skip to main | skip to sidebar
42 commenti

Rituali liste di fine anno

Riepilogo del 2010: misteri, flop, boom e truffe


L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Siamo alla fine dell'anno, e come ogni anno c'è l'immancabile rito delle classifiche di fine anno. Ne raccolgo qui alcune delle più interessanti dal punto di vista informatico e... disinformatico.

Query ha una gustosa lista dei presunti misteri, delle truffe e delle bufale nei media nel 2010: gli alberi su Marte, l'alieno catturato in una tagliola in Messico, l'indiano che vive d'aria, la quasi-replica della Sindone, i dubbi sulla morte di Michael Jackson, le mozzarelle blu, il Power Balance, il 2012, Paul il polpo, il limone mutante di Terzigno, lo sbarco alieno annunciato a Poirino e i batteri “alieni” all'arsenico della NASA.

Anche il Sole 24 Ore ha una compilation delle bufale giornalistiche dell'anno: l'annuncio della morte di Lino Banfi a gennaio, l'eruzione di un secondo vulcano in Islanda ad aprile, il ricercatore universitario infettato da un virus informatico (maggio), la cattura del mullah Omar (luglio), la fuga del governatore della banca centrale cinese (agosto), il latte scaduto rivendibile (ottobre), la morte di Lucio Dalla secondo Wikipedia (dicembre), la foto fasulla dell'infiltrato fra gli studenti negli scontri a Roma (dicembre), lo squalo ucciso a testate da un turista (dicembre) e la morte dell'attore Owen Wilson (annunciata ieri e poi smentita).

La top ten delle tendenze tecnologiche secondo CNN: l'iPad e i tablet in generale, il sorpasso di Facebook nei confronti di Google, il boom di Foursquare e del mobile check-in, l'avvento del videogioco senza joystick o quasi (Kinect e Move), la Web TV di Apple e Google, la saga dell'iPhone 4 (trafugato e poi oggetto dell'Antennagate), il sorpasso di Android rispetto all'iPhone e la diffusione degli smartphone, l'avvento delle app, la privacy in Rete (soprattutto su Facebook) e la net neutrality.

Sempre CNN propone i dieci più grandi fallimenti tecnologici dell'anno: l'Antennagate dell'iPhone 4, la TV in 3D, lo smartphone social-musicale Kin di Microsoft (nato e morto in due mesi), la decisione di vendere solo online il Nexus One di Google, la privacy colabrodo di Facebook, Google Buzz (io aggiungerei anche Wave), Gawker violato con fuga di 1,3 milioni di password, le content farm che inquinano la Rete, il rilancio di Digg, Ping di iTunes.

Dai fallimenti ai disastri informatici, secondo Pingdom: il blackout di Wikipedia di marzo, durato varie ore e dovuto al surriscaldamento del datacenter europeo e all'inefficacia del sistema che doveva passare automaticamente al datacenter statunitense; il collasso di Wordpress.com, che a febbraio si trascinò appresso dieci milioni di blog per due ore; i ripetuti collassi di Gmail a febbraio (due ore e mezza, in tutto il mondo), a marzo (fino a 36 ore) e di nuovo a settembre (due ore); il “dirottamento” cinese – intenzionale o meno – del 15% di tutto il traffico Internet mondiale per una ventina di minuti, ad aprile; i ripetuti blackout di Twitter durante i mondiali di calcio a giugno; il sovraccarico di Facebook che a settembre obbligò a disattivare completamente il sito per due ore e mezza (con replica ridotta a dicembre) a causa di un aggiornamento maldestro; le undici ore di oscuramento di Foursquare a ottobre, seguite da altre sei il giorno successivo; le quattro ore e mezza di blocco di Paypal a ottobre; le 24 ore di blackout di Tumblr ai primi di dicembre, con 11 milioni di blog forzati offline; Youtube bucato a luglio e Twitter “hackerato” a settembre; il KO di Skype di dicembre; e naturalmente l'incidente informatico dell'anno, ossia la fuga e graduale pubblicazione di 250.000 documenti diplomatici riservati statunitensi ad opera di Wikileaks, con il suo strascico di attacchi denial of service contro Mastercard, Paypal, Visa, Amazon e altri siti che avevano interrotto il loro supporto a Wikileaks.

