skip to main | skip to sidebar
11 commenti

Antibufala: i cadaveri non si decompongono più, è colpa dei conservanti nei cibi!

Questo articolo era stato pubblicato inizialmente su Wired.it, dove non è più disponibile, per cui lo ripubblico qui.

I conservanti che ingeriamo avrebbero un effetto collaterale tanto inaspettato quanto inquietante: impedirebbero la decomposizione dei cadaveri, causando intasamenti nei cimiteri. Almeno così sostengono articoli e post di blogger circolanti in Rete, che citano vari addetti ai lavori a conferma di questa tesi.

Per esempio, Psichesoma.com la attribuisce a un "collega anatomopatologo", rigorosamente anonimo, secondo il quale "i cimiteri dei piccoli comuni da qualche anno stanno avendo problemi di mancanza di loculi" perché "quando riesumano le salme per trasferirle nell'ossario le trovano ancora tutte intere", grazie al fatto che "da una quarantina di anni mangiamo cibi pieni di conservanti e questi rimangono nel nostro corpo e conservano anche noi oltre che i cibi." Brrr.

La storia viene ampiamente ripresa nella blogosfera, per esempio presso Biospazio.it, Express-news.it, Agorà Magazine e in tanti altri siti e blog.

La tesi circola anche all'estero, citando sempre fonti specialistiche ma anonime, come "un amico che aveva un compagno di classe che era il figlio di un impresario di pompe funebri" (blog del professore di psicologia Seth Roberts, ripreso e amplificato dal seguitissimo BoingBoing.net).

Sfogliando i siti che citano questa tesi si nota un elemento ricorrente: quasi tutti hanno propensioni ambientaliste e concludono il proprio racconto con la raccomandazione di tornare a mangiare biologico per scongiurare questa conservazione innaturale.

Il sospetto, insomma, è che la storia venga amplificata e propagata soprattutto perché corrisponde a una specifica visione del mondo e conferma un pregiudizio emotivo classico delle bufale: la paura delle sostanze sconosciute e l'inquietudine per l'uso e l'abuso di conservanti, che in questo caso assumono una connotazione mitica e macabra.

Il messaggio di fondo della storia che viene diffusa è che i conservanti fanno talmente male che causano effetti contro natura persino dopo la morte, quindi sono diabolici. Il preconcetto e il peso emotivo della storia fanno mettere da parte la prudenza e il raziocinio e inducono a disseminare l'allarme senza porsi la domanda fondamentale: è vero?

Tutte le fonti di questa storia citano specialisti, ma non ne fanno i nomi. Non includono riferimenti adarticoli di letteratura medica o a dati statistici sulla conservazione dei cadaveri. In altre parole, la storia non ha alcuna conferma autorevole. Inoltre se ci fosse stata una drastica variazione nella velocità di decomposizione dei corpi la letteratura medica ne dovrebbe parlare, specificamente nel settore della medicina legale. Le mie ricerche negli archivi, tuttavia, non hanno trovato nulla. Anche siti specialistici come Funerali.org non riportano questioni riguardanti i conservanti alimentari.

Inoltre ci sono luoghi, come la Outdoor Research Facility del Forensic Anthropology Center della University of Tennessee, dove dal 1981 gli specialisti imparano il macabro mestiere dell'analisi di cadaveri lavorando direttamente sul campo nel senso più letterale: i corpi di persone che hanno dato apposite disposizioni testamentarie vengono collocati in varie condizioni in un terreno protetto e lasciati a decomporre affinché possano essere studiati da chi fa medicina legale per le forze di polizia e per addestrare i cani poliziotto (pensateci la prossima volta che vi lamentate del vostro lavoro). Non risulta che vi siano problemi di eccessiva o alterata conservazione.

Anche le leggi italiane in materia (per esempio il DPR 285/1990, in particolare all'articolo 82 che definisce i tempi normali di mineralizzazione dei cadaveri, o la circolare 10/98 del Ministero della Sanità) non sembrano indicare problemi di questo genere.

