type=1&theater

Dalla foto si direbbe un volantino appeso da qualche parte ripreso con un telefonino.
e ad aprile 2013 l'appello è ancora virale su facebook... da non credere!
...ed é riapparso di nuovo su Facebook nel gennaio 2014 (spero che i "cucciolotti" godano di ottima salute a oramai 13 anni di etá!)
incredibile !!! In questo modo la gente potrebbe non fidarsi quando invece potrebbe essere importante per salvare VERAMENTE degli animali in difficoltà !!!!!!!!!!!
su fb ha ricominciato a circolare grazie alla foto condivisa da questo utente

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=2679343839616&set=a.1854827267217.51162.1736900734&type=1&theater
E' tornata la bufala dei cagnolini, stessa foto, solo che adesso c'è scritto tra parentesi "DAL 13 FEBBRAIO" come data da cui inizieranno a sopprimerli...è incredibile come tante persone caschino in bufale come queste e altre peggio!!!! E se glielo fai notare se la prendono pure oppure le girano prima a me per farmi controllare....ma si può??