Sul fronte della sicurezza informatica vale la pena di ricordare che il 2010 ha visto la raccolta di dati personali via Wifi da parte delle auto di Google, la divulgazione dell'attacco informatico a Google da parte di aggressori informatici cinesi, il primo uso ragionevolmente documentato di un virus informatico come arma antinucleare (Stuxnet), le ripetute vulnerabilità dei prodotti Adobe Acrobat, Reader e Flash, le truffe tramite iTunes, quelle ispirate ai mondiali di calcio, la falla della AT&T che ha permesso di divulgare gli indirizzi di mail di oltre 100.000 utenti di iPad, le fotocamere e i caricabatteria portatori di virus, il likejacking su Facebook, il tabnabbing, il cracking a distanza delle automobili, qualche trojan anche per il Mac, 50 milioni di utenti infettati da Bredolab e 12 milioni colpiti da Mariposa, i PDF infettanti, gli scanner aeroportuali che denudano ma lasciano passare armi ed esplosivi.

Altro genere di disastro: quello grafico o fotografico. La carrellata di immagini taroccate pubblicate dai media nel 2010 di Photoshop Disasters è davvero notevole, soprattutto per il ripetuto insulto all'intelligenza dello spettatore: il presidente Mubarak spostato maldestramente per metterlo davanti agli altri leader in visita alla Casa Bianca; Whitney Houston che mangia e beve a crepapelle addirittura con tre mani; il “lorem ipsum” provvisorio che finisce nel cartellone pubblicitario definitivo (e non è il solo); le modelle assurdamente disarticolate di Victoria's Secret e Shiseido; la concorrente gigante di X-Factor inglese; e il chitarrista polacco con sei dita.

Google ha un elenco dei video più visti su Youtube e due dati impressionanti: 700 miliardi di video visti complessivamente nell'anno e 13 milioni di ore di video caricate dagli utenti. Se si considera la classifica che esclude gli artisti musicali delle case discografiche principali, al primo posto, con oltre 58 milioni di visualizzazioni, c'è la Bed Intruder Song: un surreale spezzone di telegiornale americano rimontato e rielaborato per farlo diventare un video musicale grazie ai miracoli dell'Autotune (l'originale è qui); ora è in classifica su iTunes per beneficenza. Notevoli anche il video di This Too Shall Pass degli OK Go e la parodia di Kesha. Passando ai video musicali delle major, Justin Bieber stravince con oltre 423 milioni di visualizzazioni della sua Baby, seguito da Shakira con Waka Waka e da due brani di Eminem (Love the Way You Lie e Not Afraid). Bieber occupa ben quattro posizioni su dieci; una spetta a Rihanna con Rude Boy e due vanno a Lady Gaga con Alejandro e Telephone.

Non può mancare al riepilogo anche lo Zeitgeist di Google (in italiano qui), ben riassunto in questo video: e c'è anche uno Zeitgeist per i video di Youtube.

Sempre in tema audiovisivo, Torrentfreak.com ha pubblicato un elenco che non mancherà di far discutere sul tema della pirateria musicale e cinematografica, perché documenta un fenomeno molto interessante: i film che hanno avuto i maggiori incassi hanno ottenuto questo risultato nonostante siano stati i più piratati. Al primo posto c'è Avatar (quasi 3 miliardi di dollari d'incassi in tutto il mondo nonostante 16 milioni di scaricamenti), seguito da Kick-Ass (96 milioni di dollari e 11 milioni di download) e Inception (825 milioni di dollari con quasi 10 milioni di scaricamenti).

E con questo, per i prossimi dodici mesi, chiudo questo elenco degli elenchi che ci permette di guardarci indietro ancora un istante prima di lanciarci verso le novità del 2011. Buon anno!
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (42)
Il Nexus One di Google tra i fallimenti addirittura?

Secondo me il fallimento non sta nel telefono (che è un ottimo prodotto tecnologico) quanto nella modalità di vendita: in America è stato venduto solo online, in Italia non è stato pubblicizzato, ... Mi sembra più un fallimento della strategia di marketing che del telefono!
Magaolimpia,

ci hai azzeccato: CNN infatti criticava la modalità di vendita, non il telefono in sé. Ho aggiornato per chiarire, grazie!
CNN si e' gia' dimenticata di Google Wave: FAIL al quadrato.
CNN si e' gia' dimenticata di Google Wave: FAIL al quadrato.