C'è un altro aspetto che suggerisce che si tratti di una leggenda metropolitana: la stessa storia ricorre in varie forme da decenni. Per esempio, il celebre sito antibufala Snopes.com cita la diceria che già durante la guerra del Vietnam (terminata nel 1975) i corpi dei soldati americani si decomponevano più lentamente di quelli vietnamiti a causa dell'abbondanza di conservanti nella dieta americana. E c'è una conferma al contrario: quella del Weekly World News, pubblicazione-cult nel settore delle notizie inventate, che nel numero del 7 maggio 1991 include un articolo (mostrato nell'immagine qui sopra) che parla proprio della dieta-spazzatura americana che mantiene "freschi come fiori" i cadaveri statunitensi, lamentando il conseguente disagio occupazionale degli impresari di pompe funebri, che non vengono più chiamati a imbalsamare i defunti. E se lo dice il Weekly World News, state sicuri che gatta ci cova.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (11)
Ammetto candidamente che io ci ero caduta con tutti e due i piedi e le gambe, almeno fino alla cintola!!!! Ma poi, ragionandoci su, mi ha iniziato a "puzzare", scusate la freddura... Premetto di essere una di quelle fricchettone che si autoproducono molte cose, ma udite udite: anche i fricchettoni usano vari conservanti e trucchi usati anche nelle vituperate aziende!! I conservanti alimentari sono come tutte le altre sostanze: se ne abusi, fanno male. Chissà perché nel medioevo bevevano birra e non acqua... Ribadisco di credere fortemente nell'ideale ambientalista e di salvaguardia del territorio e degli animali, ma purtroppo a volte si scade nella follia del complottismo sfrenato.... E poi il sale non conserva gli alimenti?? E l'acido citrico??? Mi sovviene alla mente una cosa che veniva fatta dagli egizi che si chiama: mummia.... Senza dimenticare la dolcissima Rosalia Lombardo.... Ma che volete, sarò un'infiltrata governativa tra i fricchettoni.... Usiamo solo il nostro discernimento..... E grandissimo Paolo, il tuo blog è mitico!!!!!
Bene, caro pizza friendly, purtroppo faccio il grafico e circa 6 anni fa mi è capitato tra le mani un catalogo per pompe funebri da fare con statue, tondini, fondini e POLVERI PER ACCELERARE LA PUTREFAZIONE, visto che in effetti i conservanti presenti nei cadaveri che prima di essere tali hanno ingollato tali sostanze e ora la inibiscono. Ma tu fai sempre il brillante, dio mio come sei povero e miserabile, te la farei mangiare volentieri una pizza con la polvere corrosiva che serve a sciogliere i cadaveri implementata nel catalogo, non per farti crepare, ma per farti assaggiare nuovi sapori che alla tua boccuccia di gourmet necrofilo e speculatore mancano! Nessun vaffanculo, tanto non serve...
mortalavacca,

complimenti per il tono cordiale e aperto al dialogo.

Dall'alto del tuo sapere, vuoi gentilmente abbassarti, per un nobile istante, a fornire copia di codesto catalogo con acceleranti di putrefazione, oppure noi poveri ottusi (e pure necrofili) che ci basiamo sul metodo scientifico e sulle pubblicazioni degli esperti dobbiamo fidarci del tuo sacro verbo di grafico?

In subordine, e sempre se non è troppo disturbo e non ti offende la richiesta, potresti spiegare perché l'esistenza di un prodotto per accelerare la putrefazione dimostrerebbe che i cadaveri non si decompongono più a causa dei conservanti? A questa mia piccola mente chiusa, infatti, il termine accelerante fa pensare che il prodotto renda più veloce un processo che comunque avverrebbe anche senza alcun additivo. Ma è sicuramente un mio errore.

Perdonami se ho l'ardire di porti domande, ma del resto sono solo un necrofilo povero e miserabile.
Volevo scrivere un commento divertente e scanzonato, per fare da contraltare al becero mortalavacca.

Ma quando le offese sono troppo pesanti si bloccano i meccanismi ridanciani e partono vorticosamente le palle.

Solidarietà a Paolo ed un applauso per lo stile nella risposta.

Per aspera ad bagnacauda semper.
No dai... una vaccata devo scriverla...

"purtroppo faccio il grafico"...

In che senso?
cioè chi beve birra vien buttato fuori anche dal cimitero.
chiedo scusa per la ferocia ero indisposto
purtroppo è stata una pessima giornata, mi scuso ancora
Abbi pazienza, e ricorda:

Quando le robe van male non vuol dire che Dio si è dimenticato di te, quando le robe van lisce Dio si è dimenticato di te.

Quando le robe van male vuol dire che si è ricordato di te ed ha acceso la PSX.
Non dico sia vero a prescindere.Sono dubbiosa su questa cosa e per questo cerco di informarmi. Però anche alle iene ne hanno parlato di questo fatto. Inoltre anche la cugina di mio zio che è biologa, dopo aver seppellito il padre lo ha ritrovato dopo 10 anni intatto.. Io abito a Brescia e la cugina di mio zio dice che il problema sta nella terra di brescia che è inquinata da una fabbrica di vernici che è stata chiusa anni fa perché rilasciava troppo inquinamento nell'ambiente. Tra gli agenti rilasciati cera anche formaldeide
@Marina Piccolo
bisogna vedere se gli effetti sono correlati alle cause. Se fosse davvero dovuto ai conservanti che ci sono nel cibo non ci sarebbe piu' bisogno di usare frigoriferi all'obitorio. Per esempio potrebbe anche essere dovuto alle bare piu' ermetiche oggi rispetto ad una volta...