Infatti ho colto il tuo suggerimento offline di includerlo nella lista.
La Bed Intruder song è in cima alla mia top ten da qualche mese. Antoine Dodson poverino è stato preso in un momento di ipereccitazione, nelle interviste successive è apparso molto più timido e riservato.
Interessante post. Senza dubbio la cifra di 700 miliardi fa impressione.
Buon anno
Paolo hai letto l'articolo sull'ultimo "Panorama" in cui si parla dei vari problemi di salute (depressioni, rotture ossee, delìri ecc ecc) che gli astronauti lamentano una volta tornati a casa?
"il sorpasso di Facebook nei confronti di Google"

Dio non voglia o_O

Certo che un chitarrista con sei dita potrebbe fare cose fenomenali! :D

Buon anno a te, alla tua famiglia e a tutti i lettori e i commentatori del blog! :)
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
La quasi-replica della Sindone nell'elenco delle bufale e truffe?
Ih ih ih... lapsus freudiano, eh?

Buon 2011 a todos
Vedo che nei commenti di Query hanno avanzato dubbi sull'ultimo 6 al SuperEnalotto. Da ricevitore Sisal (hovistocosechevoi...) ho dato la mia spiegazione del "fenomeno". Commento al momento in moderazione.
Questo è il realtà il miglior post del 2010. C'è da passarci un piacevole 2011 tra link e rimandi vari!
Il dato più impressionante sono tutte quelle visualizzazioni per Justin Biber(on). Se questo essere è il futuro della musica, mi taglio le vene.... :)
Per Nicola

Il dato più impressionante sono tutte quelle visualizzazioni per Justin Biber(on). Se questo essere è il futuro della musica, mi taglio le vene.... :)

Ho abbastanza primavere per aver assistito al fenomeno Nikka Costa e a Luis Miguel da illustre sconosciuto a secondo posto al festival di Sanremo. Quanto si vedono (e si sentono) ora Nikka Costa e Luis Miguel in Italia? Ecco.
Ciao Paolo, sono stato contattato dallo spirito di Bertrand Russel, dice che non sarà soddisfatto finché non compilerai la lista delle liste di fine anno che non sono contenute in nessuna lista.

:-)

Buon capodanno geek a tutti!
Ih ih ih... lapsus freudiano, eh?

Non proprio. Gli amici di Query (Cicap) l'hanno inclusa nell'elenco dei loro "mysteri" preferiti ("I 12 misteri più curiosi e più improbabili che ci hanno tenuto compagnia nel 2010"). Io la includo fra i presunti misteri, come del resto ho scritto :-)
Paolo hai letto l'articolo sull'ultimo "Panorama" in cui si parla dei vari problemi di salute (depressioni, rotture ossee, delìri ecc ecc) che gli astronauti lamentano una volta tornati a casa?

No. Scan? Link? Grazie!
Volevo fare un augurio speciale, scrivendo Buon Anno a tutti in tutte le lingue del mondo e lo farò:

Buon Anno a tutti in tutte le lingue del mondo!
Visto il commento precedente al mio e considerato il suo autore, non può che venirmi in mente questo :D
Paolo l'articolo è anche qui:

http://tinyurl.com/3xdtrgn

Se ti serve la versione cartacea, dimmelo e provvedo a scannerizzartelo.
Se ti serve la versione cartacea, dimmelo e provvedo a scannerizzartelo.

Grazie Scraccino, è sufficiente. Molto interessante, anche se in gran parte già noto.
Il link "alieno catturato in una tagliola" è sbagliato e manda a "indiano che vive d'aria".
Buon Fine e Buon Inizio a tutti
Apagacoca,

grazie, ho corretto.
Ah ah, io questi 2 tizi non li ho mai sentiti.
Allora in questo mondo c'è ancora un barlume di speranza di "giustizia sociale" :D

BUON 2011 A TUTTI!!! :)
Mi chiedevo se Kick-Ass (penultimo paragrafo) non avesse incassato 960 milioni di dollari...

Buon frate indovino a tutti
l'hanno inclusa nell'elenco dei loro "mysteri" preferiti ("I 12 misteri più curiosi e più improbabili che ci hanno tenuto compagnia nel 2010")

Però se Garlaschelli l'ha fatta in laboratorio di misterioso non dovrebbe esserci nulla.

Ma non stiamo qui a spaccare il capello in quattro proprio il primo dell'anno, e brindiamo in amicizia al 2011, che ci porti tante belle foto di gatti sul Disinformatico.
Non brindate alla pace e alla concordia, però, che porta all'effetto contrario: l'abbiamo fatto ieri sera e proprio adesso ho letto che ne hanno fatti fuori altri 21
:-(
Siamo rapidamente passati dalle liste di fine 2010 alle liste per commemorare i 150 anni dell'Italia unita. Chissà quante ce ne dovremo sciroppare nel 2011, e quanti errori!
Inizia L'espresso:
http://tinyurl.com/2d27ust
«Abbiamo giocato con un elenco di 'cose italiane', pescando nella storia industriale, culturale, sportiva e popolare del nostro Paese. Una sorta di inventario con cui raccontare l'Italia attraverso i suoi oggetti».

Già la scelta di parlare solo di oggetti dalla radio in poi, tagliando tutta la storia dal 1861 al 1898, è indicativa della sciatteria generale. Certo, compaiono anche la pasta e la pizza: ma con l'Italia unita non c'entrano proprio nulla, esattamente come il presepe e il melodramma.

Piuttosto discutibile la scelta di includere la Fiat Nuova 500 (1957-1975), quando la vera protagonista del boom economico e della motorizzazione di massa in Italia fu la sua sorella maggiore, la Fiat 600 (1955-1969), mentre l'auto italiana più venduta di tutti i tempi dovrebbe essere stata la Fiat Uno (si parla di 6 milioni di esemplari prodotti in Italia, e altri 2 milioni nel resto del mondo). Non era più logico mettere la Fiat come marchio, e basta?

Incomprensibile il dado per brodo Liebig, inventato in Germania. Peggio che andar di notte: dei due manifesti d'epoca che pubblicizzano il prodotto, uno è francese...

Va meglio col fumetto Diabolik, anche se il fumetto italiano più longevo (e credo più tradotto all'estero) e pubblicato ininterrottamente, è Tex Willer (dal 1948). Il primo personaggio dei fumetti di una certa durata creato in Italia è stato Bil Bol Bul.

La Dolce Euchessina, l'Invernizzina e la pallina Zigulì indicano che l'anonimo estensore dell'articolo è un appassionato di pubblicità fra gli anni Sessanta e Ottanta, più che un esperto di prodotti industriali degli ultimi 150 anni.

Arriviamo alle bufale:

1) L'Olivetti Lettera 22: nulla da eccepire, una grande macchina da scrivere che ho usato personalmente. La foto che accompagna l'articolo è però un'Olivetti MP1,
http://tinyurl.com/26fku5y
un modello molto più antico. E non è vero, come scrive l'anonimo estensore, che l'unica lettera accentata era la è: c'erano la à, la é, la ì e la ù.

2) Passando alla tv, le imprecisioni nella cronologia si sprecano. Una fra tutte: "Rai Tre iniziò agli inizi del 1980". Per la precisione all'epoca si chiamava Rete Tre, comunque le trasmissioni ufficiali iniziarono il 15 dicembre 1979. Altro esempio di date in libertà: «[Quarantaquattro gatti] fu cantata direttamente nel 2007 per il cinquantenario dello Zecchino d'oro, dallo storico presentatore Cino Tortorella»; tre righe più sotto è riportata la prima edizione, anno 1959. Un cinquantenario di 48 anni...

3) Il massimo arriva con la Nutella: "Nel giugno 2010 il parlamento europeo ha messo al bando la Nutella, come alimento contenente molti grassi, ma i produttori e le autorità italiane si sono ribellate a questo provvedimento, difendendo la Nutella come alimento sano e nazionale". A parte la povera lingua italiana (produttori e autorità si accordano al maschile plurale), la notizia è una bufala creata dalla Ferrero. Si può leggere un resoconto qui:
http://tinyurl.com/27sllq6
e qui:
http://tinyurl.com/29vujd7
e qui:
http://tinyurl.com/2fw8kbn

Peccato che Repubblica e L'espresso non esistano da 150 anni: sarebbe molto più divertente una rassegna dei loro spropositi storici. Una continuità da Guinness dei primati.
Scusa Paolo, la concorrente gigante di X-Factor non è un photoshop-disaster perché l'originale dice chiaramente "Artist's impression":

http://tinyurl.com/327pyh4

Ovviamente l'errore è di psdisasters e non tuo.
Il primo personaggio dei fumetti di una certa durata creato in Italia è stato Bil Bol Bul.

Più del signor Bonaventura?
Dai fallimenti ai disastri informatici, secondo Pingdom: il blackout di Wikipedia di marzo, durato varie ore e dovuto al surriscaldamento del datacenter europeo e all'inefficacia del sistema che doveva passare automaticamente al datacenter statunitense

Qui il disastro è che poi ha ricominciato a funzionare... :-(
Già la scelta di parlare solo di oggetti dalla radio in poi, tagliando tutta la storia dal 1861 al 1898, è indicativa della sciatteria generale.

Purtroppo è una "caratteristica" molto comune negli articoli "storici", ovvero quello di tagliare via una bella fetta, ovviamente quella più datata. Basti vedere, per esempio, gli articoli sulla storia dei club di calcio, in cui lo spazio dedicato dalla fondazione agli anni '90 è lo sempre più spesso lo stesso dedicato dagli anni '90 ai giorni nostri.
Ho letto l'articolo sul polpo Paul, e mi pare che l'analisi del CICAP sia un po' zoppicante nel voler cercare di trovare una spiegazione scientifica a quello che si può riassumere semplicemente in un semplice caso di fortuna.
Fra l'altro si imputano al polipo, che si limitava a scegliere fra due vaschette dove andare a pappare, pure gli errori degli umani, come se effettivamente avesse pronosticato non solo l'esito ma pure l'andamento delle gare. Fra l'altro le previsioni ai Mondiali furono 8, tutte azzeccate, e pure nelle gare dei gironi, dove si poteva pure pareggiare.
Per Rado il Figo

Il primo personaggio dei fumetti di una certa durata creato in Italia è stato Bil Bol Bul.

Più del signor Bonaventura?


È più antico, ma è durato di meno. La prima avventura di Bilbolbul di Attilio Mussino è del 1908, il signor Bonaventura è dell'ottobre 1917. Ecco un esempio del primo (clicca per ingrandire):

http://tinyurl.com/2u7vdry

Posso capire perché a un certo punto Attilio Mussino gettò la spugna: il fumetto era interamente basato sulla rivitalizzazione di metafore sopite e sui modi di dire presi alla lettera; sono numerosi, certamente, ma non sono infiniti.

il blackout di Wikipedia di marzo, durato varie ore e dovuto al surriscaldamento del datacenter europeo e all'inefficacia del sistema che doveva passare automaticamente al datacenter statunitense

Qui il disastro è che poi ha ricominciato a funzionare... :-(


Eh sì: parafrasando il Macheath di Bertolt Brecht, cos'è mai il blackout di wikipedia in confronto alla sua creazione?
la concorrente gigante di X-Factor non è un photoshop-disaster perché l'originale dice chiaramente "Artist's impression":

Mi pare una foglia di fico e anche piuttosto misera :-)

Che ci voleva a mettere in scala la testa?
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
non so se sia la gente che diventa ogni giorno più credulona e facile da abbindolare o se semplicemente internet ha permesso la più rapida diffusione di queste bufale. Certo è drammatico vedere come gli utenti di internet prendano per oro colato ogni notizia che arriva dai siti più improponibili. Stupidità generalizzata o semplice ingenuità ?
Accademia: guarda che conosco benissimo BilBolBul, il "negretto dai mille colori", anche se in realtà le sue avventure spaziavano sui vari modi di dire. Potrei citarti anche Quadratino, se è per questo. Volevo dire che fra i personaggi antichi dei fumetti italiani, mi pareva a naso fosse stato più longevo Bonaventura che non BilBolBul, per quanto "nato" dopo.

Eh sì: parafrasando il Macheath di Bertolt Brecht, cos'è mai il blackout di wikipedia in confronto alla sua creazione?
D'accordo, ma stavamo parlando dei disastri informatici del 2010. ;-)
Paolo,

Che ci voleva a mettere in scala la testa?

Questo è indubbio. Dipende se consideriamo un psdisaster anche un brutto fotomontaggio dichiarato come tale. Io pensavo di no, che i psdisasters fossero solo quelli in cui tentano di spacciare come vera un'immagine del tutto sproporzionata.

Per questo mi sembra che la segnalazione di psdisaster sia un po' pretestuosa.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Per Rado il Figo

Volevo dire che fra i personaggi antichi dei fumetti italiani, mi pareva a naso fosse stato più longevo Bonaventura che non BilBolBul, per quanto "nato" dopo.

Più longevo senz'altro. BilBolBul, se ben ricordo, terminò con la prima guerra mondiale.
È difficile calcolare la longevità del signor Bonaventura, perché la sua pubblicazione fu interrotta e ripresa più di una volta. Per questo si tende a dire che il fumetto più longevo ininterrottamente pubblicato è Tex Willer. È troppo facile mettere nel paniere anche la vita di fumetti "resuscitati". :-)
Ciao Paolo, io volevo esprimerti un microscopico dubbio sulla foto del chitarrista a sei dita: e se fosse voluto? Insomma, non potrebbe essere una sorta di foto ironica, una roba del tipo "spartiti per chitarra mostruosamente difficili"? Oppure "con questo corso diventerai così bravo che la gente penserà che hai sei dita".
Non so, a me - per un attimo - questo pensiero è passato per la testa. Poi magari mi sbaglio